Bulgaria: reverse charge in agricoltura per l’acquisto di cereali e colture tecniche

Nell’allegato 2 della legge sull’IVA (Закон за Данък Върху Добавената Стойност (ЗДДС), le colture agricole come grano, riso, girasole, miglio, colza, barbabietola da zucchero e altri sono il primo gruppo di merci su cui viene applicato il meccanismo dell’inversione contabile sono . Non importa se il venditore sia un commerciante o un produttore.

Se il fornitore di cereali e colture tecniche è un soggetto passivo e il destinatario della fornitura è anche un soggetto passivo, il fornitore emette una fattura in cui, come motivo per non addebitare l’IVA, viene indicato “inversione contabile dell’IVA ai sensi dell’articolo 163 bis, paragrafo 2, della legge sull’IVA”.

Il destinatario redige un protocollo ai sensi dell’art. 117, par. 2 della legge sull’IVA con i requisiti richiesti dalla legge.

Il protocollo deve essere emesso entro 15 giorni dalla data in cui l’imposta è diventata esigibile e si riflette nel registro delle vendite per il periodo durante il quale è stato emesso.

Il destinatario ha il diritto di detrarre l’imposta che ha addebitato solo registrando il protocollo con cui è stato addebitato e riportato nel registro degli acquisti nel mese in cui si è verificato il diritto o in uno dei 12 mesi successivi.

Esempio:

Il fornitore è un soggetto passivo e vende grano per 5.000 BGN al destinatario, anch’esso soggetto passivo.

Fornitore A: emette una fattura per BGN 5000 in cui registra come motivo di non addebito dell’IVA “inversione contabile ai sensi dell’articolo 163 bis, paragrafo 2, della legge sull’IVA “.

Destinatario B: emette al momento dell’acquisto un protocollo ai sensi dell’articolo 117, paragrafo 2 della legge sull’IVA (5000 BGN х 20% = 1000 BGN), protocollo che si riflette anche nel giornale di vendita.

È molto importante per il fornitore assicurarsi che il destinatario sia un soggetto passivo ai sensi della legge sull’IVA.

Laddove un fornitore sia una persona non passiva (persona fisica che non è un imprenditore individuale o un agricoltore), non è in grado di emettere fatture fiscali. In questo caso, il destinatario redige alla fine del mese un registro generale di tutte le consegne per le quali l’imposta è diventata esigibile. Questo record è indicato nel registro delle vendite. Il diritto a un credito d’imposta viene rivendicato registrando nel registro e nel registro acquisti nel mese in cui si è verificato o in uno dei seguenti 12 periodi fiscali (mensili).

Laddove il fornitore di cereali o colture tecniche sia un soggetto passivo registrato ai sensi della legge sull’IVA ma il destinatario sia un soggetto passivo non registrato ai sensi della legge sull’IVA, il fornitore documenta la fornitura emettendo una fattura in cui è stata addebitata l’imposta sul valore aggiunto, e il beneficiario non imponibile non applica il meccanismo di inversione contabile. La fattura emessa dal fornitore deve riflettersi nel registro delle vendite dalla colonna 1 alla colonna 12 per il periodo fiscale in cui è stata emessa.

Quando i soggetti passivi applicano il meccanismo dell’inversione contabile, sarebbero sicuramente interessati alla possibilità di un rimborso accelerato. È rimborsato entro 30 giorni dalla presentazione della relativa dichiarazione quando:

  • Un soggetto passivo ha effettuato, negli ultimi 12 mesi precedenti il ​​periodo in corso, forniture imponibili a un’aliquota zero pari a oltre il 30% del valore di tutte le consegne del periodo, comprese quelle cessioni a tasso zero;
  • Un soggetto passivo ha effettuato consegne con un’aliquota del 20% negli ultimi 12 mesi prima del mese corrente, oltre il 50% di tutte le forniture imponibili.

Come risulta dall’applicazione del meccanismo di inversione contabile dell’IVA, è possibile evitare flussi di cassa reali per l’IVA addebitata, pagata e detratta.

L’allegato 2della legge sull’IVA elenca in dettaglio le merci alle quali il cessionario applica il meccanismo di inversione contabile e gli operatori hanno un ottimo elenco di monitoraggio e osservazione. L’elenco delle consegne con un luogo di esecuzione del territorio della Bulgaria è in continua evoluzione in quanto è generalmente integrato. A questo proposito, è bene citare la sezione II “Prodotti vegetali”, capitolo 10 “Cereali”, “Osservazioni”, articolo 1, lettera b), del regolamento n. 1006/2011 in base al quale “la testa non comprende i cereali, scafo o altrimenti preparato “.

In una lettera interpretativa della direzione della „ОДОП“ на НАП, si dice che il capitolo diciannove della legge sull’IVA non si applica alle sementi sbucciate e confezionate.

È possibile che un commerciante incontri un venditore che ha emesso una fattura con IVA inclusa quando l’imposta non avrebbe dovuto essere addebitata. In questo caso, per il commerciante, l’acquirente della transazione non ha diritto a un credito d’imposta per un’imposta non correttamente addebitata, situazione regolata dalla disposizione dell’articolo 70, paragrafo 5 della legge sull’IVA.

No TweetBacks yet. (Be the first to Tweet this post)