Bulgaria – Non sono soggetti a ritenuta alla fonte I proventi da interessi, royalties e canoni di licenza quando il titolare del reddito è una persona giuridica straniera di uno Stato membro dell’Unione europea, o una sede di attività in uno Stato membro dell’Unione europea, di una persona giuridica straniera di uno Stato membro dell’Unione europea

Bulgaria – Non sono soggetti a ritenuta alla fonte I proventi da interessi, royalties e canoni di licenza quando il titolare del reddito è una persona giuridica straniera di uno Stato membro dell’Unione europea, o una sede di attività in uno Stato membro dell’Unione europea, di una persona giuridica straniera di uno Stato membro dell’Unione europea

La Direttiva 2003/49 / CE (concernente il regime fiscale comune applicabile ai pagamenti di interessi e di canoni fra società consociate di Stati membri diversi) esenta da ogni imposta, sia tramite ritenuta alla fonte sia previo accertamento fiscale,  applicata in uno Stato membro sui pagamenti di interessi o di canoni provenienti da tale Stato a condizione che il beneficiario effettivo degli interessi o dei canoni sia una società di un altro Stato membro o una stabile organizzazione situata in un altro Stato membro, di una società di uno Stato membro.

Ai fini della Direttiva 2003/49 / CE s’intendono per:

a)

«interessi»: i redditi da crediti di qualsiasi natura, garantiti o non da ipoteca e recanti o meno una clausola di partecipazione agli utili del debitore e, in particolare, i redditi derivanti da titoli e da obbligazioni di prestiti, compresi i premi collegati a detti titoli; le penali per tardivo pagamento non sono considerate interessi;

b)

«canoni»: i compensi di qualsiasi natura percepiti per l’uso o la concessione in uso del diritto di autore su opere letterarie, artistiche o scientifiche, comprese le pellicole cinematografiche, e il software, di brevetti, marchi di fabbrica o di commercio, disegni o modelli, progetti, formule o processi segreti o per informazioni concernenti esperienze di carattere industriale, commerciale o scientifico; sono considerati canoni i compensi per l’uso o la concessione in uso di attrezzature industriali, commerciali o scientifiche.

Ai fini della Direttiva 2003/49 / CE s’intendono per:

«società consociata»: una società consociata di una seconda società perlomeno allorché:

i)

la prima detiene una partecipazione diretta minima del 25 % nel capitale della seconda, oppure

ii)

la seconda società detiene una partecipazione diretta minima del 25 % nel capitale della prima, oppure

iii)

una terza società detiene una partecipazione diretta minima del 25 % nel capitale sia della prima sia della seconda.

Le partecipazioni devono comprendere soltanto le società residenti nel territorio della Comunità.

Tuttavia, gli Stati membri possono sostituire il criterio della partecipazione di una quota minima nel capitale con quello di una quota minima dei diritti di voto;

«stabile organizzazione»: una sede fissa di affari situata in uno Stato membro, attraverso la quale una società di un altro Stato membro esercita in tutto o in parte la sua attività.

In Bulgaria la Direttiva 2003/49 / CE è stata recepita con l’introduzione dei commi da 7 a 12 nell’Art. 195 della Legge sull’imposta sul reddito delle società (ЗАКОН ЗА КОРПОРАТИВНОТО ПОДОХОДНО ОБЛАГАНЕ (ЗКПО))

(7) I proventi da interessi, royalties e canoni di licenza non sono soggetti a ritenuta alla fonte quando sono soddisfatte contemporaneamente le seguenti condizioni:
1. il titolare del reddito è una persona giuridica straniera di uno Stato membro dell’Unione europea, o una sede di attività in uno Stato membro dell’Unione europea, di una persona giuridica straniera di uno Stato membro dell’Unione europea;
2. la persona giuridica locale – debitore del reddito, o la persona, il cui luogo di attività economica nella Repubblica di Bulgaria è un pagatore del reddito, è una persona correlata con la persona giuridica straniera – titolare del reddito, o con la persona il cui luogo di attività economica è titolare del reddito.
(8) I proventi da interessi, royalties e canoni di licenza non possono essere soggetti a ritenuta alla fonte anche prima della scadenza del termine di cui al paragrafo 1.. 12, comma 2, fermo restando che al momento della maturazione del reddito non si interrompe il possesso del minimo richiesto del capitale.
(9) Nei casi di cui al par. 8, quando il possesso del minimo richiesto del capitale si interrompe prima della scadenza del termine minimo di due anni, per lo svincolo di cui al par. 8 Il reddito da interessi, royalties e canoni è dovuto all’imposta alla fonte, applicando l’aliquota fiscale del 10%. Per l’imposta dovuta alla fonte, sono dovuti interessi di mora per il periodo dalla data in cui avrebbe dovuto essere pagata l’imposta alla fonte fino alla data del suo pagamento.
(10)  Quando il reddito non imponibile da interessi, royalties e diritti di licenza è tassato, il titolare del reddito ha il diritto di richiedere il rimborso dell’imposta. . Il rimborso dovrà essere effettuato secondo la procedura ed entro i termini del Codice di procedura fiscale e previdenziale , ma non oltre un anno dalla presentazione della richiesta di rimborso.
(11)  I paragrafi 7, 8, 9 e 10 non si applicano a:
1. reddito, che rappresenta la distribuzione del profitto o il rendimento del capitale;
2. proventi da crediti per debiti, che danno diritto a partecipare agli utili del debitore;
3. proventi da crediti debitori, che danno al creditore il diritto di sostituire il suo diritto agli interessi con il diritto di partecipare agli utili del debitore;
4. proventi da crediti per debiti per i quali non è prevista alcuna clausola di rimborso del capitale o il rimborso è oltre 50 anni dalla data di emissione del debito;
5. redditi, rappresentativi di spese non riconosciute ai fini fiscali in un luogo di attività economica nella Repubblica di Bulgaria, ad eccezione di quelle di cui all’art. 43 ;
6. reddito maturato da una persona giuridica straniera da uno Stato, che non è uno Stato membro dell’Unione Europea, attraverso un luogo di attività economica nella Repubblica di Bulgaria;
7. proventi da operazioni per le quali il motivo principale o uno dei motivi principali è la deviazione o l’evasione fiscale.
(12)  Ai fini del par. 7-11:
1. Il soggetto giuridico estero di uno Stato membro dell’Unione europea è qualsiasi soggetto giuridico estero per il quale sono soddisfatte contemporaneamente le seguenti condizioni:
(a) la forma giuridica della persona giuridica straniera è conforme all’Allegato № 5 ;
(b) la persona giuridica straniera è residente ai fini fiscali di uno Stato membro dell’Unione europea in conformità con la legislazione fiscale pertinente e non è considerata residente ai fini fiscali in un altro paese al di fuori del paese in virtù di un accordo sulla doppia imposizione con un paese terzo L’Unione europea;
(c) la persona giuridica straniera è soggetta a una qualsiasi delle tasse elencate nell’Allegato № 6 , senza diritto all’esenzione dalla tassazione, o ad una tassa identica o simile imposta in aggiunta o in sostituzione di tali tasse;
2. una persona è una persona imparentata con un’altra persona, se almeno una delle seguenti condizioni è soddisfatta al momento della maturazione del reddito:
a) la prima persona detiene ininterrottamente per un periodo di almeno due anni almeno il 25 per cento del capitale della seconda persona;
b) la seconda persona detiene ininterrottamente per un periodo di almeno due anni almeno il 25 per cento del capitale della prima persona;
(c) un terzo, che è una persona giuridica locale o una persona giuridica straniera di uno Stato membro dell’Unione europea, detiene ininterrottamente per un periodo di almeno due anni almeno il 25 per cento del capitale sia del primo che del la seconda persona;
3. una persona giuridica straniera è titolare del reddito quando riceve tale reddito a suo favore e non come intermediario o agente di un’altra persona;
4. il luogo di attività economica è un detentore del reddito, quando allo stesso tempo sono soddisfatte le seguenti condizioni:
a) la rivendicazione di debiti, il diritto o l’uso di informazioni in relazione alle quali derivano interessi o royalties sono effettivamente collegati a quella sede di attività;
(b) gli interessi o i canoni rappresentano il reddito in relazione al quale la sede di attività è tassata nello Stato membro dell’Unione europea in cui è situata da una delle imposte elencate nell’Allegato № 6 o in Belgio da “impot des non- residenti / belasting der niet-verblijfhouders “, o in Spagna – con” Impuesto sobre la Renta de no Residentes “, o con un’imposta identica o simile applicata in aggiunta o al posto di queste tasse.”

Bulgaria – Il regime di imposizione con ritenuta alla fonte

Bulgaria – Il regime di imposizione con ritenuta alla fonte

Il regime di imposizione con ritenuta alla fonte in Bulgaria è disciplinato dagli artt. dal 194 al 203 della  legge sull’imposta sul reddito delle società (ЗАКОН ЗА КОРПОРАТИВНОТО ПОДОХОДНО ОБЛАГАНЕ (ЗКПО)).

Oggetto di tassazione

La ritenuta alla fonte viene riscossa su:

  1. dividendi e azioni di liquidazione distribuiti da persone giuridiche locali a favore di:
    • persone giuridiche straniere, ad eccezione dei casi in cui i dividendi sono realizzati da una persona giuridica straniera attraverso una sede di attività nel paese;
    • entità legali locali che non sono commercianti, compresi i comuni.
  2. i seguenti redditi di persone giuridiche straniere da una fonte nel paese, quando non sono realizzati tramite una sede di attività nel paese:
    • proventi da attività finanziarie e da operazioni con attività finanziarie emesse da soggetti giuridici locali, Stato e Comuni;
    • interessi, compresi gli interessi contenuti nei pagamenti del leasing finanziario;
    • redditi da locazione o altri fondi per l’uso di beni mobili;
    • royalties e canoni di licenza;
    • compensi per servizi tecnici;
    • compensi per contratti di franchising e factoring;
    • remunerazione per la gestione o il controllo di una persona giuridica bulgara;
    • reddito da agricoltura, silvicoltura, caccia e pesca sul territorio del paese;
    • reddito da affitto o altra disposizione per l’uso di beni immobili situati nel paese;
    • i proventi da cessione di immobili situati nel paese;
    • sanzioni e indennità di ogni tipo, ad eccezione delle indennità derivanti da contratti assicurativi maturate da persone giuridiche locali, ditte individuali locali o persone giuridiche straniere e ditte individuali attraverso una sede di attività o una determinata base nel paese a beneficio di persone straniere persone giuridiche, stabilite in giurisdizioni con regime fiscale preferenziale, quando non sono realizzate tramite una sede di attività nel paese.

Esenzione dalla tassazione

Non sono soggetti a ritenuta alla fonte:

  • dividendi e azioni di liquidazione, quando distribuiti a favore di una persona giuridica locale che partecipa al capitale di una società in rappresentanza dello Stato; fondo comune; una persona giuridica straniera residente ai fini fiscali di uno Stato membro dell’Unione europea o di un altro stato parte dell’Accordo sullo Spazio economico europeo, salvo nei casi di distribuzione occulta dei profitti.
  • interessi attivi su obbligazioni o altri titoli di debito emessi da una persona giuridica locale, dallo Stato e dai comuni e ammessi alla negoziazione su un mercato regolamentato nel paese o in uno Stato membro dell’Unione Europea o in un altro paese – parte dell’Accordo sull’Unione Europea Area Economica, oltre che entro il 31 dicembre 2025, ammessa alle negoziazioni sul mercato in crescita.
  • interessi attivi su un prestito concesso da una persona straniera – emittente di obbligazioni o altri titoli di debito, quando sono soddisfatte contemporaneamente le seguenti condizioni:
    • l’emittente è una persona residente ai fini fiscali di uno Stato membro dell’Unione Europea o di un altro Stato – parte all’Accordo per lo Spazio economico europeo;
    • l’emittente ha emesso le obbligazioni o altri titoli di debito allo scopo di prestare i proventi a una persona giuridica locale;
    • obbligazioni o altri titoli di debito sono ammessi alla negoziazione su un mercato regolamentato nel paese o in uno Stato membro dell’Unione europea o altro paese – parte dell’Accordo sullo Spazio economico europeo, nonché fino al 31 dicembre 2025, ammessi alla negoziazione in un mercato in crescita;
  • i proventi da interessi, royalties e canoni alle condizioni di cui all’art. 195, par. 7-12 della legge sull’imposta sul reddito delle società in Bulgaria (ЗКПО) (Vedi: Direttiva 2003/49 / CE sul sistema comune di tassazione applicabile ai pagamenti di interessi e royalty effettuati tra società collegate di Stati membri diversi).
  • interessi attivi su un prestito su cui non vengono emesse obbligazioni e su cui lo Stato oi Comuni sono mutuatari.
  • i proventi da cessione di strumenti finanziari ai sensi del § 1, punto 21 delle disposizioni aggiuntive  della legge sull’imposta sul reddito delle società in Bulgaria (ЗКПО), in quanto fino al 31 dicembre 2025 in questo caso rientrano le operazioni sul mercato in crescita.

Trattati internazionali

Ai sensi dell’art. 13 della legge sull’imposta sul reddito delle società in Bulgaria (ЗКПО), quando con l’entrata in vigore di un Accordo per evitare le doppie imposizioni (Double Taxation Treaty (DDT)) contiene disposizioni diverse da quelle della legge sull’imposta sul reddito delle società in Bulgaria (ЗКПО), si applicano le disposizioni degli accordi. In sede di certificazione dei motivi di applicazione dei rispettivi DTT da parte di soggetti stranieri, secondo le procedure approvate dal Codice di procedura fiscale ed assicurativa in Bulgaria ( ДАНЪЧНО-ОСИГУРИТЕЛЕН ПРОЦЕСУАЛЕН КОДЕКС(ДОПК)), possono essere applicate le norme fiscali previste negli accordi, rispettivamente un’aliquota fiscale inferiore. o rilasciare.

Base imponibile

  1. La base imponibile per determinare l’imposta sul reddito da dividendi è l’importo lordo dei dividendi distribuiti.
  2. La base imponibile per determinare l’imposta sul reddito da azioni di liquidazione è la differenza tra il prezzo di mercato dell’elemento che deve essere ricevuto dal rispettivo azionista o partner e il prezzo documentato di acquisto delle sue azioni o quote.
  3. Base imponibile per la determinazione della ritenuta alla fonte per interessi attivi derivanti da contratti di leasing finanziario nei casi in cui il contratto non specifica l’importo degli interessi è interesse di mercato.
  4. La base imponibile per la determinazione della ritenuta alla fonte per i redditi delle persone straniere da azioni di disposizione con attività finanziarie è la differenza positiva tra il loro prezzo di vendita e il loro prezzo di acquisizione documentato.
  5. La base imponibile per la determinazione della ritenuta alla fonte di reddito di soggetti stranieri dalla cessione di un immobile è la differenza positiva tra il prezzo di vendita e il prezzo di acquisto documentato di tale immobile.
  6. La base imponibile per l’imposta trattenuta alla fonte di reddito degli stranieri in tutti gli altri casi è l’importo lordo del reddito.

Aliquota fiscale

  1. L’aliquota fiscale dell’imposta sul reddito di cui all’art. 194 della legge sull’imposta sul reddito delle società in Bulgaria (ЗКПО) (reddito da dividendi e azioni di liquidazione) è del 5 percento.
  2. L’aliquota fiscale dell’imposta sul reddito di cui all’art. 195 della legge sull’imposta sul reddito delle società in Bulgaria (ЗКПО) è il 10 percento.

Dichiarazioni

Le persone obbligate a trattenere e pagare l’imposta alla fonte ai sensi dell’art. 194 e art. 195 della legge sull’imposta sul reddito delle società in Bulgaria (ЗКПО) dichiarare l’imposta dovuta per il trimestre entro la fine del mese successivo al trimestre davanti alla Direzione territoriale dell’Agenzia delle Entrate, ove è iscritto o soggetto a registrazione il debitore del reddito, mediante dichiarazione a campione.

Nei casi in cui il debitore del reddito è una persona che non è obbligata a trattenere e pagare l’imposta, la dichiarazione è presentata dal beneficiario del reddito.

Su richiesta di una persona interessata per l’imposta sul reddito pagata di persone giuridiche straniere viene rilasciato un certificato secondo un campione. L’attestato è rilasciato dalla Direzione territoriale dell’Agenzia delle Entrate, dove la dichiarazione per le ritenute trattenute e pagate alla fonte ai sensi dell’art. 194 e art. 195 della  legge sull’imposta sul reddito delle società in Bulgaria (ЗКПО).

Coloro che sono tenuti a trattenere e pagare l’imposta alla fonte ai sensi dell’art. 195 della  legge sull’imposta sul reddito delle società in Bulgaria (ЗКПО), ovvero i destinatari dei redditi nei casi di cui al par. 3 dell’art. 201, fornire informazioni sui redditi di cui all’art. 143h, par. 1, commi 2 e 6 del Codice di procedura fiscale ed assicurativa in Bulgaria ( ДАНЪЧНО-ОСИГУРИТЕЛЕН ПРОЦЕСУАЛЕН КОДЕКС(ДОПК)) ai fini del cambio automatico, una volta all’anno con dichiarazione, da presentare per il quarto trimestre del rispettivo anno. Questa procedura è applicata anche dalle persone giuridiche straniere, che realizzano i redditi di cui all’art. 143h, par. 1, articoli 2 e 6 del Codice di procedura fiscale ed assicurativa in Bulgaria (ДОПК) tramite una sede di attività nella Repubblica di Bulgaria.

In caso di cancellazione / cessazione del soggetto passivo, la dichiarazione deve essere depositata dal rappresentante della persona durante l’ultimo periodo d’imposta e secondo la procedura per la presentazione della dichiarazione dei redditi per l’ultimo periodo d’imposta.

Pagamento dell’imposta

Pagatori della ritenuta alla fonte ai sensi dell’art. 194 della legge sull’imposta sul reddito delle società in Bulgaria (ЗКПО) sono obbligati a pagare le imposte dovute entro la fine del mese successivo al trimestre durante il quale è stata presa la decisione di distribuzione dei dividendi o di liquidazione delle azioni.

Pagatori della ritenuta alla fonte ai sensi dell’art. 195 della legge sull’imposta sul reddito delle società in Bulgaria (ЗКПО) sono obbligati a pagare le imposte dovute entro la fine del mese successivo al trimestre di maturazione del reddito.

L’imposta dovuta sarà versata alla direzione territoriale competente dell’Agenzia nazionale delle entrate nel luogo di registrazione o in cui il debitore del reddito è soggetto a registrazione. Quando il pagatore del reddito non è soggetto a registrazione, l’imposta è pagata alla Direzione Territoriale dell’Agenzia Nazionale delle Entrate – Sofia.

Quando la ritenuta alla fonte non viene trattenuta e pagata nel rispettivo ordine, è dovuta in solido dai soggetti passivi per questi redditi.

Nei casi di cancellazione / cessazione del soggetto passivo, l’imposta deve essere pagata entro i termini per la sua dichiarazione dalle persone che rappresentano il soggetto passivo.

Ricalcolo della ritenuta alla fonte

Una persona giuridica straniera, che è una persona locale ai fini fiscali di uno stato membro dell’Unione Europea o di un altro stato parte dell’Accordo sullo Spazio economico europeo, ha il diritto di scegliere di ricalcolare l’imposta alla fonte di reddito ai sensi Arte. 12, par. 2, 3, 5 e 8 della legge sull’imposta sul reddito delle società in Bulgaria (ЗКПО). Quando lo straniero sceglie di ricalcolare l’imposta alla fonte, il ricalcolo sarà effettuato per tutti i redditi da lui realizzati ai sensi dell’art. 12, par. 2, 3, 5 e 8 della legge sull’imposta sul reddito delle società in Bulgaria (ЗКПО) durante l’anno.

Quando la persona straniera sceglie di ricalcolare l’imposta alla fonte per il reddito da lui realizzato, l’imposta ricalcolata è pari all’imposta sulle società, che sarebbe dovuta per questi redditi, se fossero realizzati da una persona giuridica locale. Se la persona straniera ha sostenuto spese relative al reddito di cui alla prima frase, per le quali sarebbe dovuta un’imposta sulle spese se fossero state sostenute da una persona giuridica locale, tale imposta aumenterà l’importo dell’imposta ricalcolata.

Quando l’importo dell’imposta pagata alla fonte ai sensi dell’art. 195, par. 1 della legge sull’imposta sul reddito delle società in Bulgaria (ЗКПО) supera l’importo dell’imposta ricalcolata, la differenza è soggetta a rimborso fino all’importo dell’imposta alla fonte ai sensi dell’art. 195, par. 1, che lo straniero non può detrarre dall’imposta dovuta nello Stato in cui è residente.

La scelta del ricalcolo dell’imposta alla fonte si esercita presentando una dichiarazione dei redditi annuale a campione. La dichiarazione dei redditi è presentata dal soggetto straniero alla Direzione Territoriale dell’Agenzia Nazionale delle Entrate – Sofia, entro il 31 dicembre dell’anno successivo all’anno di maturazione dei redditi.

Il rimborso delle tasse viene effettuato in conformità con il Codice di procedura fiscale ed assicurativa in Bulgaria ( ДАНЪЧНО-ОСИГУРИТЕЛЕН ПРОЦЕСУАЛЕН КОДЕКС(ДОПК)) dalla direzione territoriale dell’Agenzia nazionale delle entrate – Sofia.

La procedura per il ricalcolo della ritenuta alla fonte non si applica quando la persona straniera è residente ai fini fiscali di uno Stato parte dell’Accordo sullo Spazio economico europeo, che non è uno Stato membro dell’Unione Europea con cui la Repubblica di Bulgaria:

  1. non è entrato in vigore alcun Accordo per evitare le doppie imposizioni (Double Taxation Treaty (DDT)) per evitare la doppia imposizione, o
  2. è entrato in vigore un Accordo per evitare le doppie imposizioni (Double Taxation Treaty (DDT)), che non prevede:
    • a) scambio di informazioni, o
    • b) cooperazione nella riscossione delle imposte.

Le eccezioni specifiche:

  • al punto 1 dovute alla mancanza di un Double Taxation Treaty (DDT) valido si applicano a due paesi – Islanda e Liechtenstein;
  • al punto 2 – Norvegia, con cui la Repubblica di Bulgaria ha un Accordo per evitare le doppie imposizioni (Double Taxation Treaty (DDT)) efficace, che prevede lo scambio di informazioni, ma nessuna collaborazione nella riscossione delle imposte.

Sanzioni

Secondo quanto previsto dall’art. 9 della legge sull’imposta sul reddito delle società in Bulgaria (ЗКПО), sono dovuti interessi per l’imposta non pagata in tempo ai sensi della Legge sugli interessi su imposte, tasse e altri crediti dello Stato simili.

Secondo quanto previsto dall’art. 175, par. 2, punto 3 del Codice di procedura fiscale ed assicurativa in Bulgaria ( ДАНЪЧНО-ОСИГУРИТЕЛЕН ПРОЦЕСУАЛЕН КОДЕКС(ДОПК)), sono dovuti anche interessi sugli obblighi di una persona straniera per le imposte soggette a ritenuta alla fonte – dalla data di scadenza del termine per il loro pagamento ai sensi della legge bulgara fino al giorno in cui la persona straniera dimostra il esistenza di motivi per l’applicazione del Double Taxation Treaty (DDT) di cui la Repubblica di Bulgaria è parte, anche nei casi in cui, secondo il Double Taxation Treaty (DDT) , nessuna imposta è dovuta o è dovuta per un importo inferiore.

Secondo quanto previsto dall’art. 261 della legge sull’imposta sul reddito delle società in Bulgaria (ЗКПО) un soggetto passivo che non presenta una dichiarazione ai sensi della presente legge, non la deposita in tempo, non indica o indica erroneamente dati o circostanze che hanno portato alla determinazione dell’imposta dovuta in misura minore o alla riduzione, cessione ingiustificata o l’esenzione dalle tasse, sarà punito con una sanzione patrimoniale per un importo compreso tra 500 e 3000 BGN. In caso di violazione ripetuta, la sanzione relativa alla proprietà sarà compresa tra 1000 e 6000 BGN.

Secondo quanto previsto dall’art. 278 della legge sull’imposta sul reddito delle società in Bulgaria (ЗКПО), gli atti per l’accertamento delle violazioni saranno redatti dagli organi dell’Agenzia nazionale delle entrate, ei decreti penali saranno emanati dal direttore esecutivo dell’Agenzia nazionale delle entrate o da un funzionario da lui autorizzato. L’accertamento delle violazioni, l’emissione, il ricorso e l’esecuzione dei decreti penali devono essere effettuati dall’ordinanza della Legge per le violazioni e pene amministrative.