Archivi categoria: Bulgaria – Controllo Fiscale

Bulgaria – Controlli fiscali – Le ispezioni

Procedimenti di controllo svolti  dall’Agenzia delle Entrate Bulgara per accertare il rispetto della normativa tributaria o assicurativa

L’ispezione è uno dei procedimenti attraverso i quali si effettua il controllo fiscale e assicurativo. Rappresenta un insieme di atti dell’Agenzia nazionale bulgara delle entrate ( Национална агенция за приходите (НАП (NAP)) , in cui si stabilisce il rispetto della normativa fiscale o assicurativa.

Un’ispezione può stabilire determinati fatti e circostanze rilevanti per gli obblighi fiscali oi contributi assicurativi obbligatori della persona ispezionata.

Un’ispezione non può stabilire obblighi fiscali o contributi assicurativi obbligatori della persona ispezionata.

Tipi di controlli

Controllo ritenute o rimborsi
Viene effettuato nell’ambito del controllo fiscale e assicurativo ed è relativo alla ritenuta e/o restituzione di importi indebitamente versati o riscossi per imposte, contributi previdenziali obbligatori, multe e sanzioni patrimoniali comminate dall’Agenzia delle Entrate e importi soggetto a rimborso ai sensi della normativa fiscale o previdenziale.

Controinterrogatorio
Metodo di raccolta delle prove rilevanti per un procedimento già avviato. Con il contraddittorio si accertano fatti e circostanze relativi a chi è parte di un procedimento revocatorio, di un procedimento ispettivo o di impugnazione di un atto amministrativo, e lo si compie con altro obbligato.

Ispezione per delega 
Riguarda le azioni che dovrebbero essere intraprese dalle autorità fiscali quando è necessario stabilire fatti e circostanze relativi all’attività dell’ente, alla sua divisione, oggetto o proprietà sul territorio di un’altra direzione territoriale.

Verifica di fatti e circostanze (F&C)
Un insieme di azioni dell’amministrazione finanziaria con l’obiettivo di stabilire il rispetto della legislazione fiscale e previdenziale, nonché di accertare determinati fatti e circostanze rilevanti per gli obblighi fiscali e contributivi obbligatori. Viene effettuato anche nel caso in cui sia necessario emettere una specifica tipologia di documento (certificato richiesto).

I sopralluoghi sono
effettuati in loco presso i locali commerciali del soggetto ispezionato, al fine di accertare il rispetto della normativa in materia di rendicontazione dei redditi tramite dispositivi fiscali e di tracciabilità dei flussi di prodotto. Attraverso il sopralluogo viene effettuato il controllo preventivo e continuativo del rispetto della normativa.

Verifica della disponibilità delle risorse
La verifica della disponibilità delle risorse, detta anche inventario, viene effettuata negli oggetti in cui si svolge l’attività o la gestione aziendale. Durante l’inventario, i beni vengono controllati e stabiliti: beni materiali materiali, produzione, lavori in corso e contanti in contanti.

Invito a rimuovere le incongruenze nelle dichiarazioni presentate

Quando, nel corso dell’ispezione, l’autorità esaminatrice ha accertato una discrepanza tra il contenuto di una dichiarazione presentata e i requisiti per la sua compilazione, o discrepanze tra i dati di una dichiarazione presentata dal soggetto obbligato e le informazioni ricevute da terzi o amministrazioni che incidono direttamente sulla base imponibile, sull’ammontare dell’imposta o sui benefici fruiti, e contestualmente non è necessario intraprendere azioni per raccogliere ulteriori informazioni o prove, in base all’art. 103 (Azioni dopo l’accettazione) del Codice di procedura fiscale ed assicurativa ( ДАНЪЧНО-ОСИГУРИТЕЛЕН ПРОЦЕСУАЛЕН КОДЕКС(ДОПК)) ), l’Agenzia nazionale bulgara delle entrate predispone e consegna al soggetto un invito ad eliminare la discrepanza presentando una dichiarazione correttiva. Il termine per rimuovere la discrepanza è di 14 giorni dal ricevimento dell’invito.

Un invito a presentare una dichiarazione correttiva entro 14 giorni può essere emesso anche nei casi di accertato trattamento fiscale scorretto delle forniture ai sensi Legge sull’imposta sul valore aggiunto – Закон за Данък Върху Добавената Стойност (ЗДДС).

Nel caso in cui la persona non ponga rimedio alle incongruenze entro il termine indicato nell’invito, viene emesso atto di accertamento delle obbligazioni.

Azioni specifiche durante la verifica

Nel corso di qualsiasi ispezione, qualora sia necessario raccogliere ulteriori informazioni, documenti o spiegazioni scritte dalla persona ispezionata e/o da terzi, nonché all’accertamento di fatti e circostanze specifiche o di mancata collaborazione da parte dell’ispezionato persona, le autorità fiscali possono intraprendere alcune delle seguenti azioni specifiche:

  • invio di istanza di presentazione di atti e chiarimenti scritti da parte di soggetto obbligato, con la quale l’indagato può essere tenuto per iscritto a presentare documenti, dichiarazioni, referenze e chiarimenti scritti entro un termine determinato dall’Agenzia nazionale bulgara delle entrate, in base all’art. . 37, par. 3, artt. 53 e dell’art. 56, par. 1 del Codice di procedura fiscale ed assicurativa. Gli atti possono essere presentati in formato elettronico su supporto tecnico o tramite il servizio telematico “Presentazione di atti da parte del Governo dello Stato nell’ambito di procedimenti di controllo;
  • invio di richiesta di presentazione di documenti, notizie e spiegazioni scritte da parte di terzi, enti statali e comunali, con la quale si possono richiedere atti, dati, informazioni, carte, supporti informativi e altre prove in base all’art. 37, par. 5 del Codice di procedura fiscale ed assicurativa;
  • svolgimento di un’ispezione per stabilire beni disponibili negli oggetti della persona ispezionata; l’ottenimento delle prove mediante inventario o mediante sequestro con inventario di titoli, cose, documenti, carte e altri supporti di informazioni da e su supporti tecnici;
  • condurre perizie dovute alla necessità di conoscenze speciali per chiarire le domande sorte durante l’ispezione;
  • inviare una richiesta di informazioni in materia di IVA ad un altro Stato membro dell’UE,
  • fornire assistenza da parte delle autorità del Ministero degli affari interni secondo le istruzioni approvate per l’interazione durante la perquisizione e il sequestro;
  • Iscrizione/cancellazione IVA, per motivi di iscrizione/cancellazione della persona riscontrata in sede di accertamento;
  • invio di un invito per la correzione del trattamento fiscale errato di una fornitura ai sensi dell’IVA e la rimozione delle difformità.
  • redazione dell’Atto di accertamento di una violazione amministrativa (Акт за установяване на административно нарушение (АУАН)), per accertato illecito amministrativo;
  • informare l’ufficio del pubblico ministero quando nel corso delle indagini sono stati accertati indizi di un reato;
  • sospensione della verifica per i motivi di cui all’art. 34, par. 1 e par. 2 del Codice di procedura fiscale ed assicurativa. Quando ricorrono le circostanze per sospendere la revisione ex art. 34, par. 1, comma 1, cpp – in caso di infermità di persona la cui partecipazione al procedimento è obbligatoria ovvero ai sensi del comma 4 – su richiesta del soggetto, le persone controllate possono presentare istanza di sospensione del controllo.

Le persone hanno il diritto di impugnare l’ordinanza di sospensione emessa o la decisione di rifiutare la sospensione del procedimento entro 14 giorni dalla consegna del relativo documento (art. 34, comma 5 del Codice di procedura fiscale ed assicurativa). Competente a pronunciarsi sul ricorso è il tribunale amministrativo presso la sede della direzione territoriale, nella cui circoscrizione ha sede l’organo il cui atto è impugnato. Il tribunale emette un’ordinanza che respinge o annulla l’ordinanza o il rifiuto di sospendere il procedimento e l’ordinanza del tribunale è definitiva.

  • cessazione dell’accertamento quando, prima dell’emanazione dell’atto amministrativo, muore una persona fisica, parte del procedimento, o viene meno una persona giuridica, parte del procedimento (art. 36, co. 1 Codice di procedura fiscale ed assicurativa).

Consegna o fornitura di atti rilasciati o redatti dall’Agenzia delle Entrate in occasione di ispezioni

Gli atti rilasciati o redatti da un’amministrazione finanziaria nel corso di un’ispezione sono notificati o messi a disposizione dell’indagato, del suo rappresentante o procuratore, del membro di un organo di governo o del suo dipendente designato a ricevere atti o comunicazioni, in conformità con le regole per la notifica delle comunicazioni di cui all’art. 29 del Codice di procedura fiscale ed assicurativa.

In caso di controllo su persona fisica, anche ditta individuale, gli atti possono essere notificati a un componente maggiorenne del suo nucleo familiare, nonché a un maggiorenne che abbia lo stesso domicilio stabile, se vi è un accordo di accettazione con l’obbligo di consegnarlo. Gli atti e gli atti rilasciati dalle persone fisiche possono essere consegnati anche sul luogo di lavoro personalmente o tramite la persona designata a ricevere i messaggi del datore di lavoro, essendo necessario anche il consenso all’accettazione e con obbligo di consegna alla persona.

Il servizio/consegna può essere effettuato dall’autorità fiscale o da un altro funzionario (server) e può essere effettuato in uno dei seguenti modi:

  • all’indirizzo postale dell’entità;
  • inviando una lettera all’indirizzo per la corrispondenza con ricevuta di ritorno tramite un operatore postale abilitato, in cui è annotato l’atto compiuto;
  • via fax;
  • mediante l’invio di un messaggio elettronico con firma elettronica qualificata dell’Agenzia delle Entrate;
  • servizio tramite il comune o il municipio, se nel luogo in cui deve essere servito non è presente l’Agenzia delle Entrate o il gestore;
  • servizio e in ogni altro luogo, quando è ricevuto personalmente dalla persona o dal suo rappresentante.

Gli atti informatici emessi nel corso del procedimento possono essere notificati all’interessato per via telematica, attivando una referenza telematica in un messaggio telematico inviato per notificazione o scaricandoli dal sistema informatico dell’ANR (art. 30, comma 6, Codice di procedura fiscale ed assicurativa). In relazione alla consegna di documenti per via elettronica, le persone obbligate possono utilizzare il servizio elettronico dell’Agenzia nazionale bulgara delle entrate “Consegna e messa a disposizione di documenti a clienti dell’Agenzia nazionale bulgara delle entrate nell’ambito di procedure di controllo”. A tal fine, deve essere specificato un indirizzo elettronico aggiornato presso l’Agenzia nazionale bulgara delle entrate, al quale possono essere inviati messaggi elettronici e documenti per la notifica.

Quando, nell’ambito della notificazione o comunicazione di un atto nel corso del procedimento, l’Agenzia nazionale bulgara delle entrate non rinvenga la persona, il suo rappresentante o procuratore, il componente di un organo di amministrazione o il dipendente designato a ricevere comunicazioni o atti, dopo almeno due visite entro 7 giorni all’indirizzo per la corrispondenza, si applica la procedura per la notifica mediante allegato a un fascicolo, ai sensi dell’art. 32 cpp.

Ai sensi dell’art. 28, par. 3 del codice di procedura penale, in caso di verifica, per la quale l’interessato è regolarmente avvisato, e quando provveda ad atti di mutamento del domicilio per corrispondenza, il verificato è tenuto a darne comunicazione scritta all’Agenzia nazionale bulgara delle entrate che conduce il procedimento entro tre giorni di intraprendere le azioni . In caso contrario, tutti gli atti ei documenti del presente procedimento sono allegati al fascicolo e si considerano debitamente notificati.

Bulgaria – Controllo Fiscale – Gli atti di revisione

Al CONTROLLO FISCALE E ASSICURATIVO in Bulgaria è dedicato il Capitolo quindici (artt. dal 110 al 126) del Codice di procedura fiscale ed assicurativa ( ДАНЪЧНО-ОСИГУРИТЕЛЕН ПРОЦЕСУАЛЕН КОДЕКС(ДОПК)).

Il controllo fiscale (данъчния контрол (ДК)) costituisce un’attività di confronto della situazione di fatto con la normativa vigente ed è inteso come controllo circa l’esatta attuazione delle norme processuali tributarie.

Nel diritto tributario bulgaro, il controllo ha due forme (art. 110 (Revisioni e ispezioni) del Codice di procedura fiscale ed assicurativa:

  • atti di revisione (ревизионни актове (РА))
  • ispezioni.

La compilazione dei rapporti degli atti di revisione (ревизионни актове (РА)) è preceduta da numerose azioni di verifica delle autorità di controllo, per le quali sì. la legislazione bulgara fornisce le condizioni per la validità, il significato legale e le conseguenze. Affinché gli atti compilati abbiano valore probatorio, l’organo di controllo deve verificare la situazione di fatto del sito, confrontarla con la normativa vigente, e gli atti devono essere supportati dai relativi allegati che certificano i rilievi effettuati. L’insieme di tutti questi atti, unitamente agli atti compilati, caratterizza la revisione contabile come un procedimento normativamente previsto dalla normativa. A differenza del vecchio regime, solo in casi particolari di revisioni (ex art. 124 c. 2) è prevista la presunzione, che gli accertamenti di fatto si presumono veri fino a prova contraria. In tutti gli altri casi, l’onere della prova spetta all’autorità.

Agli accertamenti su base induttiva sono dedicati gli artt. da 122 a 124 del Codice di procedura fiscale ed assicurativa.

Si tratta di un procedimento che consente all’Agenzia delle Entrate, a determinate condizioni, di determinare una base imponibile discrezionale. I criteri per tale valutazione sono disciplinati dall’art. 122 (2). Il principio è che questo approccio può essere scelto quando non c’è la possibilità di raccogliere prove dirette. Per questo, la base imponibile è stabilita indirettamente. Si tratta di una specifica possibilità – L’art. 124 (Norme speciali per le revisioni) (1) richiede che sia dato avviso alla persona che la revisione deve essere effettuata in base a tale ordine.

 In questo caso, la prova nel processo fiscale è un insieme di azioni procedurali volte a svolgere e stabilire con l’ausilio di mezzi probatori. Si applicano i principi della prova del processo civile e del processo amministrativo.

La priorità è data alle prove primarie perché il valore probatorio delle prove derivate è determinato dalla credibilità delle prove primarie. Il principio è che sono accettati come prove nel processo tributario solo quei fatti e circostanze che sono stati raccolti secondo le modalità stabilite dalla legge.

In linea di principio, la revisione viene effettuata per un periodo d’imposta scaduto. È quindi una forma di controllo di follow-up per stabilire sì. e obblighi assicurativi. La verifica inizia con l’ordine di commissionare una verifica (art. 112 (Formazione di procedimenti di revisione)). Gli organi che possono assegnarlo sono definiti nella stessa norma. Tali poteri possono essere delegati.

La base materiale per gli audit sono i supporti informativi di reporting – contabilità e altri documenti nell’oggetto controllato. La revisione  è svolto da ispettori o esperti, come le autorità fiscali. L’ordine deve contenere gli estremi di cui all’art. 113 (Contenuto, servizio e modifica dell’ordine per l’affidamento della revisione) del Codice di procedura fiscale ed assicurativa.

Un punto importante è il termine per l’effettuazione della revisione – art. 114 (Termine ultimo per l’esecuzione della revisione). Il termine principale è di 3 mesi e decorre dalla consegna dell’ordine di aggiudicazione di cui all’art.113, primo comma, del Codice di procedura fiscale ed assicurativa. L’ordinanza stessa non è appellabile indipendentemente.

La Sezione IV del Cap. sedici del  Codice di procedura fiscale ed assicurativa è dedicata alla “Procedura per lo scambio di informazioni con altri paesi

Quando è stato notificato l’ordine di affidamento della revisione ai sensi dell’art. 143м (Una richiesta di servizio presentata da un’autorità richiedente locale), par. 1 o dell’art. 269sh, par. 3 , il termine per l’effettuazione della revisione decorre dalla data di ricezione della notificazione da parte dell’autorità competente dell’altro Paese.

Ai sensi del comma 2 dell’art. 114 (Termine ultimo per l’esecuzione della revisione), se il termine di tre mesi di cui al comma. 1  risulta insufficiente, può essere prorogato fino a due mesi con ordinanza di proroga del termine da parte dell’ente che ha commissionato la revisione.

Quando i termini di cui ai commi. 1 e 2 ell’art. 114 (Termine ultimo per l’esecuzione della revisione) del Codice di procedura fiscale ed assicurativa risultano insufficienti per la particolare complessità fattuale della fattispecie, il termine può essere prorogato per complessivi non superiori a tre anni con provvedimento di proroga dell’incarico dell’amministratore esecutivo, emanato sulla base di un provvedimento proposta motivata del direttore territoriale.

In base all’art. 115 (sede della revisione) del Codice di procedura fiscale ed assicurativa: (1) La persona sottoposta a revisione fornisce un luogo e le condizioni adeguati per condurre la revisione e nomina le persone per contattare l’autorità delle entrate e per fornire assistenza nello svolgimento e.

(2) Gli organi di revisione sono obbligati a familiarizzare sul posto con documenti e altre prove in possesso della persona controllata, nonché a stabilire i fatti e le circostanze rilevanti per determinare i risultati della revisione.
(3) Se è impossibile eseguire la revisione presso la persona controllata, viene eseguito presso la direzione territoriale. In questo caso viene redatto un verbale e un inventario dei documenti che vengono consegnati all’Agenzia delle Entrate. Alla persona viene fornita una copia del protocollo e dell’inventario.
(4) L’amministrazione finanziaria è responsabile della custodia dei documenti che le sono stati presentati per inventario e li restituisce alla persona secondo la procedura e nei termini previsti dall’art. 44 .
(5) Se è necessario stabilire fatti e circostanze relativi all’attività della persona, della sua divisione, oggetto, attività o proprietà al di fuori del luogo abitato in cui viene effettuato l’audit, anche sul territorio di un’altra direzione territoriale, l’audit le autorità possono essere distaccate per accertare tali circostanze.

 

In base all’art. 116 (Regole speciali di prova) del Codice di procedura fiscale ed assicurativa:

 (1) Nel caso in cui, al fine di stabilire gli obblighi della persona controllata, sia necessario chiarire fatti e circostanze al di fuori del territorio del paese, è dovere della persona controllata presentare prove per il loro chiarimento . Quando i rapporti o le transazioni sono tra parti correlate, così come nel caso di trasferimenti tra una sede di attività di una persona straniera in Bulgaria e altre parti della stessa impresa all’estero, si considera che la persona sottoposta a revisione abbia avuto l’opportunità di presentare evidenza.
(2) Quando l’ente verificato effettua un’operazione con parti correlate, è tenuto a dimostrare il rispetto del prezzo di mercato e le ragioni della sua deviazione, anche presentando tutte le prove pertinenti dall’estero.
(4) Quando la persona controllata non adempie agli obblighi di cui al par. 1 e 2, l’Agenzia delle Entrate ha la facoltà di stabilire i prezzi di mercato sulla base delle informazioni o prove disponibili.
(5) Nell’applicare i metodi di determinazione dei prezzi di mercato, l’amministrazione finanziaria utilizza anche i dati sui corsi di borsa, i dati indicati nei repertori statistici o altre pubblicazioni contenenti informazioni specialistiche sui prezzi.
(6) Nello stabilire le circostanze di cui al § 1, punto 3, lettera “n” delle disposizioni aggiuntive, le autorità fiscali utilizzano anche i dati relativi alle persone correlate , sull’onere fiscale o sul regime di esercizio dell’attività nel mercato locale, pervenuti o pubblicati da altre amministrazioni fiscali, organizzazioni internazionali, pubblici registri e pubblicazioni contenenti informazioni specialistiche.
(7) Quando si applica il par. 5 e 6, l’Agenzia delle Entrate è tenuta ad indicare la Borsa, la Testata, l’Amministrazione, l’Organizzazione internazionale, rispettivamente la pagina Internet – fonte dell’informazione, allegando copia da essa autenticata o uno stampato contenente i relativi dati .

Emissione di atti di revisione

Prima fase

Il Codice di procedura fiscale ed assicurativa prevede che entro 14 giorni dalla fine del periodo di revisione venga redatto un rapporto di revisione (ревизионен доклад (РД)) ( art. 116). Tale rapporto di revisione deve essere notificato alla persona verificata per obiezioni o presentazione di prove. Il termine è di 14 giorni. Il rapporto di revisione è per sua natura atto dichiarativo, che non crea obblighi tributari.

L’art. 117 del Codice di procedura fiscale ed assicurativa stabilisce il termine ed il contenuto del “Rapporto di revisione

 (1) La relazione di audit è redatta dall’autorità di controllo delle entrate entro 14 giorni dalla scadenza del termine per lo svolgimento del controllo.
(2) Il rapporto di revisione deve contenere:
1. i nomi e le cariche degli organi che lo compongono;
2. numero e data della denuncia;
3. dati sulla persona controllata;
4. l’ambito della revisione e altre circostanze rilevanti per la prestazione e;
5. gli atti processuali compiuti ei fatti e le circostanze accertati e le relative prove;
6. le conclusioni di fatto e di diritto tratte e le relative motivazioni;
7. azioni intraprese a garanzia di crediti pubblici;
8. proposta di istituzione di obblighi;
9. inventario delle prove allegate;
10. firme dell’Agenzia delle Entrate che ha redatto il verbale.
(3) Le prove allegate al rapporto di revisione ne costituiscono parte integrante.
(4) Il rapporto di audit insieme agli allegati deve essere consegnato alla persona controllata entro tre giorni dalla sua preparazione.
(5) La persona controllata può presentare un’opposizione scritta e presentare prove entro 14 giorni dalla consegna del rapporto di audit alle autorità che hanno eseguito l’audit. Quando il termine è insufficiente, viene prorogato su richiesta della persona, ma per non più di un mese.
Seconda fase

Dopo le obiezioni (non sono obbligatorie), viene emesso l’atto di revisione (Ревизионен акт)

Art. 118 Atto di revisione (Ревизионен акт)
1) Con l’atto di revisione:
1. vengono stabiliti, modificati e/o detratti obblighi per imposte e contributi assicurativi obbligatori;
2. stabiliti i risultati di rimborso per un periodo d’imposta, soggetto a rimborso, quando questo è previsto dalla legge;
3. rimborsate le somme indebitamente versate o riscosse.

Secondo l’art. 119 (Emissione di un atto di revisione) entro 3 giorni dall’emissione del rapporto di revisione (ревизионен доклад ) di cui all’art.117, gli enti che hanno effettuato la revisione ne danno comunicazione scritta all’autorità che l’ha attribuita, la quale a sua volta emana un’ordinanza per determinare l’autorità competente ad emettere l’Atto di revisione (Ревизионен акт) di cui all’art.118. Di solito, la l’Atto di revisione è emessa dall’autorità che ha condotto l’audit. Tale autorità ha due possibilità: emettere un Atto di revisione o chiudere il procedimento con ordinanza, se nello specifico procedimento è inammissibile stabilire obblighi e responsabilità.

Art. 119 Emissione di un atto di revisione

 (1) Entro tre giorni dalla preparazione del rapporto di revisione, gli organismi che hanno effettuato la revisione devono informare per iscritto l’organismo che l’ha commissionata.

(2)  La redazione del rapporto di revisione è rilasciata dall’autorità che ha assegnato la revisione e dal responsabile della revione entro 14 giorni dalla presentazione dell’opposizione o dalla scadenza del termine per la presentazione di opposizione di cui all’ultimo comma dell’art.117. Quando l’accertamento di obblighi o responsabilità nello specifico procedimento è inammissibile, il procedimento si chiude con ordinanza.
(3) Quando le autorità di cui al par. 2 non possa raggiungere un accordo, l’atto di revisione, rispettivamente il provvedimento di risoluzione, è emesso da altra autorità delle entrate, designata dal direttore territoriale o da persona da lui delegata, sulla base di una comunicazione scritta dell’autorità che ha commissionato la revisione.
(4)  L’atto di revisione o l’ordine di risoluzione devono essere consegnati alla persona rivista entro 7 giorni dall’emissione.
Per l’atto di revisione è prevista una forma scritta di (Art. 120).
La pratica dell’applicazione del Codice di procedura fiscale ed assicurativa tende a far intendere che il rapporto di revisione (ревизионен доклад ) di cui all’art.117 non può costituire motivazione dell’Atto di revisione (Ревизионен акт) di cui all’art.118, in quanto esso,  atto autonomo, dovrebbe avere motivazioni proprie, nelle quali si possano discutere anche le obiezioni dell’indagato. Gli Atti di revisione (Ревизионен акт) sono intrinsecamente azioni amministrative individuali (индивидуални административни актове).
Una definizione legale (statutaria) di azione amministrativa individuale (индивидуални административни актове) è data dall’articolo 21, paragrafo 1 del CODICE DEL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO (АДМИНИСТРАТИВНОПРОЦЕСУАЛЕН КОДЕКС). Questa disposizione indica che l’azione amministrativa individuale (индивидуални административни актове) è l’espressa dichiarazione di volontà o la dichiarazione di volontà espressa dall’azione o dall’inerzia di un organo amministrativo o di un altro organo autorizzato per legge, un ente o un’organizzazione, le persone che svolgono funzioni pubbliche e le organizzazioni che forniscono servizi pubblici, che crea diritti o obblighi o incide direttamente sui diritti, le libertà o gli interessi legali di singoli cittadini o organizzazioni, nonché il rifiuto di emettere tali un atto.

Art. 120 Contenuto dell’atto di revisione

(1) L’atto di revisione deve essere emesso per iscritto e deve contenere:
1. il nome e la posizione delle autorità che lo rilasciano;
2. il numero e la data dell’atto;
3. dati sulla persona controllata;
4. l’ambito della revisione e altre circostanze rilevanti per la prestazione e;
5. motivazioni dell’emissione dell’atto;
6. parte dispositiva, che determina i diritti, gli obblighi o le responsabilità e le modalità ei termini per la loro attuazione;
7. avanti a quale organo ed entro quale termine è impugnabile l’atto;
8.  firme delle autorità fiscali che hanno emesso l’atto di revisione.
(2) Il rapporto di revisione è allegato all’atto di revisione e ne costituisce parte integrante. L’Agenzia delle Entrate è tenuta a discutere le contestazioni sollevate contro il verbale di verifica e le prove presentate.

(3) L‘atto di revisione è emanato secondo un modello approvato dal direttore esecutivo dell’Agenzia nazionale delle entrate.

 

Art. 121 Garanzia anticipata dei crediti

(1) Nel corso della revisione o all’atto di emanazione dell’atto di revisione, l’amministrazione finanziaria può richiedere, motivatamente, al contraente pubblico l’imposizione di misure cautelari preliminari al fine di impedire transazioni e azioni con i beni della persona , per cui la riscossione degli adempimenti tributari e contributivi obbligatori sarà impossibile o significativamente più difficoltosa.
(2) Le misure cautelari preliminari sono imposte ai sensi dell’art. 195 con decreto dell’esecutore pubblico e sono impugnabili ai sensi dell’art. 197 .
(3) Le misure preliminari di garanzia sono imposte sui beni, la cui garanzia non comporta un serio ostacolo all’attività della persona. Se ciò non è possibile, le misure di sicurezza imposte non devono interrompere l’attività svolta dalla persona sottoposta ad audit.
(4)  Quando non è stato emanato atto di revisione entro 4 mesi dall’irrogazione della prima misura cautelare istruttoria, le misure cautelari irrogate si considerano estinte, a meno che non ne sia stata richiesta la prosecuzione dinanzi al giudice amministrativo presso la sede dell’ente che ha disposto la misura cautelare. La richiesta può essere presentata dall’appaltatore pubblico o dall’ente verificato.
(5) Il tribunale verifica l’esistenza delle condizioni di cui al par. 1 per l’irrogazione di misure cautelari preliminari e l’adempimento degli obblighi di cui al co. 3 e si pronuncia entro 14 giorni dal ricevimento della richiesta. Se accoglie la richiesta, il giudice fissa un termine per la prosecuzione dei provvedimenti, non superiore al termine per l’espletamento del procedimento di revocazione. La decisione non è soggetta ad appello.
(6) L’effetto delle misure di sicurezza preliminari imposte deve essere proseguito con le misure di sicurezza dello stesso tipo e sulla stessa proprietà, imposte entro un mese dall’emissione dell’atto di revisione, quando l’atto è stato emesso nel Il termine di 4 mesi di cui al par. 4 o entro il termine determinato dal tribunale ai sensi del par. 5.

Arte. 121a  Disposizione anticipata nel controllo fiscale

 (1) Nell’effettuare il controllo fiscale sulla circolazione di merci ad alto rischio fiscale, l’Agenzia delle Entrate può richiedere all’aggiudicatario pubblico di imporre immediatamente misure preliminari di sicurezza sui beni del destinatario della merce a garanzia dei crediti tributari che ne deriverebbero, per un importo non inferiore al 30 per cento del valore di mercato della merce nei casi di:
1. violazione dell’integrità dei mezzi tecnici di controllo;
2. inosservanza del divieto di cui all’art. 13, par. 3, punto 4 ;
3. difformità tra la tipologia e/o la quantità della merce specificata nei documenti e la tipologia e/o la quantità accertata in sede di controllo;
4. mancata comparsa del conducente del mezzo di trasporto o del destinatario/acquirente della merce nel luogo di ricevimento/scarico e.
(2) I provvedimenti di cui al co. 1 può essere imposto anche quando l’Agenzia delle Entrate determini che, alla successiva cessione dei beni, la riscossione dei tributi dovuti sarà impossibile o notevolmente più difficoltosa. Quando è prestata la garanzia ai sensi dell’art. 176c della legge sull’imposta sul valore aggiunto , l’importo della garanzia non è inferiore al 10 per cento del valore di mercato dei beni.
(3)  Nei casi di cui al par. 1 e 2, l’Agenzia delle Entrate svolge anche i provvedimenti di cui all’art. 40 per l’ottenimento di prove con un periodo di validità fino a 72 ore senza l’autorizzazione del tribunale e determina l’importo della cauzione e i beni e i documenti per i beni sono sequestrati. In tal caso vale il divieto di smaltimento ex artcontinua la sua operatività, e la merce viene svincolata previa presentazione di una garanzia in contanti o di una garanzia bancaria incondizionata e irrevocabile con un periodo di validità non inferiore a 6 mesi, nella misura del 30 per cento, rispettivamente del 10 per cento del valore di mercato della merce e previo pagamento delle spese di sequestro e custodia e.La cauzione prestata in denaro o fidejussione bancaria incondizionata e irrevocabile è svincolata dalla Direzione territoriale competente ai sensi dell’art. 8 .
(4) Nel caso in cui la garanzia ai sensi del par. 3 non si presenta entro 72 ore dal sequestro, e nel caso di merce deperibile – fino a 24 ore, la merce si considera abbandonata a favore dello Stato. Tali circostanze trovano riscontro in un verbale sul tipo e la quantità di beni abbandonati a beneficio dello Stato e nel registro “Controllo Fiscale”.
(5)  Le misure cautelari preliminari di cui al co. 1 sono imposti ai sensi dell’art. 195 con decreto dell’esecutore pubblico e sono impugnabili ai sensi dell’art. 197 .
(6) La validità delle misure cautelari istruttorie irrogate è di 6 mesi. Entro tale termine l’azione può essere proseguita con misure cautelari dello stesso tipo sullo stesso immobile, irrogate ai sensi dell’art. 121 o 195.
(7) Nei casi in cui il destinatario/acquirente della merce viola il divieto di cui al par. 3, secondo periodo e dell’art. 13, par. 3, comma 4 , l’ordine non è valido nei confronti dello Stato.

I requisiti di legittimità degli atti sono quelli cui devono rispondere anche gli atti amministrativi.

Tutte le forme di competenza sono importanti per la validità dell’atto: non viene esaminata solo l’autorità che ha emesso l’Atto di revisione (Ревизионен акт) , ma anche le autorità che hanno partecipato alla revisione, nonché l’autorità che ha commissionato la revisione. Si raccolgono le prove della delega di competenza o della sostituzione.

L’ Art. 120, comma 3 – il modulo prevede un modello relativo agli elementi essenziali dell’atto. Il rispetto delle disposizioni di legge sostanziali che è il vizio più frequente di dell’Atto di revisione (Ревизионен акт). Se sono stati commessi errori nell’interpretazione di una legge fiscale o sono state raggiunte conclusioni legali errate a causa di una situazione di fatto accertata in modo errato, l’atto sarà essenzialmente illegale.

Altro requisito è il rispetto delle norme procedurali per l’emissione dell’atto, e la violazione deve essere sostanziale e incidere sul contenuto dell’atto.

 Le motivazioni che l’Atto di revisione (Ревизионен акт) dovrebbe contenere non dovrebbero essere considerazioni generali, ma indicare specificamente la base giuridica per l’emanazione di un atto.

l’Atto di revisione (Ревизионен акт)  o l’ordine di risoluzione devono essere consegnati alla persona rivista entro 7 giorni dall’emissione (ultimo comma art.119). – 14 giorni dalla consegna per il ricorso amministrativo (primo comma art. 152).

Il Capitolo diciassette  della  Parte terza (APPELLO) del Codice di procedura fiscale ed assicurativa ( ДАНЪЧНО-ОСИГУРИТЕЛЕН ПРОЦЕСУАЛЕН КОДЕКС(ДОПК)) è dedicata alle DISPOSIZIONI GENERALI.

Art. 144. Applicabilità

(1) Secondo la procedura di impugnazione dell’atto di revisione, sono impugnabili anche altri atti emanati dall’amministrazione finanziaria, salvo che il presente codice non disponga diversamente.
(2) Le disposizioni del presente capo si applicano al procedimento di impugnazione, disciplinato negli altri titoli del presente codice, se non diversamente disposto.
(3) Quando l’amministrazione finanziaria o l’appaltatore pubblico non adempie ai propri obblighi nei termini stabiliti, il soggetto obbligato ha il diritto di presentare un reclamo per lentezza all’autorità amministrativa superiore. La predetta autorità si pronuncia entro tre giorni e impartisce disposizioni inderogabili all’Agenzia delle Entrate.
(4)  Quando i procedimenti sono svolti dalle autorità fiscali o dai pubblici appaltatori, determinati ai sensi dell’art. 12, par. 6 , primo periodo, competente a pronunciarsi sul ricorso è l’autorità deliberante competente, determinata secondo la direzione territoriale competente per il soggetto di cui all’art. 8 .

Art. 145.Contenuto e allegati del reclamo in caso di ricorso amministrativo

 (1) Il reclamo deve contenere:
1. il nome (ditta o ragione sociale) del richiedente, rispettivamente, del delegante, se presentato da un delegato, e l’indirizzo per la corrispondenza;
2. indicazione dell’atto o dell’azione contro cui è proposta;
3. tutte le prove che il richiedente vuole siano raccolte;
4. in cosa consiste la richiesta;
5. firma del mittente.
(2) Al reclamo deve essere allegato quanto segue:
1. procura, quando presentata da un delegato;
2. le prove scritte.

Art. 146 Invio del fascicolo in caso di ricorso amministrativo

 Entro 7 giorni dal ricevimento del reclamo, l’autorità attraverso la quale è stato presentato è tenuta a completare il fascicolo e ad inviarlo all’autorità competente per la decisione.

Art . 147. Azioni per reclamo tardivo o irregolare

 (1) Quando il ricorso è scaduto, è lasciato senza esame da parte dell’autorità competente ad esaminarlo con una decisione.
(2) Se il reclamo presentato non è firmato, l’atto o l’azione contro il quale è presentato o non è allegata una procura, quando il reclamo è presentato da un delegato, l’organo decisionale ne informa il denunciante a porre rimedio alle irregolarità entro 7 giorni dal ricevimento del messaggio. Quando le carenze del reclamo non sono sanate in tempo, il procedimento si chiude con una decisione dell’autorità competente a esaminarlo.

(3)  La decisione di cui al par. 1 e 2 è impugnabile entro 7 giorni dalla sua consegna al tribunale amministrativo nel cui circondario si trova il domicilio o la sede del ricorrente all’atto del primo atto di accertamento tributario da parte dell’Agenzia delle Entrate. Il tribunale emette una sentenza entro 30 giorni.

Art. 148. Comunicazione della decisione

 La decisione dell’organo amministrativo sul ricorso deve essere consegnata al ricorrente entro 7 giorni dalla sua emissione.

 

Art. 149. Contenuto e allegati del ricorso al tribunale

 (1) Il ricorso al tribunale deve soddisfare i requisiti di cui all’art. 145, par. 1 .
(2) Al reclamo deve essere allegato quanto segue:
1. procura, quando presentata da un delegato;
2. copia della denuncia all’Agenzia delle Entrate;
3. prove scritte;
4. documenti per tasse demaniali pagate, quando dovute.

Art. 150. Invio del reclamo in appello giurisdizionale

 (1) Entro 7 giorni dal ricevimento del reclamo, l’organismo attraverso il quale è stato presentato è tenuto a completare il fascicolo e inviarlo al tribunale competente per l’esame.
(2) Se entro il termine di cui al par. 1 il fascicolo non è trasmesso al tribunale, il richiedente può inviare una copia del reclamo direttamente al tribunale. Il tribunale richiede il fascicolo d’ufficio.

Art. 151. Verifica di ammissibilità del reclamo

 (1) Quando l’appello è scaduto, il tribunale lo lascia senza considerazione.
(2) Se i requisiti di cui all’art. 149, par. 1 e 2 , il giudice intima al ricorrente di porre rimedio alle irregolarità entro 7 giorni dal ricevimento del messaggio. Quando le irregolarità del ricorso non sono sanate in tempo utile, il procedimento si estingue.
(3) L’atto del tribunale ai sensi del par. 1 e 2 possono essere impugnati dinanzi al Tribunale amministrativo supremo. Il tribunale si pronuncia sul ricorso con sentenza.

Al RICORSO ALL’ATTO DI REVISIONE IN PROCEDURA AMMINISTRATIVA è dedicato il Capitolo diciotto del Codice di procedura fiscale ed assicurativa ( ДАНЪЧНО-ОСИГУРИТЕЛЕН ПРОЦЕСУАЛЕН КОДЕКС(ДОПК)).

Il quadro normativo è l’art. 152, 155 Codice di procedura fiscale ed assicurativa. L’autorità competente specificata è indicata nell’art. 152 (2) autorità giudicante.

L’atto di revisione (Ревизионен акт) può essere impugnato in tutto o in parti separate entro 14 giorni dalla sua consegna. Il ricorso è proposto tramite la direzione territoriale di competenza dell’interessato, avendo come organo decisore il competente direttore della direzione “Appelli e pratiche tributarie e assicurative –Дирекция „Обжалване и данъчно-осигурителна практика” presso l’Ufficio centrale dell’Agenzia nazionale bulgara delle entrate.

Un soggetto passivo ha il diritto di presentare ricorso contro l’atto e deve avere un interesse legale a presentare ricorso. Tale sarà presente se questo metodo di protezione porterà a conseguenze favorevoli per lui. Gli interessi esistono anche quando l’obbligazione è pagata. In linea generale, il diritto di ricorso appartiene anche ai successori. Il reclamo avvia il procedimento dinanzi all’autorità decisionale.

Art. 152. Ricorso amministrativo

 (1) L’atto di revisione può essere impugnato in tutto o in parti separate entro 14 giorni dalla sua consegna.
(2)  Organo deliberante è il dirigente competente della Direzione “Appelli e prassi tributaria-assicurativa” presso l’Amministrazione centrale dell’Agenzia nazionale delle entrate.
(3) Il reclamo è presentato tramite la direzione territoriale.
(4) Nel reclamo possono essere esplicitamente indicate le prove per le quali si propone di raggiungere un accordo secondo la procedura di questo capitolo.
(5) Nel termine di cui all’art. 146 (Entro 7 giorni dal ricevimento del reclamo) , l’Agenzia delle Entrate che ha emesso l’atto impugnato può indicare per iscritto all’autorità giudicante e al ricorrente le prove sulle quali si propone di concordare secondo l’ordine del presente capo, indipendentemente dal fatto che sia stata proposta con il ricorso al par. 4.

Art. 153. Interrompi l’esecuzione

 (1) Il ricorso amministrativo contro l’atto di revisione non ne impedisce l’attuazione.
(2) L’esecuzione dell’atto di revisione può essere sospesa su richiesta del ricorrente. L’istanza di sospensione dell’esecuzione può essere avanzata solo per la parte dell’atto di revisione impugnata.
(3) La richiesta deve essere presentata all’autorità competente per l’esame del reclamo, con la prova della cauzione fornita per l’importo del capitale e degli interessi alla data di presentazione della richiesta allegata ad essa, e nei casi in cui non è stata costituita alcuna cauzione, la richiesta deve contenere offerta di garanzie di pari importo.
(4) L’organo deliberante sospende l’esecuzione dell’atto di revisione se la garanzia presentata è in denaro, una garanzia bancaria incondizionata e irrevocabile o titoli di stato ed è per l’importo di cui al par. 3.
(5) Nei restanti casi, l’autorità decisionale effettua una valutazione in conformità con la garanzia presentata o proposta e può interrompere l’esecuzione obbligando l’appaltatore pubblico competente a imporre misure di garanzia sulla proprietà offerta in garanzia entro un certo termine periodo. La sospensione dell’esecuzione decorre dalla data di imposizione delle misure cautelari da parte del contraente pubblico.
(6) L’autorità decisionale si pronuncia sulla richiesta di sospensione dell’esecuzione con decisione entro 7 giorni dalla sua presentazione.
(7)  Il rifiuto di sospendere l’esecuzione può essere impugnato dinanzi al tribunale amministrativo, competente a esaminare il ricorso nel merito, entro il termine di 7 giorni dal ricevimento della decisione di cui al par. 6, rispettivamente entro il termine di 7 giorni dalla scadenza del termine per l’organo deliberante di pronunciarsi sulla richiesta. Il tribunale si pronuncia sul ricorso contro il rifiuto di sospendere l’esecuzione con sentenza.

Art. 154. Accordo di prova

 (1) Nel termine per l’emissione di una decisione sul ricorso contro l’atto di revisione, può essere raggiunto un accordo scritto tra l’autorità delle entrate che ha emesso l’atto impugnato e l’ente verificato in merito alle prove che saranno considerate incontestabili.
(2) L’accordo ai sensi del par. 1 è approvato per iscritto con delibera dell’organo deliberante sul ricorso. Egli non può pronunciarsi prima della scadenza del termine di quattordici giorni dall’inizio del termine per statuire sul reclamo con il quale è stata formulata l’offerta di conciliazione.
(3) Per le prove per le quali è stato raggiunto un accordo, non sono consentite nuove prove per la loro confutazione o conferma nei procedimenti di ricorso amministrativo e giudiziario.


Art. 155. Poteri dell’autorità giudicante

 (1)  L’organo deliberante esamina il ricorso nel merito e, entro 60 giorni dalla scadenza dell’art. 146 , rispettivamente dalla rimozione delle irregolarità ex art. 145 o dall’approvazione dell’accordo ex art. 154 . Quando il reclamo è presentato tramite un operatore postale abilitato, su richiesta scritta del reclamante, viene rilasciato anche un certificato della data di ricezione alla direzione competente.
(2)  L’organo decisionale può confermare, modificare o annullare l’atto di revisione in tutto o in parte nella parte impugnata. Decorso il termine di prescrizione nel corso del procedimento di revocazione ed è stata accolta l’eccezione di decadenza, l’autorità giudicante si pronuncia sul fondamento e sull’entità dell’obbligazione, dichiarando espressamente che l’atto di revocazione non è soggetto a prescrizione obbligatoria esecuzione.
(3) L’autorità decisionale può raccogliere nuove prove. Se la nuova prova non è presentata dall’appellante, copia di essa gli sarà notificata unitamente alla decisione.
(4) L’atto di revisione deve essere annullato in tutto o in parte e il fascicolo deve essere restituito all’autorità che ha emesso l’ordine di affidamento della revisione, con istruzioni obbligatorie per emettere un nuovo atto di revisione nei casi di:
1. incompletezza delle prove, quando l’organo decisionale non può raccoglierle durante il procedimento di ricorso, o
2. ha commesso nel corso della verifica significative violazioni delle norme procedurali, che non possono essere rimosse in sede di impugnazione.
(5) Non è consentita la restituzione del file per una nuova revisione.
(6) Nei casi di cui al par. 4, il procedimento per l’emanazione del nuovo atto si apre con l’azione illegittima, che ha posto a fondamento l’annullamento dell’atto.
(7) Quando, prima della scadenza del termine per pronunciarsi sul ricorso, sono stati presentati ricorsi dinanzi allo stesso organo decisionale contro atti di revisione per la responsabilità di altre persone per gli obblighi stabiliti dall’atto di revisione impugnato, il giudice può riunire i fascicoli per un esame e una decisione comuni.
(8) Con la decisione, l’atto di revisione non può essere modificato a scapito del richiedente.
(9) Per quanto riguarda la decisione, l’ art. 133, par. 3 .

L’atto è impugnabile solo quanto alla sua legittimità. Il termine è di 14 giorni dalla consegna dell’atto ed è esclusivo. Il ricorso proposto fuori termine è lasciato inappellabile con decisione impugnabile innanzi al competente tribunale amministrativo, ed è pronunciato con sentenza – art. 147.

La legge consente anche il ripristino del termine di impugnazione, in quanto l’art. 26 del Codice di procedura fiscale ed assicurativa  rinvia alle condizioni per il reintegro dei termini del CODICE DEL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO –  АДМИНИСТРАТИВНОПРОЦЕСУАЛЕН КОДЕКС. Il reclamo è presentato tramite il capo della direzione territoriale dove è iscritto il soggetto passivo, per iscritto. I dettagli del ricorso sono specificati all’art. 145. Dal punto 2 si può concludere che la formulazione infruttuosa della richiesta non pregiudica la regolarità del reclamo. Di solito vengono fatte due richieste: annullare l’atto in tutto o in parte o ridurre l’importo dell’imposta specificata. Non è necessario indicare i vizi dell’atto.

Secondo l’art. 145 comma 3, sono indicate anche le prove che il richiedente vuole siano raccolte. I poteri dell’organo decisionale sono definiti all’articolo 155. Esso esamina il ricorso nel merito ed emette una decisione motivata entro 45 giorni dalla sua emissione. Il termine decorre dal momento della presentazione del reclamo. Con sua decisione può confermare, modificare, annullare in tutto o in parte l’atto nella parte impugnata – art. 155 (2). L’organo deliberante verifica la legittimità dell’atto nella sua interezza, senza essere vincolato dalle motivazioni esposte nel reclamo. Non può aumentare l’importo dell’imposta dovuta – articolo 155 (8).

 Alle parti viene data la possibilità di concordare sull’indiscutibilità di alcune prove. Ai sensi dell’articolo 155, paragrafo 4, l’autorità decisionale ha la possibilità di annullare l’atto in tutto o in parte, ma di restituire il fascicolo con l’istruzione obbligatoria di emettere un nuovo atto di revisione (Ревизионен акт) . Ci sono solo due ipotesi in cui può farlo: l’incompletezza delle prove e una sostanziale violazione delle norme procedurali.

All’APPELLO GIUDIZIARIO DELL’ATTO DI REVISIONE è dedicato il Capitolo diciannove del Codice di procedura fiscale ed assicurativa ( ДАНЪЧНО-ОСИГУРИТЕЛЕН ПРОЦЕСУАЛЕН КОДЕКС(ДОПК)).

Art. 156. Ricorso in tribunale

 (1) ) L’atto di revisione nella parte non annullata dalla decisione ai sensi Art. 155 , può essere impugnato attraverso l’autorità di decisione entro 14 giorni dal ricevimento della decisioneLa causa è deferita al giudice amministrativo, nella cui circoscrizione giudiziaria si trova il domicilio o la sede del ricorrente al momento del primo atto di accertamento tributario e assicurativo da parte dell’Agenzia delle Entrate.
(2) L’atto di revisione non può essere impugnato in tribunale nella parte in cui non è stato impugnato in ordine amministrativo.
(3) L’atto di revisione non può essere impugnato in tribunale nella parte in cui il ricorso è pienamente accolto dalla decisione.
(4) Il mancato pronunciamento da parte dell’organo deliberante nel termine di cui all’art. 155, par. 1 vale come conferma dell’atto di revisione nella parte impugnata.
(5) Nei casi di cui al par. 4, il ricorso avverso l’atto di revocazione può essere proposto entro 30 giorni dalla scadenza del termine per pronunciarsi tramite l’organo giudicante dinanzi al giudice amministrativo, nella cui circoscrizione giudiziaria è il domicilio o la sede del ricorrente al momento della primo intervento per l’attuazione del controllo tributario-assicurativo da parte dell’Agenzia delle Entrate.
(6) L’organo decisionale non può emettere una decisione dopo la scadenza del termine per l’invio del fascicolo al tribunale.
(7) Il termine per pronunciarsi sul ricorso può essere prorogato di comune accordo scritto tra il ricorrente e l’autorità decisionale per un periodo massimo di 3 mesi, in cui è indicato il termine della proroga. In caso di mancata pronuncia entro tale termine, si applicano le disposizioni del par. 5 e 6.

Art. 157. Sospensione dell’esecuzione da parte del tribunale

 (1) L’impugnazione dell’atto di revisione dinanzi al tribunale non ne interrompe l’attuazione.
(2)  L’esecuzione può essere sospesa dal tribunale amministrativo su richiesta del querelante. L’istanza di sospensione dell’esecuzione può essere proposta solo per la parte dell’atto di revisione impugnata dinanzi al tribunale.
(3)  La prova della garanzia fornita per l’importo del capitale e degli interessi deve essere allegata alla richiesta e, quando non è stata costituita alcuna garanzia, il la richiesta deve contenere un’offerta di garanzia di pari importo. In questi casi trovano applicazione le disposizioni dell’art. 153, par. 3-5 .
(4) Il tribunale decide entro 14 giorni dalla presentazione della richiesta di sospensione con una sentenza soggetta a ricorso dinanzi al Tribunale amministrativo supremo.

Art. 158. Norme speciali per le prove nei procedimenti giudiziari

 (1) Le dichiarazioni testimoniali sono consentite solo nei casi di cui all’art. 57, par. 2 .
(2) Il tribunale controlla d’ufficio il rispetto dell’art. 154, par. 3 .

Art. 159. Esame del ricorso avverso l’atto di revisione

(1) Il tribunale esamina il ricorso con la partecipazione delle parti. Il pubblico ministero può intervenire nel procedimento quando lo ritenga necessario, in difesa dello Stato o dell’interesse pubblico.
(2) Quando si esamina il ricorso, l’organo decisionale e il ricorrente devono essere convocati.
(3) Quando i casi sono stati aperti presso lo stesso tribunale sui ricorsi contro gli atti di revisione relativi alla responsabilità di altre persone per gli obblighi stabiliti dall’atto di revisione contestato, il tribunale può, di propria iniziativa o su richiesta di una delle parti, combinarli in un unico procedimento per l’esame e la risoluzione congiunta.

Art. 160. Risoluzione del caso

(1) Il tribunale decide nel merito e può annullare l’atto di revisione in tutto o in parte, modificarlo nella parte impugnata o respingere il ricorso.
(2) Il tribunale valuta la legittimità e la giustificazione dell’atto di revisione, valutando se è stato emesso da un’autorità competente e nella forma pertinente, se le disposizioni legali procedurali e sostanziali per la sua emissione sono state rispettate.
(3) Quando la natura dell’atto non consente la decisione del caso nel merito, il tribunale lo annulla e restituisce il fascicolo all’autorità fiscale competente con istruzioni obbligatorie sull’interpretazione e l’applicazione della legge.
(4)  Il comma 3 non si applica agli atti di revisione. Quando la prescrizione è scaduta nel corso del procedimento di revisione ed è accolta l’eccezione di decadenza, il giudice si pronuncia sul fondamento e sull’entità dell’obbligazione, dichiarando espressamente che l’atto di revocazione non è soggetto ad esecuzione forzata.
(5) Quando l’atto di revisione è dichiarato nullo dal tribunale, l’ art. 173, par. 2 del codice di procedura amministrativa
(6) La decisione del giudice non può modificare l’atto a danno del ricorrente.
(7) (Modificato – SG. 30 del 2006, in vigore dal 07.12.2006, e relativo alla sostituzione delle parole “Tribunale della città di Sofia” con “Tribunale amministrativo – Città di Sofia” in vigore dal 01.03.2007, integrato – 77 del 2018, in vigore dal 18.09.2018, precedente comma 6 – SG. 105 del 2020, in vigore dal 01.01.2021) La decisione del tribunale amministrativo è soggetta a ricorso per cassazione ai sensi del procedimento amministrativo. Codice . La decisione del tribunale amministrativo nei casi in cui i crediti pubblici stabiliti dall’atto di revisione sono impugnati per un importo totale fino a BGN 750, che non includono gli interessi maturati per il ritardo quando l’atto di revisione è stato emesso nei confronti delle persone fisiche, e in totale per un importo fino a 4000 BGN, che non includono gli interessi maturati per ritardato pagamento, quando l’atto di revisione viene emesso a persone giuridiche, è definitivo.

(8) (Modificato – SG. 30 del 2006 , in vigore dal 07.12.2006 , precedente paragrafo 7 -. SG. 105 del 2020 , in vigore dal 01.01.2021 ) L’annullamento di una decisione giudiziaria efficace può essere richiesto in conformità con il codice di procedura amministrativa .

 

Art. 161. Spese e tasse  (Titolo aggiuntivo – SG n. 77 del 2018, in vigore dal 01.01.2019)

 (1)  Al ricorrente sono riconosciute le spese processuali e il compenso di un avvocato per ogni grado in proporzione alla parte approvata del ricorso. . Al convenuto vengono riconosciute le spese in conformità con la parte respinta del ricorso. L’amministrazione, in luogo dell’onorario dell’avvocato, riconosce per ogni grado un onorario di consulenza legale pari all’onorario minimo di un avvocato.
(2) In caso di remunerazione eccessiva per un avvocato, indipendentemente dall’effettiva complessità giuridica e fattuale del caso, il tribunale può concedere un importo inferiore delle spese in questa parte, ma non inferiore all’importo minimo determinato ai sensi dell’art . . 36 della Legge sull’Avvocatura .
(3) Nei casi in cui vengono presentate al tribunale prove che avrebbero potuto essere presentate nel procedimento amministrativo, la parte che le presenta deve pagare integralmente le spese della causa, indipendentemente dal suo esito, tranne nei casi di cui all’art. 155, par. 3 e 4 .
(4) La tassa statale per un ricorso in cassazione è determinata secondo la procedura del codice di procedura amministrativa su un interesse materiale determinabile nell’importo del credito pubblico accertato dall’atto di revisione.

Bulgaria – Atti di revisione della Agenzia nazionale bulgara delle entrate

Bulgaria – Revisione generale

Un insieme di azioni dell’Agenzia nazionale bulgara delle entrate ( Национална агенция за приходите (НАП (NAP)) volte a stabilire gli adempimenti fiscali e assicurativi

Assegnazione di revisione

Emissione di un ordine di aggiudicazione

Gli audit sono affidati da determinate autorità fiscali, autorizzate dal direttore territoriale della direzione territoriale competente dell’Agenzia nazionale bulgara delle entrate ad affidare gli audit, ovvero dal direttore esecutivo dell’Agenzia nazionale bulgara delle entrate o da un vicedirettore esecutivo da lui designato (art. 112, comma 2 del Codice di procedura fiscale ed assicurativa ( ДАНЪЧНО-ОСИГУРИТЕЛЕН ПРОЦЕСУАЛЕН КОДЕКС(ДОПК)) ).

Il procedimento di revisione contabile è avviato con l’emissione di un provvedimento di affidamento della revisione contabile, che definisce: il soggetto verificato, indicando i dati che lo riguardano ai sensi dell’art. 81, par. 1, commi 2 – 5 del Codice di procedura fiscale ed assicurativa; il responsabile dell’audit; gli organi di revisione; il periodo rivisto; le tipologie di adempimenti per imposte e/o contributi assicurativi obbligatori; il termine per la sua esecuzione, nonché altre circostanze rilevanti per la revisione.

Le pratiche per l’affidamento degli audit nelle Direzioni territoriali dell’Agenzia nazionale bulgara delle entrate sono assegnate automaticamente ai gruppi di audit e alle stazioni appaltanti, attraverso il sistema informativo “Controllo – Контрол”.

I servizi elettronici del sistema informativo “Controllo – Контрол” sono accessibili secondo le regole generali per l’accesso e il lavoro con i servizi elettronici descritti nella pagina dell’Agenzia nazionale bulgara delle entrate . Il sistema fornisce i seguenti servizi telematici, accessibili con firma elettronica qualificata, fruibili dai clienti dell’Agenzia nazionale bulgara delle entrate:

Il provvedimento di incarico di revisione viene emesso come documento informatico, sottoscritto con firma elettronica, e solo in caso di impossibilità tecnica di essere sottoscritto con firma elettronica può essere emesso e sottoscritto su supporto cartaceo.

L’ordine emesso viene consegnato alla persona controllata.

L’ordine di incarico di audit può essere modificato dall’autorità che ha emesso l’ordine di incarico originale, che può modificare il periodo di esecuzione, i dati di registrazione della persona controllata, l’ambito dell’audit, il responsabile dell’audit o le autorità fiscali che lo eseguono. La modifica si considera effettuata dalla data di emissione del nuovo provvedimento. Le ordinanze emesse per modificare l’ordinanza di aggiudicazione sono notificate anche alla persona rettificata.

L’ordine di commissionare una revisione non è impugnabile separatamente dall’atto di revisione.

Termine ultimo per l’esecuzione della revisione

In sede di affidamento dell’audit può essere fissato un periodo iniziale fino a tre mesi per l’effettuazione dell’audit, che decorre dalla data di consegna dell’ordine per l’affidamento dell’audit. Quando il provvedimento di attribuzione della revisione è stato notificato ai sensi della procedura di mutua assistenza e scambio di informazioni con gli Stati membri dell’Unione Europea, il termine per l’effettuazione della revisione decorre dalla data di ricezione della notifica di notificazione da parte dell’autorità competente dell’altro paese.

Quando il termine di tre mesi per l’effettuazione della revisione risulta insufficiente, può essere prorogato fino a ulteriori due mesi.

In caso di particolare complessità fattuale di una particolare revisione, quando i termini inizialmente determinati risultino insufficienti, il termine per l’effettuazione della revisione può essere prorogato dall’autorità che ha affidato il procedimento fino a tre anni dalla consegna dell’atto ordinanza di assegnazione, e in tal caso ordinanza di proroga del termine è emessa dal direttore esecutivo dell’Agenzia nazionale delle entrate.

Esecuzione della revisione

Luogo dell’audit

Nell’effettuare la verifica, è necessario che il soggetto verificato fornisca un luogo e le condizioni idonei per la sua effettuazione, nonché designi referenti presso l’Agenzia nazionale bulgara delle entrate per l’assistenza durante la verifica (art. 115, comma 1, cpv) Codice di procedura fiscale ed assicurativa). Le autorità di revisione sono tenute a familiarizzare con i documenti e le altre prove in possesso della persona controllata, nonché a stabilire i fatti e le circostanze rilevanti per determinare i risultati della revisione contabile.

L’audit può essere svolto anche presso la direzione territoriale nei casi di impossibilità ad effettuarlo presso la persona auditata. In tal caso, l’Agenzia nazionale bulgara delle entrateredige verbale e inventario dei documenti da consegnare e consegna all’interessato copia del verbale e dell’inventario. L’Agenzia nazionale bulgara delle entrate restituisce con inventario tutti gli originali, le carte oi supporti tecnici sequestrati o consegnati entro 30 giorni dalla richiesta scritta dell’interessato, salvo che siano oggetto di raccolta in prova in altri procedimenti pendenti o di pignoramento dei titoli e delle cose, o l’esecuzione è diretta ai sensi dell’ordine di questo codice.

Qualora sia necessario accertare fatti e circostanze relativi all’attività della persona, del suo reparto, oggetto, attività o beni al di fuori del luogo abitato di svolgimento del controllo, anche nel territorio di altra direzione territoriale, le autorità di controllo possono essere distaccate stabilire tali circostanze (art. 115, co. 5 Codice di procedura fiscale ed assicurativa).

Consegna di documenti a persone nel corso di un audit.

Gli atti che vengono emessi in relazione all’affidamento, allo svolgimento e alla conclusione del procedimento di revisione contabile sono notificati alla persona verificata, al suo rappresentante o procuratore, al componente di un organo di amministrazione o al suo dipendente designato a ricevere atti o comunicazioni, secondo le regole per la notifica di messaggi ai sensi dell’art. 29 del Codice di procedura fiscale ed assicurativa.

Quando viene effettuata una verifica su una persona fisica, inclusa la ditta individuale, gli atti possono essere notificati a un componente maggiorenne del suo nucleo familiare, nonché a un maggiorenne che abbia lo stesso domicilio, se la persona accetta di accettarlo con l’obbligo di consegnarlo. Gli atti e gli atti rilasciati dalle persone fisiche possono essere consegnati anche sul luogo di lavoro personalmente o tramite la persona designata a ricevere i messaggi del datore di lavoro, essendo necessario anche il consenso all’accettazione e con obbligo di consegna alla persona.

La notificazione può essere effettuata dall’Agenzia nazionale bulgara delle entrate o da un altro funzionario (servicer) e può essere effettuata in uno dei seguenti modi:

  • all’indirizzo postale dell’entità;
  • inviando una lettera all’indirizzo per la corrispondenza con ricevuta di ritorno tramite un operatore postale abilitato, in cui è annotato l’atto compiuto;
  • via fax;
  • mediante l’invio di un messaggio elettronico con firma elettronica qualificata dell’Agenzia nazionale bulgara delle entrate;
  • servizio tramite il comune o il municipio, se nel luogo in cui deve essere servito non è presente l’Agenzia nazionale bulgara delle entrateo il gestore;
  • servizio e in ogni altro luogo, quando è ricevuto personalmente dalla persona o dal suo rappresentante.

Gli atti informatici emessi nel corso del procedimento possono essere notificati all’interessato per via telematica, attivando una referenza telematica in un messaggio telematico inviato per notificazione o scaricandoli dal sistema informatico dell’Agenzia nazionale bulgara delle entrate (art. 30, comma 6, Codice di procedura fiscale ed assicurativa). In relazione alla consegna di documenti per via elettronica, le persone obbligate possono utilizzare il servizio elettronico dell’Agenzia nazionale bulgara delle entrate“Consegna e messa a disposizione di documenti a clienti dell’Agenzia nazionale bulgara delle entrate nell’ambito di procedure di controllo”. A tal fine, è necessario che sia specificato un indirizzo elettronico aggiornato presso l’Agenzia nazionale bulgara delle entrate, al quale possono essere inviati messaggi elettronici e documenti per la notifica.

Quando, nell’ambito della notificazione o comunicazione di un atto nel corso del procedimento, l’Agenzia nazionale bulgara delle entrate non rinvenga la persona, il suo rappresentante o procuratore, il componente di un organo di amministrazione o il dipendente designato a ricevere comunicazioni o atti, dopo almeno due visite entro 7 giorni all’indirizzo per la corrispondenza, l’ordine dell’art. 32 cpp per la notifica mediante ricorso al fascicolo.

Ai sensi dell’art. 28, par. 3 c.p.p., in caso di verifica, per la quale l’interessato è regolarmente avvisato, quando adotta atti di mutamento del domicilio per corrispondenza, il verificato è tenuto a darne comunicazione scritta all’Agenzia nazionale bulgara delle entrate che procede nel procedimento entro tre giorni dall’esecuzione delle azioni. In caso contrario, tutti gli atti ei documenti del presente procedimento sono allegati al fascicolo e si considerano debitamente notificati.

Azioni dell’Agenzia delle Entrate in sede di verifica

Nell’effettuare la verifica, l’Agenzia nazionale bulgara delle entrate raccoglie tutti gli atti ei dati relativi all’accertamento di fatti e circostanze rilevanti ai fini della legittimità dell’imposizione e della determinazione degli adempimenti tributari e dei contributi assicurativi obbligatori.

Le prove vengono raccolte d’ufficio o su iniziativa della persona e tutte le prove raccolte sono soggette a valutazione e analisi obiettive. Il gruppo di audit richiede alla persona sottoposta ad audit i documenti necessari per lo svolgimento dell’audit. Tali documenti possono essere documenti commerciali e contabili, documenti bancari, nonché tutti gli altri documenti rilevanti per stabilire gli obblighi della persona.

Al momento della raccolta delle prove, l’Agenzia nazionale bulgara delle entrate può:

  • Richiedere per iscritto alla persona verificata di presentare documenti, dichiarazioni, referenze e spiegazioni scritte entro un certo termine, sulla base dell’art. 37, par. 3, artt. 53 e dell’art. 56, par. 1 del Codice di procedura fiscale ed assicurativa. Potrebbe essere loro richiesto di fornire dati dai sistemi informativi della persona in formato elettronico su supporto tecnico;
  • Ai sensi dell’art. 37, par. 5 del Codice di procedura fiscale ed assicurativa possono essere inoltrate richieste a terzi, enti statali e comunali per la presentazione di atti, dati, notizie, carte, supporti informativi e altri elementi di prova relativi al chiarimento di determinati fatti e circostanze;
  • Esigere spiegazioni scritte da terzi nei casi di cui all’art. 57 Codice di procedura fiscale ed assicurativa;
  • Effettuare controlli incrociati per accertare fatti e circostanze con una persona che non è parte del procedimento di revisione – art. 45 Codice di procedura fiscale ed assicurativa;
  • Utilizzare il materiale probatorio raccolto in occasione delle ispezioni ex art. 110, par. 3 Codice di procedura fiscale ed assicurativa;
  • Per utilizzare le prove raccolte durante un’ispezione per delega ai sensi dell’art. 46 Codice di procedura fiscale ed assicurativa;
  • Assegnare perizie nel rispetto delle regole di cui all’art. 60-66 Codice di procedura fiscale ed assicurativa;
  • Effettuare ispezioni per stabilire le risorse disponibili presso i siti dell’ente sottoposto a revisione;
  • Inviare richieste di informazioni in materia di IVA ad un altro stato membro dell’Unione Europea;
  • Adottare misure per garantire la prova ai sensi dell’art. 40 Codice di procedura fiscale ed assicurativa – mediante inventario o sequestro con inventario di titoli, cose, documenti e altri supporti di informazione, nonché mediante copia di informazioni da e su supporti tecnici che ne consentano la riproduzione, adottando le misure tecniche necessarie per preservarne l’autenticità. Nei casi in cui non vi siano altre opzioni per la messa in sicurezza, l’oggetto o parte di esso può essere sigillato, solo dove si trovano le prove da mettere in sicurezza, per un periodo massimo di 48 ore. L’Agenzia nazionale bulgara delle entrate, per l’attività di messa in sicurezza delle prove, redige un verbale, di cui viene consegnata copia all’interessato. Il termine di sigillatura dell’oggetto è prorogato dal tribunale distrettuale della sua ubicazione su richiesta dell’amministrazione finanziaria che esegue le azioni di sicurezza.

Valutazione delle prove

Il team di revisione esegue un’analisi dei documenti raccolti confrontando i dati contenuti in diversi supporti informativi, al fine di rilevare lacune o violazioni in:

  • il trattamento lecito delle transazioni, consegne, contratti conclusi;
  • determinazione della base su cui vengono addebitate le passività fiscali e ЗОВ/ВФ ГВРС, incluso la contabilità legale dei proventi e degli oneri per tipologia, delle retribuzioni da lavoro, dei contributi percepiti, ecc.;
  • l’uso legittimo di un credito d’imposta;
  • la maturazione legale delle tipologie di obbligazioni in termini di tariffe e termini applicabili;
  • il deposito legale delle tipologie di obbligazioni in termini di importo e durata;
  • l’esecuzione legale di pagamenti in contanti.

A seconda dell’analisi effettuata e di alcune circostanze che si verificano durante la verifica, l’Agenzia nazionale bulgara delle entrate esprime un giudizio in merito all’adozione di alcune azioni specifiche:

  • Irrogazione di misure cautelari preliminari (art. 121 c.p.p.) – a garanzia di crediti pubblici al fine di impedire transazioni ed azioni sui beni dell’interessato, per effetto delle quali verrebbe meno la riscossione degli adempimenti tributari e contributivi obbligatori difficile o impossibile;
  • Compilazione di un atto per stabilire una violazione amministrativa in caso di violazione amministrativa. La necessità di irrogare una sanzione amministrativa sorge anche nel caso di violazioni accertate nei pagamenti in contanti effettuati dal soggetto verificato in violazione dei requisiti della ZOPB;
  • notificare all’ufficio del pubblico ministero quando nel corso dell’audit sono stati accertati indizi di un reato;
  • Invio al verificato di un invito ad eliminare le incongruenze nelle dichiarazioni presentate o l’errato trattamento fiscale di una cessione ai sensi dell’IVA, accertate in sede di verifica (art. 103 cp);
  • Compensazione o rimborso totale o parziale di importi prima del completamento della verifica;
  • Iscrizione/cancellazione IVA, per causa accertata in sede di verifica;
  • Sospensione della revisione – le cause di sospensione del procedimento di revisione sono definite all’art. 34, par. 1 e par. 2 del Codice di procedura fiscale ed assicurativa;
  • Cessazione della revisione – quando, prima dell’emanazione dell’atto amministrativo, muore una persona fisica, parte del procedimento, o viene meno una persona giuridica, parte del procedimento (art. 36, co. 1 Codice di procedura fiscale ed assicurativa) .

Completamento della revisione

Il completamento dell’audit è un insieme di azioni delle autorità fiscali da parte del gruppo di audit e delle autorità appaltanti, relative alla redazione di un rapporto di audit, all’emissione di un atto di audit e alla consegna dei documenti alla persona.

La revisione si conclude con l’emanazione di un atto di revisione (Ревизионен акт). La sua emissione è preceduta dalla redazione di rapporto di revisione (ревизионен доклад (РД)) ( art. 116). L’Agenzia nazionale bulgara delle entrate che effettua il controllo redige il rapporto di controllo entro 14 giorni dalla scadenza del termine di controllo.

Il rapporto di revisione (ревизионен доклад (РД)) contiene: i nominativi e le cariche degli organi che lo redigono; numero e data; dati sulla persona controllata; l’ambito dell’audit e le circostanze rilevanti per il suo svolgimento; descrizione delle azioni procedurali eseguite, dei fatti e delle circostanze accertati e delle relative prove; le conclusioni di fatto e di diritto tratte e le relative motivazioni; azioni intraprese per garantire crediti pubblici; proposta di stabilire obblighi; elenco dei documenti allegati; firme dell’Agenzia nazionale bulgara delle entrate che ha redatto il verbale.

Entro tre giorni dalla redazione del rapporto di revisione (ревизионен доклад (РД)), esso viene consegnato alla persona verificata, che a sua volta ha facoltà di opporre opposizione scritta entro 14 giorni. Il termine per la presentazione di un’obiezione alle conclusioni della relazione di audit può essere prorogato fino a un mese su richiesta della persona.

L’atto di revisione (Ревизионен акт) viene emesso fino a 14 giorni dopo la presentazione o la scadenza del termine per presentare un’obiezione contro ilrapporto di revisione (ревизионен доклад (РД)) emesso. L’atto di revisioneè emesso congiuntamente dall’autorità che ha commissionato l’audit e dal responsabile dell’audit. Quando tali enti non riescono a raggiungere un accordo, l’atto di revisione, rispettivamente il decreto di cessazione, è emesso da un’altra autorità delle entrate, designata dal direttore territoriale o da persona da lui delegata, sulla base di una comunicazione scritta dell’autorità che ha commissionato la revisione.

In alcuni casi, la revisione può concludersi con l’emissione di un ordine di chiusura del procedimento di audit – quando l’istituzione di obblighi è inammissibile. Tali sono, ad esempio, i casi in cui:

  • il procedimento è stato avviato dopo la scadenza del termine di cui all’art. 109 cpp;
  • soggetti a stabilimento sono obblighi la cui costituzione non è di competenza dell’Agenzia nazionale bulgara delle entrate;
  • il procedimento è stato avviato per modificare obblighi tributari e previdenziali, ma non ai sensi dell’art. 133 cpp;
  • l’ambito della revisione comprende gli obblighi determinati da un effettivo atto di revisione dopo un ricorso giurisdizionale.

L’atto di revisione (Ревизионен акт), rispettivamente l’ordine di sospendere la revisione, viene consegnato alla persona controllata entro sette giorni dall’emissione dell’atto.

Ricorso contro l’atto/l’ordine di cessazione dell’audit

L’atto di revisione (Ревизионен акт) è l’istituzione, la determinazione, la modifica o la detrazione di obblighi pubblici per imposte e contributi assicurativi obbligatori, cioè è l’atto che crea diritti o obblighi, che incidono rispettivamente sui diritti o sugli interessi legali delle persone fisiche. È anche l’atto soggetto a ulteriore ricorso amministrativo e giurisdizionale, messa in sicurezza ed esecuzione in considerazione del suo ruolo di titolo esecutivo.

L’atto di revisione (Ревизионен акт) può essere impugnato in tutto o in parti separate entro 14 giorni dalla sua consegna. Il ricorso è proposto tramite la direzione territoriale di competenza dell’interessato, avendo come organo decisore il competente direttore della direzione “Appelli e pratiche tributarie e assicurative –Дирекция „Обжалване и данъчно-осигурителна практика” presso l’Ufficio centrale dell’Agenzia nazionale bulgara delle entrate.

Il ricorso amministrativo dell’atto di revisione non ne impedisce l’attuazione.

L’ordinanza di chiusura del procedimento per inammissibilità di obblighi costitutivi è impugnabile secondo la procedura di impugnazione dell’atto di revocazione. Gli altri atti emanati dall’Agenzia nazionale bulgara delle entrate sono impugnabili con le stesse modalità, sempre che il Codice di procedura fiscale ed assicurativa non disponga diversamente (art. 144 Codice di procedura fiscale ed assicurativa).

Entro 7 giorni dal ricevimento del reclamo, l’autorità attraverso la quale è stato presentato completa il fascicolo e lo trasmette all’autorità competente a risolverlo (art. 146 cpp).

L’organo deliberante esamina nel merito il ricorso e, entro 60 giorni dalla scadenza del termine previsto dall’art. 146, rispettivamente, dalla rimozione delle irregolarità della querela (art. 145 cpp) o dall’omologazione dell’accordo ex art. 154 cpp. L’accordo scritto ex art. 154 del Codice di procedura fiscale ed assicurativa intercorre tra l’Agenzia nazionale bulgara delle entrate che ha emesso l’atto impugnato e l’ente verificato e si riferisce al raggiungimento di un accordo tra le predette parti circa le prove che saranno ritenute incontestabili. Questo accordo è concluso entro il termine per l’emissione della decisione sul ricorso contro l’atto di revisione.

L’organo decisionale amministrativo può confermare, modificare o annullare l’atto di revisione in tutto o in parte nella parte impugnata. L’atto di revocazione può essere annullato in tutto o in parte e il fascicolo restituito all’organo che ha emesso il provvedimento di attribuzione della revisione (art. 155, comma 4 cpc) con istruzioni inderogabili per l’emissione di un nuovo atto di revisione nei casi di:

  • incompletezza delle prove qualora non possano essere raccolte nel corso del procedimento di ricorso, o
  • commesso violazioni significative delle norme procedurali durante la revisione, che non possono essere rimosse nel procedimento di ricorso.

Diritti, obblighi e responsabilità delle persone controllate

Diritti delle persone secondo il  codice di procedura civile

Le persone controllate, nell’effettuare la revisione, hanno i seguenti diritti disciplinati dall’art. 17 del Codice di procedura fiscale ed assicurativa:

  • del rispetto del loro onore e dignità nello svolgimento degli atti procedurali previsti dal presente Codice;
  • essere spiegati i loro diritti nei procedimenti ai sensi del presente Codice, compreso il diritto alla difesa nei procedimenti amministrativi, esecutivi e giudiziari, ed essere avvertiti delle conseguenze del mancato adempimento dei loro obblighi ai sensi del presente Codice;
  • di mantenere segrete le informazioni, i fatti e le circostanze che costituiscono informazioni fiscali e assicurative;
  • richiedere all’Agenzia nazionale bulgara delle entrate, nell’esercizio dei propri poteri, di identificarsi e di esibire l’atto in base al quale vengono compiuti i relativi atti;
  • di essere munito di libera accettazione di tutti gli atti presentati dai creditori e dai terzi in relazione ai loro obblighi pubblici;
  • possibilità di scambio telematico di dati con l’Agenzia nazionale bulgara delle entrate;
  • essere informato sulle conseguenze dell’esecuzione di crediti tributari, altri crediti pubblici e contributi assicurativi obbligatori;
  • impugnare tutti gli atti e le azioni dell’Agenzia nazionale bulgara delle entrate, che ledano diritti e interessi giuridici, secondo la procedura prevista dal presente codice;
  • per dare occasione alle parti di esprimersi sulle prove raccolte, nonché sulle richieste presentate secondo la procedura prevista dal presente codice – le parti possono formulare richieste e eccezioni scritte;
  • hanno diritto al risarcimento dei danni causati loro da atti illeciti, azioni o omissioni delle autorità fiscali durante o in connessione con lo svolgimento delle loro attività. La responsabilità si realizza secondo la procedura prevista dalla legge sulla responsabilità dello Stato per i danni causati ai cittadini;

Quando ricorrono le circostanze per sospendere la revisione ex art. 34, par. 1, comma 1, cpp – in caso di infermità di persona la cui partecipazione al procedimento è obbligatoria ovvero ai sensi del comma 4 – su richiesta del soggetto, le persone controllate possono presentare istanza di sospensione del controllo.

Le persone hanno il diritto di impugnare l’ordinanza di sospensione emessa o la decisione di rifiutare la sospensione del procedimento entro 14 giorni dalla consegna del relativo documento (art. 34, comma 5 del Codice di procedura fiscale ed assicurativa). Competente a pronunciarsi sul ricorso è il tribunale amministrativo presso la sede della direzione territoriale, nella cui circoscrizione ha sede l’organo il cui atto è impugnato. Il tribunale emette un’ordinanza che respinge o annulla l’ordinanza o il rifiuto di sospendere il procedimento e l’ordinanza del tribunale è definitiva.

Obblighi  e responsabilità delle persone

La persona controllata è obbligata a presentare tutti i dati, le informazioni, i documenti, gli atti, i supporti informativi e altre prove relative ai suoi diritti e obblighi, ai fatti e alle circostanze soggetti a accertamento nei relativi procedimenti e a indicare tutte le persone, statali o municipali enti in cui hanno sede (art. 37, comma 2 del Codice di procedura fiscale ed assicurativa). La presentazione degli atti può avvenire anche attraverso il sistema informativo “Controllo – Контрол” – “Invio di atti da parte dei soggetti obbligati nell’ambito di procedimenti di controllo”.

Il creditore può chiedere una proroga del termine fissato dall’Agenzia nazionale bulgara delle entrateper la produzione degli atti e dei chiarimenti scritti, qualora ciò sia richiesto da validi motivi (art. 25 cpc). La domanda deve essere presentata dall’interessato prima della scadenza del termine originariamente fissato e, valutata la fondatezza, l’Agenzia delle Entrate emette un “Delibera di proroga/rifiuto di proroga”, che fissa un nuovo termine per la presentazione degli atti. La decisione viene consegnata alla persona esaminata.

Se i documenti richiesti e le spiegazioni scritte non sono presentati dall’interessato o sono presentati, ma non è rispettato il termine fissato dall’Agenzia nazionale bulgara delle entrate, la composizione dell’art. 278 cpc e avvia il procedimento per la redazione dell’atto di constatazione di illecito amministrativo (AUAN). Nonostante il mancato rispetto del termine, se i documenti richiesti e le spiegazioni scritte sono presentati dal creditore prima della scadenza del termine per l’emissione della relazione di revisione o fino alla scadenza del termine di 14 giorni di cui all’articolo 117, comma 1, cpv. 5 del Codice di procedura fiscale ed assicurativa per la presentazione di opposizioni scritte avverso il verbale di accertamento, l’Agenzia nazionale bulgara delle entrate è tenuta a discuterne in sede di emissione del relativo documento – verbale di accertamento o atto di accertamento.

Si ricorda che nel caso di documenti richiesti dall’Agenzia nazionale bulgara delle entrate, nel caso di copie già fornite di atti, referenze, chiarimenti o parte di essi in relazione a precedenti procedimenti, è sufficiente che i soggetti obbligati indicare il procedimento in cui sono stati forniti. L’Agenzia nazionale bulgara delle entrate ha la possibilità di rivedere e allegare i documenti già presentati e non è necessario ripresentarli.

Nei procedimenti di revocazione l’onere della prova incombe sulla persona revisionata, quando ciò è espressamente disciplinato dal legislatore.

Quando è necessario chiarire fatti e circostanze al di fuori del territorio del paese al fine di stabilire gli obblighi dell’ente sottoposto a revisione, è obbligo dell’ente sottoposto a revisione presentare prove per il loro chiarimento.

Quando i rapporti o le transazioni sono tra parti correlate, così come nel caso di trasferimenti tra una sede di attività di una persona straniera in Bulgaria e altre parti della stessa impresa all’estero, si considera che la persona sottoposta a revisione abbia avuto l’opportunità di presentare evidenza.

Quando l’ente verificato effettua un’operazione con parti correlate, è tenuto a comprovare il rispetto del prezzo di mercato e le ragioni dello scostamento da esso, anche presentando tutte le prove pertinenti provenienti dall’estero. Se l’ente sottoposto a revisione non adempie ai propri obblighi di fornire prove, l’autorità di revisione ha il diritto di stabilire i prezzi di mercato sulla base delle informazioni o delle prove disponibili. Nell’applicare i metodi per la determinazione dei prezzi di mercato, le autorità utilizzano anche dati sui corsi di borsa, dati specificati in elenchi statistici o altre pubblicazioni contenenti informazioni specializzate sui prezzi.

Nel caso in cui la persona verificata rifiuti di fornire all’Agenzia nazionale bulgara delle entrate l’accesso ad un oggetto sottoposto a controllo o rifiuti di presentare documenti o altri portatori di informazioni, le autorità di controllo possono richiedere l’assistenza delle autorità del Ministero dell’Interno, anche per effettuare una perquisizione o un sequestro come previsto dall’ordinanza del codice di procedura penale (CPC). Gli oggetti, le carte o altri supporti informativi sequestrati sono consegnati dalle autorità del Ministero dell’Interno all’Agenzia nazionale bulgara delle entrate con verbale e inventario. Quando, secondo la procedura del codice penale, sono state raccolte prove rilevanti per l’accertamento di adempimenti tributari o contributi assicurativi obbligatori, le autorità del Ministero dell’interno, la procura o l’inquirente forniscono all’amministrazione finanziaria l’accesso a tale prove e loro copie autenticate. È consentita la perquisizione e il sequestro da parte delle autorità di polizia.

Nei casi di procedimento avviato, di cui l’interessato è regolarmente informato, è tenuto a darne comunicazione scritta all’Agenzia nazionale bulgara delle entrateche procede nel procedimento entro tre giorni dall’adozione degli atti di mutamento del domicilio per la corrispondenza. In caso contrario, tutti gli atti ei documenti del presente procedimento vengono allegati al fascicolo e si considerano regolarmente notificati (art. 28, comma 3 cpp).