Archivi categoria: IVA – Bulgaria

Bulgaria: reverse charge in agricoltura per l’acquisto di cereali e colture tecniche

Nell’allegato 2 della legge sull’IVA (Закон за Данък Върху Добавената Стойност (ЗДДС), le colture agricole come grano, riso, girasole, miglio, colza, barbabietola da zucchero e altri sono il primo gruppo di merci su cui viene applicato il meccanismo dell’inversione contabile sono . Non importa se il venditore sia un commerciante o un produttore.

Se il fornitore di cereali e colture tecniche è un soggetto passivo e il destinatario della fornitura è anche un soggetto passivo, il fornitore emette una fattura in cui, come motivo per non addebitare l’IVA, viene indicato “inversione contabile dell’IVA ai sensi dell’articolo 163 bis, paragrafo 2, della legge sull’IVA”.

Il destinatario redige un protocollo ai sensi dell’art. 117, par. 2 della legge sull’IVA con i requisiti richiesti dalla legge.

Il protocollo deve essere emesso entro 15 giorni dalla data in cui l’imposta è diventata esigibile e si riflette nel registro delle vendite per il periodo durante il quale è stato emesso.

Il destinatario ha il diritto di detrarre l’imposta che ha addebitato solo registrando il protocollo con cui è stato addebitato e riportato nel registro degli acquisti nel mese in cui si è verificato il diritto o in uno dei 12 mesi successivi.

Esempio:

Il fornitore è un soggetto passivo e vende grano per 5.000 BGN al destinatario, anch’esso soggetto passivo.

Fornitore A: emette una fattura per BGN 5000 in cui registra come motivo di non addebito dell’IVA “inversione contabile ai sensi dell’articolo 163 bis, paragrafo 2, della legge sull’IVA “.

Destinatario B: emette al momento dell’acquisto un protocollo ai sensi dell’articolo 117, paragrafo 2 della legge sull’IVA (5000 BGN х 20% = 1000 BGN), protocollo che si riflette anche nel giornale di vendita.

È molto importante per il fornitore assicurarsi che il destinatario sia un soggetto passivo ai sensi della legge sull’IVA.

Laddove un fornitore sia una persona non passiva (persona fisica che non è un imprenditore individuale o un agricoltore), non è in grado di emettere fatture fiscali. In questo caso, il destinatario redige alla fine del mese un registro generale di tutte le consegne per le quali l’imposta è diventata esigibile. Questo record è indicato nel registro delle vendite. Il diritto a un credito d’imposta viene rivendicato registrando nel registro e nel registro acquisti nel mese in cui si è verificato o in uno dei seguenti 12 periodi fiscali (mensili).

Laddove il fornitore di cereali o colture tecniche sia un soggetto passivo registrato ai sensi della legge sull’IVA ma il destinatario sia un soggetto passivo non registrato ai sensi della legge sull’IVA, il fornitore documenta la fornitura emettendo una fattura in cui è stata addebitata l’imposta sul valore aggiunto, e il beneficiario non imponibile non applica il meccanismo di inversione contabile. La fattura emessa dal fornitore deve riflettersi nel registro delle vendite dalla colonna 1 alla colonna 12 per il periodo fiscale in cui è stata emessa.

Quando i soggetti passivi applicano il meccanismo dell’inversione contabile, sarebbero sicuramente interessati alla possibilità di un rimborso accelerato. È rimborsato entro 30 giorni dalla presentazione della relativa dichiarazione quando:

  • Un soggetto passivo ha effettuato, negli ultimi 12 mesi precedenti il ​​periodo in corso, forniture imponibili a un’aliquota zero pari a oltre il 30% del valore di tutte le consegne del periodo, comprese quelle cessioni a tasso zero;
  • Un soggetto passivo ha effettuato consegne con un’aliquota del 20% negli ultimi 12 mesi prima del mese corrente, oltre il 50% di tutte le forniture imponibili.

Come risulta dall’applicazione del meccanismo di inversione contabile dell’IVA, è possibile evitare flussi di cassa reali per l’IVA addebitata, pagata e detratta.

L’allegato 2della legge sull’IVA elenca in dettaglio le merci alle quali il cessionario applica il meccanismo di inversione contabile e gli operatori hanno un ottimo elenco di monitoraggio e osservazione. L’elenco delle consegne con un luogo di esecuzione del territorio della Bulgaria è in continua evoluzione in quanto è generalmente integrato. A questo proposito, è bene citare la sezione II “Prodotti vegetali”, capitolo 10 “Cereali”, “Osservazioni”, articolo 1, lettera b), del regolamento n. 1006/2011 in base al quale “la testa non comprende i cereali, scafo o altrimenti preparato “.

In una lettera interpretativa della direzione della „ОДОП“ на НАП, si dice che il capitolo diciannove della legge sull’IVA non si applica alle sementi sbucciate e confezionate.

È possibile che un commerciante incontri un venditore che ha emesso una fattura con IVA inclusa quando l’imposta non avrebbe dovuto essere addebitata. In questo caso, per il commerciante, l’acquirente della transazione non ha diritto a un credito d’imposta per un’imposta non correttamente addebitata, situazione regolata dalla disposizione dell’articolo 70, paragrafo 5 della legge sull’IVA.

L’IVA in Bulgaria in sintesi

Aliquote d’imposta sul valore aggiunto

Aliquota ordinaria 20%; 9% per servizi di alberghieri.

Diritto alla detrazione dell’IVA a monte

Le società registrate in Bulgaria  possono compensare l’IVA addebitata sulle vendite (IVA a valle) rispetto all’IVA pagata sulle forniture bulgare (IVA a monte). Ciò include l’IVA addebitata sull’importazione di beni. Ci sono alcune esenzioni che includono:

  • Attività non commerciali
  • Forniture gratuite
  • Rappresentanza e intrattenimento
  • Acquisto e manutenzione di automobili

*Con diritto di detrarre l’IVA – forniture intracomunitarie, esportazione verso paesi non UE, trasporto internazionale di merci e passeggeri, alcune forniture relative al trasporto internazionale, vendita di merci esenti da dazi a determinate condizioni, talune transazioni relative al commercio internazionale , forniture specifiche nell’ambito di trattati internazionali, ecc.
* Nessun diritto di detrarre l’IVA – trasferimento o affitto di terreni o diritti reali su terreni (ad eccezione di terreni edificabili e terreni adiacenti a nuovi edifici), trasferimento di vecchi edifici o di loro parti, affitto a scopo abitativo a privati ​​(l’opzione per tassare queste transazioni è possibile); servizi finanziari e assicurativi; gioco d’azzardo; alcuni servizi relativi a salute, istruzione, religione, cultura, ecc .; altre forniture specifiche (ad es. importazione di determinate merci e fino a un limite, ecc.)

Registrazione dell’imposta sul valore aggiunto

I soggetti sono tenuti a registrarsi ai fini IVA se hanno eseguito:
* Transazioni con un luogo di rifornimento in Bulgaria con un fatturato superiore a 50 mila BGN (circa 25,6 mila euro) negli ultimi 12 mesi
* Acquisizioni intracomunitarie superiori a BGN 20 migliaia (circa EUR 10,2 migliaia) nel corso dell’anno civile
* Vendite a distanza in Bulgaria superiori a 70 migliaia di BGN (circa 35,8 migliaia di EUR) durante l’anno civile
I soggetti di uno Stato membro dell’UE che effettuano forniture di beni con installazione in Bulgaria a clienti non registrati ai fini IVA sono obbligati a registrarsi indipendentemente dal loro fatturato tassabile.
I soggetti esteri che ricevono servizi con un luogo di fornitura in Bulgaria per i quali il destinatario è tenuto a pagare l’IVA bulgara sono tenuti a registrarsi indipendentemente dal loro fatturato tassabile.
Qualsiasi entità può richiedere la registrazione volontaria dell’IVA. Tuttavia, se registrato volontariamente, tale entità non sarà in grado di annullare la registrazione per due anni successivi all’anno di registrazione.

Rappresentante Fiscale

Conformemente alle Direttive UE sull’IVA, un rappresentante o un agente fiscale locale bulgaro non è richiesto per una società residente in un altro stato membro dell’UE e tali società possono registrarsi direttamente alle entrate bulgare. Tuttavia, un rappresentante fiscale, che è responsabile congiuntamente dell’IVA bulgara, è richiesto dalle entrate bulgare per le società non UE. Un rappresentante fiscale non è richiesto da società non UE stabilite in un paese in cui è in vigore un trattato di mutua assistenza con la Bulgaria.

All’atto di registrazione il NAP richiederà che i moduli appropriati siano compilati e presentati con la seguente documentazione:

  • Registrazione fiscale e IVA dal paese di residenza
  • Dettagli del fatturato tassabile in Bulgaria
  • Statuto.
  • Un estratto dal registro di commercio nazionale della compagnia.
  • Dichiarazione di assenza di precedenti penali

Le società stabilite non UE devono ottenere un codice di identificazione fiscale (TIN) prima di registrarsi per l’IVA. Questo può essere fatto online utilizzando il modulo di registrazione “BULSTAT” dell’Istituto nazionale di statistica.

Reverse charge

Le entità estere non stabilite e non registrate IVA in Bulgaria che effettuano determinate forniture a imprese locali non dovranno registrarsi ai fini IVA. L’IVA sarà auto-caricata dal cliente locale.
Le forniture alle quali si applica in reverse charge includono:
* Servizi forniti alle imprese (con alcune eccezioni)
* Fornitura di beni con installazione
* Fornitura di gas naturale ed elettricità
* Fornitura di beni nell’ambito di una transazione triangolare (cioè una fornitura di beni tra tre entità Registrazione IVA in tre diversi Stati membri dell’UE: a determinate condizioni, il cliente finale può addebitare l’IVA, mentre le forniture per le prime due entità sono esenti dal diritto alla detrazione dell’IVA in entrata)

Dichiarazioni IVA mensili

Una società In Bulgaria iscritta all’IVA è obbligata a presentare all’Agenzia delle Entrate Nazionale (NAP – Национална агенция за приходите) le dichiarazioni IVA mensili (insieme ai libri contabili di acquisto e di vendita), indipendentemente dal fatto che la società bulgara abbia effettuato acquisti o vendite durante il periodo di riferimento (coincidente con il mese).

Al momento dell’esecuzione di una fornitura o di transazioni / transazioni intracomunitarie registrate con società UE IVA / in un determinato mese, la società bulgara è inoltre tenuta a presentare una dichiarazione INTRASTAT (per la circolazione di merci tra gli Stati membri dell’UE).

Le soglie sopra le quali la società bulgara deve iniziare a presentare le dichiarazioni INTRASTAT sono 150.000 BGN per gli arrivi (merci ricevute in Bulgaria da altri Stati membri dell’UE) e BGN 300.000 per le spedizioni (merci fornite ad altri Stati membri dell’UE) eseguite nell’anno in corso. Le soglie sono riviste annualmente dalle autorità.

La terza dichiarazione che una  società in Bulgaria è obbligata a presentare, nuovamente su base mensile, è la dichiarazione VIES(elenchi di vendita CE) nel caso in cui la società effettui forniture intracomunitarie, forniture di servizi soggetti a reverse-charge o sia un intermediario nella cosiddetta “transazione triangolare”.

Se nessuna delle forniture di cui sopra viene eseguita nel mese corrente, non è richiesta la presentazione della dichiarazione INTRASTAT o VIES per il mese in questione.

La dichiarazione IVA insieme ai registri della società bulgara (e anche la dichiarazione VIES se richiesta) deve essere presentata entro 14 giorni dal mese di riferimento (le dichiarazioni Intrastat sono archiviate solo elettronicamente fino al decimo giorno successivo al mese a cui si riferiscono). Le dichiarazioni IVA e VIES possono essere archiviate anche elettronicamente con l’uso della firma elettronica universale. 

l’IVA dovuta  deve essere pagata entro lo stesso termine.

Rimborsi e pagamenti dell’imposta sul valore aggiunto

Le dichiarazioni IVA mensili sono archiviate e l’imposta è dovuta entro il 14 del mese successivo. Il periodo di imposta è mensile.
I rendimenti delle liste di vendita europee (VIES) devono essere archiviati mensilmente entro lo stesso termine se le forniture intracomunitarie di beni o determinati servizi sono state eseguite durante il rispettivo mese.

L’IVA può essere rimborsata tramite la dichiarazione IVA entro:
* 2 mesi (periodo di riporto e compensazione dell’IVA esigibile contro IVA pagabile) e 30 giorni di deposito dell’ultima dichiarazione IVA (periodo per il rimborso effettivo)
* 30 giorni di presentazione dell’IVA restituzione per gli enti che hanno effettuato cessioni esenti con diritto a detrazione superiore al 30% del fatturato totale derivante da forniture imponibili negli ultimi 12 mesi
Un investitore in un grande progetto di investimento che ha ricevuto l’autorizzazione dal ministero delle Finanze può ricevere un rimborso entro 30 giorni. L’investitore può anche applicare l’inversione contabile per l’IVA sull’importazione di beni (senza deflussi di cassa effettivi).
Le entità straniere con sede nell’UE che non sono registrate e stabilite ai fini IVA in Bulgaria possono ricevere un rimborso dell’IVA a livello locale sostenuta per beni e servizi utilizzati per forniture con un luogo di fornitura al di fuori della Bulgaria. È necessario seguire una procedura specifica dinanzi alle autorità dello Stato membro di stabilimento dell’UE.
Le entità non basate nell’UE possono avere diritto a un rimborso su base reciproca (ossia, se il loro paese di residenza fiscale fornisce il diritto al rimborso dell’IVA alle entità bulgare). Una procedura specifica deve essere seguita dalle autorità fiscali bulgare.

Intrastat

Intrastat è un sistema per la raccolta di dati statistici sui movimenti di merci all’interno della comunità tra la Bulgaria e gli altri stati membri dell’UE.
Tutte le entità registrate IVA in Bulgaria devono presentare i rendimenti Intrastat se le soglie per i movimenti di merci in entrata (“arrivo”) e in uscita (“dispacciamento”) tra la Bulgaria e gli altri stati membri dell’UE vengono superate.
Le soglie che determinano l’obbligo di presentare i rendimenti Intrastat  sono (le soglie sono aggiornate annualmente):
* BGN 410 mila  per l’arrivo delle merci;
* BGN 240 mila  per la spedizione di merci
Il termine ultimo per la presentazione delle dichiarazioni Intrastat è il decimo giorno del mese successivo al mese di arrivo o di spedizione della merce.

Bulgaria – Le dichiarazioni Iva mensili

Una società In Bulgaria iscritta all’IVA è obbligata a presentare all’Agenzia delle Entrate Nazionale (NAP – Национална агенция за приходите) le dichiarazioni IVA mensili (insieme ai libri contabili di acquisto e di vendita), indipendentemente dal fatto che la società bulgara abbia effettuato acquisti o vendite durante il periodo di riferimento (coincidente con il mese).

Al momento dell’esecuzione di una fornitura o di transazioni / transazioni intracomunitarie registrate con società UE IVA / in un determinato mese, la società bulgara è inoltre tenuta a presentare una dichiarazione INTRASTAT (per la circolazione di merci tra gli Stati membri dell’UE).

Le soglie per la dichiarazione secondo il sistema Intrastat sono determinate con un Ordine del Presidente dell’Istituto Nazionale di Statistica entro la fine di ottobre dell’anno in corso e sono valide per tutto l’anno successivo.

Le soglie di esenzione per il 2019 sono:

– per la dichiarazione delle spedizioni – 280 000 BGN;

– per la dichiarazione di arrivi – BGN 460 000.

La terza dichiarazione che una  società in Bulgaria è obbligata a presentare, nuovamente su base mensile, è la dichiarazione VIES (elenchi di vendita CE) nel caso in cui la società effettui forniture intracomunitarie, forniture di servizi soggetti a reverse-charge o sia un intermediario nella cosiddetta “transazione triangolare”.

Se nessuna delle forniture di cui sopra viene eseguita nel mese corrente, non è richiesta la presentazione della dichiarazione INTRASTAT o VIES per il mese in questione.

La dichiarazione IVA insieme ai registri della società bulgara (e anche la dichiarazione VIES se richiesta) deve essere presentata entro 14 giorni dal mese di riferimento (le dichiarazioni Intrastat sono archiviate solo elettronicamente fino al decimo giorno successivo al mese a cui si riferiscono). Le dichiarazioni IVA e VIES possono essere archiviate anche elettronicamente con l’uso della firma elettronica universale. 

l’IVA dovuta  deve essere pagata entro lo stesso termine.