Archivi categoria: Bulgaria – Norme Controlled Foreign Company

In Bulgaria le regole CFC non si applicano se la CFC non è soggetta a tassazione societaria sugli utili nel suo paese di residenza

In Bulgaria le regole CFC non si applicano se la CFC non è soggetta a tassazione societaria sugli utili nel suo paese di residenza

La legislazione fiscale internazionale, nota anche come regole CFC (Controlled Foreign Company), è applicata da un certo numero di paesi come mezzo contro la riduzione dei pagamenti fiscali.

Le varie regole contro le pratiche di evasione fiscale che influenzano direttamente il funzionamento dei mercati nazionali sono delineate nella Direttiva del Consiglio (UE) 2016/1164, nota anche come Direttiva sulla tassazione o Direttiva sull’elusione fiscale, adottata il 12 luglio 2016.

In Europa, le regole CFC sono ampiamente applicabili in Italia, nel Regno Unito, Germania, Russia, Francia e in vari altri luoghi.

L’11 novembre 2018, il parlamento bulgaro ha adottato modifiche alla legge sull’imposta sul reddito delle società ai sensi della direttiva (UE) 2016/1164.

Il meccanismo di funzionamento del CFC è il seguente:

Un contribuente con una società CFC deve includere il reddito della società nel calcolo della base imponibile pertinente per l’anno in corso e pagare l’imposta applicabile nel paese in cui è residente.

Tale società è considerata CFC, se il contribuente ha una partecipazione di controllo diretta o indiretta nel capitale, ha diritto di voto o può partecipare all’utile della società; oppure quando l’imposta pagata da CFC è inferiore a quella stabilita dalla soglia di legge.

Una volta che una società è considerata un CFC, fondamentalmente qualsiasi reddito da quella società dovrebbe essere incluso nella base imponibile del contribuente.

Al fine di evitare la doppia imposizione, gli stati possono consentire al contribuente di pagare un credito d’imposta per le tasse pagate dal CFC o ridurre la base imponibile del contribuente dell’importo delle entrate distribuite dal CFC.

L’altro importante aggiornamento è l’introduzione delle regole CFC, che mirano a combattere la deviazione del reddito da parte dei contribuenti residenti verso le società che controllano e che sono residenti in paesi che impongono una tassazione bassa o nulla.

In base alla nuova misura, al momento di rientrare nella definizione di CFC, l’utile imponibile non distribuito delle entità estere e stabili organizzazioni (PE) controllate dal contribuente sarà soggetto a tassazione in Bulgaria.

La legge ritiene che esista il “controllo” su una società estera o su una PE se il contribuente detiene direttamente o indirettamente più del 50% dei diritti di voto, proprietà o diritto a ricevere più del 50% dei profitti dell’entità.

A seguito della direttiva UE, le regole CFC non saranno applicabili laddove la società controllata svolga “attività economica sostanziale” supportata da personale, attrezzature, beni e locali.

Si applicano alcune misure per evitare la doppia imposizione (ad esempio, credito d’imposta per l’imposta estera pagata dalla CFC all’estero, misure in caso di successiva distribuzione di dividendi).

Un passo indietro

Le regole CFC sono state ampiamente discusse in Bulgaria.

Le nuove regole sono in gran parte il risultato atteso dell’attuazione delle norme CFC della direttiva. Un’eccezione significativa, tuttavia, è il controverso art. 47c Legge sull’imposta sul reddito delle società -Закон за Корпоративното Подоходно Облагане (ЗКПО)della , che differisce dalla bozza iniziale.

La versione finale della nuova legge prevede che le regole CFC non si applicano se la CFC non è soggetta a tassazione societaria sugli utili nel suo paese di residenza.

Ciò si traduce in un’esclusione dei profitti di CFC e PE residenti in paradisi fiscali e che non sono soggetti a tassazione.

Le norme finali restringono quindi in modo significativo il campo di applicazione delle norme CFC rispetto al progetto e, si può dire, fanno un passo indietro in quanto distinte dai principi stabiliti nella direttiva.

Tuttavia, è una questione di tempo per vedere se le modifiche introdotte contribuiranno alla protezione contro la pianificazione fiscale aggressiva nel mercato interno dell’UE.

Le suddette regole CFC e thin capitalization sono entrate in vigore a partire dal 1 ° gennaio 2019.

Alcuni esperti identificano due problemi principali con il funzionamento delle regole CFC in Bulgaria:

  • Il primo è che le regole CFC non si applicano alle tasse delle persone fisicheSe la società è controllata da una persona fisica che è residente fiscale in Bulgaria, le regole CFC bulgare non trovano applicazione.
  • Il secondo problema è che se una potenziale CFC non è soggetta all’imposta sulle società nella sua giurisdizione, non sarà considerata una CFC e le nuove regole non la influenzeranno.