Bulgaria – Ritenuta alla fonte

In Bulgaria il regime di ritenuta d’acconto è regolato dagli articoli 194-203 della legge sull’imposta sul reddito delle società.

Ambito di tassazione

La ritenuta d’acconto è riscossa su:

1. Eventuali dividendi e azioni in un’eccedenza di liquidazione, come distribuiti (ripartiti) da qualsiasi persona giuridica residente a favore di:

  • tutte le persone giuridiche non residenti, ad eccezione dei casi in cui i dividendi spettano a una persona giuridica non residente attraverso una stabile organizzazione nel paese;
  • tutte le persone giuridiche residenti che non sono commercianti, compresi i comuni.

Il seguente reddito che ha la sua fonte all’interno del paese, che grava su qualsiasi persona giuridica non residente, se non matura attraverso una stabile organizzazione:

  • qualsiasi reddito derivante da transazioni in attività finanziarie e da attività finanziarie emesse da persone giuridiche residenti, dallo Stato bulgaro e dai comuni;
  • eventuali pagamenti di interessi, compresi gli interessi relativi ai pagamenti nell’ambito di un contratto di leasing finanziario;
  • qualsiasi reddito derivante dall’affitto o da altra disposizione per l’uso di beni mobili;
  • eventuali diritti d’autore e diritti d’autore;
  • eventuali spese di assistenza tecnica;
  • eventuali pagamenti ricevuti in base ad accordi di franchising e contratti di factoring;
  • eventuali compensazioni per la gestione o il controllo di una persona giuridica bulgara;
  • qualsiasi reddito derivante dall’agricoltura, dalla silvicoltura, dalla gestione del territorio di caccia e dalla pesca all’interno del territorio del paese deve avere la sua fonte all’interno del paese;
  • eventuali introiti derivanti da affitti o altre prestazioni per l’utilizzo di beni immobili, situati nel paese;
  • qualsiasi reddito da alienazione di beni immobili, situato nel paese;
  • sanzioni e indennizzi di qualsiasi tipo, esclusi i benefici derivanti da polizze assicurative, addebitati da persone giuridiche residenti, commercianti individuali residenti o persone giuridiche non residenti e commercianti individuali attraverso una stabile organizzazione o una base fissa nel paese a favore di persone giuridiche non residenti stabilito nelle giurisdizioni di trattamento fiscale preferenziale è il reddito che ha la sua fonte all’interno del paese.

esenzioni

La ritenuta alla fonte non viene applicata su:

  • i dividendi e le azioni in eccesso di liquidazione sono distribuiti a favore di:
  • qualsiasi persona giuridica residente che partecipa al capitale della società come rappresentante dello Stato;
  • qualsiasi fondo comune;
  • qualsiasi persona giuridica non residente che sia residente a fini fiscali in uno Stato membro dell’Unione europea o in un altro Stato che è parte contraente dell’accordo sullo Spazio economico europeo, ad eccezione dei casi di distribuzione di profitti nascosti.
  • qualsiasi reddito derivante da pagamenti di interessi su obbligazioni o altri strumenti di debito emessi da una persona giuridica residente e ammessi alla negoziazione in un mercato regolamentato nel paese o in uno Stato membro dell’Unione europea, o in un altro Stato che è parte contraente dell’accordo sullo Spazio economico europeo;
  • qualsiasi reddito derivante da pagamenti di interessi su un prestito concesso da una persona non residente che è un emittente di obbligazioni o altri titoli di debito, nel caso in cui siano soddisfatte contemporaneamente le seguenti condizioni:
  • l’emittente è residente ai fini fiscali in uno Stato membro dell’Unione europea o in un altro Stato che è parte contraente dell’accordo sullo Spazio economico europeo;
  • l’emittente ha emesso obbligazioni o altri titoli di debito allo scopo di prestare il ricavato da una persona giuridica residente;
  • le obbligazioni o gli altri titoli di debito sono stati ammessi alla negoziazione in un paese regolamentato del paese o in uno Stato membro dell’Unione europea, o in un altro Stato che è parte contraente dell’accordo sullo Spazio economico europeo.
  • qualsiasi reddito derivante dalla cessione di strumenti finanziari ai sensi del punto 1 dell’articolo 1 delle Disposizioni complementari del CITL non deve attrarre un’imposta trattenuta alla fonte.

Trattati internazionali

Ai sensi dell’articolo 13 del CITL, in cui una convenzione per evitare la doppia imposizione (CADT) che è stata ratificata dalla Repubblica di Bulgaria, è stata promulgata ed è entrata in vigore, contiene disposizioni diverse dalle disposizioni del CITL, le disposizioni delle convenzioni rilevanti prevarranno. Dopo la certificazione secondo le procedure stabilite nel Codice di procedura fiscale e di sicurezza sociale (TSSPC) da parte delle persone non residenti dei motivi di applicazione dei CADT, possono essere applicate le disposizioni dei CADT per la tassazione, tra cui aliquote fiscali o esenzioni più basse.

Importo tassabile

1. La base imponibile per la determinazione dell’imposta trattenuta alla fonte su qualsiasi reddito derivante da dividendi è l’importo lordo dei dividendi distribuiti.

2. La base imponibile per la riscossione dell’imposta prelevata alla fonte su qualsiasi reddito derivante da azioni in un’eccedenza di liquidazione corrisponde alla differenza tra il prezzo di mercato del credito dell’azionista o membro in questione e il costo documentato dell’acquisizione delle azioni o loro interessi.

3. La base imponibile per la riscossione dell’imposta prelevata alla fonte su qualsiasi reddito maturato da persone giuridiche non residenti a titolo di interessi a titolo di contratti di locazione finanziaria, nei casi in cui il contratto non stipula l’aliquota di detto interesse, è determinato sulla base del tasso di interesse di mercato.

4. La base imponibile per la determinazione della ritenuta alla fonte su qualsiasi reddito maturato da persone giuridiche non residenti da atti di disposizione di attività finanziarie è la differenza positiva tra il prezzo di vendita di tali attività e il costo di acquisizione documentato della stessa.

5. La base imponibile per la riscossione dell’imposta prelevata alla fonte su qualsiasi reddito percepito da una persona giuridica non residente dalla cessione di un bene immobile è la differenza positiva tra il prezzo di vendita e il costo documentato dell’acquisizione dell’immobile.

6. Per tutti gli altri casi, la base imponibile per la riscossione dell’imposta trattenuta alla fonte sul reddito è l’importo lordo di detto reddito.

Tasso di imposta

1. L’aliquota d’imposta sul reddito di cui all’articolo 194 del CITL (dividendi e azioni di liquidazione) è pari al 5%.

2. L’aliquota dell’imposta sul reddito da pagamenti di interessi, diritti d’autore e canoni di licenza è del 5% se sono soddisfatte contemporaneamente le seguenti condizioni:

  • il beneficiario effettivo delle entrate è una persona giuridica non residente di uno Stato membro dell’Unione europea, o una stabile organizzazione in uno Stato membro dell’Unione europea di una persona giuridica non residente di uno Stato membro dell’Unione europea;
  • la persona giuridica residente che è il pagatore del reddito, o la persona della quale la stabile organizzazione nella Repubblica di Bulgaria è il pagatore del reddito, è una persona associata della persona giuridica non residente che è il beneficiario effettivo del reddito o della persona di cui la stabile organizzazione è il beneficiario effettivo del reddito.

3. L’aliquota d’imposta sul reddito di cui all’articolo 195 del CITL è del 10%.

Dichiarare la tassa

Le persone, che o che sono obbligate a trattenere o rimettere l’imposta alla fonte ai sensi degli articoli 194 e 195 del CITL, dichiarano l’imposta dovuta per il trimestre in una dichiarazione secondo il modello standard entro la fine del mese successivo a quello successivo. La dichiarazione deve essere presentata all’amministrazione territoriale dell’Agenzia nazionale delle entrate che esercita la competenza sul luogo di registrazione o sul luogo in cui il pagatore del reddito è registrabile.

Nei casi in cui il pagatore del reddito è una persona che o che non è obbligata a trattenere e rimettere una tassa, la dichiarazione deve essere presentata dal destinatario del reddito.

Un certificato sulla tassa rimessa secondo la procedura stabilita dalla presente legge sul reddito derivante da persone giuridiche non residenti deve essere rilasciato in forma standard su richiesta dell’interessato. Qualsiasi certificato di questo tipo sarà rilasciato dalla direzione territoriale dell’Agenzia delle Entrate Nazionale dove la dichiarazione per le imposte trattenute e rimesse è presentata o è soggetta a presentazione.

Le persone che o che sono obbligate a trattenere e rimettere l’imposta alla fonte ai sensi dell’articolo 195 nel presente documento o i destinatari delle entrate nei casi di cui all’articolo 201, paragrafo 3, forniscono informazioni sul reddito di cui ai punti 2 e 6 dell’articolo 143h del codice di procedura fiscale e di assicurazione sociale ai fini dello scambio automatico. Tali informazioni devono essere fornite una volta all’anno dalla dichiarazione presentata per il quarto trimestre dell’anno in questione. Anche le persone giuridiche non residenti che realizzano le entrate di cui all’articolo 2, paragrafo 2, dell’articolo 143 nonies, del codice di procedura fiscale e di assicurazione sociale attraverso una stabile organizzazione nella Repubblica di Bulgaria applicano questa procedura.

Rimessa Fiscale

Ogni debitore di reddito che trattiene l’imposta alla fonte ai sensi dell’articolo 194 del presente documento è tenuto a versare le imposte dovute entro e non oltre la fine del mese successivo al trimestre in cui è stata presa una decisione sulla distribuzione di dividendi o azioni in un’eccedenza di liquidazione .

Qualsiasi debitore di reddito che trattiene l’imposta alla fonte ai sensi dell’articolo 195 del presente documento è tenuto a versare le imposte dovute entro e non oltre la fine del mese successivo al successivo periodo di imputazione delle entrate.

L’imposta dovuta sarà versata all’amministrazione territoriale dell’Agenzia nazionale delle entrate che esercita la competenza sul luogo di registrazione o sul luogo in cui il pagatore del reddito è registrabile. Nel caso in cui il pagatore delle entrate non sia registrabile, l’imposta è trasferita alla Direzione territoriale di Sofia dell’Agenzia delle entrate nazionale.

Nel caso in cui l’imposta non sia stata trattenuta e sia stata rimessa secondo la procedura pertinente, detta imposta è dovuta solidalmente alle persone che sostengono la responsabilità fiscale per il reddito in questione.

Ricalcolo della ritenuta d’acconto

Qualsiasi persona giuridica non residente, che sia una persona residente ai fini fiscali di uno Stato membro dell’Unione europea o di un altro Stato che è parte contraente dell’accordo sullo Spazio economico europeo, ha il diritto di optare per un ricalcolo dell’imposta prelevata alla fonte sulle entrate ai sensi dell’articolo 12, paragrafi 2, 3, 5 e 8 della presente decisione. Se la persona non residente opta per il ricalcolo dell’imposta trattenuta alla fonte, tale ricalcolo è effettuato per tutti i redditi realizzati ai sensi dell’articolo 12, paragrafi 2, 3, 5 e 8, nel presente l’anno.

Quando il soggetto non residente opta per il ricalcolo dell’imposta prelevata alla fonte sui redditi realizzati, l’imposta così come ricalcolata sarà pari all’imposta sulle società che sarebbe dovuta essere dovuta a tali redditi se fossero stati realizzati da una persona giuridica residente . Se la persona non residente ha effettuato spese associate ai redditi di cui alla prima frase, in cui sarebbe dovuta una tassa sulle spese se tali spese sono state effettuate da una persona giuridica residente, la suddetta tassa sarà aggiunta alla somma totale della tassa come ricalcolato.

Se l’imposta prelevata alla fonte come rimessa su un reddito di cui all’articolo 195, paragrafo 1, supera l’importo della tassa come ricalcolato, la differenza è rimborsabile fino all’importo della ritenuta alla fonte su qualsiasi reddito di cui al Articolo 195, paragrafo 1, che la persona non residente non può detrarre dall’imposta dovuta nello Stato in cui la persona è residente.

L’opzione di ricalcolare l’imposta trattenuta alla fonte sarà esercitata mediante la presentazione di una dichiarazione dei redditi annuale compilata in un modulo standard. La dichiarazione dei redditi deve essere presentata dalla persona non residente alla Direzione territoriale di Sofia dell’Agenzia delle entrate nazionale entro il 31 dicembre dell’anno successivo a quello in cui sono stati imputati i redditi.

Il rimborso dell’imposta sarà effettuato secondo la procedura stabilita dal Codice di procedura fiscale e di sicurezza sociale dalla Direzione territoriale di Sofia dell’Agenzia delle entrate nazionale.

Il ricalcolo della ritenuta alla fonte non si applica se la persona non residente è residente ai fini fiscali di uno Stato che è parte contraente dell’accordo sullo Spazio economico europeo ma che non è uno Stato membro dell’Unione europea, con il quale la Repubblica di Bulgaria:

1. non ha una convenzione efficace per evitare la doppia imposizione, o

2. ha una convenzione efficace per evitare la doppia imposizione che non prevede:

a) scambio di informazioni, o

(b) cooperazione nella riscossione delle imposte.

Le eccezioni di cui al punto 1 riguardano due Stati – Islanda e Lichtenstein e meno di 2 – Norvegia con cui la Repubblica di Bulgaria ha una convenzione efficace per evitare la doppia imposizione che prevede lo scambio di informazioni, ma non per la cooperazione nella riscossione delle imposte.

sanzioni

Conformemente all’articolo 9 della legge sull’imposta sul reddito delle società, gli interessi in base agli interessi su tasse, commissioni e altre leggi sui crediti statali sono dovuti su tutte le tasse che non sono state rimesse quando dovute.

Ai sensi dell’articolo 175, paragrafo 2, il punto 3 degli interessi TSSPC è dovuto anche a tutte le obbligazioni di una persona non residente per le ritenute alla fonte alla fonte: dalla data di scadenza del termine per la rimessa di dette imposte in base alla legislazione bulgara fino al giorno in cui la persona non residente dimostra l’esistenza di un motivo per l’applicazione di un CADT in relazione al quale la Repubblica di Bulgaria è parte, anche nei casi in cui l’imposta non è dovuta o dovuta a un importo inferiore secondo alla convenzione.

Conformemente alle disposizioni dell’articolo 261 della legge sull’imposta sul reddito delle società, qualsiasi soggetto passivo che non presenta una dichiarazione dei redditi ai sensi della presente legge, che non è in grado di presentare tale dichiarazione quando dovuta, o che omette di indicare o fornire informazioni errate o particolari le circostanze che portano alla sottovalutazione dell’imposta dovuta oa un’indebita riduzione, trattenuta o esenzione dalle imposte, sono soggette a una sanzione pecuniaria che varia tra BGN 500 e BGN 3.000. Ogni ripetuta violazione sarà punibile con una sanzione pecuniaria che varia tra BGN 1.000 e BGN 6.000.

Conformemente alle disposizioni dell’articolo 278 della legge sull’imposta sul reddito delle società, le dichiarazioni scritte che accertano le violazioni devono essere redatte dalle autorità dell’Agenzia nazionale delle entrate e i decreti penali devono essere emessi dal direttore esecutivo dell’Agenzia delle entrate nazionale. o da un funzionario autorizzato in tal modo. L’accertamento di violazioni, l’emissione, il ricorso e l’esecuzione dei decreti penali seguono la procedura stabilita dalla legge sulle violazioni amministrative e le sanzioni.

Per ulteriori informazioni: http://www.nap.bg/

No TweetBacks yet. (Be the first to Tweet this post)