Archivi categoria: Bulgaria – Manuale di tassazione del reddito d’impresa della Agenzia nazionale bulgara delle entrate

BULGARIA – IMPOSTA SUL REDDITO RISULTATO FINANZIARIO FISCALE

RISULTATO CONTABILE FINANZIARIO – § 1, punto 16 delle “Ulteriori Disposizioni” (Допълнителни разпоредби (ДР))  della  Legge sull’imposta sul reddito delle società -Закон за Корпоративното Подоходно Облагане (ЗКПО

Il “risultato finanziario contabile” è l’utile (perdita) nel conto economico (conto economico) per un determinato periodo prima della maturazione degli oneri fiscali sull’utile.

RISULTATO FINANZIARIO FISCALE

RISULTATO CONTABILE FINANZIARIO

CONVERTITO (PER AUMENTO E DIMINUZIONE) IN

DIFFERENZE FISCALI PERMANENTI –SENIOR FISC II.II.1

DIFFERENZE TEMPORANEE FISCALI –SENIOR FISC II.III.1

ALTRI IMPORTI, NEI CASI PREVISTI NELLA Legge sull’imposta sul reddito delle società -Закон за Корпоративното Подоходно Облагане (ЗКПО

RISULTATO FINANZIARIO FISCALE

UTILE FISCALE

RISULTATO FINANZIARIO FISCALE POSITIVO

PERDITA FISCALE

RISULTATO FINANZIARIO FISCALE NEGATIVO

 

BULGARIA – TRATTAMENTO FISCALE LEASING OPERATIVO SECONDO I PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI PER I LOCATARI

  1. Ragioni del regime fiscale introdotto

La modifica è stata dettata dall’entrata in vigore del nuovo International Financial Reporting Standard 16 Leasing (IFRS 16) in data 01.01.2019 e dalla necessità di parità di trattamento fiscale, a prescindere dal fatto che i soggetti passivi applichino come base contabile i Principi Contabili Internazionali o Nazionali.

Secondo l’International Financial Reporting Standard 16 Leasing (IFRS 16) I contratti di locazione operativa “leasing” con locatari devono essere contabilizzati in modo analogo ai contratti di locazione finanziaria. Secondo le regole dell’IFRS 16, si verificheranno le seguenti operazioni contabili:

  • Riconoscimento del c.d. “right of use asset”, il più delle volte per l’utilizzo di un bene materiale immobilizzato;
  • Accantonamento dell’ammortamento contabile per la durata del contratto di locazione;
  • Rilevazione di una passività con il valore attuale dei futuri canoni di locazione, nonché
  • Rilevazione degli interessi passivi ad ogni canone/locazione, in quanto la componente interessi era precedentemente contabilizzata nei leasing finanziari.

Pertanto, se fino ad oggi era contabilizzato e fiscale un canone proporzionale per tutta la durata del contratto di affitto, con il nuovo approccio previsto dall’International Financial Reporting Standard 16 Leasing (IFRS 16) rispetto al leasing operativo, saranno contabilizzati gli ammortamenti e gli interessi passivi .

L’approccio adottato dal legislatore elimina gli effetti dellInternational Financial Reporting Standard 16 Leasing (IFRS 16) per i locatari al fine di raggiungere la parità fiscale, indipendentemente dalla base contabile applicata.

  1. Meccanismo fiscale

Dal 01.01.2019 è stato introdotto un meccanismo fiscale per il trattamento differenziato delle due forme del contratto di leasing (operativo/operativo o finanziario) per i locatari che applicano gli IAS, facendo riferimento ai Principi Contabili Nazionali (Principio Contabile 17 “Leasing”).

Questo meccanismo riguarda tutti i tipi di tasse nella legge.

Secondo l’art. 11a, par. 1 e 2  della Legge sull’imposta sul reddito delle società -Закон за Корпоративното Подоходно Облагане (ЗКПО. è espresso come segue:

Ciò significa che ai fini fiscali dal 01.01.2019 (a prescindere dai cambiamenti di approccio previsti dal nuovo International Financial Reporting Standard 16 Leasing (IFRS 16)) la rilevazione dei costi relativi ai contratti di leasing operativo per i locatari che applicano gli International Accounting Standards (IAS), ai fini fiscali, sarà effettuato come segue come adottato nei Principi Contabili Nazionali, rispettivamente – ai sensi del  Principio Contabile Nazionale 17 “Leasing”. Si tenga presente che esistono modifiche al Principio Contabile 17 “Leasing, che sono state promulgate nella SG n. 15 del 19.02.2019

Per i locatari in leasing operativo che applicano gli International Accounting Standards (IAS) :

  • non sono riconosciutiai fini fiscali, i costi ei ricavi derivanti dai contratti di leasing operativo contabilizzati secondo gli IAS;
  • l’attività consistente nel diritto d’uso non è un’attività fiscalmente ammortizzabile;
  • sono riconosciutiai fini fiscali, gli oneri e i proventi determinati secondo il Principio Contabile Nazionale 17 “Leasing” in relazione al leasing operativo, ovvero saranno riconosciuti i costi contabili, determinati come previsto al punto 5.2 della SS 17.

Secondo l’art. 11a, par. 2 Le spese e le entrate della  Legge sull’imposta sul reddito delle società -Закон за Корпоративното Подоходно Облагане (ЗКПО). determinate secondo le regole del Principio Contabile Nazionale 17 “Leasing”  sono considerate spese e entrate contabili ai fini di legge. Tale norma si applica sia ai fini della determinazione dell’imposta sulle società (formazione delle differenze fiscali permanenti e delle differenze fiscali temporanee), sia ai fini della ritenuta d’acconto e della determinazione dell’imposta sulle spese.

Esempio 1: ai fini della formazione delle differenze temporanee fiscali:

Le spese di affitto determinate ai sensi del Principio Contabile Nazionale 17 “Leasing” potrebbero formare DVR se l’affitto è dovuto a una persona fisica, ma non è stato pagato al 31.12 dell’anno di riferimento.

Esempio 2: determinazione dell’imposta sulle spese per uso personale:

La base imponibile per tassare le spese di uso personale includerà gli interessi e le spese di ammortamento non dichiarate secondo l’IFRS 16 “Leasing” e le spese di locazione determinate secondo il Principio Contabile Nazionale 17 “Leasing”.

  1. Trattamento fiscale dei “casi chiusi” dal 01.01.2019 – § 29 dellel Disposizioni transitorie e finali (Преходни и заключителни разпоредби (ПЗР)) della legge per modificare la legge sull’imposta sul reddito delle società (ЗИДЗКПО): 

Ciò significa che gli effetti connessi alla transizione all’IFRS 16 in data 01.01.2019, che si riflette sugli utili portati a nuovo, non saranno considerati nella determinazione del risultato fiscale dell’esercizio 2019 ai sensile regole dell’art. 82, par. 1 – 6 della  Legge sull’imposta sul reddito delle società -Закон за Корпоративното Подоходно Облагане (ЗКПО) per il trattamento fiscale e le correzioni in caso di cambiamento del principio contabile.

III. Integrazione del regime fiscale in merito al trattamento fiscale del risultato della vendita di immobilizzazionicon successivo reverse operating lease nei casi in cui trovano applicazione gli IAS (art. 11 bis, commi 3, 4 e 5, c.c.)

Caratteristiche dell’operazione di sale-lease back:Una vendita con retrolocazione è un’operazione in cui un’entità venditrice vende un bene a un’altra entità, l’acquirente, e quindi lo prende immediatamente in leasing secondo i termini di un leasing finanziario o operativo. In questo tipo di transazione commerciale, il venditore diventa locatario e l’acquirente diventa locatore.

Lo scopo delle nuove disposizioni (in vigore dal 18.02.2022) è quello di evitare interpretazioni divergenti delle disposizioni di legge vigenti in relazione a tali operazioni.

Meccanismo fiscale

Secondo l’art. 11a, par. 3 e 4 del trattamento fiscale della  Legge sull’imposta sul reddito delle società -Закон за Корпоративното Подоходно Облагане (ЗКПО) è espresso come segue:

Risultato della normativa fiscale:

He ai fini fiscali tutti gli importi iscritti e rilevati nell’ordine di sono eliminati IFRS 16 Leasing, e rilevare gli importi per le transazioni in questione che sarebbero rilevate sotto il Principio Contabile Nazionale 17 “Leasing”.

Attenzione!

Nell’articolo 11a, par. 5 viene chiarito: l’applicazione delle norme speciali per il trattamento fiscale della vendita con reverse lease esclude l’applicazione delle norme generali per il trattamento dei contratti di locazione, disciplinate dall’articolo 11a, commi 1 e 2 della  Legge sull’imposta sul reddito delle società -Закон за Корпоративното Подоходно Облагане (ЗКПО).

Prevalenza dei trattati internazionali ratificati dalla Repubblica di Bulgaria

Il principio di prevalenza dei trattati internazionali ratificati dalla Repubblica di Bulgaria è regolato dalla disposizione dell’art. 13 della Legge sull’imposta sul reddito delle società -Закон за Корпоративното Подоходно Облагане (ЗКПО.

In assenza di un trattato internazionale, la legge riconosce il diritto al credito d’imposta ai soggetti passivi. Ai sensi del §1, articolo 12 del delle “Ulteriori Disposizioni” (Допълнителни разпоредби (ДР))  della  Legge sull’imposta sul reddito delle società “credito d’imposta” è il diritto, alle condizioni determinate da questa legge, di detrarre le imposte estere già pagate sugli utili o sul reddito.

Il diritto al credito d’imposta è concesso nei seguenti casi:

  • Quando si determina l’imposta sulle società o le tasse alternative, il credito d’imposta viene concesso per i pagamenti all’estero simili all’imposta sulle società o all’imposta imposta invece
  • Diritto al credito d’imposta per l’imposta riscossa all’estero sull’ammontare lordo dei proventi da dividendi, interessi, canoni, canoni per servizi tecnici e affitti

Il diritto al credito d’imposta nei casi descritti è determinato separatamente per:

  • Ogni paese; e
  • per ogni tipo di reddito.

Il credito d’imposta è limitato all’imposta bulgara che sarebbe dovuta sui relativi profitti e redditi.

UTILI E PROVENTI DA FONTI NELLA REPUBBLICA DI BULGARIA

UTILI E PROVENTI DA FONTI NELLA REPUBBLICA DI BULGARIA

 

PRIMO GRUPPO

(criterio oggettivo)

 

SECONDO GRUPPO

(criterio soggettivo)

 

Redditi e profitti realizzati dall’attività economica sul territorio del paese, nonché da immobili sul territorio del paese, da attività finanziarie e dalla partecipazione in società locali Redditi definiti come tali da una fonte nel paese a causa del fatto che sono maturati da persone giuridiche locali, Commercianti persona fisiche (Едноличен търговец -ET) locale o persone giuridiche (Юридическо лице – ЮЛ) e Commercianti persona fisiche (Едноличен търговец -ET) straniee attraverso una sede di attività o una determinata base nel territorio del paese, o pagati da persone fisiche locali o da persone fisiche straniere con una determinata base nella Repubblica di Bulgaria, o addebitati dalle persone specificate a favore di persone giuridiche straniere stabilite in giurisdizioni con un regime fiscale preferenziale (per i redditi di cui al successivo punto 8)
1. Profitti di persone giuridiche straniere derivanti da attività commerciali nel paese, attraverso una sede di attività nella Repubblica di Bulgaria o dalla cessione di proprietà in tale sede di attività;

2. Reddito da agricoltura, silvicoltura, caccia e pesca sul territorio della Repubblica di Bulgaria;

3. Proventi da attività finanziarie emesse da soggetti giuridici locali, Stato e Comuni, nonché proventi derivanti da transazioni con tali attività;

4. Proventi da dividendi e quote di liquidazione da partecipazioni in soggetti giuridici locali;

5. Reddito da alienazione di beni immobili, compresa una parte ideale o un diritto reale limitato su beni immobili siti in campagna.

 

1. Interessi attivi, incl. interessi contenuti nei canoni di leasing finanziario;

2. Proventi da locazione o altra provvista per l’uso di beni mobili;

3. diritti d’autore e diritti di licenza;

4. Corrispettivi per servizi tecnici;

5. Compensi derivanti da contratti di franchising e factoring;

6. Compensi per la gestione o il controllo di una persona giuridica bulgara;

7. Redditi da locazione o altra disposizione per l’uso di beni immobili, compresa una parte ideale di beni immobili situati in campagna;

8. Sanzioni ed indennizzi di qualsiasi genere, ad eccezione degli indennizzi previsti da contratti assicurativi.

Eccezione:il reddito specificato nel secondo gruppo, voci 1 – 6, non proviene da una fonte nel paese, indipendentemente dal fatto che sia maturato da una persona locale, nei casi in cui l’accantonamento avvenga attraverso una sede di attività della persona giuridica locale o da una certa base delle persone fisiche locali situate al di fuori del territorio del paese.

Attenzione!Con riguardo ad entrambi i gruppi di reddito, si precisa che il luogo di pagamento dei relativi redditi non influisce sulla determinazione della fonte del reddito.

 

Bulgaria – Riconoscimento delle spese contabili ai fini fiscali

La previsione dell’art. 10 della  Legge sull’imposta sul reddito delle società -Закон за Корпоративното Подоходно Облагане (ЗКПО) regola generalmente il riconoscimento delle spese contabili ai fini fiscali.

PRINCIPIO GENERALE – ART. 10, AL. 1 della  Legge sull’imposta sul reddito delle società -Закон за Корпоративното Подоходно Облагане (ЗКПО)

“Una spesa contabile è riconosciuta ai fini fiscali quando è:

– ha emesso un documento contabile primario ai sensi della legge sulla contabilità, che riflette fedelmente l’operazione aziendale e

– Scontrino fiscale da dispositivo fiscale, se vi è l’obbligo legale di emetterlo”

CASI SPECIFICI

  1. ART. 10, AL. 2 della Legge sull’imposta sul reddito delle società -Закон за Корпоративното Подоходно Облагане (ЗКПО) – NELLA MANCANZA DI PARTE DELLE INFORMAZIONI DEL PRIMO DOCUMENTO CONTABILE RICHIESTE DALLA NORMATIVA CONTABILE

“Una spesa contabile è rilevata ai fini fiscali e quando una parte delle informazioni richieste è mancante nel documento contabile primario, ai sensi della legge sulla contabilità, a condizione che:

– L’operazione aziendale è riflessa accuratamente

– Le informazioni mancanti sono certificate da alcuni altri documenti e

– L’operazione d’impresa è documentata con ricevuta fiscale da dispositivo fiscale, se vi è l’obbligo legale di emetterla”

  1. ART. 10, AL. 3 della Legge sull’imposta sul reddito delle società -Закон за Корпоративното Подоходно Облагане (ЗКПО)– L’EMITTENTE DEL DOCUMENTO NON E’ UN’IMPRESA AI SENSI DELLA LEGGE CONTABILE E NEL DOCUMENTO MANCANO PARTE DELLE INFORMAZIONI DISCIPLATE DALLA STESSA LEGGE

“Un onere contabile è riconosciuto ai fini fiscali nei casi in cui l’emittente dell’atto non sia un’impresa ai sensi dell’art. 2 della Legge sulla Contabilità e nel documento mancano alcune delle informazioni disciplinate dalla stessa legge. Per riconoscere la spesa:

– La transazione commerciale deve essere rispecchiata accuratamente

– L’operazione d’impresa è documentata con ricevuta fiscale da dispositivo fiscale, se vi è l’obbligo legale di emetterla”

  1. ART. 10, AL. 5 della Legge sull’imposta sul reddito delle società -Закон за Корпоративното Подоходно Облагане (ЗКПО)– PER IL TRASPORTO AEREO INTERNAZIONALE

“Nel caso di trasporto aereo internazionale, la spesa contabile si considera documentata quando è documentata attraverso:

– Documento contabile primario e

– La carta d’imbarco del volo effettuato

Quando il documento contabile primario (protocollo) è emesso da chi effettua la vendita per conto e per conto del vettore, è considerato emittente del documento.”

  1. ART. 10, AL. 6 della Legge sull’imposta sul reddito delle società -Закон за Корпоративното Подоходно Облагане (ЗКПО)– COSTI PER SCOPI DI RAPPRESENTANZA E COSTI CONNESSI ALL’ESERCIZIO DEI VEICOLI

“Giustificazione documentale per i costi di cui all’Art. 204, par. 1, punto 1 (spese di rappresentanza),le spese tassabili sono disponibili anche quando sono documentate solo con scontrino fiscale da dispositivo fiscale o con scontrino da gestionale aziendale automatizzato integrato.

Le spese relative alla conduzione di veicoli adibiti sia ad uso professionale che ad uso personale sono riconosciute ai fini fiscali e, quando non viene rilasciata la patente o altro titolo analogo, in sede di determinazione della base imponibile per l’imposizione delle spese di cui all’art. 204, par. 1, comma 4, la previsione dell’art. 215a, par. 2, punto 2″

BULGARIA – DICHIARAZIONI FISCALI SOCIETÀ, RENDICONTI ANNUALI DI ATTIVITÀ, PAGAMENTI FISCALI E INTERESSI PER RITARDATO PAGAMENTO

  1. DICHIARAZIONE FISCALE E RELAZIONI ANNUALI DI ATTIVITÀ

Secondo quanto previsto dall’art. 7 della  Legge sull’imposta sul reddito delle società -Закон за Корпоративното Подоходно Облагане (ЗКПО), i campioni di dichiarazioni e altri documenti ai sensi della stessa legge sono approvati con ordinanza del Ministro delle Finanze e pubblicati nella “Gazzetta dello Stato”.

Ai sensi dell’art. 7, par. 2 (nuova – SG. 97 del 2016 , in vigore dal 01.01.2018 ) della  Legge sull’imposta sul reddito delle società -Закон за Корпоративното Подоходно Облагане (ЗКПО), la presentazione delle dichiarazioni secondo il modello di questa legge avviene per via elettronica.

Nella disposizione del § 48 delle Disposizioni transitorie e finali Legge sulle modifiche e integrazioni alla legge sulle accise e sui depositi fiscali – Закон за изменение и допълнение на закона за акцизите и данъчните складове (ЗИДЗАДС), è previsto che le dichiarazioni secondo il modello della Legge sull’imposta sul reddito delle società -Закон за Корпоративното Подоходно Облагане (ЗКПО), per le quali l’obbligo di presentazione sorge dopo il 31 dicembre 2017, siano presentate elettronicamente.

Secondo l’art. 7, par. 3 dei rapporti annuali di attività  Legge sull’imposta sul reddito delle società -Закон за Корпоративното Подоходно Облагане (ЗКПО) sono presentati elettronicamente nell’ordine e secondo le modalità di cui all’art. 20, par. 5 della legge sulla statistica. Tale disposizione è in vigore dal 01.01.2022 (SG, n. 38 del 2020).

Per l’anno 2020/2021 sono disponibili i seguenti modelli di dichiarazioni approvate e altri documenti:

Oltre al modello 1010, sono stati approvati e promulgati tre allegati:

– utilizzo del differimento d’imposta,

– le spese sostenute per liberalità, riconosciute ai sensi dell’art. 31da  Legge sull’imposta sul reddito delle società -Закон за Корпоративното Подоходно Облагане (ЗКПО) e/o

– utilizzato sgravio fiscale secondo Arte 177 della  Legge sull’imposta sul reddito delle società -Закон за Корпоративното Подоходно Облагане (ЗКПО).

Nella preparazione della Dichiarazione dei redditi annuale (Годишна данъчна декларация (ГДД )) ai sensi dell’art. 92 della  Legge sull’imposta sul reddito delle società -Закон за Корпоративното Подоходно Облагане (ЗКПО) per il 2020, va tenuto presente che ci sono due componenti:

Completando ili riferimenti ausiliari alla dichiarazione annuale dei redditi di cui all’art. 92 della Legge sull’imposta sul reddito delle società -Закон за Корпоративното Подоходно Облагане (ЗКПО) non necessariamente. Se necessario, possono essere utilizzati ai fini della compilazione della dichiarazione. I riferimenti ausiliari possono essere utilizzati per facilitare la determinazione degli importi in base ai quali viene convertito il risultato finanziario contabile. Non vengono archiviati con i resi e possono essere conservati dall’individuo. I riferimenti sono i seguenti:

1.2 Dichiarazione ex art. 87a della  Legge sull’imposta sul reddito delle società -Закон за Корпоративното Подоходно Облагане (ЗКПО) per la dichiarazione del tipo e dell’importo dei pagamenti anticipati e ai sensi dell’art. 88 della  Legge sull’imposta sul reddito delle società -Закон за Корпоративното Подоходно Облагане (ЗКПО) sulle modifiche ai pagamenti anticipati (modulo 1020)

1.3. Dichiarazione ex art. 55, par. 1 della Legge sulle imposte sul reddito delle persone fisiche – Закон за Данъците bърху Доходите на Физическите Лица  (ЗДДФЛ) e dell’art. 201, par. 1 della  Legge sull’imposta sul reddito delle società -Закон за Корпоративното Подоходно Облагане (ЗКПО) per le imposte dovute (modulo 4001)

1.4. Dichiarazione dei redditi annuale ex art. 202a, par. 4 della  Legge sull’imposta sul reddito delle società -Закон за Корпоративното Подоходно Облагане (ЗКПО) per il ricalcolo dell’imposta trattenuta alla fonte (modulo 1090)

1.5. Dichiarazione ex art. 252 della  Legge sull’imposta sul reddito delle società -Закон за Корпоративното Подоходно Облагане (ЗКПО) per l’imposta dovuta sul reddito delle imprese di bilancio (modulo 1040)

1.6. Dichiarazione ex art. 239, par. 1 e 2 della  Legge sull’imposta sul reddito delle società -Закон за Корпоративното Подоходно Облагане (ЗКПО) sull’imposta sull’attività di gioco d’azzardo da giochi in cui la scommessa per la partecipazione avviene attraverso il prezzo di un telefono o altro servizio di comunicazione elettronica (modulo 1053)

1.7. Dichiarazione ex art. 246 della  Legge sull’imposta sul reddito delle società -Закон за Корпоративното Подоходно Облагане (ЗКПО) sull’imposta sull’attività di gioco d’azzardo da giochi con slot machine e giochi in un casinò da gioco (modulo 1055)

1.8. Dichiarazione ex art. 259, par. 1 della  Legge sull’imposta sul reddito delle società -Закон за Корпоративното Подоходно Облагане (ЗКПО) per l’esercizio del diritto di elezione per la tassazione dell’attività di esercizio delle navi (modulo 1061)

1.9. Dichiarazione ex art. 259, par. 2 della  Legge sull’imposta sul reddito delle società -Закон за Корпоративното Подоходно Облагане (ЗКПО) per l’imposta dovuta sull’attività di esercizio delle navi (modulo 1080)

1.10. Dichiarazione ex art. 217e, par. 1 della  Legge sull’imposta sul reddito delle società -Закон за Корпоративното Подоходно Облагане (ЗКПО) per l’imposta dovuta sulle spese aggiuntive dei rappresentanti del popolo (modulo 1070)

  1. DEPOSITO DI TASSE

Le imposte dovute ai sensi della  Legge sull’imposta sul reddito delle società -Закон за Корпоративното Подоходно Облагане (ЗКПО) sono versate dal soggetto passivo nelle entrate del bilancio repubblicano a spese della direzione territoriale dell’Agenzia nazionale bulgara delle entrate ( Национална агенция за приходите (НАП (NAP)) al momento dell’iscrizione o laddove i soggetti passivi siano soggetti all’iscrizione – art. 8 par. 1 e 2 di  Legge sull’imposta sul reddito delle società -Закон за Корпоративното Подоходно Облагане (ЗКПО).

Le imposte dovute si considerano pagate alla data in cui gli importi sono iscritti nel bilancio della repubblica per conto della competente direzione territoriale dell’Agenzia nazionale delle entrate.

III. INTERESSI PER RITARDO

Secondo quanto previsto dall’art. 9 della  Legge sull’imposta sul reddito delle società -Закон за Корпоративното Подоходно Облагане (ЗКПО) per le imposte non pagate in tempo, compresi gli anticipi, gli interessi sono dovuti ai sensi della legge sugli interessi su imposte, tasse e altri crediti statali simili.

 

Bulgaria – Manuale di tassazione del reddito d’impresa dell’Agenzia nazionale bulgara delle entrate

L’Agenzia nazionale bulgara delle entrate ( Национална агенция за приходите (НАП (NAP)) ha pubblicato nella sezione “Legislazione” un Vademecum aggiornato sulla tassazione dei redditi d’impresa .

Manuale di tassazione del reddito d’impresa dell’Agenzia nazionale bulgara delle entrate

CAPITOLO I CONCETTI E PRINCIPI GENERALI

Foglio I.1
 Oggetti di tassazione
Foglio I.2
 Soggetti passivi
Foglio I.3
 Tipi di imposte societarie
Foglio I.4
 Dichiarazioni dei redditi, pagamento delle tasse e interessi di mora
Foglio I.5
 Giustificazione documentaria
Foglio I.6
 Fonti di profitto e reddito
Foglio I.7
 Fiscalità internazionale
Foglio I.8
 Trattamento fiscale del leasing operativo, secondo i principi contabili internazionali per i locatari

CAPO II IMPOSTE SULLE SOCIETÀ

Sezione II.I DETERMINAZIONE DEL RISULTATO FINANZIARIO FISCALE

Scheda II.I.1
 Caratteristiche dell’imposta sulle società
Scheda II.I.2
 Risultato finanziario fiscale
Scheda II.I.3
 Periodo d’imposta, base imponibile e aliquota

Sezione II.II DIFFERENZE FISCALI PERMANENTI

Scheda II.II.1
 Differenze fiscali permanenti – essenza e tipi
Scheda II.II.2
 Spese non riconosciute ai fini fiscali
Scheda II.II.3
 Reddito non riconosciuto ai fini fiscali
Scheda II.II.4
 Spese e proventi non riconosciuti per assenze e matrimonio
Scheda II.II.5
 Costi non distribuibili delle persone giuridiche senza scopo di lucro
Scheda II.II.6
 Costi di donazione
Scheda II.II.7
 Costi di costituzione di un soggetto passivo
Scheda II.II.8
 Spese di viaggio e soggiorno per privati
Scheda II.II.9
 Trattamento fiscale di ricavi e costi, utili e perdite registrati da un socio di controllo in un’entità a controllo congiunto
Scheda II.II.10
 Trattamento fiscale dei costi per la riparazione di elementi di infrastrutture tecniche di proprietà pubblica statale o comunale

Sezione II.III DIFFERENZE TEMPORANEE FISCALI

Scheda II.III.1
 Differenze temporanee fiscali – natura e tipologia
Scheda II.III.2
 Differenze temporanee fiscali da valutazioni successive di attività e passività
Scheda II.III.3
 Differenze temporanee fiscali dalla rilevazione iniziale e dalle successive valutazioni delle attività biologiche e della produzione agricola
Scheda II.III.4
 Differenze temporanee fiscali da accertamenti successivi e da cancellazioni di crediti
Scheda II.III.5
 Differenze temporanee fiscali da fondi rischi
Scheda II.III.6
 Differenze temporanee fiscali da permessi non goduti e relative assicurazioni
Scheda II.III.7
 Differenze temporanee fiscali da redditi non corrisposti di persone fisiche domestiche
Scheda II.III.8
 Differenze temporanee fiscali da rettifica per sottocapitalizzazione
Scheda II.III.9
 Regola di limitazione della detrazione degli interessi

Sezione II.IV IMPORTI SPECIFICI NELLA DETERMINAZIONE DEL RISULTATO FINANZIARIO FISCALE

Scheda II.IV.1
 Strumenti finanziari ammessi alla negoziazione in un mercato regolamentato
Scheda II.IV.2
 Riserva da valutazioni successive di beni non ammortizzabili fiscalmente
Scheda II.IV.3
 Trattamento fiscale delle passività
Scheda II.IV.4
 Trattamento fiscale del credito d’imposta detraibile per cespiti disponibili all’atto dell’iscrizione o della nuova iscrizione IVA
Scheda II.IV.5
 Trattamento fiscale della distribuzione di dividendi da partecipazioni contabilizzate con il metodo del patrimonio netto
Scheda II.IV.6
 Trasferimento di sede di attività
Scheda II.IV.7
 Regime fiscale per soggetti esteri e MSD che soddisfano le condizioni per una società estera controllata
Scheda II.IV.8
 Risultato finanziario fiscale nei casi di società estera controllata
Scheda II.IV.9
 Registro di una società estera controllata
Scheda II.IV.10
 Concetto di disallineamenti ibridi
Scheda II.IV.11
 Norme specifiche per la determinazione del FFR in caso di disallineamenti da ibridi e disallineamenti con soggetto passivo fiscalmente residente in più di una giurisdizione
Scheda II.IV.12
 Credito d’imposta per ritenuta d’acconto su acconto relativo a cessione ibrida
Scheda II.IV.13
 Disallineamenti in cui il soggetto passivo è residente ai fini fiscali in più di una giurisdizione

Sezione II.V BENI FISCALI AMMORTABILI E PIANO DI AMMORTAMENTO FISCALE

Scheda II.V.1
 Beni ammortizzabili fiscalmente
Scheda II.V.2
 Piano di ammortamento fiscale
Scheda II.V.3
 Valori dei beni ammortizzabili fiscali. Manutenzione e variazione di valore dei beni ammortizzabili fiscali
Scheda II.V.4
 Categorie di beni ammortizzabili fiscali e aliquote annuali di ammortamento fiscale
Scheda II.V.5
 Procedura per l’iscrizione dei beni nel piano di ammortamento fiscale – generale e specifico
Scheda II.V.6
 Accantonamento ammortamenti fiscali. Cessazione della maturazione degli ammortamenti fiscali
Scheda II.V.7
 Trattamento fiscale degli oneri contabili e fiscali per ammortamenti
Scheda II.V.8
 Cancellare le attività dal piano di ammortamento fiscale. Impatto sul risultato finanziario fiscale in caso di cancellazione di un bene ammortizzabile fiscale
Scheda II.V.9
 Costi successivi associati a un bene ammortizzabile
Scheda II.V.10
 Effetti delle successive valutazioni dei beni fiscalmente ammortizzabili
Scheda II.V.11
 Spese contabili che costituiscono un bene fiscalmente ammortizzabile
Scheda II.V.12
 Proventi e oneri rilevati in occasione di una donazione relativa ad un bene fiscalmente ammortizzabile
Scheda II.V.13
 Trattamento fiscale specifico di un bene costituito a seguito di attività di sviluppo
Scheda II.V.14
 Trattamento fiscale specifico delle spese di costruzione e miglioramento di elementi di infrastrutture tecniche di proprietà pubblica statale o comunale

Sezione II.VI PERDITA FISCALE RIPORTO

Scheda II.VI.1
 Perdite fiscali riportate da fonti nazionali ed estere

Sezione II.VII ERRORI CONTABILI E CAMBIAMENTO DI CRITERI CONTABILI

Scheda II.VII.1
 Correzione di errori contabili
Scheda II.VII.2
 Rettifiche per cambiamenti di principi contabili

Sezione II.VIII DICHIARAZIONE E PAGAMENTO DELL’IMPOSTA SULLE SOCIETÀ

Scheda II.VIII.1
 Dichiarazione e pagamento dell’imposta sulle società
Scheda II.VIII.2
 Pagamento anticipato dell’imposta sulle società

Sezione II.IX REGIMI SPECIFICI

Scheda II.IX.1
 Istituzioni finanziarie
Scheda II.IX.2
 Trattamento fiscale specifico delle cooperative
Scheda II.IX.3
 Norme fiscali specifiche per i trasferimenti tra una sede di attività e altre parti della stessa impresa situate al di fuori del paese

Sezione II.X ASSEGNAZIONE ED ESENZIONE DALL’IMPOSTA SULLE SOCIETÀ

Foglio II.X.1
 Esenzione dall’imposta sulle società
Foglio II.X.2
 Surrogazione dell’imposta sulle società e riduzione del risultato economico contabile – requisiti generali
Foglio II.X.3
 Benefici fiscali generali sotto forma di riduzione del risultato finanziario contabile o di agevolazione dell’imposta sulle società
Foglio II.X.4
 Crediti d’imposta soggetti ad aiuti di Stato minimi o regionali
Foglio II.X.5
 Agevolazioni fiscali che rappresentano un minimo aiuto di Stato
Foglio II.X.6
 Sgravio fiscale che rappresenta un aiuto di Stato allo sviluppo regionale
Foglio II.X.7
 Sgravio fiscale che rappresenta un aiuto di Stato per i produttori agricoli

CAPO III DIVIDENDI NELL’AMBITO DELLA COMUNITÀ EUROPEA
(abrogato in relazione all’abrogazione del capo diciotto della ZKPO (abrogato, SG. 69 del 2008))

CAPO IV CONFORMAZIONE DELLE SOCIETA’

Sezione IV.I FORMAZIONE SOCIETA’ – DISPOSIZIONI GENERALI

Scheda IV.I.1
 Conversione di società. Generale

Sezione IV.II REGIME TRIBUTARIO GENERALE DI TRASFORMAZIONE DI SOCIETA’

Scheda IV.II.1
 Regime fiscale generale in caso di trasformazione di società. Tassazione dell’ultimo periodo d’imposta

Sezione IV.III REGIME FISCALE SPECIFICO PER LA TRASFORMAZIONE DI SOCIETA’

Scheda IV.III.1
 Conversione di società. Modalità specifica – campo di applicazione
Scheda IV.III.2
 Conversione di società. Regime specifico – conseguenze fiscali

Sezione IV.IV REGIME FISCALE SPECIFICO IN CASO DI TRASFERIMENTO DELLA SEDE DI UNA SOCIETA’ EUROPEA O DI ASSOCIAZIONE COOPERATIVA EUROPEA

Scheda IV.IV.1
 Regime fiscale specifico in caso di trasferimento della sede legale di una società europea o di un’associazione cooperativa europea

CAPO V REGOLAMENTO FISCALE IN CASO DI RISOLUZIONE PER LIQUIDAZIONE O DICHIARAZIONE DI INSOLVENZA E DISTRIBUZIONE DI UNA QUOTA DI LIQUIDAZIONE

Scheda V.1
 Imposta societaria in caso di cessazione. Imposta societaria per l’ultimo periodo d’imposta
Scheda V.2
 Trattamento fiscale della distribuzione della quota di liquidazione

CAPO VI DETRAIBILITA’ FISCALE ALLA FONTE

Scheda VI.1
 Oggetti di tassazione alla fonte
Scheda VI.2
 Base imponibile e aliquote per la ritenuta d’acconto
Foglio VI.3
 Dichiarazione e versamento della ritenuta d’acconto
Scheda VI.4
 Ricalcolo ritenuta d’acconto

CAPITOLO VII IMPOSTE SULLE SPESE

Sezione VII.I IMPOSTA SULLE SPESE DI RAPPRESENTANZA CONNESSE ALL’ATTIVITÀ

Scheda VII.I.1
 Oggetti di tassazione sulle spese di rappresentanza
Scheda VII.I.2
 Soggetti passivi per l’imposta sulle spese di rappresentanza
Scheda VII.I.3
 Base imponibile e aliquota. Dichiarazione e versamento dell’imposta sulle spese di rappresentanza

Sezione VII.II IMPOSTA SULLE SPESE SOCIALI PRESTATE IN NATURA

Scheda VII.II.1
 Oggetti di tassazione sui costi sociali forniti in natura
Scheda VII.II.2
 Soggetti passivi per l’imposta sugli oneri sociali prestati in natura
Scheda VII.II.3
 Base imponibile e aliquota per l’imposta sugli oneri sociali forniti in natura
Scheda VII.II.4
 Dichiarazione e pagamento dell’imposta sugli oneri sociali forniti in natura

Sezione VII.III IMPOSTA SULLE SPESE RELATIVE ALLA MANUTENZIONE, RIPARAZIONE E FUNZIONAMENTO DEI VEICOLI (eliminata in relazione all’abrogazione della tassa sui costi relativi alla manutenzione, riparazione e funzionamento dei veicoli utilizzati per attività amministrative, SG n. 75 del 2016)

Scheda VII.III.1
Soggetti di tassazione e soggetti passivi per l’imposta sulle spese relative alla manutenzione, riparazione e gestione dei veicoli (abrogato in relazione all’abolizione di questo tipo di imposta sulle spese, SG n. 75 del 2016)
Scheda VII.III.2
Base imponibile e aliquota. Dichiarazione e pagamento dell’imposta sulle spese relative alla manutenzione, riparazione e gestione dei veicoli (abbandonata in relazione all’annullamento di questo tipo di imposta sulle spese, SG n. 75 del 2016)

Sezione VII.IV IMPOSTE SULLE SPESE CONNESSE ALL’USO DEI BENI D’UFFICIO PER NECESSITÀ PERSONALI

Scheda VII.IV.1
 Elezione a tassazione delle spese in natura relative all’utilizzo dei beni aziendali per esigenze personali. Soggetti tributari e soggetti passivi
Scheda VII.IV.2
 Base imponibile e aliquota. Dichiarare e pagare l’imposta sulle spese relative all’utilizzo dei beni aziendali per esigenze personali

CAPO VII bis IMPOSTA SULLE SPESE SUPPLEMENTARI DEI RAPPRESENTANTI DEL POPOLO

Scheda VIIa.1
 Imposta sulle spese aggiuntive dei rappresentanti del popolo. Oggetto della tassazione. Soggetto passivo. Base imponibile e aliquota. Dichiarazione e pagamento dell’imposta

CAPO VIII IMPOSTA SULLE ATTIVITA’ DI GIOCO

Scheda VIII.1
 Imposta sull’attività di gioco – condizioni generali
Foglio VIII.2
Imposta sull’attività di gioco del lotto e del lotto, scommesse sui risultati di competizioni sportive ed eventi casuali (abrogata in relazione all’abolizione dell’imposta alternativa per questo tipo di attività di gioco, SG n. 1/2014)
Foglio VIII.3
Imposta sull’attività di gioco da lotterie, lotterie e lotterie numeriche Bingo e Keno (abrogata in relazione all’abolizione dell’imposta alternativa per questo tipo di attività di gioco d’azzardo, SG n. 1/2014)
Foglio VIII.4
 Imposta sull’attività di gioco d’azzardo di giochi in cui la quota di partecipazione è l’aumento del costo di un collegamento telefonico o di altra telecomunicazione
Foglio VIII.5
 Imposta sull’attività di gioco d’azzardo da strutture di gioco d’azzardo

CAPITOLO IX IMPOSTA SUL REDDITO DELLE IMPRESE BILANCIATE

Scheda IX.1
 Imposta sul reddito delle imprese di bilancio

CAPITOLO X IMPOSTE SULL’ATTIVITÀ DI ESERCIZIO DELLE NAVI

Foglio X.1
 Imposta sull’attività di esercizio delle navi – disposizioni generali
Foglio X.2
 Soggetti passivi per l’imposta sull’attività di esercizio delle navi
Foglio X.3
 Base imponibile e aliquota. Dichiarazione e pagamento della tassa sull’attività di esercizio delle navi

CAPO XI ESENZIONE FISCALE

Scheda XI.1
 Prevenzione dell’evasione fiscale – sostanza
Scheda XI.2
 Affiliati
Scheda XI.3
 Metodi di determinazione dei prezzi di mercato

CAPO XII DIRITTO EUROPEO E TRIBUTO DELLE SOCIETÀ

Sezione XII.I DIRITTO COMUNITARIO IN MATERIA DI FISCALE DELLE SOCIETÀ

Scheda XII.I.1
 Fonti del diritto comunitario e comunitario
Scheda XII.I.2
 Il diritto europeo in materia di imposte dirette