Archivi categoria: Bulgaria – Diritto Commerciale, Tributario, Doganale

Bulgaria – Escusi dalla tassazione sul reddito delle persone giuridiche i proventi derivanti dalla negoziazione di strumenti finanziari sui mercati regolamentati dell’Unione Europea (UE)

Bulgaria – Escusi dalla tassazione sul reddito delle persone giuridiche i proventi derivanti dalla negoziazione di strumenti finanziari sui mercati regolamentati dell’Unione Europea (UE)

La vendita di attività finanziarie è un’attività che partecipa in generale alla determinazione del risultato finanziario contabile e fiscale ai sensi della  Legge sull’imposta sul reddito delle società -Закон за Корпоративното Подоходно Облагане (ЗКПО).

La legge contiene norme speciali (artt. 44 e 196 della  Legge sull’imposta sul reddito delle società -Закон за Корпоративното Подоходно Облагане (ЗКПО)) in materia di attività finanziarie negoziate su un mercato regolamentato in Bulgaria o in un altro paese dell’Unione Europea o parte dell’Accordo sullo Spazio economico europeo. In generale, si segnala che né gli utili né le perdite derivanti da tali operazioni concorrono alla determinazione del risultato finanziario fiscale della società, rispettivamente non incidono sull’importo dell’imposta sulle società dovuta.

Con una modifica al Legge sull’imposta sul reddito delle società -Закон за Корпоративното Подоходно Облагане (ЗКПО) (in vigore dal 01.01.2021), tale regime si applica anche alle operazioni su azioni eseguite sui mercati di strumenti finanziari in Australia, Hong Kong e USA. Nella misura in cui queste regole trovano applicazione nella formazione dell’utile ai sensi della Legge sull’imposta sul reddito delle società -Закон за Корпоративното Подоходно Облагане (ЗКПО), sono applicabili sia alle attività svolte dalle società sia ai soggetti soggetti alla procedura di tassazione delle ditte individuali, indipendentemente dal fatto che siano registrati come tali.

Secondo la definizione data al §1, punto 21, lettera “a” delle Disposizioni Aggiuntive della Legge sull’imposta sul reddito delle società -Закон за Корпоративното Подоходно Облагане (ЗКПО) nel termine “Cessione di strumenti finanziari” ai fini dell’art. 44 e artt. 196 comprendono le operazioni con quote e azioni di OICR e di fondi comuni di investimento nazionali, azioni, diritti e titoli di Stato, effettuate in un mercato regolamentato ai sensi dell’art. 152, cpv. 1 e 2 della della legge sui mercati degli strumenti finanziari – ЗАКОН ЗА ПАЗАРИТЕ НА ФИНАНСОВИ ИНСТРУМЕНТИ.

 

Bulgaria – Escusi dalla tassazione sul reddito delle persone fisiche i proventi derivanti dalla negoziazione di strumenti finanziari sui mercati regolamentati dell’Unione Europea (UE)

Bulgaria – Escusi dalla tassazione sul reddito delle persone fisiche i proventi derivanti dalla negoziazione di strumenti finanziari sui mercati regolamentati dell’Unione Europea (UE)

In Bulgaria al fine di stimolare gli investimenti nei mercati dei capitali, la legge sull’imposta sul reddito delle persone fisiche esclude dalla tassazione i proventi derivanti dalla negoziazione di strumenti finanziari sui mercati regolamentati dell’Unione Europea (UE) (ad esempio, Francoforte, Milano e altre borse). In considerazione di ciò, sono soggetti a tassazione solo i profitti realizzati su mercati regolamentati extra UE o da transazioni con strumenti finanziari non quotati in borsa.

Imposte sugli strumenti finanziari dei mercati regolamentati

Di norma, secondo il Personal Income Tax Act, il reddito derivante dalla vendita o dallo scambio di strumenti finanziari è tassato al 10%. Il reddito in questo caso si riferisce ai profitti di specifiche transazioni durante l’anno solare e il profitto di una determinata transazione è pari alla differenza tra il prezzo di acquisto e quello di vendita del bene.

Un’eccezione a questa regola è prevista dalla legge per alcuni strumenti finanziari. Si tratta di azioni e diritti negoziati su un mercato regolamentato. Il reddito derivante dalla cessione di tali strumenti è esente da tassazione. In poche parole, nessun profitto è dovuto sui profitti derivanti dalle transazioni con tali azioni.

Cosa significa “mercati regolamentati” per gli strumenti finanziari?

Per entrare nel vivo del concetto di strumenti finanziari, bisogna, come di consueto, seguire le disposizioni ei riferimenti di diverse leggi. Art. 13, par. 1, punto 3 della Legge sulle imposte sul reddito delle persone fisiche – Закон за Данъците bърху Доходите на Физическите Лица  (ЗДДФЛ) stabilisce che “i proventi derivanti dalla cessione di strumenti finanziari ai sensi del § 1, punto 11 delle disposizioni aggiuntive” non sono imponibili . Il punto rilevante delle disposizioni aggiuntive nella parte relativa alle azioni negoziate nei mercati regolamentati rimanda alla legge sui mercati degli strumenti finanziari (Markets in Financial Instruments Act – ЗАКОН ЗА ПАЗАРИТЕ НА ФИНАНСОВИ ИНСТРУМЕНТИ). Possiamo semplificarle dicendo che i mercati regolamentati sono sistemi per la negoziazione di strumenti finanziari che sono autorizzati come tali in Bulgaria o in uno Stato membro dell’UE o del SEE. In pratica, si tratta di scambi autorizzati nell’UE, Svizzera, Norvegia, Islanda e Liechtenstein.

Come facciamo a sapere se uno scambio è regolamentato?

L’Unione Europea tiene un registro dei mercati regolamentati . In questo database è possibile effettuare ricerche per parola chiave, nonché per stato di registrazione nello Spazio economico europeo. Ecco come appaiono le informazioni in un riferimento per la borsa valori bulgara:

Al momento, sono presenti nel registro i dati su un totale di 92 mercati regolamentati.

Tutto quanto sopra relativo alla vendita di azioni e/o criptovalute da parte di un individuo si applica a transazioni di natura incidentale (isolata), ma non se l’attività è svolta in modo commerciale.

La legge sull’imposta sul reddito delle persone fisiche stabilisce che il reddito da attività economica di una persona fisica che agisce come commerciante ai sensi del Codice Commerciale (ТЪРГОВСКИ ЗАКОН) è tassato secondo le norme per la tassazione delle ditte individuali, anche se non è registrata come tale . Un professionista ai sensi della CA è qualsiasi persona fisica che, per professione, svolge le attività di cui all’art. 1, par. 1, punti 1 – 15 del Codice Commerciale (ТЪРГОВСКИ ЗАКОН). Un commerciante è anche considerato qualsiasi persona che ha costituito un’impresa, che per oggetto e volume richiede che i suoi affari siano condotti in modo commerciale.

Sebbene la legge manchi di criteri per quando un’attività è svolta per professione, si presume che tale attività non sia correlata a singole operazioni, cioè che non siano accidentali, ma che abbiano lo scopo di creare un reddito permanente. Non esistono criteri uniformi e quando l’oggetto e il volume di un’attività richiedono che sia svolta in modo commerciale. Alla luce di quanto sopra, la natura dell’attività, rispettivamente il metodo di tassazione, dovrebbero essere valutati caso per caso alla luce dei parametri specifici e dei dettagli specifici.

Se si presume che una persona debba essere tassata come ditta individuale, il suo reddito imponibile sarà l’utile imponibile formato ai sensi della  Legge sull’imposta sul reddito delle società -Закон за Корпоративното Подоходно Облагане (ЗКПО). L’aliquota fiscale applicabile è del 15%.

In questo caso, l’individuo dovrebbe avere una contabilità (per segnalare entrate e spese dalle sue attività, conservando i documenti pertinenti) ed è possibile che ci sia l’obbligo di registrarsi ai sensi della legge sull’imposta sul valore aggiunto.

Naturalmente, una persona registrata come ditta individuale sarà tassata nello stesso ordine. Sebbene considerata un approccio obsoleto, la registrazione di una ditta individuale ha un bonus spesso sottovalutato: i profitti generati dall’impresa della ditta individuale non sono una comunione patrimoniale.

Tassazione delle persone fisiche locali e straniere in Bulgaria

Una persona fisica locale , ai fini fiscali, indipendentemente dalla cittadinanza, è una persona che soddisfa una delle seguenti condizioni (articolo 4 della Legge sulle imposte sul reddito delle persone fisiche – Закон за Данъците bърху Доходите на Физическите Лица  (ЗДДФЛ)):

  • ha un indirizzo permanente in Bulgaria;
  • risiede nel territorio della Bulgaria per più di 183 giorni durante l’anno, il giorno di partenza e il giorno di ingresso nel paese sono considerati separatamente per i giorni di residenza nel paese – il soggiorno in Bulgaria solo per formazione o cure mediche non è considerato residenza nel paese;
  • è stato inviato all’estero dallo stato bulgaro, dai suoi organi e/o organizzazioni, da imprese bulgare e membri della sua famiglia;
  • C’è un centro di interessi vitali in Bulgaria – nel determinare gli interessi vitali si tiene conto della famiglia, della proprietà, del luogo da cui la persona svolge attività lavorative, professionali o commerciali e del luogo da cui gestisce la sua proprietà.

Una persona fisica straniera  è qualsiasi persona che non sia una persona locale.

È anche uno straniero chi ha un indirizzo permanente in Bulgaria, ma il centro dei suoi interessi vitali non è nel paese.

L’Agenzia nazionale delle entrate ( Национална агенция за приходите (НАП (NAP)) valuta se in determinate circostanze specifiche una persona fisica è locale o straniera ai sensi della legge sull’imposta sul reddito delle persone fisiche, dopo una valutazione completa di queste circostanze.

Obblighi fiscali

Gli individui locali sono tassabili per  i redditi provenienti dal paese e all’estero  (articolo 6 della Legge sulle imposte sul reddito delle persone fisiche).

Le persone fisiche straniere sono tassabili per il  reddito proveniente dalla Bulgaria  (articolo 7 della Legge sulle imposte sul reddito delle persone fisiche).

Reddito dal paese

I redditi dalla Bulgaria sono, indipendentemente dal luogo di pagamento del reddito (articolo 8 della legge sull’imposta sul reddito delle persone fisiche):

  1. Reddito da  attività economica attraverso una determinata base  sul territorio della Repubblica di Bulgaria o dalla cessione di proprietà su una base così certa

I redditi  dell’attività economica  sono i redditi (art. 26, comma 7 e art. 29 della Legge sulle imposte sul reddito delle persone fisiche):

  • di ditte individuali registrate;
  • dal commercio ai sensi del Codice del Commercio
  • a quelli iscritti come agricoltori, per la produzione di prodotti grezzi provenienti da agricoltura, silvicoltura, caccia e pesca;
  • da royalties e royalties
  • da mestieri che non sono soggetti alla tassa sui brevetti
  • dalla libera professione o dalla retribuzione per rapporti di non lavoro

Una certa base  è (paragrafo 1 punto 4 delle disposizioni aggiuntive della legge sull’imposta sul reddito delle persone fisiche in relazione al paragrafo 1 punto 7 delle disposizioni aggiuntive del codice di procedura fiscale e previdenziale – Данъчно осигурителния процесуален кодекс – ДОПК ):

  • un luogo designato attraverso il quale una persona straniera presta servizi alla persona in tutto o in parte indipendenti o esercita una libera professione nel paese, come uno studio di architettura, studio dentistico, studio legale o altro studio di consulenza, ufficio di un revisore contabile o contabile;
  • prestazione permanente di prestazioni personali autonome o esercizio di una libera professione nel Paese, anche quando una persona fisica straniera non ha un determinato luogo.
  1. Reddito da  lavoro e servizi  svolti sul territorio della Repubblica di Bulgaria.
  2. Proventi da  dividendi e azioni di liquidazione  di entità legali locali e società impersonali, inclusi accordi di joint venture.
  3. Reddito derivante dal  trasferimento di  un’impresa a una ditta individuale registrata nella Repubblica di Bulgaria, indipendentemente dal fatto che il cedente sia una persona locale
  4. Proventi da  premi e compensi  per attività svolte sul territorio del Paese da soggetti stranieri – personaggi pubblici, scienziati, artisti, personalità della cultura e dello sport, anche quando il reddito è pagato/maturato per interposta persona come impresario, società di produzione e altri intermediari.
  5. Proventi da  attività finanziarie  – azioni, quote, strumenti compensativi, buoni investimento e altro – emesse dallo Stato, Comuni, entità giuridiche locali, società impersonali e altre forme di attività congiunte, nonché da operazioni con esse.
  6. Reddito da  agricoltura, silvicoltura, caccia e pesca  nel paese.
  7. Proventi derivanti dall’uso, vendita, permuta o altro trasferimento di  beni immobili , anche di una parte ideale o di un limitato diritto reale su di essi, situati nel territorio del paese.
  8. Reddito da  sanzioni e indennità  di ogni tipo, ad eccezione delle indennità derivanti da contratti assicurativi maturati da persone giuridiche locali, ditte individuali locali o persone giuridiche straniere e ditte individuali attraverso una sede o una determinata sede nel paese a beneficio di persone fisiche straniere, stabiliti in giurisdizioni con trattamento fiscale preferenziale.

Le giurisdizioni con trattamento fiscale preferenziale  sono i paesi/territori che non sono Stati membri dell’Unione Europea e non scambiano informazioni con la Repubblica di Bulgaria sulla base della Direttiva n. 2011/16/UE (DAC 1)  del Consiglio del 15 febbraio 2011 sulla cooperazione amministrativa nel settore fiscale e che abroga la direttiva 77/799/CEE (GU L 64/1, 11 marzo 2011) e sue successive modifiche e soddisfa due delle seguenti condizioni:

  • non è entrato in vigore un accordo per evitare la doppia imposizione tra la Repubblica di Bulgaria e il rispettivo stato/territorio o un accordo bilaterale o multilaterale entrato in vigore sullo scambio di informazioni su richiesta tra la Repubblica di Bulgaria o l’Unione Europea e il rispettivo stato/territorio;
  • è entrato in vigore un accordo per evitare la doppia imposizione tra la Repubblica di Bulgaria e il rispettivo stato/territorio o un accordo bilaterale o multilaterale per lo scambio di informazioni tra la Repubblica di Bulgaria o l’Unione Europea e il rispettivo stato/territorio stipula forza, ma il rispettivo stato/territorio rifiuta o non è in grado di scambiare informazioni su richiesta;
  • l’imposta sul reddito o sulle società dovuta o l’imposta sostitutiva sui redditi di cui all’art. 12, par. 9 o di cui all’art. 8, par. 11 della legge sull’imposta sul reddito delle persone fisiche, che la persona straniera ha realizzato o realizzerà, è inferiore di oltre il 60% rispetto all’imposta sul reddito o sulle società su questi redditi nella Repubblica di Bulgaria.

Il ministro delle finanze approva con ordinanza l’elenco di queste giurisdizioni su proposta del direttore esecutivo dell’Agenzia nazionale delle entrate ( Национална агенция за приходите (НАП (NAP)). L’ordinanza è promulgata nella Gazzetta dello Stato (§ 1, punto 64 delle disposizioni aggiuntive della Legge sull’imposta sul reddito delle società -Закон за Корпоративното Подоходно Облагане (ЗКПО). L’ordinanza di approvazione dell’attuale elenco, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 103 del 27 dicembre 2016, è  № ZMF-1303 del 21 dicembre 2016  .

  1. Reddito maturato/pagato dalle persone locali, dalle rappresentanze commerciali, nonché dalla sede di attività o sede nella Repubblica di Bulgaria:
  • Sanzioni e compensi realizzati in sostituzione o insieme ad altri redditi provenienti da una fonte nella Repubblica di Bulgaria;
  • Premi in denaro e in natura da giochi, concorsi e concorsi non forniti da un datore di lavoro o cliente;
  • Retribuzione, diversa dalla retribuzione per il rapporto di lavoro, corrisposta a un dipendente o a un membro di un organo di direzione o di vigilanza di un’entità giuridica bulgara, una succursale di un’entità estera, un dipendente in una rappresentanza commerciale di una entità straniera o un’altra persona con prestazioni identiche o funzioni simili;
  • Interessi, compresi gli interessi derivanti da un contratto di locazione;
  • Reddito da affitto o altra prestazione per l’uso di beni mobili o immobili;
  • Remunerazione in base a contratti di franchising e factoring;
  • Royalties e royalties;
  • Remunerazione per contratti di gestione e controllo di imprese;
  • Borse di studio per studio nel paese e all’estero;
  • Reddito da assicurazioni e assicurazioni.

Reddito ex art. 8, par. 6 della Legge sulle imposte sul reddito delle persone fisiche – Закон за Данъците bърху Доходите на Физическите Лица  (ЗДДФЛ), addebitate da persone giuridiche locali o da ditte individuali locali tramite una sede di attività o una determinata base al di fuori del paese o pagate da persone fisiche locali tramite una determinata base al di fuori del paese, non provengono da una fonte nel paese (Art. 8, comma 7, Legge sulle imposte sul reddito delle persone fisiche).

Le definizioni di alcuni tipi di remunerazione sono riportate al paragrafo 1 delle disposizioni aggiuntive della Legge sull’imposta sul reddito delle società -Закон за Корпоративното Подоходно Облагане (ЗКПО):

  • Punto 8: “Royalties” indica i pagamenti di qualsiasi tipo ricevuti per: l’uso o il diritto di utilizzare qualsiasi diritto d’autore in un’opera letteraria, artistica o scientifica, inclusi film, registrazioni radiofoniche o televisive o software; di qualsiasi brevetto, topologia di circuiti integrati, marchio, disegno industriale o modello di utilità, progetto, formula o processo segreto o per l’uso o per il diritto di utilizzare apparecchiature industriali, commerciali o scientifiche, o per informazioni relative a settori industriali, commerciali o esperienza scientifica. I pagamenti per l’acquisizione del diritto d’uso di software in cui è incorporata solo una copia del relativo programma non saranno considerati royalties nel caso in cui i diritti di copia, riproduzione, distribuzione, modifica non siano concessi, presentazione pubblica o altre forme di uso commerciale. Per “attrezzature industriali, commerciali o scientifiche” si intendono tutti i beni mobili, compresi i mezzi di trasporto, le attrezzature, i mezzi di produzione, i mezzi per la prestazione di servizi e altri, che l’impresa utilizza nella propria attività.
  • La voce 9: “Remunerazione per servizi tecnici” sono i pagamenti dalla fonte della Repubblica di Bulgaria per l’installazione o l’installazione di beni materiali, nonché qualsiasi servizio di natura di consulenza e ricerca di mercato svolto da una persona straniera.
  • Articolo 10: “Franchise” è un insieme di diritti di proprietà industriale o intellettuale relativi a marchi, nomi commerciali, marchi, design, design, diritti d’autore, know-how o brevetti concessi a titolo oneroso al fine di essere utilizzati per la vendita di beni e/o per la prestazione di servizi.
  • Punto 11: “Factoring” è un’operazione di cessione di crediti una tantum o periodici derivanti dalla fornitura di beni o servizi, indipendentemente dal fatto che il soggetto che ha acquisito i crediti (factor) si assuma il rischio

Dichiarazione di reddito da parte di soggetti locali

Gli individui locali dichiarano con una dichiarazione dei redditi annuale tutto il reddito imponibile percepito dal Paese e dall’estero. Vedere  Dichiarazione del reddito personale.

Per i redditi provenienti dall’estero, da un Paese con cui siamo convenzionati per evitare la doppia imposizione (DTT), è possibile utilizzare le modalità per evitare la doppia imposizione:

  • credito d’imposta – compilare l’allegato № 9 della dichiarazione;
  • rilascio con progressione compilare gli allegati № 9 e № 10 della dichiarazione.

Vedi  Accordi per evitare la doppia imposizione (DTT).

Dichiarazione di reddito da persone fisiche straniere

Le persone fisiche straniere dichiarano con una dichiarazione  dei redditi annuale (ai sensi dell’articolo 50 della legge sull’imposta sul reddito delle persone fisiche) :

  • I redditi acquisiti nell’esercizio, assoggettati a tassazione sull’imposta sulla base imponibile annua e imposta sulla base imponibile annuale per i redditi da attività economica in qualità di ditta individuale;
  • Reddito soggetto a imposta sui brevetti e/o imposta sul trasporto taxi di passeggeri ai sensi del Local Taxes and Fees Act, nonché reddito da attività di trasporto taxi svolta da persone fisiche – conducenti, per conto di un vettore registrato, ma a loro carico, se per l’autovettura con la quale viene svolta l’attività, l’imposta sul trasporto in taxi dei passeggeri è stata pagata con l’ordinanza della Legge sulle tasse e le tasse locali (art. 13, comma 1, punto 29 della Legge sull’imposta sul reddito delle persone fisiche);
  • Solo per le persone fisiche straniere che sono fiscalmente locali di uno Stato membro dell’Unione Europea o di un altro Stato parte dell’Accordo sullo Spazio Economico Europeo, quando scelgono di ricalcolare l’imposta finale (articolo 37a della Legge sull’imposta sul reddito delle persone fisiche );
  • Reddito da lavoro dipendente connesso all’assunzione di una persona straniera quando il lavoro è svolto sul territorio del Paese, nonché dal rapporto di lavoro connesso all’assunzione di una persona fisica locale da parte di uno straniero quando il lavoro è svolto fuori dal Paese (comma 1, punto 26 lettera “e” delle ulteriori disposizioni della Legge sull’imposta sul reddito delle persone fisiche);
  • Proventi da rapporti giuridici, indipendentemente dal motivo del loro verificarsi, con soci e soci-collaboratori, nonché con soci che detengono più del 5 per cento del capitale della società per azioni, per lavoro personale nelle società e cooperative nelle quali sono soci, soci-collaboratori o soci, fatti salvi i casi di cui all’art. 37, par. 1 (comma 1, punto 26 lettera “i” delle ulteriori disposizioni della Legge sull’imposta sul reddito delle persone fisiche)

Vedere  Dichiarazione del reddito personale.

Le persone fisiche straniere dichiarano l’imposta finale con dichiarazione delle  imposte dovute per i redditi soggetti a tassazione con imposta finale (ai sensi dell’articolo 55 della legge sull’imposta sul  reddito delle persone fisiche), quando il contribuente non è obbligato a trattenere e pagare l’imposta.

Le persone fisiche straniere non presentano la dichiarazione ai sensi dell’art. 55 quando il reddito è assoggettato all’imposta finale, che è determinata, trattenuta e pagata dal contribuente.

Vedi anche  Accordo di Gestione e Controllo .

Informazioni sullo scambio automatico di UE da parte di stranieri

Le persone fisiche straniere,  residenti in un altro Stato membro dell’UE , che percepiscono un reddito da locazione o altra prestazione remunerativa per l’uso di beni immobili e  il pagatore del reddito non è un’impresa o un autoassicurato,  devono fornire le informazioni ai sensi dell’art. 73a della legge sull’imposta sul reddito delle persone fisiche ai fini del cambio automatico una volta all’anno con la dichiarazione di cui all’art. 55 per il quarto trimestre entro il 31 gennaio dell’anno successivo a quello di percepimento del reddito.

BULGARIA – CESSIONI DEI BENI INTRACOMUNITARIE – PROVA DEL TRASPORTO O DELLA SPEDIZIONE DEL BENE

Dal 1° gennaio 2020, il cedente, per beneficiare del regime di non imponibilità IVA, deve fornire le prove per dimostrare l’effettivo trasferimento di beni da uno Stato membro dell’Unione europea a un altro.

n merito alle operazioni intracomunitarie, a decorrere dal 1° gennaio 2020, il cedente, per beneficiare del regime di non imponibilità IVA, deve fornire le prove per dimostrare l’effettivo trasferimento di beni da uno Stato membro dell’Unione europea a un altro.

Inoltre, sempre a decorrere dal 1° gennaio 2020, l’indicazione in fattura del codice identificativo IVA del cessionario presente nel sistema VIES, così come la corretta presentazione degli elenchi INTRASTAT, costituiranno requisiti sostanziali affinché possa sussistere una cessione intracomunitaria non imponibile IVA.

Cessioni intracomunitarie oggetto di “prova”

Sono considerate cessioni intracomunitarie non imponibili agli effetti dell’IVA, le cessioni a titolo oneroso di beni:

  • trasportati o spediti nel territorio di un altro Stato membro dell’Unione europea dal cedente o dal cessionario (o da terzi per loro conto);
  • nei confronti di cessionari soggetti passivi d’imposta ovvero nei confronti di enti, associazioni o altre organizzazioni di cui all’articolo 4, D.P.R. n. 633/1972, non soggetti passivi d’imposta.

I presupposti che devono congiuntamente sussistere per la realizzazione di una cessione intracomunitaria sono i seguenti:

  • un presupposto soggettivo: entrambe le parti devono avere la qualifica di soggetti passivi d’imposta ed essere residenti in differenti Stati appartenenti alla Comunità europea;
  • un presupposto oggettivo: l’operazione deve avere ad oggetto il trasferimento della proprietà, a titolo oneroso, di beni mobili, o di altro diritto reale di godimento;
  • un presupposto territoriale: il luogo di partenza e di destinazione dei beni deve essere situato all’interno dell’Unione europea.

Sono quindi escluse dall’ambito delle “cessioni intracomunitarie” le cessioni di beni immobili, di beni immateriali (che non possono essere trasferiti fisicamente in un altro Stato UE), nonché le cessioni di beni mobili a titolo gratuito. Allo stesso modo sono escluse dalla disciplina in esame le cessioni di beni che rimangono nel territorio dello Stato.

Documenti probatori per cessioni intracomunitarie

Per la mancata indicazione della documentazione necessaria per attestare il trasferimento fisico del bene in un altro Paese comunitario, ed allo scopo di fornire un quadro giuridico di riferimento comune chiaro e semplice da applicare, è stato adottato il Regolamento di esecuzione del 4 dicembre 2018, n. 2018/1912/UE entrato in vigore il 1° gennaio 2020.

Il legislatore comunitario ha elencato le prove che, nell’ambito di una cessione intracomunitaria, il cedente deve fornire per dimostrare l’effettivo trasferimento di beni da uno Stato membro a un altro, così da poter beneficiare del regime di non imponibilità IVA.

La nuova disposizione prende in considerazione 2 fattispecie di beni:

  • beni spediti/trasportati dal cedente, direttamente o tramite terzi per suo conto;
  • beni spediti/trasportati dal cessionario o da terzi per suo conto

Beni trasportati dal cedente o da un terzo per suo conto

Nel caso in cui i beni siano stati trasportati dal cedente (o da un terzo per suo conto), al fine di provare l’effettivo trasferimento fisico della merce, il cedente deve essere in possesso di almeno due elementi di prova di cui al GRUPPO A) rilasciati da due diverse parti indipendenti l’una dall’altra, oppure, in alternativa di uno qualsiasi degli elementi di prova di cui al GRUPPO A) in combinazione di uno qualsiasi dei singoli elementi di prova di cui al GRUPPO B) che confermano la spedizione o il trasporto, rilasciati da due diverse parti indipendenti l’una dall’altra.

ELEMENTI DI PROVA GRUPPO A  ELEMENTI DI PROVA GRUPPO B
Documento o una lettera CMR riportante la firma (si ritiene che si faccia riferimento alla firma del trasportatore che ha preso in carico la merce). Polizza assicurativa relativa alla spedizione o al trasporto dei beniI documenti bancari attestanti il pagamento della spedizione o del trasporto dei beni;
Polizza di carico Documenti ufficiali rilasciati da una pubblica autorità (es. un notaio) che confermano l’arrivo dei beni nello Stato membro di destinazione);
Fattura di trasporto aereo. Ricevuta rilasciata da un depositario nello Stato membro di destinazione che confermi il deposito dei beni in tale stato membro.
Fattura emessa dallo spedizioniere. Ricevuta rilasciata da un depositario nello Stato membro di destinazione che confermi il deposito dei beni in tale stato membro.

Beni trasportati o spediti dal cessionario o da un terzo per suo conto

Nel caso in cui i beni siano stati trasportati o spediti dal cessionario (o da un terzo per suo conto) è necessario il rilascio da parte del cessionario di una dichiarazione con la quale certifichi che la merce è giunta nel Paese di destinazione.

Tale dichiarazione deve riportare:

  • la data di rilascio;
  • il nome e l’indirizzo dell’acquirente;
  • la quantità e la natura dei beni;
  • la data e il luogo di arrivo;
  • nel caso di cessione di mezzi di trasporto, il numero di identificazione del mezzo di trasporto;
  • l’identificazione della persona che accetta i beni per conto dell’acquirente.

Tale dichiarazione, che deve essere fornita al venditore entro il decimo giorno del mese successivo alla cessione, costituisce un elemento di prova necessario ma non ancora sufficiente, in quanto il venditore dovrà essere il possesso, oltre alla descritta dichiarazione, anche di almeno due degli elementi di prova di cui al GRUPPO A), rilasciata da due diverse parti indipendenti l’una dall’altra oppure di uno qualsiasi dei singoli elementi di cui al GRUPPO A) in combinazione con uno qualsiasi dei singoli elementi di prova di cui al GRUPPO B) che confermano la spedizione o il trasporto, rilasciati da due parti indipendenti l’una dall’altra.

Bulgaria – Documenti probatori per cessioni intracomunitarie

In Bulgaria il regime dell’imposta sul valore aggiunto (IVA) è regolato dalla legge sull’imposta sul valore aggiunto – Закон за Данък Върху Добавената Стойност (ЗДДС) e dal Regolamento per la sua applicazione – ПРАВИЛНИК ЗА ПРИЛАГАНЕ НА ЗАКОНА ЗА ДАНЪК ВЪРХУ ДОБАВЕНАТА СТОЙНОСТ  (ППЗДДС).

L’Art. 53 della legge sull’imposta sul valore aggiunto – Закон за Данък Върху Добавената Стойност (ЗДДС)è dedicato all’Aliquota fiscale e documentazione delle forniture intracomunitarie

Art. 53. (1) Le cessioni intracomunitarie di cui all’art. 7 , ad eccezione delle cessioni intracomunitarie esentate di cui all’art. 38, par. 2 .
(2) (Modificata, SG n. 96/2019, in vigore dal 01.01.2020) Per l’applicazione del tasso zero ex par. 1 il fornitore dovrebbe avere:
1. documenti per la consegna, determinati dalle norme di applicazione della legge , e
2. (suppl. – SG, iss. 102 nel 2019, in vigore dal 01.01.2020) documenti per la spedizione o il trasporto della merce dal territorio dello Stato al territorio di altro Stato membro, determinato dall’art. 45 bis del regolamento di esecuzione (UE) 2018/1912 del Consiglio, del 4 dicembre 2018, che modifica il regolamento di esecuzione (UE) n. 282/2011 per quanto riguarda talune esenzioni nelle operazioni intracomunitarie (GU L 311/10 del 7 dicembre 2018) 2018), di seguito denominata a come ” Regolamento di esecuzione (UE) № 282/2011 ” o definito dai regolamenti di esecuzione .
(3) Se il fornitore non ottiene i documenti di cui al par. 2 fino alla scadenza del mese solare successivo a quello durante il quale è divenuta esigibile l’imposta sulle forniture, par. 1 non si applica. Se successivamente il fornitore ottiene i documenti di cui al par. 2, corregge il risultato dell’applicazione del presente comma secondo la procedura determinata dalle norme di applicazione della legge .

Il Capitolo sei del Regolamento per l’applicazione  dalla legge sull’imposta sul valore aggiunto (ПРАВИЛНИК ЗА ПРИЛАГАНЕ НА ЗАКОНА ЗА ДАНЪК ВЪРХУ ДОБАВЕНАТА СТОЙНОСТ  (ППЗДДС) è dedicato alla CERTIFICAZIONE DELL’ESISTENZA DI CIRCOSTANZE PER GLI APPROVVIGIONAMENTI INTRACOMUNITARI

L’Art. 45 elenca i documenti attestanti la cessione intracomunitaria di beni

Art. 45. Per provare una cessione intracomunitaria di beni, il fornitore deve disporre dei seguenti documenti:
1. (mod. SG 101/06) documento per la consegna:
a) (modifica SG 25/20, in vigore dal 20.03.2020) fattura della fornitura, che riporta la partita IVA del destinatario, rilasciata da altro Stato membro, con la quale è stata effettuata la consegna;
b) protocollo di cui all’art. 117, par. 2 della legge (1) – nei casi di consegna intracomunitaria di cui all’art. 7, par. 4 della legge (2) ;
c) un documento ex art. 168, cpv. 8 della legge (3) – quando il fornitore è una persona fisica che non è una ditta individuale e non è iscritta alla legge;
2. (modificata, . altro Stato membro, quando non applica la presunzione di cui all’art. 45 bis del regolamento di esecuzione (UE) 2018/1912 del Consiglio, del 4 dicembre 2018, che modifica il regolamento di esecuzione (UE) n. 282/2011 per quanto riguarda alcune esenzioni nelle operazioni intracomunitarie (GU L 311/10 del 7 dicembre 2018) 2018):
a) (suppl. – SG, iss. 10 nel 2011, in vigore dal 01.02.2011, suppl. – SG, iss. 8 nel 2016, in vigore dal 29.01.2016) documento di trasporto o conferma scritta del destinatario o di una persona da lui autorizzato, attestante che la merce è stata ricevuta nel territorio di un altro Stato membro – nei casi in cui il trasporto sia stato effettuato dal destinatario o da un terzo per conto del destinatario; la conferma scritta dovrà indicare la data e il luogo di ricevimento, il tipo e la quantità della merce, il tipo, la marca e il numero di targa del veicolo con il quale è stato effettuato il trasporto, il nome di chi ha consegnato la merce e la sua capacità ufficiale, il nome della persona che ha ricevuto la merce, e la sua qualità ufficiale;
b) un documento di trasporto attestante che la merce è stata ricevuta nel territorio di un altro Stato membro, dove il trasporto è stato effettuato dal fornitore o da un terzo per conto del fornitore.

L’Art. 46 pone le regole per gli adeguamenti per forniture intracomunitarie

Art. 46. ​​​​(1) Nel caso in cui il fornitore non ottenga i documenti di cui all’art. 45 fino alla fine del mese solare successivo a quello durante il quale è divenuta esigibile l’imposta sulle forniture, la prestazione è considerata imponibile nella misura del 20 per cento.
(2) Nei casi di cui al par. 1 l’imposta è addebitata dal fornitore mediante l’emissione di un protocollo ex art. 117, par. 2 della legge.
(3) (Modificata, SG n. 39/2008, in vigore dal 15.04.2008) Il protocollo di cui al par. 2 è rilasciato entro 15 giorni, a decorrere dall’ultimo giorno del mese solare successivo a quello durante il quale è divenuta esigibile l’imposta sulle forniture.
(4) Quando successivamente il fornitore ottiene i documenti necessari, corregge il risultato dell’applicazione del par. 1 e 2, annullando il protocollo di cui al par. 2. Nessun nuovo protocollo è emesso per la cancellazione.
(5) L’annullamento di cui al par. 4 deve essere effettuato entro 5 giorni, a decorrere dalla data in cui la persona ha ottenuto i documenti necessari.
(1) Art. 117 – Emissione di protocolli – (1) Un protocollo deve essere emesso obbligatoriamente:
1. (modificata, SG n. 108/2006, in vigore dal 01.01.2007, modificata, SG n. 96/2019, in vigore dal 01.01.2020) nei casi di cui all’art. 82, par. 2, 3, 4, 5 e 6 e dell’art. 84 – dalla persona registrata – destinatario della consegna;
2. nei casi di cui all’art. 57 – dalla persona registrata – importatore;
3. nei casi di consegne di cui all’art. 6, par. 3, art. 7, par. 4, art. 9, par. 3, art. 142, cpv. 1 e artt. 144, cpv. 4 – dalla persona registrata – fornitore;
4. (Nuova, SG n. 108/2006, in vigore dal 01.01.2007) nei casi di cui all’art. 161 e 163a – dal soggetto iscritto – destinatario della prestazione, quando il prestatore è un soggetto passivo non iscritto alla legge;
5. (Nuova, SG n. 88/2016, in vigore dal 01.01.2017) nei casi di cui all’art. 6, par. 4, punto 4 – da persona iscritta che abbia fornito gratuitamente generi alimentari.
(2) Il protocollo di cui al par. 1 deve contenere:
1. numero e data;
2. (suppl. – SG 108/06, in vigore dal 01.01.2007) il nome e il numero identificativo di cui all’art. 94, par. 2 della persona di cui al par. 1;
3. la quantità e la tipologia dei beni o la tipologia del servizio;
4. la data in cui si è verificato l’evento fiscale sulla fornitura;
5. la base imponibile;
6. l’aliquota fiscale;
7. (suppl. – SG 95/09, in vigore dal 01.01.2010) i motivi di maturazione o meno dell’imposta da parte del soggetto di cui al par. 1;
8. l’importo dell’imposta;
9. (Nuova,. quando il fornitore è stato registrato ai fini IVA in un altro Stato membro, e il numero e la data della fattura – se emessa prima della data di emissione del verbale;
10. (Nuova, SG n. 98/2013, in vigore dal 01.01.2014, modificata per l’entrata in vigore, SG n. 104/2013, in vigore dal 12.01.2013) numero di identificazione ex art. 84 del Codice di procedura tributario-assicurativo del fornitore di beni di cui all’allegato № 2, parte seconda, e numero e data della fattura.
(3) (Modificata,. l’imposta è diventata dovuta. Nei casi di fornitura gratuita di generi alimentari di cui all’art. 6, par. 4, comma 4, il protocollo è emanato entro e non oltre 5 giorni dalla data di consegna degli alimenti.
(4) In caso di modifica della base imponibile di fornitura o in caso di annullamento di una fornitura per la quale è stato emanato un protocollo, il soggetto emette un nuovo protocollo, che deve obbligatoriamente contenere:
1. il numero e la data del protocollo iniziale rilasciato per la consegna;
2. le motivazioni per l’emanazione del nuovo protocollo;
3. l’aumento/diminuzione della base imponibile;
4. l’aumento/diminuzione dell’imposta.
(5) (Modificata, SG n. 108/2007, in vigore dal 19.12.2007) Il protocollo di cui al par. 4 è emesso entro e non oltre 15 giorni dalla data in cui si è verificata la circostanza di cui al comma 1. 4.
(2) (4) Per cessione intracomunitaria di beni retribuita si intende anche la spedizione o il trasporto di beni, prodotti, estratti, trasformati, acquistati, acquistati o importati nel territorio dello Stato da una persona iscritta ai sensi della presente legge nell’ambito della sua attività economica, quando il i beni sono spediti o trasportati ai fini dell’attività economica da o per suo conto dal territorio del paese al territorio di un altro Stato membro in cui la persona è registrata ai fini dell’IVA.
(3) (8) In caso di consegna accidentale ai sensi del par. 1 da una persona fisica, che non sia una ditta individuale, la persona rilascia un documento, che contiene i requisiti di cui all’art. 114, par. 1, pp. 3 – 15

Bulgaria – INTRASTAT

Con effetto dal 01.01.2022 sono abrogati i regolamenti 638/2004 del Parlamento Europeo e del Consiglio e 1982/2004 della Commissione.

Entrano in vigore le nuove norme sugli scambi intracomunitari (scambi intraunionali) di merci:

  1. Regolamento (UE) 2019/2152 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 27 novembre 2019, sulle statistiche europee sulle imprese (compresi gli scambi intracomunitari di beni – vedi in particolare il CAPO V – Scambio di dati riservati ai fini delle statistiche sugli scambi intra-UE di beni (1) )
  2. Regolamento di esecuzione (UE) № 2020/1197 della Commissione, del 30 luglio 2020, recante specifiche tecniche e norme ai sensi del regolamento (CE) n. 2019/2152 del Parlamento europeo e del Consiglio sulle statistiche europee sulle imprese.
  3. I termini “arrivi” e “spedizioni” di merci sono sostituiti rispettivamente da “importazioni intraunionali” ed “esportazioni intraunionali” e i termini “commercio intracomunitario” sono sostituiti da “scambi intraunionali” di merci.
  4. Viene introdotta la raccolta di due nuovi dati sulle esportazioni intraunionali (finora “spedizioni”): “paese di origine” e “il numero individuale di identificazione attribuito all’operatore partner nello Stato membro di importazione, conformemente all’articolo 214 della direttiva 2006/112/CE”.

Il termine per la presentazione delle dichiarazioni per il periodo di riferimento gennaio 2022 è il 14.02.2022 (in caso di impegno annuale) o fino al 20.02.2022 (in caso di impegno in corso per il primo periodo di riferimento)

Nel 2021 è in vigore la nuova nomenclatura dei paesi e dei territori. così chiamato Geonomenclatura –  REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) 2020/1470 DELLA COMMISSIONE del 12 ottobre 2020 relativo alla nomenclatura dei paesi e territori per le statistiche europee sugli scambi internazionali di beni e alla disaggregazione geografica per le altre statistiche sulle imprese

I nuovi codici sono:

XI – per l’Irlanda del Nord
XU – il resto del Regno Unito senza l’Irlanda del Nord
Il commercio con l’Irlanda del Nord è dichiarato nel sistema Intrastat e con il resto del Regno Unito con una dichiarazione doganale.

Gli operatori Intrastat sono i soggetti iscritti alla legge sull’imposta sul valore aggiunto, che effettuano scambi intracomunitari (scambi intraunionali) di beni in volumi annuali, espressi in valore, superiori alle soglie di dichiarazione , determinato con ordinanza del Presidente dell’Istituto Nazionale di Statistica. L’ordinanza è pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale entro il 31 ottobre di quest’anno.

Le soglie di dichiarazione per il 2022 secondo Ordinanza RD – 05 – 583 / 18.10.2021 del Presidente dell’Istituto Nazionale di Statistica sono:

  • Per l’importazione intraunionale (arrivi) – BGN 520.000.
  • Per l’esportazione intra-sindacale (spedizioni) – BGN 780.000.

Le soglie per la dichiarazione del valore statistico per il 2022 sono:

  • Per l’importazione intraunionale (arrivi) – BGN 8.400.000.
  • Per le esportazioni intraunionali (spedizioni) – BGN 18.600.000.

La soglia per la dichiarazione semplificata di singole transazioni di valore basso è BGN 390.

I commercianti di merci possono avere un obbligo di dichiarazione annuale o attuale nell’ambito del sistema Intrastat, a seconda del periodo in cui l’obbligo si è verificato.
L’obbligo annuale di dichiarare separatamente nell’ambito del sistema Intrastat per le importazioni (arrivi) e le esportazioni (spedizioni) intraunionali di un determinato anno sorge quando il volume annuo degli scambi intracomunitari di merci (scambi intraunionali) per tale flusso di scambi in l’anno precedente supera la soglia di riferimento.
L’attuale obbligo di dichiarare in base al sistema Intrastat separatamente per le importazioni (arrivi) e le esportazioni (spedizioni) intraunionali in un determinato anno sorge quando la persona non ha assunto un obbligo annuale ed entro l’anno il volume di intracomunitario (intraunionale commercio) gli scambi di merci per un flusso commerciale superano la soglia pertinente per l’anno in questione.

Il termine normativo per la presentazione della dichiarazione Intrastat mensile è il 14 del mese successivo al periodo di riferimento.
Il termine per la presentazione della dichiarazione Intrastat per il primo periodo di riferimento in caso di obbligo attuale è il 20 del mese successivo al primo periodo di riferimento. Per i seguenti periodi di riferimento, la scadenza è il 14 del mese successivo al periodo di riferimento.

Le dichiarazioni sono presentate in forma elettronica, firmate con firma elettronica qualificata. Questo può essere fatto attraverso i servizi elettronici dell’ANR

In caso di impossibilità tecnica, le dichiarazioni Intrastat (in formato .xml su supporto elettronico) sono presentate alla  Direzione territoriale competente dell’ANR , accompagnate da  Lettera di impossibilità tecnica. 

Nuovo campo nella dichiarazione di esportazione intraunionale (spedizione): “VIN (numero di identificazione IVA)

La definizione principale relativa al nuovo campo nella dichiarazione per l’esportazione intraunionale “Numero VIN del partner” è disciplinata dall’art. 13, paragrafo 1, del regolamento di base № 2019/2152 del Parlamento europeo e del Consiglio”:

  • un numero di identificazione individuale assegnato all’operatore partner nello Stato membro di importazione ai sensi dell’articolo 214 della direttiva 2006/112/CE’;
  • per le vendite a distanza e le vendite a persone fisiche non iscritte alla Legge IVA: selezionare il codice per il tipo di transazione “1.2”, il campo “Numero VIN del partner” non è compilato.

(1)  CAPO V

Scambio di dati riservati ai fini delle statistiche sugli scambi intra-UE di beni

Articolo 11

Scambio di dati riservati

1.   Lo scambio tra gli Stati membri di dati riservati sulle esportazioni intra-UE di beni avviene, esclusivamente a fini statistici, tra le ASN che contribuiscono allo sviluppo, alla produzione e alla diffusione delle statistiche sugli scambi intra-UE di beni.

Le specifiche tecniche in merito agli obblighi informativi di cui all’articolo 7, paragrafi 1 e 2, si applicano altresì allo scambio di dati riservati a norma del presente capo.

2.   Le ASN dello Stato membro di esportazione trasmettono alle ASN dello Stato membro di importazione le informazioni statistiche sulle sue esportazioni intra-UE di beni verso tale Stato membro come stabilito all’articolo 12.

3.   Le ASN degli Stati membri di esportazione trasmettono alle ASN dello Stato membro di importazione i metadati pertinenti per l’uso dei dati scambiati nella compilazione delle statistiche.

4.   La Commissione può adottare atti di esecuzione che specifichino le informazioni da considerare come metadati pertinenti di cui al paragrafo 3, nonché il calendario per la trasmissione di tali informazioni e le informazioni statistiche di cui al paragrafo 2.

Tali atti di esecuzione sono adottati secondo la procedura d’esame di cui all’articolo 23, paragrafo 2.

5.   Fatto salvo il paragrafo 1 del presente articolo, lo Stato membro che fornisce i dati riservati scambiati ne autorizza l’utilizzo per la produzione di altre statistiche da parte delle ASN dello Stato membro di importazione, a condizione che tali dati siano utilizzati esclusivamente a fini statistici conformemente agli articoli da 20 a 26 del regolamento (CE) n. 223/2009.

6.   Su richiesta delle ASN dello Stato membro di esportazione, lo Stato membro di importazione può fornire alle ASN dello Stato membro di esportazione i microdati rilevati sulle sue importazioni intra-UE di beni da tale Stato membro di esportazione.

Articolo 12

Informazioni statistiche da scambiare

1.   Le informazioni statistiche di cui all’articolo 11, paragrafo 2, sono costituite da:

a)

microdati rilevati ai fini delle statistiche sugli scambi intra-UE di beni;

b)

dati compilati su beni o movimenti specifici; e

c)

dati compilati utilizzando le informazioni contenute nelle dichiarazioni doganali.

2.   Le informazioni statistiche effettivamente raccolte mediante indagini sulle imprese o dai dati amministrativi di cui all’articolo 11, paragrafo 2, coprono almeno il 95 % del valore del totale delle esportazioni intra-UE di beni di ciascuno Stato membro verso l’insieme di tutti gli altri Stati membri.

Alla Commissione è conferito il potere di adottare atti delegati conformemente all’articolo 22 al fine di modificare il presente regolamento per ridurre il tasso di copertura delle esportazioni intra-UE di beni alla luce degli sviluppi tecnici ed economici, pur assicurando il mantenimento di statistiche che soddisfino le norme di qualità in vigore.

3.   La Commissione può adottare atti di esecuzione che definiscano le specifiche tecniche relative alla rilevazione e alla compilazione delle informazioni di cui al paragrafo 1 e precisino ulteriormente l’applicazione del tasso di copertura di cui al paragrafo 2 per quanto riguarda il periodo di riferimento.

Tali atti di esecuzione sono adottati secondo la procedura d’esame di cui all’articolo 23, paragrafo 2.

Articolo 13

Elementi dei dati statistici

1.   I microdati di cui all’articolo 12, paragrafo 1, lettera a), contengono i seguenti elementi dei dati statistici:

a)

il numero individuale di identificazione attribuito all’operatore partner nello Stato membro di importazione, conformemente all’articolo 214 della direttiva 2006/112/CE; (2)

b)

il periodo di riferimento;

c)

il flusso commerciale;

d)

il bene;

e)

lo Stato membro partner;

f)

il paese d’origine;

g)

il valore dei beni;

h)

la quantità dei beni;

i)

la natura della transazione.

I microdati di cui all’articolo 12, paragrafo 1, lettera a), possono riguardare il modo di trasporto e i termini di consegna, a condizione che lo Stato di esportazione rilevi tali elementi dei dati statistici.

La Commissione può adottare atti di esecuzione che specifichino gli elementi dei dati statistici di cui alle lettere da a) a i) del primo comma del presente paragrafo e definiscano l’elenco degli elementi dei dati statistici applicabili per beni o movimenti specifici e i dati compilati utilizzando le informazioni contenute nelle dichiarazioni doganali di cui all’articolo 12, paragrafo 1, lettere b) e c).

Tali atti di esecuzione sono adottati secondo la procedura d’esame di cui all’articolo 23, paragrafo 2.

2.   Gli Stati membri possono semplificare, a determinate condizioni che soddisfino gli obblighi in materia di qualità, le informazioni da fornire, a condizione che la semplificazione non produca effetti negativi sulla qualità delle statistiche.

In casi specifici, gli Stati membri possono rilevare una serie ridotta di elementi dei dati statistici di cui al paragrafo 1 o rilevare le informazioni inerenti ad alcuni di tali elementi dei dati a un livello meno dettagliato.

La Commissione può adottare atti di esecuzione che precisino le modalità della semplificazione di cui al primo comma e il valore massimo delle esportazioni intra-UE che beneficiano della semplificazione.

Tali atti di esecuzione sono adottati secondo la procedura d’esame di cui all’articolo 23, paragrafo 2.

Articolo 14

Protezione dei dati riservati scambiati

1.   I record di microdati relativi a un esportatore la cui richiesta di riservatezza statistica, conformemente all’articolo 19, è stata accettata dalle ASN dello Stato membro di esportazione sono trasmessi dalle ASN dello Stato membro di esportazione alle ASN dello Stato membro di importazione, con il valore reale e tutti gli elementi dei dati statistici di cui all’articolo 13, paragrafo 1, e con una segnalazione per indicare che tali record di microdati sono protetti dal segreto.

2.   Le ASN dello Stato membro di importazione possono utilizzare record di microdati sulle esportazioni protetti dal segreto in sede di compilazione dei dati statistici delle importazioni intra-UE. Se fanno uso di record di microdati sulle esportazioni protetti dal segreto, le ASN dello Stato membro di importazione si assicurano che la diffusione di dati statistici sulle importazioni intra-UE, da parte delle ASN dello Stato membro di importazione, rispetti la riservatezza statistica garantita dalle ASN dello Stato membro di esportazione.

3.   Al fine di garantire la protezione dei dati riservati scambiati nell’ambito di questo capo, la Commissione può adottare atti di esecuzione che specifichino il formato, le misure di sicurezza e di riservatezza di tali dati, comprese le modalità di applicazione dei paragrafi 1 e 2, nonché la procedura per lo scambio dei dati.

Tali atti di esecuzione sono adottati secondo la procedura d’esame di cui all’articolo 23, paragrafo 2.

4.   Gli Stati membri e la Commissione adottano misure idonee a impedire e sanzionare qualsiasi violazione della riservatezza statistica dei dati scambiati. Le sanzioni previste devono essere efficaci, proporzionate e dissuasive.

Articolo 15

Accesso per fini scientifici ai dati riservati scambiati

I ricercatori che effettuano analisi statistiche a fini scientifici possono essere autorizzati ad accedere ai dati riservati scambiati conformemente all’articolo 23 del regolamento (CE) n. 223/2009, previa approvazione dell’ASN competente dello Stato membro di esportazione che ha fornito i dati.

(2) Articolo 214

1.   Gli Stati membri prendono i provvedimenti necessari affinché siano identificate tramite un numero individuale le persone seguenti:

a)

ogni soggetto passivo, fatta eccezione per quelli di cui all’articolo 9, paragrafo 2, che effettua nel loro rispettivo territorio cessioni di beni o prestazioni di servizi che gli diano diritto a detrazione, diverse dalle cessioni di beni o prestazioni di servizi per le quali l’IVA è dovuta unicamente dal destinatario a norma degli articoli da 194 a 197 e 199;

b)

ogni soggetto passivo, o ente non soggetto passivo, che effettua acquisti intracomunitari di beni soggetti all’IVA a norma dell’articolo 2, paragrafo 1, lettera b), o che ha esercitato l’opzione prevista all’articolo 3, paragrafo 3, per l’assoggettamento all’IVA dei suoi acquisti intracomunitari;

c)

ogni soggetto passivo che effettua nel loro rispettivo territorio acquisti intracomunitari di beni ai fini di proprie operazioni relative alle attività di cui all’articolo 9, paragrafo 1, secondo comma, ed effettuate fuori di tale territorio.

2.   Gli Stati membri possono non identificare determinati soggetti passivi che effettuano operazioni a titolo occasionale ai sensi dell’articolo 12

Bulgaria – Dichiarazione VIES

Il VAT Information Exchange System (VIES )sistema di scambio di informazioni relative all’IVA –  è stato istituito per soddisfare le nuove condizioni per gli scambi di beni e servizi, dall’introduzione del mercato unico della Comunità europea nel 1993 e l’abolizione dei controlli doganali alle frontiere sugli scambi di beni, il principio di la tassazione delle forniture con imposta sul valore aggiunto è introdotta laddove il destinatario è stabilito o registrato. Ciascuno Stato membro dell’Unione Europea sviluppa, mantiene e aggiorna il proprio sistema informativo VIES, relativo ai sistemi VIES di altri paesi.

Due tipi di dati vengono scambiati elettronicamente attraverso il sistema VIES:

  • dati sulle cessioni dichiarate di beni e servizi effettuate tra soggetti passivi stabiliti o registrati ai fini dell’IVA in uno Stato membro dell’Unione europea. La loro fonte di dati sono le informazioni contenute nelle dichiarazioni VIES presentate dai commercianti. A partire dal 01.01.2020, l’ambito dei dati nel sistema è integrato con le informazioni sulle operazioni dichiarate in regime speciale di deposito di merci su richiesta;
  • Partite IVA rilasciate dagli Stati membri dell’UE e relativi dettagli aggiuntivi del nome e dell’indirizzo della persona.

Dichiarazione VIES – VIES декларация

La dichiarazione VIES (Value Added Tax Information Exchange System) è una dichiarazione sommaria utilizzata ai fini del controllo e dello scambio di informazioni tra gli Stati membri.

Il servizio è elencato con codice 629 nel Sistema Informativo Integrato dell’Amministrazione dello Stato (Интегрираната информационна система на държавната администрация (ИИСДА)).

Chi presenta VIES – dichiarazioni

Ai sensi dell’articolo 125, comma 2 della  legge sull’imposta sul valore aggiunto – Закон за Данък Върху Добавената Стойност (ЗДДС) la dichiarazione VIES (Value Added Tax Information Exchange System) è presentata da una persona registrata con partita IVA che esegue:

  • forniture intracomunitarie;
  • forniture come intermediario in un’operazione tripartita;
  • prestazioni di servizi il cui destinatario è un soggetto passivo stabilito fuori del territorio dello Stato. In questi casi il luogo di prestazione del servizio di intermediario è il luogo in cui il destinatario ha stabilito la propria attività economica autonoma / art.21, comma 2 della  legge sull’imposta sul valore aggiunto – Закон за Данък Върху Добавената Стойност (ЗДДС) (1)
L’Art. 117 del Regolamento per l’applicazione della  legge sull’imposta sul valore aggiunto ПРАВИЛНИК ЗА ПРИЛАГАНЕ НА ЗАКОНА ЗА ДАНЪК ВЪРХУ ДОБАВЕНАТА СТОЙНОСТ  (ППЗДДС) determina il contenuto e le condizioni per la presentazione della dichiarazione VIES. Essa è redatta sulla base dei dati di sintesi delle scritture contabili di cui all’art. 124, par. 1 della legge sull’imposta sul valore aggiunto – Закон за Данък Върху Добавената Стойност (ЗДДС), che non comprende i documenti fiscali rilasciati in relazione agli anticipi ricevuti per cessioni intracomunitarie di beni, nonché le cessioni di beni e servizi con luogo di prestazione in un altro Stato membro, per le quali i destinatari non sono registrati ai fini delle persone IVA. L’anticipo ricevuto (in tutto o in parte) da un intermediario in un’operazione tripartita non deve essere incluso nella dichiarazione VIES. Se ci sono più consegne nello stesso periodo a un fornitore, i dati di queste consegne sono inclusi in una riga nella dichiarazione VIES come dati aggregati.

È importante sapere che non tutte le forniture per le quali il destinatario è tassato sono incluse nella dichiarazione VIES. Ad esempio, le consegne di merci mediante montaggio e installazione in un luogo di adempimento in un altro Stato membro non sono riportate nella dichiarazione VIES. Lo stesso vale per le consegne di cui all’art. 21, par. 4 con luogo di adempimento in un altro Stato membro. L’Art. 117, par. 8 della legge sull’imposta sul valore aggiunto – Закон за Данък Върху Добавената Стойност (ЗДДС) consente non ancora ricomprese nella dichiarazione VIES le prestazioni di servizi di cui all’art. 21, par. 2 della legge sull’imposta sul valore aggiunto , quando la prestazione di tali servizi è esente nello Stato membro in cui viene effettuata la prestazione.

È importante notare che le correzioni di errori nella dichiarazione VIES sono apportate dall’ordinanza dell’art. 126, cpv. 2 e par. 3, punto 1 per legge. Non è previsto l’adeguamento della dichiarazione VIES di cui all’art. 126, cpv. 3, comma 2, della legge sull’imposta sul valore aggiunto – Закон за Данък Върху Добавената Стойност (ЗДДС) .

L’Art. 179, cpv. 1 della legge sull’imposta sul valore aggiunto – Закон за Данък Върху Добавената Стойност (ЗДДС) determina la sanzione per chi è obbligato, ma non presenta:

  • la dichiarazione di riferimento ai sensi dell’art. 125, cpv. 1 della legge sull’imposta sul valore aggiunto (Per ciascun periodo d’imposta l’iscrizione ex art. 96 , 97 , 97a , 99 e dell’art. 100, par. 1 e 2 devono presentare una dichiarazione di riferimento, redatta sulla base delle scritture contabili di cui all’art. 124);
  • la dichiarazione VIES (Value Added Tax Information Exchange System) di cui all’art. 125, cpv. 2 della legge sull’imposta sul valore aggiunto;
  • i registri contabili di cui all’art. 124 della legge sull’imposta sul valore aggiuntoo non li presenta nei termini prescritti,
L’ammenda è stabilita nella misura da 500 a 10.000 BGN.

Come presentare le dichiarazioni VIES

La dichiarazione VIES è presentata elettronicamente all’Agenzia nazionale delle entrate Bulgara ( Национална агенция за приходите (НАП (NAP)), salvo casi eccezionali previsti dalla legge sull’IVA. Nel caso generale, la dichiarazione viene presentata tramite il portale dell’Agenzia nazionale delle entrate Bulgara per i servizi accessibili con firma elettronica qualificata (квалифициран електронен подпис (КЕП)). Per utilizzare il servizio, il richiedente o una persona da lui autorizzata deve pre-dichiararne l’utilizzo nell’ordine generale di richiesta di utilizzo dei servizi firma elettronica qualificata forniti dall’Agenzia nazionale delle entrate Bulgara .

Quando vengono presentate le dichiarazioni VIES

La dichiarazione VIES deve essere presentata entro il 14° giorno del mese successivo al periodo d’imposta cui si riferisce.

Risultato della presentazione

La corretta presentazione della dichiarazione VIES è confermata dall’Agenzia nazionale delle entrate Bulgara mediante l’emissione di un protocollo per la sua accettazione.

Sanzione

L’omissione per mancata presentazione o mancata presentazione della dichiarazione-VIES nei termini previsti costituisce motivo di sanzione per le persone fisiche non commercianti, ovvero con una sanzione patrimoniale – per le persone giuridiche e le ditte individuali nella misura di BGN da 500 a 10.000.

Oltre alla sanzione amministrativa prevista, la mancata presentazione o la presentazione di una dichiarazione VIES con carenze può comportare la non applicazione dell’aliquota zero sulle cessioni intracomunitarie o sullo stoccaggio a vista.

(1) Il luogo di adempimento in caso di prestazione di un servizio, quando il destinatario è un soggetto passivo, è il luogo in cui il destinatario ha stabilito la sua attività economica indipendente. Se tali servizi sono prestati a una stabile organizzazione situata in un luogo diverso da quello in cui il destinatario ha stabilito la sua attività economica indipendente, il luogo di prestazione è il luogo in cui si trova tale stabile organizzazione. In mancanza di un luogo di stabilimento di un’attività economica indipendente o di una stabile organizzazione, il luogo della prestazione è il luogo di residenza permanente o di residenza abituale del beneficiario.

BULGARIA – RICOSTRUZIONE DI IMPRESE INSOLVENTI – PIANO DI RISTRUTTURAZIONE

In Bulgaria le procedure di ricostruzione delle società commerciali insolventi  sono disciplinate dagli articoli da 696 a 709 del Codice Commerciale Bulgaro. Ai sensi dell’articolo 696 del Codice Commerciale, il piano di ristrutturazione può comprendere il rinvio o la sospensione degli obblighi di pagamento dovuti, l’annullamento parziale o persistente degli obblighi di pagamento dovuti, la riorganizzazione della società nonché altre azioni e transazioni legali. Anche la vendita di società commerciali può rientrare nel piano di ristrutturazione.

Possono proporre un piano di ristrutturazione i seguenti soggetti:

  • Il debitore fallimentare;
  • Il curatore fallimentare;
  • I creditori fallimentari con almeno un terzo dei crediti fallimentari;
  • I soci  o soci  del debitore fallimentare con quote di capitale pari ad almeno un terzo;
  • Partner a responsabilità illimitata;
  • 20% dei dipendenti  rispetto alla società commerciale .

La proposta del piano di ristrutturazione deve essere presentata entro un mese dall’apertura della procedura concorsuale. Il tribunale decide se passare il piano di ristrutturazione per ulteriore esame all’assemblea del creditore. Il tribunale determina una data per l’assemblea del creditore entro 45 giorni dalla sua decisione in merito al piano di ristrutturazione. I creditori fallimentari votano il piano di ristrutturazione. Hanno diritto di voto solo i creditori le cui pretese sono state accettate (e coloro che hanno ottenuto tale diritto). I creditori votano separatamente secondo categorie definite dalla legge; il piano deve essere approvato da ciascuna categoria di creditori a maggioranza semplice dei voti sulle pretese della rispettiva categoria. Dopo l’approvazione del piano di ristrutturazione da parte dei creditori, deve essere confermato dal tribunale fallimentare.

Il piano di ristrutturazione crea nuovi diritti e obblighi. Il piano di ristrutturazione è dopo la sua conferma attraverso il tribunale vincolante per i creditori (anche per coloro che hanno votato contro il piano) e il debitore. Il piano di ristrutturazione rivede completamente i crediti. Con la conferma giudiziale si estingue la procedura concorsuale. Il debitore è obbligato a rispettare i suoi obblighi. Con la conclusione della procedura concorsuale vengono ripristinati anche i diritti del debitore.

LA PROCEDURA CONCORSUALE IN BULGARIA

In Bulgaria l’insolvenza è vista come una specie di esecuzione coattiva universale ed è regolata dal Codice Commerciale BulgaroТЪРГОВСКИ ЗАКОН. Le differenze tra questa esecuzione coatta universale e le esecuzioni coattive individuali sono le seguenti:

L’esecuzione coatta universale in Bulgaria

  • Viene aperta su richiesta di uno o più creditori, del liquidatore , del tribunale o dell’registro delle imprese ;
  • L’esecuzione coattiva è mirata all’intero patrimonio del debitore;
  • Il procedimento si apre con la decisione del tribunale e si sviluppa sotto la sua supervisione.

Condizioni per l’apertura della procedura concorsuale

Poiché in Bulgaria la procedura di insolvenza può essere aperta solo nei confronti di un professionista, il debitore fallimentare deve avere caratteristiche commerciali . La legge sull’insolvenza bulgara non conosce l’insolvenza personale in quanto esiste in Germania. Inoltre, deve essere stata accertata l’insolvenza o un eccessivo indebitamento del debitore fallimentare. L’eccessivo indebitamento vale come causa di insolvenza solo per le società di capitali ( Società a Responsabilità Limitata , Società Per Azioni , Società in Accomandita per Azioni ).

Ai sensi dell’articolo 608 del Codice Commerciale Bulgaro, un commerciante è insolvente se non è in grado di pagare gli obblighi monetari dovuti (derivanti da transazioni commerciali; o relativi a doveri pubblici verso lo Stato e ai comuni connessi alla loro attività commerciale, o obbligazioni statali private ) che provengono dalla sua attività commerciale. L’insolvenza si presume se il debitore fallimentare ha sospeso i suoi pagamenti; e nel caso abbia pagato le sue obbligazioni monetarie in tutto o in parte solo a più creditori.

Una società di capitali è indebitata se il patrimonio della società non è sufficiente a coprire tutte le obbligazioni monetarie (articolo 742, paragrafo 1, del Codice Commerciale Bulgaro).

La procedura concorsuale può avere due obiettivi alternativi: una ricostruzione aziendale con proseguimento dell’impresa o soddisfazione dei debitori e liquidazione dell’impresa.

Possono presentare domanda di apertura della procedura concorsuale i seguenti soggetti:

  1. Il debitore stesso – è obbligato a presentare domanda di insolvenza entro 30 giorni dal verificarsi dell’insolvenza o dell’eccessivo indebitamento. La domanda deve essere presentata dal debitore, da un rappresentante o dai suoi eredi.
  2. Il liquidatore;
  3. Ciascun creditore di operazioni di vendita;
  4. Un membro dell’organo di gestione della società di capitale;
  5. L’agenzia anagrafica.

Il tribunale decide sull’apertura della procedura di insolvenza. Il tribunale distrettuale presso la sede del debitore fallimentare è competente ai sensi dell’articolo 613 del Codice Commerciale Bulgaro. Il tribunale ha le seguenti competenze:

  1. Delibera sull’apertura di una procedura concorsuale se ricorrono i presupposti di legge. In questo caso, il giudice può:
  • Attestare l’insolvenza/l’eccessivo indebitamento;
  • Attestare il momento in cui si è verificata l’insolvenza/eccessivo indebitamento;
  • Aprire la procedura concorsuale.
  1. Il tribunale nomina un curatore fallimentare; ordina misure di tutela a tutela dei beni; determina la prima data dell’assemblea dei creditori entro un mese dall’adozione della decisione.
  2. Il rigetto della domanda di apertura della procedura concorsuale se non sono soddisfatte le condizioni richieste;
  3. Emettere un’ordinanza giudiziaria sull’apertura di una procedura concorsuale unitamente alla contestuale dichiarazione di insolvenza della società se la massa fallimentare dovesse essere pregiudicata dall’attività continuativa;
  4. Emettere un’ordinanza del tribunale sulla cessazione della procedura se i beni non sono sufficienti a coprire le spese della procedura concorsuale. Il procedimento può essere proseguito se il richiedente sostiene le spese in anticipo.

L’ordinanza del tribunale è efficace nei confronti di tutti; nei confronti dei creditori così come nei confronti del debitore fallimentare. Per quanto riguarda il debitore, l’insolvenza assomiglia a un’incapacità legale in quanto dal momento dell’ingiunzione del tribunale può agire solo d’accordo con il curatore fallimentare. Nei casi in cui la situazione del debitore fallimentare sia estremamente difficile, è possibile vietare azioni di qualsiasi tipo.

Per quanto riguarda i creditori, l’ordinanza del tribunale pone fine a tutti i procedimenti giudiziari ed esecutivi in ​​corso.

I pignorati devono pagare i loro obblighi al curatore fallimentare.

Accordi stragiudiziali

Ai sensi dell’articolo 740 del Codice Commerciale Bulgaro, gli accordi extragiudiziali tra il debitore fallimentare ei creditori fallimentari possono essere stipulati in qualsiasi momento della procedura in corso. Devono essere soddisfatte le seguenti condizioni:

  • Il debitore fallimentare e tutti i creditori fallimentari devono essere coinvolti nell’accordo;
  • L’accordo può essere concluso solo dopo l’accettazione delle domande da parte del tribunale;
  • Non è necessario che sia pendente un procedimento relativo a un’azione dichiarativa ai sensi dell’articolo 694, paragrafo 1, del Codice Commerciale Bulgaro.

Il curatore fallimentare non partecipa come parte alla conclusione dell’accordo. L’accordo è stipulato tra il curatore fallimentare ei creditori fallimentari. Con la conclusione dell’accordo si estingue la procedura concorsuale. La conclusione del contratto richiede una forma scritta. Se il debitore non rispetta i suoi obblighi contrattuali e se i crediti non pagati ammontano almeno al 15 % del credito totale, i creditori fallimentari hanno il diritto di chiedere il rinnovo della procedura di insolvenza. Se le procedure concorsuali vengono rinnovate, le procedure di ristrutturazione  sono escluse.

L’IMPRENDITORE SECONDO IL DIRITTO COMMERCIALE BULGARO

In Bulgaria, l’imprenditore è il principale partecipante al commercio. Le sue attività e la sua forma giuridica sono soggette a un ordinamento giuridico speciale. Secondo l’ articolo 1 del Codice Commerciale Bulgaro – ТЪРГОВСКИ ЗАКОН , le seguenti tre condizioni determinano questo carattere giuridico:

– l’imprenditore è un soggetto di diritto civile – una persona fisica o giuridica o una persona giuridica;

– l’imprenditore è impegnato in una delle attività di cui all’articolo 1, paragrafo 1, della legge commerciale;

– L’attività è organizzata professionalmente con fini di lucro (anche se non elencati nell’art. 1, comma 1).

Se l’imprenditore è una persona fisica, deve essere legalmente competente e legalmente responsabile per partecipare al commercio. Per quanto riguarda le persone giuridiche, queste due condizioni sono soddisfatte con la costituzione della loro entità giuridica.

Un’altra condizione per l’individuazione giuridica come imprenditore è lo svolgimento di determinati tipi di transazioni. L’attenzione si concentra sulle transazioni commerciali elencate nell’articolo 1, paragrafo 1, del Codice Commerciale Bulgaro. Il comma 3 dell’articolo 1 prevede le eccezioni a tale prescrizione. Di conseguenza, le persone sono valutate come commercianti anche se la loro attività commerciale richiede un’organizzazione commerciale per natura e portata.

Una caratteristica generale di ogni imprenditore è la condotta commerciale delle transazioni. Pertanto, queste transazioni devono essere condotte regolarmente, per coincidenza, e con l’obiettivo di realizzare un profitto. Ciò vale sia per le persone fisiche che per le persone giuridiche. L’ultima categoria – i soggetti commerciali – è riconosciuta come esercente solo per la sua forma di organizzazione come società  o associazioni commerciali.

Le persone che non sono considerate imprenditori sono esattamente enumerate nell’articolo 2 del Codice Commerciale Bulgaro. La loro caratteristica principale è lo svolgimento del lavoro personale e la mancanza di un’organizzazione commerciale organizzata. Questi includono ad es. persone fisiche impegnate nell’agricoltura, liberi professionisti, persone che prestano servizi alberghieri affittando stanze nella propria casa ecc. L’ultima restrizione non include l’affitto commerciale di stanze.

Inoltre, secondo il del Codice Commerciale Bulgaro, gli imprenditori possono essere classificati in due gruppi: commercianti per quanto riguarda la loro attività (transazioni commerciali o stabilimenti commerciali che richiedono un’organizzazione commerciale) e commercianti per quanto riguarda la loro costituzione. Il secondo gruppo comprendeva tutte le tipologie di società definite nell’articolo 64 del Codice Commerciale Bulgaro: Società in nome collettivo, Società in Accomandita Semplice, Società a Responsabilità Limitata  , Società Per Azioni e Società in Accomandita per Azioni  .

SCIOGLIMENTO E LIQUIDAZIONE DI SOCIETÀ COMMERCIALI IN BULGARIA

La liquidazione è l’ultima fase dell’esistenza di una società commerciale . In questa fase, la società commerciale esiste ancora come persona giuridica ma non esercita attività commerciali né effettua transazioni commerciali. I commercianti  mantengono il loro carattere commerciale fino alla loro cancellazione dal registro. La liquidazione è conseguenza dello scioglimento dell’attività d’impresa.

La liquidazione è una procedura extragiudiziale. Il suo scopo è quello di dividere il patrimonio dell’azienda tra i soci. La procedura di liquidazione è disciplinata dal capitolo 17 (artt. da 266 a 274) del Codice Commerciale BulgaroТЪРГОВСКИ ЗАКОН. Ai sensi dell’articolo 266 del Codice Commerciale, la procedura è condotta da uno o più liquidatori. I liquidatori possono essere nominati dall’assemblea generale, dai soci illimitatamente responsabili o dal tribunale. Ai sensi dell’articolo 269, comma 1, del Codice Commerciale, il consenso autenticato notarile e il facsimile della firma sono registrati nel registro delle imprese . Ai liquidatori è affidata la responsabilità della direzione e della rappresentanza della società.

In Bulgaria la liquidazione si sviluppa in 4 fasi:

  1. Nella prima fase vengono sospese le attività della società, viene nominato un liquidatore e viene fissato un termine per lo scioglimento. Inoltre, devono essere notificati i creditori della società; tale notifica è iscritta nel registro di commercio.
  2. Nella seconda fase, deve essere stabilito il volume del patrimonio della società al momento della liquidazione. Il liquidatore deve presentare all’assemblea generale una relazione e un bilancio.
  3. La terza fase della liquidazione comprende il recupero dei crediti insoluti, l’adempimento di tutti gli obblighi nonché la trasformazione in denaro del patrimonio della società. Nuove operazioni possono essere concluse solo se hanno un collegamento con la liquidazione. Per completare la liquidazione, tutti i creditori devono essere soddisfatti. L’articolo 267 del Codice Commerciale presuppone che i creditori debbano esigere la loro pretesa a causa dell’invito pubblicato.
  4. Nell’ultima fase, l’intero patrimonio che rimane dopo l’adempimento degli obblighi e il recupero dei crediti in sospeso viene diviso tra i partner. Solo successivamente i liquidatori possono chiedere la cancellazione della società dal registro di commercio.

L’articolo 274 del Codice Commerciale prevede la possibilità che una società possa essere continuata a determinate condizioni. Ciò è possibile solo se lo scioglimento è stato implicito in un termine o in una decisione dell’organo competente della società e se la divisione del patrimonio tra i soci non è ancora iniziata. Inoltre, la prosecuzione richiede la deliberazione degli organi gestori e da parte dei liquidatori la pubblicazione della delibera nel registro delle imprese.

Ai sensi dell’articolo 611 del Codice Commerciale, la procedura concorsuale  può essere aperta nei confronti della società se nel corso della procedura di liquidazione è stata rilevata l’insolvenza della società.