Stati Uniti – Tassazione delle società S (S corporations)

Il  Titolo 26 del Codice degli Stati Uniti è dedicato all’Internal Revenue Code ( IRC ). Il Sottocapitolo S  del Capitolo 1 è dedicato  al “Trattamento fiscale delle società S e dei loro azionisti” (Tax Treatment of S Corporations and Their Shareholders (Vedi: Versione in italiano))

Le società S sono società che scelgono di trasferire il reddito aziendale, ai fini fiscali federali, le perdite, le detrazioni e i crediti ai propri azionisti. Gli azionisti delle società S riportano il flusso dei redditi e delle perdite nelle loro dichiarazioni dei redditi personali e sono tassati in base alle aliquote dell’imposta sul reddito individuali. Ciò consente alle società S di evitare la doppia imposizione sul reddito societario. Le società S sono responsabili dell’imposta su determinati guadagni incorporati e reddito passivo a livello di entità.

Per qualificarsi per lo status di società S, la società deve soddisfare i seguenti requisiti:

  • Essere una società nazionale
  • Avere solo azionisti ammessi
    • Possono essere individui, determinati trust e proprietà e
    • Non possono essere società di persone, società o azionisti stranieri non residenti
  • Non avere più di 100 azionisti
  • Avere solo una classe di azioni
  • Non essere una società non idonea (ad esempio alcuni istituti finanziari, compagnie assicurative e società di vendita internazionali nazionali).

Per diventare una società S ed effettuare la scelta , ai sensi della sezione 1362(a) della Parte I del Titolo 26 Sottocapitolo S del Codice USA – Trattamento fiscale delle società S e dei loro azionisti, una società o altra entità idonea a essere considerata una società deve presentare il modulo 2553, Elezione da parte di una società per piccole imprese,  firmato da tutti gli azionisti.

Form 2553

Instructions for Form 2553

Modelli di dichiarazione federali da presentare all’Internal Revenue Service

S corporation (o S corp):

Stati Uniti – Tassazione delle imprese tassate come società (C corporations)

Il governo federale degli Stati Uniti e la maggior parte dei governi degli States impongono un’imposta sul reddito.

Il Codice degli Stati Uniti è la codificazione per materia delle leggi generali e permanenti degli Stati Uniti. È suddiviso per argomenti generali in 53 titoli e pubblicato dall’Office of the Law Revision Counsel della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti.

Il  Titolo 26 del Codice degli Stati Uniti è dedicato al Internal Revenue Code ( IRC )  organizzato per argomento, in sottotitoli e sezioni.
Alle tasse sul reddito è dedicato il sottotitolo A.

Subtitle A—Income Taxes

Capitolo
1. Normal taxes and surtaxes.
2. Tax on self-employment income.
2A. Unearned income Medicare contribution.
3. Withholding of tax on nonresident aliens and foreign corporations.
4. Taxes to enforce reporting on certain foreign accounts.
[5. Repealed.]
6. Consolidated returns.

Il Capitolo 1 è dedicato alle “Imposte normali e addizionali” (NORMAL TAXES AND SURTAXES), i sottocapitoli che consento di identificare una distinzione a livello fiscale tra le società sono;

  • il Sottocapitolo A  del Capitolo 1  alla “Determinazione dell’imponibilità fiscale” (Determination of Tax Liability);
    la parte II del Sottocapitolo A è dedicata all’imposta sulle Società (TAX ON CORPORATIONS) (Artt. 11 e 12)
    Art. 11. Tax imposed.
    Art. 12. Cross references relating to tax on corporations.
    (Versione in italiano)

La C corporation (o C corp) è la struttura giuridica per una società in cui i proprietari, o azionisti, sono tassati separatamente dall’entità. La tassazione degli utili derivanti dalle imprese avviene sia a livello aziendale che personale, creando una situazione di doppia imposizione
(Capitolo 1-Sottocapitolo A “Determinazione dell’imponibilità fiscale” (Determination of Tax Liability))

C corporations

Le regole di classificazione delle entità classificano alcune entità commerciali come corporations ( Tassate come C corporations):

  • Un’entità commerciale costituita ai sensi di uno statuto federale o statale o di uno statuto di una tribù indiana riconosciuta a livello federale se lo statuto descrive o si riferisce all’entità come costituita o come società, persona giuridica o ente politico.
  • Un’associazione ai sensi della sezione Regolamenti 301.7701-3.
  • Un’entità commerciale costituita ai sensi di uno statuto federale o statale se lo statuto descrive o fa riferimento all’entità come un’associazione per azioni.
  • Un’entità commerciale riconosciuta dallo Stato che svolge attività bancarie se uno qualsiasi dei suoi depositi è assicurato dalla FDIC.
  • Un’entità commerciale interamente posseduta da uno stato o da una sua suddivisione politica, o un’entità commerciale interamente posseduta da un governo straniero o da un’altra entità descritta nella sezione 1.892.2-T delle Normative.
  • Un’entità commerciale imponibile come società ai sensi di una disposizione del codice diversa dalla sezione 7701(a)(3).
  • Alcune entità straniere (vedere istruzioni del modulo 8832).
  • Compagnia assicurativa

Modelli di dichiarazione federali da presentare all’Internal Revenue Service

C corporation (o C corp): Le società statunitensi utilizzano il Modulo 1120  per segnalare i propri redditi, guadagni, perdite, detrazioni, crediti e calcolare la loro imposta sul reddito.

Stati Uniti – Tassazione delle imprese tassate come società (C corporations)

Stati Uniti – Tassazione delle imprese tassate come società (C corporations)

Le imprese tassate come società

Le regole da utilizzare per determinare se un’impresa è tassata come società sono cambiate per le imprese costituite dopo il 1996.

Azienda costituita prima del 1997.

Un’impresa costituita prima del 1997 e tassata come società secondo le vecchie regole continuerà generalmente ad essere tassata come società.

Azienda costituita dopo il 1996.

Le seguenti imprese costituite dopo il 1996 sono tassate come società.

  • Un’azienda costituita ai sensi di una legge federale o statale che la definisce una società, una persona giuridica o un ente politico.
  • Un’impresa costituita ai sensi di una legge statale che la definisce società per azioni o associazione per azioni.
  • Una compagnia assicurativa.
  • Alcune banche.
  • Un’azienda interamente posseduta da un governo statale o locale.
  • Un’azienda che deve essere tassata come società ai sensi del Codice tributario interno (ad esempio, alcune società di persone quotate in borsa).
  • Alcune imprese straniere.
  • Qualsiasi altra attività che sceglie di essere tassata come una società.

Società a responsabilità limitata (LLC).

Una Limited Liability Company (LLC) può essere classificata ai fini dell’imposta federale sul reddito come una società di persone, una società o un’entità considerata un’entità separata dal suo proprietario applicando le norme nella sezione 301.7701-3 del Titolo 26 – Entrate interne dei Regolamenti del Tesoro. Una LLC può scegliere di essere trattata come un’associazione imponibile come una società presentando il modulo 8832, Entity Classification Election. Vedere le istruzioni per il modulo 8832. Per ulteriori informazioni sulle LLC, vedere Pub. 3402, Fiscalità delle società a responsabilità limitata.

corporazioni S.

Alcune società possono soddisfare i requisiti per eleggere società S. Per informazioni sulle società S, consultare le istruzioni per il modulo 1120S.

Società di servizi alla persona.

Una società è una società di servizi personali se soddisfa tutti i seguenti requisiti.

  1. La sua attività principale durante il “periodo di prova” è la prestazione di servizi personali (definiti in seguito). In genere, il periodo di prova per qualsiasi anno fiscale è l’anno fiscale precedente. Se la società è appena stata costituita, il periodo di prova inizia il primo giorno dell’anno fiscale e termina il primo tra:
    1. L’ultimo giorno del suo anno fiscale, o
    2. L’ultimo giorno dell’anno solare in cui inizia l’anno fiscale.
  2. I suoi dipendenti-proprietari svolgono sostanzialmente i servizi di cui al punto (1) sopra. Questo requisito è soddisfatto se più del 20% del costo di compensazione della società per le sue attività di prestazione di servizi personali durante il periodo di prova riguarda servizi personali svolti da dipendenti-proprietari.
  3. I suoi dipendenti-proprietari possiedono più del 10% del valore equo di mercato delle azioni in circolazione l’ultimo giorno del periodo di test.

 

Servizi personali.

I servizi personali comprendono qualsiasi attività svolta nei settori della contabilità, delle scienze attuariali, dell’architettura, della consulenza, dell’ingegneria, della sanità (compresi i servizi veterinari), del diritto e delle arti dello spettacolo.

Proprietari dipendenti.

Una persona è un dipendente-proprietario di una società di servizi personali se si applicano entrambe le condizioni seguenti.

  1. Lui o lei è un dipendente della società o svolge servizi personali per o per conto della società (anche se è un lavoratore indipendente per altri scopi) in qualsiasi giorno del periodo di prova.
  2. Lui o lei possiede azioni della società in qualsiasi momento durante il periodo di prova.

 

Altre regole.

Per altre regole che si applicano alle società di servizi personali, vedere Periodi contabili , più avanti.

Società strettamente controllate.

Una società è controllata da vicino se si applicano tutte le seguenti condizioni.

  1. Non è una società di servizi alla persona.
  2. In qualsiasi momento durante l’ultima metà dell’anno fiscale, più del 50% del valore delle azioni in circolazione è, direttamente o indirettamente, posseduto da o per cinque o meno persone fisiche. Il termine “individuale” comprende alcuni trust e fondazioni private.

Per le regole per determinare la proprietà delle azioni, vedere la sezione 544 dell’Internal Revenue Code.

Altre regole.

Per le regole di rischio che si applicano alle società a capitale chiuso, vedere Limiti di rischio più avanti.

Proprietà scambiata con azioni

Se trasferisci proprietà (o denaro e proprietà) a una società in cambio di azioni di tale società (diverse dalle azioni privilegiate non qualificate) e subito dopo hai il controllo della società, lo scambio solitamente non è imponibile. Questa regola si applica sia ai singoli individui che ai gruppi che trasferiscono proprietà a una società. Si applica anche se la società è in fase di costituzione o è già operativa. Non si applica nelle seguenti situazioni.

  • La società è una società di investimento.
  • Trasferisci la proprietà in caso di fallimento o procedura simile in cambio di azioni utilizzate per pagare i creditori.
  • Le azioni vengono ricevute in cambio del debito della società (diverso da un titolo) o degli interessi sul debito della società (incluso un titolo) maturati mentre si deteneva il debito.

 

Vedere Proprietà scambiate con azioni nel capitolo 2 della Pub. 544 per ulteriori informazioni.

.Questa è un'immagine: warning.gifSia la società che qualsiasi persona coinvolta in uno scambio non imponibile di proprietà in azioni devono allegare alla dichiarazione dei redditi per l’anno dello scambio, la dichiarazione completa di tutti i fatti pertinenti allo scambio richiesti dalla sezione 1.351-3 dei Regolamenti del Tesoro..

Controllo di una società.

Per avere il controllo di una società, voi o il vostro gruppo di cedenti dovete possedere, immediatamente dopo lo scambio, almeno l’80% del totale dei diritti di voto combinati di tutte le classi di azioni aventi diritto di voto e almeno l’80% delle azioni in circolazione di ciascuna classe di azioni senza diritto di voto.

Perdita sul cambio.

Se subisci una perdita da una borsa e possiedi, direttamente o indirettamente, più del 50% delle azioni della società, non puoi detrarre la perdita. Per ulteriori informazioni, vedere Perdita non deducibile in Vendite e scambi tra persone correlate nel capitolo 2 della Pub. 544.

Base delle azioni o di altri beni ricevuti.

La base delle azioni che ricevi è generalmente la base rettificata della proprietà trasferita. Aumenta questo importo di qualsiasi importo trattato come dividendo, più qualsiasi utile riconosciuto in borsa. Diminuire questo importo di qualsiasi contante ricevuto, del valore equo di mercato di qualsiasi altra proprietà ricevuta e di qualsiasi perdita riconosciuta sullo scambio. Riduci inoltre questo importo in base all’importo di qualsiasi responsabilità assunta dalla società o da un’altra parte dello scambio nei tuoi confronti, a meno che il pagamento della responsabilità non dia luogo a una detrazione al momento del pagamento.

Potrebbero essere necessarie ulteriori diminuzioni quando la società o un’altra parte dello scambio assume nei tuoi confronti una responsabilità che dà luogo a una detrazione al momento del pagamento, se la base delle azioni sarebbe altrimenti superiore al suo valore equo di mercato alla data dello scambio. Questa regola non si applica se l’entità che assume la passività ha acquisito sostanzialmente tutte le attività o l’attività commerciale o imprenditoriale a cui la passività è associata.

La base di qualsiasi altra proprietà che riceverai è il suo giusto valore di mercato alla data della transazione.

Base della proprietà trasferita.

Una società che riceve proprietà da te in cambio delle sue azioni generalmente ha la stessa base che avevi tu nella proprietà, aumentata di qualsiasi guadagno riconosciuto in borsa. L’incremento della plusvalenza riconosciuta potrebbe tuttavia essere limitato. Per ulteriori informazioni consultare la sezione 362 del Codice delle Entrate.

Se la proprietà viene trasferita a una società soggetta alla sezione 362(e)(2), il cedente e la società acquirente possono scegliere, ai sensi della sezione 362(e)(2)(C), di ridurre invece la base del cedente nelle azioni ricevute di ridurre la base della società acquirente nella proprietà trasferita. Una volta effettuata, l’elezione è irrevocabile. Per ulteriori informazioni, consultare la sezione 362(e)(2) e la sezione 1.362-4 dei Regolamenti del Tesoro. Se viene effettuata un’elezione, è necessario presentare una dichiarazione in conformità con la sezione 1.362-4(d)(3) dei Regolamenti.

Contributi in conto capitale

Questa sezione spiega il trattamento fiscale dei contributi degli azionisti e dei non azionisti.

Versamento in conto capitale.

Generalmente, i contributi al capitale di una società, da parte o meno degli azionisti, sono capitale versato. Questi contributi non sono imponibili per la società. Tuttavia, dopo il 22 dicembre 2017, i seguenti contributi non azionisti al capitale di una società non sono considerati capitale versato non imponibile.

  • Qualsiasi contributo in aiuto alla costruzione o qualsiasi altro contributo come cliente o potenziale cliente.
  • Qualsiasi contributo da parte di qualsiasi gruppo civico.
  • Qualsiasi contributo da parte di qualsiasi ente governativo. Tuttavia, vedere la regola speciale di seguito.

 

Per i contributi versati dopo il 31 dicembre 2020 si applica una regola speciale ai contributi in conto capitale dei servizi di smaltimento dell’acqua e della fognatura. Secondo la norma speciale, qualsiasi somma di denaro o proprietà ricevuta dopo il 31 dicembre 2020 come contributo in aiuto alla costruzione o contributo al capitale di un servizio pubblico regolamentato che fornisce servizi di smaltimento dell’acqua o delle fognature può beneficiare dell’esclusione dal reddito ai sensi articolo 118 del Codice tributario.

Base.

La base di proprietà della società apportata al capitale da un azionista è la stessa della base che l’azionista aveva nella proprietà, aumentata di qualsiasi plusvalenza riconosciuta dall’azionista sullo scambio. L’incremento della plusvalenza riconosciuta potrebbe tuttavia essere limitato. Per ulteriori informazioni, vedere Base della proprietà trasferita sopra e la sezione 362 del Codice tributario interno.

La base della proprietà apportata al capitale da una persona diversa da un azionista è zero.

Se una società riceve un contributo in contanti da una persona diversa da un azionista, la società deve ridurre la base di qualsiasi proprietà acquisita con il contributo durante il periodo di 12 mesi a partire dal giorno in cui ha ricevuto il contributo per l’importo del contributo. Se l’importo versato è superiore al costo della proprietà acquisita, ridurre, ma non inferiore a zero, la base delle altre proprietà detenute dalla società l’ultimo giorno del periodo di 12 mesi nel seguente ordine.

  1. Immobile ammortizzabile.
  2. Immobile ammortizzabile.
  3. Immobile soggetto a esaurimento dei costi ma non a esaurimento percentuale.
  4. Tutte le altre proprietà rimanenti.

 

Ridurre a zero la base della proprietà in ciascuna categoria prima di passare alla categoria successiva.

In ciascuna categoria possono essere presenti più immobili. Basare la riduzione della base di ciascuna proprietà sul seguente rapporto.

Base di ogni pezzo di proprietà
Basi di tutte le proprietà (all’interno di quella categoria)

Se la società desidera apportare questa modifica in qualche altro modo, deve ottenere l’approvazione dell’IRS. La società presenta una richiesta di approvazione con la dichiarazione dei redditi per l’anno fiscale in cui riceve il contributo.

Dichiarazione e pagamento delle imposte sul reddito

L’imposta federale sul reddito è un’imposta a ripartizione. Una società deve generalmente effettuare pagamenti fiscali stimati man mano che guadagna o riceve reddito durante il suo anno fiscale. Dopo la fine dell’anno la società deve presentare la dichiarazione dei redditi. Questa sezione ti aiuterà a determinare quando e come pagare e presentare le imposte sul reddito delle società.

.Questa è un'immagine: taxtip.gifPer alcune società colpite da disastri dichiarati a livello federale come gli uragani, le scadenze per la presentazione delle dichiarazioni, il pagamento delle tasse e l’esecuzione di altri atti urgenti possono essere prorogati. L’IRS può anche condonare gli interessi e le sanzioni su eventuali imposte sottopagate per la durata di qualsiasi proroga. Per ulteriori informazioni, visitare IRS.gov/DisasterTaxRelief ..

Dichiarazione dei redditi

Questa sezione ti aiuterà a determinare quando e come dichiarare l’imposta sul reddito di una società.

Chi deve presentare la domanda.

A meno che non siano esenti ai sensi della sezione 501 del Codice tributario interno, tutte le società nazionali esistenti per qualsiasi parte di un anno fiscale (comprese le società in fallimento) devono presentare una dichiarazione dei redditi indipendentemente dal fatto che abbiano o meno un reddito imponibile.

Quale modulo presentare.

Un’entità nazionale che sceglie di essere classificata come associazione imponibile come società deve generalmente compilare il modulo 1120, dichiarazione dei redditi delle società statunitensi, per riportare i propri redditi, utili, perdite, detrazioni, crediti e per calcolare la propria responsabilità fiscale sul reddito. Alcune organizzazioni ed entità devono, o possono scegliere di, presentare dichiarazioni speciali. Per ulteriori informazioni, consultare Dichiarazioni speciali per determinate organizzazioni nelle Istruzioni per il modulo 1120.

Archiviazione elettronica.

Le aziende possono generalmente archiviare elettronicamente ( file elettronico ) il modulo 1120 e alcuni moduli, programmi e allegati correlati. Tuttavia, alcune grandi aziende devono inviare il modulo 1120 tramite posta elettronica. Per ulteriori informazioni, consultare le istruzioni per il modulo 1120.

Quando archiviare.

Generalmente, una società deve presentare la dichiarazione dei redditi entro il quindicesimo giorno del quarto mese successivo alla fine dell’anno fiscale. Una nuova società che presenta una dichiarazione a breve termine deve generalmente presentarla entro il 15° giorno del 4° mese successivo alla fine del periodo a breve termine. Una società che si è sciolta deve generalmente presentare la domanda entro il 15° giorno del 4° mese successivo alla data di scioglimento.

Tuttavia, una società con anno fiscale che termina il 30 giugno deve presentare la domanda entro il quindicesimo giorno del terzo mese successivo alla fine dell’anno fiscale. Una società con un anno fiscale breve che termina in qualsiasi momento a giugno sarà trattata come se il periodo breve terminasse il 30 giugno e dovrà presentare la domanda entro il quindicesimo giorno del terzo mese successivo alla fine dell’anno fiscale.

Se la data di scadenza cade di sabato, domenica o in un giorno festivo legale, la data di scadenza viene prorogata al giorno lavorativo successivo.

Proroga dei tempi per presentare la denuncia.

Presentare il modulo 7004, Richiesta di proroga automatica del tempo per presentare determinate dichiarazioni fiscali, informazioni e altre dichiarazioni sui redditi aziendali, per richiedere una proroga del tempo per presentare la dichiarazione dei redditi di una società. L’IRS concederà la proroga se la società completa correttamente il modulo, lo archivia e paga tutte le imposte dovute entro la data di scadenza originale per la dichiarazione.

Il modulo 7004 non estende i tempi per il pagamento dell’imposta dovuta sulla dichiarazione. Gli interessi, ed eventualmente le sanzioni, verranno addebitati su qualsiasi parte dell’imposta finale dovuta non indicata come saldo dovuto nel modulo 7004. Gli interessi vengono calcolati dalla data di scadenza originale della dichiarazione alla data del pagamento.

Per ulteriori informazioni consultare le Istruzioni per il Modulo 7004.

Come pagare le tasse.

Una società deve pagare l’imposta dovuta per intero entro e non oltre la data di scadenza per la presentazione della dichiarazione dei redditi (escluse le proroghe).

Sistema elettronico di pagamento delle imposte federali (EFTPS).

Le aziende devono generalmente utilizzare l’EFTPS per effettuare depositi di tutte le passività fiscali (inclusi la previdenza sociale, l’assistenza sanitaria statale, le ritenute sul reddito, le accise e le imposte sul reddito delle società). Per ulteriori informazioni su EFTPS e iscrizione, visitare www.eftps.gov.

Sanzioni

.Questa è un'immagine: warning.gifIn generale, se la società riceve un avviso relativo a interessi e sanzioni dopo aver presentato la dichiarazione, invia una spiegazione all’IRS e determineremo se la società soddisfa i criteri di ragionevole causa. Non allegare una spiegazione al momento della presentazione della dichiarazione della società. Consulta le istruzioni per la dichiarazione dei redditi..

Presentazione tardiva della dichiarazione.

Una società che non presenta la dichiarazione dei redditi entro la data di scadenza, comprese le proroghe, può essere sanzionata del 5% dell’imposta non pagata per ogni mese o frazione di mese in cui la dichiarazione è in ritardo, fino a un massimo del 25% dell’imposta non pagata . Se alla società viene addebitata una sanzione per ritardato pagamento dell’imposta (discussa di seguito) per lo stesso periodo di tempo, la sanzione per tardiva presentazione viene ridotta dell’importo della sanzione per ritardato pagamento. Per un reso con oltre 60 giorni di ritardo si applica una penalità minima. L’importo minimo della sanzione può essere adeguato all’inflazione. Consulta le istruzioni per il modulo 1120 (o le istruzioni per la dichiarazione applicabile) per l’importo minimo della sanzione per l’anno fiscale corrente. La sanzione non verrà applicata qualora l’ente dimostri che la mancata presentazione tempestiva è dovuta a una causa ragionevole.

Nota.

Se alla società viene addebitata una sanzione per ritardato pagamento dell’imposta (discussa di seguito) per lo stesso periodo di tempo, la sanzione per tardiva presentazione viene ridotta dell’importo della sanzione per ritardato pagamento.

Ritardato pagamento dell’imposta.

Una società che non paga l’imposta alla scadenza può essere sanzionata con la metà dell’1% dell’imposta non pagata per ogni mese o parte di mese in cui l’imposta non viene pagata, fino a un massimo del 25% dell’imposta non pagata. La sanzione non verrà applicata se l’impresa può dimostrare che il mancato pagamento puntuale è dovuto a una causa ragionevole.

Sanzione per il recupero del fondo fiduciario.

Se le imposte federali sul reddito, sulla previdenza sociale e su Medicare che una società deve trattenere dai salari dei dipendenti non vengono trattenute o non vengono depositate o pagate al Tesoro degli Stati Uniti, potrebbe essere applicata la sanzione per il recupero del fondo fiduciario. La sanzione è pari all’intero importo dell’imposta sul fondo fiduciario non pagata. Questa sanzione potrebbe essere applicata nel caso in cui le tasse non pagate non possano essere immediatamente riscosse dall’azienda.

La sanzione per il recupero del fondo fiduciario può essere imposta a tutte le persone che l’IRS ritiene responsabili della riscossione, della contabilizzazione e del pagamento di tali imposte e che hanno agito intenzionalmente non farlo.

Una persona responsabile può essere un funzionario o un dipendente di una società, un contabile o un direttore/amministratore volontario. Una persona responsabile può anche includere qualcuno che firma assegni per la società o che ha altrimenti l’autorità di determinare la spesa di fondi aziendali.

“Volontariamente” significa volontariamente, consapevolmente e intenzionalmente. Una persona responsabile agisce intenzionalmente se sa che le azioni richieste non vengono eseguite o ignora incautamente i rischi evidenti e noti per il diritto del governo a ricevere le tasse sui fondi fiduciari.

Per ulteriori informazioni sulla ritenuta d’acconto e sul pagamento di queste imposte, vedere Pub. 15 (Circolare E), Guida fiscale del datore di lavoro e Pub. 51 (Circolare A), Guida fiscale del datore di lavoro agricolo.

Altre sanzioni.

Altre sanzioni possono essere imposte per negligenza, sostanziale sottostima delle imposte, sottostima delle transazioni soggette a comunicazione e frode. Vedi sezioni 6662, 6662A e 6663 del Codice tributario interno.

Imposta stimata

In genere, una società deve effettuare pagamenti rateali se prevede che la sua imposta stimata per l’anno sarà pari o superiore a $ 500. Se l’azienda non paga le rate alla scadenza, potrebbe essere soggetta ad una sanzione per mancato pagamento. Questa sezione spiegherà come evitare questa penalità.

Quando pagare l’imposta stimata.

I pagamenti rateali sono dovuti entro il 15° giorno del 4°, 6°, 9° e 12° mese dell’anno fiscale della società.

Esempio 1.

L’anno fiscale della tua società termina il 31 dicembre. I pagamenti rateali sono dovuti il 15 aprile, 15 giugno, 15 settembre e 15 dicembre.

Esempio 2.

L’anno fiscale della tua società termina il 30 giugno. I pagamenti rateali sono dovuti il 15 ottobre, 15 dicembre, 15 marzo e 15 giugno.

Se una data di scadenza cade di sabato, domenica o in un giorno festivo legale, la rata è dovuta il giorno lavorativo successivo.

Come calcolare ciascuna rata richiesta.

Utilizza il modulo 1120-W, Stima delle imposte per le società, come foglio di lavoro per calcolare ciascuna rata richiesta dell’imposta stimata. In genere si utilizza uno dei due metodi seguenti per calcolare ciascuna rata richiesta. Dovresti utilizzare il metodo che produce i pagamenti rateali più piccoli.

Nota.

In queste discussioni, il “rendimento” si riferisce generalmente al rendimento originale della società. Tuttavia, una dichiarazione modificata è considerata la dichiarazione originale se è presentata entro la data di scadenza (comprese le proroghe) della dichiarazione originale.

Metodo 1.

Ogni rata richiesta corrisponde al 25% dell’imposta sul reddito che la società mostrerà nella dichiarazione dell’anno in corso.

Metodo 2.

Ogni rata richiesta corrisponde al 25% dell’imposta sul reddito indicata nella dichiarazione della società dell’anno precedente.

Per utilizzare il Metodo 2:

  1. La società deve aver presentato una dichiarazione per l’anno precedente,
  2. Il reso deve essere durato 12 mesi interi e
  3. La dichiarazione deve aver evidenziato un debito fiscale positivo (non zero).

Inoltre, se la società è una grande azienda, può utilizzare il Metodo 2 per calcolare solo la prima rata.

Consultare le Istruzioni per il modulo 1120-W, per la definizione di “grande società” e altre norme speciali per le grandi società.

Altri metodi.

Se si prevede che il reddito di una società vari durante l’anno perché, ad esempio, la sua attività è stagionale, potrebbe essere in grado di ridurre l’importo di una o più rate richieste utilizzando uno o entrambi i seguenti metodi.

  1. Il metodo della rata del reddito annualizzato.
  2. Il metodo della rata stagionale adeguata.

Utilizzare l’Allegato A del Modulo 1120-W per determinare se l’utilizzo di uno o entrambi questi metodi ridurrà l’importo delle eventuali rate richieste.

Riconfigurazione delle rate richieste.

Se dopo che la società ha calcolato e depositato l’imposta stimata, scopre che la sua responsabilità fiscale per l’anno sarà maggiore o minore di quella originariamente stimata, potrebbe dover riconfigurare le rate richieste per vedere se può essere applicata una penalità per mancato pagamento. Dovrebbe essere effettuato un pagamento di recupero immediato per ridurre eventuali penalità derivanti dal mancato pagamento di eventuali rate precedenti.

Penale per mancato pagamento.

Se la società non paga la rata prevista dell’imposta stimata entro la data di scadenza, potrebbe essere soggetta a una sanzione. La penale viene calcolata separatamente per ciascuna scadenza di rata. Pertanto, la società potrebbe dover pagare una penalità per una data di scadenza anticipata, anche se in seguito ha pagato abbastanza tasse per compensare il mancato pagamento. Ciò è vero anche se la società ha diritto a un rimborso al momento della presentazione della dichiarazione.

Modulo 2220.

Utilizzare il modulo 2220, Sottopagamento dell’imposta stimata da parte delle società, per determinare se una società è soggetta alla sanzione per mancato pagamento dell’imposta stimata e per calcolare l’importo della sanzione.

Se alla società viene addebitata una sanzione, l’importo della sanzione dipende dai seguenti tre fattori.

  1. L’importo del pagamento insufficiente.
  2. Il periodo durante il quale il pagamento insufficiente era dovuto e non pagato.
  3. Il tasso di interesse per i pagamenti insufficienti pubblicato trimestralmente dall’IRS nell’Internal Revenue Bulletin.

 

Una società generalmente non è tenuta a presentare il modulo 2220 con la dichiarazione dei redditi perché l’IRS calcolerà qualsiasi sanzione e fatturerà la società. Tuttavia, anche se la società non deve pagare una sanzione, compila e allega il modulo alla dichiarazione dei redditi della società se si verifica una delle seguenti condizioni.

  1. Per calcolare l’eventuale rata richiesta è stato utilizzato il metodo della rata del reddito annualizzato.
  2. Per calcolare l’eventuale rata richiesta è stato utilizzato il metodo della rata stagionale adeguata.
  3. La società è una grande società che calcola la prima rata richiesta in base all’imposta dell’anno precedente.

 

Come pagare l’imposta stimata.

Una società è generalmente tenuta a utilizzare EFTPS per pagare le tasse. Vedere Sistema di pagamento elettronico delle imposte federali (EFTPS) , in precedenza. Consultare inoltre le istruzioni per il modulo 1120-W.

Rimborso rapido dei pagamenti in eccesso.

Una società che ha pagato in eccesso l’imposta stimata per l’anno fiscale potrebbe essere in grado di richiedere un rimborso rapido. Utilizza il modulo 4466, Richiesta aziendale per il rimborso rapido del pagamento in eccesso dell’imposta stimata, per richiedere un rimborso rapido di un pagamento in eccesso dell’imposta stimata. Una società può richiedere un rimborso rapido se il pagamento in eccesso è:

  • Almeno il 10% della sua responsabilità fiscale prevista, e
  • Almeno $ 500.

Utilizzare il modulo 4466 per calcolare la passività fiscale prevista della società e il pagamento in eccesso dell’imposta stimata.

Presentare il modulo 4466 dopo la fine dell’anno fiscale della società, ma prima che la società presenti la dichiarazione dei redditi. Non presentare il modulo 4466 prima della fine dell’anno fiscale della società. Una proroga del tempo per presentare la dichiarazione dei redditi della società non prolungherà il tempo per la presentazione del modulo 4466. L’IRS agirà sul modulo entro 45 giorni dalla data di presentazione dello stesso.

Interesse immobiliare statunitense

Se una società nazionale acquisisce un interesse immobiliare statunitense da una persona o azienda straniera, la società potrebbe essere costretta a trattenere l’imposta sull’importo pagato per la proprietà. L’importo pagato comprende contanti, il valore equo di mercato di altri beni e qualsiasi passività assunta. Se una società nazionale distribuisce un interesse immobiliare statunitense a una persona o azienda straniera, potrebbe dover trattenere un’imposta sul valore equo di mercato della proprietà. Una società che non effettua la ritenuta può essere tenuta a versare l’imposta e le eventuali sanzioni e interessi applicabili. Per maggiori informazioni si veda l’articolo 1445 del TUF; Pub. 515, Ritenute d’imposta sugli stranieri non residenti e sugli enti esteri; Modulo 8288, Dichiarazione di ritenuta d’acconto statunitense per disposizioni da parte di soggetti stranieri di interessi immobiliari statunitensi; e modulo 8288-A,

Metodi contabili

Un metodo contabile è un insieme di regole utilizzate per determinare quando e come devono essere rendicontate le entrate e le spese. Il reddito imponibile deve essere determinato utilizzando il metodo contabile regolarmente utilizzato nella tenuta dei libri e dei registri della società. In tutti i casi, il metodo utilizzato deve evidenziare chiaramente il reddito imponibile.

In generale, i metodi consentiti includono:

  • Contanti,
  • Maturazione, o
  • Qualsiasi altro metodo autorizzato dal Codice delle Entrate.

 

Metodo di competenza.

In generale, una società, diversa da una società di servizi personali qualificata (come definita nella sezione 448(d)(2)), deve utilizzare un metodo di contabilità per competenza se non è un contribuente di piccola impresa (definito di seguito). Anche una società impegnata in attività agricole deve utilizzare un metodo di competenza, a meno che non si qualifichi come contribuente di piccola impresa.

Contribuente delle piccole imprese.

Un “contribuente di piccola impresa” è un contribuente che (a) ha entrate lorde annue medie pari o inferiori a 26 milioni di dollari (al netto dell’inflazione) per i 3 anni fiscali precedenti e (b) non è un rifugio fiscale (come definito nella sezione 448 (d)(3)).

Se sono necessarie scorte di inventario, è generalmente necessario utilizzare un metodo di competenza per le vendite e gli acquisti di merci. Tuttavia, un contribuente di piccola impresa che utilizza un metodo di cassa può adottare o modificare il proprio metodo contabile per contabilizzare le rimanenze (a) allo stesso modo dei materiali e delle forniture non accessorie, o (b) per conformarsi al trattamento delle rimanenze in un modo applicabile rendiconto finanziario (AFS) come definito nella sezione 451(b)(3). Se non dispone di un’AFS, può utilizzare il metodo contabile utilizzato nei libri e nelle scritture contabili predisposti secondo le proprie procedure contabili.

Con il metodo di contabilità per competenza, generalmente si segnala il reddito nell’anno in cui è stato guadagnato e si detraggono o capitalizzano le spese nell’anno sostenuto. Lo scopo di un metodo di contabilità per competenza è quello di abbinare entrate e uscite nell’anno corretto.

Reddito.

In genere, si include un importo nel reddito lordo per l’anno fiscale in cui viene soddisfatto il test di tutti gli eventi. Questo test viene superato quando si sono verificati tutti gli eventi che fissano il tuo diritto a ricevere il reddito e puoi determinare l’importo con ragionevole precisione. Tuttavia, se disponi di un AFS, includi l’importo nel reddito entro e non oltre il momento in cui l’elemento di reddito viene riportato nel tuo AFS. Questa è nota come regola di inclusione AFS.

Secondo la regola di inclusione del reddito AFS, dichiari un importo nel tuo reddito lordo al primo dei seguenti eventi:

  • Quando ricevi il pagamento.
  • Quando l’importo del reddito è dovuto a te.
  • Quando guadagni il reddito.
  • Quando il titolo passa.
  • Se incluso come entrate nel tuo AFS, se disponi di un AFS.

 

Vedi Pub. 538 per ulteriori informazioni e norme particolari.

Spese.

In generale, un contribuente in base alla competenza può detrarre le spese maturate nell’anno fiscale quando:

  1. Tutti gli eventi che determinano la responsabilità si sono verificati,
  2. L’importo della responsabilità può essere calcolato con ragionevole precisione e
  3. La performance economica avviene rispetto alla spesa.

 

Esistono eccezioni alla regola della performance economica per alcune voci, comprese le spese ricorrenti. Si veda l’articolo 461, lettera h), del Codice tributario e la relativa normativa per le regole relative alla determinazione del momento in cui si verifica la prestazione economica.

Metodo dell’esperienza non maturata.

Le società che utilizzano il metodo della competenza non sono tenute a mantenere accantonamenti per determinati importi derivanti dalla prestazione di servizi che, in base alla loro esperienza, non verranno riscossi, se:

  • I servizi riguardano i settori della sanità, del diritto, dell’ingegneria, dell’architettura, della contabilità, delle scienze attuariali, delle arti dello spettacolo o della consulenza; O
  • La società soddisfa il test sulle entrate lorde della sezione 448(c) per tutti gli anni precedenti.

 

Questa disposizione non si applica se sull’importo devono essere pagati interessi o se è prevista una sanzione per il mancato tempestivo pagamento dell’importo. Consultare la sezione 1.448-3 dei Regolamenti per ulteriori informazioni sul metodo dell’esperienza non maturata, comprese le informazioni sui metodi Safe Harbor.

Per informazioni su un metodo di contabilità sicuro per le società che utilizzano il metodo di contabilità dell’esperienza non maturata, vedere Rev. Proc. 2011-46, 2011-42 IRB 518, disponibile su IRS.gov/irb/2011-42_IRB#RP-2011-46 , come modificato dal Rev. Proc. 2016-29, 2016-21 IRB 880 (o qualsiasi successore) disponibile su IRS.gov/irb/2016-21_IRB#RP-2016-29 . Consultare inoltre le Istruzioni per il modulo 3115 per le procedure per ottenere il consenso automatico per modificare questo metodo o apportare determinate modifiche all’interno di questo metodo.

Le aziende che si qualificano per utilizzare il metodo dell’esperienza non maturata devono allegare una dichiarazione che mostri le entrate lorde totali, l’importo non maturato a causa dell’applicazione della sezione 448(d)(5) e l’importo netto maturato.

Metodo percentuale di completamento.

I contratti a lungo termine (ad eccezione di alcuni contratti di costruzione di immobili) devono generalmente essere contabilizzati utilizzando il metodo della percentuale di completamento descritto nella sezione 460 del Codice tributario interno.

Metodo contabile mark-to-market.

In generale, i commercianti di titoli devono utilizzare il metodo contabile mark-to-market descritto nella sezione 475 del Codice tributario. Con questo metodo, qualsiasi titolo detenuto da un intermediario come inventario deve essere incluso nell’inventario al suo valore equo di mercato. Qualsiasi titolo non detenuto come inventario alla chiusura dell’anno fiscale viene considerato venduto al suo valore equo di mercato l’ultimo giorno lavorativo dell’anno fiscale. Eventuali utili o perdite devono essere presi in considerazione nella determinazione del reddito lordo. L’utile o la perdita presi in considerazione vengono trattati come utili o perdite ordinari.

Gli operatori di materie prime e i commercianti di titoli e materie prime possono scegliere di utilizzare il metodo contabile mark-to-market.

Modifica del metodo contabile.

Una società può modificare il metodo contabile utilizzato per riportare il reddito imponibile (per il reddito nel suo insieme o per il trattamento di qualsiasi elemento materiale). La società deve presentare il modulo 3115, Domanda di modifica del metodo contabile. Vedi le Istruzioni per il Modulo 3115 e Pub. 538 per maggiori informazioni ed eccezioni.

Vedi Rev. Proc. 2021-34, 2021-35 IRB 337 (o qualsiasi successore) disponibile su IRS.gov/irb/2021-35_IRB#REV-PROC-2021-34 , per ulteriori procedure che potrebbero essere richieste per ottenere il consenso automatico alla modifica dei metodi di contabilizzazione riconoscimento dei ricavi e alcuni altri metodi contabili che possono influenzare la contabilizzazione del riconoscimento dei ricavi. Inoltre, vedere Rev. Proc. 2022-09, 2022-02 IRB 310 (o qualsiasi successore) disponibile su IRS.gov/irb/2022-02_IRB#REV-PROC-2022-9 , per procedure aggiuntive che potrebbero essere richieste per ottenere il consenso automatico per modificare determinati metodi di contabilità legati alle piccole imprese.

Adeguamento alla sezione 481(a).

Se il reddito imponibile della società per l’anno fiscale corrente è calcolato secondo un metodo di contabilità diverso da quello utilizzato nell’anno fiscale precedente, la società potrebbe dover effettuare una rettifica ai sensi della sezione 481 (a) del Codice tributario interno per evitare importi delle entrate o delle spese vengano duplicati o omessi. Il periodo di aggiustamento della sezione 481(a) è generalmente di 1 anno per un aggiustamento netto negativo e di 4 anni per un aggiustamento netto positivo. Tuttavia, possono applicarsi eccezioni al periodo di adeguamento della sezione generale 481(a). Inoltre, in alcuni casi, una società può scegliere di modificare il periodo di adeguamento della sezione 481(a). La società potrebbe dover completare le righe appropriate del modulo 3115 per effettuare un’elezione. Consulta le istruzioni per il modulo 3115 per ulteriori informazioni ed eccezioni.

Periodi contabili

Una società deve calcolare il proprio reddito imponibile sulla base di un anno fiscale. Un anno fiscale è il periodo contabile annuale utilizzato da una società per conservare i propri registri e segnalare le entrate e le uscite. In genere, una società può utilizzare un anno solare o un anno fiscale come anno fiscale. A meno che non si applichino regole speciali, una società generalmente adotta un anno fiscale presentando la sua prima dichiarazione dei redditi federale utilizzando quell’anno fiscale. Per ulteriori informazioni, vedere Pub. 538.

Società di servizi alla persona.

Una società di servizi personali deve utilizzare un anno solare come anno fiscale a meno che:

  • Sceglie di utilizzare un anno fiscale di 52-53 settimane che termina con riferimento all’anno solare o all’anno fiscale eletto ai sensi della sezione 444 del Codice tributario interno;
  • Può stabilire un oggetto sociale per un anno fiscale diverso e ottenere l’approvazione dell’IRS (vedi Istruzioni per il Modulo 1128 e Pub. 538); O
  • Ai sensi della sezione 444 si sceglie di avere un anno fiscale diverso da un anno solare. Per effettuare l’elezione, utilizzare il modulo 8716, Elezione per avere un anno fiscale diverso da quello richiesto.

 

Se una società di servizi alla persona fa una scelta ai sensi della sezione 444, la sua detrazione per determinati importi pagati ai dipendenti-proprietari potrebbe essere limitata. Vedere l’Allegato H (modulo 1120), Sezione 280H Limitazioni per una società di servizi personali (PSC), per calcolare la detrazione massima.

Cambio anno fiscale.

In genere, una società deve ottenere il consenso dell’IRS prima di modificare il proprio anno fiscale presentando il modulo 1128, Domanda di adozione, modifica o mantenimento di un anno fiscale. Tuttavia, a determinate condizioni, una società può modificare il proprio anno fiscale senza ottenere il consenso. Per ulteriori informazioni, vedere Modulo 1128 e Pub. 538.

Tenuta dei registri

Una società dovrebbe conservare i propri registri per tutto il tempo necessario per l’amministrazione di qualsiasi disposizione del Codice tributario interno. Di solito i registri che supportano elementi di reddito, detrazioni o crediti sulla dichiarazione devono essere conservati per 3 anni dalla data di scadenza o presentazione della dichiarazione, a seconda di quale data sia successiva. Conservare i registri che verificano la base patrimoniale della società per tutto il tempo necessario per determinare la base della proprietà originale o sostitutiva.

La società dovrebbe conservare copie di tutte le dichiarazioni presentate. Aiutano nella preparazione dei rendimenti futuri e rettificati e nel calcolo degli utili e dei profitti.

Redditi, trattenute e accantonamenti speciali

Le norme sul reddito e sulle detrazioni applicabili ai singoli individui si applicano, per la maggior parte, anche alle società. Tuttavia, le seguenti disposizioni speciali si applicano solo alle società.

Costi per entrare in affari

Quando entri in affari, considera tutti i costi ammissibili sostenuti per avviare la tua attività come spese in conto capitale. Tuttavia, una società può scegliere di detrarre un importo limitato di costi di avvio o organizzativi. Eventuali costi non dedotti potranno essere ammortizzati.

I costi di avvio sono costi per la creazione di un’attività commerciale o aziendale attiva o per indagare sulla creazione o acquisizione di un’attività commerciale o aziendale attiva. I costi organizzativi sono i costi diretti della creazione della società.

Per ulteriori informazioni sulla detrazione o sull’ammortamento dei costi di avviamento e di organizzazione, consultare le istruzioni per la dichiarazione dei redditi. Vedi anche Pub. 535, capitolo 7, Costi deducibili o capitalizzati , e capitolo 8, Ammortamenti .

Persone correlate

Una società che utilizza un metodo di contabilità per competenza non può detrarre le spese aziendali e gli interessi dovuti a una persona correlata che utilizza il metodo di contabilità in contanti fino a quando la società non effettua il pagamento e l’importo corrispondente è incluso nel reddito lordo della persona correlata. Determinare il rapporto alla fine dell’anno fiscale per il quale le spese o gli interessi sarebbero altrimenti deducibili. Se viene negata una detrazione, la norma continuerà ad applicarsi anche se il rapporto della società con la persona termina prima che le spese o gli interessi siano inclusi nel reddito lordo di quella persona. Queste norme negano inoltre la detrazione delle perdite derivanti dalla vendita o dallo scambio di beni tra persone correlate.

Persone correlate.

Ai fini di questa regola, le seguenti persone sono legate a una società.

  1. Un’altra società membro dello stesso gruppo controllato (come definito nella sezione 267(f) del Codice tributario interno).
  2. Un individuo che possiede, direttamente o indirettamente, più del 50% del valore delle azioni in circolazione della società.
  3. Un fiduciario fiduciario, se il trust o il concedente del trust possiede, direttamente o indirettamente, più del 50% del valore delle azioni in circolazione della società.
  4. Una società S, se le stesse persone possiedono più del 50% in valore delle azioni in circolazione di ciascuna società.
  5. Una partnership, se le stesse persone possiedono più del 50% in valore delle azioni in circolazione della società e più del 50% del capitale o degli interessi sugli utili della partnership.
  6. Qualsiasi proprietario-dipendente, se la società è una società di servizi personali (vedere Società di servizi personali , in precedenza), indipendentemente dalla quantità di azioni possedute dal proprietario-dipendente.

 

Proprietà delle azioni.

Per determinare se un individuo possiede direttamente o indirettamente una parte delle azioni in circolazione di una società, si applica quanto segue.

  1. Le azioni possedute, direttamente o indirettamente, da o per una società, partnership, proprietà o trust, sono trattate come possedute proporzionalmente da o per i suoi azionisti, partner o beneficiari.
  2. Un individuo è considerato proprietario delle azioni possedute, direttamente o indirettamente, da o per la sua famiglia. La famiglia comprende solo fratelli e sorelle (compresi fratellastri e sorellastre), un coniuge, antenati e discendenti diretti.
  3. Qualsiasi individuo che possieda (tranne che applicando il punto (2) di cui sopra) azioni di una società, è considerato proprietario anche delle azioni possedute direttamente o indirettamente dal partner di quell’individuo.
  4. Per applicare i precedenti punti (1), (2) o (3), le azioni possedute in modo costruttivo da una persona ai sensi del punto (1) sono trattate come effettivamente possedute da quella persona. Ma le azioni possedute costruttivamente da un individuo ai sensi di (2) o (3) non sono trattate come effettivamente possedute dall’individuo per l’applicazione di (2) o (3) per rendere un’altra persona il proprietario costruttivo di quelle azioni.

 

Ridistribuzione dei redditi e delle trattenute.

Laddove sia necessario dimostrare chiaramente il reddito o prevenire l’evasione fiscale, l’IRS può ridistribuire il reddito lordo, le detrazioni, i crediti o le indennità tra due o più organizzazioni, attività commerciali o imprese possedute o controllate direttamente o indirettamente dagli stessi interessi.

Liquidazioni complete.

L’esclusione delle perdite derivanti dalla vendita o dallo scambio di beni tra persone correlate non si applica alle distribuzioni di liquidazione.

Maggiori informazioni.

Per ulteriori informazioni sulle regole delle persone correlate, vedere Pub. 544.

Elementi di preferenza aziendale

Una società deve apportare modifiche speciali a determinati elementi prima di tenerne conto nella determinazione del proprio reddito imponibile. Questi elementi sono noti come “elementi di preferenza aziendale” e includono quanto segue.

  • Plusvalenza sulla disposizione della proprietà della sezione 1250. Per ulteriori informazioni, vedere la sezione 1250 Proprietà in Riacquisizione dell’ammortamento nel capitolo 3 della Pub. 544.
  • Esaurimento percentuale del minerale di ferro e del carbone (compresa la lignite). Per ulteriori informazioni, vedere Miniere e depositi geotermici in Proprietà minerarie nel capitolo 9 della Pub. 535.
  • Ammortamento degli impianti di controllo dell’inquinamento. Per ulteriori informazioni, vedere Strutture di controllo dell’inquinamento nel capitolo 8 della Pub. 535 e articolo 291(a)(4) del Codice tributario.
  • Costi di esplorazione e sviluppo minerario. Per ulteriori informazioni vedere Costi di esplorazione e Costi di sviluppo nel capitolo 7 della Pub. 535.

Per ulteriori informazioni sugli elementi preferenziali aziendali, vedere la sezione 291 del Codice tributario interno.

Detrazione dei dividendi ricevuti

Una società può detrarre una percentuale di determinati dividendi ricevuti durante il proprio anno fiscale. In questa sezione vengono illustrate le regole generali applicabili. La detrazione è calcolata nel modulo 1120, Allegato C o nel programma applicabile della dichiarazione dei redditi. Per ulteriori informazioni, consultare le Istruzioni per il modulo 1120 o le istruzioni per la dichiarazione dei redditi applicabile.

Dividendi da società straniere.

In generale, può essere detratto il 100% della quota di dividendi di origine estera (e delle voci trattate come dividendi) provenienti da società straniere possedute al 10%. Le azioni rispetto alle quali vengono ricevuti tali dividendi devono rispettare uno speciale periodo di detenzione di 365 giorni e non includono alcuni pagamenti di dividendi “ibridi”. Consulta il modulo 1120, allegato C (o l’allegato applicabile della dichiarazione dei redditi) per i dettagli relativi a questa detrazione. Consulta anche le istruzioni per il modulo 1120 o le istruzioni per la dichiarazione dei redditi applicabile.

Nota.

Questa detrazione non è soggetta al limite di detrazione per i dividendi relativi ai dividendi di società nazionali, discusso di seguito.

Dividendi da società nazionali.

Una società può detrarre, entro certi limiti, il 50% dei dividendi ricevuti se la società che riceve il dividendo possiede meno del 20% della società che distribuisce il dividendo. Se la società possiede il 20% o più delle azioni della società distributrice, può, entro determinati limiti, detrarre il 65% dei dividendi ricevuti.

Proprietà.

Per queste regole, la proprietà si basa sulla quantità di potere di voto e sul valore delle azioni della società pagante (diverse da alcune azioni privilegiate) possedute dalla società ricevente.

Società di investimento per piccole imprese.

Le società di investimento per piccole imprese possono detrarre il 100% dei dividendi ricevuti da società nazionali soggette a imposta.

Dividendi da società di investimento regolamentate.

I dividendi ricevuti dalle società di investimento regolamentate sono soggetti a determinati limiti. I dividendi sulle plusvalenze ricevuti da una società di investimento regolamentata non sono idonei per la detrazione. Per ulteriori informazioni consultare la sezione 854 del Codice tributario.

Nessuna detrazione è consentita per alcuni dividendi.

Le società non possono effettuare una detrazione per i dividendi ricevuti dalle seguenti entità.

  1. Un fondo di investimento immobiliare (REIT).
  2. Una società esente da imposta ai sensi della sezione 501 o 521 del Codice tributario interno per l’anno fiscale della distribuzione o per l’anno fiscale precedente.
  3. Una società le cui azioni sono state detenute per meno di 46 giorni durante il periodo di 91 giorni a partire da 45 giorni prima che le azioni diventassero ex dividendo rispetto al dividendo. “Ex dividendo” significa che il detentore non ha alcun diritto sul dividendo.
  4. Una società i cui dividendi sono stati ricevuti su qualsiasi azione privilegiata attribuibile a periodi totali superiori a 366 giorni se tale azione è stata detenuta per meno di 91 giorni durante il periodo di 181 giorni iniziato 90 giorni prima della data ex dividendo.
  5. Qualsiasi società, se la vostra società ha l’obbligo (a seguito di una vendita allo scoperto o altro) di effettuare pagamenti correlati rispetto a posizioni in proprietà sostanzialmente simili o correlate.

 

Dividendi sui depositi.

I dividendi su depositi o conti prelevabili presso associazioni edilizie e di prestito nazionali, casse di risparmio mutue, banche cooperative e organizzazioni simili sono interessi, non dividendi. Non hanno diritto a questa detrazione.

Limite alla detrazione dei dividendi.

La detrazione totale dei dividendi ricevuti o maturati è generalmente limitata (nel seguente ordine) a:

  1. 65% della differenza tra reddito imponibile e detrazione del 100% consentita per i dividendi ricevuti da società affiliate o da una società di investimento di piccole imprese, per i dividendi ricevuti o maturati da società possedute al 20%; Poi
  2. L’80% della differenza tra il reddito imponibile e la detrazione del 100% consentita per i dividendi ricevuti da società affiliate o da una società di investimento di piccole imprese, per i dividendi ricevuti o maturati da società possedute da meno del 20% (riducendo il reddito imponibile da parte del dividendi totali ricevuti da società possedute al 20%).

 

Calcolare il limite.

Nel calcolare il limite, determinare il reddito imponibile senza i seguenti elementi.

  1. La deduzione della perdita operativa netta.
  2. La detrazione per il reddito attribuibile alle attività di produzione nazionale di determinate cooperative agricole o orticole.
  3. La detrazione per i dividendi ricevuti.
  4. Qualsiasi aggiustamento dovuto alla parte non imponibile di un dividendo straordinario (vedi Dividendi Straordinari più avanti).
  5. Eventuali perdite di capitale riportate all’anno fiscale.

 

Effetto della perdita operativa netta.

Se una società ha una perdita operativa netta (NOL) per un anno fiscale, il limite del 65% (o 50%) del reddito imponibile non si applica. Per determinare se una società ha un NOL, calcolare la detrazione dei dividendi ricevuti senza il limite del 65% (o 50%) del reddito imponibile.

Esempio 1.

Una società perde $ 75.000 dalle operazioni. Riceve $ 100.000 in dividendi da una società posseduta al 20%. Il suo reddito imponibile è di $ 25.000 ($ 100.000 – $ 75.000) prima della detrazione dei dividendi ricevuti. Se richiede la detrazione totale dei dividendi ricevuti di $ 65.000 ($ 100.000 × 65%) e la combina con una perdita operativa di $ 75.000, avrà un NOL di ($ 40.000). Pertanto non si applica il limite del 65% del reddito imponibile. La società può detrarre l’intero importo di $ 65.000.

Esempio 2.

Supponiamo gli stessi fatti dell’Esempio 1 , tranne che la società perde solo $ 30.000 dalle operazioni. Il suo reddito imponibile è di $ 70.000 prima della detrazione dei dividendi ricevuti. Dopo aver richiesto la detrazione dei dividendi ricevuti di $ 65.000 ($ 100.000 × 65%), il suo reddito imponibile è di $ 5.000. Poiché la società non avrà un NOL dopo aver applicato una detrazione completa dei dividendi ricevuti, la detrazione consentita dei dividendi ricevuti è limitata al 65% del suo reddito imponibile, ovvero $ 45.500 ($ 70.000 × 65%).

Dividendi straordinari

Se una società riceve un dividendo straordinario sulle azioni detenute 2 anni o meno prima della data di annuncio del dividendo, deve generalmente ridurre la sua base azionaria della parte non tassata del dividendo. La parte non tassata è l’eventuale detrazione dei dividendi ricevuti ammissibile per i dividendi.

Dividendo straordinario.

Un dividendo straordinario è qualsiasi dividendo su azioni che equivale o supera una certa percentuale della base rettificata della società in azioni. Le percentuali sono:

  1. 5% per azioni privilegiate in termini di dividendi, o
  2. 10% per altri titoli.

Trattare tutti i dividendi ricevuti con data di stacco cedola entro un periodo di 85 giorni consecutivi come un unico dividendo. Trattare tutti i dividendi ricevuti con date di stacco cedola entro un periodo di 365 giorni consecutivi come dividendi straordinari se il totale dei dividendi supera il 20% della base rettificata della società nel titolo.

Azioni privilegiate squalificate.

Qualsiasi dividendo su azioni privilegiate squalificate viene trattato come un dividendo straordinario indipendentemente dal periodo di tempo in cui la società ha detenuto le azioni.

Le azioni privilegiate squalificate sono tutte le azioni privilegiate in termini di dividendi se si applica una delle seguenti condizioni.

  1. Il titolo al momento dell’emissione ha un tasso di dividendo che diminuisce (o si può ragionevolmente prevedere che diminuirà) in futuro.
  2. Il prezzo di emissione del titolo supera i suoi diritti di liquidazione o il prezzo di rimborso indicato.
  3. Il titolo è altrimenti strutturato per evitare le regole sui dividendi straordinari e per consentire agli azionisti societari di ridurre le tasse attraverso una combinazione di detrazioni sui dividendi ricevuti e perdite sulla cessione del titolo.

 

Maggiori informazioni.

Per maggiori informazioni sui dividendi straordinari si veda la sezione 1059 del Codice delle Entrate.

Prestiti al di sotto del mercato

Se una società riceve un prestito inferiore a quello di mercato e utilizza i proventi per la propria attività commerciale o aziendale, potrebbe essere in grado di detrarre gli interessi perduti.

Un prestito inferiore al mercato è un prestito su cui non vengono addebitati interessi o su cui vengono addebitati interessi a un tasso inferiore al tasso federale applicabile. Un prestito inferiore a quello di mercato viene generalmente trattato come un’operazione di libera concorrenza in cui si ritiene che il mutuatario abbia ricevuto entrambi i seguenti elementi.

  • Un prestito in cambio di una banconota che richiede il pagamento di interessi al tasso federale applicabile.
  • Un pagamento aggiuntivo per un importo pari agli interessi rinunciati.

Trattare il pagamento aggiuntivo come un regalo, un dividendo, un contributo al capitale, un pagamento di un compenso o un altro pagamento, a seconda della sostanza della transazione.

Interesse perduto.

Per qualsiasi periodo, l’interesse perduto è pari a:

  1. L’interesse che sarebbe pagabile per quel periodo se gli interessi maturassero sul prestito al tasso federale applicabile e fossero pagabili annualmente al 31 dicembre, meno
  2. Qualsiasi interesse effettivamente dovuto sul prestito per il periodo.

 

Cfr. Prestiti inferiori al mercato nel capitolo 4 della Pub. 535 per ulteriori informazioni.

Contributi di beneficenza

Una società può richiedere una detrazione limitata per i contributi di beneficenza versati in contanti o altri beni. Il contributo è deducibile se versato a, o per l’utilizzo di, un organismo qualificato. Per ulteriori informazioni sulle organizzazioni qualificate, vedere Pub. 526, Contributi di beneficenza. Consulta anche Ricerca di organizzazioni esenti da tasse su IRS.gov/Charities , lo strumento di ricerca online per trovare informazioni sulle organizzazioni idonee a ricevere contributi deducibili dalle tasse.

Nota.

Non è possibile effettuare una detrazione se uno qualsiasi degli utili netti di un’organizzazione che riceve contributi va a beneficio di un azionista privato o di un individuo.

Società di metodi in contanti.

Una società che utilizza il metodo contabile per contanti detrae i contributi nell’anno fiscale pagato.

Società con metodo di competenza.

Una società che utilizza un metodo di contabilità per competenza può scegliere di detrarre i contributi non pagati per l’anno fiscale autorizzato dal consiglio di amministrazione se li paga entro la data di scadenza per la presentazione della dichiarazione dei redditi della società (escluse le proroghe). Effettua la scelta riportando il contributo sulla dichiarazione della società per l’anno fiscale. Allegare una dichiarazione attestante che il consiglio di amministrazione ha adottato la delibera durante l’anno fiscale. La dichiarazione deve contenere la data di adozione della delibera.

Limitazioni alla detrazione.

Una società non può detrarre contributi di beneficenza che superano il 10% del proprio reddito imponibile per l’anno fiscale. Calcolare il reddito imponibile per questo scopo senza quanto segue.

  1. La detrazione per contributi di beneficenza.
  2. La detrazione dei dividendi ricevuti.
  3. La detrazione consentita ai sensi dell’articolo 249 del Codice tributario per il premio obbligazionario.
  4. Qualsiasi detrazione per il reddito attribuibile alle attività di produzione nazionale di determinate cooperative agricole o orticole.
  5. Eventuali perdite operative nette riportate all’anno fiscale.
  6. Eventuali perdite di capitale riportate all’anno fiscale.

 

Riporto dei contributi in eccesso.

Puoi riportare, entro certi limiti, a ciascuno dei 5 anni successivi eventuali contributi di beneficenza versati durante l’anno in corso che superano il limite del 10%. Perderai l’eventuale franchigia non utilizzata entro tale periodo. Non detrarre il riporto dei contributi in eccesso nell’anno di riporto fino a dopo aver detratto i contributi versati in quell’anno (soggetto al limite del 10%). Non è possibile detrarre un riporto di contributi in eccesso nella misura in cui aumenta il riporto di una perdita operativa netta.

Agricoltori, allevatori o corporazioni native.

Per le aziende che sono agricoltori, allevatori o aziende native, vedere la sezione 170(b)(2) dell’Internal Revenue Code per norme speciali che possono influire sul limite di detrazione.

Sospensione temporanea della prescrizione.

Per le sospensioni temporanee delle limitazioni del 10% sul reddito imponibile per i contributi qualificati versati nel 2020 e nel 2021, consultare le istruzioni per il modulo 1120 o le istruzioni per la dichiarazione dei redditi applicabile.

Contributi in denaro.

Una società deve tenere traccia di qualsiasi contributo in contanti, assegno o altro contributo monetario, indipendentemente dall’importo. Il documento può essere un estratto conto bancario, una ricevuta, una lettera o un’altra comunicazione scritta del donatario che indica il nome dell’organizzazione, la data del contributo e l’importo del contributo. Conservare la registrazione del contributo insieme agli altri documenti aziendali. Non allegare i documenti alla dichiarazione della società. Per ulteriori informazioni sui contributi in contanti, vedere Pub. 526.

Regali di $ 250 o più.

In generale, non è consentita alcuna detrazione per contributi pari o superiori a $ 250, a meno che la società non riceva un riconoscimento scritto dall’organizzazione donataria. La ricevuta dovrebbe mostrare l’importo del contributo in contanti, una descrizione della proprietà conferita (ma non il suo valore) e fornire una descrizione e una stima in buona fede del valore di eventuali beni o servizi forniti in cambio del contributo o dichiarare che nessun bene o servizio è stato fornito in cambio del contributo. Il riconoscimento deve essere ottenuto entro la data di scadenza (comprese le proroghe) della dichiarazione o, se precedente, la data di presentazione della dichiarazione. Conservare la conferma insieme ad altri documenti aziendali. Non allegare la ricevuta alla restituzione.

Conferimenti di beni diversi dal denaro.

Se una società (diversa da una società a capitale chiuso o da una società di servizi personali) richiede una detrazione superiore a $ 500 per contributi di proprietà diverse dai contanti, è necessario allegare al documento una tabella che descriva la proprietà e il metodo utilizzato per determinare il suo valore equo di mercato. ritorno della società. Inoltre, l’azienda dovrebbe tenere un registro di:

  • La data e le modalità approssimative di acquisizione della proprietà donata, e
  • Il costo o altra base della proprietà donata detenuta dal donatore per meno di 12 mesi prima del contributo.

 

Le società di servizi personali e strettamente controllate devono compilare e allegare il modulo 8283, Contributi di beneficenza non in contanti, alle loro dichiarazioni se richiedono una detrazione di oltre $ 500 per contributi non in contanti. Per tutte le altre società, se la detrazione richiesta per la proprietà donata supera i 5.000 dollari, completare il modulo 8283 e allegarlo alla dichiarazione della società.

Una società deve ottenere una valutazione qualificata per tutte le detrazioni di proprietà rivendicate superiori a $ 5.000. Non è richiesta una valutazione qualificata per la donazione di contanti, titoli quotati in borsa, inventario e qualsiasi veicolo qualificato venduto da un’organizzazione donataria senza alcun significativo utilizzo intermedio o miglioramento materiale. La valutazione deve essere conservata insieme ad altri documenti aziendali e allegata alla dichiarazione della società solo quando la detrazione richiesta supera i 500.000 dollari (20.000 dollari per le opere d’arte donate).

Per ulteriori informazioni consultare il modulo 8283.

Contributi conservativi qualificati.

Se una società fornisce un contributo qualificato alla conservazione, deve fornire informazioni riguardanti l’interesse legale donato, il valore equo di mercato della proprietà sottostante prima e dopo la donazione e una descrizione dello scopo di conservazione per il quale la proprietà verrà utilizzata. Per ulteriori informazioni, consultare la sezione 170(h) del Codice tributario interno.

Contributi veicoli usati.

A una società è consentita una detrazione per il contributo di veicoli a motore, barche e aeroplani usati. La detrazione è limitata e si applicano altre regole speciali. Per ulteriori informazioni, vedere Pub. 526.

Riduzione per i contributi di alcuni beni.

Per un contributo di beneficenza di proprietà, la società deve ridurre il contributo della somma di:

  • Il reddito ordinario e la plusvalenza a breve termine che si sarebbero ottenuti se la proprietà fosse stata venduta al suo giusto valore di mercato; E
  • Per alcuni contributi, la plusvalenza a lungo termine che si sarebbe ottenuta se l’immobile fosse stato venduto al suo giusto valore di mercato.

 

La riduzione per la plusvalenza a lungo termine si applica a:

  • Contributi di beni personali tangibili destinati all’utilizzo da parte di un’organizzazione esente per uno scopo o una funzione non correlata alla base della sua esenzione;
  • Contributi di qualsiasi proprietà a o per l’uso di determinate fondazioni private ad eccezione delle azioni per le quali le quotazioni di mercato sono prontamente disponibili; E
  • Contributi di brevetti, determinati diritti d’autore, marchi di fabbrica, nomi commerciali, segreti commerciali, know-how, software (ovvero un bene immateriale della sezione 197) o proprietà simili, o applicazioni o registrazioni di tali proprietà.

 

Detrazione maggiore.

Una società (diversa da una società S) può essere in grado di richiedere una detrazione pari al minore tra (a) la base dell’inventario o della proprietà donati più la metà dell’apprezzamento dell’inventario o della proprietà (guadagno se l’inventario o la proprietà donati sono stati venduti al valore equo di mercato alla data della donazione), o (b) due volte la base dell’inventario o della proprietà donati. Questa detrazione può essere consentita per alcuni contributi dei seguenti.

  • Alcuni inventari e altri beni donati a un’organizzazione donataria e utilizzati esclusivamente per la cura dei malati, dei bisognosi e dei neonati. Regole speciali si applicano ai contributi qualificati di “cibo apparentemente sano” (vedere sezione 170 (e) (3) (C) del Codice tributario).
  • Proprietà scientifica costruita dalla società (diversa da una società S, una holding personale o una società di servizi personali) e donata entro e non oltre 2 anni dal sostanziale completamento della costruzione. La proprietà deve essere donata a un’organizzazione qualificata e il suo utilizzo originale deve essere effettuato dal donatario per la ricerca, la sperimentazione o la formazione alla ricerca negli Stati Uniti nel campo delle scienze fisiche o biologiche.

 

Contributi ad organizzazioni che svolgono attività di lobbying.

I contributi versati a un’organizzazione che svolge attività di lobbying non sono deducibili se:

  • Le attività di lobbying si riferiscono a questioni di interesse finanziario diretto per l’attività commerciale o aziendale del donatore e
  • Lo scopo principale del contributo era quello di evitare l’imposta federale sul reddito ottenendo una detrazione per attività che sarebbero state non deducibili secondo le norme sulle spese di lobbying se condotte direttamente dal donatore.

 

Maggiori informazioni.

Per ulteriori informazioni sui contributi di beneficenza, compresi i requisiti di giustificazione e tenuta dei registri, vedere la sezione 170 del Codice tributario interno, i relativi regolamenti e Pub. 526.

Perdite di capitale

Una società può detrarre le minusvalenze solo fino all’importo delle sue plusvalenze. In altre parole, se una società ha una perdita di capitale in eccesso, non può detrarre la perdita nell’anno fiscale in corso. Invece, trasferisce la perdita ad altri anni fiscali e la detrae da eventuali plusvalenze nette che si verificano in quegli anni.

Una minusvalenza viene riportata agli altri anni nel seguente ordine.

  1. 3 anni prima dell’anno di perdita.
  2. 2 anni prima dell’anno di perdita.
  3. 1 anno prima dell’anno di perdita.
  4. Qualsiasi perdita residua viene riportata per 5 anni.

Quando riporti una perdita di capitale netta in un altro anno fiscale, trattala come una perdita a breve termine. Non mantiene la sua identità originale né a lungo né a breve termine.

Esempio.

Una società per anno solare registra una plusvalenza netta a breve termine di $ 3.000 e una perdita di capitale netta a lungo termine di $ 9.000. Il guadagno a breve termine compensa parte della perdita a lungo termine, lasciando una perdita di capitale netta di $ 6.000. La società tratta questi $ 6.000 come una perdita a breve termine se riportati indietro o avanti.

La società riporta indietro la perdita a breve termine di $ 6.000 di 3 anni. Nel primo anno, la società ha registrato una plusvalenza netta a breve termine di $ 8.000 e una plusvalenza netta a lungo termine di $ 5.000. Sottrae prima la perdita a breve termine di $ 6.000 dal guadagno netto a breve termine. Ciò si traduce in una plusvalenza netta per il primo anno di $ 7.000. Ciò consiste in una plusvalenza netta a breve termine di $ 2.000 ($ 8.000 – $ 6.000) e una plusvalenza netta a lungo termine di $ 5.000.

Stato di società S.

Una società non può subire una perdita di capitale da o fino all’anno in cui è una società S.

Regole per il riporto e il riporto.

Quando si trasporta una minusvalenza da 1 anno a un altro, si applicano le seguenti regole.

  • Quando si calcola la minusvalenza netta dell’anno in corso, non è possibile combinarla con una minusvalenza riportata da un altro anno. In altre parole, è possibile riportare le minusvalenze solo su anni che altrimenti avrebbero una plusvalenza netta totale.
  • Se riporti perdite di capitale da 2 o più anni allo stesso anno, deduci prima la perdita dal primo anno.
  • Non è possibile utilizzare una minusvalenza riportata da un altro anno per produrre o aumentare una perdita operativa netta nell’anno in cui la si riporta.

 

Rimborsi.

Quando riporti una perdita di capitale a un anno fiscale precedente, riconfigura la tua imposta per quell’anno. Se l’imposta corretta è inferiore all’imposta originariamente dovuta, utilizza una delle due Modulo 1139, Richiesta aziendale di rimborso provvisorio, o Modulo 1120X, Dichiarazione dei redditi delle società statunitensi modificata, per richiedere un rimborso.

Modulo 1139.

Una società può ottenere un rimborso più velocemente utilizzando il modulo 1139. Non può presentare il modulo 1139 prima di presentare la dichiarazione per l’anno della perdita di capitale della società, ma deve presentare il modulo 1139 entro e non oltre 1 anno dall’anno in cui ha subito la perdita di capitale.

Modulo 1120X.

Se la società non presenta il modulo 1139, deve presentare il modulo 1120X per richiedere un rimborso. La società deve presentare il modulo 1120X entro 3 anni dalla data di scadenza, comprese le proroghe, per la presentazione della dichiarazione relativa all’anno in cui sostiene la perdita di capitale.

Perdite operative nette

Una società generalmente calcola e deduce una perdita operativa netta (NOL) nello stesso modo in cui lo fa un individuo, un patrimonio o un trust. Per ulteriori informazioni su queste regole generali, inclusa la regola di sequenziamento per quando la società porta due o più NOL nello stesso anno, vedere Pub. 536, Perdite operative nette (NOL) per individui, proprietà e trust.

Il NOL di una società generalmente differisce dai NOL individuali, immobiliari e fiduciari nei seguenti modi.

  1. Una società può applicare diverse detrazioni quando calcola un NOL.
  2. Una società deve apportare diverse modifiche al proprio reddito imponibile nell’anno di riporto o di riporto per determinare quanto del NOL viene utilizzato e quanto viene riportato all’anno successivo.
  3. Una società utilizza moduli diversi quando richiede una detrazione NOL.
  4. Una società non è soggetta alla sezione 461, che limita l’importo delle perdite derivanti dalle attività commerciali o aziendali dei contribuenti non societari.

 

Per ulteriori informazioni, incluso come calcolare la detrazione NOL per l’anno fiscale corrente e qualsiasi riporto o riporto, consultare le Istruzioni per il modulo 1139 e le istruzioni per la dichiarazione dei redditi della società.

Limiti di rischio

Le regole a rischio limitano le perdite derivanti dalla maggior parte delle attività all’importo a rischio nell’attività. I limiti di rischio si applicano ad alcune società a capitale stretto (diverse dalle società S).

L’importo a rischio generalmente è pari a:

  • Il denaro e la base patrimoniale rettificata apportati dal contribuente all’attività, e
  • I soldi presi in prestito per l’attività.

 

Società molto controllata.

Secondo le norme a rischio, una società è una società a capitale stretto se, in qualsiasi momento durante l’ultima metà dell’anno fiscale, più del 50% in valore delle sue azioni in circolazione è posseduto direttamente o indirettamente da, o per, cinque o meno individui.

Per capire se più del 50% del valore delle azioni è posseduto da cinque o meno individui, applicare le seguenti regole.

  1. Le azioni possedute, direttamente o indirettamente, da o per una società, partnership, proprietà o trust sono considerate possedute proporzionalmente dai suoi azionisti, partner o beneficiari.
  2. Si ritiene che un individuo possieda le azioni possedute, direttamente o indirettamente, da o per la sua famiglia. La famiglia comprende solo fratelli e sorelle (compresi fratellastri e sorellastre), un coniuge, antenati e discendenti diretti.
  3. Se una persona detiene un’opzione per acquistare azioni, è considerata il proprietario di tali azioni.
  4. Quando si applica il punto (1) o (2) di cui sopra, le azioni considerate possedute da una persona ai sensi del punto (1) o (3) di cui sopra vengono trattate come effettivamente possedute da quella persona. Le azioni considerate possedute da un individuo ai sensi del punto (2) non vengono trattate come possedute dall’individuo per applicare nuovamente (2) per considerare un altro proprietario di quell’azione.
  5. Le azioni che possono essere considerate possedute da un individuo ai sensi dei precedenti punti (2) o (3) sono considerate possedute dall’individuo ai sensi del punto (3).

 

Maggiori informazioni.

Per ulteriori informazioni sui limiti di rischio, vedere Pub. 925, Attività passive e norme a rischio.

Limiti di attività passiva

Le regole sull’attività passiva generalmente limitano le perdite derivanti dalle attività passive al reddito da attività passiva. In genere, sei in un’attività passiva se hai un’attività commerciale o commerciale alla quale non partecipi materialmente durante l’anno fiscale, o hai un’attività di noleggio.

Le regole sull’attività passiva si applicano alle società di servizi personali e alle società a capitale stretto diverse dalle società S.

Le aziende soggette a limitazioni di attività passiva devono compilare il modulo 8810. Per ulteriori informazioni sui limiti di attività passiva, consultare le istruzioni per il modulo 8810 e Pub. 925.

Calcolo delle tasse

Dopo aver calcolato il reddito imponibile di una società, calcoli le sue tasse. Questa sezione discute le aliquote fiscali, i crediti e le imposte di recupero.

Aliquote fiscali

Le aziende, comprese le società di servizi personali qualificati, calcolano le loro tasse moltiplicando il reddito imponibile del 21% (0,21). Se la società è membro di un gruppo controllato, deve anche compilare l’Allegato O (Modulo 1120), Piano di consenso e Programma di ripartizione per un gruppo controllato, per segnalare la ripartizione di determinati benefici fiscali tra i membri del gruppo. Per ulteriori informazioni, consultare l’Allegato O (Modulo 1120) e le Istruzioni per l’Allegato O (Modulo 1120).

Imposta minima sull’erosione della base imponibile

Se una società ha entrate lorde di almeno 500 milioni di dollari in uno qualsiasi dei 3 anni fiscali precedenti l’anno fiscale corrente, può essere imposta un’imposta pari all’importo minimo dell’imposta sull’erosione della base imponibile per l’anno fiscale. Questa imposta viene dichiarata utilizzando il modulo 8991. Consulta le istruzioni per il modulo 8991 per ulteriori informazioni.

Crediti

La responsabilità fiscale di una società è ridotta dai crediti consentiti. Il seguente elenco include alcuni dei crediti a disposizione delle aziende.

  • Credito d’imposta estero (vedi modulo 1118).
  • Qualsiasi credito per attività passiva qualificata di veicoli elettrici degli anni precedenti consentito per l’anno in corso dal modulo 8834. Vedere il modulo 8810, Perdita di attività passiva aziendale e limitazioni di credito, per verificare se è consentito un credito per l’anno in corso per le società di servizi personali e le società a capitale stretto .
  • Credito aziendale generale.Consulta il modulo 3800 per un elenco dei crediti aziendali consentiti e altre regole speciali. I crediti aziendali generali vengono trattati come utilizzati in base al principio first-in, first-out, compensando per primi i crediti guadagnati per primi. Pertanto, l’ordine in cui i crediti vengono utilizzati in ciascun anno fiscale è il seguente.
    1. Riportati a quell’anno, prima i primi.
    2. Il credito aziendale generale guadagnato in quell’anno.
    3. Il riporto a quell’anno.

     

    Nota. Per ripristinare un credito non utilizzato, la società deve presentare una dichiarazione modificata (modulo 1120X o altra dichiarazione modificata) per l’anno precedente o una domanda di rimborso provvisorio (modulo 1139).

  • Credito per l’imposta minima dell’anno precedente, se applicabile (vedere modulo 8827).
  • Crediti obbligazionari (vedi modulo 8912).

 

A una società sono inoltre concessi alcuni crediti rimborsabili come il credito per l’imposta federale sui combustibili utilizzati per determinati scopi non imponibili (modulo 4136). Consulta le istruzioni per la dichiarazione dei redditi della società per un elenco di altri crediti rimborsabili che potrebbero essere consentiti per l’anno fiscale in corso.

Riprendere le tasse

La responsabilità fiscale di una società aumenta se recupera i crediti acquisiti negli anni precedenti. Il seguente elenco include alcuni crediti che una società potrebbe aver bisogno di riconquistare.

  • Credito di investimento (vedi Istruzioni per il Modulo 4255).
  • Credito immobiliare a basso reddito (vedi istruzioni per il modulo 8611).
  • Credito nuovi mercati (vedi Istruzioni Modulo 8874).
  • Credito per strutture e servizi di assistenza all’infanzia forniti dal datore di lavoro (vedere le istruzioni per il modulo 8882).
  • Credito lavorativo indiano (vedi istruzioni per il modulo 8845).

 

Consulta i crediti elencati nelle Istruzioni per il Modulo 3800 per ulteriori crediti che potrebbero essere soggetti a ricattura.

Imposta sugli utili accumulati

Una società può accumulare i propri utili per un’eventuale espansione o per altri motivi commerciali in buona fede. Tuttavia, se una società consente l’accumulo di utili oltre le ragionevoli esigenze dell’azienda, potrebbe essere soggetta a un’imposta sugli utili accumulati del 20%. Se si applica l’imposta sugli utili accumulati, gli interessi si applicano all’imposta a partire dalla data in cui la dichiarazione societaria era originariamente dovuta, senza proroghe.

Per determinare se la società è soggetta a questa imposta, considerare innanzitutto un accumulo di $ 250.000 o meno in generale come entro le ragionevoli esigenze della maggior parte delle aziende. Considerare un accumulo di $ 150.000 o inferiore come entro le ragionevoli esigenze di un’azienda la cui funzione principale è fornire servizi nei campi della contabilità, delle scienze attuariali, dell’architettura, della consulenza, dell’ingegneria, della sanità (compresi i servizi veterinari), del diritto e delle arti dello spettacolo.

Nel determinare se la società ha accumulato utili e profitti oltre le sue ragionevoli esigenze, valutare i titoli quotati e facilmente commerciabili di proprietà della società e acquistati con i suoi utili e profitti al valore di liquidazione netto, non al costo.

Le esigenze ragionevoli dell’azienda includono quanto segue.

  • Piani specifici, definiti e fattibili per l’utilizzo degli utili accumulati nell’azienda.
  • L’importo necessario per riscattare le azioni della società incluse nel patrimonio lordo di un azionista deceduto, se l’importo non supera il totale ragionevolmente previsto delle tasse di successione e di successione e delle spese funerarie e amministrative sostenute dal patrimonio dell’azionista.

 

L’assenza di una ragione commerciale in buona fede per gli utili accumulati di una società può essere indicata da molte circostanze diverse, come la mancanza di distribuzioni regolari ai suoi azionisti o prelievi da parte degli azionisti classificati come prestiti personali. Tuttavia, le iniziative effettive per espandere l’attività generalmente si qualificano come un utilizzo in buona fede delle accumulazioni.

Il fatto che una società abbia un irragionevole accumulo di utili è sufficiente per stabilire la responsabilità per l’imposta sugli utili accumulata a meno che la società non possa dimostrare che gli utili non sono stati accumulati per consentire ai suoi singoli azionisti di evitare l’imposta sul reddito.

Distribuzioni agli Azionisti

Questa sezione tratta le distribuzioni aziendali di denaro, azioni o altre proprietà a un azionista in relazione alla proprietà delle azioni da parte dell’azionista. Tuttavia, questa sezione non tratta le regole speciali che si applicano alle seguenti distribuzioni. Consulta le sezioni applicabili del Codice tributario interno.

  • Distribuzioni in caso di rimborso di azioni (sezione 302).
  • Distribuzioni in completa liquidazione della società (sezioni da 331 a 346).
  • Ripartizioni nelle organizzazioni aziendali (art. 351). Inoltre, vedere Proprietà scambiata con azioni , in precedenza.
  • Distribuzioni nelle riorganizzazioni aziendali (sezioni da 354 a 368).
  • Alcune distribuzioni al 20% degli azionisti societari (sezione 301(e)).

 

Distribuzioni di denaro o proprietà

La maggior parte delle distribuzioni sono in denaro, ma possono anche riguardare azioni o altre proprietà. A questo scopo, la “proprietà” generalmente non include le azioni della società o i diritti di acquisire tali azioni. Tuttavia, vedere Distribuzioni di azioni o diritti azionari più avanti.

Una società generalmente non riconosce un guadagno o una perdita sulle distribuzioni coperte dalle regole di questa sezione. Tuttavia, vedere Guadagno derivante dalla distribuzione delle proprietà più avanti.

Importo distribuito.

L’importo di una distribuzione è generalmente l’importo del denaro pagato all’azionista più il valore equo di mercato (FMV) di qualsiasi proprietà trasferita all’azionista. Tuttavia, tale importo è ridotto (ma non inferiore a zero) dalle seguenti passività.

  • Qualsiasi responsabilità della società che l’azionista si assume in relazione alla distribuzione.
  • Qualsiasi responsabilità a cui è soggetto l’immobile immediatamente prima e immediatamente dopo la distribuzione.

Il FMV di qualsiasi proprietà distribuita a un azionista diventa la base dell’azionista in quella proprietà.

Guadagno dalla distribuzione delle proprietà.

Una società riconoscerà un utile sulla distribuzione della proprietà a un azionista se il FMV della proprietà è superiore alla base rettificata. Questo è generalmente lo stesso trattamento che la società riceverebbe se la proprietà venisse venduta. Tuttavia, a questo scopo, il FMV della proprietà è maggiore dei seguenti importi.

  • Il vero FMV.
  • L’importo di eventuali passività assunte dall’azionista in relazione alla distribuzione della proprietà.

 

Se la proprietà fosse ammortizzabile o ammortizzabile, la società potrebbe dover trattare tutto o parte del guadagno come reddito ordinario derivante dal ripristino dell’ammortamento. Per ulteriori informazioni sul recupero dell’ammortamento e sulla vendita di immobili aziendali, vedere Pub. 544.

Distribuzioni di azioni o diritti azionari

Le distribuzioni delle proprie azioni da parte di una società sono comunemente note come “dividendi azionari”. I diritti su azioni (noti anche come “stock option”) sono distribuzioni da parte di una società di diritti per acquisire le sue azioni. Le distribuzioni di dividendi e diritti azionari sono generalmente esentasse per gli azionisti. Tuttavia, se una qualsiasi delle seguenti condizioni si applica alla loro distribuzione, le azioni e i diritti azionari vengono trattati come proprietà, come discusso in precedenza in Distribuzioni di denaro o proprietà .

  1. Qualsiasi azionista ha la possibilità di ricevere contanti o altri beni invece di azioni o diritti azionari.
  2. La distribuzione dà denaro o altra proprietà ad alcuni azionisti e un aumento della percentuale di interesse nelle attività della società o negli utili e nei profitti ad altri azionisti.
  3. La distribuzione è in azioni privilegiate convertibili e ha lo stesso risultato di (2).
  4. La distribuzione dà azioni privilegiate ad alcuni azionisti di azioni ordinarie e dà azioni ordinarie ad altri azionisti di azioni ordinarie.
  5. La distribuzione avviene su azioni privilegiate. (Un aumento del rapporto di conversione delle azioni privilegiate convertibili effettuato esclusivamente per tenere conto di un dividendo azionario, di un frazionamento azionario o di un evento simile che altrimenti comporterebbe una riduzione del diritto di conversione non costituisce una distribuzione su azioni privilegiate.)

Il termine “azione” include i diritti di acquisire azioni e il termine “azionista” include un detentore di diritti o titoli convertibili.

Distribuzioni azionarie costruttive.

È necessario trattare determinate transazioni che aumentano l’interesse proporzionale di un azionista negli utili, nei profitti o nelle attività di una società come se fossero distribuzioni di azioni o diritti azionari. Queste distribuzioni costruttive sono trattate come proprietà se hanno lo stesso risultato di una distribuzione descritta in (2), (3), (4) o (5) sopra. Le distribuzioni costruttive sono descritte più avanti.

Questo trattamento si applica a una modifica del rapporto di conversione o del prezzo di riscatto delle vostre azioni, a una differenza tra il prezzo di riscatto delle vostre azioni e il prezzo di emissione, a un riscatto che non sia trattato come una vendita o uno scambio delle vostre azioni e a qualsiasi altra transazione avente un effetto simile su interesse di un azionista nella società.

Spese per l’emissione di un dividendo azionario.

Non è possibile detrarre le spese legate all’emissione di un dividendo azionario. Queste spese includono la stampa, la spedizione, il costo dei fogli di consulenza, le commissioni pagate agli agenti di trasferimento e le commissioni per la quotazione in borsa. La società deve capitalizzare questi costi.

Distribuzioni costruttive

Le sezioni seguenti trattano le transazioni che possono essere trattate come distribuzioni.

Prestiti al di sotto del mercato.

Se una società concede a un azionista un prestito sul quale non vengono addebitati interessi o sul quale vengono addebitati interessi a un tasso inferiore al tasso federale applicabile, gli interessi non addebitati possono essere trattati come una distribuzione all’azionista. Per ulteriori informazioni, vedere Prestiti al di sotto del mercato , in precedenza.

La società cancella il debito degli azionisti.

Se una società cancella il debito di un azionista senza rimborso da parte dell’azionista, l’importo cancellato viene trattato come una distribuzione all’azionista.

Trasferimenti di proprietà ai soci per meno di FMV.

Una vendita o uno scambio di proprietà da parte di una società a un azionista può essere trattata come una distribuzione all’azionista. Per un azionista che non è una società, se il FMV della proprietà alla data della vendita o dello scambio supera il prezzo pagato dall’azionista, l’eccedenza viene trattata come una distribuzione all’azionista.

Affitti irragionevoli.

Se una società prende in affitto una proprietà da un azionista e l’affitto è irragionevolmente superiore a quanto l’azionista addebiterebbe a un estraneo per l’uso della stessa proprietà, la parte eccedente dell’affitto può essere trattata come una distribuzione all’azionista. Per maggiori informazioni vedere Canone irragionevole nel capitolo 3 della Pub. 535.

Stipendi irragionevoli.

Se una società paga ad un dipendente che è anche azionista uno stipendio irragionevolmente alto considerando i servizi effettivamente prestati dall’azionista-dipendente, la parte eccedente dello stipendio può essere trattata come una distribuzione all’azionista-dipendente.

Segnalazione di dividendi e altre distribuzioni

Una distribuzione aziendale a un azionista è generalmente trattata come una distribuzione di utili e profitti. Qualsiasi parte di una distribuzione derivante da utili e profitti correnti o accumulati viene segnalata all’azionista come dividendo. Qualsiasi parte di una distribuzione che non provenga da utili e profitti viene applicata contro e riduce la base rettificata delle azioni nelle mani dell’azionista. Nella misura in cui il saldo è superiore alla base rettificata del titolo, l’azionista ottiene un guadagno (di solito una plusvalenza) dalla vendita o dallo scambio di proprietà.

Per informazioni sulla rendicontazione degli azionisti sulle distribuzioni societarie, vedere Pub. 550, Proventi e oneri da investimenti.

Modulo 1099-DIV.

Presentare il modulo 1099-DIV, Dividendi e distribuzioni, presso l’IRS per ciascun azionista a cui la società ha pagato dividendi e altre distribuzioni su azioni pari o superiori a $ 10 durante un anno solare. Una società deve generalmente inviare i moduli 1099-DIV all’IRS insieme al modulo 1096, Riepilogo annuale e trasmissione delle dichiarazioni informative degli Stati Uniti,entro il 28 febbraio (31 marzo in caso di deposito elettronico) dell’anno successivo a quello della distribuzione. Per ulteriori informazioni, consultare le Istruzioni generali per determinate informazioni restituite (moduli 1096, 1097, 1098, 1099, 3921, 3922, 5498 e W-2G).

Generalmente, la società deve fornire i moduli 1099-DIV agli azionisti entro il 31 gennaio dell’anno successivo alla chiusura dell’anno solare durante il quale ha effettuato le distribuzioni. Tuttavia, la società può fornire il modulo 1099-DIV agli azionisti dopo il 30 novembre dell’anno delle distribuzioni se ha effettuato le distribuzioni finali per l’anno. La società può fornire il modulo 1099-DIV agli azionisti in qualsiasi momento dopo il 30 aprile dell’anno delle distribuzioni se fornisce il modulo 1099-DIV con le distribuzioni finali per l’anno solare.

Se una data di scadenza regolare cade di sabato, domenica o in un giorno festivo legale, presentare la presentazione entro il giorno lavorativo successivo. Un giorno lavorativo è qualsiasi giorno che non sia sabato, domenica o giorno festivo legale.

Ritenuta di riserva.

I dividendi possono essere soggetti a ritenuta d’acconto. Per ulteriori informazioni sulla ritenuta d’acconto, consultare le Istruzioni generali per determinate dichiarazioni di informazioni.

Modulo 5452.

File Form 5452, Rapporto aziendale sulle distribuzioni senza dividendi, se sono state effettuate distribuzioni senza dividendi agli azionisti.

Una società con anno fiscale solare deve presentare il modulo 5452 con la dichiarazione dei redditi per l’anno fiscale in cui sono state effettuate le distribuzioni senza dividendi. Una società con anno fiscale fiscale deve presentare il modulo 5452 con la dichiarazione dei redditi dovuta per il primo anno fiscale che termina dopo l’anno solare in cui sono state effettuate le distribuzioni senza dividendi.

Guadagni e profitti dell’anno in corso.

Se gli utili e i profitti annuali di una società (calcolati alla chiusura dell’anno senza riduzione per eventuali distribuzioni effettuate durante l’anno) sono superiori all’importo totale delle distribuzioni effettuate durante l’anno, tutte le distribuzioni effettuate durante l’anno vengono trattate come distribuzioni degli utili e dei profitti dell’anno in corso. Se l’importo totale delle distribuzioni è superiore agli utili e ai profitti dell’anno, vedere Guadagni e profitti accumulati più avanti.

Esempio.

Sei l’unico azionista di una società che utilizza l’anno solare come anno fiscale. A gennaio, utilizzi il foglio di lavoro nelle istruzioni del modulo 5452 per calcolare i guadagni e i profitti dell’anno in corso della tua azienda per l’anno precedente. Durante l’anno, la società vi ha effettuato quattro distribuzioni da 1.000 dollari. Alla fine dell’anno (prima di sottrarre le distribuzioni effettuate durante l’anno), la società aveva $ 10.000 di utili e profitti dell’anno in corso.

Poiché gli utili e i profitti dell’anno corrente della società ($ 10.000) erano superiori all’importo delle distribuzioni effettuate durante l’anno ($ 4.000), tutte le distribuzioni vengono trattate come distribuzioni degli utili e dei profitti dell’anno corrente.

La società deve emettere un modulo 1099-DIV per segnalare i $ 4.000 distribuiti durante l’anno precedente come dividendi. La società deve utilizzare il modulo 1096 per segnalare queste informazioni all’IRS. La società non deduce questi dividendi dalla dichiarazione dei redditi.

Guadagni e profitti accumulati.

Se gli utili e i profitti di una società dell’anno corrente (calcolati alla chiusura dell’anno senza riduzione per eventuali distribuzioni effettuate durante l’anno) sono inferiori alle distribuzioni totali effettuate durante l’anno, parte o tutta ciascuna distribuzione viene trattata come una distribuzione di guadagni e profitti accumulati. Gli utili e i profitti accumulati sono gli utili e i profitti accumulati dalla società prima dell’anno in corso.

Se l’importo totale delle distribuzioni è inferiore agli utili e ai profitti dell’anno corrente, vedere Guadagni e profitti dell’anno corrente , sopra.

Utilizzato con utili e profitti dell’anno in corso.

Se la società ha utili e profitti dell’anno corrente, calcolare l’utilizzo degli utili e dei profitti accumulati e correnti come segue.

  1. Dividere gli utili e i profitti dell’anno corrente per il totale delle distribuzioni effettuate durante l’anno.
  2. Moltiplicare ciascuna distribuzione per la percentuale indicata in (1) per ottenere l’importo trattato come una distribuzione degli utili e dei profitti dell’anno corrente.
  3. Iniziare con la prima distribuzione e trattare la parte di ciascuna distribuzione maggiore degli utili e dei profitti assegnati per l’anno corrente indicati in (2) come una distribuzione di utili e profitti accumulati.
  4. Se gli utili e gli utili accumulati vengono ridotti a zero, la parte rimanente di ciascuna distribuzione viene imputata e riduce la base rettificata delle azioni detenute dagli azionisti. Nella misura in cui il saldo è superiore alla base rettificata delle azioni, viene trattato come un utile derivante dalla vendita o dallo scambio di proprietà.

 

Esempio.

Sei l’unico azionista di una società che utilizza l’anno solare come anno fiscale. A gennaio, utilizzi il foglio di lavoro nelle istruzioni del modulo 5452 per calcolare i guadagni e i profitti dell’anno in corso della tua azienda per l’anno precedente. All’inizio dell’anno, il saldo degli utili e dei profitti accumulati della società era di $ 20.000. Durante l’anno, la società ha effettuato quattro distribuzioni da $ 4.000 ($ 4.000 x 4 = $ 16.000). Alla fine dell’anno (prima di sottrarre le distribuzioni effettuate durante l’anno), la società aveva $ 10.000 di utili e profitti dell’anno in corso.

Poiché gli utili e i profitti della società per l’anno corrente ($ 10.000) sono stati inferiori alle distribuzioni effettuate durante l’anno ($ 16.000), parte di ciascuna distribuzione viene trattata come una distribuzione di utili e profitti accumulati. Tratta le distribuzioni come segue.

  1. Dividere gli utili e i profitti dell’anno corrente ($ 10.000) per l’importo totale delle distribuzioni effettuate durante l’anno ($ 16.000). Il risultato è 0,625.
  2. Moltiplicare ciascuna distribuzione di $ 4.000 per 0,625 indicato in (1) per ottenere l’importo ($ 2.500) di ciascuna distribuzione trattato come una distribuzione degli utili e dei profitti dell’anno corrente.
  3. I restanti $ 1.500 di ciascuna distribuzione vengono trattati come una distribuzione dagli utili e dai profitti accumulati. La società ha distribuito $ 6.000 ($ 1.500 × 4) di guadagni e profitti accumulati.

I restanti $ 14.000 ($ 20.000 − $ 6.000) di guadagni e profitti accumulati possono essere utilizzati nell’anno successivo.

La società deve emettere un modulo 1099-DIV per segnalare i $ 16.000 distribuiti durante l’anno precedente come dividendi. La società deve utilizzare il modulo 1096 per segnalare queste informazioni all’IRS. La società non deduce questi dividendi dalla dichiarazione dei redditi.

Utilizzato senza utili e profitti dell’anno in corso.

Se la società non ha utili e profitti per l’anno in corso, calcolare l’utilizzo degli utili e dei profitti accumulati come segue.

  1. Se il saldo degli utili e dei profitti dell’anno corrente è negativo, ripartire proporzionalmente il saldo negativo alla data di ciascuna distribuzione effettuata durante l’anno.
  2. Calcolare il saldo degli utili e dei profitti accumulati disponibili alla data di ciascuna distribuzione sottraendo l’importo proporzionale degli utili e dei profitti dell’anno corrente dal saldo accumulato.
  3. Trattare ciascuna distribuzione come una distribuzione di questi utili e profitti accumulati rettificati.
  4. Se gli utili e i profitti accumulati rettificati vengono ridotti a zero, le restanti distribuzioni vengono applicate contro e riducono la base rettificata delle azioni nelle mani degli azionisti. Nella misura in cui il saldo è superiore alla base rettificata delle azioni, viene trattato come un utile derivante dalla vendita o dallo scambio di proprietà.

 

Esempio.

Sei l’unico azionista di una società che utilizza l’anno solare come anno fiscale. A gennaio, utilizzi il foglio di lavoro nelle istruzioni del modulo 5452 per calcolare i guadagni e i profitti dell’anno in corso della tua azienda per l’anno precedente. All’inizio dell’anno, il saldo degli utili e dei profitti accumulati della società era di $ 20.000. Durante l’anno, la società ha effettuato quattro distribuzioni di $ 4.000 il 31 marzo, 30 giugno, 30 settembre e 31 dicembre. Alla fine dell’anno (prima di sottrarre le distribuzioni effettuate durante l’anno), la società aveva un valore negativo di $ 10.000 per l’anno in corso. equilibrio tra utili e profitti.

Poiché la società non ha registrato utili e profitti per l’anno in corso, tutte le distribuzioni vengono trattate come distribuzioni di utili e profitti accumulati. Tratta le distribuzioni come segue.

  1. Proporzionare il saldo negativo degli utili e degli utili dell’anno corrente alla data di ciascuna distribuzione effettuata durante l’anno. I $ 10.000 negativi possono essere distribuiti equamente distribuendo proporzionalmente $ 2.500 negativi a ciascuna distribuzione.
  2. La seguente tabella mostra come calcolare il saldo degli utili e dei profitti accumulati disponibili alla data di ciascuna distribuzione.
31 marzo Distribuzione
Guadagni e profitti accumulati $ 20.000
Guadagni e profitti proporzionali dell’anno in corso ($ 2.500)
Guadagni e profitti accumulati disponibili $ 17.500
Importo della distribuzione trattato come dividendo ($ 4.000)
30 giugno Distribuzione
Guadagni e profitti accumulati $ 13.500
Guadagni e profitti proporzionali dell’anno in corso ($ 2.500)
Guadagni e profitti accumulati disponibili $ 11.000
Importo della distribuzione trattato come dividendo ($ 4.000)
30 settembre Distribuzione
Guadagni e profitti accumulati $ 7.000
Guadagni e profitti proporzionali dell’anno in corso ($ 2.500)
Guadagni e profitti accumulati disponibili $ 4.500
Importo della distribuzione trattato come dividendo ($ 4.000)
31 dicembre Distribuzione
Guadagni e profitti accumulati $ 500
Guadagni e profitti proporzionali dell’anno in corso ($ 2.500)
Guadagni e profitti accumulati disponibili ($ 2.000)
Importo della distribuzione trattato come dividendo $ 0
Importo del dividendo (riduzione della base azionaria o utile derivante dalla vendita/scambio di proprietà) $ 4.000
Guadagni e profitti accumulati di fine anno ($ 2.000)

 

La società deve emettere un modulo 1099-DIV per dichiarare $ 12.000 dei $ 16.000 distribuiti durante l’anno precedente come dividendi. La società deve utilizzare il modulo 1096 per segnalare queste informazioni all’IRS. La società non deduce questi dividendi dalla dichiarazione dei redditi. Tuttavia, la società deve allegare il modulo 5452 a questa dichiarazione per riportare la distribuzione senza dividendi.

Codice degli Stati Uniti, Titolo 26, Sottotitolo A, Capitolo 1, Sottocapitolo K – Partner e partnership

26 USC
Codice degli Stati Uniti, edizione 2021
Titolo 26 – INTERNAL REVENUE CODE
Sottotitolo A – Imposte sul reddito
CAPITOLO 1 – IMPOSTE NORMALI E SOVRASSITTIVE
Sottocapitolo K – Partner e partnership
Dal Government Publishing Office degli Stati Uniti, www.gpo.gov

Sottocapitolo K: Partner e partenariati

Parte
IO.
Determinazione dell’imposta dovuta.
II.
Contributi, distribuzioni e trasferimenti.
III.
Definizioni.
[IV.
Abrogato.]

 

Note editoriali

Modifiche

2015 —Pub. L. 114–74, titolo XI, §1101(b)(1), 2 novembre 2015, 129 Stat. 625, ha cancellato il punto della parte IV “Norme particolari per l’elezione delle grandi società di persone”.

1997 — Pub. L. 105–34, titolo XII, §1221(b), 5 agosto 1997, 111 Stat. 1008, aggiunto voce per la parte IV.

PARTE I — DETERMINAZIONE DELLA RESPONSABILITÀ FISCALE

Sez.
701.
I soci, non la società di persone, sono soggetti a imposta.
702.
Redditi e crediti del partner.
703.
Calcoli di partenariato.
704.
Quota distributiva del partner.
705.
Determinazione della base dell’interesse del partner.
706.
Anni imponibili di socio e società di persone.
707.
Transazioni tra partner e società di persone.
708.
Continuazione del partenariato.
709.
Trattamento delle commissioni di organizzazione e sindacazione.

 

Note editoriali

Modifiche

1976 — Pub. L. 94–455, titolo II, §213(b)(2), titolo XIX, §1901(b)(23), 4 ottobre 1976, 90 Stat. 1547, 1798, cancella la parte IV “Data di entrata in vigore del sottocapitolo” nella tabella delle parti del sottocapitolo K del capitolo 1 e aggiunge la voce 709.

§701. I soci, non la società di persone, sono soggetti a imposta

Una società di persone in quanto tale non è soggetta all’imposta sul reddito imposta da questo capitolo. Le persone che esercitano un’attività in qualità di soci sono assoggettate all’imposta sul reddito solo a titolo individuale o separato.

(16 agosto 1954, cap. 736, 68A Stat. 239.)

§702. Redditi e crediti del partner

(a) Regola generale

Nel determinare la propria imposta sul reddito, ciascun socio terrà conto separatamente della sua quota di distribuzione delle quote della società:

(1) utili e perdite derivanti da vendite o scambi di beni patrimoniali detenuti per non più di 1 anno,

(2) utili e perdite derivanti da vendite o scambi di beni patrimoniali detenuti per più di 1 anno,

(3) utili e perdite derivanti da vendite o scambi di proprietà descritti nella sezione 1231 (relativi a determinati beni utilizzati in un’attività commerciale o aziendale e conversioni involontarie),

(4) contributi di beneficenza (come definiti nella sezione 170(c)),

(5) dividendi rispetto ai quali si applica la sezione 1(h)(11) o la parte VIII del sottocapitolo B,

(6) tasse, descritte nella sezione 901, pagate o maturate verso paesi stranieri e possedimenti degli Stati Uniti,

(7) altri elementi di reddito, guadagno, perdita, detrazione o credito, nella misura prevista dai regolamenti prescritti dal Segretario, e

(8) reddito o perdita imponibili, esclusi gli elementi che richiedono un calcolo separato ai sensi di altri paragrafi di questa sottosezione.

(b) Natura degli elementi che costituiscono la quota distributiva

Il carattere di qualsiasi elemento di reddito, guadagno, perdita, detrazione o credito incluso nella quota distributiva di un partner ai sensi dei paragrafi da (1) a (7) della sottosezione (a) sarà determinato come se tale elemento fosse realizzato direttamente dalla fonte realizzato dalla partnership o sostenuto nello stesso modo in cui è stato sostenuto dalla partnership.

(c) Reddito lordo di un partner

In ogni caso in cui sia necessario determinare il reddito lordo di un socio ai fini del presente titolo, tale importo comprende la sua quota distributiva del reddito lordo della società.

(d) Rimando incrociato

Per le norme relative alle procedure di determinazione del trattamento fiscale delle voci delle società di persone si veda il sottocapitolo C del capitolo 63 (sezione 6221 e seguenti).

(16 agosto 1954, cap. 736, 68A Stat. 239; Pub. L. 88–272, titolo II, §201(d)(7), 26 febbraio 1964, 78 Stat. 32; Pub. L 94–455, titolo XIV, §1402(b)(1)(L), (2), titolo XIX, §§1901(b)(1)(I)(i), (ii), 1906(b )(13)(A), 4 ottobre 1976, 90 Stat. 1732, 1791, 1834; Pub. L. 96–223, titolo IV, §404(b)(5), 2 aprile 1980, 94 Stat. 307; Pub. L. 97–34, titolo III, §301(b)(5), (6)(C), 13 agosto 1981, 95 Stat. 270; Pub. L. 97–248, titolo IV, §402(c)(1), 3 settembre 1982, 96 Stat. 667; Pub. L. 97–448, titolo I, §103(a)(4), 12 gennaio 1983, 96 Stat. 2375; Pub. L. 98–369, div. A, titolo X, §1001(b)(9), (e), 18 luglio 1984, 98 Stat. 1011, 1012; Pub. L. 99– 514, titolo VI, §612(b)(5), 22 ottobre 1986, 100 Stat. 2250; Pub. L. 108–27, titolo III, §302(e)(8), 28 maggio 2003, 117 Stat. 764.)

 

Note editoriali

Modifiche

2003 —Sottosez. (a)(5). Pub. L. 108–27 ha modificato il par. (5) in generale. Prima della modifica, par. (5) leggi quanto segue: “dividendi rispetto ai quali si effettua una detrazione ai sensi della parte VIII del sottocapitolo B,”.

1986 —Sottosez. (a)(5). Pub. L. 99–514 ha modificato il par. (5) in generale. Prima della modifica, par. (5) leggi quanto segue: “dividendi o interessi rispetto ai quali è prevista un’esclusione ai sensi degli articoli 116 o 128, ovvero una detrazione ai sensi della parte VIII del capo B,”.

1984 —Sottosez. (a)(1), (2). Pub. L. 98–369 ha sostituito “6 mesi” con “1 anno”, applicabile alle proprietà acquisite dopo il 22 giugno 1984 e prima del 1 gennaio 1988. Vedere la nota di modifica della data di entrata in vigore del 1984 di seguito.

1983 —Sottosez. (a)(5). Pub. L. 97–448 ha sostituito “un’esclusione ai sensi della sezione 116 o 128” con “fornita un’esclusione ai sensi della sezione 116 o 128”.

1982 —Sottosez. (D). Pub. L. 97–248 ha aggiunto il sottosezione. (D).

1981 —Sottosez. (a)(5). Pub. L. 97–34, §301(b)(6)(C), ha inserito il riferimento all'”interesse” nell’intestazione e nel testo che ha continuato la modifica apportata dal Pub. L.96–223.

Pub. L. 97–34, §301(b)(5), inserito “o 128” dopo “sezione 116”.

1980 —Sottosez. (a)(5). Pub. L. 96–223 ha inserito “o interessi” dopo “dividendi”.

1976 —Sottosez. (a)(1), (2). Pub. L. 94–455, §1402(b)(2), a condizione che “9 mesi” venga cambiato in “1 anno”.

Pub. L. 94–455, §1402(b)(1)(L), a condizione che “6 mesi” venissero modificati in “9 mesi” per gli anni fiscali a partire dal 1977.

Sottosez. (a) da (7) a (9). Pub. L. 94–455, §§1901(b)(1)(I)(i), 1906(b)(13)(A), parr. (8) e (9) come (7) e (8), rispettivamente, e nel par. (7), così rinominato, cancellato “o il suo delegato” dopo “Segretario”. L’ex par. (7), che riguardava interessi parzialmente esenti da imposte su obbligazioni degli Stati Uniti o suoi strumenti, è stato cancellato.

Sottosez. (B). Pub. L. 94–455, §1901(b)(1)(I)(ii), ha sostituito i “paragrafi da (1) a (7)” con i “paragrafi da (1) a (8)”.

1964 —Sottosez. (a)(5). Pub. L. 88–272 cancella “un credito ai sensi della sezione 34” prima di “un’esclusione”.

 

Note statutarie e società controllate correlate

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 2003

Emendamento del Pub. L. 108–27 applicabile, salvo diversa disposizione, agli anni imponibili che iniziano dopo il 31 dicembre 2002, vedere la sezione 302 (f) della Pub. L. 108–27, indicata come data di entrata in vigore e di cessazione della nota di modifica del 2003 nella sezione 1 del presente titolo.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1986

Emendamento del Pub. L. 99–514 applicabile agli anni imponibili che iniziano dopo il 31 dicembre 1986, vedere la sezione 612 (c) della Pub. L. 99–514, riportato come nota nella sezione 301 del presente titolo.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1984

Emendamento del Pub. L. 98–369 applicabile alle proprietà acquisite dopo il 22 giugno 1984 e prima del 1 gennaio 1988, vedere la sezione 1001 (e) del Pub. L. 98–369, riportato come nota nella sezione 166 di questo titolo.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1983

Emendamento del Pub. L. 97–448 in vigore, salvo diversa disposizione, come se fosse stato incluso nella disposizione dell’Economic Recovery Tax Act del 1981, Pub. L. 97–34, a cui si riferisce tale modifica, vedere la sezione 109 della Pub. L. 97–448, riportato come nota nella sezione 1 del presente titolo.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1982

Pub. L. 97–248, titolo IV, §407(a), 3 settembre 1982, 96 Stat. 670, come modificato dal Pub. L. 99–514, §2, 22 ottobre 1986, 100 Stat. 2095, a condizione che:

“(1) Fatto salvo quanto previsto al paragrafo (2), le modifiche apportate dalle sezioni 402, 403 e 404 [che attuano le sezioni da 6221 a 6234 di questo titolo e la sezione 1508 del Titolo 28, Magistratura e procedura giudiziaria, modificando questa sezione e le sezioni 6031, 6213, 6216, 6422, 6501, 6504, 6511, 6512, 6515, 7422, 7451, 7456, 7459, 7482 e 7485 del presente titolo e articolo 1346 del Titolo 28, e disposizioni attuative di cui alla nota al paragrafo 6031 del presente titolo] si applicano agli anni imponibili delle società di persone che iniziano dopo la data di emanazione della presente legge [3 settembre 1982].

“(2) La [ex] sezione 6232 del Codice tributario interno del 1986 [ex IRC 1954] si applica ai periodi successivi al 31 dicembre 1982.

“(3) Le modifiche apportate dalle sezioni 402, 403 e 404 si applicheranno a qualsiasi anno fiscale di società di persone (o nel caso della [precedente] sezione 6232 di tale Codice, a qualsiasi periodo) che termina dopo la data di entrata in vigore del presente Legge [3 settembre 1982] se la società, ciascun socio e ciascun socio indiretto richiedono tale richiesta e il Segretario del Tesoro o il suo delegato acconsente a tale richiesta.”

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1981

Modifica mediante la sezione 301(b)(5) della Pub. L. 97–34 applicabile agli anni fiscali che terminano dopo il 30 settembre 1981 e modifica mediante la sezione 301(b)(6)(C) della Pub. L. 97–34 applicabile agli anni imponibili che iniziano dopo il 31 dicembre 1981, vedere la sezione 301 (d) della Pub. L. 97–34, riportato come nota nella sezione 265 del presente titolo.

Date di entrata in vigore e di scadenza dell’Emendamento del 1980

Emendamento del Pub. L. 96–223 applicabile con riferimento agli anni imponibili che iniziano dopo il 31 dicembre 1980 e prima del 1 gennaio 1982, vedere la sezione 404 (c) della Pub. L. 96–223, riportato come nota nella sezione 265 del presente titolo.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1976

Pub. L. 94–455, titolo XIV, §1402(b)(1), 4 ottobre 1976, 90 Stat. 1731, a condizione che la modifica apportata da tale articolo abbia effetto con riferimento agli anni d’imposta che iniziano dal 1977.

Pub. L. 94–455, titolo XIV, §1402(b)(2), 4 ottobre 1976, 90 Stat. 1732, a condizione che la modifica apportata da tale articolo abbia effetto con riferimento agli anni d’imposta che iniziano successivamente al 31 dicembre 1977.

Modifica della sezione 1901(b)(1)(I)(i), (ii) della Pub. L. 94–455 in vigore per gli anni imponibili che iniziano dopo il 31 dicembre 1976, vedere la sezione 1901 (d) della Pub. L. 94–455, riportato come nota nella sezione 2 del presente titolo.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1964

Emendamento del Pub. L. 88–272 applicabile con riferimento ai dividendi ricevuti dopo il 31 dicembre 1964, negli anni fiscali che terminano dopo tale data, vedere la sezione 201 (e) della Pub. L. 88–272, riportato come nota nella sezione 22 del presente titolo.

§703. Calcoli di partenariato

(a) Redditi e detrazioni

Il reddito imponibile di una società di persone sarà calcolato allo stesso modo del caso di una persona fisica, tranne che:

(1) gli elementi descritti nella sezione 702(a) devono essere indicati separatamente, e

(2) Non sono ammesse alla società le seguenti detrazioni:

(A) le detrazioni per le esenzioni personali previste nella sezione 151,

(B) la detrazione per le imposte prevista nella sezione 164(a) in relazione alle imposte, descritte nella sezione 901, pagate o maturate a paesi stranieri e ai possedimenti degli Stati Uniti,

(C) la detrazione per contributi di beneficenza prevista nella sezione 170,

(D) la deduzione della perdita operativa netta prevista nella sezione 172,

(E) le detrazioni dettagliate aggiuntive per gli individui previste nella parte VII del sottocapitolo B (sezione 211 e seguenti), e

(F) la detrazione per l’esaurimento ai sensi della sezione 611 rispetto ai pozzi di petrolio e gas.

(b) Elezioni del partenariato

Qualsiasi scelta che incida sul calcolo del reddito imponibile derivante da una partnership sarà effettuata dalla partnership, ad eccezione di qualsiasi scelta ai sensi di:

(1) comma (b)(5) o (c)(3) dell’articolo 108 (relativo al reddito derivante dall’estinzione dei debiti),

(2) sezione 617 (relativa alla detrazione e al recupero di alcune spese di esplorazione mineraria), o

(3) sezione 901 (relativa alle imposte di paesi stranieri e possedimenti degli Stati Uniti),

 

saranno effettuate da ciascun partner separatamente.

(16 agosto 1954, cap. 736, 68A Stat. 240; Pub. L. 89–570, §2(b), 12 settembre 1966, 80 Stat. 764; Pub. L. 91–172, titolo V, §504(c)(3), 30 dicembre 1969, 83 Stat. 633 Pub. L. 92–178, titolo III, §304(c), 10 dicembre 1971, 85 Stat. 523; Pub. L. 94–12, titolo V, §501(b)(3), 29 marzo 1975, 89 Stat. 53; Pub. L. 94–455, titolo XIX, §1901(b)(21) (F), titolo XXI, §2115(c)(2), 4 ottobre 1976, 90 Stat. 1798, 1909; Pub. L. 95–30, titolo I, §101(d)(10), maggio 23, 1977, 91 Stat. 134; Pub. L. 96–589, §2(e)(1), 24 dicembre 1980, 94 Stat. 3396; Pub. L. 99–514, titolo V, §511 (d)(2)(B), titolo VII, §701(e)(4)(E), 22 ottobre 1986, 100 Stat. 2249, 2343; Pub. L. 100–647, titolo I, § 1008(i), 10 novembre 1988, 102 Stat. 3445; Pub. L. 103–66, titolo XIII, §13150(c)(9), 10 agosto 1993, 107 Stat. 448.)

 

Note editoriali

Modifiche

1993 —Sottosez. (b)(1). Pub. L. 103–66 ha sostituito “sottosezione (b)(5) o (c)(3)” con “sottosezione (b)(5)”.

1988 —Sottosez. (b)(1). Pub. L. 100–647 ha sostituito “sottosezione (b)(5)” con “sottosezione (b)(5) o (d)(4)”.

1986 —Sottosez. (B). Pub. L. 99–514 cancella i precedenti par. (1) e (3) che si riferivano rispettivamente alle elezioni ai sensi delle sezioni 57(c) e 163(d), e hanno rinominato i precedenti par. (2), (4) e (5), come par. (1), (2) e (3), rispettivamente.

1980 —Sottosez. (B). Pub. L. 96–589 ha inserito un riferimento alla sezione 108(b)(5) e (d)(4).

1977 —Sottosez. (a)(2). Pub. L. 95–30 cancellato sottopar. (A) che faceva riferimento alla detrazione standard prevista nella sezione 141 e ha ridenominato i sottoparagrafi. rispettivamente da (B) a (G) come da (A) a (F).

1976 —Sottosez. (a)(2)(G). Pub. L. 94–455, §2115(c)(2), ha sostituito “pozzi” con “produzione soggetta alle disposizioni della sezione 613A(c)”.

Sottosez. (B). Pub. L. 94–455, §1901(b)(21)(F), cancellato “ai sensi della sezione 615 (relativa alle spese di esplorazione precedenti al 1970)”, dopo “degli Stati Uniti e qualsiasi elezione”.

1975 —Sottosez. (a)(2)(G). Pub. L. 94–12 ha aggiunto il comma. (G).

1971 —Sottosez. (B). Pub. L. 92–178 ha sostituito “,” con “o” dopo “(relativo alle spese di esplorazione precedenti al 1970)” e inserito “nella sezione 57(c) (relativa alla definizione di locazione netta), o nella sezione 163(d) (relativo alla limitazione degli interessi sull’indebitamento per investimenti)” dopo “(relativo alla detrazione e al recupero di alcune spese di esplorazione mineraria)”.

1969 —Sottosez. (B). Pub. L. 91–172 ha sostituito “(relativo alle spese di esplorazione precedenti al 1970) o alla sezione 617 (relativo alla detrazione e al recupero di alcune spese di esplorazione mineraria)” con “(relativo alle spese di esplorazione) o alla sezione 617 (relativo a ulteriori spese di esplorazione spese nel caso dell’estrazione mineraria nazionale)”.

1966 —Sottosez. (B). Pub. L. 89–570 prevedeva l’elezione ai sensi della sezione 615 (relativa alle spese di esplorazione) o alla sezione 617 (relativa alle spese di esplorazione aggiuntive nel caso di attività mineraria nazionale).

 

Note statutarie e società controllate correlate

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1993

Emendamento del Pub. L. 103–66 applicabile agli scarichi successivi al 31 dicembre 1992, negli anni fiscali che terminano dopo tale data, vedere la sezione 13150(d) della Pub. L. 103–66, riportato come nota nella sezione 108 del presente titolo.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1988

Emendamento del Pub. L. 100–647 in vigore, salvo diversa disposizione, come se incluso nella disposizione del Tax Reform Act del 1986, Pub. L. 99–514, a cui si riferisce tale modifica, vedere la sezione 1019(a) della Pub. L. 100–647, riportato in nota nella sezione 1 del presente titolo.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1986

Modifica effettuata dall’articolo 511(d)(2)(B) della Pub. L. 99–514 applicabile agli anni imponibili che iniziano dopo il 31 dicembre 1986, vedere la sezione 511 (e) della Pub. L. 99–514, riportato come nota nella sezione 163 di questo titolo.

Modifica della sezione 701(e)(4)(E) della Pub. L. 99–514 applicabile agli anni imponibili che iniziano dopo il 31 dicembre 1986, con alcune eccezioni e qualifiche, vedere la sezione 701 (f) della Pub. L. 99–514, indicata come nota sulla data di entrata in vigore nella sezione 55 del presente titolo.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1980

Emendamento del Pub. L. 96–589 applicabile alle transazioni che si verificano dopo il 31 dicembre 1980, diverse dalle transazioni che si verificano in un procedimento in un caso di fallimento o procedimento giudiziario simile o in un procedimento ai sensi del Titolo 11 che inizia a partire dal 31 dicembre 1980, con un’eccezione che consente al debitore di rendere la modifica applicabile alle operazioni avvenute dopo il 30 settembre 1979; in modo specifico, vedere la sezione 7(a)(1), (f) della Pub. L. 96–589, riportato come nota nella sezione 108 del presente titolo.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1977

Emendamento del Pub. L. 95–30 applicabile agli anni imponibili che iniziano dopo il 31 dicembre 1976, vedere la sezione 106 (a) della Pub. L. 95–30, riportato in nota nella sezione 1 del presente titolo.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1976

Modifica della sezione 1901(b)(21)(F) della Pub. L. 94–455 in vigore per gli anni imponibili che iniziano dopo il 31 dicembre 1976, vedere la sezione 1901 (d) della Pub. L. 94–455, riportato come nota nella sezione 2 del presente titolo.

Modifica mediante la sezione 2115(c)(2) della Pub. L. 94–455 in vigore dal 1° gennaio 1975 e applicabile agli anni imponibili che terminano dopo il 31 dicembre 1974, vedere la sezione 2115(f) della Pub. L. 94–455, riportato come nota nella sezione 613A di questo titolo.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1975

Emendamento del Pub. L. 94–12 in vigore dal 1 gennaio 1975, da applicare agli anni imponibili che terminano dopo il 31 dicembre 1974, vedere la sezione 501 (c) della Pub. L. 94–12, indicata come nota sulla data di entrata in vigore nella sezione 613A di questo titolo.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1969

Emendamento del Pub. L. 91–172 applicabile in relazione alle spese di esplorazione pagate o sostenute dopo il 31 dicembre 1969, vedere la sezione 504(d)(1) della Pub. L. 91–172, indicata come nota sulla data di entrata in vigore nella sezione 243 del presente titolo.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1966

Emendamento del Pub. L. 89–570 applicabile agli anni imponibili che terminano dopo il 12 settembre 1966, ma solo per quanto riguarda le spese pagate o sostenute dopo tale data, vedere la sezione 3 della Pub. L. 89–570, indicata come nota sulla data di entrata in vigore nella sezione 617 di questo titolo.

Applicabilità di alcuni emendamenti della Pub. L. 99–514 in relazione agli obblighi del trattato degli Stati Uniti

Per l’applicabilità della modifica della sezione 701(e)(4)(E) della Pub. L. 99–514 nonostante qualsiasi obbligo derivante dal trattato degli Stati Uniti in vigore il 22 ottobre 1986, con la disposizione che per tali scopi qualsiasi emendamento di cui al titolo I della Pub. L. 100–647 essere trattato come se fosse stato incluso nella disposizione del Pub. L. 99–514 a cui si riferisce tale modifica, vedere la sezione 1012(aa)(2), (4) della Pub. L. 100–647, riportato come nota nella sezione 861 di questo titolo.

§704. Quota distributiva del partner

(a) Effetti dell’accordo di partenariato

La quota distributiva di reddito, guadagno, perdita, detrazione o credito di un partner sarà determinata, salvo quanto diversamente previsto nel presente capitolo, dal contratto di società.

(b) Determinazione della quota distributiva

La quota distributiva di reddito, guadagno, perdita, detrazione o credito (o elemento dello stesso) di un partner sarà determinata in conformità con l’interesse del partner nella partnership (determinato tenendo conto di tutti i fatti e le circostanze), se:

(1) il contratto di partenariato non prevede la quota distributiva del reddito, del guadagno, della perdita, della detrazione o del credito (o elemento dello stesso) spettante al partner, oppure

(2) l’assegnazione a un partner ai sensi dell’accordo di reddito, utile, perdita, detrazione o credito (o elemento di esso) non ha effetti economici sostanziali.

(c) Proprietà conferita

(1) In generale

Secondo i regolamenti prescritti dal Segretario:

(A) il reddito, il guadagno, la perdita e la detrazione rispetto alla proprietà conferita alla società da un socio devono essere ripartiti tra i soci in modo da tenere conto della variazione tra la base della proprietà della società e il suo giusto valore di mercato al momento del contributo,

(B) se qualsiasi proprietà conferita in questo modo viene distribuita (direttamente o indirettamente) dalla partnership (diversa dal partner contribuente) entro 7 anni dal conferimento:

(i) il socio contribuente sarà considerato come se riconoscesse l’utile o la perdita (a seconda dei casi) dalla vendita di tale proprietà per un importo pari all’utile o alla perdita che sarebbe stato assegnato a tale socio ai sensi del sottoparagrafo (A) da motivo della variazione descritta al punto (A) se l’immobile fosse stato venduto al suo giusto valore di mercato al momento della distribuzione,

(ii) la natura di tale utile o perdita sarà determinata facendo riferimento alla natura dell’utile o della perdita che sarebbe risultata se tale proprietà fosse stata venduta dalla società al distributore, e

(iii) saranno apportati opportuni adeguamenti alla base rettificata dell’interesse del socio contribuente nella partnership e alla base rettificata della proprietà distribuita per riflettere eventuali utili o perdite riconosciuti ai sensi del presente comma, e

 

(C) se qualsiasi proprietà conferita in tal modo presenta una perdita intrinseca:

(i) tale perdita incorporata sarà presa in considerazione solo nel determinare l’importo degli elementi assegnati al partner contribuente, e

(ii) salvo quanto previsto dalla normativa, nel determinare l’importo degli elementi assegnati ad altri soci, la base della proprietà conferita nelle mani della partnership sarà trattata come pari al suo giusto valore di mercato al momento del conferimento.

 

Ai fini del sottoparagrafo (C), il termine “perdita incorporata” indica l’eccedenza della base rettificata della proprietà (determinata senza tener conto del sottoparagrafo (C)(ii)) rispetto al suo valore equo di mercato al momento del conferimento.

(2) Regola speciale per le distribuzioni in cui utili o perdite non sarebbero riconosciuti al di fuori delle partnership

Secondo i regolamenti prescritti dal Segretario, se-

(A) la proprietà conferita da un partner (di seguito denominato “partner conferente”) viene distribuita dalla partnership a un altro partner, e

(B) altra proprietà di tipo simile (ai sensi della sezione 1031) viene distribuita dalla partnership al partner contribuente non oltre il primo tra:

(i) il 180° giorno successivo alla data della distribuzione descritta alla lettera (A), oppure

(ii) la data di scadenza (determinata con riguardo alle proroghe) per la restituzione da parte del socio contribuente dell’imposta imposta da questo capitolo per l’anno fiscale in cui avviene la distribuzione descritta al punto (A),

 

allora, nella misura del valore della proprietà descritta nel sottoparagrafo (B), il paragrafo (1)(B) sarà applicato come se il socio conferente avesse conferito alla società la proprietà descritta nel sottoparagrafo (B).

(3) Altre regole

Secondo le norme prescritte dal Segretario, regole simili alle regole del paragrafo (1) si applicano ai contributi da parte di un partner (utilizzando il metodo contabile delle entrate e delle uscite di cassa) dei conti debitori e di altre voci maturate ma non pagate. Qualsiasi riferimento nel paragrafo (1) o (2) al partner contribuente sarà considerato come un riferimento a qualsiasi successore di tale partner.

(d) Limitazione della compensazione delle perdite

(1) In generale

La quota distributiva della perdita della partnership di un partner (inclusa la perdita di capitale) sarà consentita solo nella misura della base rettificata dell’interesse di tale partner nella partnership alla fine dell’anno di partnership in cui si è verificata tale perdita.

(2) Riporto

Qualsiasi eccedenza di tale perdita rispetto a tale base sarà autorizzata come detrazione alla fine dell’anno di partnership in cui tale eccedenza viene rimborsata alla partnership.

(3) Regole speciali

(A) In generale

Nel determinare l’importo di qualsiasi perdita ai sensi del paragrafo (1), si terrà conto della quota distributiva del partner degli importi descritti nei paragrafi (4) e (6) della sezione 702(a).

(B) Eccezione

Nel caso di un contributo di beneficenza di proprietà il cui valore equo di mercato supera la base rettificata, il sottoparagrafo (A) non si applica nella misura della quota distributiva del partner di tale eccesso.

(e) Interessi di partnership creati tramite donazione

(1) Quota distributiva del donatario inclusa nel reddito lordo

Nel caso di un interesse di società creato mediante donazione, la quota distributiva del donatario ai sensi del contratto di società sarà inclusa nel suo reddito lordo, tranne nella misura in cui tale quota sia determinata senza indennità di ragionevole compenso per i servizi resi alla società da del donante, e salvo il caso in cui la quota di tale quota attribuibile al capitale donato sia proporzionalmente maggiore della quota di tale quota attribuibile al capitale del donatore. La quota di distribuzione del socio negli utili della società non può essere ridotta a causa dell’assenza dovuta al servizio militare.

(2) Acquisto di interessi da parte di un membro della famiglia

Ai fini di questa sottosezione, un interesse acquistato da un membro di una famiglia da un altro sarà considerato creato tramite dono da parte del venditore e il valore equo di mercato dell’interesse acquistato sarà considerato capitale donato. La “famiglia” di qualsiasi individuo comprende solo il coniuge, gli antenati e i discendenti diretti, nonché eventuali trust a beneficio primario di tali persone.

(f) Rimando incrociato

Per le regole in caso di vendita, scambio, liquidazione o riduzione dell’interesse di un partner, vedere la sezione 706(c)(2).

(16 agosto 1954, cap. 736, 68A Stat. 240; Pub. L. 94–455, titolo II, §213(c)(2), (3)(A), (d), (e) , titolo XIX, §1906(b)(13)(A), 4 ottobre 1976, 90 Stat. 1548, 1834; Pub. L. 95–600, titolo II, §201(b)(1), novembre 6, 1978, 92 Stat. 2816; Pub. L. 98–369, div. A, titolo I, §71(a), 18 luglio 1984, 98 Stat. 589; Pub. L. 101–239, titolo VII, §7642(a), 19 dicembre 1989, 103 Stat. 2379 Pub. L. 102–486, titolo XIX, §1937(b)(1), 24 ottobre 1992, 106 Stat. 3033; Pub. L. 105–34, titolo X, §1063(a), 5 agosto 1997, 111 Stat. 947 Pub. L. 108–357, titolo VIII, §833(a), 22 ottobre 2004 , 118 Stat. 1589; Pub. L. 114–74, titolo XI, §1102(b), 2 novembre 2015, 129 Stat. 639; Pub. L. 115–97, titolo I, §13503(a) , 22 dicembre 2017, 131 Stat. 2141.)

 

Note editoriali

Modifiche

2017 —Sottosez. (D). Pub. L. 115–97 ha designato il primo e il secondo periodo delle disposizioni vigenti come par. (1) e (2), rispettivamente, inseriti titoli e aggiunto par. (3).

2015 —Sottosez. (e). Pub. L. 114–74 ha sostituito “Interessi di partenariato creati mediante donazione” con “Unioni familiari” nell’intestazione, parr. (2) e (3) come (1) e (2), rispettivamente, hanno sostituito “questa sottosezione” con “questa sezione” nel par. (2), e cancellato il precedente par. (1). Prima della modifica, il testo del par. (1) recita quanto segue: “Una persona è riconosciuta come socio ai fini del presente sottotitolo se possiede una quota di capitale in una società di persone nella quale il capitale costituisce un fattore materiale di produzione di reddito, indipendentemente dal fatto che tale interesse derivi o meno dall’acquisto o regalo di qualsiasi altra persona.”

2004 —Sottosez. (c)(1)(C). Pub. L. 108–357 ha aggiunto il comma. (C).

1997 —Sottosez. (c)(1)(B). Pub. L. 105–34 ha sostituito “7 anni” con “5 anni” nelle disposizioni introduttive.

1992 —Sottosez. (c)(1)(B). Pub. L. 102–486 ha sostituito “è distribuito (direttamente o indirettamente)” con “è distribuito”.

1989 —Sottosez. (C). Pub. L. 101–239 ha modificato il comma. (c) in generale. Prima della modifica, il par. (c) recitare quanto segue: “Secondo i regolamenti prescritti dal Segretario, il reddito, il guadagno, la perdita e la detrazione rispetto ai beni conferiti alla società da un socio saranno ripartiti tra i soci in modo da tenere conto della variazione tra la base della proprietà della società e il suo valore equo di mercato al momento del conferimento. Secondo le norme prescritte dal Segretario, regole simili a quelle della frase precedente si applicano ai conferimenti da parte di un partner (utilizzando il metodo di contabilità delle entrate e delle uscite ) dei debiti e di altre voci maturate ma non pagate.”

1984—Sottosez. (C). Pub. L. 98–369 ha modificato il comma. (c) in generale, sostituendo le disposizioni che stabiliscono che, secondo i regolamenti prescritti dal Segretario, il reddito, il guadagno, la perdita e la detrazione rispetto alla proprietà conferita alla società da un partner siano condivisi tra i partner in modo da tenere conto della variazione tra i base della proprietà alla partnership e il suo valore equo di mercato al momento del conferimento, e che regole simili si applicano ai conferimenti da parte di un partner (utilizzando il metodo contabile delle entrate e delle uscite di cassa) dei conti debitori e di altri elementi maturati ma non pagati per accantonamenti che aveva stabilito che, se l’accordo di società così previsto, il deprezzamento, l’esaurimento o l’utile o la perdita rispetto alla proprietà apportata alla società da un partner sarebbero avvenuti in base alle norme prescritte dal Segretario,

1978 —Sottosez. (D). Pub. L. 95–600 cancella le disposizioni relative alla base rettificata dell’interesse del partner.

1976 —Sottosez. (UN). Pub. L. 94–455, §213(c)(2), sostituito “salvo quanto diversamente previsto in questo capitolo” con “salvo quanto diversamente previsto in questa sezione”.

Sottosez. (B). Pub. L. 94–455, §213(d), tra le altre modifiche, ha sostituito “Determinazione della quota distributiva” con “Quota distributiva determinata dal rapporto tra reddito e perdita” nell’intestazione, nelle disposizioni precedenti il ​​par. (1) “l’interesse del socio nella partnership (determinato tenendo conto di tutti i fatti e le circostanze)” per “la sua quota distributiva del reddito imponibile o della perdita della partnership, come descritto nella sezione 702(a)(9), per il anno fiscale”, e nel par. (2) disposizione relativa all’assenza di effetti economici sostanziali in un accordo di società per disposizioni relative allo scopo dell’accordo di società di elusione o evasione fiscale.

Sottosez. (c)(2). Pub. L. 94–455, §1906(b)(13)(A), cancellato “o il suo delegato” dopo “Segretario”.

Sottosez. (D). Pub. L. 94–455, §213(e), ha inserito una disposizione relativa alla determinazione della base modificata della responsabilità del partner laddove non vi sia responsabilità personale e l’applicabilità di tale determinazione laddove si applica la sezione 465 di questo titolo o l’attività principale di la partnership è un investimento immobiliare.

Sottosez. (F). Pub. L. 94–455, §213(c)(3)(A), aggiunto sottosez. (F).

 

Note statutarie e società controllate correlate

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 2017

Pub. L. 115–97, titolo I, §13503(b), 22 dicembre 2017, 131 Stat. 2141, prevedeva che: “Le modifiche apportate dal presente articolo [modifica il presente articolo] si applicano agli anni imponibili delle società di persone che iniziano dopo il 31 dicembre 2017”.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 2015

Pub. L. 114–74, titolo XI, §1102(c), 2 novembre 2015, 129 Stat. 639, prevedeva che: “Le modifiche apportate dal presente articolo [modifica il presente articolo e l’articolo 761 del presente titolo] si applicano agli anni imponibili delle società di persone che iniziano successivamente al 31 dicembre 2015.”

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 2004

Pub. L. 108–357, titolo VIII, §833(d)(1), 22 ottobre 2004, 118 Stat. 1592, prevedeva che: “La modifica apportata dal comma (a) [che modifica il presente articolo] si applica ai contributi versati dopo la data di entrata in vigore della presente legge [22 ottobre 2004].”

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1997

Pub. L. 105–34, titolo X, §1063(b), 5 agosto 1997, 111 Stat. 947, a condizione che:

“(1)Generalmente.—La modifica apportata dalla sottosezione (a) [che modifica questa sezione e la sezione 737 di questo titolo] si applicherà ai beni conferiti a una partnership dopo l’8 giugno 1997.

“(2)Contratti vincolanti.—La modifica apportata dalla sottosezione (a) non si applica a qualsiasi proprietà conferita ai sensi di un contratto scritto vincolante in vigore dall’8 giugno 1997, e in ogni momento successivo prima di tale contributo se tale contratto prevede il contributo di un importo fisso di proprietà.”

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1992

Pub. L. 102–486, titolo XIX, §1937(c), 24 ottobre 1992, 106 Stat. 3033, prevedeva che: “Le modifiche apportate dal presente articolo [che attua l’articolo 737 del presente titolo e che modifica il presente articolo e l’articolo 731 del presente titolo] si applicano alle distribuzioni a partire dal 25 giugno 1992.”

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1989

Pub. L. 101–239, titolo VII, §7642(b), 19 dicembre 1989, 103 Stat. 2381, prevedeva che: “La modifica apportata dal comma (a) [che modifica il presente articolo] si applica nel caso di beni conferiti alla società dopo il 3 ottobre 1989, negli anni d’imposta che terminano dopo tale data.”

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1984

Pub. L. 98–369, div. A, titolo I, §71(c), 18 luglio 1984, 98 Stat. 589, prevedeva che: “Le modifiche apportate da questa sezione [che modifica questa sezione e le sezioni 613A e 743 del presente titolo] si applicano con riferimento ai beni conferiti alla società dopo il 31 marzo 1984, negli anni fiscali che terminano dopo tale data.”

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1978

Emendamento del Pub. L. 95–600 e l’attuazione della disposizione stabilita come nota in questa sezione dalla sezione 201(b)(2) della Pub. L. 95–600 applicabile agli anni imponibili che iniziano dopo il 31 dicembre 1978, vedere la sezione 204 (a) della Pub. L. 95–600, riportato in nota alla sezione 465 del presente titolo.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1976

Modifica apportata dall’articolo 213(c)(2), (c)(3)(A), (d) della Pub. L. 94–455 applicabile nel caso di anni imponibili di partnership che iniziano dopo il 31 dicembre 1975, vedere la sezione 213 (f) (1) di Pub. L. 94–455, indicata come nota sulla data di entrata in vigore nella sezione 709 del presente titolo.

Modifica dell’articolo 213(e) della Pub. L. 94–455 applicabile alle passività sostenute dopo il 31 dicembre 1976, vedere la sezione 213(f)(2) della Pub. L. 94–455, indicata come nota sulla data di entrata in vigore nella sezione 709 del presente titolo.

Norma transitoria per la limitazione del risarcimento delle perdite

Pub. L. 95–600, titolo II, §201(b)(2), 6 novembre 1978, 92 Stat. 2816, come modificato dal Pub. L. 99–514, §2, 22 ottobre 1986, 100 Stat. 2095, prevedeva che: “Nel caso di una perdita che non era stata ammessa per alcun anno fiscale a causa delle ultime due frasi della sezione 704(d) del Codice tributario interno del 1986 [ex IRC 1954] (come in vigore prima alla data di entrata in vigore della presente legge [6 novembre 1978]), tale perdita sarà trattata come una detrazione (fatta salva la sezione 465(a) di tale Codice) per il primo anno fiscale che inizia dopo il 31 dicembre 1978.

§705. Determinazione della base dell’interesse del partner

(a) Regola generale

La base rettificata dell’interesse di un partner in una partnership, ad eccezione di quanto previsto nella sottosezione (b), costituirà la base di tale interesse determinato ai sensi della sezione 722 (relativa ai contributi a una partnership) o della sezione 742 (relativa ai trasferimenti di interessi di partnership) —

(1) aumentato della somma della sua quota di distribuzione per l’anno fiscale e gli anni fiscali precedenti di:

(A) reddito imponibile della partnership come determinato ai sensi della sezione 703(a),

(B) reddito della partnership esente da imposta ai sensi del presente titolo, e

(C) l’eccedenza delle detrazioni per impoverimento rispetto alla base dell’immobile soggetto a impoverimento;

 

(2) diminuito (ma non inferiore a zero) dalle distribuzioni da parte della partnership come previsto nella sezione 733 e dalla somma della sua quota di distribuzione per l’anno fiscale e gli anni fiscali precedenti di:

(A) perdite della partnership, e

(B) spese della società non deducibili nel calcolo del reddito imponibile e non propriamente imputabili in conto capitale; E

 

(3) diminuito (ma non inferiore a zero) dell’importo della detrazione del partner per esaurimento per qualsiasi proprietà di petrolio e gas della partnership nella misura in cui tale detrazione non supera la quota proporzionale della base rettificata di tale proprietà assegnata a tale partner ai sensi della sezione 613A(c)(7)(D).

(b) Norma alternativa

Il Segretario prescrive mediante regolamento le circostanze in cui la base rettificata degli interessi di un socio in una società può essere determinata con riferimento alla sua quota proporzionale della base rettificata del patrimonio della società al momento dello scioglimento della società.

(16 agosto 1954, cap. 736, 68A Stat. 242; Pub. L. 94–455, titolo XIX, §1906(b)(13)(A), titolo XXI, §2115(c)(3) , 4 ottobre 1976, 90 Stat. 1834, 1909; Pub. L. 98–369, div. A, titolo VII, §722(e)(1), 18 luglio 1984, 98 Stat. 974.)

 

Note editoriali

Modifiche

1984 —Sottosez. (a)(3). Pub. L. 98–369 ha sostituito “per qualsiasi proprietà di petrolio e gas di una società nella misura in cui tale detrazione non supera la quota proporzionale della base rettificata di tale proprietà assegnata a tale partner ai sensi della sezione 613A(c)(7)(D)” per “ai sensi della sezione 611 rispetto ai pozzi di petrolio e gas”.

1976 —Sottosez. (a)(3). Pub. L. 94–455, §2115(c)(3), aggiunto par. (3).

Sottosez. (B). Pub. L. 94–455, §1906(b)(13)(A), cancellato “o il suo delegato” dopo “Segretario”.

 

Note statutarie e società controllate correlate

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1984

Pub. L. 98–369, div. A, titolo VII, §722(e)(3)(A), 18 luglio 1984, 98 Stat. 974, disponeva che: “La modifica apportata dal comma 1 [che modifica il presente articolo] entrerà in vigore dal 1° gennaio 1975.”

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1976

Modifica da parte della sezione 2115(c)(3) della Pub. L. 94–455 in vigore dal 1° gennaio 1975 e applicabile agli anni fiscali che terminano dopo il 31 dicembre 1974, vedere la sezione 2115(f) della Pub. L. 94–455, riportato come nota nella sezione 613A di questo titolo.

§706. Anni imponibili di socio e società di persone

(a) Anno in cui è incluso il reddito di partenariato

Nel calcolo del reddito imponibile di un partner per un anno imponibile, le inclusioni richieste dalla sezione 702 e dalla sezione 707(c) rispetto a una partnership si baseranno sul reddito, guadagno, perdita, detrazione o credito della partnership per qualsiasi anno fiscale della società che termina entro o con l’anno fiscale del partner.

(b) Anno fiscale

(1) Anno fiscale della società di persone

(A) Società di persone trattata come contribuente

L’anno fiscale di una società di persone è determinato come se la società fosse un contribuente.

(B) Anno imponibile determinato con riferimento ai soci

Fatto salvo quanto previsto al comma (C), una società di persone non avrà un anno fiscale diverso da:

(i) l’anno fiscale degli interessi di maggioranza (come definito al paragrafo (4)),

(ii) se non esiste un anno fiscale descritto nella clausola (i), l’anno fiscale di tutti i principali soci della partnership, o

(iii) se non esiste un anno fiscale descritto nella clausola (i) o (ii), l’anno solare a meno che il Segretario mediante regolamento non prescriva un altro periodo.

(C) Scopo aziendale

Una partnership può avere un anno fiscale non descritto nel sottoparagrafo (B) se stabilisce, a soddisfazione del Segretario, uno scopo commerciale per essa. Ai fini del presente comma, qualsiasi differimento di reddito ai soci non deve essere considerato uno scopo aziendale.

(2) Anno fiscale del partner

Un socio non può passare ad un anno fiscale diverso da quello di una società di persone di cui è socio principale a meno che non stabilisca, con soddisfazione del Segretario, uno scopo sociale a tal fine.

(3) Socio principale

Ai fini di questa sottosezione, un partner principale è un partner che ha un interesse pari o superiore al 5% negli utili o nel capitale della società.

(4) Anno d’imposta della quota di maggioranza; limitazione delle modifiche richieste

(A) Anno fiscale di maggioranza definito

Ai fini del paragrafo (1)(B)(i)—

(i) In generale

Il termine “anno fiscale di maggioranza” indica l’anno fiscale (se presente) che, in ciascun giorno di prova, costituiva l’anno fiscale di 1 o più soci aventi (in tale giorno) un interesse complessivo negli utili e nel capitale della società superiore a 50 per cento.

(ii) Giorni di prova

I giorni delle prove saranno:

(I) il 1° giorno dell’anno fiscale della partnership (determinato senza tener conto della clausola (i)), o

(II) i giorni durante il periodo di rappresentanza che il Segretario può prescrivere.

(B) Ulteriore modifica non richiesta per 3 anni

Fatto salvo quanto previsto dalle norme necessarie per impedire l’elusione di questa sezione, se, a causa del paragrafo (1)(B)(i), l’anno fiscale di una società di persone viene modificato, tale società non sarà tenuta a passare a un altro soggetto imponibile anno per uno dei due anni imponibili successivi all’anno di modifica.

(5) Applicazione con altre sezioni

Fatto salvo quanto previsto dalla normativa, ai fini della determinazione dell’anno fiscale al quale una società di persone deve passare a causa di questa sottosezione, le modifiche degli anni fiscali di altre persone richieste da questa sottosezione, sezione 441 (i), sezione 584 (i) , articolo 644 o articolo 1378(a).

(c) Chiusura dell’anno di partenariato

(1) Regola generale

Salvo in caso di scioglimento della società e salvo quanto previsto al paragrafo 2 del presente comma, l’anno fiscale della società non si chiude in seguito alla morte di un partner, all’ingresso di un nuovo partner, alla liquidazione dell’interesse di un partner nella partnership o vendita o scambio dell’interesse di un partner nella partnership.

(2) Trattamento delle disposizioni

(A) Disposizione dell’intero interesse

L’anno fiscale di una partnership si chiude nei confronti di un partner il cui intero interesse nella partnership termina (a causa di morte, liquidazione o altro).

(B) Disposizione di una quota inferiore all’intero interesse

L’anno fiscale di una partnership non si chiude (se non alla fine dell’anno fiscale di una partnership come determinato ai sensi della sottosezione (b)(1)) nei confronti di un partner che vende o scambia meno del suo intero interesse nella partnership o con rispetto a un partner il cui interesse è ridotto (a causa dell’ingresso di un nuovo partner, della liquidazione parziale degli interessi di un partner, della donazione o altro).

(d) Determinazione della quota distributiva al variare dell’interesse del socio

(1) In generale

Fatto salvo quanto previsto ai paragrafi (2) e (3), se durante qualsiasi anno fiscale della società di persone si verifica un cambiamento nell’interesse di qualsiasi socio nella società di persone, la quota distributiva di ciascun socio di qualsiasi elemento di reddito, utile, perdita, detrazione o il credito della società per tale anno fiscale sarà determinato mediante l’uso di qualsiasi metodo prescritto dal Segretario mediante regolamenti che tengano conto dei diversi interessi dei soci della società durante tale anno fiscale.

(2) Alcune voci di cassa ripartite proporzionalmente nel periodo a cui sono attribuibili

(A) In generale

Se durante qualsiasi anno fiscale della società si verifica un cambiamento nell’interesse di un socio nella società, allora (tranne nella misura prevista dalle normative) la quota distributiva di ciascun socio di qualsiasi elemento in contanti assegnabile sarà determinata:

(i) assegnando la porzione adeguata di tale voce a ciascun giorno del periodo a cui è attribuibile, e

(ii) ripartendo la quota assegnata a tale giorno tra i soci in proporzione ai loro interessi nella partnership alla chiusura di tale giorno.

(B) Voce di cassa allocabile

Ai fini del presente paragrafo, il termine “elemento di cassa assegnabile” indica uno qualsiasi dei seguenti elementi rispetto ai quali la partnership utilizza il metodo contabile degli incassi e degli esborsi di cassa:

(i) Interessi.

(ii) Imposte.

(iii) Pagamenti per servizi o per l’uso di beni.

(iv) Qualsiasi altro elemento del tipo specificato nei regolamenti prescritti dal Segretario come elemento rispetto al quale l’applicazione del presente paragrafo è opportuna per evitare errori significativi nei redditi dei soci.

(C) Voci riferibili a periodi non compresi nell’anno d’imposta

Se qualsiasi parte di una voce allocabile in base alla liquidità è attribuibile a:

(i) qualsiasi periodo prima dell’inizio dell’anno fiscale, tale quota sarà assegnata ai sensi del sottoparagrafo (A)(i) al primo giorno dell’anno fiscale, o

(ii) qualsiasi periodo successivo alla chiusura dell’anno fiscale, tale quota sarà assegnata ai sensi del sottoparagrafo (A)(i) all’ultimo giorno dell’anno fiscale.

(D) Trattamento delle voci deducibili attribuibili a periodi precedenti

Se qualsiasi parte di una voce deducibile in contanti viene assegnata ai sensi del sottoparagrafo (C)(i) al primo giorno di qualsiasi anno fiscale:

(i) tale quota sarà ripartita tra le persone che sono soci della società durante il periodo a cui tale quota è attribuibile in conformità con i loro diversi interessi nella società durante tale periodo, e

(ii) qualsiasi importo assegnato ai sensi della clausola (i) a una persona che non è socio della società in tale primo giorno sarà capitalizzato dalla società e trattato secondo le modalità previste nella sezione 755.

(3) Voci attribuibili agli interessi in società di grado inferiore ripartite proporzionalmente sull’intero anno fiscale

Se-

(A) durante qualsiasi anno fiscale della partnership si verifica un cambiamento nell’interesse di qualsiasi socio nella partnership (di seguito in questo paragrafo denominata “partnership di livello superiore”), e

(B) tale partnership è socio di un’altra partnership (di seguito in questo paragrafo denominata “partnership di livello inferiore”),

 

allora (salvo quanto previsto dalla normativa) la quota distributiva di ciascun socio di qualsiasi elemento della partnership di livello superiore attribuibile alla partnership di livello inferiore sarà determinata assegnando la quota appropriata (determinata applicando principi simili a quelli dei sottoparagrafi (C) e (D) del paragrafo (2)) di ciascuna di tali voci ai giorni appropriati durante i quali la società di livello superiore è socio della società di livello inferiore e distribuendo la parte assegnata a tale giorno tra i partner in proporzione ai loro interessi nella partnership di livello superiore al termine di tale giornata.

(4) Anno fiscale determinato senza tener conto della sottosezione (c)(2)(A)

Ai fini di questa sottosezione, l’anno fiscale di una partnership sarà determinato senza tener conto della sottosezione (c)(2)(A).

(16 agosto 1954, cap. 736, 68A Stat. 242; Pub. L. 94–455, titolo II, §213(c)(1), titolo XIX, §1906(b)(13)(A) , 4 ottobre 1976, 90 Stat. 1547, 1834; Pub. L. 98–369, div. A, titolo I, §72(a), (b), 18 luglio 1984, 98 Stat. 589, 591 ; Pub. L. 99–514, titolo VIII, §806(a), titolo XVIII, §1805(a), 22 ottobre 1986, 100 Stat. 2362, 2810; Pub. L. 100–647, titolo I , §1008(e)(1)–(3), 10 novembre 1988, 102 Stat. 3439, 3440; Pub. L. 105–34, titolo V, §507(b)(2), titolo XII, §1246(a), (b), 5 agosto 1997, 111 Stat. 857, 1030; Pub. L. 115–141, div. U, titolo IV, §401(a)(139), 23 marzo , 2018, 132 Stat. 1191.)

 

Note editoriali

Modifiche

2018 —Sottosez. (b)(5). Pub. L. 115–141 ha sostituito la “sezione 584 (i)” con la “sezione 584 (h)”.

1997 —Sottosez. (b)(5). Pub. L. 105–34, §507(b)(2), ha sostituito “sezione 644” con “sezione 645”.

Sottosez. (c)(2). Pub. L. 105–34, §1246(b), ha sostituito “Trattamento delle disposizioni” con “Socio che va in pensione o vende interessi nella partnership” come intestazione.

Sottosez. (c)(2)(A). Pub. L. 105–34, §1246(a), titolo e testo modificati del sottopar. (A) in generale. Prima della modifica, il testo recitava come segue: “L’anno fiscale di una società di persone si chiude:

“(i) rispetto a un socio che vende o scambia la sua intera partecipazione in una partnership, e

“(ii) nei confronti di un socio i cui interessi sono liquidati, salvo che l’anno fiscale di una società di persone nei confronti di un socio che muore non si chiude prima della fine dell’anno fiscale della società.”

1988 —Sottosez. (b)(1)(B)(i). Pub. L. 100–647, §1008(e)(1)(A), modificato cl. (i) in generale. Prima della modifica, cl. (i) leggi come segue: “l’anno fiscale di uno o più dei suoi soci che hanno una partecipazione complessiva negli utili e nel capitale della società superiore al 50%”.

Sottosez. (b)(1)(B)(iii). Pub. L. 100–647, §1008(e)(2), sostituito “a meno che il Segretario non prescriva mediante regolamento un altro periodo” per “o qualsiasi altro periodo che il Segretario possa prescrivere mediante regolamento”.

Sottosez. (b)(4). Pub. L. 100–647, §1008(e)(1)(B), ha sostituito “Anno imponibile degli interessi di maggioranza; limitazione delle modifiche richieste” per “Applicazione della regola degli interessi di maggioranza” nell’intestazione e nel testo modificato in generale. Prima della modifica, il testo recitava come segue: “La clausola (i) del paragrafo (1)(B) non si applica ad alcun anno fiscale di una società di persone a meno che il periodo che costituisce l’anno fiscale di uno o più dei suoi soci che hanno un l’interesse complessivo negli utili e nel capitale della società superiore al 50% è stato lo stesso per:

“(A) il periodo di 3 anni imponibili di tale partner o partner che termina entro o prima dell’inizio di tale anno fiscale della società di persone, o

“(B) se la società di persone non è esistita durante l’intero periodo di 3 anni fiscali, gli anni fiscali di tale partner o partner terminano con o entro il periodo di esistenza.

Il presente paragrafo si applica indipendentemente dal fatto che gli stessi soci o interessi siano presi in considerazione nella determinazione dell’interesse del 50% durante qualsiasi periodo.”

Sottosez. (b)(5). Pub. L. 100–647, §1008(e)(3), aggiunto par. (5).

1986 —Sottosez. (B). Pub. L. 99–514, §806(a)(3), cancellato “Adozione di” prima di “anno fiscale” nell’intestazione.

Sottosez. (b)(1). Pub. L. 99–514, §806(a)(1), modificato par. (1) in generale. Prima della modifica, par. (1) leggi quanto segue: “L’anno fiscale di una società di persone è determinato come se la società fosse un contribuente. Una società di persone non può cambiare o adottare un anno fiscale diverso da quello di tutti i suoi soci principali a meno che non stabilisca , con soddisfazione del Segretario, uno scopo aziendale.”

Sottosez. (b)(4). Pub. L. 99–514, §806(a)(2), aggiunto par. (4).

Sottosez. (d)(2)(A)(i). Pub. L. 99–514, §1805(a)(1)(A), ha sostituito “tale articolo” con “ciascuno di tali articoli”.

Sottosez. (d)(2)(B). Pub. L. 99–514, §1805(a)(1)(B), nelle disposizioni introduttive, ha cancellato “quelli descritti nel paragrafo (1) e” dopo “i seguenti punti”.

Sottosez. (d)(2)(C)(i). Pub. L. 99–514, §1805(a)(2), ha sostituito “il primo giorno dell’anno imponibile” con “il primo giorno di tale anno imponibile”.

1984 —Sottosez. (c)(2)(A). Pub. L. 98–369, §72(b)(1), cancellata l’ultima frase prevedendo che la quota distributiva di tale partner dell’elemento descritto nella sezione 702(a) per tale anno sarà determinata, secondo i regolamenti prescritti dal Segretario, per il periodo che termina con tale vendita, scambio o liquidazione.

Sottosez. (c)(2)(B). Pub. L. 98–369, §72(b)(2), cancellato “, ma la quota distributiva di tale partner degli elementi descritti nella sezione 702(a) sarà determinata tenendo conto dei suoi diversi interessi nella partnership durante l’anno fiscale ” dopo “altrimenti)”.

Sottosez. (D). Pub. L. 98–369, §72(a), aggiunto sottosez. (D).

1976 —Sottosez. (b)(1), (2). Pub. L. 94–455, §1906(b)(13)(A), cancellato “o il suo delegato” dopo “Segretario”.

Sottosez. (c)(2). Pub. L. 94–455, §§213(c)(1), 1906(b)(13)(A), sostituito “o rispetto a un partner il cui interesse è ridotto (sia per l’ingresso di un nuovo partner, liquidazione parziale dell’interesse, della donazione o altro di un partner)” per “o rispetto a un partner il cui interesse è ridotto”, nel par. (B), e cancellato “o il suo delegato” dopo “Segretario” nel par. (UN).

 

Note statutarie e società controllate correlate

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1997

Modifica mediante la sezione 507(b)(2) della Pub. L. 105–34 applicabile alle vendite o agli scambi successivi al 5 agosto 1997, vedere la sezione 507(c)(2) della Pub. L. 105–34, riportato in nota nella sezione 644 del presente titolo.

Pub. L. 105–34, titolo XII, §1246(c), 5 agosto 1997, 111 Stat. 1030, prevedeva che: “Le modifiche apportate dal presente articolo [modifica il presente articolo] si applicano agli anni imponibili delle società di persone che iniziano dopo il 31 dicembre 1997.”

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1988

Emendamento del Pub. L. 100–647 in vigore, salvo diversa disposizione, come se incluso nella disposizione del Tax Reform Act del 1986, Pub. L. 99–514, a cui si riferisce tale modifica, vedere la sezione 1019(a) della Pub. L. 100–647, riportato in nota nella sezione 1 del presente titolo.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1986

Modifica mediante la sezione 806(a) della Pub. L. 99–514 applicabile agli anni imponibili che iniziano dopo il 31 dicembre 1986, con disposizioni speciali applicabili ai contribuenti tenuti a modificare i propri periodi contabili, vedere la sezione 806 (e) della Pub. L. 99–514, riportato come nota nella sezione 1378 di questo titolo.

Emendamento mediante la sezione 1805(a) della Pub. L. 99–514 in vigore, salvo diversa disposizione, come se incluso nelle disposizioni del Tax Reform Act del 1984, Pub. L. 98–369, div. A, a cui si riferisce tale modifica, vedere la sezione 1881 della Pub. L. 99–514, riportato come nota nella sezione 48 del presente titolo.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1984

Pub. L. 98–369, div. A, titolo I, §72(c), 18 luglio 1984, 98 Stat. 591, come modificato dal Pub. L. 99–514, §2, 22 ottobre 1986, 100 Stat. 2095, prevedeva che: “Le modifiche apportate dal presente articolo [che modifica il presente articolo] si applicano:

“(1) nel caso degli elementi descritti nella sezione 706(d)(2) dell’Internal Revenue Code del 1986 [ex IRC 1954] (come aggiunto dalla sottosezione (a)), agli importi attribuibili ai periodi successivi al 31 marzo, 1984 e

“(2) nel caso degli elementi descritti nella sezione 706(d)(3) di tale Codice (come aggiunto dalla sottosezione (a)), agli importi pagati o maturati dall’altra partnership dopo il 31 marzo 1984.”

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1976

Modifica mediante articolo 213(c)(1) Pub. L. 94–455 applicabile nel caso di anni imponibili di partnership che iniziano dopo il 31 dicembre 1975, vedere la sezione 213 (f) del Pub. L. 94–455, indicata come nota sulla data di entrata in vigore nella sezione 709 del presente titolo.

Costruzione della sezione 806 della Pub. L.99–514

Niente nella sezione 806 della Pub. L. 99–514 o in qualsiasi storia legislativa ad esso relativa da interpretare come se richiedesse al Segretario del Tesoro o al suo delegato di consentire un cambiamento automatico di un anno imponibile, vedere la sezione 1008 (e) (9) di Pub. L. 100–647, riportato come nota nella sezione 1378 di questo titolo.

Modifiche del piano non necessarie fino al 1 gennaio 1989

Per le disposizioni che stabiliscono che, in caso di modifiche apportate dal sottotitolo A o dal sottotitolo C del titolo XI [§§1101–1147 e 1171–1177] o del titolo XVIII [§§1800–1899A] della Pub. L. 99–514 richiedono una modifica a qualsiasi piano, tale modifica del piano non dovrà essere apportata prima del primo anno del piano che inizia a partire dal 1 gennaio 1989, vedere la sezione 1140 della Pub. L. 99–514, come modificato, riportato come nota nella sezione 401 di questo titolo.

§707. Transazioni tra partner e società di persone

(a) Partner che non agisce in qualità di partner

(1) In generale

Se un socio effettua un’operazione con una società diversa dalla sua qualità di membro di tale società, l’operazione, salvo quanto diversamente previsto nella presente sezione, sarà considerata avvenuta tra la società e qualcuno che non è un socio.

(2) Trattamento dei pagamenti ai partner per beni o servizi

Secondo i regolamenti prescritti dal Segretario:

(A) Trattamento di alcuni servizi e trasferimenti di proprietà

Se-

(i) un partner presta servizi per una società di persone o trasferisce proprietà a una società di persone,

(ii) vi è una correlata allocazione e distribuzione diretta o indiretta a tale partner, e

(iii) la prestazione di tali servizi (o tale trasferimento) e l’assegnazione e la distribuzione, se considerati congiuntamente, sono propriamente caratterizzati come un’operazione avvenuta tra la società e un partner che agisce in modo diverso dalla sua qualità di membro della società,

 

tale assegnazione e distribuzione saranno trattate come un’operazione descritta al paragrafo (1).

(B) Trattamento di alcuni trasferimenti di proprietà

Se-

(i) vi è un trasferimento diretto o indiretto di denaro o altri beni da parte di un partner a una società di persone,

(ii) vi è un relativo trasferimento diretto o indiretto di denaro o altri beni da parte della società a tale partner (o a un altro partner), e

(iii) i trasferimenti descritti nelle clausole (i) e (ii), se considerati congiuntamente, sono propriamente caratterizzati come vendita o scambio di proprietà,

 

tali trasferimenti saranno trattati come un’operazione descritta al paragrafo (1) o come un’operazione tra 2 o più soci che agiscono in modo diverso dalla loro qualità di membri della società.

(b) Determinate vendite o scambi di proprietà rispetto a partnership controllate

(1) Perdite non riconosciute

Non sarà consentita alcuna detrazione in relazione alle perdite derivanti da vendite o scambi di proprietà (diversi da un interesse nella partnership), direttamente o indirettamente, tra:

(A) una società di persone e una persona che possiede, direttamente o indirettamente, più del 50% degli interessi di capitale, o degli interessi sugli utili, in tale società di persone, o

(B) due società di persone in cui le stesse persone possiedono, direttamente o indirettamente, più del 50% degli interessi di capitale o di utili.

 

Nel caso di una successiva vendita o scambio da parte di un cessionario descritto in questo paragrafo, la sezione 267(d) sarà applicabile come se la perdita non fosse consentita ai sensi della sezione 267(a)(1). Ai fini della sezione 267(a)(2), le società di persone descritte nel sottoparagrafo (B) di questo paragrafo saranno trattate come le persone specificate nella sezione 267(b).

(2) Plusvalenze trattate come reddito ordinario

Nel caso di vendita o scambio, direttamente o indirettamente, di beni che, nelle mani del cessionario, sono beni diversi da un bene patrimoniale come definito nella sezione 1221—

(A) tra una società di persone e una persona che possiede, direttamente o indirettamente, più del 50% degli interessi di capitale o di profitti in tale società di persone, o

(B) tra due società di persone in cui le stesse persone possiedono, direttamente o indirettamente, più del 50% degli interessi di capitale o di utili,

 

l’eventuale plusvalenza riconosciuta sarà considerata reddito ordinario.

(3) Possesso di un capitale o di un interesse sugli utili

Ai fini dei paragrafi (1) e (2) di questa sottosezione, la proprietà di un capitale o di un interesse sugli utili in una partnership sarà determinata in conformità con le regole per la proprietà implicita delle azioni previste nella sezione 267(c) diverse dal paragrafo ( 3) di tale sezione.

(c) Pagamenti garantiti

Nella misura determinata indipendentemente dal reddito della partnership, i pagamenti a un partner per servizi o utilizzo di capitale saranno considerati come effettuati a chi non è un membro della partnership, ma solo ai fini della sezione 61(a ) (relativo al reddito lordo) e, soggetto alla sezione 263, ai fini della sezione 162(a) (relativo alle spese commerciali o aziendali).

(16 agosto 1954, cap. 736, 68A Stat. 243; Pub. L. 94–455, titolo II, §213(b)(3), titolo XIX, §1901(b)(3)(C) , 4 ottobre 1976, 90 Stat. 1547, 1792; Pub. L. 98–369, div. A, titolo I, §73(a), 18 luglio 1984, 98 Stat. 591; Pub. L. 99 –514, titolo VI, §642(a)(2), titolo XVIII, §§1805(b), 1812(c)(3)(A), (B), 22 ottobre 1986, 100 Stat. 2284 , 2810, 2834.)

 

Note editoriali

Modifiche

1986 —Sottosez. (a)(2)(B)(iii). Pub. L. 99–514, §1805 (b), ha sostituito “vendita o scambio di proprietà” con “vendita di proprietà”.

Sottosez. (b)(1). Pub. L. 99–514, §1812(c)(3)(B), inserito alla fine “Ai fini della sezione 267(a)(2), le società di persone descritte nel sottoparagrafo (B) di questo paragrafo saranno trattate come persone specificate nella sezione 267(b).”

Sottosez. (b)(1)(A). Pub. L. 99–514, §1812(c)(3)(A), ha sostituito “una persona” con “un partner”.

Sottosez. (b)(2)(A). Pub. L. 99–514, §1812(c)(3)(A), ha sostituito “una persona” con “un partner”.

Pub. L. 99–514, §642(a)(2), ha sostituito “50%” con “80%”.

Sottosez. (b)(2)(B). Pub. L. 99–514, §642(a)(2), ha sostituito “50%” con “80%”.

1984 —Sottosez. (UN). Pub. L. 98–369 ha designato le disposizioni esistenti come par. (1) e ha aggiunto il par. (2).

1976 —Sottosez. (b)(2). Pub. L. 94–455, §1901(b)(3)(C), sostituito “come reddito ordinario” con “come utile derivante dalla vendita o dallo scambio di beni diversi da un bene patrimoniale”.

Sottosez. (C). Pub. L. 94–455, §213(b)(3), sostituito “e, soggetto alla sezione 263, ai fini della sezione 162(a)” con “e sezione 162(a)”.

 

Note statutarie e società controllate correlate

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1986

Modifica della sezione 642(a)(2) della Pub. L. 99–514 applicabile alle vendite successive al 22 ottobre 1986, negli anni fiscali che terminano dopo tale data, ma non applicabile alle vendite effettuate dopo il 14 agosto 1986, effettuate in base a un contratto vincolante in vigore dal 14 agosto , 1986, e in ogni momento successivo, vedere la sezione 642(c) della Pub. L. 99–514, riportato come nota nella sezione 1239 di questo titolo.

Emendamento apportato dalle sezioni 1805(b) e 1812(c)(3)(B) della Pub. L. 99–514 in vigore, salvo diversa disposizione, come se incluso nelle disposizioni del Tax Reform Act del 1984, Pub. L. 98–369, div. A, a cui si riferisce tale modifica, vedere la sezione 1881 della Pub. L. 99–514, riportato come nota nella sezione 48 del presente titolo.

Pub. L. 99–514, titolo XVIII, §1812(c)(3)(A), 22 ottobre 1986, 100 Stat. 2834, a condizione che la modifica apportata da tale articolo abbia effetto rispetto alle vendite o agli scambi successivi al 27 settembre 1985.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1984

Pub. L. 98–369, div. A, titolo I, §73(b), 18 luglio 1984, 98 Stat. 592, come modificato dal Pub. L. 99–514, §2, 22 ottobre 1986, 100 Stat. 2095, a condizione che:

“(1)Generalmente.—La modifica apportata dalla sottosezione (a) [che modifica questa sezione] si applica—

“(A) nel caso degli accordi descritti nella sezione 707(a)(2)(A) dell’Internal Revenue Code del 1986 [ex IRC 1954] (come modificato dalla sottosezione (a)), ai servizi prestati o ai beni trasferiti dopo il 29 febbraio 1984 e

“(B) nel caso di trasferimenti descritti nella sezione 707(a)(2)(B) di tale Codice (come così modificato), a proprietà trasferite dopo il 31 marzo 1984.

“(2)Eccezione contrattuale vincolante.—La modifica apportata dalla sottosezione (a) non si applica al trasferimento di proprietà descritto nella sezione 707(a)(2)(B)(i) se tale trasferimento è conforme a un contratto vincolante in vigore al 31 marzo 1984 , e in ogni momento successivo prima del trasferimento.

“(3)Eccezione per alcuni trasferimenti.—La modifica apportata dalla sottosezione (a) non si applica a un trasferimento di proprietà descritto nella sezione 707(a)(2)(B)(i) effettuato prima del 31 dicembre 1984, se—

“(A) tale trasferimento è stato proposto in un memorandum scritto di offerta privata diffuso prima del 28 febbraio 1984;

“(B) i costi vivi sostenuti rispetto a tale offerta superavano i 250.000 dollari al 28 febbraio 1984;

“(C) i gravami posti su tale proprietà in previsione di tale trasferimento costituiscono tutti obblighi per i quali né la società né alcun socio è responsabile; e

“(D) il cedente di tale proprietà è l’unico socio accomandatario della società.”

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1976

Modifica da parte dell’articolo 213(b)(3) della Pub. L. 94–455 applicabile nel caso di anni imponibili di partnership che iniziano dopo il 31 dicembre 1975, vedere la sezione 213 (f) (1) di Pub. L. 94–455, indicata come nota sulla data di entrata in vigore nella sezione 709 del presente titolo.

Modifica della sezione 1901(b)(3)(C) della Pub. L. 94–455 in vigore per gli anni imponibili che iniziano dopo il 31 dicembre 1976, vedere la sezione 1901 (d) della Pub. L. 94–455, riportato come nota nella sezione 2 del presente titolo.

Modifiche del piano non necessarie fino al 1 gennaio 1989

Per le disposizioni che stabiliscono che, in caso di modifiche apportate dal sottotitolo A o dal sottotitolo C del titolo XI [§§1101–1147 e 1171–1177] o del titolo XVIII [§§1800–1899A] della Pub. L. 99–514 richiedono una modifica a qualsiasi piano, tale modifica del piano non dovrà essere apportata prima del primo anno del piano che inizia a partire dal 1 gennaio 1989, vedere la sezione 1140 della Pub. L. 99–514, come modificato, riportato come nota nella sezione 401 di questo titolo.

§708. Continuazione del partenariato

(a) Regola generale

Ai fini del presente sottocapitolo, una partnership esistente sarà considerata continuata se non viene sciolta.

(b) Risoluzione

(1) Regola generale

Ai fini della sottosezione (a), una partnership sarà considerata sciolta solo se nessuna parte di qualsiasi attività commerciale, operazione finanziaria o impresa della partnership continua ad essere portata avanti da nessuno dei suoi partner in una partnership.

(2) Regole speciali

(A) Fusione o consolidamento

In caso di fusione o consolidamento di due o più società di persone, la società risultante sarà considerata, ai fini della presente sezione, la continuazione di qualsiasi società di persone incorporata o consolidata i cui membri detengono una partecipazione superiore al 50% nel capitale e negli utili. del partenariato risultante.

(B) Divisione di una società

In caso di divisione di una società in due o più società, le società risultanti (ad eccezione di qualsiasi società risultante i cui membri avevano un interesse pari o inferiore al 50% nel capitale e negli utili della società precedente) dovranno, ai fini di questa sezione, è da considerarsi continuazione del precedente partenariato.

(16 agosto 1954, cap. 736, 68A Stat. 244; Pub. L. 115–97, titolo I, §13504(a), 22 dicembre 2017, 131 Stat. 2141.)

 

Note editoriali

Modifiche

2017 —Sottosez. (b)(1). Pub. L. 115–97 cancellato il trattino dopo “solo se” e scadente. (A) designazione prima di “nessuna parte” e subpar cancellato. (B) che recitava come segue: “entro un periodo di 12 mesi avviene una vendita o uno scambio pari o superiore al 50% dell’interesse totale del capitale e degli utili della società”.

 

Note statutarie e società controllate correlate

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 2017

Emendamento del Pub. L. 115–97 applicabile agli anni imponibili della partnership che iniziano dopo il 31 dicembre 2017, vedere la sezione 13504 (c) di Pub. L. 115–97, riportato come nota nella sezione 168 del presente titolo.

§709. Trattamento delle commissioni di organizzazione e sindacazione

(a) Regola generale

Fatto salvo quanto previsto nella sottosezione (b), ai sensi del presente capitolo non sarà consentita alcuna detrazione alla partnership o a qualsiasi partner per eventuali importi pagati o sostenuti per organizzare una partnership o per promuovere la vendita di (o vendere) un interesse in tale partnership .

(b) Detrazione delle spese di organizzazione

(1) Indennità di detrazione

Se una partnership sceglie l’applicazione di questa sottosezione (in conformità con le norme prescritte dal Segretario) rispetto a eventuali spese organizzative:

(A) alla società sarà concessa una detrazione per l’anno fiscale in cui la società inizia l’attività per un importo pari al minore tra:

(i) l’importo delle spese organizzative relative alla partnership, o

(ii) $ 5.000, ridotti (ma non sotto zero) dell’importo per il quale tali spese organizzative superano $ 50.000, e

 

(B) il resto di tali spese organizzative sarà concesso come detrazione proporzionale nel periodo di 180 mesi a partire dal mese in cui la partnership inizia l’attività.

(2) Disposizioni prima della chiusura del periodo di ammortamento

In ogni caso in cui una partnership viene liquidata prima della fine del periodo al quale si applica il paragrafo (1)(B), eventuali spese differite attribuibili alla partnership che non sono state ammesse in detrazione ai sensi di questa sezione possono essere detratte dal misura consentita ai sensi della sezione 165.

(3) Spese organizzative definite

Le spese organizzative a cui si applica il paragrafo (1) sono spese che:

(A) sono accessori alla costituzione della partnership;

(B) sono imputabili in conto capitale; E

(C) sono di natura tale che, se spesi per la creazione di una società di persone avente una durata determinabile, verrebbero ammortizzati su tale durata.

(Aggiunto Pub. L. 94–455, titolo II, §213(b)(1), 4 ottobre 1976, 90 Stat. 1547; modificato Pub. L. 108–357, titolo VIII, §902(c ) , 22 ottobre 2004, 118 Stat. 1651; Pub. L. 109–135, titolo IV, §403(ll), 21 dicembre 2005, 119 Stat. 2632.)

 

Note editoriali

Modifiche

2005 —Sottosez. (b)(1). Pub. L. 109–135 ha sostituito “società di persone” con “contribuente” nelle disposizioni introduttive e prima di “è consentito” nel sottoparagrafo. (UN).

2004—Sottosez. (B). Pub. L. 108–357 ha sostituito “Detrazione” con “Ammortamento” nell’intestazione, ha aggiunto il par. (2), ridenominato ex par. (2) come (3), e titolo e testo modificati del par. (1) in generale. Prima della modifica, il testo del par. (1) recita quanto segue: “Gli importi pagati o sostenuti per l’organizzazione di una società di persone possono, al momento dell’elezione della società di persone (effettuata in conformità con le norme prescritte dal Segretario), essere trattati come spese differite. Tali spese differite sono consentite come detrazione proporzionale per un periodo non inferiore a 60 mesi scelto dalla partnership (a partire dal mese in cui la partnership inizia l’attività), o se la partnership viene liquidata prima della fine di tale periodo di 60 mesi,

 

Note statutarie e società controllate correlate

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 2005

Emendamento del Pub. L. 109–135 efficace come se inclusa nella disposizione dell’American Jobs Creation Act del 2004, Pub. L. 108–357, a cui si riferisce tale modifica, vedere la sezione 403 (nn) della Pub. L. 109–135, riportato come nota nella sezione 26 del presente titolo.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 2004

Emendamento del Pub. L. 108–357 applicabile agli importi pagati o sostenuti dopo il 22 ottobre 2004, vedere la sezione 902(d) della Pub. L. 108–357, riportato come nota nella sezione 195 di questo titolo.

Data effettiva

Pub. L. 94–455, titolo II, §213(f), 4 ottobre 1976, 90 Stat. 1548, come modificato dal Pub. L. 99–514, §2, 22 ottobre 1986, 100 Stat. 2095, a condizione che:

“(1)Generalmente.—Salvo quanto diversamente previsto in questa sottosezione, le modifiche apportate da questa sezione [che attua questa sezione e modifica le sezioni 179, 704, 706, 707 e 761 di questo titolo] si applicano nel caso di anni imponibili di partnership che iniziano dopo il 31 dicembre , 1975.

“(2)Sottosezione(e).—La modifica apportata dal comma (e) [che modifica l’articolo 704 del presente titolo] si applica alle passività sostenute dopo il 31 dicembre 1976.

“(3)Sezione 709(B)del codice.—La sezione 709(b) dell’Internal Revenue Code del 1986 [ex IRC 1954] (come aggiunto dalla modifica apportata dalla sottosezione (b)(1) di questa sezione) si applica nel caso di importi pagati o sostenuti in imponibili anni che iniziano dopo il 31 dicembre 1976.”

PARTE II — CONTRIBUTI, DISTRIBUZIONI E TRASFERIMENTI

Sottosezione
UN.
Contributi a una partnership.
B.
Distribuzioni da parte di una partnership.
C.
Trasferimenti di interessi in una società di persone.
D.
Disposizioni comuni agli altri capi.

 

Sottoparte A: Contributi a una partnership

Sez.
721.
Mancato riconoscimento dell’utile o della perdita sul contributo.
722.
Base dell’interesse del partner contribuente.
723.
Base di proprietà ha contribuito alla partnership.
724.
Carattere dell’utile o della perdita su crediti non realizzati conferiti, voci di magazzino e proprietà in perdita di capitale.

 

Note editoriali

Modifiche

1984 — Pub. L. 98–369, div. A, titolo I, §74(c), 18 luglio 1984, 98 Stat. 593, aggiunto punto 724.

§721. Mancato riconoscimento dell’utile o della perdita sul contributo

(a) Regola generale

Nessun utile o perdita sarà riconosciuto alla società o ad alcuno dei suoi soci nel caso di conferimento di beni alla società in cambio di un interesse nella società.

(b) Regola speciale

Il comma (a) non si applica agli utili realizzati su un trasferimento di proprietà a una società di persone che verrebbe trattata come una società di investimento (ai sensi della sezione 351) se la società di persone fosse costituita.

(c) Regolamenti relativi ad alcuni trasferimenti alle società di persone

Il Segretario può prevedere mediante regolamenti che il comma (a) non si applichi agli utili realizzati sul trasferimento di proprietà a una società di persone se tale utile, una volta riconosciuto, sarà incluso nel reddito lordo di una persona diversa da un cittadino statunitense.

(d) Trasferimenti di beni immateriali

Per l’autorità di regolamentazione che tratta i beni immateriali trasferiti a una partnership come venduti, vedere la sezione 367(d)(3).

(16 agosto 1954, cap. 736, 68A Stat. 245; Pub. L. 94–455, titolo XXI, §2131(b), 4 ottobre 1976, 90 Stat. 1924; Pub. L. 105– 34, titolo XI, §1131(b)(3), (5)(B), 5 agosto 1997, 111 Stat. 979, 980.)

 

Note editoriali

Codificazione

Un’altra sezione 1131(b) della Pub. L. 105–34 ha promulgato la sezione 684 di questo titolo.

Modifiche

1997 —Sottosez. (C). Pub. L. 105–34, §1131(b)(3), aggiunto sottosez. (C).

Sottosez. (D). Pub. L. 105–34, §1131(b)(5)(B), aggiunto sottosez. (D).

1976 — Pub. L. 94–455 ha designato le disposizioni esistenti come sottosezione. (a), aggiunto il comma. (a) titolo “Norma generale” e aggiunto sottosezione. (B).

 

Note statutarie e società controllate correlate

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1976

Pub. L. 94–455, titolo XXI, §2131(f)(3)–(5), 4 ottobre 1976, 90 Stat. 1924, 1925, a condizione che:

“(3) Fatto salvo quanto previsto al paragrafo (4), le modifiche apportate dai commi (b) e (c) [che modificano questo articolo e gli articoli 722 e 723 del presente titolo] si applicano ai trasferimenti effettuati dopo il 17 febbraio 1976, in anni d’imposta che terminano successivamente a tale data.

“(4) Le modifiche apportate dai commi (b) e (c) non si applicano ai trasferimenti a una società di persone effettuati entro il 90° giorno successivo alla data di promulgazione della presente Legge [4 ottobre 1976] se:

“(A) o—

“(i) una richiesta di decisione relativa a tali trasferimenti è stata depositata presso l’Internal Revenue Service prima del 27 marzo 1976, o

“(ii) una dichiarazione di registrazione relativa a tali trasferimenti è stata depositata presso la Securities and Exchange Commission prima del 27 marzo 1976,

“(B) i titoli trasferiti sono stati depositati entro il 60° giorno successivo alla data di entrata in vigore della presente Legge [4 ottobre 1976], e

“(C) o—

“(i) il valore complessivo (determinato alla chiusura del 60° giorno di cui al sottoparagrafo (B), o, se precedente, alla chiusura del periodo di deposito) dei titoli così trasferiti non supera $ 100.000.000, o

“(ii) i titoli trasferiti erano tutti in deposito alla data del 29 febbraio 1976, ai sensi della dichiarazione di registrazione di cui alla lettera (A)(ii).

“(5) Se non è stato richiesto il deposito di alcuna dichiarazione di registrazione presso la Securities and Exchange Commission in relazione al trasferimento di titoli a qualsiasi società di persone, allora il paragrafo (4) sarà applicato a tali trasferimenti:

“(A) come se il paragrafo (4) non contenesse il sottoparagrafo (A)(ii), e

“(B) sostituendo ‘$ 25.000.000’ con ‘$ 100.000.000’ nel sottoparagrafo (C)(i) dello stesso.”

§722. Base dell’interesse del partner contribuente

La base di un interesse in una partnership acquisita mediante un conferimento di proprietà, compreso il denaro, alla partnership sarà l’importo di tale denaro e la base rettificata di tale proprietà al partner contribuente al momento del conferimento aumentata dell’importo ( se presente) del guadagno riconosciuto ai sensi della sezione 721(b) al partner contribuente in quel momento.

(16 agosto 1954, cap. 736, 68A Stat. 245; Pub. L. 94–455, titolo XXI, §2131(c), 4 ottobre 1976, 90 Stat. 1924; Pub. L. 98– 369, div. A, titolo VII, §722(f)(1), 18 luglio 1984, 98 Stat. 974.)

 

Note editoriali

Modifiche

1984 — Pub. L. 98–369 inserito “sotto la sezione 721 (b)” dopo “guadagno riconosciuto”.

1976 — Pub. L. 94–455 ha inserito “aumentato dell’importo (eventuale) dell’utile riconosciuto al socio contribuente in tale momento” dopo “al momento del conferimento”.

 

Note statutarie e società controllate correlate

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1984

Pub. L. 98–369, div. A, titolo VII, §722(f)(2), 18 luglio 1984, 98 Stat. 974, prevedeva che: “Le modifiche apportate dal paragrafo (1) [che modifica questa sezione e la sezione 723 di questo titolo] entreranno in vigore come se incluse nelle modifiche apportate dalla sezione 2131 del Tax Reform Act del 1976 [Pub. L. 94–455].”

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1976

Per la data di entrata in vigore della modifica apportata dal Pub. L. 94–455, vedere la sezione 2131(f)(3)–(5) della Pub. L. 94–455, riportato come nota nella sezione 721 di questo titolo.

§723. Base di proprietà ha contribuito alla partnership

La base di proprietà apportata a una partnership da un partner sarà la base rettificata di tale proprietà al partner contribuente al momento del conferimento aumentata dell’importo (se presente) del guadagno riconosciuto ai sensi della sezione 721(b) al partner contribuente in quel momento.

(16 agosto 1954, cap. 736, 68A Stat. 245; Pub. L. 94–455, titolo XXI, §2131(c), 4 ottobre 1976, 90 Stat. 1924; Pub. L. 98– 369, div. A, titolo VII, §722(f)(1), 18 luglio 1984, 98 Stat. 974.)

 

Note editoriali

Modifiche

1984 — Pub. L. 98–369 inserito “sotto la sezione 721 (b)” dopo “guadagno riconosciuto”.

1976 — Pub. L. 94–455 ha inserito “aumentato dell’importo (eventuale) dell’utile riconosciuto al socio contribuente in tale momento” dopo “al momento del conferimento”.

 

Note statutarie e società controllate correlate

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1984

Emendamento del Pub. L. 98–369 efficace come se inclusa nelle modifiche apportate dalla sezione 2131 del Tax Reform Act del 1976, Pub. L. 94–455, vedere la sezione 722(f)(2) della Pub. L. 98–369, riportato come nota nella sezione 722 di questo titolo.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1976

Per la data di entrata in vigore della modifica apportata dal Pub. L. 94–455, vedere la sezione 2131(f)(3)–(5) della Pub. L. 94–455, riportato come nota nella sezione 721 di questo titolo.

§724. Carattere dell’utile o della perdita su crediti non realizzati conferiti, voci di magazzino e proprietà in perdita di capitale

(a) Conferimenti di crediti non realizzati

Nel caso di qualsiasi proprietà che:

(1) è stato apportato alla partnership da un partner, e

(2) era un credito non realizzato nelle mani di tale partner immediatamente prima di tale conferimento,

 

qualsiasi utile o perdita riconosciuta dalla partnership sulla disposizione di tale proprietà sarà trattata come reddito ordinario o perdita ordinaria, a seconda dei casi.

(b) Contributi di articoli di inventario

Nel caso di qualsiasi proprietà che:

(1) è stato apportato alla partnership da un partner, e

(2) era un articolo di inventario nelle mani di tale partner immediatamente prima di tale conferimento,

 

qualsiasi utile o perdita riconosciuta dalla partnership sulla disposizione di tale proprietà durante il periodo di 5 anni a partire dalla data di tale conferimento sarà trattata come reddito ordinario o perdita ordinaria, a seconda dei casi.

(c) Conferimenti di beni in conto capitale

Nel caso di qualsiasi proprietà che:

(1) è stato apportato da un partner alla partnership, e

(2) era un bene patrimoniale nelle mani di tale partner immediatamente prima di tale conferimento,

 

qualsiasi perdita riconosciuta dalla società sulla disposizione di tale proprietà durante il periodo di 5 anni a partire dalla data di tale conferimento sarà trattata come una perdita derivante dalla vendita di un bene patrimoniale nella misura in cui, immediatamente prima di tale conferimento, la rettifica base di tale proprietà nelle mani del partner superava il valore equo di mercato di tale proprietà.

(d) Definizioni

Ai fini di questa sezione:

(1) Credito non realizzato

Il termine “credito non realizzato” ha il significato attribuito a tale termine dalla sezione 751(c) (determinato trattando qualsiasi riferimento alla partnership come riferito al partner).

(2) Voce di inventario

Il termine “elemento di inventario” ha il significato attribuito a tale termine dalla sezione 751(d) (determinato trattando qualsiasi riferimento alla partnership come riferito al partner e applicando la sezione 1231 indipendentemente dal periodo di detenzione ivi previsto).

(3) Proprietà della base sostituita

(A) In generale

Se qualsiasi bene descritto nella sottosezione (a), (b) o (c) viene ceduto in un’operazione senza riconoscimento, il trattamento fiscale che si applica a tale bene ai sensi di tale sottosezione si applicherà anche a qualsiasi bene sostitutivo risultante da tale transazione. Una regola analoga si applica anche nel caso di una serie di operazioni di non riconoscimento.

(B) Eccezione per azioni di società C

Il comma (A) non si applica alle azioni di una società C ricevute in una borsa descritta nella sezione 351.

(Aggiunta Pub. L. 98–369, div. A, titolo I, §74(a), 18 luglio 1984, 98 Stat. 592; modificata Pub. L. 104–188, titolo I, §1704(t) (63), 20 agosto 1996, 110 Stat. 1890; Pub. L. 105–34, titolo X, §1062(b)(3), 5 agosto 1997, 111 Stat. 947.)

 

Note editoriali

Modifiche

1997 —Sottosez. (d)(2). Pub. L. 105–34 ha sostituito la “sezione 751 (d)” con la “sezione 751 (d) (2)”.

1996 —Sottosez. (d)(3)(B). Pub. L. 104–188 ha sostituito “comma” con “comma”.

 

Note statutarie e società controllate correlate

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1997

Pub. L. 105–34, titolo X, §1062(c), 5 agosto 1997, 111 Stat. 947, a condizione che:

“(1)Generalmente.—Le modifiche apportate da questa sezione [che modifica questa sezione e le sezioni 731, 732, 735 e 751 di questo titolo] si applicheranno alle vendite, agli scambi e alle distribuzioni dopo la data di entrata in vigore della presente legge [agosto 2019]. 5, 1997].

“(2)Contratti vincolanti.—Le modifiche apportate da questa sezione non si applicheranno a qualsiasi vendita o scambio ai sensi di un contratto scritto vincolante in vigore dall’8 giugno 1997 e in ogni momento successivo prima di tale vendita o scambio.”

Data effettiva

Pub. L. 98–369, div. A, titolo I, §74(d)(1), 18 luglio 1984, 98 Stat. 594, prevedeva che: “La modifica apportata dal comma (a) [in attuazione del presente articolo] si applica ai beni conferiti in una società di persone dopo il 31 marzo 1984, negli anni fiscali che terminano dopo tale data.”

Sottoparte B—Distribuzioni da parte di una partnership

Sez.
731.
Grado di riconoscimento dell’utile o della perdita derivante dalla distribuzione.
732.
Base della proprietà distribuita diversa dal denaro.
733.
Base dell’interesse del partner distributore.
734.
Adeguamento alla base della proprietà della partnership non distribuita in caso di elezione della sezione 754 o riduzione sostanziale della base.
735.
Carattere dell’utile o della perdita derivante dalla disposizione della proprietà distribuita.
736.
Pagamenti a favore di un partner uscente o del successore di un partner deceduto in termini di interessi.
737.
Riconoscimento dell’utile precontributivo in caso di determinate distribuzioni al socio contribuente.

 

Note editoriali

Modifiche

2004 — Pub. L. 108–357, titolo VIII, §833(c)(5)(B), 22 ottobre 2004, 118 Stat. 1592, ha sostituito “Adeguamento alla base dei beni di società non distribuiti in caso di elezione o riduzione sostanziale della base ai sensi della sezione 754” con “Adeguamento facoltativo alla base dei beni di società indivisi” alla voce 734.

1992 — Pub. L. 102–486, titolo XIX, §1937(b)(3), 24 ottobre 1992, 106 Stat. 3033, aggiunto punto 737.

§731. Grado di riconoscimento dell’utile o della perdita derivante dalla distribuzione

(a) Partner

In caso di distribuzione da parte di una società di persone a un socio:

(1) il guadagno non sarà riconosciuto a tale partner, tranne nella misura in cui il denaro distribuito supera la base rettificata dell’interesse di tale partner nella partnership immediatamente prima della distribuzione, e

(2) la perdita non sarà riconosciuta a tale socio, salvo nel caso in cui in caso di distribuzione in liquidazione dell’interesse di un socio in una partnership in cui a tale socio non viene distribuita alcuna proprietà diversa da quella descritta nel sottoparagrafo (A) o (B), la perdita sarà essere riconosciuto nella misura dell’eccesso della base rettificata dell’interesse di tale partner nella partnership rispetto alla somma di:

(A) qualsiasi somma di denaro distribuita, e

(B) la base per il distributore, come determinato ai sensi della sezione 732, di eventuali crediti non realizzati (come definito nella sezione 751(c)) e inventario (come definito nella sezione 751(d)).

 

Qualsiasi utile o perdita riconosciuta ai sensi della presente sottosezione sarà considerata come utile o perdita derivante dalla vendita o dallo scambio dell’interesse di partnership del partner distributore.

(b) Partenariati

Nessun guadagno o perdita sarà riconosciuto ad una partnership sulla distribuzione ad un partner di beni, compreso il denaro.

(c) Trattamento dei titoli negoziabili

(1) In generale

Ai fini della sottosezione (a)(1) e della sezione 737—

(A) il termine “denaro” comprende titoli negoziabili, e

(B) tali titoli saranno presi in considerazione al loro valore equo di mercato alla data della distribuzione.

(2) Titoli negoziabili

Ai fini di questa sottosezione:

(A) In generale

Con il termine “titoli negoziabili” si intendono gli strumenti finanziari e le valute estere che, alla data della distribuzione, sono attivamente negoziati (ai sensi della sezione 1092(d)(1)).

(B) Altri beni

Tale termine include:

(i) qualsiasi interesse in-

(I) un fondo fiduciario comune, o

(II) una società di investimento regolamentata che offre in vendita o ha in circolazione titoli rimborsabili (come definiti nella sezione 2(a)(32) dell’Investment Company Act del 1940) di cui è l’emittente,

 

(ii) qualsiasi strumento finanziario che, in base ai suoi termini o qualsiasi altro accordo, è facilmente convertibile in, o scambiabile con denaro o titoli negoziabili,

(iii) qualsiasi strumento finanziario il cui valore è determinato sostanzialmente facendo riferimento a titoli negoziabili,

(iv) salvo nella misura prevista dalle normative prescritte dal Segretario, qualsiasi interesse in un metallo prezioso che, alla data della distribuzione, è attivamente negoziato (ai sensi della sezione 1092(d)(1)), a meno che tale il metallo è stato prodotto, utilizzato o detenuto nella conduzione attiva di un’attività commerciale o aziendale da parte della società,

(v) salvo quanto diversamente previsto nei regolamenti prescritti dal Segretario, interessi in qualsiasi entità se sostanzialmente tutte le attività di tale entità consistono (direttamente o indirettamente) in titoli negoziabili, denaro o entrambi, e

(vi) nella misura prevista dalle norme prescritte dal Segretario, qualsiasi interesse in un’entità non descritta nella clausola (v), ma solo nella misura del valore di tale interesse che è attribuibile a titoli negoziabili, denaro o entrambi.

(C) Strumento finanziario

Il termine “strumento finanziario” comprende azioni e altri interessi azionari, prove di indebitamento, opzioni, contratti a termine o futures, contratti di capitale nozionale e derivati.

(3) Eccezioni

(A) In generale

Il paragrafo 1 non si applica alla distribuzione da parte di una società di titoli negoziabili a un partner se:

(i) il titolo è stato conferito alla partnership da tale partner, tranne nella misura in cui il valore del titolo distribuito è attribuibile a titoli negoziabili o denaro conferito (direttamente o indirettamente) all’entità a cui si riferisce il titolo distribuito,

(ii) nella misura prevista dalle norme prescritte dal Segretario, la proprietà non era un titolo commerciabile al momento dell’acquisizione da parte di tale partnership, o

(iii) tale partnership è una partnership di investimento e tale partner è un partner idoneo della stessa.

(B) Limitazione della plusvalenza riconosciuta

In caso di distribuzione di titoli negoziabili a un partner, l’importo preso in considerazione ai sensi del paragrafo (1) sarà ridotto (ma non inferiore a zero) dell’eccesso (se presente) di:

(i) la quota distributiva di tale socio dell’utile netto che sarebbe riconosciuto se tutti i titoli negoziabili della stessa classe ed emittente dei titoli distribuiti detenuti dalla partnership fossero venduti (immediatamente prima dell’operazione a cui si riferisce la distribuzione) da parte del partnership per un giusto valore di mercato, passo

(ii) la quota distributiva di tale partner dell’utile netto attribuibile ai titoli negoziabili della stessa classe ed emittente dei titoli distribuiti detenuti dalla partnership immediatamente dopo la transazione, determinata utilizzando lo stesso valore equo di mercato utilizzato ai sensi della clausola ( io).

 

Secondo i regolamenti prescritti dal Segretario, tutti i titoli negoziabili detenuti dalla partnership possono essere trattati come titoli negoziabili della stessa classe ed emittente dei titoli distribuiti.

(C) Definizioni relative alle partnership di investimento

Ai fini del sottoparagrafo (A)(iii):

(i) Partenariato per gli investimenti

Il termine “partnership di investimento” indica qualsiasi partnership che non sia mai stata impegnata in un’attività commerciale o imprenditoriale e sostanzialmente tutte le attività (in termini di valore) di cui sono sempre costituite:

(io) soldi,

(II) azioni di una società,

(III) cambiali, obbligazioni, obbligazioni di garanzia o altre prove di indebitamento,

(IV) contratti su capitale nozionale su tassi di interesse, valute o azioni,

(V) valute estere,

(VI) interessi in o strumenti finanziari derivati ​​(incluse opzioni, contratti a termine o futures, posizioni corte e strumenti finanziari simili) in qualsiasi attività descritta in qualsiasi altra sottoclausola di questa clausola o in qualsiasi merce negoziata o soggetta alle regole di un commissione di commercio o borsa merci,

(VII) altri beni indicati nei regolamenti prescritti dal Segretario, ovvero

(VIII) qualsiasi combinazione di quanto sopra.

(ii) Eccezione per determinate attività

Una società di persone non può essere trattata come impegnata in un’attività commerciale o imprenditoriale a causa di:

(I) qualsiasi attività intrapresa come investitore, commerciante o intermediario in qualsiasi attività descritta nella clausola (i), o

(II) ogni altra attività prevista dai regolamenti prescritti dal Segretario.

(iii) Partner idoneo

(I) In generale

Il termine “socio ammissibile” indica qualsiasi socio che, prima della data della distribuzione , non ha apportato alla società beni diversi dai beni descritti nella clausola (i).

(II) Eccezione per alcune operazioni di non riconoscimento

Il termine “partner idoneo” non include il cedente o il cessionario in un’operazione di non riconoscimento che comporta il trasferimento di qualsiasi parte di un interesse in una partnership rispetto alla quale il cedente non era un partner idoneo.

(iv) Analisi dei livelli di partnership

Salvo quanto diversamente previsto dai regolamenti prescritti dal Segretario:

(I) una partnership sarà considerata impegnata in qualsiasi attività commerciale o imprenditoriale intrapresa da, e come detentrice (invece di un interesse di partnership) di una quota proporzionale delle attività di, qualsiasi altra partnership in cui la partnership detiene un interesse di partnership, e

(II) un socio che apporta ad una società una partecipazione in un’altra società sarà considerato come se apportasse una quota proporzionale del patrimonio dell’altra società.

 

 Se la frase precedente non si applica ai sensi di tali regolamenti rispetto a qualsiasi interesse detenuto da una partnership in un’altra partnership, l’interesse in tale altra partnership sarà trattato come se fosse specificato in una sottoclausola della clausola (i).

(4) Base dei titoli distribuiti

(A) In generale

La base dei titoli negoziabili rispetto ai quali è riconosciuto il guadagno ai sensi della presente sottosezione sarà:

(i) la loro base determinata ai sensi della sezione 732, aumentata di

(ii) l’importo di tale plusvalenza.

(B) Ripartizione dell’aumento base

Qualsiasi aumento della base attribuibile alla plusvalenza descritta al sottoparagrafo (A)(ii) sarà assegnato ai titoli negoziabili in proporzione ai rispettivi importi di plusvalenza non realizzata prima di tale aumento.

(5) Sottosezione ignorata nella determinazione della base dell’interesse del partner nella partnership e della base della proprietà della partnership

Le sezioni 733 e 734 saranno applicate come se non fosse stato riconosciuto alcun guadagno e non fosse stato apportato alcun aggiustamento alla base della proprietà, ai sensi di questa sottosezione.

(6) Carattere del guadagno riconosciuto

Nel caso di una distribuzione di un titolo negoziabile che sia un credito non realizzato (come definito nella sezione 751(c)) o un elemento di inventario (come definito nella sezione 751(d)), qualsiasi utile riconosciuto ai sensi di questa sottosezione sarà trattato come reddito ordinario nella misura di qualsiasi aumento della base di tale titolo attribuibile alla plusvalenza descritta al paragrafo (4)(A)(ii).

(7) Regolamenti

Il Segretario prescriverà le norme che potrebbero essere necessarie o appropriate per realizzare gli scopi di questa sottosezione, comprese le norme per impedire l’elusione di tali scopi.

(d) Eccezioni

Questa sezione non si applica nella misura altrimenti prevista dalla sezione 736 (relativa ai pagamenti a un partner uscente o al successore di un partner defunto), sezione 751 (relativa a crediti non realizzati e voci di inventario) e sezione 737 (relativa al riconoscimento di plusvalenza precontributiva in caso di determinate distribuzioni).

(16 agosto 1954, cap. 736, 68A Stat. 245; Pub. L. 102–486, titolo XIX, §1937(b)(2), 24 ottobre 1992, 106 Stat. 3033; Pub. L 103–465, titolo VII, §741(a), 8 dicembre 1994, 108 Stat. 5006; Pub. L. 105–34, titolo X, §1062(b)(3), 5 agosto 1997 , 111 Stat. 947.)

 

Note editoriali

Riferimenti nel testo

La sezione 2(a)(32) dell’Investment Company Act del 1940, di cui alla sottosezione. (c)(2)(B)(i)(II), è classificato nella sezione 80a–2(a)(32) del Titolo 15, Commercio.

Modifiche

1997 —Sottosec. (a)(2)(B), (c)(6). Pub. L. 105–34 ha sostituito la “sezione 751 (d)” con la “sezione 751 (d) (2)”.

1994 —Sottosec. (CD). Pub. L. 103–465 ha aggiunto il sottosezione. (c) e rinominato ex sottosezione. (c) come (d).

1992 —Sottosez. (C). Pub. L. 102–486 ha sostituito “, articolo 751” con “e articolo 751” e inserito prima della fine del periodo “, e articolo 737 (relativo al riconoscimento dell’utile precontributivo in caso di determinate distribuzioni)”.

 

Note statutarie e società controllate correlate

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1997

Emendamento del Pub. L. 105–34 applicabile a vendite, scambi e distribuzioni dopo il 5 agosto 1997, ma non applicabile a qualsiasi vendita o scambio ai sensi di un contratto scritto vincolante in vigore dall’8 giugno 1997 e in ogni momento successivo prima di tale vendita o scambio, vedere la sezione 1062(c) della Pub. L. 105–34, riportato come nota nella sezione 724 del presente titolo.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1994

Pub. L. 103–465, titolo VII, §741(c), 8 dicembre 1994, 108 Stat. 5009, a condizione che:

“(1)Generalmente.—Salvo quanto diversamente previsto in questa sottosezione, le modifiche apportate da questa sezione [che modifica questa sezione e la sezione 737 di questo titolo] si applicheranno alle distribuzioni successive alla data di entrata in vigore della presente legge [Dic. 8, 1994].

“(2)Alcune distribuzioni prima del 1 gennaio 1995.—Le modifiche apportate da questa sezione non si applicheranno a qualsiasi titolo negoziabile distribuito prima del 1 gennaio 1995 dalla società che deteneva tale titolo il 27 luglio 1994.

“(3)Distribuzioni in liquidazione degli interessi del socio.—Le modifiche apportate da questa sezione non si applicano alla distribuzione di un titolo negoziabile in liquidazione dell’interesse di un socio in una partnership se—

“(A) tale liquidazione avviene ai sensi di un contratto scritto vincolante il 15 luglio 1994 e in ogni momento successivo prima della distribuzione, e

“(B) tale contratto prevede l’acquisto di tali interessi entro una data certa per:

“(i) un valore fisso di titoli negoziabili specificati nel contratto, o

“(ii) altri beni.

La frase precedente non si applica se il socio ha il diritto di scegliere che la distribuzione non avvenga in titoli negoziabili.

“(4)Distribuzioni in completa liquidazione di partnership quotate in borsa.—

“(UN)Generalmente.—Le modifiche apportate da questa sezione non si applicano alla distribuzione di un titolo negoziabile in una liquidazione di partnership qualificata se—

“(i) i titoli negoziabili sono stati ricevuti dalla società in un’operazione di non riconoscimento in cambio sostanzialmente di tutti i beni della società,

“(ii) i titoli negoziabili sono distribuiti dalla società entro 90 giorni dal loro ricevimento da parte della società, e

“(iii) la società viene liquidata prima dell’inizio del primo anno fiscale della società che inizia dopo il 31 dicembre 1997.

“(B)Liquidazione società qualificata.—Ai fini del comma (A), il termine “liquidazione della società qualificata” significa:

“(i) una liquidazione completa di una partnership quotata in borsa (come definita nella sezione 7704(b) dell’Internal Revenue Code del 1986) che è una partnership esistente (come definita nella sezione 10211(c)(2) del Revenue Act del 1987 [Pub. L. 100–203, indicata come nota sulla data di entrata in vigore nella sezione 7704 di questo titolo]), e

“(ii) una liquidazione completa di una partnership collegata a una partnership descritta nella clausola (i) se tale liquidazione è correlata a una liquidazione completa della partnership descritta nella clausola (i).

“(5)Titoli negoziabili.—Ai fini di questa sottosezione, il termine “titoli negoziabili” ha il significato attribuito a tale termine dalla sezione 731(c) dell’Internal Revenue Code del 1986, come aggiunto da questa sezione.”

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1992

Emendamento del Pub. L. 102–486 applicabile alle distribuzioni a partire dal 25 giugno 1992, vedere la sezione 1937(c) della Pub. L. 102–486, riportato come nota nella sezione 704 di questo titolo.

§732. Base della proprietà distribuita diversa dal denaro

(a) Distribuzioni diverse dalla liquidazione della partecipazione di un partner

(1) Regola generale

La base della proprietà (diversa dal denaro) distribuita da una partnership a un partner diverso da quello in liquidazione degli interessi del partner, salvo quanto previsto al paragrafo (2), costituirà la base adeguata alla partnership immediatamente prima di tale distribuzione.

(2) Limitazione

La base per il socio distributore della proprietà a cui si applica il paragrafo (1) non dovrà superare la base rettificata dell’interesse di tale socio nella partnership ridotta dell’eventuale denaro distribuito nella stessa transazione.

(b) Distribuzioni in liquidazione

La base di proprietà (diversa dal denaro) distribuita da una partnership a un partner in liquidazione degli interessi del partner sarà un importo pari alla base rettificata dell’interesse di tale partner nella partnership ridotto di qualsiasi denaro distribuito nella stessa transazione.

(c) Assegnazione della base

(1) In generale

La base delle proprietà distribuite a cui si applica la sottosezione (a)(2) o (b) sarà assegnata:

(A)(i) innanzitutto a eventuali crediti non realizzati (come definiti nella sezione 751(c)) e articoli di inventario (come definiti nella sezione 751(d)) per un importo pari alla base rettificata di ciascuna di tali proprietà della partnership, E

(ii) se la base da assegnare è inferiore alla somma delle basi rettificate di tali proprietà alla partnership, allora, nella misura in cui qualsiasi diminuzione sia necessaria per avere le basi rettificate di tali proprietà pari alla base da assegnare , secondo le modalità previste al paragrafo (3), e

(B) nella misura di qualsiasi base rimanente dopo l’assegnazione di cui al sottoparagrafo (A), ad altre proprietà distribuite:

(i) innanzitutto assegnando a ciascuna di tali altre proprietà la base rettificata di tale altra proprietà per la partnership, e

(ii) allora, nella misura in cui qualsiasi aumento o diminuzione della base sia necessario per far sì che le basi corrette di tali altre proprietà distribuite equivalgano a tale base rimanente, nel modo previsto nel paragrafo (2) o (3), a seconda di quale sia appropriato .

(2) Modalità di ripartizione dell’incremento

Qualsiasi aumento richiesto ai sensi del paragrafo (1)(B) sarà ripartito tra le proprietà:

(A) innanzitutto agli immobili con plusvalenza non realizzata in proporzione ai rispettivi importi di plusvalenza non realizzata prima di tale aumento (ma solo nella misura della plusvalenza non realizzata di ciascuna proprietà), e

(B) quindi, nella misura in cui tale aumento non è assegnato ai sensi del sottoparagrafo (A), in proporzione ai rispettivi valori equi di mercato.

(3) Modalità di ripartizione del decremento

Qualsiasi diminuzione richiesta ai sensi del paragrafo (1)(A) o (1)(B) sarà assegnata:

(A) prima agli immobili con svalutazione non realizzata in proporzione ai rispettivi importi di svalutazione non realizzata prima di tale diminuzione (ma solo nella misura della svalutazione non realizzata di ciascuna proprietà), e

(B) quindi, nella misura in cui tale diminuzione non è allocata ai sensi del sottoparagrafo (A), in proporzione alle rispettive basi corrette (come rettificate ai sensi del sottoparagrafo (A)).

(d) Base di partenariato speciale per il cessionario

Ai fini dei commi (a), (b) e (c), un partner che ha acquisito tutto o parte del suo interesse mediante un trasferimento rispetto al quale l’elezione prevista nella sezione 754 non è in vigore, e al quale a la distribuzione di beni (diversi dal denaro) viene effettuata rispetto agli interessi trasferiti entro 2 anni dopo tale trasferimento, può scegliere, secondo i regolamenti prescritti dal Segretario, di considerare come base di partnership rettificata di tale proprietà la base rettificata che tale proprietà avrebbe se l’adeguamento previsto nella sezione 743 (b) fosse in vigore rispetto alla proprietà dell’associazione. Il Segretario può mediante regolamento richiedere l’applicazione di questa sottosezione in caso di distribuzione a un socio cessionario, effettuata o meno entro 2 anni dal trasferimento,

(e) Eccezione

Questa sezione non si applica nella misura in cui una distribuzione è trattata come una vendita o uno scambio di proprietà ai sensi della sezione 751(b) (relativa a crediti non realizzati e voci di inventario).

(f) Corrispondente aggiustamento alla base patrimoniale di una società distribuita controllata da un partner aziendale

(1) In generale

Se-

(A) una società (di seguito in questa sottosezione denominata “società societaria”) riceve una distribuzione da una partnership di azioni di un’altra società (di seguito in questa sottosezione denominata “società distribuita”),

(B) il partner aziendale ha il controllo della società distribuita immediatamente dopo la distribuzione o in qualsiasi momento successivo, e

(C) la base rettificata della partnership in tali azioni immediatamente prima della distribuzione ha superato la base rettificata del socio aziendale in tali azioni immediatamente dopo la distribuzione,

 

allora un importo pari a tale eccesso sarà applicato per ridurre (in conformità con la sottosezione (c)) la base di proprietà detenuta dalla società distribuita in quel momento (o, se il partner aziendale non controlla la società distribuita in quel momento, nel momento in cui il socio aziendale detiene per primo tale controllo).

(2) Eccezione per alcune distribuzioni prima dell’acquisizione del controllo

Il paragrafo (1) non si applica a qualsiasi distribuzione di azioni nella società distribuita se:

(A) il partner aziendale non ha il controllo di tale società immediatamente dopo tale distribuzione, e

(B) il partner aziendale dimostra con soddisfazione del Segretario che tale distribuzione non faceva parte di un piano o di un accordo per acquisire il controllo della società distribuita.

(3) Limitazioni alla riduzione base

(A) In generale

L’importo della riduzione di cui al paragrafo (1) non deve superare l’importo per il quale la somma delle basi aggregate aggregate della proprietà e l’importo di denaro della società distribuita supera la base rettificata del partner aziendale nelle azioni della società distribuita.

(B) Riduzione non superiore alla base patrimoniale rettificata

Nessuna riduzione ai sensi del paragrafo (1) nella base di qualsiasi proprietà dovrà superare la base rettificata di tale proprietà (determinata senza tener conto di tale riduzione).

(4) Ottenere il riconoscimento laddove la riduzione è limitata

Se l’importo di qualsiasi riduzione ai sensi del paragrafo (1) (determinato dopo l’applicazione del paragrafo (3)(A)) supera le basi aggregate corrette della proprietà della società distribuita:

(A) tale eccedenza sarà riconosciuta dal socio aziendale come plusvalenza a lungo termine, e

(B) la base rettificata del socio aziendale nelle azioni della società distribuita sarà aumentata di tale eccesso.

(5) Controllo

Ai fini di questa sottosezione, il termine “controllo” indica la proprietà di azioni che soddisfano i requisiti della sezione 1504(a)(2).

(6) Distribuzioni indirette

Ai fini del paragrafo (1), se una società acquisisce (tranne che in una distribuzione da una partnership) azioni la cui base è determinata (a causa della distribuzione da una partnership) in tutto o in parte facendo riferimento alla sottosezione (a )(2) o (b), la società sarà considerata come se ricevesse una distribuzione di tali azioni da una partnership.

(7) Norma speciale per le azioni di società controllate

Se la proprietà detenuta da una società distribuita è costituita da azioni di una società controllata dalla società distribuita, questa sottosezione sarà applicata per ridurre la base della proprietà di tale società controllata. Questa sottosezione sarà riapplicata a qualsiasi proprietà di qualsiasi società controllata che sia azioni di una società da essa controllata.

(8) Regolamenti

Il Segretario prescriverà le norme che potrebbero essere necessarie per realizzare gli scopi di questa sottosezione, comprese le norme per evitare doppi conteggi e per prevenire l’abuso di tali scopi.

(16 agosto 1954, cap. 736, 68A Stat. 246; Pub. L. 94–455, titolo XIX, §1906(b)(13)(A), 4 ottobre 1976, 90 Stat. 1834; Pub. L. 105–34, titolo X, §§1061(a), 1062(b)(3), 5 agosto 1997, 111 Stat. 945, 947 Pub. L. 106–170, titolo V, §538(a), 17 dicembre 1999, 113 Stat. 1939.)

 

Note editoriali

Modifiche

1999 —Sottosez. (F). Pub. L. 106–170 ha aggiunto il sottosezione. (F).

1997 —Sottosez. (C). Pub. L. 105–34, §1061(a), titolo e testo modificati del sottosez. (c) in generale. Prima della modifica, il testo recitava come segue: “La base delle proprietà distribuite a cui si applica la sottosezione (a)(2) o la sottosezione (b) sarà assegnata:

“(1) innanzitutto a qualsiasi credito non realizzato (come definito nella sezione 751(c)) e articoli di inventario (come definito nella sezione 751(d)(2)) per un importo pari alla base rettificata di ciascuna di tali proprietà della partnership (o se la base da assegnare è inferiore alla somma delle basi rettificate di tali proprietà alla partnership, in proporzione a tali basi), e

“(2) nella misura di qualsiasi base rimanente, a qualsiasi altra proprietà distribuita in proporzione alle loro basi adeguate alla partnership.”

Sottosez. (c)(1)(A)(i). Pub. L. 105–34, §1062(b)(3), ha sostituito la “sezione 751(d)” con la “sezione 751(d)(2)”.

1976 —Sottosez. (D). Pub. L. 94–455 viene cancellato “o il suo delegato” dopo “Segretario”.

 

Note statutarie e società controllate correlate

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1999

Pub. L. 106–170, titolo V, §538(b), 17 dicembre 1999, 113 Stat. 1940, a condizione che:

“(1)Generalmente.—Ad eccezione di quanto previsto nel paragrafo (2), la modifica apportata da questa sezione [che modifica questa sezione] si applicherà alle distribuzioni effettuate dopo il 14 luglio 1999.

“(2)Partnership in essere al 14 luglio 1999.—Nel caso di una società che è partner di una società di persone dal 14 luglio 1999, la modifica apportata da questa sezione si applicherà a qualsiasi distribuzione effettuata (o trattata come effettuata) a tale partner da tale società di persone dopo il 30 giugno , 2001, salvo che il presente paragrafo non si applicherà a qualsiasi distribuzione successiva alla data di entrata in vigore della presente legge [dicembre 2001]. 17, 1999] a meno che il partner non scelga di applicare il presente paragrafo a tale distribuzione sulla dichiarazione dell’imposta federale sul reddito del partner per l’anno fiscale in cui avviene tale distribuzione.”

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1997

Pub. L. 105–34, titolo X, §1061(b), 5 agosto 1997, 111 Stat. 946, prevedeva che: “La modifica apportata dal comma (a) [che modifica questa sezione] si applicherà alle distribuzioni successive alla data di entrata in vigore della presente legge [5 agosto 1997].”

Modifica mediante la sezione 1062(b)(3) della Pub. L. 105–34 applicabile a vendite, scambi e distribuzioni dopo il 5 agosto 1997, ma non applicabile a qualsiasi vendita o scambio ai sensi di un contratto scritto vincolante in vigore dall’8 giugno 1997 e in ogni momento successivo prima di tale vendita o scambio, vedere la sezione 1062(c) della Pub. L. 105–34, riportato come nota nella sezione 724 del presente titolo.

§733. Base dell’interesse del partner distributore

Nel caso di una distribuzione da parte di una partnership a un partner diversa dalla liquidazione della partecipazione di un partner, la base adeguata a tale partner della sua partecipazione nella partnership sarà ridotta (ma non inferiore a zero) di:

(1) l’importo del denaro distribuito a tale partner e

(2) l’importo della base spettante a tale partner in termini di beni distribuiti diversi dal denaro, come determinato ai sensi della sezione 732.

(16 agosto 1954, cap. 736, 68A Stat. 247.)

§734. Adeguamento alla base della proprietà della partnership non distribuita in caso di elezione della sezione 754 o riduzione sostanziale della base

(a) Regola generale

La base della proprietà dell’unione non può essere modificata a seguito di una distribuzione della proprietà a un partner a meno che l’elezione, prevista nella sezione 754 (relativa all’adeguamento facoltativo della base della proprietà dell’unione), sia in vigore rispetto a tale unione o a meno che vi è una riduzione sostanziale della base rispetto a tale distribuzione.

(b) Metodo di adeguamento

Nel caso di distribuzione della proprietà a un partner da parte di una partnership rispetto alla quale è in vigore l’elezione prevista nella sezione 754 o rispetto alla quale vi è una riduzione sostanziale della base, la partnership dovrà:

(1) aumentare la base rettificata della proprietà della partnership di:

(A) l’importo di qualsiasi utile riconosciuto al partner distributivo rispetto a tale distribuzione ai sensi della sezione 731(a)(1), e

(B) nel caso di proprietà distribuita a cui si applica la sezione 732(a)(2) o (b), l’eccedenza della base modificata della proprietà distribuita alla partnership immediatamente prima della distribuzione (come adeguato dalla sezione 732(d )) sulla base della proprietà distribuita al distributore, come determinato ai sensi della sezione 732, o

 

(2) diminuire la base rettificata della proprietà della partnership di:

(A) l’importo di qualsiasi perdita riconosciuta al partner distributivo rispetto a tale distribuzione ai sensi della sezione 731(a)(2), e

(B) nel caso di proprietà distribuita a cui si applica la sezione 732(b), l’eccedenza della base della proprietà distribuita al distributore, come determinato ai sensi della sezione 732, rispetto alla base rettificata della proprietà distribuita alla partnership immediatamente prima tale distribuzione (come modificata dalla sezione 732(d)).

 

Il paragrafo (1)(B) non si applica a qualsiasi proprietà distribuita che costituisca un interesse in un’altra partnership rispetto alla quale l’elezione prevista nella sezione 754 non è in vigore.

(c) Assegnazione della base

L’assegnazione della base tra le proprietà della partnership laddove è applicabile la sottosezione (b) deve essere effettuata in conformità con le regole previste nella sezione 755.

(d) Riduzione sostanziale della base

(1) In generale

Ai fini di questa sezione, è prevista una sostanziale riduzione della base rispetto a una distribuzione se la somma degli importi descritti nei sottoparagrafi (A) e (B) della sottosezione (b)(2) supera $ 250.000.

(2) Regolamenti

Per i regolamenti relativi all’attuazione di questa sottosezione, vedere la sezione 743 (d) (2).

(e) Eccezione per le partnership di cartolarizzazione

Ai fini della presente sezione, una partnership di cartolarizzazione (come definita nella sezione 743(f)) non sarà considerata come avente una riduzione sostanziale rispetto a qualsiasi distribuzione di proprietà a un partner.

(16 agosto 1954, cap. 736, 68A Stat. 247; Pub. L. 98–369, div. A, titolo I, §78(a), 18 luglio 1984, 98 Stat. 597; Pub. L 108–357, titolo VIII, §833(c)(1)–(5)(A), 22 ottobre 2004, 118 Stat. 1591, 1592; Pub. L. 109–135, titolo IV, §403 (bb), 21 dicembre 2005, 119 Stat. 2630.)

 

Note editoriali

Modifiche

2005 —Sottosez. (UN). Pub. L. 109–135, §403(bb)(1), inserito “rispetto a tale distribuzione” prima del periodo alla fine.

Sottosez. (B). Pub. L. 109–135, §403(bb)(2), titolo rievocato senza modifiche e disposizioni introduttive modificate in generale. Prima della modifica, le disposizioni introduttive recitano come segue: “In caso di distribuzione della proprietà a un partner, una società di persone, rispetto alla quale è in vigore l’elezione prevista nella sezione 754 o a meno che non vi sia una riduzione sostanziale della base, dovrà: “.

2004 — Pub. L. 108–357, §833(c)(5)(A), ha sostituito “Adeguamento alla base della proprietà di partnership non distribuita in caso di elezione della sezione 754 o riduzione sostanziale della base” con “Adeguamento facoltativo alla base di proprietà di partnership non distribuita” nella catchline della sezione .

Sottosez. (UN). Pub. L. 108–357, §833(c)(1), inserito “o a meno che non vi sia una sostanziale riduzione della base” prima della fine del periodo.

Sottosez. (B). Pub. L. 108–357, §833(c)(2), inserito “o a meno che non vi sia una sostanziale riduzione della base” dopo “la sezione 754 è in vigore” nelle disposizioni introduttive.

Sottosez. (D). Pub. L. 108–357, §833(c)(3), aggiunto sottosez. (D).

Sottosez. (e). Pub. L. 108–357, §833(c)(4), aggiunto sottosez. (e).

1984 —Sottosez. (B). Pub. L. 98–369 inserito alla fine “Il paragrafo (1)(B) non si applica a qualsiasi proprietà distribuita che costituisca un interesse in un’altra partnership rispetto alla quale l’elezione prevista nella sezione 754 non è in vigore.”

 

Note statutarie e società controllate correlate

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 2005

Emendamento del Pub. L. 109–135 efficace come se inclusa nella disposizione dell’American Jobs Creation Act del 2004, Pub. L. 108–357, a cui si riferisce tale modifica, vedere la sezione 403 (nn) della Pub. L. 109–135, riportato come nota nella sezione 26 del presente titolo.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 2004

Pub. L. 108–357, titolo VIII, §833(d)(3), 22 ottobre 2004, 118 Stat. 1592, prevedeva che: “Le modifiche apportate dal comma (c) [che modifica il presente articolo] si applicano alle distribuzioni successive alla data di entrata in vigore della presente legge [22 ottobre 2004].”

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1984

Pub. L. 98–369, div. A, titolo I, §78(b), 18 luglio 1984, 98 Stat. 597, prevedeva che: “La modifica apportata dal comma (a) [che modifica il presente articolo] si applicherà alle distribuzioni successive al 1° marzo 1984, negli anni fiscali che terminano dopo tale data.”

§735. Carattere dell’utile o della perdita derivante dalla disposizione della proprietà distribuita

(a) Vendita o scambio di determinate proprietà distribuite

(1) Crediti non realizzati

L’utile o la perdita derivanti dalla cessione da parte di un partner distributivo di crediti non realizzati (come definiti nella sezione 751(c)) distribuiti da una partnership, saranno considerati reddito ordinario o perdita ordinaria, a seconda dei casi.

(2) Articoli di inventario

L’utile o la perdita sulla vendita o sullo scambio da parte di un partner distributivo di articoli di inventario (come definito nella sezione 751(d)) distribuiti da una partnership, se venduti o scambiati entro 5 anni dalla data della distribuzione, saranno considerati reddito ordinario o come perdita ordinaria, a seconda dei casi.

(b) Periodo di detenzione per la proprietà distribuita

Nel determinare il periodo per il quale un socio ha detenuto i beni ricevuti in una distribuzione da una partnership (eccetto per gli scopi della sottosezione (a)(2)), deve essere incluso il periodo di detenzione della partnership, come determinato ai sensi della sezione 1223, rispetto a tale proprietà.

(c) Norme speciali

(1) Rinuncia ai periodi di detenzione contenuti nella sezione 1231

Ai fini di questa sezione, la sezione 751(d) (che definisce l’articolo di inventario) si applica indipendentemente dal periodo di detenzione nella sezione 1231(b).

(2) Proprietà della base sostituita

(A) In generale

Se qualsiasi bene descritto nella sottosezione (a) viene ceduto in un’operazione senza riconoscimento, il trattamento fiscale che si applica a tale bene ai sensi di tale sottosezione si applicherà anche a qualsiasi bene sostitutivo risultante da tale transazione. Una regola analoga si applica anche nel caso di una serie di operazioni di non riconoscimento.

(B) Eccezione per azioni di società C

Il comma (A) non si applica alle azioni di una società C ricevute in una borsa descritta nella sezione 351.

(16 agosto 1954, cap. 763, 68A Stat. 247; Pub. L. 94–455, titolo XIX, §1901(b)(3)(D), 4 ottobre 1976, 90 Stat. 1792; Pub. L. 98–369, div. A, titolo I, §74(b), 18 luglio 1984, 98 Stat. 593; Pub. L. 105–34, titolo X, §1062(b)(3) , 5 agosto 1997, 111 Stat. 947.)

 

Note editoriali

Modifiche

1997 —Sottosec. (a)(2), (c)(1). Pub. L. 105–34 ha sostituito la “sezione 751 (d)” con la “sezione 751 (d) (2)”.

1984 —Sottosez. (C). Pub. L. 98–369 ha aggiunto il comma. (C).

1976 —Sottosez. (a)(1), (2). Pub. L. 94–455 ha sostituito “come reddito ordinario o come perdita ordinaria, a seconda dei casi” con “utile o perdita derivante dalla vendita o dallo scambio di beni diversi da un bene patrimoniale”.

 

Note statutarie e società controllate correlate

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1997

Emendamento del Pub. L. 105–34 applicabile a vendite, scambi e distribuzioni dopo il 5 agosto 1997, ma non applicabile a qualsiasi vendita o scambio ai sensi di un contratto scritto vincolante in vigore dall’8 giugno 1997 e in ogni momento successivo prima di tale vendita o scambio, vedere la sezione 1062(c) della Pub. L. 105–34, riportato come nota nella sezione 724 del presente titolo.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1984

Pub. L. 98–369, div. A, titolo I, §74(d)(2), 18 luglio 1984, 98 Stat. 594, prevedeva che: “La modifica apportata dal comma (b) [che modifica il presente articolo] si applica ai beni distribuiti dopo il 31 marzo 1984, negli anni imponibili che terminano dopo tale data.”

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1976

Emendamento del Pub. L. 94–455 in vigore per gli anni imponibili che iniziano dopo il 31 dicembre 1976, vedere la sezione 1901 (d) della Pub. L. 94–455, riportato come nota nella sezione 2 del presente titolo.

§736. Pagamenti a favore di un partner uscente o del successore di un partner deceduto in termini di interessi

(a) Pagamenti considerati come quota distributiva o pagamento garantito

I pagamenti effettuati in liquidazione degli interessi di un partner uscente o deceduto, salvo quanto previsto nella sottosezione (b), saranno considerati:

(1) come quota di distribuzione al destinatario del reddito della partnership se il suo importo è determinato in riferimento al reddito della partnership, o

(2) come pagamento garantito descritto nella sezione 707(c) se il suo importo è determinato indipendentemente dal reddito della partnership.

(b) Pagamenti per interessi nella partnership

(1) Regola generale

I pagamenti effettuati in liquidazione degli interessi di un partner uscente o di un partner deceduto, nella misura in cui tali pagamenti (diversi dai pagamenti descritti nel paragrafo (2)) sono stabiliti, secondo le norme prescritte dal Segretario, devono essere effettuati in cambio del l’interesse di tale socio nei beni della società deve essere considerato come una distribuzione da parte della società e non come una quota distributiva o un pagamento garantito ai sensi della sottosezione (a).

(2) Regole speciali

Ai fini della presente sottosezione, i pagamenti in cambio di un interesse nella proprietà della partnership non includeranno gli importi pagati per:

(A) crediti non realizzati della partnership (come definito nella sezione 751(c)), o

(B) buona volontà della società, salvo nella misura in cui l’accordo di società preveda un pagamento in relazione alla buona volontà.

(3) Limitazione all’applicazione del paragrafo (2)

Il paragrafo (2) si applica solo se:

(A) il capitale non è un fattore materiale di produzione di reddito per la partnership, e

(B) il socio uscente o deceduto era socio accomandatario della società.

(16 agosto 1954, cap. 736, 68A Stat. 248; Pub. L. 94–455, titolo XIX, §1906(b)(13)(A), 4 ottobre 1976, 90 Stat. 1834; Pub. L. 95–600, titolo VII, §701(u)(13)(B), 6 novembre 1978, 92 Stat. 2918 Pub. L. 103–66, titolo XIII, §13262(a) , (b)(2)(B), 10 agosto 1993, 107 Stat. 541.)

 

Note editoriali

Modifiche

1993 —Sottosez. (b)(3). Pub. L. 103–66, §13262(a), aggiunto par. (3).

Sottosez. (C). Pub. L. 103–66, §13262(b)(2)(B), titolo e testo del sottosezione cancellati. (C). Il testo recita come segue: “Per la limitazione dell’imposta attribuibile a determinati utili connessi alle azioni della sezione 1248, vedere la sezione 751 (e).”

1978 —Sottosez. (C). Pub. L. 95–600 aggiunto sottosec. (C).

1976 —Sottosez. (b)(1). Pub. L. 94–455 viene cancellato “o il suo delegato” dopo “Segretario”.

 

Note statutarie e società controllate correlate

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1993

Pub. L. 103–66, titolo XIII, §13262(c), 10 agosto 1993, 107 Stat. 541, a condizione che:

“(1)Generalmente.—Le modifiche apportate da questa sezione [che modifica questa sezione e la sezione 751 di questo titolo] si applicheranno nel caso di pensionamento o morte dei partner a partire dal 5 gennaio 1993.

“(2)Eccezione contrattuale vincolante.—Le modifiche apportate da questa sezione non si applicheranno a nessun partner che va in pensione a partire dal 5 gennaio 1993, se un contratto scritto per l’acquisto della partecipazione di tale partner nella partnership era vincolante il 4 gennaio 1993, e in ogni momento successivo prima di tale acquistare.”

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1978

Emendamento del Pub. L. 95–600 applicabile ai trasferimenti a partire dal 9 ottobre 1975 e alle vendite, scambi e distribuzioni avvenute dopo il 9 ottobre 1975, vedere la sezione 701(u)(13)(C) della Pub. L. 95–600, riportato in nota alla sezione 751 del presente titolo.

§737. Riconoscimento dell’utile precontributivo in caso di determinate distribuzioni al socio contribuente

(a) Regola generale

In caso di distribuzione da parte di una società di persone a un socio, tale socio sarà considerato come se riconoscesse una plusvalenza per un importo pari al minore tra:

(1) l’eccedenza (se presente) di (A) il valore equo di mercato della proprietà (diversa dal denaro) ricevuta nella distribuzione rispetto a (B) la base rettificata dell’interesse di tale socio nella partnership immediatamente prima della distribuzione ridotta (ma non sotto lo zero) per l’importo di denaro ricevuto nella distribuzione, o

(2) il guadagno netto precontributivo del partner.

 

Il guadagno riconosciuto ai sensi della frase precedente sarà in aggiunta a qualsiasi guadagno riconosciuto ai sensi della sezione 731. Il carattere di tale guadagno sarà determinato facendo riferimento al carattere proporzionale del guadagno netto precontribuzione.

(b) Guadagno netto precontribuzione

Ai fini di questa sezione, il termine “utile netto precontribuzione” indica l’utile netto (se presente) che sarebbe stato riconosciuto dal partner distributivo ai sensi della sezione 704(c)(1)(B) se tutte le proprietà che:

(1) è stato apportato alla partnership dal partner distributore entro 7 anni dalla distribuzione, e

(2) è detenuto da tale società immediatamente prima della distribuzione,

 

era stato distribuito da tale partnership a un altro partner.

(c) Regole di base

(1) Interesse del partner

La base rettificata dell’interesse di un partner in una partnership sarà aumentata dell’importo di qualsiasi guadagno riconosciuto da tale partner ai sensi della sottosezione (a). Ai fini della determinazione della base della proprietà distribuita (diversa dal denaro), tale aumento sarà considerato come avvenuto immediatamente prima della distribuzione.

(2) Base della partnership nella proprietà conferita

Verranno apportate opportune rettifiche alla base rettificata della partnership nella proprietà conferita di cui alla sottosezione (b) per riflettere il guadagno riconosciuto ai sensi della sottosezione (a).

(d) Eccezioni

(1) Distribuzioni di proprietà precedentemente conferite

Se qualsiasi parte della proprietà distribuita consiste in proprietà che sono state apportate dal partner distributivo alla partnership, tale proprietà non sarà presa in considerazione ai sensi della sottosezione (a)(1) e non sarà presa in considerazione nel determinare l’importo della la plusvalenza netta precontributiva. Se la proprietà distribuita consiste in un interesse in un’entità, la frase precedente non si applica nella misura in cui il valore di tale interesse è attribuibile alla proprietà conferita a tale entità dopo che tale interesse è stato conferito alla partnership.

(2) Coordinamento con l’articolo 751

Questa sezione non si applica nella misura in cui la sezione 751(b) si applica a tale distribuzione.

(e) Titoli negoziabili trattati come denaro

Per il trattamento dei titoli negoziabili come denaro ai fini di questa sezione, vedere la sezione 731(c).

(Aggiunto Pub. L. 102–486, titolo XIX, §1937(a), 24 ottobre 1992, 106 Stat. 3032; modificato Pub. L. 103–465, titolo VII, §741(b), Dec. 8, 1994, 108 Stat. 5009; Pub. L. 104–188, titolo I, §1704(j)(8), 20 agosto 1996, 110 Stat. 1882; Pub. L. 105–34, titolo X , §1063(a), 5 agosto 1997, 111 Stat. 947.)

 

Note editoriali

Modifiche

1997 —Sottosez. (b)(1). Pub. L. 105–34 ha sostituito “7 anni” con “5 anni”.

1996 — Pub. L. 104–188 prevedeva che la sezione 1937 (a) della Pub. L. 102–486, si applicherà come se al posto del “capitolo C” comparisse il “capitolo B”. Sezione 1937(a) della Pub. L. 102–486 ha diretto la modifica della sottoparte C di questa parte aggiungendo questa sezione alla fine della stessa.

1994 —Sottosez. (c)(1). Pub. L. 103–465, §741(b)(1), ha modificato l’ultima frase in generale. Prima della modifica, l’ultima frase recitava come segue: “Ad eccezione dei fini della determinazione dell’importo riconosciuto ai sensi della sottosezione (a), tale aumento sarà considerato come avvenuto immediatamente prima della distribuzione.”

Sottosez. (e). Pub. L. 103–465, §741(b)(2), aggiunto sottosez. (e).

 

Note statutarie e società controllate correlate

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1997

Emendamento del Pub. L. 105–34 applicabile ai beni conferiti in una società di persone dopo l’8 giugno 1997, ma non applicabile ai beni conferiti ai sensi di un contratto scritto vincolante in vigore dall’8 giugno 1997 e in ogni momento successivo prima di tale conferimento, se tale contratto prevede il conferimento di un importo fisso di proprietà, vedere la sezione 1063(b) della Pub. L. 105–34, riportato come nota nella sezione 704 del presente titolo.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1994

Emendamento del Pub. L. 103–465 applicabile alle distribuzioni dopo l’8 dicembre 1994 e non applicabile a determinate distribuzioni prima del 1 gennaio 1995, distribuzioni in liquidazione di interessi del partner o distribuzioni in completa liquidazione di partnership quotate in borsa, vedere la sezione 741(c ) del Pub. L. 103–465, riportato come nota nella sezione 731 di questo titolo.

Data effettiva

Sezione applicabile alle distribuzioni a partire dal 25 giugno 1992, vedere la sezione 1937(c) della Pub. L. 102–486, indicata come data di entrata in vigore della nota di modifica del 1992 nella sezione 704 di questo titolo.

Capo C—Trasferimenti di interessi in una partnership

Sez.
741.
Riconoscimento e natura dell’utile o della perdita derivanti dalla vendita o dallo scambio.
742.
Base dell’interesse del socio cessionario.
743.
Regole speciali in cui l’elezione della sezione 754 o una sostanziale perdita incorporata.

 

Note editoriali

Modifiche

2004 — Pub. L. 108–357, titolo VIII, §833(b)(6)(B), 22 ottobre 2004, 118 Stat. 1591, ha sostituito “Norme speciali in caso di elezione dell’articolo 754 o perdita sostanziale incorporata” con “Adeguamento facoltativo alla base patrimoniale dell’unione” all’articolo 743.

§741. Riconoscimento e natura dell’utile o della perdita derivanti dalla vendita o dallo scambio

In caso di vendita o di scambio di una partecipazione nella società di persone, l’utile o la perdita devono essere riconosciuti al socio cedente. Tale utile o perdita sarà considerato utile o perdita derivante dalla vendita o dallo scambio di un bene patrimoniale, salvo quanto diversamente previsto nella sezione 751 (relativo a crediti non realizzati e voci di inventario).

(16 agosto 1954, cap. 736, 68A Stat. 248; Pub. L. 107–147, titolo IV, §417(12), 9 marzo 2002, 116 Stat. 56.)

 

Note editoriali

Modifiche

2002 — Pub. L. 107–147 cancella “che hanno registrato un sostanziale apprezzamento di valore” dopo “articoli di inventario”.

§742. Base dell’interesse del socio cessionario

La base della partecipazione in una società acquisita senza conferimento è determinata nella parte II del sottocapitolo O (sez. 1011 e seguenti).

(16 agosto 1954, cap. 736, 68A Stat. 249.)

§743. Regole speciali in cui l’elezione della sezione 754 o una sostanziale perdita incorporata

(a) Regola generale

La base della proprietà della società non può essere modificata in seguito al trasferimento di un interesse in una società mediante vendita o scambio o alla morte di un partner, a meno che non sia prevista la scelta prevista dalla sezione 754 (relativa all’adeguamento facoltativo della base della proprietà della società) è in vigore rispetto a tale partnership o a meno che la partnership non abbia una sostanziale perdita intrinseca immediatamente dopo tale trasferimento.

(b) Adeguamento alla base della proprietà della partnership

In caso di trasferimento di una partecipazione in una società di persone mediante vendita o scambio o in caso di morte di un socio, una società di persone rispetto alla quale è in vigore l’elezione prevista nella sezione 754 o che presenta una sostanziale perdita incorporata immediatamente dopo tale trasferimento dovrà:

(1) aumentare la base rettificata della proprietà della società in misura eccedente la base spettante al socio cessionario della sua partecipazione nella società rispetto alla sua quota proporzionale della base rettificata della proprietà della società, oppure

(2) ridurre la base rettificata del patrimonio della società in misura eccedente la quota proporzionale spettante al socio cessionario della base rettificata del patrimonio della società rispetto alla sua quota nella società.

 

Secondo le norme prescritte dal Segretario, tale aumento o diminuzione costituirà un adeguamento della base del patrimonio sociale nei confronti del solo socio cessionario. La quota proporzionale di un partner della base rettificata del patrimonio della partnership sarà determinata in conformità con il suo interesse nel capitale della partnership e, nel caso di proprietà apportate alla partnership da un partner, si applica la sezione 704 (c) (relativa alla proprietà conferita). nella determinazione di tale quota. In caso di adeguamento ai sensi del presente comma della base del patrimonio sociale soggetto a esaurimento, l’eventuale esaurimento consentito sarà determinato separatamente per il socio cessionario rispetto al suo interesse su tale patrimonio.

(c) Assegnazione della base

L’assegnazione della base tra le proprietà della partnership laddove è applicabile la sottosezione (b) deve essere effettuata in conformità con le regole previste nella sezione 755.

(d) Perdita incorporata sostanziale

(1) In generale

Ai fini di questa sezione, una partnership ha una sostanziale perdita intrinseca rispetto al trasferimento di un interesse nella partnership se:

(A) la base rettificata della partnership nella proprietà della partnership supera di oltre $ 250.000 il valore equo di mercato di tale proprietà, o

(B) al socio cessionario verrebbe assegnata una perdita superiore a $ 250.000 se i beni della partnership fossero venduti per contanti pari al loro giusto valore di mercato immediatamente dopo tale trasferimento.

(2) Regolamenti

Il Segretario prescriverà le norme che potrebbero essere appropriate per realizzare gli scopi del paragrafo (1) e della sezione 734 (d), comprese le norme che aggregano le società collegate e ignorano la proprietà acquisita dalla società nel tentativo di evitare tali scopi.

(e) Regole alternative per l’elezione dei partenariati di investimento

(1) Nessun adeguamento della base di partenariato

Ai fini della presente sezione, una partnership di investimento scelta non sarà considerata come avente una sostanziale perdita intrinseca rispetto a qualsiasi trasferimento avvenuto mentre è in vigore l’elezione ai sensi del paragrafo (6)(A).

(2) Differimento della perdita per il partner cessionario

In caso di trasferimento di una partecipazione in una società di investimento designata, la quota distributiva delle perdite del socio cessionario (indipendentemente dagli utili) derivanti dalla vendita o dallo scambio di proprietà della società non sarà consentita tranne nella misura in cui sia stabilito che tale le perdite superano la perdita (se presente) riconosciuta dal cedente (o da qualsiasi cedente precedente nella misura in cui non sia stata completamente compensata da un precedente rifiuto ai sensi del presente paragrafo) sul trasferimento della quota di partecipazione.

(3) Nessuna riduzione della base di partenariato

Le perdite non consentite ai sensi del paragrafo (2) non diminuiranno la base del socio cessionario nell’interesse della partnership.

(4) Alcune riduzioni di base trattate come perdite

Nel caso di un socio cessionario la cui base patrimoniale distribuita dalla società di persone è ridotta ai sensi della sezione 732(a)(2), l’importo della perdita riconosciuta dal cedente sul trasferimento della partecipazione della società di cui si tiene conto ai sensi del paragrafo (2) sarà ridotto dell’importo di tale riduzione base.

(5) Elezione del partenariato di investimento

Ai fini della presente sottosezione, il termine “elezione di una partnership di investimento” indica qualsiasi partnership se:

(A) la partnership sceglie di applicare questa sottosezione,

(B) la partnership sarebbe una società di investimento ai sensi della sezione 3(a)(1)(A) dell’Investment Company Act del 1940 ma per un’esenzione ai sensi del paragrafo (1) o (7) della sezione 3(c) di tale Atto,

(C) tale partnership non è mai stata impegnata in un’attività commerciale o imprenditoriale,

(D) sostanzialmente tutte le attività di tale partnership sono possedute a scopo di investimento,

(E) almeno il 95% del patrimonio conferito a tale partnership è costituito da denaro,

(F) nessun bene conferito a tale partnership aveva una base rettificata superiore al valore equo di mercato al momento del conferimento,

(G) tutti gli interessi di partnership di tale partnership sono emessi da tale partnership in seguito a un’offerta privata prima della data che è 24 mesi dopo la data del primo conferimento di capitale a tale partnership,

(H) l’accordo di partnership di tale partnership presenta restrizioni sostanziali sulla capacità di ciascun partner di provocare un riscatto degli interessi del partner, e

(I) il contratto di società di tale società prevede una durata non superiore a 15 anni.

 

L’elezione di cui al comma (A), una volta effettuata, sarà irrevocabile salvo consenso del Segretario.

(6) Regolamenti

Il Segretario prescriverà le norme che potrebbero essere appropriate per realizzare gli scopi di questa sottosezione, comprese le norme per l’applicazione di questa sottosezione alle partnership a più livelli.

(f) Eccezione per le partnership di cartolarizzazione

(1) Nessun adeguamento della base di partenariato

Ai fini della presente sezione, una partnership per la cartolarizzazione non deve essere considerata come avente una perdita intrinseca sostanziale rispetto a qualsiasi trasferimento.

(2) Partnership di cartolarizzazione

Ai fini del paragrafo (1), il termine “partnership per la cartolarizzazione” designa qualsiasi partnership la cui unica attività commerciale consiste nell’emettere titoli che prevedono un importo di capitale fisso (o simile) e che sono principalmente serviti dai flussi di cassa di un importo distinto pool (fisso o rotativo) di crediti o altre attività finanziarie che in base ai loro termini si convertono in contanti in un periodo finito, ma solo se lo sponsor del pool ritiene ragionevolmente che i crediti e le altre attività finanziarie che compongono il pool non siano acquisiti in modo da da smaltire.

(16 agosto 1954, cap. 736, 68A Stat. 249; Pub. L. 94–455, titolo XIX, §1906(b)(13)(A), 4 ottobre 1976, 90 Stat. 1834; Pub. L. 98–369, div. A, titolo I, §71(b), 18 luglio 1984, 98 Stat. 589; Pub. L. 108–357, titolo VIII, §833(b)(1) –(4)(A), (5), (6)(A), 22 ottobre 2004, 118 Stat. 1589, 1591; Pub. L. 115–97, titolo I, §§13502(a), 13504(b)(2), 22 dicembre 2017, 131 Stat. 2141, 2142.)

 

Note editoriali

Riferimenti nel testo

Sezione 3(a)(1)(A), (c)(1), (7) dell’Investment Company Act del 1940, di cui alla sottosezione. (e)(5)(B), è classificato nella sezione 80a–3(a)(1)(A), (c)(1), (7) del Titolo 15, Commercio e artigianato.

Modifiche

2017 —Sottosez. (d)(1). Pub. L. 115–97, §13502(a), modificato par. (1) in generale. Prima della modifica, il testo recitava come segue : “Ai fini di questa sezione, una partnership ha una sostanziale perdita intrinseca rispetto al trasferimento di un interesse in una partnership se la base rettificata della partnership nella proprietà della partnership supera di più di $ 250.000 il giusto valore di mercato di tale proprietà.”

Sottosez. (e) da (4) a (7). Pub. L. 115–97, §13504(b)(2), parr. da (5) a (7) come da (4) a (6), rispettivamente, e cancellato il precedente par. (4). Prima della modifica, il testo del par. (4) leggi quanto segue: “Questa sottosezione sarà applicata indipendentemente dalla cessazione di una partnership ai sensi della sezione 708(b)(1)(B).”

2004 — Pub. L. 108–357, §833(b)(6)(A), ha sostituito “Regole speciali in caso di elezione della sezione 754 o perdita sostanziale incorporata” con “Adeguamento facoltativo alla base della proprietà dell’associazione” nella catchline della sezione.

Sottosez. (UN). Pub. L. 108–357, §833(b)(1), inserito “o a meno che la società non presenti una sostanziale perdita intrinseca immediatamente dopo tale trasferimento” prima della fine del periodo.

Sottosez. (B). Pub. L. 108–357, §833(b)(2), inserito “o che presenta una sostanziale perdita intrinseca immediatamente dopo tale trasferimento” dopo “la sezione 754 è in vigore” nelle disposizioni introduttive.

Sottosez. (D). Pub. L. 108–357, §833(b)(3), aggiunto sottosez. (D).

Sottosez. (e). Pub. L. 108–357, §833(b)(4)(A), aggiunto sottosez. (e).

Sottosez. (F). Pub. L. 108–357, §833(b)(5), aggiunto sottosez. (F).

1984 —Sottosez. (B). Pub. L. 98–369 ha sostituito “la proprietà conferita alla società da un partner, la sezione 704(c) (relativa alla proprietà conferita) si applica nella determinazione di tale quota” con “un accordo descritto nella sezione 704(c)(2) (relativa all’effetto del contratto di società sui beni conferiti), tale quota sarà determinata tenendo conto di tale contratto” nella penultima frase.

1976 —Sottosez. (B). Pub. L. 94–455 viene cancellato “o il suo delegato” dopo “Segretario”.

 

Note statutarie e società controllate correlate

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 2017

Pub. L. 115–97, titolo I, §13502(b), 22 dicembre 2017, 131 Stat. 2141, prevedeva che: “Le modifiche apportate dal presente articolo [modifica il presente articolo] si applicano ai trasferimenti di partecipazioni societarie successivi al 31 dicembre 2017”.

Modifica da parte della sezione 13504(b)(2) della Pub. L. 115–97 applicabile agli anni imponibili della partnership che iniziano dopo il 31 dicembre 2017, vedere la sezione 13504 (c) di Pub. L. 115–97, riportato come nota nella sezione 168 del presente titolo.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 2004

Pub. L. 108–357, titolo VIII, §833(d)(2), 22 ottobre 2004, 118 Stat. 1592, a condizione che:

“(UN)Generalmente.—Fatto salvo quanto previsto al comma (B), le modifiche apportate dal comma (b) [che modifica questa sezione e la sezione 6031 del presente titolo] si applicheranno ai trasferimenti successivi alla data di entrata in vigore della presente legge [ott. 22, 2004].

“(B)Regola di transizione.—Nel caso di una partnership di investimento elettiva esistente il 4 giugno 2004, la sezione 743(e)(6)(H) [ora 743(e)(5)(H)] del Codice tributario interno di 1986, come aggiunto da questa sezione, non si applicherà a tale partnership e si applicherà la sezione 743(e)(6)(I) [ora 743(e)(5)(I)] di tale Codice, come così aggiunta. sostituendo ’20 anni’ con ’15 anni’.”

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1984

Emendamento del Pub. L. 98–369 applicabile rispetto ai beni conferiti alla società dopo il 31 marzo 1984, negli anni fiscali che terminano dopo tale data, vedere la sezione 71(c) della Pub. L. 98–369, riportato come nota nella sezione 704 di questo titolo.

Capo D: Disposizioni comuni ad altri capi

Sez.
751.
Crediti non realizzati e voci di magazzino.
752.
Trattamento di alcune passività.
753.
Partner che percepisce un reddito rispetto al defunto.
754.
Modalità di scelta dell’adeguamento facoltativo alla base patrimoniale della società.
755.
Regole per l’assegnazione della base.

 

§751. Crediti non realizzati e voci di magazzino

(a) Vendita o scambio di interessi in partnership

L’importo di denaro, o il valore equo di mercato di qualsiasi proprietà, ricevuto da un socio cedente in cambio di tutto o parte del suo interesse nella partnership attribuibile a:

(1) crediti non realizzati della partnership, o

(2) articoli di inventario della partnership,

 

è considerato un importo realizzato dalla vendita o dallo scambio di beni diversi da un bene d’investimento.

(b) Alcune distribuzioni trattate come vendite o scambi

(1) Regola generale

Nella misura in cui un partner riceve in una distribuzione:

(A) proprietà della partnership che è:

(i) crediti non realizzati, o

(ii) articoli di magazzino che hanno subito un notevole aumento di valore,

 

in cambio di tutto o parte del suo interesse in altre proprietà della partnership (compreso il denaro), o

(B) beni della società (incluso denaro) diversi dai beni descritti nel sottoparagrafo (A)(i) o (ii) in cambio di tutto o parte del suo interesse nella proprietà della società descritta nel sottoparagrafo (A)(i) o (ii ),

 

tali operazioni saranno, secondo le norme prescritte dal Segretario, considerate come una vendita o uno scambio di tale proprietà tra il distributore e la partnership (come costituita dopo la distribuzione).

(2) Eccezioni

Il paragrafo (1) non si applica a:

(A) una distribuzione di proprietà che il distributore ha contribuito alla partnership, o

(B) pagamenti, descritti nella sezione 736(a), a un partner uscente o successore nell’interesse di un partner deceduto.

(3) Apprezzamento sostanziale

Ai fini del paragrafo (1)—

(A) In generale

Gli elementi dell’inventario della partnership saranno considerati sostanzialmente apprezzati se il loro valore equo di mercato supera il 120% della base rettificata per la partnership di tale proprietà.

(B) Alcuni beni esclusi

Ai fini del sottoparagrafo (A), sarà esclusa qualsiasi proprietà dell’inventario se lo scopo principale dell’acquisizione di tale proprietà era quello di evitare le disposizioni di questa sottosezione relative agli articoli dell’inventario.

(c) Crediti non realizzati

Ai fini del presente sottocapitolo, il termine “crediti non realizzati” comprende, nella misura in cui non erano precedentemente inclusi nel reddito secondo il metodo contabile utilizzato dalla partnership, qualsiasi diritto (contrattuale o di altro tipo) al pagamento per:

(1) beni consegnati, o da consegnare, nella misura in cui i relativi proventi sarebbero trattati come importi ricevuti dalla vendita o dallo scambio di beni diversi da un bene patrimoniale, o

(2) servizi resi o da rendere.

 

a seconda dei casi) tale proprietà era stata venduta dalla partnership al suo giusto valore di mercato. Ai fini di questa sezione e delle sezioni 731, 732 e 741 (ma non ai fini della sezione 736), tale termine include anche qualsiasi obbligazione a sconto di mercato (come definita nella sezione 1278) e qualsiasi obbligazione a breve termine (come definita nella sezione 1283 ) ma solo nella misura dell’importo che sarebbe considerato reddito ordinario se (al momento della transazione descritta in questa sezione o nella sezione 731, 732 o 741, a seconda dei casi) tale proprietà fosse stata venduta dal associazione.

(d) Articoli di inventario

Ai fini del presente sottocapitolo, il termine “articoli di inventario” significa:

(1) proprietà della società di persone del tipo descritto nella sezione 1221(a)(1),

(2) qualsiasi altra proprietà della partnership che, in caso di vendita o scambio da parte della partnership, sarebbe considerata una proprietà diversa da un bene patrimoniale e diversa dalla proprietà descritta nella sezione 1231, e

(3) qualsiasi altra proprietà detenuta dalla partnership che, se detenuta dal partner venditore o distributore, sarebbe considerata proprietà del tipo descritto nei paragrafi (1) o (2).

(e) Limitazione dell’imposta attribuibile alle vendite presunte di azioni della sezione 1248

Ai fini dell’applicazione della presente sezione e delle sezioni 731 e 741 a qualsiasi importo risultante dal riferimento alla sezione 1248(a) nella seconda frase della sottosezione (c), nel caso di un individuo, l’imposta attribuibile a tale importo sarà limitata secondo le modalità previste dal comma (b) della sezione 1248 (relativo ai guadagni derivanti da determinate vendite o scambi di azioni in determinate società straniere).

(f) Norme speciali in caso di società a più livelli, ecc.

Nel determinare se la proprietà di una società di persone è:

(1) un credito non realizzato, o

(2) un articolo di inventario,

 

tale partnership sarà considerata come proprietaria della sua quota proporzionale della proprietà di qualsiasi altra partnership di cui sia socio. Regolamentalmente, norme analoghe a quelle del periodo precedente si applicano anche in caso di interessi in trust.

titolo XVIII, §1899A(19), 22 ottobre 1986, 100 Stat. 2141, 2959; Pub. L. 103–66, titolo XIII, §§13206(e)(1), 13262(b)(1), (2)(A), 10 agosto 1993, 107 Stat. 467, 541; Pub. L. 105–34, titolo X, §1062(a)–(b)(2), 5 agosto 1997, 111 Stat. 946, 947; Pub. L. 105–206, titolo VI, §6010(m), 22 luglio 1998, 112 Stat. 816; Pub. L. 106–170, titolo V, §532(c)(2)(F), 17 dicembre 1999, 113 Stat. 1930; Pub. L. 108–357, titolo IV, §413(c)(11), 22 ottobre 2004, 118 Stat. 1507; Pub. L. 115–141, div. U, titolo IV, §401(a)(140), 23 marzo 2018, 132 Stat. 1191.) §532(c)(2)(F), 17 dicembre 1999, 113 Stat. 1930; Pub. L. 108–357, titolo IV, §413(c)(11), 22 ottobre 2004, 118 Stat. 1507; Pub. L. 115–141, div. U, titolo IV, §401(a)(140), 23 marzo 2018, 132 Stat. 1191.) §532(c)(2)(F), 17 dicembre 1999, 113 Stat. 1930; Pub. L. 108–357, titolo IV, §413(c)(11), 22 ottobre 2004, 118 Stat. 1507; Pub. L. 115–141, div. U, titolo IV, §401(a)(140), 23 marzo 2018, 132 Stat. 1191.)

 

Note editoriali

Modifiche

2018 —Sottosez. (C). Pub. L. 115–141 ha sostituito “e sezioni” con “e sezioni” in due punti nelle disposizioni conclusive.

2004 —Sottosez. (d) da (2) a (4). Pub. L. 108–357 ha inserito “e” alla fine del par. (2), rinominato par. (4) come (3) e ha sostituito “paragrafo (1) o (2)” con “paragrafo (1), (2) o (3)”, e ha cancellato il precedente par. (3) che recita come segue: “qualsiasi altra proprietà della partnership che, se venduta o scambiata dalla partnership, comporterebbe un utile imponibile ai sensi del comma (a) della sezione 1246 (relativo al guadagno sulle azioni di società di investimento straniere), E”.

1999 —Sottosez. (d)(1). Pub. L. 106–170 ha sostituito la “sezione 1221(a)(1)” con la “sezione 1221(1)”.

1998 —Sottosez. (C). Pub. L. 105–206 ha sostituito “731, 732” con “731” ovunque compaia nelle disposizioni conclusive.

1997 —Sottosez. (a)(2). Pub. L. 105–34, §1062(a), modificato par. (2) in generale. Prima della modifica, par. (2) leggi quanto segue: “elementi di inventario della società che hanno registrato un notevole apprezzamento di valore”.

Sottosez. (b)(1). Pub. L. 105–34, §1062(b)(1)(A), aggiunti sottoparagrafi. (A) e (B) e cancellati i precedenti sottoparagrafi. (A) e (B) che recitano come segue:

“(A) i beni della partnership descritti nella sottosezione (a)(1) o (2) in cambio di tutto o parte del suo interesse in altri beni della partnership (incluso il denaro), o

“(B) beni della società (incluso denaro) diversi dai beni descritti nella sottosezione (a)(1) o (2) in cambio di tutto o parte del suo interesse nella proprietà della società descritta nella sottosezione (a)(1) o ( 2),”.

Sottosez. (b)(3). Pub. L. 105–34, §1062(b)(1)(B), aggiunto par. (3).

Sottosez. (D). Pub. L. 105–34, §1062(b)(2), titolo e testo modificati del sottosez. (d) in generale. Prima della modifica, il par. (d) consisteva nei parr. (1) e (2) relativi a articoli di magazzino che hanno registrato un notevole apprezzamento di valore.

1993 —Sottosez. (C). Pub. L. 103–66, §13262(b)(1), nelle disposizioni conclusive, ha sostituito “articolo 731 o 741” con “articolo 731, 736 o 741” in due punti e “, articoli 731 e 741 (ma non per scopi della sezione 736)” per “sezioni 731, 736 e 741” in due punti.

Sottosez. (d)(1). Pub. L. 103–66, §13206(e)(1), titolo e testo modificati del par. (1) in generale. Prima della modifica, il testo recitava come segue: “Gli elementi dell’inventario della partnership saranno considerati sostanzialmente apprezzati se il loro valore equo di mercato supera:

“(A) 120 per cento della base adeguata alla partnership di tale proprietà, e

“(B) 10% del valore equo di mercato di tutti i beni della partnership, esclusi i soldi.”

Sottosez. (e). Pub. L. 103–66, §13262(b)(2)(A), ha sostituito le “sezioni 731 e 741” con le “sezioni 731, 736 e 741”.

1986 —Sottosez. (C). Pub. L. 99–514, §1899A(19), ha sostituito “sezione 617(f)(2)), stock” con “sezione 617(f)(2), stock” nella seconda frase.

Pub. L. 99–514, §201(d)(10), ha cancellato “sezione 1245 recupero proprietà (come definito nella sezione 1245(a)(5))” prima di “azioni in alcune società straniere” nella seconda frase.

1984 —Sottosez. (C). Pub. L. 98–369, §492(b)(4), cancellato “proprietà di riconquista agricola (come definita nella sezione 1251(e)(1))” prima di “terreno agricolo” e “1251(c)” dopo “1250(a)”, nella seconda frase.

Pub. L. 98–369, §43(c)(3), inserita l’ultima frase.

Sottosez. (F). Pub. L. 98–369, §76(a), aggiunto sottosez. (F).

1983 —Sottosez. (C). Pub. L. 97–448 ha inserito il riferimento alla sezione 1245 proprietà di recupero (come definita nella sezione 1245(a)(5)) nella seconda frase.

1978 —Sottosez. (C). Pub. L. 95–618 ha sostituito “proprietà petrolifera, gas o geotermica” con “proprietà petrolifera o gas” nella seconda frase.

Sottosez. (e). Pub. L. 95–600 aggiunto sottosec. (e).

1976 —Sottosez. (b)(1). Pub. L. 94–455, §1906(b)(13)(A), cancellato “o il suo delegato” dopo “Segretario”.

Sottosez. (C). Pub. L. 94–455, §§205(b), 1042(c)(2), 1101(d)(2), 1901(a)(93), 2110(a), nella seconda frase, inserito riferimento al titolo in un DISC (come descritto nella sezione 992(a)), riferimento a azioni di alcune società straniere (come descritto nella sezione 1248) e riferimento a terreni agricoli (come definiti nella sezione 1252(a)), franchising, marchi commerciali o attività commerciali nomi (di cui alla sezione 1253(a)) e una proprietà petrolifera o di gas (descritta nella sezione 1254), sostituito “1252(a), 1253(a) o 1254(a)” con “o 1252(a) “, e ha inserito “1248(a)” dopo “1245(a)” e “995(c)” dopo “617(d)(1)”.

1969 —Sottosez. (C). Pub. L. 91–172, nella seconda frase, ha sostituito “proprietà della sezione 1250 (come definita nella sezione 1250(c)), proprietà di riconquista dell’azienda agricola (come definita nella sezione 1251(e)(1)) e terreno agricolo (come definito nella sezione 1252(a))”, e “1250(a), 1251(c), o 1252(a)”, per “e proprietà della sezione 1250 (come definita nella sezione 1250(c))” e “1250(a) “, rispettivamente.

1966 —Sottosez. (C). Pub. L. 89–570, nella seconda frase, ha inserito il riferimento alla proprietà mineraria (come definita nella sezione 617 (f) (2)) e alla sezione 617 (d) (1).

1964 —Sottosez. (C). Pub. L. 88–272, nella seconda frase, ha inserito il riferimento alla sezione 1250.

1962 —Sottosez. (C). Pub. L. 87–834, §13(f)(1), definisce “crediti non realizzati” ai fini di questa sezione e delle sezioni 731, 736 e 741, includendo la proprietà della sezione 1245, ma solo nella misura dell’importo che sarebbe essere trattato come una plusvalenza alla quale si applicherebbe la sezione 1245(a) se (al momento della transazione descritta in questa sezione o nella sezione 731, 736 o 741, a seconda dei casi) tale proprietà fosse stata venduta dalla società a suo tempo valore di mercato.

Sottosez. (d)(2). Pub. L. 87–834, §14(b)(2), aggiunto sottopar. (C), ridenominato ex comma. (C) come (D), e ha sostituito il “comma (A), (B) o (C)” con il “comma (A) o (B)”.

 

Note statutarie e società controllate correlate

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 2004

Emendamento del Pub. L. 108–357 applicabile agli anni imponibili delle società straniere che iniziano dopo il 31 dicembre 2004 e agli anni imponibili degli azionisti statunitensi con o entro i quali terminano tali anni imponibili delle società straniere, vedere la sezione 413(d)(1) del Pub. L. 108–357, indicata come nota di entrata in vigore e di cessazione della nota sugli emendamenti del 2004 nella sezione 1 del presente titolo.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1999

Emendamento del Pub. L. 106–170 applicabile a qualsiasi strumento posseduto, acquisito o stipulato, qualsiasi transazione stipulata e forniture possedute o acquisite a partire dal 17 dicembre 1999, vedere la sezione 532 (d) della Pub. L. 106–170, riportato come nota nella sezione 170 del presente titolo.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1998

Emendamento del Pub. L. 105–206 in vigore, salvo diversa disposizione, come se incluso nelle disposizioni del Taxpayer Relief Act del 1997, Pub. L. 105–34, a cui si riferisce tale modifica, vedere la sezione 6024 della Pub. L. 105–206, riportato in nota nella sezione 1 del presente titolo.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1997

Emendamento del Pub. L. 105–34 applicabile a vendite, scambi e distribuzioni dopo il 5 agosto 1997, ma non applicabile a qualsiasi vendita o scambio ai sensi di un contratto scritto vincolante in vigore dall’8 giugno 1997 e in ogni momento successivo prima di tale vendita o scambio, vedere la sezione 1062(c) della Pub. L. 105–34, riportato come nota nella sezione 724 del presente titolo.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1993

Pub. L. 103–66, titolo XIII, §13206(e)(2), 10 agosto 1993, 107 Stat. 467, prevedeva che: “La modifica apportata dal comma (1) [che modifica il presente articolo] si applica alle vendite, agli scambi e alle distribuzioni successive al 30 aprile 1993.”

Modifica della sezione 13262(b)(1) e (2)(A) della Pub. L. 103–66 applicabile nel caso di partner che vanno in pensione o muoiono a partire dal 5 gennaio 1993, con un’eccezione contrattuale vincolante, vedere la sezione 13262 (c) del Pub. L. 103–66, riportato come nota nella sezione 736 di questo titolo.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1986

Modifica da parte dell’articolo 201(d)(10) della Pub. L. 99–514 applicabile ai beni messi in servizio dopo il 31 dicembre 1986, negli anni imponibili che terminano dopo tale data, con eccezioni, vedere le sezioni 203 e 204 della Pub. L. 99–514, riportato come nota nella sezione 168 del presente titolo.

Modifica da parte dell’articolo 201(d)(10) della Pub. L. 99–514 non applicabile a qualsiasi proprietà messa in servizio prima del 1 gennaio 1994, se tale proprietà messa in servizio come parte di riabilitazioni specificate, e non applicabile a determinate riabilitazioni aggiuntive, vedere sezione 251(d)(2), (3) di Pub. L. 99–514, riportato come nota nella sezione 46 del presente titolo.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1984

Modifica da parte dell’articolo 43(c)(3) della Pub. L. 98–369 applicabile agli anni imponibili che terminano dopo il 18 luglio 1984, vedere la sezione 44 della Pub. L. 98–369, indicata come nota di data di entrata in vigore nella sezione 1271 di questo titolo.

Pub. L. 98–369, div. A, titolo I, §76(b), 18 luglio 1984, 98 Stat. 595, prevedeva che: “La modifica apportata dal comma (a) [che modifica questa sezione] si applica alle distribuzioni, vendite e scambi effettuati dopo il 31 marzo 1984, negli anni fiscali che terminano dopo tale data.”

Modifica mediante la sezione 492(b)(4) della Pub. L. 98–369 applicabile agli anni imponibili che iniziano dopo il 31 dicembre 1983, vedere la sezione 492 (d) della Pub. L. 98–369, riportato come nota nella sezione 170 del presente titolo.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1983

Emendamento del Pub. L. 97–448 in vigore, salvo diversa disposizione, come se fosse stato incluso nella disposizione dell’Economic Recovery Tax Act del 1981, Pub. L. 97–34, a cui si riferisce tale modifica, vedere la sezione 109 della Pub. L. 97–448, riportato come nota nella sezione 1 del presente titolo.

Data di entrata in vigore degli emendamenti del 1978

Emendamento del Pub. L. 95–618 applicabile rispetto ai pozzi iniziati a partire dal 1 ottobre 1978, negli anni imponibili che terminano a tale data o successivamente, vedere la sezione 402 (e) della Pub. L. 95–618, riportato come nota nella sezione 263 di questo titolo.

Pub. L. 95–600, titolo VII, §701(u)(13)(C), 6 novembre 1978, 92 Stat. 2918, prevedeva che: “Le modifiche apportate dal presente comma [modifica il presente articolo e l’articolo 736 del presente titolo] si applicano ai trasferimenti che avranno inizio dopo il 9 ottobre 1975, nonché alle vendite, agli scambi e alle distribuzioni avvenute dopo tale data.”

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1976

Modifica da parte dell’articolo 205(b) della Pub. L. 94–455 in vigore per gli anni imponibili che terminano dopo il 31 dicembre 1975, vedere la sezione 205 (e) della Pub. L. 94–455, indicata come nota di data di entrata in vigore nella sezione 1254 di questo titolo.

Modifica mediante la sezione 1042(c)(2) della Pub. L. 94–455 applicabile ai trasferimenti a partire dal 9 ottobre 1975 e alle vendite, scambi e distribuzioni avvenute dopo tale data, vedere la sezione 1042(e)(1) della Pub. L. 94–455, riportato come nota nella sezione 367 di questo titolo.

Modifica mediante la sezione 1101(d)(2) della Pub. L. 94–455 applicabile a vendite, scambi o altre disposizioni successive al 31 dicembre 1975, negli anni fiscali che terminano dopo tale data, vedere la sezione 1101(g)(4) della Pub. L. 94–455, riportato come nota nella sezione 995 di questo titolo.

Modifica della sezione 1901(a)(93) della Pub. L. 94–455 in vigore per gli anni imponibili che iniziano dopo il 31 dicembre 1976, vedere la sezione 1901 (d) della Pub. L. 94–455, riportato come nota nella sezione 2 del presente titolo.

Pub. L. 94–455, titolo XXI, §2110(b), 4 ottobre 1976, 90 Stat. 1905, come modificato dal Pub. L. 99–514, §2, 22 ottobre 1986, 100 Stat. 2095, a condizione che: “La sottosezione (a) [che modifica questa sezione] si applica alle transazioni descritte nelle sezioni 731, 736, 741 o 751 del Codice tributario interno del 1986 [ex IRC 1954] che si verificano dopo il 31 dicembre 1976, negli anni imponibili che terminano successivamente a tale data.”

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1969

Emendamento del Pub. L. 91–172 applicabile agli anni imponibili che iniziano dopo il 31 dicembre 1969, vedere la sezione 211 (c) della Pub. L. 91–172, riportato come nota nella sezione 301 del presente titolo.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1966

Emendamento del Pub. L. 89–570 applicabile agli anni imponibili che terminano dopo il 12 settembre 1966, ma solo per quanto riguarda le spese pagate o sostenute dopo tale data vedere la sezione 3 della Pub. L. 89–570, indicata come nota sulla data di entrata in vigore nella sezione 617 di questo titolo.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1964

Emendamento del Pub. L. 88–272 applicabile alle disposizioni successive al 31 dicembre 1963, negli anni fiscali che terminano dopo tale data, vedere la sezione 231(c) della Pub. L. 88–272, indicata come nota di data di entrata in vigore nella sezione 1250 di questo titolo.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1962

Modifica da parte dell’articolo 13(f)(1) della Pub. L. 87–834 applicabile agli anni imponibili che iniziano dopo il 31 dicembre 1962, vedere la sezione 13 (g) della Pub. L. 87–834, indicata come nota sulla data di entrata in vigore nella sezione 1245 di questo titolo.

Modifica apportata dall’articolo 14(b)(2) della Pub. L. 87–834 applicabile con riferimento agli anni imponibili che iniziano dopo il 31 dicembre 1962, vedere la sezione 14(c) della Pub. L. 87–834, riportato come nota nella sezione 312 del presente titolo.

Modifiche del piano non necessarie fino al 1 gennaio 1989

Per le disposizioni che stabiliscono che, in caso di modifiche apportate dal sottotitolo A o dal sottotitolo C del titolo XI [§§1101–1147 e 1171–1177] o del titolo XVIII [§§1800–1899A] della Pub. L. 99–514 richiedono una modifica a qualsiasi piano, tale modifica del piano non dovrà essere apportata prima del primo anno del piano che inizia a partire dal 1 gennaio 1989, vedere la sezione 1140 della Pub. L. 99–514, come modificato, riportato come nota nella sezione 401 di questo titolo.

§752. Trattamento di alcune passività

(a) Aumento delle passività del partner

Qualsiasi aumento della quota di un partner degli obblighi della società, o qualsiasi aumento delle passività individuali di un partner a causa dell’assunzione da parte di tale partner di passività della società, sarà considerato come un contributo in denaro da parte di tale partner alla società.

(b) Diminuzione delle passività del partner

Qualsiasi diminuzione della quota di un socio degli obblighi di una società, o qualsiasi diminuzione delle passività individuali di un socio a causa dell’assunzione da parte della società di tali passività individuali, sarà considerata come una distribuzione di denaro al socio da parte della società.

(c) Responsabilità a cui è soggetta la proprietà

Ai fini della presente sezione, una passività a cui è soggetta la proprietà sarà considerata, nella misura del valore equo di mercato di tale proprietà, come una responsabilità del proprietario della proprietà.

(d) Vendita o scambio di interessi

In caso di vendita o scambio di interessi in una società di persone, le passività saranno trattate allo stesso modo delle passività in relazione alla vendita o allo scambio di beni non legati alla società di persone.

(16 agosto 1954, cap. 736, 68A Stat. 251.)

 

Note statutarie e società controllate correlate

Annullamento del caso Raphan

Pub. L. 98–369, div. A, titolo I, §79, 18 luglio 1984, 98 Stat. 597, come modificato dal Pub. L. 99–514, §2, 22 ottobre 1986, 100 Stat. 2095, a condizione che:

“(UN)Regola generale.—La sezione 752 dell’Internal Revenue Code del 1986 [ex IRC 1954] (e le norme ivi prescritte) saranno applicate indipendentemente dal risultato raggiunto nel caso Raphan contro gli Stati Uniti, 3 Cl. Ct. 457 (1983).

“(B)Regolamenti.—Nel modificare i regolamenti prescritti dalla sezione 752 di tale Codice per riflettere la sottosezione (a), il Segretario del Tesoro o il suo delegato prescriveranno regolamenti relativi alle passività, compreso il trattamento di garanzie, ipotesi, accordi di indennizzo e accordi simili. “

§753. Partner che percepisce un reddito rispetto al defunto

L’importo incluso nel reddito lordo di un successore nell’interesse di un partner deceduto ai sensi della sezione 736 (a) sarà considerato reddito rispetto a un defunto ai sensi della sezione 691.

(16 agosto 1954, cap. 736, 68A Stat. 251.)

§754. Modalità di scelta dell’adeguamento facoltativo alla base patrimoniale della società

Se la società presenta un’elezione, secondo le norme prescritte dal Segretario, la base del patrimonio della società sarà adeguata, in caso di distribuzione della proprietà, secondo le modalità previste nella sezione 734 e, in caso di trasferimento di proprietà un interesse di partnership, secondo le modalità previste nella sezione 743. Tale scelta si applicherà rispetto a tutte le distribuzioni di proprietà da parte della partnership e a tutti i trasferimenti di interessi nella partnership durante l’anno fiscale rispetto al quale è stata presentata tale scelta e tutti anni d’imposta successivi. Tale elezione potrà essere revocata dalla società, salve le limitazioni eventualmente previste dai regolamenti prescritti dal Segretario.

(16 agosto 1954, cap. 736, 68A Stat. 251; Pub. L. 94–455, titolo XIX, §1906(b)(13)(A), 4 ottobre 1976, 90 Stat. 1834. )

 

Note editoriali

Modifiche

1976 — Pub. L. 94–455 viene cancellato “o il suo delegato” dopo “Segretario” ovunque appaia.

§755. Regole per l’assegnazione della base

(a) Regola generale

Qualsiasi aumento o diminuzione della base modificata della proprietà dell’associazione ai sensi della sezione 734(b) (relativa all’adeguamento facoltativo della base della proprietà dell’associazione indivisa) o della sezione 743(b) (relativa all’adeguamento facoltativo della base della proprietà dell’associazione in nel caso di trasferimento di una partecipazione in una partnership), salvo quanto previsto nella sottosezione (b), sarà assegnato:

(1) in un modo che abbia l’effetto di ridurre la differenza tra il valore equo di mercato e la base rettificata delle proprietà della partnership, o

(2) in ogni altro modo consentito dalle norme prescritte dal Segretario.

(b) Regola speciale

Nell’applicare le regole di assegnazione previste nella sottosezione (a), gli aumenti o le diminuzioni della base rettificata del patrimonio della partnership derivante da una distribuzione o da un trasferimento di un interesse attribuibile a, beni costituiti da:

(1) beni capitali e proprietà descritti nella sezione 1231(b), o

(2) qualsiasi altra proprietà della partnership,

 

saranno assegnati al patrimonio della partnership di carattere simile, salvo il fatto che la base di tale patrimonio della partnership non sarà ridotta al di sotto dello zero. Se, nel caso di una distribuzione, l’adeguamento della base patrimoniale descritta nei paragrafi (1) o (2) è impedito dall’assenza di tale proprietà o da una base rettificata insufficiente per tale proprietà, tale adeguamento sarà applicato alle quote successivamente acquisite beni di analogo carattere secondo le norme prescritte dal Segretario.

(c) Nessuna allocazione della diminuzione della base alle azioni del partner aziendale

Nell’effettuare un’allocazione ai sensi della sottosezione (a) di qualsiasi diminuzione della base rettificata dei beni della partnership ai sensi della sezione 734(b)—

(1) non può essere effettuata alcuna allocazione in azioni di una società (o di qualsiasi persona correlata (ai sensi delle sezioni 267(b) e 707(b)(1)) a tale società) che è un socio della partnership, e

(2) qualsiasi importo non assegnabile alle azioni a causa del paragrafo (1) sarà assegnato ai sensi della sottosezione (a) ad altri beni della società.

 

Il guadagno sarà riconosciuto alla partnership nella misura in cui l’importo richiesto da allocare ai sensi del paragrafo (2) ad altri beni della partnership supera la base aggregata rettificata di tale altra proprietà immediatamente prima dell’assegnazione richiesta dal paragrafo (2).

(16 agosto 1954, cap. 736, 68A Stat. 252; Pub. L. 94–455, titolo XIX, §1906(b)(13)(A), 4 ottobre 1976, 90 Stat. 1834; Pub. L. 108–357, titolo VIII, §834(a), 22 ottobre 2004, 118 Stat. 1592.)

 

Note editoriali

Modifiche

2004 —Sottosez. (C). Pub. L. 108–357 ha aggiunto il sottosezione. (C).

1976 —Sottosec. (a), (b). Pub. L. 94–455 viene cancellato “o il suo delegato” dopo “Segretario” ovunque appaia.

 

Note statutarie e società controllate correlate

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 2004

Pub. L. 108–357, titolo VIII, §834(b), 22 ottobre 2004, 118 Stat. 1592, prevedeva che: “La modifica apportata dal presente articolo [che modifica il presente articolo] si applicherà alle distribuzioni successive alla data di entrata in vigore della presente legge [22 ottobre 2004].”

PARTE III—DEFINIZIONI

Sez.
761.
Termini definiti.

 

§761. Termini definiti

(a) Partenariato

Ai fini di questo sottotitolo, il termine “partnership” comprende un sindacato, un gruppo, un pool, una joint venture o un’altra organizzazione priva di personalità giuridica attraverso o per mezzo della quale viene svolta qualsiasi attività commerciale, operazione finanziaria o impresa e che non è, all’interno il significato di questo titolo, una società o un trust o una proprietà. Secondo i regolamenti, il Segretario può, all’elezione di tutti i membri di un’organizzazione senza personalità giuridica, escludere tale organizzazione dall’applicazione di tutto o parte di questo sottocapitolo, se si avvale di:

(1) solo a scopo di investimento e non per la conduzione attiva di un’impresa,

(2) per la produzione congiunta, l’estrazione o l’uso di proprietà, ma non allo scopo di vendere servizi o proprietà prodotte o estratte, o

(3) da operatori di titoli per un breve periodo allo scopo di sottoscrivere, vendere o distribuire una particolare emissione di titoli,

 

se il reddito dei membri dell’organizzazione può essere adeguatamente determinato senza il calcolo del reddito imponibile della società.

(b) Socio

Ai fini del presente sottotitolo, il termine “partner” indica un membro di una società di persone. Nel caso di una quota di capitale in una società di persone in cui il capitale è un fattore materiale di produzione di reddito, la questione se una persona è socio rispetto a tale quota sarà determinata indipendentemente dal fatto che tale quota provenga da donazione da parte di un’altra persona.

(c) Accordo di partenariato

Ai fini del presente sottocapitolo, un accordo di società comprende tutte le modifiche dell’accordo di società apportate prima o al momento prescritto dalla legge per la presentazione della dichiarazione di società per l’anno fiscale (escluse le proroghe) che sono accettate da tutti i soci, o adottati in altro modo eventualmente previsto dal contratto di partenariato.

(d) Liquidazione dell’interesse di un socio

Ai fini del presente sottocapitolo, il termine “liquidazione dell’interesse di un socio” significa la cessazione dell’intero interesse di un socio in una società di persone mediante una distribuzione, o una serie di distribuzioni, al socio da parte della società.

(e) Distribuzioni di interessi di partnership trattati come scambi

Salvo quanto diversamente previsto dalla normativa, ai fini di:

(1) articolo 708 (relativo alla continuazione della partnership),

(2) sezione 743 (relativa all’adeguamento facoltativo alla base della proprietà della partnership), e

(3) qualsiasi altra disposizione di questo sottocapitolo specificata nei regolamenti prescritti dal Segretario,

 

qualsiasi distribuzione di una partecipazione in una partnership (non altrimenti trattata come uno scambio) sarà trattata come uno scambio.

(f) Joint venture qualificata

(1) In generale

Nel caso di una joint venture qualificata condotta da marito e moglie che presentano una dichiarazione congiunta per l’anno fiscale, ai fini del presente titolo:

(A) tale joint venture non sarà trattata come una partnership,

(B) tutti gli elementi di reddito, guadagno, perdita, detrazione e credito saranno divisi tra i coniugi in conformità con i rispettivi interessi nell’impresa, e

(C) ciascun coniuge dovrà tenere conto della rispettiva quota di tali beni come se fossero attribuibili a un’attività commerciale o imprenditoriale condotta da tale coniuge come unico proprietario.

(2) Joint venture qualificata

Ai fini del paragrafo (1), il termine “joint venture qualificata” indica qualsiasi joint venture che implichi lo svolgimento di un’attività commerciale o imprenditoriale se:

(A) gli unici membri di tale joint venture sono marito e moglie,

(B) entrambi i coniugi partecipano materialmente (ai sensi della sezione 469(h) indipendentemente dal paragrafo (5) della stessa) a tale commercio o impresa, e

(C) entrambi i coniugi scelgono l’applicazione di questa sottosezione.

(g) Rimando incrociato

Per le regole in caso di vendita, scambio, liquidazione o riduzione dell’interesse di un partner, vedere le sezioni 704(b) e 706(c)(2).

(16 agosto 1954, cap. 736, 68A Stat. 252; Pub. L. 94–455, titolo II, §213(c)(3)(B), titolo XIX, §1906(b)(13) (A), 4 ottobre 1976, 90 Stat. 1548, 1834 Pub. L. 96–222, titolo I, §102(a)(2)(C), 1 aprile 1980, 94 Stat. 208 ; Pub. L. 98–369, div. A, titolo I, §75(b), 18 luglio 1984, 98 Stat. 594; Pub. L. 99–514, titolo XVIII, §1805(c)(2 ), 22 ottobre 1986, 100 Stat. 2810; Pub. L. 110–28, titolo VIII, §8215(a), 25 maggio 2007, 121 Stat. 193; Pub. L. 114–74, titolo XI , §1102(a), 2 novembre 2015, 129 Stat. 638.)

 

Note editoriali

Modifiche

2015 —Sottosez. (B). Pub. L. 114–74 inserito alla fine “Nel caso di una partecipazione di capitale in una società di persone in cui il capitale è un fattore materiale di produzione di reddito, se una persona è un socio rispetto a tale partecipazione sarà determinato indipendentemente dal fatto che tale partecipazione è stato derivato per dono da qualsiasi altra persona.”

2007 —Sottosec. (f), (g). Pub. L. 110–28 ha aggiunto il comma. (f) e rinominato ex sottosezione. (f) come (g).

1986 —Sottosez. (e). Pub. L. 99–514 ha sostituito “Distribuzioni di interessi di partenariato” con “Distribuzioni” nell’intestazione, sostituito “Salvo quanto diversamente previsto dalla normativa, ai fini di” per “Ai fini di” nella disposizione introduttiva, e “qualsiasi distribuzione di interessi in una partnership” per “qualsiasi distribuzione” nelle disposizioni conclusive.

1984 —Sottosec. (e), (f). Pub. L. 98–369 ha aggiunto il comma. (e) e rinominato ex sottosezione. (e) come (f).

1980 —Sottosez. (a)(3). Pub. L. 96–222 ha aggiunto il par. (3).

1976 —Sottosez. (UN). Pub. L. 94–455, §1906(b)(13)(A), cancellato “o il suo delegato” dopo “Segretario”.

Sottosez. (e). Pub. L. 94–455, §213(c)(3)(B), aggiunto sottosez. (e).

 

Note statutarie e società controllate correlate

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 2015

Emendamento del Pub. L. 114–74 applicabile agli anni imponibili della partnership che iniziano dopo il 31 dicembre 2015, vedere la sezione 1102 (c) della Pub. L. 114–74, riportato come nota nella sezione 704 di questo titolo.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 2007

Pub. L. 110–28, titolo VIII, §8215(c), 25 maggio 2007, 121 Stat. 194, prevedeva che: “Le modifiche apportate dal presente articolo [modifica il presente articolo, l’articolo 1402 del presente titolo, e l’articolo 411 del Titolo 42, Sanità e previdenza pubblica] si applicano agli anni d’imposta che iniziano dopo il 31 dicembre 2006.”

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1986

Emendamento del Pub. L. 99–514 in vigore, salvo diversa disposizione, come se incluso nelle disposizioni del Tax Reform Act del 1984, Pub. L. 98–369, div. A, a cui si riferisce tale modifica, vedere la sezione 1881 della Pub. L. 99–514, riportato come nota nella sezione 48 del presente titolo.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1984

Emendamento del Pub. L. 98–369 applicabile a distribuzioni, vendite e scambi effettuati dopo il 31 marzo 1984, negli anni fiscali che terminano dopo tale data, vedere la sezione 75 (e) della Pub. L. 98–369, indicata come nota sulla data di entrata in vigore nella sezione 386 di questo titolo.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1980

Emendamento del Pub. L. 96–222 in vigore, salvo diversa disposizione, come se fosse stato incluso nelle disposizioni del Revenue Act del 1978, Pub. L. 95–600, a cui si riferisce tale modifica, vedere la sezione 201 della Pub. L. 96–222, riportato come nota nella sezione 32 del presente titolo.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1976

Modifica da parte dell’articolo 213(c)(3)(B) della Pub. L. 94–455 applicabile nel caso di anni imponibili di partnership che iniziano dopo il 31 dicembre 1975, vedere la sezione 213 (f) (1) di Pub. L. 94–455, riportato come nota nella sezione 709 di questo titolo.

Modifiche del piano non necessarie fino al 1 gennaio 1989

Per le disposizioni che stabiliscono che, in caso di modifiche apportate dal sottotitolo A o dal sottotitolo C del titolo XI [§§1101–1147 e 1171–1177] o del titolo XVIII [§§1800–1899A] della Pub. L. 99–514 richiedono una modifica a qualsiasi piano, tale modifica del piano non dovrà essere apportata prima del primo anno del piano che inizia a partire dal 1 gennaio 1989, vedere la sezione 1140 della Pub. L. 99–514, come modificato, riportato come nota nella sezione 401 di questo titolo.

[PARTE IV—ABROGATO]

 

Note editoriali

Disposizioni precedenti

Una precedente parte IV, relativa alla data di entrata in vigore del sottocapitolo, era costituita dalla sezione 771 di questo titolo, prima dell’abrogazione da parte della Pub. L. 94–455, titolo XIX, §1901(a)(94), 4 ottobre 1976, 90 Stat. 1780.

[§§ da 771 a 777. Abrogato. Pub. L. 114–74, titolo XI, §1101(b)(1), 2 novembre 2015, 129 Stat. 625]

Sezione 771, aggiunta Pub. L. 105–34, titolo XII, §1221(a), 5 agosto 1997, 111 Stat. 1002, relativo all’applicazione del sottocapitolo all’elezione delle grandi società di persone.

Una precedente sezione 771, legge del 16 agosto 1954, cap. 736, 68A Stat. 253, relativo alla data di entrata in vigore del presente sottocapitolo, prima dell’abrogazione da parte della Pub. L. 94–455, titolo XIX, §1901(a)(94), 4 ottobre 1976, 90 Stat. 1780.

Sezione 772, aggiunta Pub. L. 105–34, titolo XII, §1221(a), 5 agosto 1997, 111 Stat. 1002; Pubblico modificato. L. 109–58, titolo XIII, §1322(a)(3)(I), (J), 8 agosto 2005, 119 Stat. 1012, relativo al flusso semplificato per i soci nell’elezione delle grandi società.

Sezione 773, aggiunta Pub. L. 105–34, titolo XII, §1221(a), 5 agosto 1997, 111 Stat. 1004, relativo al computo dei redditi imponibili a livello societario delle società di persone di grandi dimensioni elette.

Sezione 774, aggiunta Pub. L. 105–34, titolo XII, §1221(a), 5 agosto 1997, 111 Stat. 1005; Pubblico modificato. L. 105–206, titolo VI, §6012(c), 22 luglio 1998, 112 Stat. 819, relativo ad altre modifiche all’elezione delle grandi società.

Sezione 775, aggiunta Pub. L. 105–34, titolo XII, §1221(a), 5 agosto 1997, 111 Stat. 1006; Pubblico modificato. L. 106–170, titolo V, §532(c)(2)(G), 17 dicembre 1999, 113 Stat. 1930, definita “elezione del grande partenariato”.

Sezione 776, aggiunta Pub. L. 105–34, titolo XII, §1221(a), 5 agosto 1997, 111 Stat. 1007, relativa a norme speciali per l’elezione delle grandi società di persone detentrici di proprietà nel settore del petrolio e del gas.

Sezione 777, aggiunta Pub. L. 105–34, titolo XII, §1221(a), 5 agosto 1997, 111 Stat. 1008, relativo alla disciplina di cui a questa parte.

 

Note statutarie e società controllate correlate

Data effettiva di abrogazione

Abrogazione applicabile alle dichiarazioni presentate per gli anni imponibili della partnership che iniziano dopo il 31 dicembre 2017, con alcune eccezioni, vedere la sezione 1101 (g) della Pub. L. 114–74, indicata come nota sulla data di entrata in vigore nella sezione 6221 di questo titolo.

Codice degli Stati Uniti, Titolo 26, Sottotitolo A, Capitolo 1, Sottocapitolo S – Trattamento fiscale delle società S e dei loro azionisti

26 USC
Codice degli Stati Uniti, edizione 2021
Titolo 26 – INTERNAL REVENUE CODE
Sottotitolo A – Imposte sul reddito
CAPITOLO 1 –  IMPOSTE NORMALI E SOPRATTASSE
Sottocapitolo S – Trattamento fiscale delle società S e dei loro azionisti
Dal Government Publishing Office degli Stati Uniti, www.gpo.gov

Sottocapitolo S: trattamento fiscale delle società S e dei loro azionisti

Parte
I. Generale.
II. Trattamento fiscale degli azionisti.
III.Regole speciali.
IV. Definizioni; varie.

 

PARTE I – IN GENERALE

Sez.
1361. Società S definizione.
1362. Elezione; revoca; terminazione.
1363.Effetti delle elezioni sulle società.

 

§1361. Società S definizione

(a) Definizione della società S

(1) In generale

Ai fini del presente titolo, il termine “società S” indica, rispetto a qualsiasi anno fiscale, una piccola società commerciale per la quale per tale anno è in vigore un’elezione ai sensi della sezione 1362 (a).

(2) Società C

Ai fini del presente titolo, il termine “società C” indica, rispetto a qualsiasi anno fiscale, una società che non è una società S per tale anno.

(b) Società di piccole imprese

(1) In generale

Ai fini del presente sottocapitolo, il termine “società di piccole imprese” indica una società nazionale che non è una società non idonea e che non:

(A) hanno più di 100 azionisti,

(B) avere come azionista una persona (diversa da un patrimonio, un trust descritto nella sottosezione (c)(2) o un’organizzazione descritta nella sottosezione (c)(6)) che non sia un individuo,

(C) avere uno straniero non residente come azionista, e

(D) hanno più di 1 classe di azioni.

(2) Definizione di società non idonea

Ai fini del paragrafo (1), il termine “società non idonea” indica qualsiasi società che sia:

(A) un istituto finanziario che utilizza il metodo della riserva per contabilizzare i crediti inesigibili descritto nella sezione 585,

(B) una compagnia di assicurazione soggetta a imposta ai sensi del sottocapitolo L, o

(C) un DISCO o un precedente DISCO.

(3) Trattamento di alcune società controllate al 100%.

(A) In generale

Fatto salvo quanto previsto dalle norme prescritte dal Segretario, ai fini del presente titolo:

(i) una società che è una controllata qualificata del sottocapitolo S non deve essere trattata come una società separata, e

(ii) tutte le attività, passività e elementi di reddito, detrazione e credito di una controllata qualificata del sottocapitolo S saranno trattati come attività, passività e tali elementi (a seconda dei casi) della società S.

(B) Filiale qualificata del sottocapitolo S

Ai fini del presente paragrafo, il termine “filiale qualificata del sottocapitolo S” indica qualsiasi società nazionale che non sia una società non idonea (come definita nel paragrafo (2)), se:

(i) il 100 per cento delle azioni di tale società è detenuto dalla società S, e

(ii) la società S sceglie di trattare tale società come una controllata qualificata del sottocapitolo S.

(C) Trattamento delle cessazioni dello status di sussidiaria qualificata del sottocapitolo S

(i) In generale

Ai fini del presente titolo, se una società che era una controllata qualificata del sottocapitolo S cessa di soddisfare i requisiti del sottoparagrafo (B), tale società sarà trattata come una nuova società che acquisisce immediatamente tutte le sue attività (e si assume tutte le sue passività) prima di tale cessazione dalla società S in cambio delle sue azioni.

(ii) Risoluzione a causa della vendita di azioni

Se il mancato rispetto dei requisiti del sottoparagrafo (B) è dovuto alla vendita di azioni di una società che è una controllata qualificata del sottocapitolo S, la vendita di tali azioni sarà trattata come se:

(I) la vendita costituiva la vendita di un interesse indiviso nelle attività di tale società (sulla base della percentuale delle azioni della società vendute), e

(II) la vendita è stata seguita dall’acquisizione da parte di tale società di tutti i suoi beni (e dall’assunzione da parte di tale società di tutte le sue passività) in una transazione alla quale si applica la sezione 351.

(D) Elezione dopo la cessazione

Se lo status di una società come controllata qualificata del sottocapitolo S cessa, tale società (e qualsiasi società successore) non avrà il diritto di effettuare:

(i) un’elezione ai sensi del sottoparagrafo (B)(ii) per essere trattata come una filiale qualificata del sottocapitolo S, o

(ii) un’elezione ai sensi della sezione 1362(a) per essere trattata come una società S,

 

prima del quinto anno fiscale che inizia dopo il primo anno fiscale per il quale tale risoluzione era effettiva, a meno che il Segretario non acconsenta a tale elezione.

(E) Restituzioni di informazioni

Salvo quanto previsto dal Segretario, il presente comma non si applica alla parte III del sottocapitolo A del capitolo 61 (relativo alle dichiarazioni informative).

(c) Norme particolari per l’applicazione della sottosezione (b)

(1) Componenti di un nucleo familiare equiparato a 1 azionista

(A) In generale

Ai fini della sottosezione (b)(1)(A), sarà considerato come un azionista:

(i) un marito e una moglie (e i loro beni), e

(ii) tutti i membri di una famiglia (e i loro patrimoni).

(B) Membri di una famiglia

Ai fini di questo paragrafo:

(i) In generale

Il termine “membri di una famiglia” indica un antenato comune, qualsiasi discendente diretto di tale antenato comune e qualsiasi coniuge o ex coniuge di tale antenato comune o qualsiasi discendente diretto.

(ii) Antenato comune

Un individuo non è considerato un antenato comune se, alla data applicabile, si trova a più di 6 generazioni di distanza dalla generazione più giovane di azionisti che (se non fosse stato per questo comma) sarebbero membri della famiglia. Ai fini della frase precedente, un coniuge (o ex coniuge) sarà considerato appartenente alla stessa generazione dell’individuo con cui tale coniuge è (o era) sposato.

(iii) Data applicabile

Il termine “data applicabile” indica l’ultima tra:

(I) la data in cui viene effettuata l’elezione ai sensi della sezione 1362 (a),

(II) la prima data in cui un individuo descritto nella clausola (i) detiene azioni della società S, o

(III) 22 ottobre 2004.

(C) Effetto dell’adozione, ecc.

Qualsiasi figlio legalmente adottato da un individuo, qualsiasi bambino legalmente affidato a un individuo per l’adozione legale da parte di tale individuo e qualsiasi figlio adottivo idoneo di un individuo (ai sensi della sezione 152(f)(1)(C)), sarà trattato come figlio di sangue di tale individuo.

(2) Alcuni trust consentiti come azionisti

(A) In generale

Ai fini della sottosezione (b)(1)(B), i seguenti trust possono essere azionisti:

(i) Un trust considerato interamente (ai sensi del capoverso E della parte I del sottocapitolo J di questo capitolo) come posseduto da un individuo che è cittadino o residente degli Stati Uniti.

(ii) Un trust descritto nella clausola (i) immediatamente prima della morte del presunto proprietario e che continua ad esistere dopo tale morte, ma solo per il periodo di 2 anni a partire dal giorno della morte del presunto proprietario.

(iii) Un trust rispetto alle azioni ad esso trasferite ai sensi dei termini di un testamento, ma solo per il periodo di 2 anni a partire dal giorno in cui tali azioni gli vengono trasferite.

(iv) Un trust creato principalmente per esercitare il potere di voto sulle azioni ad esso trasferite.

(v) Un trust elettivo per piccole imprese.

(vi) Nel caso di una società che sia una banca (come definita nella sezione 581) o una società holding di un istituto di deposito (come definita nella sezione 3(w)(1) del Federal Deposit Insurance Act (12 USC 1813(w )(1)), un trust che costituisce un conto pensionistico individuale ai sensi della sezione 408(a), incluso uno designato come Roth IRA ai sensi della sezione 408A, ma solo nella misura delle azioni detenute da tale trust in tale banca o società come dalla data di entrata in vigore della presente clausola.

 

Il presente comma non si applica ad alcun trust estero.

(B) Trattamento da azionisti

Ai fini della sottosezione (b)(1)—

(i) Nel caso di un trust descritto nella clausola (i) del sottoparagrafo (A), il presunto proprietario sarà trattato come azionista.

(ii) Nel caso di un trust descritto nella clausola (ii) del sottoparagrafo (A), il patrimonio del presunto proprietario sarà trattato come quello dell’azionista.

(iii) Nel caso di un trust descritto nella clausola (iii) del sottoparagrafo (A), il patrimonio del testatore sarà trattato come quello dell’azionista.

(iv) Nel caso di un trust descritto nella clausola (iv) del sottoparagrafo (A), ciascun beneficiario del trust sarà trattato come un azionista.

(v) Nel caso di un trust descritto nella clausola (v) del sottoparagrafo (A), ciascun potenziale attuale beneficiario di tale trust sarà trattato come un azionista; salvo che, se per un qualsiasi periodo non vi è alcun potenziale attuale beneficiario di tale trust, tale trust sarà trattato come azionista durante tale periodo. Questa clausola non si applica ai fini della sottosezione (b)(1)(C).

(vi) Nel caso di un trust descritto nella clausola (vi) del sottoparagrafo (A), la persona fisica a beneficio del quale il trust è stato creato sarà trattata come azionista.

(3) Il patrimonio di una persona in fallimento può essere azionista

Ai fini della sottosezione (b)(1)(B), il termine “patrimonio” comprende il patrimonio di un individuo in un caso ai sensi del titolo 11 del Codice degli Stati Uniti.

(4) Differenze nei diritti di voto delle azioni ordinarie non prese in considerazione

Ai fini della sottosezione (b)(1)(D), una società non deve essere considerata come avente più di 1 classe di azioni solo perché vi sono differenze nei diritti di voto tra le azioni ordinarie.

(5) Porto sicuro del debito diretto

(A) In generale

Ai fini della sottosezione (b)(1)(D), il debito diretto non sarà trattato come una seconda classe di azioni.

(B) Debito diretto definito

Ai fini del presente paragrafo, il termine “debito diretto” indica qualsiasi promessa scritta e incondizionata di pagare su richiesta o a una data specificata una somma certa in denaro se:

(i) il tasso di interesse (e le date di pagamento degli interessi) non dipendono dai profitti, dalla discrezione del mutuatario o da fattori simili,

(ii) non vi è convertibilità (direttamente o indirettamente) in azioni, e

(iii) il creditore è un individuo (diverso da uno straniero non residente), un patrimonio, un trust descritto nel paragrafo (2), o una persona che è attivamente e regolarmente impegnata nell’attività di prestito di denaro.

(C) Regolamenti

Il Segretario prescriverà le norme che potrebbero essere necessarie o appropriate per provvedere al corretto trattamento del debito diretto ai sensi del presente sottocapitolo e per il coordinamento di tale trattamento con altre disposizioni di questo titolo.

(6) Alcune organizzazioni esenti sono ammesse come azionisti

Ai fini della sottosezione (b)(1)(B), un’organizzazione che è:

(A) descritto nella sezione 401(a) o 501(c)(3), e

(B) esente da tassazione ai sensi della sezione 501(a),

 

può essere azionista di una società S.

(d) Regola speciale per il trust qualificato del sottocapitolo S

(1) In generale

Nel caso di un trust qualificato del sottocapitolo S rispetto al quale un beneficiario effettua una scelta ai sensi del paragrafo (2):

(A) tale trust sarà trattato come un trust descritto nella sottosezione (c)(2)(A)(i),

(B) ai fini della sezione 678(a), il beneficiario di tale trust sarà trattato come il proprietario di quella parte del trust che consiste in azioni di una società S rispetto alla quale viene effettuata l’elezione ai sensi del paragrafo (2) , E

(C) ai fini dell’applicazione delle sezioni 465 e 469 al beneficiario del trust, la disposizione delle azioni della società S da parte del trust sarà trattata come una disposizione da parte di tale beneficiario.

(2) Elezione

(A) In generale

Un beneficiario di un trust qualificato del sottocapitolo S (o il suo rappresentante legale) può scegliere di applicare questa sottosezione.

(B) Modalità e momento dell’elezione

(i) Elezioni separate per ciascuna società

L’elezione ai sensi del presente paragrafo dovrà essere effettuata separatamente rispetto a ciascuna società le cui azioni sono detenute dal trust.

(ii) Elezioni rispetto ai successivi beneficiari di reddito

Se c’è un’elezione ai sensi del presente paragrafo rispetto a qualsiasi beneficiario, un’elezione ai sensi del presente paragrafo sarà considerata come effettuata da ciascun beneficiario successivo a meno che tale beneficiario rifiuti affermativamente di acconsentire a tale elezione.

(iii) Tempi, modalità e forma dell’elezione

Qualsiasi elezione o rifiuto ai sensi del presente paragrafo dovrà essere effettuato nel modo, nella forma e nei tempi prescritti dal Segretario.

(C) Elezione irrevocabile

Un’elezione ai sensi del presente paragrafo, una volta effettuata, può essere revocata solo con il consenso del Segretario.

(D) Periodo di grazia

Un’elezione ai sensi del presente paragrafo sarà effettiva fino a 15 giorni e 2 mesi prima della data dell’elezione.

(3) Trust qualificato del sottocapitolo S

Ai fini della presente sottosezione, il termine “trust qualificato del sottocapitolo S” indica un trust:

(A) i cui termini richiedono che:

(i) durante la vita dell’attuale beneficiario del reddito, ci sarà solo 1 beneficiario del reddito del trust,

(ii) qualsiasi corpus distribuito durante la vita dell’attuale beneficiario del reddito può essere distribuito solo a tale beneficiario,

(iii) gli interessi sul reddito dell’attuale beneficiario del reddito nel trust cesseranno alla prima data tra la morte di tale beneficiario o la cessazione del trust, e

(iv) alla cessazione del trust durante la vita dell’attuale beneficiario del reddito, il trust distribuirà tutti i suoi beni a tale beneficiario, e

 

(B) tutto il reddito (ai sensi della sezione 643(b)) che viene distribuito (o deve essere distribuito) attualmente a 1 individuo cittadino o residente degli Stati Uniti.

 

Una quota sostanzialmente separata e indipendente di un trust ai sensi della sezione 663(c) sarà trattata come un trust separato ai fini della presente sottosezione e della sottosezione (c).

(4) Il trust cessa di essere qualificato

(A) Mancato rispetto dei requisiti di cui al paragrafo (3)(A)

Se un trust qualificato del sottocapitolo S cessa di soddisfare qualsiasi requisito del paragrafo (3)(A), le disposizioni di questa sottosezione non si applicano a tale trust a partire dalla data in cui cessa di soddisfare tale requisito.

(B) Mancato rispetto dei requisiti di cui al paragrafo (3)(B)

Se un trust qualificato del sottocapitolo S cessa di soddisfare qualsiasi requisito del paragrafo (3)(B) ma continua a soddisfare i requisiti del paragrafo (3)(A), le disposizioni di questa sottosezione non si applicano a tale trust a partire dal primo giorno del primo anno fiscale che inizia dopo il primo anno fiscale per il quale non ha soddisfatto i requisiti di cui al paragrafo (3)(B).

(e) Definizione dell’elezione del trust per le piccole imprese

(1) Eleggere il trust delle piccole imprese

Ai fini di questa sezione:

(A) In generale

Fatto salvo quanto previsto al sottoparagrafo (B), il termine “elezione del trust per piccole imprese” indica qualsiasi trust se:

(i) tale trust non ha come beneficiario alcuna persona diversa da (I) un individuo, (II) un patrimonio, (III) un’organizzazione descritta nei paragrafi (2), (3), (4) o (5 ) della sezione 170(c), o (IV) un’organizzazione descritta nella sezione 170(c)(1) che detiene un interesse contingente in tale trust e non è un potenziale beneficiario attuale,

(ii) nessun interesse in tale trust è stato acquisito mediante acquisto, e

(iii) a tale trust si applica un’elezione ai sensi della presente sottosezione.

(B) Alcuni trust non sono ammissibili

Il termine “elezione del fondo fiduciario per le piccole imprese” non include:

(i) qualsiasi trust qualificato del sottocapitolo S (come definito nella sottosezione (d)(3)) se un’elezione ai sensi della sottosezione (d)(2) si applica a qualsiasi società le cui azioni sono detenute da tale trust,

(ii) qualsiasi trust esente da imposta ai sensi di questo sottotitolo, e

(iii) qualsiasi fondo di rendita di beneficenza o unitrust di beneficenza (come definito nella sezione 664(d)).

(C) Acquisto

Ai fini del sottoparagrafo (A), il termine “acquisto” indica qualsiasi acquisizione se la base della proprietà acquisita è determinata ai sensi della sezione 1012.

(2) Potenziale beneficiario attuale

Ai fini della presente sezione, il termine “potenziale beneficiario attuale” indica, rispetto a qualsiasi periodo, qualsiasi persona che in qualsiasi momento durante tale periodo ha diritto, o a discrezione di qualsiasi persona può ricevere, una distribuzione dal capitale o reddito del trust (determinato senza tener conto di alcun potere di nomina nella misura in cui tale potere rimane inesercitato alla fine di tale periodo). Se un trust dispone di tutte le azioni che detiene in una società S, allora, rispetto a tale società, il termine “potenziale beneficiario attuale” non include alcuna persona che per prima abbia soddisfatto i requisiti della frase precedente durante il 1- periodo di anni che termina alla data di tale disposizione.

(3) Elezione

L’elezione ai sensi del presente comma viene effettuata dal curatore. Qualsiasi scelta di questo tipo si applicherà all’anno fiscale del trust per il quale è stata effettuata e a tutti gli anni fiscali successivi di tale trust, a meno che non venga revocata con il consenso del Segretario.

(4) Rimando incrociato

Per un trattamento speciale relativo all’elezione dei trust di piccole imprese, vedere la sezione 641 (c).

(f) Azioni limitate dei direttori di banca

(1) In generale

Le azioni vincolate dei direttori bancari non saranno prese in considerazione come azioni in circolazione della società S nell’applicazione di questo sottocapitolo (diverso dalla sezione 1368 (f)).

(2) Azioni riservate ai direttori di banca

Ai fini di questa sottosezione, il termine “azioni vincolate di direttori bancari” indica azioni di una banca (come definita nella sezione 581) o di una società holding di un istituto di deposito (come definita nella sezione 3(w)(1) della Legge federale sull’assicurazione dei depositi (12 USC 1813(w)(1))), se tale titolo—

(A) deve essere detenuto da un individuo ai sensi della legge federale o statale applicabile al fine di consentire a tale individuo di ricoprire il ruolo di amministratore, e

(B) è soggetto a un accordo con tale banca o società (o una società che controlla (ai sensi della sezione 368(c)) tale banca o società) in base al quale il titolare è tenuto a rivendere tali azioni (al stesso prezzo con cui il soggetto ha acquistato tali azioni) al momento della cessazione dalla carica di amministratore.

(3) Rimando incrociato

Per il trattamento di alcune distribuzioni rispetto alle azioni vincolate dei direttori bancari, vedere la sezione 1368(f).

(g) Regola speciale per la banca tenuta a cambiare dal metodo contabile della riserva quando diventa una società S

Nel caso di una banca che cambia dal metodo della riserva per la contabilizzazione dei crediti inesigibili descritto nella sezione 585 o 593 per il suo primo anno fiscale per il quale è in vigore un’elezione ai sensi della sezione 1362 (a), la banca può scegliere di tener conto eventuali rettifiche ai sensi della sezione 481 a causa di tale cambiamento per l’anno fiscale immediatamente precedente tale primo anno fiscale.

233(a), (b), 234(a), 236(a), 239(a), 22 ottobre 2004, 118 Stat. 1433–1435, 1437; Pub. L. 109–135, titolo IV, §§403(b), 413(a)(1), (c), 21 dicembre 2005, 119 Stat. 2620, 2641; Pub. L. 110–28, titolo VIII, §§8232(a), 8233(a), 8234(a), 25 maggio 2007, 121 Stat. 197, 198; Pub. L. 115–97, titolo I, §13541(a), 22 dicembre 2017, 131 Stat. 2154; Pub. L. 115–141, div. U, titolo I, §109(a), titolo IV, §401(a)(190), (d)(1)(D)(xvi), 23 marzo 2018, 132 Stat. 1171, 1193, 1208.) (d)(1)(D)(xvi), 23 marzo 2018, 132 Stat. 1171, 1193, 1208.) (d)(1)(D)(xvi), 23 marzo 2018, 132 Stat. 1171, 1193, 1208.)

 

Note editoriali

Riferimenti nel testo

La data di entrata in vigore della presente clausola, di cui al par. (c)(2)(A)(vi), è la data di entrata in vigore della Pub. L. 108–357, approvata il 22 ottobre 2004.

Disposizioni precedenti

Una precedente sezione 1361, atti del 16 agosto 1954, cap. 736, 68A Stat. 350; 10 ottobre 1962, pub. L. 87–792, §7(h), 76 Stat. 829; 26 febbraio 1964, pub. L. 88–272, titolo II, §225(k)(5), 78 Stat. 94; 14 aprile 1966, pub. L. 89–389, §4(a), 80 Stat. 115, relativo all’elezione di alcune società di persone e di proprietà ad essere tassate come società nazionali, prima dell’abrogazione da parte del Pub. L. 89–389, §4(b)(1), 14 aprile 1966, 80 Stat. 116, in vigore dal 1° gennaio 1969.

Modifiche

2018 —Sottosez. (b)(2)(C), (D). Pub. L. 115–141, §401(d)(1)(D)(xvi), sottopar. (D) come (C) e cancellato il precedente comma. (C) che recita come segue: “una società a cui si applica un’elezione ai sensi della sezione 936, o”.

Sottosez. (c)(2)(B)(vi). Pub. L. 115–141, §109 (a), ha sostituito “l’azionista” con “un azionista”.

Sottosez. (f)(2). Pub. L. 115–141, §401(a)(190), ha sostituito “1813(w)(1))),” con “1813(w)(1)),” nelle disposizioni introduttive.

2017 —Sottosez. (c)(2)(B)(v). Pub. L. 115–97 inserito alla fine “Questa clausola non si applica agli scopi della sottosezione (b)(1)(C).”

2007 —Sottosez. (b)(3)(C). Pub. L. 110–28, §8234(a), ha designato le disposizioni esistenti come cl. (i), inserito cl. (i) intestazione e aggiunta cl. (ii).

Sottosez. (F). Pub. L. 110–28, §8232(a), aggiunto sottosez. (F).

Sottosez. (G). Pub. L. 110–28, §8233(a), aggiunto sottosez. (G).

2005 —Sottosez. (b)(3)(A). Pub. L. 109–135, §413(c)(1), cancellato “e nel caso di dichiarazioni di informazioni richieste ai sensi della parte III del sottocapitolo A del capitolo 61” dopo “Segretario”.

Sottosez. (b)(3)(E). Pub. L. 109–135, §413(c)(2), aggiunto sottopar. (E).

Sottosez. (c)(1). Pub. L. 109–135, §403(b), titolo rievocato senza modifiche e testo modificato in generale. Prima della modifica, il testo era costituito da sottoparagrafi. da (A) a (D) relativi al trattamento come 1 socio, familiari, adozione ed elezione.

Sottosez. (c)(2)(A)(vi). Pub. L. 109–135, §413(a)(1), inserito “o una società holding di un istituto di deposito (come definita nella sezione 3(w)(1) del Federal Deposit Insurance Act (12 USC 1813(w)(1 ))” dopo “una banca (come definita nella sezione 581)” e “o una società” dopo “tale banca”.

2004 —Sottosez. (b)(1)(A). Pub. L. 108–357, §232(a), ha sostituito “100” con “75”.

Sottosez. (b)(3)(A). Pub. L. 108–357, §239(a), inserito “e nel caso di dichiarazioni di informazioni richieste ai sensi della parte III del sottocapitolo A del capitolo 61” dopo “Segretario”.

Sottosez. (c)(1). Pub. L. 108–357, §231(a), titolo e testo modificati del par. (1) in generale. Prima della modifica, il testo recitava come segue: “Ai fini della sottosezione (b)(1)(A), marito e moglie (e i loro beni) saranno trattati come 1 azionista.”

Sottosez. (c)(2)(A)(vi). Pub. L. 108–357, §233(a), aggiunto cl. (vi).

Sottosez. (c)(2)(B)(vi). Pub. L. 108–357, §233(b), aggiunto cl. (vi).

Sottosez. (d)(1)(C). Pub. L. 108–357, §236(a), aggiunto sottopar. (C).

Sottosez. (e)(2). Pub. L. 108–357, §234(a), inserito “(determinato senza riguardo ad alcun potere di nomina nella misura in cui tale potere rimane inesercitato alla fine di tale periodo)” dopo “del trust” e sostituito “1 anno ” per “60 giorni”.

2000 —Sottosez. (e)(1)(A)(i)(IV). Pub. L. 106–554 ha aggiunto la subcl. (IV).

1998 —Sottosez. (e)(4). Pub. L. 105–206 ha sostituito la “sezione 641 (c)” con la “sezione 641 (d)”.

1997 —Sottosez. (b)(1)(B). Pub. L. 105–34, §1601(c)(4)(C), ha sostituito “sottosezione (c)(6)” con “sottosezione (c)(7)”.

Sottosez. (b)(3)(A). Pub. L. 105–34, §1601(c)(3), sostituito “Salvo quanto previsto dai regolamenti prescritti dal Segretario, ai fini del presente titolo” con “Ai fini del presente titolo”.

Sottosez. (c)(6), (7). Pub. L. 105–34, §1601(c)(4)(B), rinominato par. (7) come (6).

Sottosez. (e)(1)(B)(iii). Pub. L. 105–34, §1601(c)(1), aggiunto cl. (iii).

1996 —Sottosez. (b)(1)(A). Pub. L. 104–188, §1301, ha sostituito “75” con “35”.

Sottosez. (b)(1)(B). Pub. L. 104–188, §1316(a)(1), modificato sottopar. (B) in generale. Prima della modifica, par. (B) leggi come segue: “avere come azionista una persona (diversa da un patrimonio e da un trust descritto nella sottosezione (c)(2)) che non è una persona fisica,”.

Sottosez. (b)(2)(A). Pub. L. 104–188, §1315, modificato sottopar. (A) in generale. Prima della modifica, par. (A) leggi come segue: “un istituto finanziario al quale si applica la sezione 585 (o si applicherebbe se non fosse per la sua sottosezione (c))”.

Pub. L. 104–188, §1308(a), sottopar. (B) come (A) e cancellato il precedente comma. (A) che recitava come segue: “un membro di un gruppo affiliato (determinato ai sensi della sezione 1504 senza riguardo alle eccezioni contenute nella sottosezione (b) dello stesso)”.

Sottosez. (b)(2)(B). Pub. L. 104–188, §1308(a), sottopar. (C) come (B). Ex scadente. (B) rinominato (A).

Pub. L. 104–188, §1616(b)(15), cancellato “o al quale si applica la sezione 593” dopo “sottosezione (c) della stessa)”.

Sottosez. (b)(2)(C) a (E). Pub. L. 104–188, §1308(a), sottoparagrafi ridisegnati. (D) ed (E) come (C) e (D), rispettivamente. Ex scadente. (C) rinominato (B).

Sottosez. (b)(3). Pub. L. 104–188, §1308(b), aggiunto par. (3).

Sottosez. (c)(2)(A)(ii). Pub. L. 104–188, §1303, ha sostituito “periodo di 2 anni” con “periodo di 60 giorni” nella prima frase e ha cancellato alla fine “Se un trust è descritto nella frase precedente e se l’intero corpus del trust è incluso nel patrimonio lordo del presunto proprietario, la frase precedente si applica sostituendo “periodo di 2 anni” con “periodo di 60 giorni”.”

Sottosez. (c)(2)(A)(iii). Pub. L. 104–188, §1303(1), ha sostituito “periodo di 2 anni” con “periodo di 60 giorni”.

Sottosez. (c)(2)(A)(v). Pub. L. 104–188, §1302(a), aggiunto cl. (v).

Sottosez. (c)(2)(B)(v). Pub. L. 104–188, §1302(b), aggiunto cl. (v).

Sottosez. (c)(5)(B)(iii). Pub. L. 104–188, §1304, ha sostituito “un trust descritto nel paragrafo (2), o una persona che è attivamente e regolarmente impegnata nell’attività di prestito di denaro” con “o un trust descritto nel paragrafo (2)”.

Sottosez. (c)(6). Pub. L. 104–188, §1308(d)(1), par. cancellato. (6) che recita quanto segue:

“(6)Possesso di azioni in alcune società inattive.—Ai fini della sottosezione (b)(2)(A), una società non sarà trattata come membro di un gruppo affiliato durante qualsiasi periodo compreso nell’anno fiscale in ragione della proprietà di azioni di un’altra società se tale altra società —

“(A) non ha iniziato l’attività in nessun momento prima o alla chiusura di tale periodo, e

“(B) non ha reddito lordo per tale periodo.”

Sottosez. (c)(7). Pub. L. 104–188, §1316(a)(2), aggiunto par. (7).

Sottosez. (e). Pub. L. 104–188, §1302(c), aggiunto sottosez. (e).

Sottosez. (e)(1)(A)(i). Pub. L. 104–188, §1316(e), cancellato “che detiene un interesse contingente e non è un potenziale beneficiario attuale” dopo “170(c)”.

1989 —Sottosez. (b)(2)(B). Pub. L. 101–239 ha modificato il comma. (B) in generale. Prima della modifica, par. (B) leggi come segue: “un istituto finanziario che è una banca (come definito nella sezione 585(a)(2)) o al quale si applica la sezione 593,”.

1988 —Sottosez. (d)(3). Pub. L. 100–647 ha sostituito “ai sensi di” con “trattato come un trust separato ai sensi” nell’ultima frase.

1986 —Sottosez. (b)(2)(B). Pub. L. 99–514, §901(d)(4)(G), sostituito “che è una banca (come definita nella sezione 585(a)(2)) o a cui si applica la sezione 593” per “a quale sezione 585 o si applica 593”.

Sottosez. (d)(3). Pub. L. 99–514, §1879(m)(1)(A), inserito alla fine “Una quota sostanzialmente separata e indipendente di un trust trattata come un trust separato ai sensi della sezione 663(c) sarà trattata come un trust separato per scopi di questa sottosezione e della sottosezione (c).”

1984 —Sottosez. (c)(6). Pub. L. 98–369, §721(c), modificato par. (6) in generale, sostituendo “durante qualsiasi periodo dell’anno imponibile” con “durante qualsiasi anno imponibile” nelle disposizioni precedenti il ​​comma. (A), e sostituendo “alla o prima della chiusura di tale periodo” con “alla o dopo la data della sua costituzione e prima della chiusura di tale anno fiscale” nel sottopar. (A), e “non ha reddito lordo per tale periodo” per “non ha reddito imponibile per il periodo compreso in tale anno imponibile” nel sottopar. (B).

Sottosez. (d)(2)(B)(i). Pub. L. 98–369, §721(f)(3), ha sostituito “società” con “società S” nell’intestazione e nel testo.

Sottosez. (d)(2)(D). Pub. L. 98–369, §721(f)(1), ha sostituito “15 giorni e 2 mesi” con “60 giorni”.

Sottosez. (d)(3). Pub. L. 98–369, §721(f)(2), nel modificare il par. (3) in generale, rinominato sottopar. (C) come (A), ha sostituito un punto per “, e” alla fine del sottopar. (B), e cancellato il precedente subpar. (A) che recita “che possiede azioni in 1 o più società S”.

Sottosez. (d)(4). Pub. L. 98–369, §721(f)(2), nel modificare il par. (4) in generale, le disposizioni esistenti sono state ridefinite come sottopar. (A), inserito “Mancato rispetto dei requisiti del paragrafo (3)(A)” come sottopar. (A) titolo, sostituito “del paragrafo (3)(A)” con “al paragrafo (3)”, e aggiunto sottoparagrafo. (B).

 

Note statutarie e società controllate correlate

Data di entrata in vigore Modifica 2018

Modifica da parte dell’articolo 109(a) della Pub. L. 115–141 in vigore come se incluso nella sezione 319 dell’American Jobs Creation Act del 2004, Pub. L. 108–357, vedere la sezione 109(c) della Pub. L. 115–141, riportato come nota nella sezione 501 di questo titolo.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 2017

Pub. L. 115–97, titolo I, §13541(b), 22 dicembre 2017, 131 Stat. 2154, prevedeva che: “La modifica apportata dal presente articolo [modifica il presente articolo] entrerà in vigore dal 1° gennaio 2018”.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 2007

Pub. L. 110–28, titolo VIII, §8232(c), 25 maggio 2007, 121 Stat. 198, a condizione che:

“(1)Generalmente.—Le modifiche apportate da questa sezione [che modifica questa sezione e la sezione 1368 di questo titolo] si applicano agli anni imponibili che iniziano dopo il 31 dicembre 2006.

“(2)Regola speciale per il trattamento come titoli di seconda classe.—Nel caso di qualsiasi anno fiscale che inizia dopo il 31 dicembre 1996, le azioni vincolate dei direttori di banca (come definite nella sezione 1361 (f) del Codice tributario interno del 1986, come aggiunto da questa sezione) non saranno prese in considerazione in determinare se una società S ha più di 1 classe di azioni.”

Pub. L. 110–28, titolo VIII, §8233(b), 25 maggio 2007, 121 Stat. 198, prevedeva che: “Le modifiche apportate dal presente articolo si applicano agli anni d’imposta che iniziano successivamente al 31 dicembre 2006”.

Pub. L. 110–28, titolo VIII, §8234(b), 25 maggio 2007, 121 Stat. 199, prevedeva che: “Le modifiche apportate dal presente articolo si applicano agli anni d’imposta che iniziano successivamente al 31 dicembre 2006”.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 2005

Modifica mediante la sezione 403(b) della Pub. L. 109–135 efficace come se inclusa nella disposizione dell’American Jobs Creation Act del 2004, Pub. L. 108–357, a cui si riferisce tale modifica, vedere la sezione 403 (nn) della Pub. L. 109–135, riportato come nota nella sezione 26 del presente titolo.

Pub. L. 109–135, titolo IV, §413(d), 21 dicembre 2005, 119 Stat. 2642, prevedeva che: “Le modifiche apportate da questa sezione [che modifica questa sezione e le sezioni 1362 e 4975 di questo titolo] entreranno in vigore come se incluse nelle disposizioni dell’American Jobs Creation Act del 2004 [Pub. L. 108–357 ] a cui si riferiscono.”

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 2004

Pub. L. 108–357, titolo II, §231(c)(1), 22 ottobre 2004, 118 Stat. 1433, prevedeva che: “La modifica apportata dal comma (a) [che modifica il presente articolo] si applica agli anni d’imposta che iniziano successivamente al 31 dicembre 2004”.

Pub. L. 108–357, titolo II, §232(b), 22 ottobre 2004, 118 Stat. 1434, prevedeva che: “La modifica apportata dal presente articolo [modifica il presente articolo] si applica agli anni d’imposta che iniziano successivamente al 31 dicembre 2004”.

Modifica da parte dell’articolo 233(a), (b) della Pub. L. 108–357 in vigore dal 22 ottobre 2004, vedere la sezione 233(e) della Pub. L. 108–357, riportato come nota nella sezione 512 di questo titolo.

Pub. L. 108–357, titolo II, §234(b), 22 ottobre 2004, 118 Stat. 1435, prevedeva che: “Le modifiche apportate dal presente articolo [modifica il presente articolo] si applicano agli anni d’imposta che iniziano successivamente al 31 dicembre 2004”.

Pub. L. 108–357, titolo II, §236(b), 22 ottobre 2004, 118 Stat. 1435, prevedeva che: “Le modifiche apportate dal presente articolo [modifica il presente articolo] si applicano ai trasferimenti effettuati successivamente al 31 dicembre 2004”.

Pub. L. 108–357, titolo II, §239(b), 22 ottobre 2004, 118 Stat. 1437, prevedeva che: “La modifica apportata dal presente articolo [modifica il presente articolo] si applica agli anni d’imposta che iniziano successivamente al 31 dicembre 2004”.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 2000

Emendamento del Pub. L. 106–554 efficace come se incluso nelle disposizioni dello Small Business Job Protection Act del 1996, Pub. L. 104–188, a cui si riferisce tale modifica, vedere la sezione 1(a)(7) [titolo III, §316(e)] di Pub. L. 106–554, riportato come nota nella sezione 51 del presente titolo.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1998

Emendamento del Pub. L. 105–206 in vigore, salvo diversa disposizione, come se incluso nelle disposizioni del Taxpayer Relief Act del 1997, Pub. L. 105–34, a cui si riferisce tale modifica, vedere la sezione 6024 della Pub. L. 105–206, riportato in nota nella sezione 1 del presente titolo.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1997

Emendamento del Pub. L. 105–34 efficace come se incluso nelle disposizioni dello Small Business Job Protection Act del 1996, Pub. L. 104–188, a cui si riferisce, vedere la sezione 1601 (j) di Pub. L. 105–34, riportato in nota alla sezione 23 del presente titolo.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1996

Emendamento apportato dalle sezioni 1301–1302(c), 1303, 1304, 1308(a), (b), (d)(1) e 1315 della Pub. L. 104–188 applicabile agli anni imponibili che iniziano dopo il 31 dicembre 1996, vedere la sezione 1317 (a) della Pub. L. 104–188, riportato come nota nella sezione 641 di questo titolo.

Modifica mediante le sezioni 1316(a), (e) della Pub. L. 104–188 applicabile agli anni imponibili che iniziano dopo il 31 dicembre 1997, vedere la sezione 1316 (f) della Pub. L. 104–188, riportato come nota nella sezione 170 del presente titolo.

Modifica mediante la sezione 1616(b)(15) della Pub. L. 104–188 applicabile agli anni imponibili che iniziano dopo il 31 dicembre 1995, vedere la sezione 1616(c) della Pub. L. 104–188, riportato come nota nella sezione 593 di questo titolo.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1989

Emendamento del Pub. L. 101–239 in vigore, salvo diversa disposizione, come se incluso nella disposizione del Technical and Miscellaneous Revenue Act del 1988, Pub. L. 100–647, a cui si riferisce tale modifica, vedere la sezione 7817 della Pub. L. 101–239, riportato in nota nella sezione 1 del presente titolo.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1988

Emendamento del Pub. L. 100–647 in vigore, salvo diversa disposizione, come se incluso nella disposizione del Tax Reform Act del 1986, Pub. L. 99–514, a cui si riferisce tale modifica, vedere la sezione 1019(a) della Pub. L. 100–647, riportato in nota nella sezione 1 del presente titolo.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1986

Modifica della sezione 901(d)(4)(G) della Pub. L. 99–514 applicabile agli anni imponibili che iniziano dopo il 31 dicembre 1986, vedere la sezione 901 (e) della Pub. L. 99–514, riportato come nota nella sezione 166 di questo titolo.

Pub. L. 99–514, titolo XVIII, §1879(m)(2), 22 ottobre 1986, 100 Stat. 2910, prevedeva che: “Le modifiche apportate dal presente comma [modifica il presente articolo e l’articolo 1368 del presente titolo] si applicano agli anni d’imposta che iniziano dopo il 31 dicembre 1982.”

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1984

Pub. L. 98–369, div. A, titolo VII, §721(y), 18 luglio 1984, 98 Stat. 972, come modificato dal Pub. L. 99–514, §2, 22 ottobre 1986, 100 Stat. 2095, a condizione che:

“(1)Generalmente.—Salvo quanto diversamente previsto in questa sottosezione, qualsiasi modifica apportata da questa sezione [che modifica questa sezione, sezioni 48, 108, 267, 318, 465, 1362, 1363, 1367, 1368, 1371, 1374, 1375, 1378, 1379, 6362 e 6659 e le disposizioni stabilite come nota in questa sezione] entreranno in vigore come se incluse nel Sottocapitolo S Revision Act del 1982 [Pub. L. 97–354].

“(2)Modifica apportata dal comma(B)(2).—Il sottoparagrafo (C) della sezione 108(d)(7) dell’Internal Revenue Code del 1986 [ex IRC 1954] (come modificato dalla sottosezione (b)(2)) si applica ai conferimenti di capitale dopo il 31 dicembre 1980 , negli anni imponibili che terminano dopo tale data.

“(3)Modifica apportata dal comma(G)(1).-Se-

“(A) qualsiasi parte di un acquisto di azioni qualificate è conforme a un contratto vincolante stipulato a partire dal 19 ottobre 1982 e prima della data di entrata in vigore della presente Legge [18 luglio 1984], e

“(B) la società acquirente dimostra con prove chiare e convincenti che tale contratto è stato negoziato sulla previsione che, rispetto alla vendita presunta ai sensi della sezione 338 dell’Internal Revenue Code del 1986, paragrafo (2) della sezione 1362(e) di tale Codice si applicherebbero,

allora la modifica apportata dal paragrafo (1) della sottosezione (g) [che modifica la sezione 1362 di questo titolo] non si applicherà a tale acquisto di azioni qualificate.

“(4)Le modifiche apportate dal comma (l).—Le modifiche apportate dal comma (l) [che modifica l’articolo 1362 di questo titolo] si applicheranno a qualsiasi elezione ai sensi dell’articolo 1362 del Codice tributario interno del 1986 (o qualsiasi disposizione corrispondente della legge anteriore) effettuata dopo il 19 ottobre 1982.

“(5)Modifica apportata dal comma(t).—Se—

“(A) entro la data di promulgazione della presente legge [18 luglio 1984] il 50 per cento o più delle azioni di una società S è stato venduto o scambiato in 1 o più transazioni, e

“(B) la persona (o le persone) che acquistano tali azioni dimostrano con prove chiare e convincenti che tali acquisizioni sono state negoziate in considerazione del fatto che il paragrafo (2) della sezione 1362(e) dell’Internal Revenue Code del 1986 si applicherebbe alla S anno di risoluzione in cui si verificano tali vendite o scambi,

allora la modifica apportata dal comma (t) [che modifica l’articolo 1362 del presente titolo] non si applica a tale S anno di cessazione.”

Data effettiva

Pub. L. 97–354, §6, 19 ottobre 1982, 96 Stat. 1697, come modificato dal Pub. L. 97–448, titolo III, §305(d)(1)(A), 12 gennaio 1983, 96 Stat. 2399; Pub. L. 98–369, div. A, titolo VII, §721(i), (k), 18 luglio 1984, 98 Stat. 969; Pub. L. 99–514, §2, 22 ottobre 1986, 100 Stat. 2095, a condizione che:

“(UN)Generalmente.—Salvo quanto diversamente previsto in questa sezione, le modifiche apportate dalla presente Legge [che attua questa sezione e le sezioni 1362, 1363, da 1366 a 1368, da 1371 a 1375, da 1377 a 1379 e da 6241 a 6245 di questo titolo, modificando le sezioni 31, 44D a 44F, 46, 48, 50A, 50B, 52, 53, 55, 57, 58, 62, 108, 163, 168, 170, 172, 179, 183, 189, 194, 267, 280, 280A, 291, 447, 464, 465, 613A, 992, 1016, 1101, 1212, 1251, 1254, 1256, 3453, 3454, 4992, 4996, 6037, 6042, 6362 e 6661 di questo titolo e la sezione 1108 del titolo 29, Lavoro, omettendo l’articolo 1376 del presente titolo e recando disposizioni di cui alla nota dell’articolo 1 del presente titolo] si applicano agli anni d’imposta che iniziano dopo il 31 dicembre 1982.

“(B)Regole transitorie.—

“(1)Le sezioni 1379 e 62(9) continuano ad applicarsi per il 1983.—Le sezioni 1379 e 62(9) del Codice tributario interno del 1986 [ex IRC 1954] (come in vigore prima della data di promulgazione della presente legge [19 ottobre 1982]) rimarranno in vigore per gli anni che iniziano prima 1 gennaio 1984.

“(2)Indennità di esclusione dell’indennità in caso di morte.— Nonostante la sezione 241(b) del Tax Equity and Fiscal Responsibility Act del 1982 [sezione 241(b) della Pub. L. 97–248, riportato in nota alla sezione 416 del presente titolo] nel caso di importi ricevuti nell’ambito di un piano di una società S, la modifica apportata dalla sezione 239 di tale legge [sezione 239 della Pub. L. 97–248, che modifica l’articolo 101 del presente titolo] si applica ai defunti deceduti dopo il 31 dicembre 1982.

“(3)Le nuove regole sul reddito passivo si applicano agli anni imponibili che iniziano nel 1982.—Nel caso di un anno imponibile che inizia nel 1982—

“(A) si applicano le sezioni 1362(d)(3), 1366(f)(3) e 1375 del Codice tributario interno del 1986 (come modificato dalla presente legge [Pub. L. 97–354]), e

“(B) la sezione 1372(e)(5) di tale Codice (come in vigore il giorno prima della data di entrata in vigore della presente Legge [19 ottobre 1982]) non si applica.

La frase precedente non si applica nel caso di una società che sceglie (nel momento e nel modo prescritto dal Segretario del Tesoro o dal suo delegato) di non applicare tale frase. La sottosezione (e) non si applica a qualsiasi risoluzione risultante da un’elezione ai sensi della frase precedente.

“(C)Regole del Nonno.—

“(1)Filiali che sono società o dischi stranieri.—Nel caso di qualsiasi società che il 28 settembre 1982 sarebbe stata membro dello stesso gruppo affiliato di una piccola società commerciale eletta, ma per il paragrafo (3) o (7) della sezione 1504(b) dell’Internal Revenue Code del 1986, il comma (A) della sezione 1361(b)(2) di tale Codice (come modificato dalla sezione 2) sarà applicato sostituendo ‘senza riguardo alle eccezioni contenute nei paragrafi (1), (2), (4), (5) e (6) della sottosezione (b) dello stesso” per “senza riguardo alle eccezioni contenute nella sottosezione (b) dello stesso”.

“(2)Compagnie di assicurazione contro i danni.—

“(UN)Generalmente.—Nel caso di qualsiasi assicurazione contro i danni qualificata che sceglie una piccola impresa—

“(i) le modifiche apportate dalla presente legge non si applicano, e

“(ii) il sottocapitolo S (in vigore dal 1 luglio 1982) del capitolo 1 del Codice tributario interno del 1986 [ex articoli da 1371 a 1379 di questo titolo] e la parte III del sottocapitolo L del capitolo 1 di tale Codice [sezione 831 e seguenti del presente titolo].

“(B)Assicurazione contro i danni qualificata che sceglie una piccola impresa.—Il termine “assicurazione contro i danni qualificata che sceglie una piccola società commerciale” indica qualsiasi società descritta nella sezione 831 (a) dell’Internal Revenue Code del 1986 se:

“(i) al 12 luglio 1982, tale società era una piccola società imprenditoriale ed era descritta nella sezione 831(a) di tale Codice,

“(ii) tale società è stata costituita prima del 1 aprile 1982 e ha proposto (tramite un’offerta privata scritta diffusa per la prima volta agli investitori prima di tale data) di scegliere di essere tassata come società del sottocapitolo S e di operare su una borsa assicurativa stabilita, O

“(iii) tale società è approvata per l’adesione a una borsa assicurativa stabilita in base a un accordo scritto stipulato prima del 31 dicembre 1982, e tale società è descritta nella sezione 831(a) di tale Codice al 31 dicembre 1984.

  Una società non sarà trattata come un’assicurazione qualificata contro i danni che sceglie una piccola società commerciale a meno che un’elezione ai sensi del sottocapitolo S del capitolo 1 di tale Codice non sia in vigore per il suo primo anno fiscale che inizia dopo il 31 dicembre 1984.

“(3)Alcune società con produzione di petrolio e gas.—

“(UN)Generalmente.—Nel caso di qualsiasi società petrolifera qualificata—

“(i) le modifiche apportate dalla presente legge non si applicano, e

“(ii) si applica il sottocapitolo S (in vigore dal 1 luglio 1982) del capitolo 1 del Codice tributario interno del 1986 [ex articoli da 1371 a 1379 di questo titolo].

“(B)Società petrolifera qualificata.—Ai fini del presente paragrafo, il termine “società petrolifera qualificata” indica qualsiasi società se:

“(i) a partire dal 28 settembre 1982, tale società:

  “(I) era una piccola società commerciale eletta, o

  “(II) era una piccola società commerciale che ha effettuato un’elezione ai sensi della sezione 1372(a) dopo il 31 dicembre 1981 e prima del 28 settembre 1982,

“(ii) per l’anno solare 1982, la produzione media giornaliera combinata di petrolio greggio o gas naturale nazionale di tale società e di uno qualsiasi dei suoi azionisti principali supera 1.000 barili, e

“(iii) tale società effettui un’elezione ai sensi del presente comma nel momento e nel modo prescritti dal Segretario del Tesoro o dal suo delegato.

“(C)Produzione media giornaliera.—Ai fini del sottoparagrafo (B), la produzione media giornaliera di petrolio greggio domestico o di gas naturale domestico sarà determinata ai sensi della sezione 613A(c)(2) di tale Codice senza tener conto dell’ultima frase dello stesso.

“(D)Azionista sostanziale.—Ai fini del sottoparagrafo (B), il termine “azionista sostanziale” indica qualsiasi persona che al 1 luglio 1982 possiede più del 40 per cento (in valore) delle azioni della società.

“(4)È necessaria la continuità.—

“(UN)Generalmente.—La presente sottosezione cesserà di applicarsi nei confronti di qualsiasi società dopo—

“(i) qualsiasi cessazione dell’elezione della società ai sensi del sottocapitolo S del capitolo 1 di tale Codice, o

“(ii) il primo giorno in cui più del 50 per cento delle azioni della società sono azioni di nuova proprietà ai sensi della sezione 1378(c)(2) di tale Codice (come modificato dalla presente Legge [Pub. L. 97 –354]).

“(B)Regole speciali per il paragrafo (2).—

“(i) Il paragrafo (2) cesserà inoltre di applicarsi nei confronti di qualsiasi società dopo che la società avrà cessato di essere descritta nella sezione 831(a) di tale Codice.

“(ii) Allo scopo di determinare ai sensi del sottoparagrafo (A)(ii) se il paragrafo (2) cessa di applicarsi a qualsiasi società, la sezione 1378(c)(2) di tale Codice (come modificato dalla presente Legge [Pub. L. 97–354]) deve essere applicato sostituendo “31 dicembre 1984” con “31 dicembre 1982” in ogni luogo in cui appare.

“(D)Trattamento dei piani di indennità accessoria esistenti.—

“(1)Generalmente.—Nel caso di benefici accessori esistenti di una società che al 28 settembre 1982 era una piccola società elettiva, sezione 1372 del Codice tributario interno del 1986 (come aggiunto da questa legge [Pub. L. 97–354 ]) si applica solo con riferimento agli anni d’imposta che iniziano dopo il 31 dicembre 1987.

“(2)Requisiti.—La presente sottosezione cesserà di applicarsi nei confronti di qualsiasi società dopo il verificarsi di uno dei seguenti eventi per primo:

“(A) il primo giorno del primo anno fiscale che inizia dopo il 31 dicembre 1982, rispetto al quale la società non soddisfa i requisiti della sezione 1372(e)(5) di tale Codice (come in vigore il giorno prima la data di entrata in vigore della presente legge [19 ottobre 1982]),

“(B) qualsiasi cessazione dopo il 31 dicembre 1982 dell’elezione della società ai sensi del sottocapitolo S del capitolo 1 di tale Codice, o

“(C) il primo giorno in cui più del 50 per cento delle azioni della società sono azioni di nuova proprietà ai sensi della sezione 1378(c)(2) di tale Codice (come modificato dalla presente Legge [Pub. L. 97 –354]).

“(3)Beneficio accessorio esistente.—Ai fini di questa sottosezione, il termine “beneficio aggiuntivo esistente” indica qualsiasi beneficio aggiuntivo per i dipendenti del tipo che la società ha fornito ai propri dipendenti a partire dal 28 settembre 1982.

“(e)Trattamento di alcune elezioni secondo il diritto anteriore.—Ai fini della sezione 1362(g) del Codice tributario interno del 1986, come modificato dalla presente legge [Pub. L. 97–354] (relativo a nessuna elezione consentita entro 5 anni dalla cessazione di un’elezione precedente), qualsiasi cessazione o revoca ai sensi della sezione 1372(e) di tale Codice (come in vigore il giorno prima della data di entrata in vigore del presente legge [19 ottobre 1982]) non vengono prese in considerazione.

“(F)Anno imponibile delle società S.—La sezione 1378 del Codice tributario interno del 1986 (come aggiunto dalla presente legge [Pub. L. 97–354]) entrerà in vigore il giorno successivo alla data di entrata in vigore della presente legge [ott. 19, 1982]. Ai fini dell’applicazione di tale articolo, il riferimento nel comma (a)(2) di tale articolo a un’elezione ai sensi della sezione 1362(a) includerà un riferimento a un’elezione ai sensi della sezione 1372(a) di tale Codice come in vigore nel giorno prima della data di entrata in vigore della presente legge [ott. 19, 1982].”

Provvedimento di risparmio

Per le disposizioni che non hanno apportato modifiche alla sezione 401(d)(1)(D)(xvi) della Pub. L. 115–141 può essere interpretato in modo da influenzare il trattamento di determinate transazioni avvenute, proprietà acquisite o elementi di reddito, perdita, detrazione o credito presi in considerazione prima del 23 marzo 2018, ai fini della determinazione della responsabilità fiscale per gli esercizi che terminano dopo il 23 marzo 2018, vedere la sezione 401(e) della Pub. L. 115–141, riportato come nota nella sezione 23 del presente titolo.

Eliminazione di tutti gli utili e profitti attribuibili agli anni precedenti al 1983 per alcune società

Pub. L. 110–28, titolo VIII, §8235, 25 maggio 2007, 121 Stat. 199, prevedeva che: “Nel caso di società di capitali che sia-

“(1) descritto nella sezione 1311(a)(1) dello Small Business Job Protection Act del 1996 [Pub. L. 104–188, riportato di seguito], e

“(2) non descritto nella sezione 1311(a)(2) di tale Legge,

l’importo degli utili e dei profitti accumulati di tale società (per il primo anno fiscale che inizia dopo la data di promulgazione della presente legge [25 maggio 2007]) sarà ridotto di un importo pari alla parte (se presente) di tali utili accumulati e profitti accumulati in qualsiasi anno fiscale iniziato prima del 1 gennaio 1983, per il quale tale società era una piccola impresa eletta ai sensi del sottocapitolo S dell’Internal Revenue Code del 1986.”

Eliminazione di determinati utili e profitti

Pub. L. 104–188, titolo I, §1311(a), 20 agosto 1996, 110 Stat. 1784, prevedeva che: “Se—

“(1) una società era una piccola impresa eletta ai sensi del sottocapitolo S del capitolo 1 del Codice tributario interno del 1986 per qualsiasi anno fiscale che inizia prima del 1 gennaio 1983, e

“(2) tale società è una società S ai sensi del sottocapitolo S del capitolo 1 di tale Codice per il suo primo anno fiscale che inizia dopo il 31 dicembre 1996,

l’importo degli utili e dei profitti accumulati di tale società (a partire dall’inizio di tale primo anno fiscale) sarà ridotto di un importo pari alla parte (se presente) di tali utili e profitti accumulati che sono stati accumulati in qualsiasi anno fiscale che inizia prima di gennaio 1, 1983, per il quale tale società era una piccola impresa eletta ai sensi del sottocapitolo S.”

Modifiche del piano non necessarie fino al 1 gennaio 1989

Per le disposizioni che stabiliscono che, in caso di modifiche apportate dal sottotitolo A o dal sottotitolo C del titolo XI [§§1101–1147 e 1171–1177] o del titolo XVIII [§§1800–1899A] della Pub. L. 99–514 richiedono una modifica a qualsiasi piano, tale modifica del piano non dovrà essere apportata prima del primo anno del piano che inizia a partire dal 1 gennaio 1989, vedere la sezione 1140 della Pub. L. 99–514, come modificato, riportato come nota nella sezione 401 di questo titolo.

Disposizioni transitorie

Pub. L. 97–448, titolo III, §305(d)(1)(B), 12 gennaio 1983, 96 Stat. 2399, come modificato dal Pub. L. 99–514, §2, 22 ottobre 1986, 100 Stat. 2095, a condizione che: “Se—

“(i) dopo il 30 settembre 1982, e prima della data di entrata in vigore della presente legge [12 gennaio 1983], azioni o titoli sono stati trasferiti a una piccola società commerciale (come definita nella sezione 1361(b) della l’Internal Revenue Code del 1986 [ex IRC 1954] come modificato dal Subchapter S Revision Act del 1982 [Pub. L. 97–354]) in una transazione alla quale si applica la sezione 351 di tale Codice, e

“(ii) tale società viene liquidata ai sensi della sezione 333 di tale Codice prima del 1 marzo 1983,

allora tali azioni o titoli non saranno presi in considerazione ai sensi della sezione 333(e)(2) di tale Codice.”

§1362. Elezione; revoca; terminazione

(a) Elezioni

(1) In generale

Fatto salvo quanto previsto nella sottosezione (g), una piccola società commerciale può scegliere, in conformità con le disposizioni di questa sezione, di essere una società S.

(2) Tutti gli azionisti devono acconsentire all’elezione

Un’elezione ai sensi della presente sottosezione sarà valida solo se tutte le persone che sono azionisti di tale società nel giorno in cui viene effettuata tale elezione acconsentono a tale elezione.

(b) Quando realizzato

(1) In generale

Una scelta ai sensi della sottosezione (a) può essere effettuata da una piccola società commerciale per qualsiasi anno fiscale:

(A) in qualsiasi momento durante l’anno fiscale precedente, o

(B) in qualsiasi momento durante l’anno fiscale e entro il 15° giorno del terzo mese dell’anno fiscale.

(2) Alcune scelte effettuate durante i primi due mesi e mezzo vengono considerate come effettuate per l’anno fiscale successivo

Se-

(A) viene effettuata una scelta ai sensi della sottosezione (a) per qualsiasi anno fiscale durante tale anno e entro il 15° giorno del 3° mese di tale anno, ma

(B) o—

(i) in 1 o più giorni dell’anno fiscale prima del giorno in cui è stata effettuata l’elezione, la società non ha soddisfatto i requisiti della sottosezione (b) della sezione 1361, o

(ii) 1 o più persone che detenevano azioni della società durante tale anno fiscale e prima dell’elezione non hanno acconsentito all’elezione,

 

allora tale scelta sarà considerata effettuata per l’anno fiscale successivo.

(3) La scelta effettuata dopo i primi 2 mesi e mezzo viene considerata come effettuata per l’anno fiscale successivo

Se-

(A) una piccola società commerciale effettua un’elezione ai sensi della sottosezione (a) per qualsiasi anno fiscale, e

(B) tale scelta viene effettuata dopo il 15° giorno del 3° mese dell’anno fiscale e entro il 15° giorno del 3° mese dell’anno fiscale successivo,

 

allora tale scelta sarà considerata effettuata per l’anno fiscale successivo.

(4) Anni imponibili pari o inferiori a 2 mesi e mezzo

Ai fini della presente sottosezione, una scelta per un anno fiscale effettuata non oltre 2 mesi e 15 giorni dopo il primo giorno dell’anno fiscale sarà considerata tempestivamente effettuata durante tale anno.

(5) Autorità per trattare tempestivamente le elezioni tardive, ecc

Se-

(A) viene effettuata una scelta ai sensi della sottosezione (a) per qualsiasi anno fiscale (determinato senza tener conto del paragrafo (3)) dopo la data prescritta da questa sottosezione per effettuare tale scelta per tale anno fiscale o non viene effettuata alcuna scelta per qualsiasi soggetto imponibile anno e

(B) il Segretario stabilisce che esisteva una ragione ragionevole per il mancato tempestivo svolgimento di tale elezione,

 

il Segretario può considerare tale scelta come tempestiva per tale anno fiscale (e il paragrafo (3) non si applica).

(c) Anni per i quali è efficace

Una scelta ai sensi della sottosezione (a) sarà efficace per l’anno fiscale della società per la quale è stata effettuata e per tutti gli anni fiscali successivi della società, fino a quando tale scelta non verrà terminata ai sensi della sottosezione (d).

(d) Risoluzione

(1) Per revoca

(A) In generale

Un’elezione ai sensi della sottosezione (a) può essere interrotta mediante revoca.

(B) Più della metà delle azioni deve acconsentire alla revoca

Un’elezione può essere revocata solo se gli azionisti che detengono più della metà delle azioni della società nel giorno in cui viene effettuata la revoca acconsentono alla revoca.

(C) Quando efficace

Fatto salvo quanto previsto al sottoparagrafo (D)—

(i) una revoca effettuata durante l’anno fiscale e entro il 15° giorno del 3° mese dello stesso avrà effetto a partire dal 1° giorno di tale anno fiscale, e

(ii) una revoca effettuata durante l’anno fiscale ma dopo tale quindicesimo giorno avrà effetto il primo giorno dell’anno fiscale successivo.

(D) La revoca può specificare una data futura

Se la revoca specifica una data di revoca che cade a partire dal giorno in cui viene effettuata la revoca, la revoca avrà effetto a partire dalla data così specificata.

(2) Per società che cessa di essere una piccola impresa

(A) In generale

Un’elezione ai sensi della sottosezione (a) terminerà ogni volta che (in qualsiasi momento a partire dal 1° giorno del 1° anno fiscale per il quale la società è una società S) tale società cessa di essere una piccola società commerciale.

(B) Quando efficace

Qualsiasi risoluzione ai sensi del presente paragrafo sarà effettiva a partire dalla data di cessazione.

(3) Se il reddito da investimenti passivi supera il 25% delle entrate lorde per 3 anni fiscali consecutivi e la società ha accumulato utili e profitti

(A) Risoluzione

(i) In generale

Un’elezione ai sensi del comma (a) verrà interrotta ogni volta che la società:

(I) ha accumulato utili e profitti alla chiusura di ciascuno dei 3 anni fiscali consecutivi, e

(II) ha entrate lorde per ciascuno di tali anni fiscali, di cui più del 25% sono redditi da investimenti passivi.

(ii) Quando efficace

Qualsiasi risoluzione ai sensi del presente paragrafo avrà effetto a partire dal primo giorno del primo anno fiscale che inizia dopo il terzo anno fiscale consecutivo di cui alla clausola (i).

(iii) Anni presi in considerazione

Un anno fiscale precedente non sarà preso in considerazione ai sensi della clausola (i) a meno che la società non fosse una società S per tale anno fiscale.

(B) Incassi lordi derivanti dalla vendita di alcuni asset

Ai fini di questo paragrafo:

(i) nel caso di cessioni di beni patrimoniali (diversi da azioni e titoli), i ricavi lordi derivanti da tali cessioni saranno presi in considerazione solo nella misura del reddito netto delle plusvalenze da esse derivanti, e

(ii) in caso di vendite o scambi di azioni o titoli, gli incassi lordi saranno presi in considerazione solo nella misura degli utili da essi derivanti.

(C) Reddito da investimenti passivi definito

(i) In generale

Salvo quanto diversamente previsto nel presente sottoparagrafo, il termine “redditi da investimenti passivi” indica le entrate lorde derivanti da royalties, affitti, dividendi, interessi e rendite.

(ii) Eccezione per gli interessi sulle note derivanti dalla vendita di inventario

Il termine “reddito passivo da investimenti” non include gli interessi su eventuali obbligazioni acquisite nel corso ordinario dell’attività commerciale o aziendale della società dalla vendita della proprietà descritta nella sezione 1221(a)(1).

(iii) Trattamento di alcune società creditizie o finanziarie

Se la società S soddisfa i requisiti della sezione 542(c)(6) per l’anno fiscale, il termine “reddito passivo da investimenti” non includerà le entrate lorde per l’anno fiscale che derivano direttamente dalla condotta attiva e regolare di un’attività di prestito. o attività finanziarie (come definito nella sezione 542(d)(1)).

(iv) Trattamento di alcuni dividendi

Se una società S detiene azioni di una società C che soddisfa i requisiti della sezione 1504(a)(2), il termine “reddito passivo da investimenti” non includerà i dividendi di tale società C nella misura in cui tali dividendi siano attribuibili agli utili e ai profitti di tale società C derivante dalla condotta attiva di un’attività commerciale o aziendale.

(v) Eccezione per banche, ecc.

Nel caso di una banca (come definita nella sezione 581) o di una società holding di un istituto di deposito (come definita nella sezione 3(w)(1) del Federal Deposit Insurance Act (12 USC 1813(w)(1))), il termine “redditi da investimenti passivi” non include:

(I) interessi attivi maturati da tale banca o società, o

(II) dividendi sulle attività che devono essere detenute da tale banca o società, comprese le azioni della Federal Reserve Bank, della Federal Home Loan Bank o della Federal Agricultural Mortgage Bank o certificati di partecipazione emessi da una Federal Intermediate Credit Bank.

(e) Trattamento dell’anno di cessazione S

(1) In generale

Nel caso di un anno di risoluzione S, ai fini del presente titolo:

(A) S anno breve

La parte di tale anno che termina prima del primo giorno per il quale la risoluzione è effettiva sarà trattata come un anno fiscale breve per il quale la società è una società S.

(B) C anno breve

La parte di tale anno che inizia in tale primo giorno sarà trattata come un anno fiscale breve per il quale la società è una società C.

(2) Ripartizione pro rata temporis

Fatto salvo quanto previsto al paragrafo (3) e ai sottoparagrafi (C) e (D) del paragrafo (6), la determinazione di quali elementi devono essere presi in considerazione per ciascuno degli anni fiscali brevi di cui al paragrafo (1) spetta fatto-

(A) innanzitutto determinando per l’anno di cessazione S—

(i) l’importo di ciascuno degli elementi di reddito, perdita, detrazione o credito descritti nella sezione 1366(a)(1)(A), e

(ii) l’importo dell’utile o della perdita calcolati non separatamente, e

 

(B) attribuendo poi a ciascun giorno dell’anno di risoluzione S una pari quota di ciascun importo determinato ai sensi della lettera (A).

(3) Scelta di assegnare voci a ciascun anno fiscale breve secondo le normali norme di contabilità fiscale

(A) In generale

Una società può scegliere di non applicare il paragrafo (2).

(B) Gli azionisti devono acconsentire all’elezione

Un’elezione ai sensi del presente comma sarà valida solo se tutte le persone che sono azionisti della società in qualsiasi momento durante l’anno breve S e tutte le persone che sono azionisti della società il primo giorno dell’anno breve C acconsentono a tale elezione.

(4) S anno di cessazione

Ai fini di questa sottosezione, il termine “anno di cessazione S” indica qualsiasi anno fiscale di una società (determinato senza tener conto di questa sottosezione) in cui la cessazione di un’elezione effettuata ai sensi della sottosezione (a) ha effetto (diverso dal 1° giorno della stessa).

(5) Imposta per l’anno breve C determinata su base annualizzata

(A) In generale

Il reddito imponibile per l’anno breve descritto nella lettera (B) del paragrafo (1) sarà calcolato su base annuale moltiplicando il reddito imponibile per tale anno breve per il numero di giorni dell’anno di cessazione S e dividendo il risultato per il numero dei giorni dell’anno breve. L’imposta sarà pari alla parte dell’imposta calcolata su base annuale pari al numero di giorni dell’anno così breve pari al numero dei giorni dell’anno di cessazione S.

(B) Si applica la sezione 443(d)(2).

La sottosezione (d) della sezione 443 si applica all’anno fiscale breve descritto nel sottoparagrafo (B) del paragrafo (1).

(6) Altre regole speciali

Ai fini di questo titolo:

(A) Anni brevi trattati come 1 anno ai fini del riporto

Il breve anno fiscale descritto nel sottoparagrafo (A) del paragrafo (1) non sarà preso in considerazione ai fini della determinazione del numero di anni fiscali ai quali qualsiasi elemento può essere riportato indietro o riportato avanti dalla società.

(B) Data di scadenza per l’anno S

La data di scadenza per la presentazione della dichiarazione per l’anno fiscale breve descritto nel sottoparagrafo (A) del paragrafo (1) sarà la stessa data di scadenza per la presentazione della dichiarazione per l’anno fiscale breve descritto nel sottoparagrafo (B) del paragrafo (1). ) (comprese le sue estensioni).

(C) Il paragrafo (2) non si applica agli elementi risultanti dalla sezione 338

Il paragrafo (2) non si applica a qualsiasi elemento risultante dall’applicazione della sezione 338.

(D) L’assegnazione proporzionale per l’anno di risoluzione S non si applica in caso di cambiamento della proprietà del 50%.

Il paragrafo (2) non si applica all’anno di risoluzione S se vi è una vendita o uno scambio del 50% o più delle azioni di tale società durante tale anno.

(f) Elezioni o cessazioni involontarie non valide

Se-

(1) un’elezione ai sensi del comma (a) o della sezione 1361(b)(3)(B)(ii) da parte di qualsiasi società:

(A) non era efficace per l’anno fiscale per il quale è stato effettuato (determinato senza tener conto della sottosezione (b)(2)) a causa del mancato rispetto dei requisiti della sezione 1361(b) o dell’ottenimento del consenso degli azionisti, o

(B) è stato risolto ai sensi del paragrafo (2) o (3) della sottosezione (d) o della sezione 1361(b)(3)(C),

 

(2) il Segretario stabilisce che le circostanze che hanno portato a tale inefficacia o risoluzione sono state involontarie,

(3) entro un periodo di tempo ragionevole dalla scoperta delle circostanze che hanno portato a tale inefficacia o risoluzione, sono state adottate misure:

(A) in modo che la società per la quale è stata effettuata l’elezione o si è verificata la risoluzione sia una piccola società commerciale o una controllata qualificata del sottocapitolo S, a seconda dei casi, o

(B) acquisire i consensi richiesti dagli azionisti, e

 

(4) la società per la quale è stata effettuata la scelta o si è verificata la risoluzione, e ciascuna persona che è stata azionista di tale società in qualsiasi momento durante il periodo specificato ai sensi di questa sottosezione, accetta di apportare tali modifiche (coerentemente con il trattamento di tale società società come una società S o una controllata qualificata del sottocapitolo S, a seconda dei casi) come richiesto dal Segretario rispetto a tale periodo,

 

quindi, nonostante le circostanze che comportano tale inefficacia o risoluzione, tale società sarà trattata come una società S o una controllata qualificata del sottocapitolo S, a seconda dei casi, durante il periodo specificato dal Segretario.

(g) Elezione dopo la cessazione

Se una piccola società commerciale ha effettuato un’elezione ai sensi della sottosezione (a) e se tale elezione è stata revocata ai sensi della sottosezione (d), tale società (e qualsiasi società successore) non avrà diritto a effettuare un’elezione ai sensi della sottosezione (a) per qualsiasi anno fiscale prima del quinto anno fiscale che inizia dopo il primo anno fiscale per il quale tale risoluzione è effettiva, a meno che il Segretario non acconsenta a tale elezione.

(Aggiunto Pub. L. 97–354, §2, 19 ottobre 1982, 96 Stat. 1672; modificato Pub. L. 98–369, div. A, titolo I, §102(d)(2), titolo VII, §721(g), (h), (l), (t), 18 luglio 1984, 98 Stat. 623, 968, 969, 971; Pub. L. 100–647, titolo I, §§1006 (f)(6), 1007(g)(9), 10 novembre 1988, 102 Stat. 3406, 3435; Pub. L. 104–188, titolo I, §§1305(a), (b), 1308(c), 1311(b)(1), 20 agosto 1996, 110 Stat. 1779, 1780, 1783, 1784; Pub. L. 106–170, titolo V, §532(c)(2)( T), 17 dicembre 1999, 113 Stat. 1931; Pub. L. 108–357, titolo II, §§231(b), 237(a), 238(a), 22 ottobre 2004, 118 Stat. 1433, 1436; Pub. L. 109–135, titolo IV, §413(b), 21 dicembre 2005, 119 Stat. 2641; Pub. L. 110–28, titolo VIII, §8231(a), 25 maggio 2007, 121 Stat.196; Pub. L. 110–172, §11(a)(25), 29 dicembre 2007, 121 Stat. 2487; Pub. L. 113–295, div. A, titolo II, §221(a)(88), 19 dicembre 2014, 128 Stat. 4050; Pub. L. 115–141, div. U, titolo IV, §401(a)(190), (191), 23 marzo 2018, 132 Stat. 1193.)

 

Note editoriali

Modifiche

2018 —Sottosez. (d)(3)(C)(v). Pub. L. 115–141, §401(a)(190), ha sostituito “1813(w)(1))),” con “1813(w)(1)),” nelle disposizioni introduttive.

Sottosez. (F). Pub. L. 115–141, §401(a)(191), sostituito “può essere, durante” con “può essere durante” nelle disposizioni conclusive.

2014 —Sottosez. (d)(3)(A)(iii). Pub. L. 113–295 sostituito “a meno che la società non fosse una società S per tale anno imponibile”. per “a meno che—

“(I) tale anno imponibile ha avuto inizio dopo il 31 dicembre 1981, e

“(II) la società era una società S per tale anno fiscale.”

2007—Sottosez. (d)(3) da (B) a (F). Pub. L. 110–28 ha aggiunto i sottoparagrafi. (B) e (C) e cancellato il precedente comma. (B), che riguardava le entrate lorde derivanti da cessioni di beni patrimoniali (diversi da azioni e titoli) presi in considerazione solo nella misura del reddito netto della plusvalenza da essi derivante, sottopar. (C), che definiva il reddito da investimenti passivi, sottopar. (D), che prevedeva che, nel caso di qualsiasi commerciante di opzioni o commerciante di merci, il reddito da investimenti passivi doveva essere determinato non tenendo conto di eventuali guadagni o perdite derivanti da qualsiasi contratto della sezione 1256 o proprietà relativa a tale contratto, sottopar. (E), che si riferiva al fatto che alcuni dividendi non venivano trattati come redditi da investimenti passivi se una società S deteneva azioni di una società C che soddisfaceva i requisiti della sezione 1504(a)(2) e sottopar. (F),

Sottosez. (f)(1). Pub. L. 110–172 ha sostituito “o sezione 1361(b)(3)(B)(ii)” con “, sezione 1361(b)(3)(B)(ii), o sezione 1361(c)(1) (A)(ii)” nelle disposizioni introduttive e “o sezione 1361(b)(3)(C)” per “, sezione 1361(b)(3)(C), o sezione 1361(c)(1)( D)(iii)” nel sottopar. (B).

2005 —Sottosez. (d)(3)(F). Pub. L. 109–135 ha sostituito “una holding di istituti di deposito (come definita nella sezione 3(w)(1) del Federal Deposit Insurance Act (12 USC 1813(w)(1))” con “una holding bancaria (all’interno di il significato della sezione 2(a) del Bank Holding Company Act del 1956 (12 USC 1841(a))), o una società di partecipazione finanziaria (ai sensi della sezione 2(p) di tale legge)”.

2004 —Sottosez. (d)(3)(F). Pub. L. 108–357, §237(a), aggiunto sottopar. (F).

Sottosez. (F). Pub. L. 108–357, §238(a)(5), inserito “o una filiale qualificata del sottocapitolo S, a seconda dei casi” dopo “società S” nelle disposizioni conclusive.

Sottosez. (f)(1). Pub. L. 108–357, §238(a)(1), inserito “, articolo 1361(b)(3)(B)(ii)” dopo “sottosezione (a)” nelle disposizioni introduttive.

Pub. L. 108–357, §231(b)(1), inserito “o articolo 1361(c)(1)(A)(ii)” dopo “articolo 1361(b)(3)(B)(ii), “nelle disposizioni introduttive.

Sottosez. (f)(1)(B). Pub. L. 108–357, §238(a)(2), inserito “, sezione 1361(b)(3)(C),” dopo “sottosezione (d)”.

Pub. L. 108–357, §231(b)(2), inserito “o sezione 1361(c)(1)(D)(iii)” dopo “sezione 1361(b)(3)(C)”.

Sottosez. (f)(3)(A). Pub. L. 108–357, §238(a)(3), modificato sottopar. (A) in generale. Prima della modifica, par. (A) leggi come segue: “in modo che la società sia una piccola impresa, ovvero”.

Sottosez. (f)(4). Pub. L. 108–357, §238(a)(4), modificato par. (4) in generale. Prima della modifica, par. (4) leggi quanto segue: “la società, e ogni persona che è stata azionista della società in qualsiasi momento durante il periodo specificato ai sensi di questa sottosezione, accetta di apportare tali adeguamenti (coerentemente con il trattamento della società come società S ) come potrà essere richiesto dal Segretario rispetto a tale periodo,”.

1999 —Sottosez. (d)(3)(C)(ii). Pub. L. 106–170 ha sostituito la “sezione 1221(a)(1)” con la “sezione 1221(1)”.

1996 —Sottosez. (b)(5). Pub. L. 104–188, §1305(b), aggiunto par. (5).

Sottosez. (d)(3). Pub. L. 104–188, §1311(b)(1)(A), nel titolo ha sostituito “accumulato” con “sottocapitolo C”.

Sottosez. (d)(3)(A)(i)(I). Pub. L. 104–188, §1311(b)(1)(B), ha sostituito “accumulato” con “sottocapitolo C”.

Sottosez. (d)(3) da (B) a (E). Pub. L. 104–188, §1311(b)(1)(C), sottoparagrafi ridisegnati. da (C) a (F) come da (B) a (E), rispettivamente, e cancellato il precedente comma. (B) che recita quanto segue:

“(B)Sottocapitolo c Utili e profitti.—Ai fini del sottoparagrafo (A), il termine “utili e profitti del sottocapitolo C” indica utili e profitti di qualsiasi società per qualsiasi anno fiscale rispetto al quale un’elezione ai sensi della sezione 1362(a) (o ai sensi della sezione 1372 della legge precedente ) non era in vigore.”

Sottosez. (d)(3)(F). Pub. L. 104–188, §1311(b)(1)(C), sottopar. (F) come (E).

Pub. L. 104–188, §1308(c), aggiunto sottopar. (F).

Sottosez. (F). Pub. L. 104–188, §1305(a), modificato sottosez. (f) in generale. Prima della modifica, il par. f) leggi quanto segue:

“(F)Terminazioni involontarie.-Se-

“(1) un’elezione ai sensi del comma (a) da parte di una società è stata interrotta ai sensi del paragrafo (2) o (3) del comma (d),

“(2) il Segretario stabilisce che la risoluzione è stata involontaria,

“(3) entro un periodo di tempo ragionevole dalla scoperta dell’evento che ha portato a tale risoluzione, sono state adottate misure affinché la società sia nuovamente una piccola società commerciale, e

“(4) la società, e ogni persona che è stata azionista della società in qualsiasi momento durante il periodo specificato ai sensi di questa sottosezione, accetta di apportare tali modifiche (coerenti con il trattamento della società come società S) come possono essere richiesto dal Segretario rispetto a tale periodo,

quindi, nonostante l’evento risolutivo, tale società sarà trattata come se continuasse ad essere una società S durante il periodo specificato dal Segretario.”

1988 —Sottosez. (d)(3)(D)(v). Pub. L. 100–647, §1006(f)(6)(A), cancellato cl. (v) che si riferiva alla regola speciale per i commercianti di opzioni e merci.

Sottosez. (d)(3)(E). Pub. L. 100–647, §1006(f)(6)(B), aggiunto sottopar. (E).

Sottosez. (e)(5)(B). Pub. L. 100–647, §1007(g)(9), ha sostituito la “Sottosezione (d)” con la “Sottosezione (d)(2)”.

1984 —Sottosez. (b)(3)(B). Pub. L. 98–369, §721(l)(2), sostituito “entro il 15° giorno del 3° mese dell’anno fiscale successivo” con “entro l’ultimo giorno di tale anno imponibile”.

Sottosez. (b)(4). Pub. L. 98–369, §721(l)(1), aggiunto par. (4).

Sottosez. (d)(3)(D)(v). Pub. L. 98–369, §102(d)(2), aggiunto cl. (v).

Sottosez. (e)(2). Pub. L. 98–369, §721(g)(2), sostituito “come previsto nel paragrafo (3) e nei sottoparagrafi (C) e (D) del paragrafo (6)” con “come previsto nel paragrafo (3)”.

Sottosez. (e)(3)(B). Pub. L. 98–369, §721(h), ha cancellato “Tutti” nell’intestazione e ha sostituito “sottosezione” con “paragrafo” e “S anno breve e tutte le persone che sono azionisti della società il primo giorno del C anno breve” per “anno di cessazione S” nel testo.

Sottosez. (e)(6)(C). Pub. L. 98–369, §721(g)(1), aggiunto sottopar. (C).

Sottosez. (e)(6)(D). Pub. L. 98–369, §721(t), aggiunto sottopar. (D).

 

Note statutarie e società controllate correlate

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 2014

Emendamento del Pub. L. 113–295 in vigore dal 19 dicembre 2014, soggetto a una disposizione di risparmio, vedere la sezione 221(b) della Pub. L. 113–295, riportato in nota nella sezione 1 del presente titolo.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 2007

Pub. L. 110–28, titolo VIII, §8231(b), 25 maggio 2007, 121 Stat. 197, prevedeva che: “Le modifiche apportate dal presente articolo [che modifica il presente articolo] si applicano agli anni imponibili che iniziano dopo la data di entrata in vigore della presente legge [25 maggio 2007]”.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 2005

Emendamento del Pub. L. 109–135 efficace come se inclusa nella disposizione dell’American Jobs Creation Act del 2004, Pub. L. 108–357, a cui si riferisce tale emendamento, vedere la sezione 413 (d) della Pub. L. 109–135, riportato come nota nella sezione 1361 di questo titolo.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 2004

Pub. L. 108–357, titolo II, §231(c)(2), 22 ottobre 2004, 118 Stat. 1434, prevedeva che: “Le modifiche apportate dal comma (b) [che modifica il presente articolo] si applicano alle elezioni e alle cessazioni avvenute dopo il 31 dicembre 2004.”

Pub. L. 108–357, titolo II, §237(b), 22 ottobre 2004, 118 Stat. 1436, prevedeva che: “La modifica apportata dal presente articolo [modifica il presente articolo] si applica agli anni d’imposta che iniziano successivamente al 31 dicembre 2004”.

Pub. L. 108–357, titolo II, §238(b), 22 ottobre 2004, 118 Stat. 1436, prevedeva che: “Le modifiche apportate dal presente articolo [modifica il presente articolo] si applicano alle elezioni effettuate e alle cessazioni avvenute dopo il 31 dicembre 2004.”

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1999

Emendamento del Pub. L. 106–170 applicabile a qualsiasi strumento posseduto, acquisito o stipulato, qualsiasi transazione stipulata e forniture possedute o acquisite a partire dal 17 dicembre 1999, vedere la sezione 532 (d) della Pub. L. 106–170, riportato come nota nella sezione 170 del presente titolo.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1996

Pub. L. 104–188, titolo I, §1305(c), 20 agosto 1996, 110 Stat. 1780, prevedeva che: “Le modifiche apportate dai commi a) eb) [che modificano il presente articolo] si applicano con riferimento alle elezioni per gli anni imponibili che iniziano dopo il 31 dicembre 1982.”

Modifica mediante le sezioni 1308(c) e 1311(b)(1) della Pub. L. 104–188 applicabile agli anni imponibili che iniziano dopo il 31 dicembre 1996, vedere la sezione 1317 (a) della Pub. L. 104–188, riportato come nota nella sezione 641 di questo titolo.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1988

Emendamento del Pub. L. 100–647 in vigore, salvo diversa disposizione, come se incluso nella disposizione del Tax Reform Act del 1986, Pub. L. 99–514, a cui si riferisce tale modifica, vedere la sezione 1019(a) della Pub. L. 100–647, riportato in nota nella sezione 1 del presente titolo.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1984

Modifica mediante articolo 102(d)(2) Pub. L. 98–369 applicabile alle posizioni costituite dopo il 18 luglio 1984, negli anni fiscali che terminano dopo tale data, salvo diversamente previsto, vedere la sezione 102 (f), (g) della Pub. L. 98–369, riportato come nota nella sezione 1256 di questo titolo.

Modifica dell’articolo 721(g), (h), (l), (t) della Pub. L. 98–369 in vigore come se incluso nel Sottocapitolo S Revision Act del 1982, Pub. L. 97–354, tranne che l’emendamento della sezione 721(g)(1) non è applicabile a determinati acquisti di azioni qualificate, l’emendamento della sezione 721(l) è applicabile a qualsiasi elezione ai sensi di questa sezione (o qualsiasi disposizione corrispondente della legge precedente ) apportato dopo il 19 ottobre 1982 e la modifica della sezione 721(t) non è applicabile a determinati anni di risoluzione S, vedere la sezione 721(y) della Pub. L. 98–369, riportato come nota nella sezione 1361 di questo titolo.

Data effettiva

Sezione applicabile agli anni d’imposta che iniziano dopo il 31.12.1982, salvo che nel caso di anni d’imposta che iniziano nel corso del 1982, comma. (d)(3) di questa sezione e le sezioni 1366(f)(3) e 1375 di questo titolo si applicano, nonché la sezione 1372(e)(5) di questo titolo in vigore il giorno prima del 19 ottobre 1982 , non si applica, vedere la sezione 6(a), (b)(3) della Pub. L. 97–354, riportato come nota nella sezione 1361 di questo titolo. Per ulteriori disposizioni relative al trattamento di alcune elezioni secondo la normativa previgente ai fini del comma 1. (g) di questa sezione, vedere la sezione 6(e) della Pub. L. 97–354, riportato come nota nella sezione 1361 di questo titolo.

Trattamento di alcune elezioni secondo il diritto anteriore

Pub. L. 104–188, titolo I, §1317(b), 20 agosto 1996, 110 Stat. 1787, a condizione che: “Ai fini della sezione 1362(g) dell’Internal Revenue Code del 1986 (relativa all’elezione dopo la cessazione), qualsiasi cessazione ai sensi della sezione 1362(d) di tale Codice in un anno fiscale che inizia prima del 1 gennaio 1997 , non saranno presi in considerazione.”

Sottocapitolo S Elezioni

Pub. L. 98–369, div. A, titolo I, §102(d)(3), 18 luglio 1984, 98 Stat. 623, come modificato dal Pub. L. 99–514, §2, titolo XVIII, §1808(a)(2), 22 ottobre 1986, 100 Stat. 2095, 2817, prevedeva che: “Se un commerciante di materie prime o un commerciante di opzioni—

“(A) diventa una piccola società commerciale (come definita nella sezione 1361(b) dell’Internal Revenue Code del 1986 [ex IRC 1954]) in qualsiasi momento prima della chiusura del 75° giorno successivo alla data di entrata in vigore della presente legge [18 luglio 1984], e

“(B) effettua l’elezione ai sensi della sezione 1362(a) di tale Codice prima della chiusura di tale 75° giorno,

allora tale commerciante sarà considerato come se avesse ricevuto l’approvazione e adottato un anno fiscale che inizia il primo giorno del 1984 in cui era una piccola società commerciale (come così definita) o qualsiasi altro giorno consentito dalla normativa e termina il data determinata ai sensi della sezione 1378 di tale Codice e tale scelta sarà effettiva per tale anno fiscale.”

§1363. Effetti delle elezioni sulle società

(a) Regola generale

Salvo quanto diversamente previsto in questo sottocapitolo, una società S non è soggetta alle imposte imposte da questo capitolo.

(b) Calcolo del reddito imponibile delle società

Il reddito imponibile di una società S sarà calcolato allo stesso modo del caso di un individuo, tranne che:

(1) gli elementi descritti nella sezione 1366(a)(1)(A) devono essere indicati separatamente,

(2) le detrazioni di cui alla sezione 703(a)(2) non saranno consentite alla società,

(3) si applica la sezione 248, e

(4) La sezione 291 si applica se la società S (o qualsiasi predecessore) era una società C per uno qualsiasi dei 3 anni fiscali immediatamente precedenti.

(c) Elezioni della società S

(1) In generale

Fatto salvo quanto previsto al paragrafo (2), qualsiasi scelta che incida sul calcolo degli elementi derivati ​​da una società S sarà effettuata dalla società.

(2) Eccezioni

Nel caso di una società S, le elezioni ai sensi delle seguenti disposizioni devono essere effettuate da ciascun azionista separatamente:

(A) sezione 617 (relativa alla detrazione e al recupero di alcune spese di esplorazione mineraria), e

(B) sezione 901 (relativa alle imposte di paesi stranieri e possedimenti degli Stati Uniti).

(d) Recupero dei benefici LIFO

(1) In generale

Se-

(A) una società S era una società C per l’ultimo anno fiscale prima del primo anno fiscale per il quale l’elezione ai sensi della sezione 1362(a) era effettiva, e

(B) la società ha inventariato i beni secondo il metodo LIFO per l’ultimo anno fiscale,

 

l’importo di recupero LIFO sarà incluso nel reddito lordo della società per l’ultimo anno fiscale (e saranno apportate opportune rettifiche alla base dell’inventario per tenere conto dell’importo incluso nel reddito lordo ai sensi del presente paragrafo).

(2) Ulteriore imposta pagabile a rate

(A) In generale

Qualsiasi aumento dell’imposta imposta dal presente capitolo a causa del presente comma sarà dovuto in 4 rate uguali.

(B) Data di pagamento delle rate

La prima rata di cui al comma (A) deve essere pagata entro la data di scadenza (determinata senza riguardo alle proroghe) per la dichiarazione dell’imposta imposta da questo capitolo per l’ultimo anno fiscale per il quale la società era una società C e il 3 le rate successive dovranno essere pagate entro la data di scadenza (come così determinata) della dichiarazione della società per i 3 anni fiscali successivi.

(C) Nessun interesse per il periodo di proroga

Nonostante la sezione 6601(b), ai fini della sezione 6601, la data prescritta per il pagamento di ciascuna rata ai sensi del presente paragrafo sarà determinata ai sensi del presente paragrafo.

(3) Importo di recupero LIFO

Ai fini della presente sottosezione, il termine “importo di recupero LIFO” indica l’importo (se presente) con il quale:

(A) l’importo dell’inventario del bene inventariato secondo il metodo first-in, first-out autorizzato dalla sezione 471, supera

(B) l’importo delle rimanenze di tali attività secondo il metodo LIFO.

 

Ai fini della frase precedente, gli importi delle scorte sono determinati a partire dalla chiusura dell’ultimo anno fiscale di cui al paragrafo (1).

(4) Altre definizioni

Ai fini di questa sottosezione:

(A) Metodo LIFO

Con il termine “metodo LIFO” si intende il metodo autorizzato dall’articolo 472.

(B) Attività di magazzino

Il termine “beni di inventario” indica azioni in commercio della società, o altri beni di un tipo che verrebbero correttamente inclusi nell’inventario della società se disponibili alla chiusura dell’anno fiscale.

(C) Metodo per determinare l’importo delle rimanenze

L’importo dell’inventario dei beni secondo un metodo autorizzato dalla sezione 471 sarà determinato:

(i) se la società utilizza il metodo al dettaglio per valutare le scorte ai sensi della sezione 472, utilizzando tale metodo, o

(ii) se la clausola (i) non si applica, utilizzando il costo o il mercato, a seconda di quale sia inferiore.

(D) Non trattato come membro di un gruppo affiliato

Fatto salvo quanto previsto dalla normativa, la società di cui al paragrafo (1) non è trattata come membro di un gruppo affiliato per quanto riguarda l’importo compreso nel reddito lordo di cui al paragrafo (1).

(5) Regola speciale

Le sezioni 1367(a)(2)(D) e 1371(c)(1) non si applicano in relazione a qualsiasi aumento dell’imposta imposta a causa di questa sottosezione.

(Aggiunto Pub. L. 97–354, §2, 19 ottobre 1982, 96 Stat. 1676; modificato Pub. L. 98–369, div. A, titolo VII, §721(a), (b)( 1), (p), 18 luglio 1984, 98 Stat. 966, 970; Pub. L. 99–514, titolo V, §511(d)(2)(C), titolo VI, §632(b) , titolo VII, §701(e)(4)(J), 22 ottobre 1986, 100 Stat. 2249, 2277, 2343; Pub. L. 100–203, titolo X, §10227(a), Dec. 22, 1987, 101 Stat. 1330–416; Pub. L. 100–647, titolo I, §1006(f)(7), titolo II, §2004(n), 10 novembre 1988, 102 Stat. 3407 , 3608; Pub. L. 109–135, titolo IV, §411(a), 21 dicembre 2005, 119 Stat. 2636.)

 

Note editoriali

Modifiche

2005 —Sottosez. (d)(5). Pub. L. 109–135 ha aggiunto il par. (5).

1988 —Sottosez. (D). Pub. L. 100–647, §1006(f)(7), soppresso il sottosez. (d) che riguardavano distribuzioni di beni apprezzati.

Sottosez. (d)(4)(D). Pub. L. 100–647, §2004(n), aggiunto sottopar. (D).

Sottosez. (e). Pub. L. 100–647, §1006(f)(7), soppresso il sottosez. (e) che prevedeva che il comma. (d) non si applica a riorganizzazioni, ecc.

1987 —Sottosez. (D). Pub. L. 100–203 ha aggiunto il comma. (d) relativi al recupero dei benefici LIFO.

1986 —Sottosez. (UN). Pub. L. 99–514, §701(e)(4)(J), cancellato “e nella sezione 58(d)” dopo “questo sottocapitolo”.

Sottosez. (c)(2). Pub. L. 99–514, §511(d)(2)(C), sottoparagrafi ridisegnati. (B) e (C) come (A) e (B), rispettivamente, e cancellato il precedente comma. (A) che recitava come segue: “articolo 163(d) (relativo alla limitazione degli interessi sull’indebitamento per investimenti)”.

Sottosez. (e). Pub. L. 99–514, §632(b), modificato sottosez. (e) in generale, in sostituzione di “riorganizzazioni, ecc.” per “liquidazioni e riorganizzazioni complete”, nell’intestazione e nel testo è stato cancellato il riferimento ai beni in completa liquidazione della società.

1984 —Sottosez. (b)(4). Pub. L. 98–369, §721(p), aggiunto par. (4).

Sottosez. (c)(2). Pub. L. 98–369, §721(b)(1), sottoparagrafi ridisegnati. da (B) a (D) come da (A) a (C), rispettivamente, e il sottopar. (A) che prevedeva “il comma (b)(5) o (d)(4) dell’articolo 108 (relativo al reddito derivante dall’estinzione dell’indebitamento)”.

Sottosez. (D). Pub. L. 98–369, §721(a)(2), sostituito “Salvo quanto previsto nella sottosezione (e), se” con “Se”.

Sottosez. (e). Pub. L. 98–369, §721(a)(1), aggiunto sottosez. (e).

 

Note statutarie e società controllate correlate

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 2005

Pub. L. 109–135, titolo IV, §411(b), 21 dicembre 2005, 119 Stat. 2636, prevedeva che: “La modifica apportata da questa sezione [che modifica questa sezione] entrerà in vigore come se inclusa nella sezione 10227 dell’Omnibus Budget Reconciliation Act del 1987 [Pub. L. 100–203].”

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1988

Modifica mediante la sezione 1006(f)(7) della Pub. L. 100–647 in vigore, salvo diversa disposizione, come se incluso nella disposizione del Tax Reform Act del 1986, Pub. L. 99–514, a cui si riferisce tale modifica, vedere la sezione 1019(a) della Pub. L. 100–647, riportato in nota nella sezione 1 del presente titolo.

Modifica della sezione 2004(n) della Pub. L. 100–647 in vigore, salvo diversa disposizione, come se incluso nelle disposizioni del Revenue Act del 1987, Pub. L. 100–203, titolo X, a cui si riferisce tale modifica, vedere la sezione 2004(u) della Pub. L. 100–647, riportato come nota nella sezione 56 del presente titolo.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1987

Pub. L. 100–203, titolo X, §10227(b), 22 dicembre 1987, 101 Stat. 1330–417, a condizione che:

“(1)Generalmente.—Ad eccezione di quanto previsto nel paragrafo (2), la modifica apportata dalla sottosezione (a) [che modifica questa sezione] si applicherà nel caso di elezioni effettuate dopo il 17 dicembre 1987.

“(2)Eccezione.—La modifica apportata dal comma (a) non si applica nel caso di elezioni effettuate da una società dopo il 17 dicembre 1987 e prima del 1 gennaio 1989, se, entro il 17 dicembre 1987—

“(A) è stata adottata una delibera dal consiglio di amministrazione di tale società per effettuare un’elezione ai sensi del sottocapitolo S del capitolo 1 dell’Internal Revenue Code del 1986, o

“(B) c’era una richiesta di decisione relativa all’attività depositata presso l’Internal Revenue Service che esprimeva l’intenzione di effettuare tale scelta.”

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1986

Modifica mediante la sezione 511(d)(2)(C) della Pub. L. 99–514 applicabile agli anni imponibili che iniziano dopo il 31 dicembre 1986, vedere la sezione 511 (e) della Pub. L. 99–514, riportato come nota nella sezione 163 di questo titolo.

Modifica mediante la sezione 632(b) della Pub. L. 99–514 applicabile a qualsiasi distribuzione in completa liquidazione, e qualsiasi vendita o scambio, effettuata da una società dopo il 31 luglio 1986, a meno che tale società non sia completamente liquidata prima del 1 gennaio 1987, qualsiasi transazione descritta nella sezione 338 del presente titoli la cui data di acquisizione avvenga successivamente al 31.12.1986, ed ogni ripartizione, non in completa liquidazione, effettuata successivamente al 31.12.1986, con eccezioni e norme speciali e transitorie, cfr. art. 633 della Pub. L. 99–514, indicata come nota sulla data di entrata in vigore nella sezione 336 del presente titolo.

Modifica della sezione 701(e)(4)(J) della Pub. L. 99–514 applicabile agli anni imponibili che iniziano dopo il 31 dicembre 1986, con alcune eccezioni e qualifiche, vedere la sezione 701 (f) della Pub. L. 99–514, indicata come nota sulla data di entrata in vigore nella sezione 55 del presente titolo.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1984

Emendamento del Pub. L. 98–369 in vigore come se incluso nel Sottocapitolo S Revision Act del 1982, Pub. L. 97–354, vedere la sezione 721(y)(1) della Pub. L. 98–369, riportato come nota nella sezione 1361 di questo titolo.

Data effettiva

Sezione applicabile agli anni fiscali che iniziano dopo il 31 dicembre 1982, vedere la sezione 6(a) della Pub. L. 97–354, riportato come nota nella sezione 1361 di questo titolo.

Applicabilità di alcuni emendamenti della Pub. L. 99–514 in relazione agli obblighi del trattato degli Stati Uniti

Per l’applicabilità dell’emendamento della sezione 701(e)(4)(J) della Pub. L. 99–514 nonostante qualsiasi obbligo derivante dal trattato degli Stati Uniti in vigore il 22 ottobre 1986, con la disposizione che per tali scopi qualsiasi emendamento di cui al titolo I della Pub. L. 100–647 essere trattato come se fosse stato incluso nella disposizione del Pub. L. 99–514 a cui si riferisce tale modifica, vedere la sezione 1012(aa)(2), (4) della Pub. L. 100–647, riportato come nota nella sezione 861 di questo titolo.

PARTE II—TRATTAMENTO FISCALE DEGLI AZIONISTI

Sez.
1366.
Trasferimento di elementi agli azionisti.
1367.
Aggiustamenti alla base delle azioni degli azionisti, ecc.
1368.
Distribuzioni.

 

§1366. Trasferimento di elementi agli azionisti

(a) Determinazione dell’imposta dovuta a carico dell’azionista

(1) In generale

Nel determinare l’imposta ai sensi di questo capitolo di un azionista per l’anno fiscale dell’azionista in cui termina l’anno fiscale della società S (o per l’ultimo anno fiscale di un azionista che muore, o di un trust o di un patrimonio che termina, prima della fine dell’anno fiscale della società), si terrà conto della quota proporzionale spettante all’azionista delle azioni della società:

(A) elementi di reddito (incluso reddito esente da imposta), perdita, detrazione o credito il cui trattamento separato potrebbe incidere sulla responsabilità fiscale di qualsiasi azionista, e

(B) utili o perdite calcolati non separatamente.

 

Ai fini della frase precedente, gli elementi di cui al sottoparagrafo (A) includono gli importi descritti nel paragrafo (4) o (6) della sezione 702(a).

(2) Reddito o perdita definiti calcolati in modo non separato

Ai fini del presente sottocapitolo, il termine “reddito o perdita calcolati non separatamente” indica il reddito lordo meno le detrazioni consentite alla società ai sensi del presente capitolo, determinate escludendo tutte le voci descritte nel paragrafo (1)(A).

(b) Il personaggio è passato attraverso

Il carattere di qualsiasi elemento incluso nella quota proporzionale di un azionista ai sensi del paragrafo (1) della sottosezione (a) sarà determinato come se tale elemento fosse realizzato direttamente dalla fonte da cui è stato realizzato dalla società, o sostenuto nello stesso modo in cui è stato sostenuto dalla società.

(c) Reddito lordo di un azionista

In ogni caso in cui sia necessario determinare il reddito lordo di un azionista ai fini del presente titolo, tale reddito lordo includerà la quota proporzionale del reddito lordo della società spettante all’azionista.

(d) Norme speciali per perdite e detrazioni

(1) Non può superare la base azionaria in azioni e debito

L’importo complessivo delle perdite e delle detrazioni prese in considerazione da un azionista ai sensi della sottosezione (a) per qualsiasi anno fiscale non deve superare la somma di:

(A) la base rettificata delle azioni dell’azionista nella società S (determinata con riferimento ai paragrafi (1) e (2)(A) della sezione 1367(a) per l’anno fiscale), e

(B) la base rettificata dell’azionista di qualsiasi indebitamento della società S nei confronti dell’azionista (determinata senza tener conto di qualsiasi aggiustamento ai sensi del paragrafo (2) della sezione 1367(b) per l’anno fiscale).

(2) Riporto a tempo indeterminato delle perdite e delle detrazioni non consentite

(A) In generale

Fatto salvo quanto previsto al comma (B), qualsiasi perdita o detrazione non consentita per qualsiasi anno fiscale ai sensi del paragrafo (1) sarà considerata come sostenuta dalla società nell’anno fiscale successivo rispetto a tale azionista.

(B) Trasferimenti di azioni tra coniugi o incidenti di divorzio

Nel caso di qualsiasi trasferimento descritto nella sezione 1041(a) di azioni di una società S, qualsiasi perdita o detrazione descritta nel sottoparagrafo (A) rispetto a tali azioni sarà considerata come sostenuta dalla società nell’anno fiscale successivo rispetto a il cessionario.

(3) Riporto delle perdite e delle detrazioni non riconosciute al periodo di transizione successivo alla risoluzione

(A) In generale

Se per l’ultimo anno fiscale di una società per la quale era una società S una perdita o detrazione non è stata consentita a causa del paragrafo (1), tale perdita o detrazione sarà considerata come sostenuta dall’azionista l’ultimo giorno di qualsiasi anno fiscale successivo. periodo transitorio di cessazione.

(B) Non può superare la base azionaria in azioni

L’importo complessivo delle perdite e delle detrazioni prese in considerazione da un azionista ai sensi del comma (A) non deve superare la base rettificata delle azioni dell’azionista nella società (determinata alla chiusura dell’ultimo giorno del periodo di transizione successivo alla cessazione e senza riguardo a questo paragrafo).

(C) Aggiustamento in base alle scorte

La base azionaria delle azioni della società sarà ridotta dell’importo consentito come detrazione ai sensi del presente paragrafo.

(D) Limitazioni al rischio

Nella misura in cui qualsiasi aumento della base rettificata descritta nel sottoparagrafo (B) avrebbe aumentato l’importo a rischio dell’azionista ai sensi della sezione 465 se tale aumento fosse avvenuto il giorno precedente l’inizio del periodo di transizione successivo alla risoluzione, regole simili a quelle descritte nei sottoparagrafi da (A) a (C) si applicano a qualsiasi perdita non consentita ai sensi della sezione 465(a).

(4) Applicazione della limitazione dei contributi di beneficenza

Nel caso di qualsiasi contributo di beneficenza di proprietà a cui si applica la seconda frase della sezione 1367(a)(2), il paragrafo (1) non si applica nella misura dell’eccesso (se presente) di:

(A) la quota pro rata dell’azionista di tale contributo, oltre

(B) la quota proporzionale spettante all’azionista della base rettificata di tale proprietà.

(e) Trattamento del gruppo familiare

Se un individuo che è un membro della famiglia (ai sensi della sezione 704(e)(2) di uno o più azionisti di una società S presta servizi per la società o fornisce capitale alla società senza ricevere un compenso ragionevole, il Il Segretario apporterà le modifiche necessarie agli elementi presi in considerazione da tale individuo e tali azionisti per riflettere il valore di tali servizi o capitale.

(f) Norme speciali

(1) La sottosezione (a) non si applica al credito consentito ai sensi della sezione 34

La sottosezione (a) non si applica rispetto a qualsiasi credito consentito ai sensi della sezione 34 (relativo a determinati usi di benzina e combustibili speciali).

(2) Trattamento dell’imposta gravante sugli utili incorporati

Se un’imposta viene imposta ai sensi della sezione 1374 per qualsiasi anno fiscale su una società S, ai fini della sottosezione (a), l’importo così imposto sarà trattato come una perdita sostenuta dalla società S durante tale anno fiscale. La natura di tale perdita sarà determinata ripartindo la perdita proporzionalmente tra gli utili incorporati riconosciuti che danno luogo a tale imposta.

(3) Riduzione del trasferimento delle imposte imposte sul reddito passivo netto in eccesso

Se un’imposta viene imposta ai sensi della sezione 1375 per qualsiasi anno fiscale su una società S, ai fini della sottosezione (a), ciascuna voce di reddito da investimenti passivi sarà ridotta di un importo che ha lo stesso rapporto con l’importo di tale imposta come:

(A) l’importo di tale voce è pari a

(B) il reddito totale da investimenti passivi per l’anno fiscale.

(Aggiunto Pub. L. 97–354, §2, 19 ottobre 1982, 96 Stat. 1677; modificato Pub. L. 98–369, div. A, titolo IV, §474(r)(26), titolo VII, §735(c)(16), 18 luglio 1984, 98 Stat. 844, 985; Pub. L. 99–514, titolo VI, §632(c)(2), titolo VII, §701(e )(4)(K), 22 ottobre 1986, 100 Stat. 2277, 2343; Pub. L. 100–647, titolo I, §1006(f)(5)(E), 10 novembre 1988, 102 Stat. 3406; Pub. L. 101–239, titolo VII, §7811(c)(7), 19 dicembre 1989, 103 Stat. 2407; Pub. L. 104–188, titolo I, §§1302 (e), 1307(c)(3)(A), 1309(a)(1), 1312, 20 agosto 1996, 110 Stat. 1779, 1782, 1783, 1784; Pub. L. 108–357, titolo II, §235(a), 22 ottobre 2004, 118 Stat. 1435; Pub. L. 110–172, §3(b), 29 dicembre 2007, 121 Stat. 2474; Pub. L. 115 –141, div. U, titolo IV, §401(a)(192), 23 marzo 2018, 132 Stat. 1193.)

 

Note editoriali

Modifiche

2018 —Sottosez. (e). Pub. L. 115–141 ha sostituito la “sezione 704 (e) (2)” con la “sezione 704 (e) (3)”.

2007 —Sottosez. (d)(4). Pub. L. 110–172 ha aggiunto il par. (4).

2004 —Sottosez. (d)(2). Pub. L. 108–357 ha ripreso il titolo senza modifiche e ha modificato il testo del par. (2) in generale. Prima della modifica, il testo recitava come segue: “Qualsiasi perdita o detrazione non consentita per qualsiasi anno fiscale a motivo del paragrafo (1) sarà considerata come sostenuta dalla società nell’anno fiscale successivo rispetto a tale azionista.”

1996 —Sottosez. (a)(1). Pub. L. 104–188, §1302(e), inserito “, o di un trust o di un patrimonio che termina,” dopo “chi muore” nelle disposizioni introduttive.

Sottosez. (d)(1)(A). Pub. L. 104–188, §1309(a)(1), ha sostituito “paragrafi (1) e (2)(A)” con “paragrafo (1)”.

Sottosez. (d)(3)(D). Pub. L. 104–188, §1312, aggiunto sottopar. (D).

Sottosez. (G). Pub. L. 104–188, §1307(c)(3)(A), soppresso il sottosez. (g) che prevedeva un rinvio al sottocapitolo D del capitolo 63 del presente titolo.

1989 —Sottosez. (f)(2). Pub. L. 101–239 ha sostituito “Trattamento dell’imposta imposta sugli utili incorporati” con “Riduzione del trasferimento dell’imposta imposta sugli utili incorporati” nell’intestazione e nel testo modificato in generale. Prima della modifica, il testo recitava come segue: “Se un’imposta viene imposta ai sensi della sezione 1374 per qualsiasi anno fiscale su una società S, ai fini della sottosezione (a), l’importo di ciascun utile incorporato riconosciuto (ai sensi della sezione 1374) per tale anno imponibile sarà ridotto della sua quota proporzionale di tale imposta.”

1988 —Sottosez. (f)(2). Pub. L. 100–647 ha sostituito “ai sensi della sezione 1374” con “come definito nella sezione 1374(d)(2)”.

1986 —Sottosez. (f)(2). Pub. L. 99–514, §632(c)(2), modificato par. (2) in generale. Prima della modifica, par. (2), riduzione del trasferimento dell’imposta imposta sulle plusvalenze, recitato come segue: “Se qualsiasi imposta viene imposta ai sensi della sezione 1374 per qualsiasi anno fiscale su una società S, ai fini della sottosezione (a)—

“(A) l’importo delle plusvalenze a lungo termine della società per l’anno fiscale sarà ridotto dell’importo di tale imposta, e

“(B) se l’importo di tale imposta supera l’importo di tali plusvalenze a lungo termine, i guadagni della società derivanti da vendite o scambi di proprietà descritti nella sezione 1231 saranno ridotti dell’importo di tale eccedenza.

Ai fini della frase precedente, il termine “plusvalenza a lungo termine” non include alcun utile derivante dalla vendita o dallo scambio di beni descritti nella sezione 1231.”

Pub. L. 99–514, §701(e)(4)(K), cancellato “56 o” prima di “1374”.

1984 —Sottosez. (F). Pub. L. 98–369, §474(r)(26), ha sostituito “sezione 34” con “sezione 39” nell’intestazione e nel testo.

Sottosez. (f)(1). Pub. L. 98–369, §735(c)(16), ha sostituito “e combustibili speciali” con “, combustibili speciali e olio lubrificante”.

 

Note statutarie e società controllate correlate

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 2007

Emendamento del Pub. L. 110–172 efficace come se incluso nelle disposizioni del Pension Protection Act del 2006, Pub. L. 109–280, a cui si riferisce tale modifica, vedere la sezione 3(j) della Pub. L. 110–172, riportato come nota nella sezione 170 del presente titolo.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 2004

Pub. L. 108–357, titolo II, §235(b), 22 ottobre 2004, 118 Stat. 1435, come modificato dal Pub. L. 109–135, titolo IV, §403(c), 21 dicembre 2005, 119 Stat. 2620, prevedeva che: “La modifica apportata dal presente articolo [modifica il presente articolo] si applica ai trasferimenti successivi al 31 dicembre 2004.”

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1996

Emendamento del Pub. L. 104–188 applicabile agli anni imponibili che iniziano dopo il 31 dicembre 1996, vedere la sezione 1317 (a) della Pub. L. 104–188, riportato come nota nella sezione 641 di questo titolo.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1989

Emendamento del Pub. L. 101–239 in vigore, salvo diversa disposizione, come se incluso nella disposizione del Technical and Miscellaneous Revenue Act del 1988, Pub. L. 100–647, a cui si riferisce tale modifica, vedere la sezione 7817 della Pub. L. 101–239, riportato in nota nella sezione 1 del presente titolo.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1988

Emendamento del Pub. L. 100–647 in vigore, salvo diversa disposizione, come se incluso nella disposizione del Tax Reform Act del 1986, Pub. L. 99–514, a cui si riferisce tale modifica, vedere la sezione 1019(a) della Pub. L. 100–647, riportato in nota nella sezione 1 del presente titolo.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1986

Modifica mediante la sezione 632(c)(2) della Pub. L. 99–514 applicabile agli anni d’imposta che iniziano dopo il 31.12.1986, ma solo nei casi in cui la dichiarazione dell’anno d’imposta è presentata in seguito a una scelta S effettuata dopo il 31.12.1986, con eccezioni e norme speciali e transitorie , vedere la sezione 633 della Pub. L. 99–514, come modificata, indicata come nota sulla data di entrata in vigore nella sezione 336 del presente titolo.

Modifica della sezione 701(e)(4)(K) della Pub. L. 99–514 applicabile agli anni imponibili che iniziano dopo il 31 dicembre 1986, con alcune eccezioni e qualifiche, vedere la sezione 701 (f) della Pub. L. 99–514, indicata come nota sulla data di entrata in vigore nella sezione 55 del presente titolo.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1984

Modifica mediante articolo 474(r)(26) della Pub. L. 98–369 applicabile agli anni imponibili che iniziano dopo il 31 dicembre 1983 e ai riporti da tali anni, vedere la sezione 475 (a) della Pub. L. 98–369, riportato come nota nella sezione 21 del presente titolo.

Modifica mediante la sezione 735(c)(16) della Pub. L. 98–369 in vigore, salvo diversa disposizione, come se incluso nelle disposizioni dell’Highway Revenue Act del 1982, titolo V di Pub. L. 97–424, a cui si riferisce tale modifica, vedere la sezione 736 della Pub. L. 98–369, riportato come nota nella sezione 4051 di questo titolo.

Data effettiva

Sezione applicabile agli anni d’imposta che iniziano dopo il 31.12.1982, salvo che nel caso di anni d’imposta che iniziano nel corso del 1982, comma. (f)(3) di questa sezione e le sezioni 1362(d)(3) e 1375 di questo titolo si applicano, nonché la sezione 1372(e)(5) di questo titolo in vigore il giorno prima del 19 ottobre 1982 , non si applica, vedere la sezione 6(a), (b)(3) della Pub. L. 97–354, riportato come nota nella sezione 1361 di questo titolo.

Applicabilità di alcuni emendamenti della Pub. L. 99–514 in relazione agli obblighi del trattato degli Stati Uniti

Per l’applicabilità della modifica della sezione 701(e)(4)(K) della Pub. L. 99–514 nonostante qualsiasi obbligo derivante dal trattato degli Stati Uniti in vigore il 22 ottobre 1986, con la disposizione che per tali scopi qualsiasi emendamento di cui al titolo I della Pub. L. 100–647 essere trattato come se fosse stato incluso nella disposizione del Pub. L. 99–514 a cui si riferisce tale modifica, vedere la sezione 1012(aa)(2), (4) della Pub. L. 100–647, riportato come nota nella sezione 861 di questo titolo.

§1367. Aggiustamenti alla base delle azioni degli azionisti, ecc.

(a) Regola generale

(1) Incrementi base

La base delle azioni di ciascun azionista in una società S sarà aumentata per qualsiasi periodo della somma dei seguenti elementi determinati rispetto a tale azionista per tale periodo:

(A) gli elementi di reddito descritti nel sottoparagrafo (A) della sezione 1366(a)(1),

(B) qualsiasi reddito calcolato non separatamente determinato ai sensi del sottoparagrafo (B) della sezione 1366(a)(1), e

(C) l’eccedenza delle detrazioni per impoverimento rispetto alla base dell’immobile soggetto a impoverimento.

(2) Diminuzioni in base

La base delle azioni di ciascun azionista in una società S sarà ridotta per qualsiasi periodo (ma non inferiore a zero) della somma dei seguenti elementi determinati rispetto all’azionista per tale periodo:

(A) distribuzioni da parte della società che non erano incluse nel reddito dell’azionista ai sensi della sezione 1368,

(B) gli elementi di perdita e detrazione descritti nel sottoparagrafo (A) della sezione 1366(a)(1),

(C) qualsiasi perdita calcolata non separatamente determinata ai sensi del sottoparagrafo (B) della sezione 1366(a)(1),

(D) qualsiasi spesa della società non deducibile nel calcolo del reddito imponibile e non propriamente imputabile in conto capitale, e

(E) l’importo della detrazione a carico dell’azionista per l’esaurimento di qualsiasi proprietà di petrolio e gas detenuta dalla società S nella misura in cui tale detrazione non supera la quota proporzionale della base rettificata di tale proprietà assegnata a tale azionista ai sensi della sezione 613A(c) (11)(B).

 

La diminuzione di cui al sottoparagrafo (B) a causa di un contributo di beneficenza (come definito nella sezione 170(c)) della proprietà sarà l’importo pari alla quota proporzionale dell’azionista sulla base rettificata di tale proprietà.

(b) Norme speciali

(1) Voci di reddito

Un importo che deve essere incluso nel reddito lordo di un azionista e indicato nella sua dichiarazione sarà preso in considerazione ai sensi del sottoparagrafo (A) o (B) della sottosezione (a)(1) solo nella misura in cui tale importo è incluso nel reddito lordo dell’azionista al suo ritorno, aumentato o diminuito di qualsiasi aggiustamento di tale importo in una rideterminazione della responsabilità fiscale dell’azionista.

(2) Rettifiche in base all’indebitamento

(A) Riduzione della base

Se per qualsiasi anno fiscale gli importi specificati nei sottoparagrafi (B), (C), (D) ed (E) della sottosezione (a)(2) superano l’importo che riduce la base azionaria a zero, tale eccedenza sarà applicata ridurre (ma non sotto zero) la base azionaria in qualsiasi indebitamento della società S nei confronti dell’azionista.

(B) Ripristino della base

Se per qualsiasi anno fiscale che inizia dopo il 31 dicembre 1982, vi è una riduzione ai sensi del sottoparagrafo (A) nella base azionaria dell’indebitamento di una società S nei confronti di un azionista, qualsiasi aumento netto (dopo l’applicazione dei paragrafi (1) e ( 2) della sottosezione (a)) per qualsiasi anno fiscale successivo sarà applicato per ripristinare tale riduzione della base prima che una parte di essa possa essere utilizzata per aumentare la base azionaria delle azioni della società S.

(3) Coordinamento con gli articoli 165(g) e 166(d)

Questa sezione e la sezione 1366 saranno applicate prima dell’applicazione delle sezioni 165(g) e 166(d) a qualsiasi anno fiscale dell’azionista o della società in cui il titolo o il debito diventano privi di valore.

(4) Rettifiche in caso di azioni ereditate

(A) In generale

Se una persona acquisisce azioni di una società S a causa della morte di un defunto o tramite lascito, disposizione o eredità, la sezione 691 sarà applicata rispetto a qualsiasi elemento di reddito della società S allo stesso modo come se il defunto aveva detenuto direttamente la sua quota pro rata di tale voce.

(B) Aggiustamenti base

La base determinata ai sensi della sezione 1014 di qualsiasi azione in una società S sarà ridotta della parte del valore delle azioni che è attribuibile a elementi che costituiscono reddito rispetto al defunto.

(Aggiunto Pub. L. 97–354, §2, 19 ottobre 1982, 96 Stat. 1679; modificato Pub. L. 98–369, div. A, titolo VII, §§721(d), (w) , 722(e)(2), 18 luglio 1984, 98 Stat. 967, 971, 974; Pub. L. 104–188, titolo I, §§1313(a), 1702(h)(14), ago 20, 1996, 110 Stat. 1785, 1874; Pub. L. 109–280, titolo XII, §1203(a), 17 agosto 2006, 120 Stat. 1066; Pub. L. 110–343, div. C, titolo III, §307(a), 3 ottobre 2008, 122 Stat. 3869 Pub. L. 111–312, titolo VII, §752(a), 17 dicembre 2010, 124 Stat. 3321; Pub. L. 112–240, titolo III, §325(a), 2 gennaio 2013, 126 Stat. 2333; Pub. L. 113–295, div. A, titolo I, §137(a), dicembre 19, 2014, 128 Stat. 4019; Pub. L. 114–113, div. Q, titolo I, §115(a), 18 dicembre 2015, 129 Stat. 3049.)

 

Note editoriali

Modifiche

2015 —Sottosez. (a)(2). Pub. L. 114–113 cancellato “La frase precedente non si applica ai conferimenti effettuati negli anni imponibili che iniziano dopo il 31 dicembre 2014.” al termine delle disposizioni conclusive.

2014 —Sottosez. (a)(2). Pub. L. 113–295 ha sostituito nelle disposizioni conclusive “31 dicembre 2014” con “31 dicembre 2013”.

2013 —Sottosez. (a)(2). Pub. L. 112–240 ha sostituito, nelle disposizioni conclusive, “31 dicembre 2013” ​​con “31 dicembre 2011”.

2010 —Sottosez. (a)(2). Pub. L. 111–312 ha sostituito “31 dicembre 2011” con “31 dicembre 2009” nelle disposizioni conclusive.

2008 —Sottosez. (a)(2). Pub. L. 110–343 ha sostituito “31 dicembre 2009” con “31 dicembre 2007” nelle disposizioni conclusive.

2006 —Sottosez. (a)(2). Pub. L. 109–280, che ordinava l’aggiunta di disposizioni conclusive alla sezione 1367 (a) (2), senza specificare l’atto da modificare, è stata eseguita al sottosezione. (a)(2) di questa sezione, che è la sezione 1367 dell’Internal Revenue Code del 1986, per riflettere il probabile intento del Congresso.

1996 —Sottosez. (a)(2)(E). Pub. L. 104–188, §1702(h)(14), ha sostituito la “sezione 613A(c)(11)(B)” con la “sezione 613A(c)(13)(B)”.

Sottosez. (b)(4). Pub. L. 104–188, §1313(a), aggiunto par. (4).

1984 —Sottosez. (a)(2)(E). Pub. L. 98–369, §722(e)(2), sostituito “per qualsiasi proprietà di petrolio e gas detenuta dalla società S nella misura in cui tale detrazione non supera la quota proporzionale della base rettificata di tale proprietà assegnata a tale azionista ai sensi della sezione 613A(c)(13)(B)” per “ai sensi della sezione 611 rispetto ai pozzi di petrolio e gas”.

Sottosez. (b)(2)(B). Pub. L. 98–369, §721(w), sostituito “per qualsiasi anno fiscale che inizia dopo il 31 dicembre 1982, c’è” per “per qualsiasi anno fiscale che c’è”.

Sottosez. (b)(3). Pub. L. 98–369, §721(d), inserito “e 166(d)” nell’intestazione e nel testo.

 

Note statutarie e società controllate correlate

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 2015

Pub. L. 114–113, div. Q, titolo I, §115(b), 18 dicembre 2015, 129 Stat. 3049, prevedeva che: “La modifica apportata dal presente articolo [modifica il presente articolo] si applica ai conferimenti effettuati negli anni d’imposta che iniziano successivamente al 31 dicembre 2014”.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 2014

Pub. L. 113–295, div. A, titolo I, §137(b), 19 dicembre 2014, 128 Stat. 4020, prevedeva che: “La modifica apportata dal presente articolo [modifica il presente articolo] si applica ai conferimenti effettuati negli anni d’imposta che iniziano successivamente al 31 dicembre 2013”.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 2013

Pub. L. 112–240, titolo III, §325(b), 2 gennaio 2013, 126 Stat. 2333, prevedeva che: “La modifica apportata dal presente articolo [modifica il presente articolo] si applica ai conferimenti effettuati negli anni d’imposta che iniziano successivamente al 31 dicembre 2011”.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 2010

Pub. L. 111–312, titolo VII, §752(b), 17 dicembre 2010, 124 Stat. 3321, prevedeva che: “La modifica apportata dal presente articolo [modifica il presente articolo] si applica ai conferimenti effettuati negli anni imponibili che iniziano successivamente al 31 dicembre 2009”.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 2008

Pub. L. 110–343, div. C, titolo III, §307(b), 3 ottobre 2008, 122 Stat. 3869, prevedeva che: “La modifica apportata dal presente articolo [modifica il presente articolo] si applica ai conferimenti effettuati negli anni d’imposta che iniziano successivamente al 31 dicembre 2007”.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 2006

Pub. L. 109–280, titolo XII, §1203(b), 17 agosto 2006, 120 Stat. 1066, prevedeva che: “La modifica apportata dal presente articolo [modifica il presente articolo] si applica ai conferimenti effettuati negli anni d’imposta che iniziano successivamente al 31 dicembre 2005”.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1996

Pub. L. 104–188, titolo I, §1313(b), 20 agosto 1996, 110 Stat. 1785, prevedeva che: “La modifica apportata dal comma (a) [che modifica questo articolo] si applica nel caso di defunti che muoiono dopo la data di entrata in vigore della presente legge [20 agosto 1996].”

Modifica mediante la sezione 1702(h)(14) della Pub. L. 104–188 in vigore, salvo quanto espressamente previsto, come se incluso nella disposizione del Revenue Reconciliation Act del 1990, Pub. L. 101–508, titolo XI, a cui si riferisce tale emendamento, vedere la sezione 1702 (i) di Pub. L. 104–188, riportato come nota nella sezione 38 del presente titolo.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1984

Modifica della sezione 721(d), (w) della Pub. L. 98–369 in vigore come se incluso nel Sottocapitolo S Revision Act del 1982, Pub. L. 97–354, vedere la sezione 721(y)(1) della Pub. L. 98–369, riportato come nota nella sezione 1361 di questo titolo.

Pub. L. 98–369, div. A, titolo VII, §722(e)(3)(B), 18 luglio 1984, 98 Stat. 974, prevedeva che: “La modifica apportata dal comma 2 [che modifica il presente articolo] si applica agli anni d’imposta che iniziano dopo il 31 dicembre 1982.”

Data effettiva

Sezione applicabile agli anni fiscali che iniziano dopo il 31 dicembre 1982, vedere la sezione 6(a) della Pub. L. 97–354, riportato come nota nella sezione 1361 di questo titolo.

§1368. Distribuzioni

(a) Regola generale

Una distribuzione di proprietà effettuata da una società S rispetto alle sue azioni a cui (eccetto per questa sottosezione) si applicherebbe la sezione 301(c) sarà trattata nel modo previsto nella sottosezione (b) o (c), a seconda di quale si applica.

(b) La società S non ha utili e profitti

Nel caso di una distribuzione descritta nella sottosezione (a) da parte di una società S che non ha utili e profitti accumulati:

(1) Importo applicato su base

La distribuzione non sarà inclusa nel reddito lordo nella misura in cui non supera la base rettificata del titolo.

(2) Importo eccedente la base

Se l’importo della distribuzione supera la base rettificata del titolo, tale eccedenza sarà trattata come utile derivante dalla vendita o dallo scambio di proprietà.

(c) Società S con utili e profitti

Nel caso di una distribuzione descritta nella sottosezione (a) da parte di una società S che ha accumulato utili e profitti:

(1) Conto rettifiche accumulate

La parte della distribuzione che non eccede il conto delle rettifiche accumulate sarà trattata secondo le modalità previste dalla sottosezione (b).

(2) Dividendo

La parte della distribuzione che rimane dopo l’applicazione del paragrafo (1) sarà trattata come un dividendo nella misura in cui non supera gli utili e i profitti accumulati della società S.

(3) Trattamento del resto

Qualsiasi parte della distribuzione rimanente dopo l’applicazione del paragrafo (2) del presente comma sarà trattata secondo le modalità previste dal comma (b).

 

Fatta eccezione per quanto previsto dalla normativa, se le distribuzioni durante l’anno fiscale superano l’importo nel conto rettificativo accumulato alla chiusura dell’anno fiscale, ai fini della presente sottosezione, il saldo di tale conto sarà ripartito tra tali distribuzioni in proporzione alle rispettive dimensioni.

(d) Alcuni aggiustamenti presi in considerazione

Le sottosezioni (b) e (c) dovranno essere applicate tenendo conto (nella misura opportuna):

(1) gli adeguamenti alla base delle azioni dell’azionista descritti nella sezione 1367, e

(2) le rettifiche al conto delle rettifiche accumulate richieste dalla sottosezione (e)(1).

 

In caso di distribuzione effettuata durante qualsiasi anno fiscale, la base rettificata delle azioni sarà determinata tenendo conto delle rettifiche previste nel paragrafo (1) della sezione 1367(a) per l’anno fiscale.

(e) Definizioni e regole speciali

Ai fini di questa sezione:

(1) Conto rettifiche accumulate

(A) In generale

Salvo quanto diversamente previsto nel presente paragrafo, il termine “conto di aggiustamento accumulato” indica un conto della società S che viene aggiustato per il periodo S in modo simile agli aggiustamenti di cui alla sezione 1367 (tranne che non verrà effettuato alcun aggiustamento per il reddito ( e spese correlate) che è esente da imposta ai sensi del presente titolo e la frase “(ma non inferiore a zero)” non saranno prese in considerazione nella sezione 1367(a)(2)) e non sarà effettuato alcun aggiustamento per le imposte federali attribuibili a qualsiasi anno fiscale in cui la società era una società C.

(B) Ammontare del conguaglio in caso di rimborsi

Nel caso di un rimborso trattato come uno scambio ai sensi della sezione 302(a) o 303(a), l’aggiustamento nel conto delle rettifiche accumulate sarà un importo che ha lo stesso rapporto con il saldo di tale conto del numero di le azioni riscattate in tale riscatto corrispondono al numero di azioni della società immediatamente prima di tale riscatto.

(C) Perdita netta dell’anno non considerata

(i) In generale

Nell’applicare la presente sezione alle distribuzioni effettuate durante qualsiasi anno fiscale, l’importo nel conto delle rettifiche accumulate alla chiusura di tale anno fiscale sarà determinato senza tener conto di eventuali rettifiche negative nette per tale anno fiscale.

(ii) Rettifica netta negativa

Ai fini della clausola (i), il termine “aggiustamento netto negativo” indica, rispetto a qualsiasi anno fiscale, l’eccesso (se presente) di:

(I) le riduzioni del conto per l’anno fiscale (diverse dalle distribuzioni), finite

(II) gli incrementi di tale conto per tale anno fiscale.

(2) Periodo S

Il termine “periodo S” indica il periodo continuativo più recente durante il quale la società è stata una società S. Tale periodo non comprende alcun anno fiscale che abbia inizio prima del 1° gennaio 1983.

(3) Scelta di distribuire prima gli utili

(A) In generale

Una società S può, con il consenso di tutti i suoi azionisti interessati, scegliere di non applicare il paragrafo (1) della sottosezione (c) a tutte le distribuzioni effettuate durante l’anno fiscale per il quale viene effettuata la scelta.

(B) Azionista interessato

Ai fini del comma (A), il termine “azionista interessato” indica qualsiasi azionista a cui viene effettuata una distribuzione da parte della società S durante l’anno fiscale.

(f) Azioni limitate dei direttori di banca

Se un amministratore riceve una distribuzione (non un pagamento parziale o totale in cambio di azioni) da una società S rispetto a qualsiasi azione di amministratore di banca vincolata (come definito nella sezione 1361 (f)), l’importo di tale distribuzione:

(1) deve essere incluso nel reddito lordo dell’amministratore, e

(2) sarà deducibile dalla società per l’anno fiscale di tale società in cui o con il quale termina l’anno fiscale in cui tale importo è incluso nel reddito lordo dell’amministratore.

(Aggiunto Pub. L. 97–354, §2, 19 ottobre 1982, 96 Stat. 1680; modificato Pub. L. 97–448, titolo III, §305(d)(2), 12 gennaio 1983 , 96 Stat. 2399; Pub. L. 98–369, div. A, titolo VII, §721(r), 18 luglio 1984, 98 Stat. 970; Pub. L. 99–514, titolo XVIII, §1879 (m)(1)(B), 22 ottobre 1986, 100 Stat. 2910; Pub. L. 104–188, titolo I, §1309(a)(2)–(c), 20 agosto 1996 , 110 Stat. 1783; Pub. L. 110–28, titolo VIII, §8232(b), 25 maggio 2007, 121 Stat. 197; Pub. L. 115–141, div. U, titolo IV, §401 (a)(193), 23 marzo 2018, 132 Stat. 1193.)

 

Note editoriali

Modifiche

2018 —Sottosez. (f)(2). Pub. L. 115–141 ha sostituito “è incluso” con “in incluso”.

2007 —Sottosez. (F). Pub. L. 110–28 ha aggiunto il comma. (F).

1996 —Sottosez. (D). Pub. L. 104–188, §1309(a)(2), inserito alla fine “In caso di distribuzione effettuata durante qualsiasi anno fiscale, la base rettificata delle azioni sarà determinata tenendo conto degli aggiustamenti previsti nel paragrafo (1 ) della sezione 1367(a) per l’anno fiscale.”

Sottosez. (e)(1)(A). Pub. L. 104–188, §1309(c), sostituito “come altrimenti previsto in questo paragrafo” con “come previsto nel sottoparagrafo (B)” e “sezione 1367(a)(2)” con “sezione 1367(b)( 2)(A)”.

Sottosez. (e)(1)(C). Pub. L. 104–188, §1309(b), aggiunto sottopar. (C).

1986 —Sottosez. (e)(1)(A). Pub. L. 99–514 ha inserito “e non sarà effettuato alcun aggiustamento per le imposte federali attribuibili a qualsiasi anno fiscale in cui la società era una società C” prima della fine del periodo.

1984 —Sottosez. (C). Pub. L. 98–369, §721(r)(2), inserito “Salvo quanto previsto dalla normativa, se le distribuzioni durante l’anno fiscale superano l’importo nel conto rettificativo accumulato alla chiusura dell’anno fiscale, ai fini di questa sottosezione, il saldo di tale conto sarà ripartito tra tali distribuzioni in proporzione alle loro rispettive dimensioni.”

Sottosez. (e)(1)(A). Pub. L. 98–369, §721(r)(1), sostituito “(tranne che non verrà effettuato alcun aggiustamento per il reddito (e le spese correlate) che è esente da imposta ai sensi del presente titolo e la frase ‘(ma non inferiore a zero) ‘ sarà ignorato nella sezione 1367(b)(2)(A))” per “(tranne che non verrà effettuato alcun aggiustamento per il reddito esente da imposta ai sensi del presente titolo e nessun aggiustamento sarà effettuato per qualsiasi spesa non deducibile in calcolo del reddito imponibile della società e non propriamente imputabile in conto capitale)”.

1983 —Sottosez. (e)(3). Pub. L. 97–448 ha aggiunto il par. (3).

 

Note statutarie e società controllate correlate

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 2007

Emendamento del Pub. L. 110–28 applicabile agli anni imponibili che iniziano dopo il 31 dicembre 2006, con regola speciale per il trattamento come seconda classe di azioni, vedere la sezione 8232 (c) della Pub. L. 110–28, riportato come nota nella sezione 1361 di questo titolo.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1996

Emendamento del Pub. L. 104–188 applicabile agli anni imponibili che iniziano dopo il 31 dicembre 1996, vedere la sezione 1317 (a) della Pub. L. 104–188, riportato come nota nella sezione 641 di questo titolo.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1986

Emendamento del Pub. L. 99–514 applicabile agli anni imponibili che iniziano dopo il 31 dicembre 1982, vedere la sezione 1879(m)(2) della Pub. L. 99–514, riportato come nota nella sezione 1361 di questo titolo.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1984

Emendamento del Pub. L. 98–369 in vigore come se incluso nel Sottocapitolo S Revision Act del 1982, Pub. L. 97–354, vedere la sezione 721(y)(1) della Pub. L. 98–369, riportato come nota nella sezione 1361 di questo titolo.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1983

Pub. L. 97–448, titolo III, §311(c)(4), 12 gennaio 1983, 96 Stat. 2411, prevedeva che: “Le modifiche apportate dal comma d) dell’articolo 305 [che modifica il presente articolo e gli articoli 221, 1374 e 4975 del presente titolo, recante disposizioni di cui all’articolo 1361 del presente titolo, e modificative delle disposizioni indicato come nota nella sezione 1361 del presente titolo] entrerà in vigore alla data di promulgazione del Sottocapitolo S Revision Act del 1982 [19 ottobre 1982].”

Data effettiva

Sezione applicabile agli anni fiscali che iniziano dopo il 31 dicembre 1982, vedere la sezione 6(a) della Pub. L. 97–354, riportato come nota nella sezione 1361 di questo titolo.

Modifiche del piano non necessarie fino al 1 gennaio 1989

Per le disposizioni che stabiliscono che, in caso di modifiche apportate dal sottotitolo A o dal sottotitolo C del titolo XI [§§1101–1147 e 1171–1177] o del titolo XVIII [§§1800–1899A] della Pub. L. 99–514 richiedono una modifica a qualsiasi piano, tale modifica del piano non dovrà essere apportata prima del primo anno del piano che inizia a partire dal 1 gennaio 1989, vedere la sezione 1140 della Pub. L. 99–514, come modificato, riportato come nota nella sezione 401 di questo titolo.

PARTE III – REGOLE PARTICOLARI

Sez.
1371.
Coordinamento con il sottocapitolo C.
1372.
Regole di partenariato da applicare ai fini dei indennità accessorie.
1373.
Reddito estero.
1374.
Tassa imposta su alcuni guadagni incorporati.
1375.
Imposta imposta quando il reddito da investimenti passivi di una società che ha accumulato utili e profitti supera il 25% delle entrate lorde.

 

Note editoriali

Modifiche

1996 — Pub. L. 104–188, titolo I, §1311(b)(2)(D), 20 agosto 1996, 110 Stat. 1784, sostituito “cumulato” al “sottocapitolo C” alla voce 1375.

1986 — Pub. L. 99–514, titolo VI, §632(d), 22 ottobre 1986, 100 Stat. 2277, sostituito “da incasso” con “capitale” alla voce 1374.

§1371. Coordinamento con il sottocapitolo C

(a) Applicazione delle norme del sottocapitolo C

Salvo quanto diversamente previsto nel presente titolo, e salvo nella misura incompatibile con questo sottocapitolo, il sottocapitolo C si applica a una società S e ai suoi azionisti.

(b) Nessun riporto tra l’anno C e l’anno S

(1) Dall’anno C all’anno S

Nessun riporto, né riporto, derivante da un anno fiscale per il quale una società è una società C può essere riportato a un anno fiscale per il quale tale società è una società S.

(2) Nessun riporto dall’anno S

Nessun riporto né riporto potrà verificarsi a livello societario per un anno fiscale per il quale una società è una società S.

(3) Trattamento dell’anno S come anno trascorso

Nulla nei paragrafi (1) e (2) impedisce di considerare un anno fiscale per il quale una società è una società S come un anno fiscale ai fini della determinazione del numero di anni fiscali a cui un elemento può essere riportato indietro o riportato in avanti.

(c) Utili e profitti

(1) In generale

Ad eccezione di quanto previsto nei paragrafi (2) e (3) e nella sottosezione (d)(3), non verrà apportato alcun aggiustamento agli utili e ai profitti di una società S.

(2) Rettifiche per rimborsi, liquidazioni, riorganizzazioni, scissioni, ecc.

Nel caso di qualsiasi transazione che comporti l’applicazione del sottocapitolo C a qualsiasi società S, sarà effettuato un adeguato adeguamento degli utili e dei profitti accumulati della società.

(3) Rettifiche in caso di distribuzioni trattate come dividendi ai sensi della sezione 1368(c)(2)

Il paragrafo (1) non si applica rispetto a quella parte di una distribuzione trattata come dividendo ai sensi della sezione 1368(c)(2).

(d) Coordinamento con il recupero dei crediti di investimento

(1) Nessuna riconquista a causa dell’elezione

Qualsiasi elezione ai sensi della sezione 1362 sarà trattata come un semplice cambiamento nella forma di conduzione di un’attività commerciale o aziendale ai fini della seconda frase della sezione 50(a)(4).

(2) La società continua a essere responsabile

Nonostante un’elezione ai sensi della sezione 1362, una società S continuerà ad essere responsabile di qualsiasi aumento dell’imposta ai sensi della sezione 49(b) o 50(a) attribuibile a crediti concessi per anni fiscali per i quali tale società non era una società S.

(3) Adeguamento degli utili e dei profitti per l’importo della riconquista

Il paragrafo (1) della sottosezione (c) non si applica a qualsiasi aumento dell’imposta ai sensi della sezione 49(b) o 50(a) per il quale la società S è responsabile.

(e) Distribuzioni di contanti durante il periodo di transizione successivo alla risoluzione

(1) In generale

Qualsiasi distribuzione di denaro da parte di una società in relazione alle sue azioni durante un periodo di transizione successivo alla cessazione sarà applicata e ridurrà la base rettificata delle azioni, nella misura in cui l’importo della distribuzione non superi il conto delle rettifiche accumulate (entro il significato della sezione 1368(e)).

(2) Scelta di distribuire prima gli utili

Una società S può scegliere di non applicare il paragrafo (1) a tutte le distribuzioni effettuate durante un periodo di transizione successivo alla cessazione descritto nella sezione 1377(b)(1)(A). Tale scelta non sarà effettiva a meno che tutti gli azionisti della S Corporation a cui vengono effettuate le distribuzioni da parte della S Corporation durante tale periodo di transizione successivo alla cessazione del contratto acconsentano a tale scelta.

(f) Distribuzioni di contanti dopo il periodo di transizione successivo alla risoluzione

Nel caso di una distribuzione di denaro da parte di una società S idonea cessata (come definita nella sezione 481(d)) dopo il periodo di transizione successivo alla risoluzione, il conto di rettifica accumulato sarà assegnato a tale distribuzione e la distribuzione sarà a carico di utili e profitti accumulati, nella stessa proporzione in cui l’importo di tale conto rettificativo accumulato incide sull’importo di tali utili e profitti accumulati.

(Aggiunto Pub. L. 97–354, §2, 19 ottobre 1982, 96 Stat. 1681; modificato Pub. L. 98–369, div. A, titolo VII, §721(e), (o), (x)(3), 18 luglio 1984, 98 Stat. 967, 970, 971; Pub. L. 99–514, titolo XVIII, §1899A(33), (34), 22 ottobre 1986, 100 Stat 2960; Pub. L. 101–508, titolo XI, §11813(b)(23), 5 novembre 1990, 104 Stat. 1388–555; Pub. L. 104–188, titolo I, §1310, 20 agosto 1996, 110 Stat. 1784; Pub. L. 115–97, titolo I, §13543(b), 22 dicembre 2017, 131 Stat. 2155.)

 

Note editoriali

Disposizioni precedenti

Una precedente sezione 1371, aggiungeva Pub. L. 85–866, titolo I, §64(a), 2 settembre 1958, 72 Stat. 1650; Pubblico modificato. L. 86–376, §2(a), 23 settembre 1959, 73 Stat. 699; Pub. L. 88–272, titolo II, §233(a), 26 febbraio 1964, 78 Stat. 112; Pub. L. 94–455, titolo IX, §902(a)(1), (2), (c)(1), (2), 4 ottobre 1976, 90 Stat. 1608, 1609; Pub. L. 95–600, titolo III, §§341, 342, titolo VII, §701(y)(1), 6 novembre 1978, 92 Stat. 2843, 2921; Pub. L. 96–589, §5(d), 24 dicembre 1980, 94 Stat. 3406; Pub. L. 97–34, titolo II, §§233(a), 234(a), (b), 13 agosto 1981, 95 Stat. 250, 251; Pub. L. 97–448, titolo I, §102(i)(1), 12 gennaio 1983, 96 Stat. 2372, relativo alle definizioni applicabili all’elezione della qualità di imponibile delle piccole imprese, prima della revisione generale del presente sottocapitolo da parte dell’art. 2 della Pub. L.97–354.

Modifiche

2017 —Sottosez. (F). Pub. L. 115–97 ha aggiunto il comma. (F).

1996 —Sottosez. (UN). Pub. L. 104–188 ha rievocato il titolo senza modifiche e ha modificato il testo in generale. Prima della modifica il testo recitava come segue:

“(1)Generalmente.—Salvo quanto diversamente previsto nel presente titolo, e salvo nella misura incompatibile con questo sottocapitolo, il sottocapitolo C si applica a una società S e ai suoi azionisti.

“(2)Ssocietà in quanto azionista trattata come individuo.—Ai fini del sottocapitolo C, una società S nella sua qualità di azionista di un’altra società sarà trattata come un individuo.”

1990 —Sottosez. (d)(1). Pub. L. 101–508, §11813(b)(23)(A), ha sostituito la “sezione 50(a)(4)” con la “sezione 47(b)”.

Sottosez. (d)(2), (3). Pub. L. 101–508, §11813(b)(23)(B), ha sostituito “sezione 49(b) o 50(a)” con “sezione 47”.

1986 —Sottosez. (e)(1). Pub. L. 99–514, §1899A(33), inserito “(ai sensi della sezione 1368(e))”.

Sottosez. (e)(2). Pub. L. 99–514, §1899A(34), cancellato “(ai sensi della sezione 1368(e))” dopo “a tale elezione”.

1984 —Sottosez. (c)(1). Pub. L. 98–369, §621(e)(2), ha sostituito “paragrafi (2) e (3) e sottosezione (d)(3)” con “paragrafi (2) e (3)”.

Sottosez. (d)(3). Pub. L. 98–369, §721(e)(1), aggiunto par. (3).

Sottosez. (e). Pub. L. 98–369, §721(o), modificato sottosezione. (e) in generale, designare le disposizioni esistenti come par. (1) e aggiungendo il par. (2).

Sottosez. (e)(2). Pub. L. 98–369, §721(x)(3), inserito “(ai sensi della sezione 1368(e))”.

 

Note statutarie e società controllate correlate

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1996

Emendamento del Pub. L. 104–188 applicabile agli anni imponibili che iniziano dopo il 31 dicembre 1996, vedere la sezione 1317 (a) della Pub. L. 104–188, riportato come nota nella sezione 641 di questo titolo.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1990

Emendamento del Pub. L. 101–508 applicabile alle proprietà messe in servizio dopo il 31 dicembre 1990, ma non applicabile a qualsiasi proprietà di transizione (come definita nella sezione 49 (e) di questo titolo), qualsiasi proprietà rispetto alla quale erano state precedentemente spese di progresso qualificate prese in considerazione ai sensi della sezione 46(d) di questo titolo e qualsiasi proprietà descritta nella sezione 46(b)(2)(C) di questo titolo, poiché tali sezioni erano in vigore il 4 novembre 1990, vedere la sezione 11813( c) del Pub. L. 101–508, riportato come nota nella sezione 45K di questo titolo.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1984

Emendamento del Pub. L. 98–369 in vigore come se incluso nel Sottocapitolo S Revision Act del 1982, Pub. L. 97–354, vedere la sezione 721(y)(1) della Pub. L. 98–369, riportato come nota nella sezione 1361 di questo titolo.

Data effettiva

Sezione applicabile agli anni fiscali che iniziano dopo il 31 dicembre 1982, vedere la sezione 6(a) della Pub. L. 97–354, riportato come nota nella sezione 1361 di questo titolo.

Provvedimento di risparmio

Per le disposizioni che nulla hanno modificato dal Pub. L. 101–508 può essere interpretato in modo da influenzare il trattamento di determinate transazioni avvenute, proprietà acquisite o elementi di reddito, perdita, detrazione o credito presi in considerazione prima del 5 novembre 1990, ai fini della determinazione della responsabilità fiscale per gli esercizi che terminano dopo il 5 novembre 1990, vedere la sezione 11821(b) della Pub. L. 101–508, riportato come nota nella sezione 45K di questo titolo.

Modifiche del piano non necessarie fino al 1 gennaio 1989

Per le disposizioni che stabiliscono che, in caso di modifiche apportate dal sottotitolo A o dal sottotitolo C del titolo XI [§§1101–1147 e 1171–1177] o del titolo XVIII [§§1800–1899A] della Pub. L. 99–514 richiedono una modifica a qualsiasi piano, tale modifica del piano non dovrà essere apportata prima del primo anno del piano che inizia a partire dal 1 gennaio 1989, vedere la sezione 1140 della Pub. L. 99–514, come modificato, riportato come nota nella sezione 401 di questo titolo.

§1372. Regole di partenariato da applicare ai fini dei indennità accessorie

(a) Regola generale

Ai fini dell’applicazione delle disposizioni del presente sottotitolo relative ai benefici accessori per i dipendenti:

(1) la società S sarà trattata come una società di persone, e

(2) qualsiasi azionista pari al 2% della società S sarà trattato come un partner di tale partnership.

(b) Azionista definito al 2%.

Ai fini di questa sezione, il termine “azionista del 2%” indica qualsiasi persona che possiede (o è considerata proprietaria ai sensi della sezione 318) in qualsiasi giorno durante l’anno fiscale della società S più del 2% delle azioni circolanti azioni di tale società o azioni che detengono più del 2% del totale dei diritti di voto combinati di tutte le azioni di tale società.

(Aggiunto Pub. L. 97–354, §2, 19 ottobre 1982, 96 Stat. 1682.)

 

Note editoriali

Disposizioni precedenti

Una precedente sezione 1372, aggiungeva Pub. L. 85–866, titolo I, §64(a), 2 settembre 1958, 72 Stat. 1650; Pubblico modificato. L. 87–29, §2, 4 maggio 1961, 75 Stat. 64; Pub. L. 89–389, §§2(b)(2), 3(a), 14 aprile 1966, 80 Stat. 114; Pub. L. 91–683, §1(a), 12 gennaio 1971, 84 Stat. 2067; Pub. L. 94–455, titolo IX, §902(c)(3), titolo XIX, §§1901(a)(149), 1906(b)(13)(A), 4 ottobre 1976, 90 Stat . 1609, 1788, 1834; Pub. L. 95–600, titolo III, §343, 6 novembre 1978, 92 Stat. 2843; Pub. L. 95–628, §5(a), (b), 10 novembre 1978, 92 Stat. 3628, relativo alle modalità, all’effetto, alla cessazione, ecc., dell’elezione a non essere soggetto alle imposte imposte ai sensi del presente capitolo, prima della revisione generale di questo sottocapitolo da parte della sezione 2 della Pub. L.97–354.

 

Note statutarie e società controllate correlate

Data effettiva

Sezione applicabile agli anni fiscali che iniziano dopo il 31 dicembre 1982, tranne che nel caso di un anno fiscale che inizia nel 1982, si applicano le sezioni 1362(d)(3), 1366(f)(3) e 1375 di questo titolo e sottosez. (e)(5) di questa sezione in vigore il giorno prima del 19 ottobre 1982, non si applica, vedere la sezione 6(a), (b)(3), della Pub. L. 97–354, riportato come nota nella sezione 1361 di questo titolo. Per ulteriori disposizioni relative al trattamento dei piani di benefici accessori esistenti e all’applicazione di questa sezione, vedere la sezione 6(d) della Pub. L. 97–354, riportato come nota nella sezione 1361 di questo titolo.

§1373. Reddito estero

(a) Società per azioni trattata come società di persone, ecc.

Ai fini delle sottoparti A e F della parte III e della parte V del sottocapitolo N (relativo ai redditi provenienti da fonti esterne agli Stati Uniti):

(1) una società S sarà trattata come una società di persone, e

(2) gli azionisti di tale società saranno trattati come soci di tale partnership.

(b) Recupero delle perdite estere complessive

Ai fini della sezione 904(f) (relativa al recupero delle perdite estere complessive), l’effettuazione o la cessazione di un’elezione per essere trattata come una società S sarà trattata come una cessione dell’attività.

(Aggiunto Pub. L. 97–354, §2, 19 ottobre 1982, 96 Stat. 1682.)

 

Note editoriali

Disposizioni precedenti

Una precedente sezione 1373, aggiungeva Pub. L. 85–866, titolo I, §64(a), 2 settembre 1958, 72 Stat. 1652; Pubblico modificato. L. 89–389, §2(b)(3), 14 aprile 1966, 80 Stat. 114; Pub. L. 91–172, titolo III, §301(b)(10), 30 dicembre 1969, 83 Stat. 586, relativo alla tassazione del reddito imponibile delle società non distribuito ai soci, prima della revisione generale di questo sottocapitolo da parte della sezione 2 della Pub. L.97–354.

 

Note statutarie e società controllate correlate

Data effettiva

Sezione applicabile agli anni fiscali che iniziano dopo il 31 dicembre 1982, vedere la sezione 6(a) della Pub. L. 97–354, riportato come nota nella sezione 1361 di questo titolo.

§1374. Tassa imposta su alcuni guadagni incorporati

(a) Regola generale

Se per qualsiasi anno fiscale che inizia nel periodo di riconoscimento una società S ha un utile netto riconosciuto, viene imposta un’imposta (calcolata ai sensi della sottosezione (b)) sul reddito di tale società per tale anno fiscale.

(b) Importo dell’imposta

(1) In generale

L’importo dell’imposta imposta dalla sottosezione (a) sarà calcolato applicando l’aliquota fiscale più elevata specificata nella sezione 11(b) al guadagno netto riconosciuto della società S per l’anno fiscale.

(2) Perdite operative nette riportabili dagli anni C consentite

Nonostante la sezione 1371(b)(1), qualsiasi perdita operativa netta riportata a nuovo derivante in un anno fiscale per il quale la società era una società C sarà consentita ai fini di questa sezione come detrazione a fronte del guadagno netto netto riconosciuto della S società per l’anno fiscale. Ai fini della determinazione dell’importo di tali perdite che possono essere riportate negli anni imponibili successivi, l’importo dell’utile netto netto riconosciuto sarà trattato come reddito imponibile. Regole simili a quelle delle frasi precedenti di questo paragrafo si applicano nel caso di riporto di una perdita di capitale avvenuta in un anno fiscale per il quale la società era una società C.

(3) Crediti

(A) In generale

Fatto salvo quanto previsto nel sottoparagrafo (B), nessun credito sarà consentito ai sensi della parte IV del sottocapitolo A di questo capitolo (eccetto quello previsto dalla sezione 34) contro l’imposta imposta dal sottosezione (a).

(B)  1 Ammessi riporti di crediti aziendali da anni C

Nonostante la sezione 1371(b)(1), qualsiasi credito d’impresa riportato ai sensi della sezione 39 derivante da un anno fiscale per il quale la società era una società C sarà concesso come credito contro l’imposta imposta dalla sottosezione (a) allo stesso modo di se fosse imposto dalla sezione 11. Una regola simile si applica nel caso del credito d’imposta minimo ai sensi della sezione 53 nella misura attribuibile agli anni fiscali per i quali la società era una società C.

(c) Limitazioni

(1) Società che sono sempre state società S

La sottosezione (a) non si applica a qualsiasi società se un’elezione ai sensi della sezione 1362(a) è stata in vigore rispetto a tale società per ciascuno dei suoi anni fiscali. Fatto salvo quanto previsto dai regolamenti, una società S e qualsiasi società predecessore saranno trattate come 1 società ai fini della frase precedente.

(2) Limitazione sull’importo del guadagno netto riconosciuto

L’importo del guadagno netto riconosciuto preso in considerazione ai sensi della presente sezione per qualsiasi anno fiscale non deve superare l’eccesso (se presente) di:

(A) il guadagno netto incorporato non realizzato, finito

(B) l’utile netto netto riconosciuto per gli anni fiscali precedenti che iniziano nel periodo di rilevazione.

(d) Definizioni e regole speciali

Ai fini di questa sezione:

(1) Guadagno incorporato netto non realizzato

Il termine “utile netto netto non realizzato” indica l’importo (se presente) con il quale:

(A) il valore equo di mercato delle attività della società S all’inizio del suo primo anno fiscale per il quale è in vigore un’elezione ai sensi della sezione 1362 (a), supera

(B) le basi rettificate aggregate di tali attività in quel momento.

(2) Guadagno integrato netto riconosciuto

(A) In generale

Il termine “utile netto riconosciuto” indica, rispetto a qualsiasi anno fiscale nel periodo di riconoscimento, il minore tra:

(i) l’importo che costituirebbe il reddito imponibile della società S per tale anno fiscale se fossero presi in considerazione solo gli utili incorporati riconosciuti e le perdite integrate riconosciute, o

(ii) il reddito imponibile di tale società per tale anno fiscale (determinato come previsto nella sezione 1375(b)(1)(B)).

(B) Riporto

Se, per qualsiasi anno fiscale descritto nel sottoparagrafo (A), l’importo di cui alla clausola (i) del sottoparagrafo (A) supera l’importo di cui alla clausola (ii) del sottoparagrafo (A), tale eccedenza sarà trattata come un utile incorporato riconosciuto nell’anno fiscale successivo.

(3) Guadagno integrato riconosciuto

Il termine “utile incorporato riconosciuto” indica qualsiasi utile riconosciuto durante il periodo di rilevazione sulla cessione di qualsiasi attività, tranne nella misura in cui la società S stabilisce che:

(A) tale attività non era detenuta dalla società S all’inizio del primo anno fiscale per il quale era una società S, o

(B) tale guadagno supera l’eccesso (se presente) di:

(i) il valore equo di mercato di tale attività all’inizio di tale primo anno fiscale

(ii) la base rettificata dell’attività in quel momento.

(4) Perdite integrate riconosciute

Il termine “perdita incorporata riconosciuta” indica qualsiasi perdita rilevata durante il periodo di rilevazione sulla cessione di qualsiasi attività nella misura in cui la società S stabilisce che:

(A) tale attività era detenuta dalla società S all’inizio del primo anno fiscale di cui al paragrafo (3), e

(B) tale perdita non supera l’eccedenza di:

(i) la base rettificata di tale attività a partire dall’inizio di tale primo anno fiscale

(ii) il valore equo di mercato di tale attività in quel momento.

(5) Trattamento di alcuni elementi integrati

(A) Voci di reddito

Qualsiasi elemento di reddito adeguatamente preso in considerazione durante il periodo di riconoscimento ma che è attribuibile a periodi precedenti al primo anno fiscale per il quale la società era una società S deve essere trattato come un utile incorporato riconosciuto per l’anno fiscale in cui è viene adeguatamente presa in considerazione.

(B) Voci di detrazione

Qualsiasi importo ammissibile come detrazione durante il periodo di riconoscimento (determinato senza tener conto di eventuali riporti) ma che è attribuibile a periodi precedenti al primo anno fiscale di cui alla lettera (A) deve essere trattato come una perdita incorporata riconosciuta per il anno d’imposta per il quale è ammissibile la detrazione.

(C) Rettifica dell’utile netto netto non realizzato

L’importo degli utili incorporati netti non realizzati deve essere adeguatamente adeguato per gli importi che sarebbero trattati come utili o perdite incorporati riconosciuti ai sensi del presente paragrafo se tali importi fossero adeguatamente presi in considerazione (o ammissibili come detrazione) durante il periodo di riconoscimento .

(6) Trattamento di determinati beni

Se la base rettificata di qualsiasi attività è determinata (in tutto o in parte) con riferimento alla base rettificata di qualsiasi altra attività detenuta dalla società S all’inizio del primo anno fiscale di cui al paragrafo (3):

(A) tale attività sarà trattata come posseduta dalla società S a partire dall’inizio di tale primo anno fiscale, e

(B) qualsiasi determinazione ai sensi del paragrafo (3)(B) o (4)(B) in relazione a tale attività dovrà essere effettuata facendo riferimento al valore equo di mercato e alla base rettificata di tale altra attività a partire dall’inizio di tale primo imponibile anno.

(7) Periodo di riconoscimento

(A) In generale

Con il termine “periodo di riconoscimento” si intende il periodo di 5 anni a partire dal 1° giorno del 1° anno fiscale per il quale la società era una società S. Ai fini dell’applicazione della presente sezione a qualsiasi importo includebile nel reddito a causa delle distribuzioni agli azionisti ai sensi della sezione 593(e), la frase precedente sarà applicata senza riguardo alla frase “5 anni”.

(B) Vendite rateali

Se una società S vende un bene e dichiara il reddito derivante dalla vendita utilizzando il metodo rateale ai sensi della sezione 453, il trattamento di tutti i pagamenti ricevuti sarà regolato dalle disposizioni di questo paragrafo applicabili all’anno fiscale in cui è stata effettuata tale vendita.

(8) Trattamento del trasferimento di beni dalla società C alla società S

(A) In generale

Fatta eccezione per quanto previsto dalle normative, se:

(i) una società S acquisisce qualsiasi attività, e

(ii) la base della società S in tale attività è determinata (in tutto o in parte) con riferimento alla base di tale attività (o qualsiasi altra proprietà) nelle mani di una società C,

 

allora viene imposta un’imposta su qualsiasi plusvalenza netta riconosciuta attribuibile a tali attività per qualsiasi anno fiscale che inizia nel periodo di rilevazione. L’importo di tale imposta sarà determinato in base alle regole di questa sezione come modificata dal sottoparagrafo (B).

(B) Modifiche

Ai fini del presente paragrafo, le modifiche del presente sottoparagrafo sono le seguenti:

(i) In generale

I paragrafi precedenti del presente comma si applicano tenendo conto del giorno in cui i beni sono stati acquisiti dalla società S in luogo dell’inizio del primo anno fiscale per il quale la società era una società S.

(ii) La sottosezione (c)(1) non si applica

La sottosezione (c)(1) non si applica.

(9) Riferimento al 1° anno d’imposta

Qualsiasi riferimento in questa sezione al primo anno fiscale per il quale la società era una società S sarà trattato come un riferimento al primo anno fiscale per il quale la società era una società S ai sensi della sua più recente elezione ai sensi della sezione 1362.

(e) Regolamenti

Il Segretario prescriverà le norme che potrebbero essere necessarie per realizzare gli scopi di questa sezione, comprese le norme che prevedono il trattamento appropriato delle società successore.

4020; Pub. L. 114–113, div. Q, titolo I, §127(a), 18 dicembre 2015, 129 Stat. 3054; Pub. L. 115–97, titolo I, §§12002(c), 13001(b)(2)(N), 22 dicembre 2017, 131 Stat. 2095, 2097; Pub. L. 115–141, div. U, titolo IV, §401(b)(33), 23 marzo 2018, 132 Stat. 1204.)

Modifica della sottosezione (b)(3)(B)

Pub. L. 115–97, titolo I, §12002(c), (d), 22 dicembre 2017, 131 Stat. 2095, ha modificato il comma (b)(3)(B) della presente sezione, applicabile agli anni fiscali che iniziano dopo il 31 dicembre 2021. Dopo la modifica, il comma (b)(3)(B) recita come segue:

(B) Ammessi riporti di crediti aziendali da anni C

Nonostante la sezione 1371(b)(1), qualsiasi credito d’impresa riportato ai sensi della sezione 39 derivante da un anno fiscale per il quale la società era una società C sarà concesso come credito contro l’imposta imposta dalla sottosezione (a) allo stesso modo di se fosse imposto dalla sezione 11.

Vedere la nota di modifica del 2017 di seguito.

 

Note editoriali

Disposizioni precedenti

Una precedente sezione 1374, aggiungeva Pub. L. 85–866, titolo I, §64(a), 2 settembre 1958, 72 Stat. 1653; Pubblico modificato. L. 86–376, §2(b), 23 settembre 1959, 73 Stat. 699; Pub. L. 94–455, titolo XIX, §1901(a)(150), 4 ottobre 1976, 90 Stat. 1788, relativo all’indennità agli azionisti della perdita operativa netta della società, prima della revisione generale di questo sottocapitolo da parte della sezione 2 della Pub. L.97–354.

Modifiche

2018 —Sottosez. (d)(2)(B). Pub. L. 115–141 cancellato alla fine “La frase precedente si applica solo nel caso di una società trattata come società S a causa di un’elezione effettuata a partire dal 31 marzo 1988.”

2017 —Sottosez. (b)(3)(B). Pub. L. 115–97, §12002(c), cancellato alla fine “Una regola simile si applica nel caso del credito d’imposta minimo ai sensi della sezione 53 nella misura attribuibile agli anni fiscali per i quali la società era una società C.”

Sottosez. (b)(4). Pub. L. 115–97, §13001(b)(2)(N), par. cancellato. (4). Il testo recita come segue: “Ai fini della sezione 1201(a)—

“(A) l’imposta imposta dalla sottosezione (a) sarà trattata come se fosse imposta dalla sezione 11, e

“(B) l’importo dell’utile netto netto riconosciuto sarà trattato come reddito imponibile.”

2015 —Sottosez. (d)(7). Pub. L. 114–113 ha modificato il par. (7) in generale. Prima della modifica, par. (7) periodo di riconoscimento definito, con regole speciali per determinati anni e per le distribuzioni agli azionisti.

2014 —Sottosez. (d)(7)(C). Pub. L. 113–295 ha sostituito “2012, 2013 e 2014” con “2012 e 2013” nell’intestazione e “2012, 2013 o 2014” con “2012 o 2013” nel testo.

2013 —Sottosez. (d)(2)(B). Pub. L. 112–240, §326(b), inserito “descritto nel sottoparagrafo (A)” dopo “per qualsiasi anno fiscale”.

Sottosez. (d)(7)(C), (D). Pub. L. 112–240, §326(a)(1), (2), aggiunto sottopar. (C) e ridenominato il precedente comma. (C) come (D).

Sottosez. (d)(7)(E). Pub. L. 112–240, §326(a)(3), aggiunto sottopar. (E).

2010 —Sottosez. (d)(7)(B). Pub. L. 111–240 modificato il comma. (B) in generale. Prima della modifica, il testo recitava come segue: “Nel caso di qualsiasi anno fiscale che inizia nel 2009 o 2010, nessuna imposta sarà imposta sul guadagno netto riconosciuto di una società S se il 7° anno fiscale nel periodo di riconoscimento ha preceduto tale anno imponibile. La frase precedente si applica separatamente rispetto a qualsiasi bene a cui si applica il paragrafo (8).”

2009 —Sottosez. (d)(7). Pub. L. 111–5 ha modificato il par. (7) in generale. Prima della modifica, il testo recitava come segue: “Il termine ‘periodo di riconoscimento’ indica il periodo di 10 anni a partire dal 1° giorno del 1° anno fiscale per il quale la società era una società S. Ai fini dell’applicazione di questa sezione a qualsiasi importo computabile nel reddito ai sensi dell’articolo 593(e), la frase precedente si applica indipendentemente dalla frase “10 anni”.”

1997 —Sottosez. (d)(7). Pub. L. 105–34 inserito alla fine “Ai fini dell’applicazione di questa sezione a qualsiasi importo computabile nel reddito ai sensi della sezione 593(e), la frase precedente deve essere applicata indipendentemente dalla frase ’10 anni’.”

1989 —Sottosez. (b)(3)(B). Pub. L. 101–239, §7811(c)(8), inserito alla fine “Una regola simile si applica nel caso del credito d’imposta minimo ai sensi della sezione 53 nella misura attribuibile agli anni fiscali per i quali la società era una società C .”

Sottosez. (d)(2)(A)(i). Pub. L. 101–239, §7811(c)(4), cancellato “(eccetto quanto previsto nella sottosezione (b)(2))” dopo “anno fiscale se”.

Sottosez. (d)(5)(B). Pub. L. 101–239, §7811(c)(5)(B)(i), inserito “(determinato senza riguardo ad alcun riporto)” dopo “durante il periodo di riconoscimento”.

Sottosez. (d)(5)(C). Pub. L. 101–239, §7811(c)(5)(B)(ii), sostituito “che verrebbero trattati come utili o perdite incorporati riconosciuti ai sensi del presente paragrafo se tali importi fossero adeguatamente presi in considerazione (o ammissibili come una deduzione) durante il periodo di rilevazione” per “trattati come utili o perdite incorporati riconosciuti ai sensi del presente paragrafo”.

1988 —Sottosez. (UN). Pub. L. 100–647, §1006(f)(1), inserito “netto” prima di “riconosciuto”.

Sottosez. (b)(1). Pub. L. 100–647, §1006(f)(2), aggiunto par. (1) e cancellato il precedente par. (1) che recita come segue: “L’imposta imposta dalla sottosezione (a) sarà un’imposta calcolata applicando l’aliquota fiscale più elevata specificata nella sezione 11(b) al minore tra:

“(A) gli utili incorporati riconosciuti della società S per l’anno fiscale, o

“(B) l’importo che costituirebbe il reddito imponibile della società per tale anno fiscale se tale società non fosse una società S.”

Sottosez. (b)(2). Pub. L. 100–647, §1006(f)(2), aggiunto par. (2) e cancellato il precedente par. (2) che recita come segue: “In deroga alla sezione 1371(b)(1), qualsiasi perdita operativa netta riportata a nuovo derivante in un anno fiscale per il quale la società era una società C sarà autorizzata a detrarre il minore degli importi indicati al comma (A) o (B) del paragrafo (1).Ai fini della determinazione dell’importo di tale perdita che può essere riportata negli anni imponibili successivi, il minore tra gli importi di cui al comma (A) o (B) ) del comma (1) sono considerati reddito imponibile.”

Sottosez. (b)(4)(B). Pub. L. 100–647, §1006(f)(3), modificato sottopar. (B) in generale. Prima della modifica, par. (B) recitano come segue: “È considerato reddito imponibile il minore tra gli importi indicati nelle lettere (A) e (B) del paragrafo (1).”

Sottosez. (c)(2). Pub. L. 100–647, §1006(f)(4), che ha diretto la modifica del par. (2) sostituendo “utile integrato netto riconosciuto” con “utile integrato riconosciuto” ovunque appaia, è stato eseguito effettuando la sostituzione nell’intestazione, nelle disposizioni introduttive e nel sottopar. (B), per riflettere il probabile intento del Congresso.

Sottosez. (d) da (2) a (9). Pub. L. 100–647, §1006(f)(5)(A), aggiunti parr. da (2) a (9) e cancellati i precedenti par. (2), (3) e (4), che si riferivano rispettivamente al guadagno incorporato riconosciuto, al periodo di riconoscimento e al reddito imponibile.

Sottosez. (e). Pub. L. 100–647, §1006(f)(5)(A), aggiunto sottosez. (e).

1986 — Pub. L. 99–514 ha modificato la sezione in generale, sostituendo le disposizioni che impongono un’imposta su determinate plusvalenze con le disposizioni che impongono un’imposta su determinate plusvalenze che avevano dichiarato in: sottosez. (a), regola generale per l’imposta sulle plusvalenze delle società S; sottosec. (b), importo dell’imposta; sottosec. (c), regola generale per quanto riguarda le eccezioni al comma. (a) al par. (1), eccezione per le nuove società di cui al par. (2), disposizioni relative agli immobili con base sostituita nel par. (3), e il trattamento di alcuni guadagni di opzioni e commercianti di materie prime nel par. (4); e sottosez. (d), determinazione del reddito imponibile delle società.

1984 —Sottosez. (B). Pub. L. 98–369, §474(r)(27), ha sostituito “articolo 34” con “articolo 39” nelle disposizioni successive al par. (2).

Sottosez. (c)(2). Pub. L. 98–369, §721(u), cancellato “(e qualsiasi società predecessore)” prima di “è esistito” nel sottopar. (A), e ha inserito una disposizione secondo la quale, nella misura prevista dalle normative, una società S e qualsiasi società predecessore saranno trattate come 1 società ai fini del presente paragrafo e del paragrafo (1).

Sottosez. (c)(4). Pub. L. 98–369, §102(d)(1), aggiunto par. (4).

1983 —Sottosez. (D). Pub. L. 97–448 ha sostituito “questa sezione” con “sottosezioni (a) (2) e (b) (2)”.

 

Note statutarie e società controllate correlate

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 2017

Modifica dalla sezione 12002 della Pub. L. 115–97 applicabile in generale agli anni fiscali che iniziano dopo il 31 dicembre 2017 e modifica della sezione 12002(c) applicabile agli anni fiscali che iniziano dopo il 31 dicembre 2021, vedere la sezione 12002(d) della Pub. L. 115–97, riportato in nota alla sezione 53 del presente titolo.

Modifica da parte della sezione 13001(b)(2)(N) della Pub. L. 115–97 applicabile agli anni imponibili che iniziano dopo il 31 dicembre 2017, vedere la sezione 13001(c)(1) della Pub. L. 115–97, riportato in nota nella sezione 11 del presente titolo.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 2015

Pub. L. 114–113, div. Q, titolo I, §127(b), 18 dicembre 2015, 129 Stat. 3054, prevedeva che: “Le modifiche apportate dal presente articolo [modifica il presente articolo] si applicano agli anni d’imposta che iniziano successivamente al 31 dicembre 2014”.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 2014

Pub. L. 113–295, div. A, titolo I, §138(b), 19 dicembre 2014, 128 Stat. 4020, prevedeva che: “Le modifiche apportate dal presente articolo [modifica il presente articolo] si applicano agli anni d’imposta che iniziano successivamente al 31 dicembre 2013”.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 2013

Pub. L. 112–240, titolo III, §326(c), 2 gennaio 2013, 126 Stat. 2334, prevedeva che: “Le modifiche apportate dal presente articolo [modifica il presente articolo] si applicano agli anni d’imposta che iniziano successivamente al 31 dicembre 2011”.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 2010

Pub. L. 111–240, titolo II, §2014(b), 27 settembre 2010, 124 Stat. 2556, prevedeva che: “La modifica apportata dal presente articolo [modifica il presente articolo] si applica agli anni d’imposta che iniziano successivamente al 31 dicembre 2010”.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 2009

Pub. L. 111–5, div. B, titolo I, §1251(b), 17 febbraio 2009, 123 Stat. 342, prevedeva che: “La modifica apportata dal presente articolo [modifica il presente articolo] si applica agli anni d’imposta che iniziano successivamente al 31 dicembre 2008”.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1997

Emendamento del Pub. L. 105–34 efficace come se incluso nelle disposizioni dello Small Business Job Protection Act del 1996, Pub. L. 104–188, a cui si riferisce, vedere la sezione 1601 (j) di Pub. L. 105–34, riportato in nota alla sezione 23 del presente titolo.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1989

Emendamento del Pub. L. 101–239 in vigore, salvo diversa disposizione, come se incluso nella disposizione del Technical and Miscellaneous Revenue Act del 1988, Pub. L. 100–647, a cui si riferisce tale modifica, vedere la sezione 7817 della Pub. L. 101–239, riportato in nota nella sezione 1 del presente titolo.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1988

Emendamento del Pub. L. 100–647 in vigore, salvo diversa disposizione, come se incluso nella disposizione del Tax Reform Act del 1986, Pub. L. 99–514, a cui si riferisce tale modifica, vedere la sezione 1019(a) della Pub. L. 100–647, riportato in nota nella sezione 1 del presente titolo.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1986

Emendamento del Pub. L. 99–514 applicabile agli anni fiscali che iniziano dopo il 31 dicembre 1986, ma solo nei casi in cui la dichiarazione per l’anno fiscale viene presentata in seguito a una scelta S effettuata dopo il 31 dicembre 1986 e con la disposizione che, in caso di qualsiasi anno fiscale di una società S che inizia dopo il 31 dicembre 1986 e al quale sono state apportate modifiche dalla sezione 632 (diversa dalla sottosezione (b)) della Pub. Non si applicano le L. 99–514, comm. (b)(1) di questa sezione (come in vigore alla data prima del 22 ottobre 1986) si applica come se recitasse come segue: “un importo pari al 34 per cento dell’importo di cui la plusvalenza netta della la società per l’anno fiscale supera $ 25.000, o”, e con altre eccezioni e norme speciali e transitorie, vedere la sezione 633 della Pub. L. 99–514, come modificato,

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1984

Modifica mediante articolo 102(d)(1) Pub. L. 98–369 applicabile alle posizioni costituite dopo il 18 luglio 1984, negli anni fiscali che terminano dopo tale data, salvo diversamente disposto, vedere la sezione 102 (f), (g) della Pub. L. 98–369 riportato come nota nella sezione 1256 di questo titolo.

Modifica mediante articolo 474(r)(27) della Pub. L. 98–369 applicabile agli anni imponibili che iniziano dopo il 31 dicembre 1983 e ai riporti da tali anni, vedere la sezione 475 (a) della Pub. L. 98–369, riportato come nota nella sezione 21 del presente titolo.

Modifica mediante la sezione 721(u) della Pub. L. 98–369 in vigore come se incluso nel Sottocapitolo S Revision Act del 1982, Pub. L. 97–354, vedere la sezione 721(y)(1) della Pub. L. 98–369, riportato come nota nella sezione 1361 di questo titolo.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1983

Emendamento del Pub. L. 97–448 in vigore dalla data di entrata in vigore del sottocapitolo S Revision Act del 1982 [ott. 19, 1982], vedere la sezione 311(c)(4) della Pub. L. 97–448, riportato come nota nella sezione 1368 di questo titolo.

Data effettiva

Sezione applicabile agli anni fiscali che iniziano dopo il 31 dicembre 1982, vedere la sezione 6(a) della Pub. L. 97–354, riportato come nota nella sezione 1361 di questo titolo.

Provvedimento di risparmio

Per le disposizioni che nulla hanno modificato dal Pub. L. 115–141 può essere interpretato in modo da influenzare il trattamento di determinate transazioni avvenute, proprietà acquisite o elementi di reddito, perdita, detrazione o credito presi in considerazione prima del 23 marzo 2018, ai fini della determinazione della responsabilità fiscale per gli esercizi che terminano dopo il 23 marzo 2018, vedere la sezione 401(e) della Pub. L. 115–141, riportato come nota nella sezione 23 del presente titolo.

1  Vedi modifica della sottosezione (b)(3)(B) nota di seguito.

§1375. Imposta imposta quando il reddito da investimenti passivi di una società che ha accumulato utili e profitti supera il 25% delle entrate lorde

(a) Regola generale

Se per l’anno fiscale una società S ha:

(1) utili e profitti accumulati alla chiusura di tale anno fiscale, e

(2) entrate lorde di cui oltre il 25% sono redditi da investimenti passivi,

 

viene quindi imposta un’imposta sul reddito di tale società per tale anno imponibile. Tale imposta sarà calcolata moltiplicando il reddito passivo netto in eccesso per l’aliquota fiscale più alta specificata nella sezione 11(b).

(b) Definizioni

Ai fini di questa sezione:

(1) Reddito passivo netto in eccesso

(A) In generale

Fatto salvo quanto previsto al comma (B), il termine “reddito passivo netto in eccesso” indica un importo che ha lo stesso rapporto con il reddito passivo netto per l’anno imponibile di:

(i) l’importo per il quale il reddito da investimenti passivi per l’anno fiscale supera il 25 per cento delle entrate lorde dell’anno fiscale, vale

(ii) i redditi da investimenti passivi per l’anno fiscale.

(B) Limitazione

L’importo del reddito passivo netto in eccesso per qualsiasi anno fiscale non dovrà superare l’importo del reddito imponibile della società per tale anno fiscale come determinato ai sensi della sezione 63(a)—

(i) indipendentemente dalle detrazioni consentite dalla parte VIII del sottocapitolo B (diverse dalla detrazione consentita dalla sezione 248, relativa alle spese di organizzazione), e

(ii) senza tener conto della detrazione ai sensi della sezione 172.

(2) Reddito passivo netto

Il termine “reddito passivo netto” significa:

(A) reddito da investimenti passivi, ridotto di

(B) le detrazioni consentite ai sensi del presente capitolo che sono direttamente connesse con la produzione di tale reddito (diverse dalle detrazioni consentite ai sensi della sezione 172 e della parte VIII del sottocapitolo B).

(3) Redditi passivi da investimenti, ecc.

I termini “reddito passivo da investimenti” e “entrate lorde” hanno rispettivamente gli stessi significati di quando utilizzati nel paragrafo (3) della sezione 1362(d).

(4) Coordinamento con l’articolo 1374

Nonostante il paragrafo (3), l’importo del reddito da investimenti passivi sarà determinato non tenendo conto di eventuali utili o perdite incorporati riconosciuti della società S per qualsiasi anno fiscale nel periodo di riconoscimento. I termini utilizzati nella frase precedente avranno gli stessi rispettivi significati di quando utilizzati nella sezione 1374.

(c) Crediti non ammessi

Nessun credito sarà consentito ai sensi della parte IV del sottocapitolo A di questo capitolo (diverso dalla sezione 34) contro l’imposta imposta dalla sottosezione (a).

(d) Esenzione dall’imposta in alcuni casi

Se la società S stabilisce con soddisfazione del Segretario che:

(1) ha stabilito in buona fede di non avere guadagni e profitti accumulati alla chiusura di un anno fiscale, e

(2) durante un periodo di tempo ragionevole dopo che è stato stabilito che aveva accumulato utili e profitti, alla chiusura di tale anno fiscale tali utili e profitti sono stati distribuiti,

 

il Segretario può rinunciare all’imposta imposta dalla sottosezione (a) per tale anno fiscale.

(Aggiunto Pub. L. 97–354, §2, 19 ottobre 1982, 96 Stat. 1684; modificato Pub. L. 98–369, div. A, titolo IV, §474(r)(28), titolo VII, §721(v), 18 luglio 1984, 98 Stat. 844, 971 Pub. L. 99–514, titolo VI, §632(c)(3), 22 ottobre 1986, 100 Stat. 2277 ; Pub. L. 100–647, titolo I, §1006(f)(5)(B)–(D), 10 novembre 1988, 102 Stat. 3406; Pub. L. 104–188, titolo I, §1311(b)(2)(A)–(C), 20 agosto 1996, 110 Stat. 1784; Pub. L. 109–135, titolo IV, §412(qq), 21 dicembre 2005, 119 Stat. 2640.)

 

Note editoriali

Disposizioni precedenti

Una precedente sezione 1375, aggiungeva Pub. L. 85–866, titolo I, §64(a), 2 settembre 1958, 72 Stat. 1654; Pubblico modificato. L. 88–272, titolo II, §§201(d)(13), 233(b), 26 febbraio 1964, 78 Stat. 32, 112; Pub. L. 89–389, §§1(a), (b), 2(b)(4), 14 aprile 1966, 80 Stat. 111, 114; Pub. L. 91–172, titolo III, §301(b)(11), 30 dicembre 1969, 83 Stat. 586; Pub. L. 94–455, titolo XIX, §§1901(a)(151), (b)(33)(Q), 1906(b)(13)(A), 4 ottobre 1976, 90 Stat. 1788, 1802, 1834; Pub. L. 95–600, titolo VII, §703(j)(6), 6 novembre 1978, 92 Stat. 2941, relativo alle norme speciali applicabili ai riparti delle piccole società elettive, prima della revisione generale del presente sottocapitolo da parte dell’art. 2 della Pub. L.97–354.

Una precedente sezione 1376, aggiungeva Pub. L. 85–866, titolo I, §64(a), 2 settembre 1958, 72 Stat. 1655, relativo all’adeguamento in base alle azioni e all’indebitamento degli azionisti, prima della revisione generale di questo sottocapitolo da parte della sezione 2 della Pub. L.97–354.

Modifiche

2005 —Sottosez. (d)(1), (2). Pub. L. 109–135 ha sostituito “accumulato” con “sottocapitolo C”.

1996 — Pub. L. 104–188, §1311(b)(2)(C), ha sostituito “accumulato” con “sottocapitolo C” nella sezione catchline.

Sottosez. (a)(1). Pub. L. 104–188, §1311(b)(2)(A), ha sostituito “accumulato” con “sottocapitolo C”.

Sottosez. (b)(3). Pub. L. 104–188, §1311(b)(2)(B), modificato par. (3) in generale. Prima della modifica, par. (3) leggi quanto segue:

“(3)Redditi da investimenti passivi; eccetera.—I termini ‘utili e profitti del sottocapitolo C’, ‘redditi da investimenti passivi’ e ‘entrate lorde’ avranno gli stessi rispettivi significati di quando utilizzati nel paragrafo (3) della sezione 1362(d).”

1988 —Sottosez. (b)(1)(B). Pub. L. 100–647, §1006(f)(5)(B), modificato sottopar. (B) in generale. Prima della modifica, par. (B) leggi come segue: “L’importo del reddito passivo netto in eccesso per qualsiasi anno fiscale non dovrà superare il reddito imponibile della società per l’anno fiscale (determinato in conformità con la sezione 1374(d)(4)).”

Sottosez. (b)(4). Pub. L. 100–647, §1006(f)(5)(C), aggiunto par. (4).

Sottosez. (C). Pub. L. 100–647, §1006(f)(5)(D), modificato sottosez. c) in generale, nel titolo, in sostituzione di “Crediti non ammessi” al posto di “Norme speciali”, e nel testo in sostituzione di “Nessun credito” al posto di “(1)Disconoscimento del credito.—Nessun credito”, e cancellando il par. (2) relativo al coordinamento con la sezione 1374.

1986 —Sottosez. (b)(1)(B). Pub. L. 99–514 ha sostituito “sezione 1374 (d) (4)” con “sezione 1374 (d)”.

1984 —Sottosez. (c)(1). Pub. L. 98–369, §474(r)(28), ha sostituito “sezione 34” con “sezione 39”.

Sottosez. (D). Pub. L. 98–369, §721(v), aggiunto sottosez. (D).

 

Note statutarie e società controllate correlate

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1996

Emendamento del Pub. L. 104–188 applicabile agli anni imponibili che iniziano dopo il 31 dicembre 1996, vedere la sezione 1317 (a) della Pub. L. 104–188, riportato come nota nella sezione 641 di questo titolo.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1988

Emendamento del Pub. L. 100–647 in vigore, salvo diversa disposizione, come se incluso nella disposizione del Tax Reform Act del 1986, Pub. L. 99–514, a cui si riferisce tale modifica, vedere la sezione 1019(a) della Pub. L. 100–647, riportato in nota nella sezione 1 del presente titolo.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1986

Emendamento del Pub. L. 99–514 applicabile agli anni d’imposta che iniziano dopo il 31.12.1986, ma solo nei casi in cui la dichiarazione dell’anno d’imposta è presentata in seguito a una scelta S effettuata dopo il 31.12.1986, con eccezioni e norme speciali e transitorie , vedere la sezione 633 della Pub. L. 99–514, come modificata, indicata come nota sulla data di entrata in vigore nella sezione 336 del presente titolo.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1984

Modifica mediante articolo 474(r)(28) della Pub. L. 98–369 applicabile agli anni imponibili che iniziano dopo il 31 dicembre 1983 e ai riporti da tali anni, vedere la sezione 475 (a) della Pub. L. 98–369, riportato come nota nella sezione 21 del presente titolo.

Modifica mediante la sezione 721(v) della Pub. L. 98–369 in vigore come se incluso nel Sottocapitolo S Revision Act del 1982, Pub. L. 97–354, vedere la sezione 721(y)(1) della Pub. L. 98–369, riportato come nota nella sezione 1361 di questo titolo.

Data effettiva

Questa sezione si applica agli anni fiscali che iniziano dopo il 31 dicembre 1982, tranne che nel caso di un anno fiscale che inizia nel 1982, questa sezione e le sezioni 1362(d)(3) e 1366(f)(3) di questo titolo dovranno si applicano, e la sezione 1372(e)(5) di questo titolo in vigore il giorno prima del 19 ottobre 1982, non si applica, vedere la sezione 6(a), (b)(3) della Pub. L. 97–354, riportato come nota nella sezione 1361 di questo titolo.

PARTE IV—DEFINIZIONI; VARIE

Sez.
1377.
Definizioni e regola speciale.
1378.
Anno fiscale della società S.
1379.
Norme transitorie sull’attuazione.

 

§1377. Definizioni e regola speciale

(a) Quota proporzionale

Ai fini di questo sottocapitolo:

(1) In generale

Fatto salvo quanto previsto al paragrafo (2), la quota proporzionale di ciascun azionista di qualsiasi voce per qualsiasi anno fiscale sarà la somma degli importi determinati rispetto all’azionista:

(A) assegnando una porzione uguale di tale voce a ciascun giorno dell’anno fiscale, e

(B) quindi dividendo tale quota pro quota tra le azioni in circolazione in tale giorno.

(2) Elezioni per terminare l’anno

(A) In generale

Secondo i regolamenti prescritti dal Segretario, se un azionista cessa la sua partecipazione nella società durante l’anno fiscale e tutti gli azionisti interessati e la società accettano l’applicazione di questo paragrafo, il paragrafo (1) sarà applicato agli azionisti interessati come se il anno d’imposta era composto da 2 anni d’imposta, il primo dei quali termina alla data di cessazione.

(B) Azionisti interessati

Ai fini del sottoparagrafo (A), il termine “azionisti interessati” indica l’azionista il cui interesse è terminato e tutti gli azionisti ai quali tale azionista ha trasferito azioni durante l’anno fiscale. Se tale azionista ha trasferito azioni alla società, il termine “azionisti interessati” comprenderà tutte le persone che sono azionisti durante l’anno fiscale.

(b) Periodo di transizione successivo alla cessazione

(1) In generale

Ai fini del presente sottocapitolo, il termine “periodo di transizione successivo alla cessazione” significa:

(A) il periodo che inizia il giorno successivo all’ultimo giorno dell’ultimo anno fiscale della società come società S e termina l’ultimo tra:

(i) il giorno che cade 1 anno dopo tale ultimo giorno, o

(ii) la data di scadenza per la presentazione della dichiarazione per l’ultimo anno come società S (comprese le proroghe),

 

(B) il periodo di 120 giorni a partire dalla data di qualsiasi determinazione in seguito a una verifica del contribuente che segue la cessazione dell’elezione della società e che rettifica una voce di reddito, perdita o detrazione del sottocapitolo S della società derivante durante il Periodo S (come definito nella sezione 1368(e)(2)), e

(C) il periodo di 120 giorni a partire dalla data in cui viene stabilito che l’elezione della società ai sensi della sezione 1362(a) è terminata per un anno fiscale precedente.

(2) Determinazione definita

Ai fini del paragrafo (1), il termine “determinazione” significa:

(A) una determinazione come definita nella sezione 1313(a), o

(B) un accordo tra la società e il Segretario secondo cui la società non è riuscita a qualificarsi come società S.

(3) Norme speciali per i periodi di transizione successivi alla conclusione degli audit correlati

(A) Nessuna applicazione ai riporti

Il paragrafo (1)(B) non si applica ai fini della sezione 1366(d)(3).

(B) Limitazione di applicazione alle distribuzioni

Il paragrafo (1)(B) si applica a una distribuzione descritta nella sezione 1371(e) solo nella misura in cui l’importo di tale distribuzione non supera l’aumento complessivo (se presente) nel conto delle rettifiche accumulate (ai sensi della sezione 1368, lettera e)), in ragione degli adeguamenti di cui a tale comma.

(c) Modalità di svolgimento delle elezioni, ecc.

Qualsiasi elezione ai sensi del presente sottocapitolo e qualsiasi revoca ai sensi della sezione 1362(d)(1) dovrà essere effettuata secondo le modalità prescritte dal Segretario tramite regolamenti.

(Aggiunto Pub. L. 97–354, §2, 19 ottobre 1982, 96 Stat. 1685; modificato Pub. L. 104–188, titolo I, §§1306–1307(b), 20 agosto 1996 , 110 Stat. 1780; Pub. L. 108–311, titolo IV, §407(a), 4 ottobre 2004, 118 Stat. 1190.)

 

Note editoriali

Disposizioni precedenti

Una precedente sezione 1377, aggiungeva Pub. L. 85–866, titolo I, §64(a), 2 settembre 1958, 72 Stat. 1656; Pubblico modificato. L. 94–455, titolo IX, §902(b)(1), titolo XIX, §1901(b)(32)(B)(iv), 4 ottobre 1976, 90 Stat. 1608, 1800, relativo alle norme speciali applicabili ai guadagni e agli utili delle società di piccole imprese elette, prima della revisione generale di questo sottocapitolo da parte della sezione 2 della Pub. L.97–354.

Modifiche

2004 —Sottosez. (b)(3). Pub. L. 108–311 ha aggiunto il par. (3).

1996 —Sottosez. (a)(2). Pub. L. 104–188, §1306, titolo rievocato senza modifiche e testo modificato in generale. Prima della modifica, il testo recitava come segue: “Secondo i regolamenti prescritti dal Segretario, se un azionista cessa di partecipare alla società durante l’anno fiscale e tutte le persone che sono azionisti durante l’anno fiscale acconsentono all’applicazione del presente paragrafo, paragrafo ( 1) si applica come se l’anno fiscale fosse composto da 2 anni fiscali, il primo dei quali termina alla data di cessazione.”

Sottosez. (b)(1) da (A) a (C). Pub. L. 104–188, §1307(a), cancellato “e” alla fine del comma. (A)(ii), aggiunto sottopar. (B), e rinominato il precedente comma. (B) come (C).

Sottosez. (b)(2) da (A) a (C). Pub. L. 104–188, §1307(b), aggiunto sottopar. (A), sottopar. (C) come (B), e cancellati i precedenti sottoparagrafi. (A) e (B) che recitano come segue:

“(A) una decisione del tribunale che diventa definitiva,

“(B) un accordo conclusivo, o”.

 

Note statutarie e società controllate correlate

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 2004

Emendamento del Pub. L. 108–311 efficace come se incluso nelle disposizioni dello Small Business Job Protection Act del 1996, Pub. L. 104–188, a cui si riferisce tale emendamento, vedere la sezione 407(c) della Pub. L. 108–311, riportato come nota nella sezione 401 di questo titolo.

Data di entrata in vigore delle modifiche del 1996

Pub. L. 105–34, titolo XVI, §1601(c)(2), 5 agosto 1997, 111 Stat. 1087, a condizione che:

“(A) Nonostante la sezione 1317 dello Small Business Job Protection Act del 1996 [Pub. L. 104–188, che attua le disposizioni stabilite come note alle sezioni 641 e 1362 di questo titolo], le modifiche apportate dalle sottosezioni (a) e (b) della sezione 1307 di tale Legge [che modifica questa sezione] si applicherà alle decisioni prese dopo il 31 dicembre 1996.

“(B) In nessun caso il periodo di 120 giorni di cui alla sezione 1377(b)(1)(B) dell’Internal Revenue Code del 1986 (come aggiunto da tale sezione 1307) scade prima della fine dei 120- periodo di giorni che inizia alla data di entrata in vigore della presente legge [5 agosto 1997].”

Emendamento del Pub. L. 104–188 applicabile agli anni imponibili che iniziano dopo il 31 dicembre 1996, vedere la sezione 1317 (a) della Pub. L. 104–188, riportato come nota nella sezione 641 di questo titolo.

Data effettiva

Sezione applicabile agli anni fiscali che iniziano dopo il 31 dicembre 1982, vedere la sezione 6(a) della Pub. L. 97–354, riportato come nota nella sezione 1361 di questo titolo.

§1378. Anno fiscale della società S

(a) Regola generale

Ai fini del presente sottotitolo, l’anno fiscale di una società S sarà un anno consentito.

(b) Anno consentito definito

Ai fini della presente sezione, il termine “anno consentito” indica un anno fiscale che:

(1) è un anno che termina il 31 dicembre, o

(2) è qualsiasi altro periodo contabile per il quale la società stabilisce uno scopo commerciale con soddisfazione del Segretario.

 

Ai fini del paragrafo (2), qualsiasi differimento di reddito agli azionisti non deve essere considerato uno scopo aziendale.

(Aggiunto Pub. L. 97–354, §2, 19 ottobre 1982, 96 Stat. 1685; modificato Pub. L. 98–369, div. A, titolo VII, §721(m), (q), Luglio 18, 1984, 98 Stat. 969, 970; Pub. L. 99–514, titolo VIII, §806(b), 22 ottobre 1986, 100 Stat. 2363.)

 

Note editoriali

Disposizioni precedenti

Una precedente sezione 1378, aggiungeva Pub. L. 89–389, §2(a), 14 aprile 1966, 80 Stat. 113; Pubblico modificato. L. 91–172, titolo V, §511(c)(4), 30 dicembre 1969, 83 Stat. 638; Pub. L. 94–455, titolo XIX, §1901(a)(152), (b)(33)(R), 4 ottobre 1976, 90 Stat. 1789, 1802, relativo all’imposta imposta su alcune plusvalenze, prima della revisione generale di questo sottocapitolo da parte della sezione 2 della Pub. L.97–354.

Modifiche

1986 —Sottosez. (UN). Pub. L. 99–514, §806(b)(1), modificato sottosez. (a) in generale. Prima della modifica, il par. (a) leggi quanto segue: “Ai fini del presente sottotitolo—

“(1) una società S non può modificare il proprio anno fiscale in un periodo contabile diverso da un anno consentito, e

“(2) nessuna società può effettuare un’elezione ai sensi della sezione 1362(a) per qualsiasi anno fiscale a meno che tale anno fiscale non sia un anno consentito.”

Sottosez. (B). Pub. L. 99–514, §806(b)(2), inserito alla fine “Ai fini del paragrafo (2), qualsiasi differimento di reddito agli azionisti non deve essere trattato come uno scopo aziendale.”

Sottosez. (C). Pub. L. 99–514, §806(b)(3), soppresso il sottosez. (c) che richiedeva alle società S esistenti di utilizzare l’anno consentito dopo il trasferimento del 50% della proprietà.

1984 —Sottosez. (c)(1). Pub. L. 98–369, §721(m), sostituito “che include il 31 dicembre 1982 (o che è una società S per un anno imponibile che inizia nel 1983 a causa di un’elezione effettuata entro il 19 ottobre 1982)” per “che comprende il 31 dicembre 1982”.

Sottosez. (c)(3)(B)(i). Pub. L. 98–369, §721 (q), ha sostituito “chi (o il cui patrimonio) deteneva” con “chi deteneva”.

 

Note statutarie e società controllate correlate

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1986

Pub. L. 99–514, titolo VIII, §806(e), 22 ottobre 1986, 100 Stat. 2364, come modificato dal Pub. L. 100–647, titolo I, §1008(e)(7), (8), (10), 10 novembre 1988, 102 Stat. 3441, a condizione che:

“(1)Generalmente.—Le modifiche apportate da questa sezione [che modifica questa sezione e le sezioni 267, 441 e 706 di questo titolo] si applicano agli anni imponibili che iniziano dopo il 31 dicembre 1986.

“(2)Modifica del periodo contabile.—Nel caso di qualsiasi società di persone, società di capitali o società di servizi personali obbligata dalle modifiche apportate da questa sezione a modificare il proprio periodo contabile per il primo anno fiscale del contribuente che inizia dopo il 31 dicembre 1986—

“(A) tale modifica sarà trattata come avviata dalla partnership, dalla società S o dalla società di servizi personali,

“(B) tale modifica sarà considerata come effettuata con il consenso del Segretario, e

“(C) rispetto a qualsiasi socio o azionista di una società di capitali che è tenuto a includere gli elementi di più di 1 anno fiscale della società di persone o di società in qualsiasi anno fiscale, il reddito eccedente le spese di tale società di persone o società per il breve anno fiscale richiesto da tali modifiche sarà preso in considerazione proporzionalmente in ciascuno dei primi 4 anni fiscali che iniziano dopo il 31 dicembre 1986, a meno che tale socio o azionista scelga di includere tutto tale reddito nel reddito del socio o azionista [sic] anno fiscale con o entro il quale termina il breve anno fiscale della società di persone o della società S.

Il comma (C) si applica ad un azionista di una società S solo se tale società era una società S per un anno fiscale che inizia nel 1986.

“(3)Base, ecc. regole—

“(UN)Regola base.—La base rettificata dell’interesse di qualsiasi socio in una società di persone o delle azioni di un azionista in una società S sarà determinata come se tutto il reddito da prendere in considerazione in modo proporzionale nei 4 anni fiscali di cui al paragrafo (2)(C) fosse incluso nel reddito lordo per il primo di tali anni imponibili.

“(B)Trattamento delle disposizioni.—Se qualsiasi interesse in una partnership o azioni in una società S viene ceduto prima dell’ultimo anno fiscale nel periodo di spread, tutti gli importi che sarebbero inclusi nel reddito lordo del socio o azionista per i successivi anni fiscali nel periodo di spread ai sensi del paragrafo (2)(C) e attribuibili agli interessi o alle azioni cedute devono essere inclusi nel reddito lordo dell’anno fiscale in cui avviene la disposizione. Ai fini della frase precedente, per periodo ripartito si intende il periodo costituito dai 4 anni d’imposta di cui al comma 2, lettera C).”

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1984

Emendamento del Pub. L. 98–369 in vigore come se incluso nel sottocapitolo S Revision Act del 1982, Pub. L. 97–354, vedere la sezione 721(y)(1) della Pub. L. 98–369, riportato come nota nella sezione 1361 di questo titolo.

Data effettiva

Sezione applicabile agli anni fiscali che iniziano dopo il 31 dicembre 1982, vedere la sezione 6(a) della Pub. L. 97–354, riportato come nota nella sezione 1361 di questo titolo.

Costruzione della sezione 806 della Pub. L.99–514

Pub. L. 100–647, titolo I, §1008(e)(9), 10 novembre 1988, 102 Stat. 3441, a condizione che: “Niente nella sezione 806 del Reform Act [Pub. L. 99–514, che modifica questa sezione e le sezioni 267, 441 e 706 di questo titolo e le disposizioni attuative di cui sopra] o in qualsiasi storia legislativa relativa ciò sarà interpretato come se richiedesse al Segretario del Tesoro o al suo delegato di consentire un cambiamento automatico di un anno fiscale.”

§1379. Norme transitorie sull’attuazione

(a) Vecchie elezioni

Qualsiasi elezione effettuata ai sensi della sezione 1372(a) (come in vigore prima della promulgazione del Subchapter S Revision Act del 1982) sarà trattata come un’elezione effettuata ai sensi della sezione 1362.

(b) Inclusi riferimenti alla normativa anteriore

Qualsiasi riferimento nel presente titolo a una disposizione del presente sottocapitolo dovrà, nella misura in cui non sia in contrasto con gli scopi del presente sottocapitolo, includere un riferimento alla disposizione corrispondente in vigore prima della promulgazione del Subchapter S Revision Act del 1982.

(c) Distribuzioni di reddito imponibile non distribuito

Se una società era una piccola impresa eletta nell’ultimo anno precedente alla promulgazione, i sottosezioni (f) e (d) della sezione 1375 (come in vigore prima della promulgazione del Subchapter S Revision Act del 1982) continueranno ad applicarsi rispetto alle distribuzioni del reddito imponibile non distribuito per qualsiasi anno fiscale che inizia prima del 1° gennaio 1983.

(d) Riporti

Se una società era una piccola impresa elettiva per l’ultimo anno precedente alla promulgazione ed è una società S per il primo anno successivo alla promulgazione, qualsiasi riporto al primo anno successivo alla promulgazione avvenuto in un anno imponibile per il quale la società era una piccola impresa elettiva sarà considerati come sorti nel primo anno successivo alla promulgazione.

(e) Anni pre-emanazione e post-emanazione definiti

Ai fini di questa sottosezione:

(1) Ultimo anno di pre-emanazione

Con il termine “ultimo anno pre-emanazione” si intende l’ultimo anno fiscale di una società che inizia prima del 1 gennaio 1983.

(2) Primo anno successivo alla promulgazione

Con il termine “1° anno successivo alla promulgazione” si intende il primo anno imponibile di una società che inizia dopo il 31 dicembre 1982.

(Aggiunto Pub. L. 97–354, §2, 19 ottobre 1982, 96 Stat. 1686; modificato Pub. L. 98–369, div. A, titolo VII, §721(n), 18 luglio 1984 , 98 Stat. 969.)

 

Note editoriali

Riferimenti nel testo

L’emanazione del Subchapter S Revision Act del 1982, di cui ai sottosezioni. da (a) a (c), è l’emanazione del Pub. L. 97–354, approvata il 19 ottobre 1982.

Disposizioni precedenti

Una sezione precedente del 1379, aggiungeva Pub. L. 91–172, titolo V, §531(a), 30 dicembre 1969, 83 Stat. 654; Pubblico modificato. L. 93–406, titolo II, §2001(b), 2 settembre 1974, 88 Stat. 952; Pub. L. 97–34, titolo III, §312(c)(6), 13 agosto 1981, 95 Stat. 284; Pub. L. 97–248, titolo II, §238(c), 3 settembre 1982, 96 Stat. 513, relativo ad alcuni piani pensionistici qualificati, ecc., prima della revisione generale di questo sottocapitolo da parte della sezione 2 della Pub. L.97–354.

Modifiche

1984 —Sottosez. (B). Pub. L. 98–369 ha cancellato “Nell’applicare questo sottocapitolo a qualsiasi anno imponibile che inizia dopo il 31 dicembre 1982” e ha sostituito “Qualsiasi riferimento in questo titolo a una disposizione” con “qualsiasi riferimento in questo sottocapitolo a un’altra disposizione”.

 

Note statutarie e società controllate correlate

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1984

Emendamento del Pub. L. 98–369 in vigore come se incluso nel sottocapitolo S Revision Act del 1982, Pub. L. 97–354, vedere la sezione 721(y)(1) della Pub. L. 98–369, riportato come nota nella sezione 1361 di questo titolo.

Data effettiva

Sezione applicabile agli anni fiscali che iniziano dopo il 31 dicembre 1983, tranne che questa sezione, in vigore prima del 19 ottobre 1982, rimarrà in vigore per gli anni che iniziano prima del 1 gennaio 1984, vedere la sezione 6(a), (b )(1) della Pub. L. 97–354, riportato come nota nella sezione 1361 di questo titolo.

Coordinamento delle abrogazioni di alcune sezioni

Sottosez. (b) di questa sezione in vigore il giorno prima del 3 settembre 1982, inapplicabile a qualsiasi piano della sezione 401(j), vedere la sezione 713(d)(8) della Pub. L. 98–369, riportato come nota nella sezione 404 di questo titolo.

Codice degli Stati Uniti, Titolo 26, Sottotitolo A, Capitolo 1, Sottocapitolo A, PARTE II – IMPOSTA SULLE SOCIETÀ

26 USC
Codice degli Stati Uniti, edizione 2021
Titolo 26 – INTERNAL REVENUE CODE
Sottotitolo A – Imposte sul reddito
CAPITOLO 1 – IMPOSTE NORMALI E SOPRATTASSE
Sottocapitolo A – Determinazione della responsabilità fiscale
PARTE II – IMPOSTA SULLE SOCIETÀ
Dal Government Publishing Office degli Stati Uniti, www.gpo.gov

PARTE II — IMPOSTA SULLE SOCIETÀ

Sez.
11.
Tassa imposta.
12.
Riferimenti incrociati relativi all’imposta sulle società.

 

§11. Tassa imposta

(a) Le società in generale

Per ogni anno fiscale viene imposta un’imposta sul reddito imponibile di ogni società.

(b) Importo dell’imposta

L’importo dell’imposta imposta ai sensi del comma (a) sarà pari al 21% del reddito imponibile.

(c) Eccezioni

La sottosezione (a) non si applica a una società soggetta a un’imposta imposta da:

(1) articolo 594 (relativo alle casse di risparmio mutue che esercitano attività di assicurazione sulla vita),

(2) capo L (art. 801 e seguenti, relativo alle imprese di assicurazione), oppure

(3) sottocapitolo M (art. 851 e seguenti, relativo alle società di investimento regolamentate e ai fondi comuni di investimento immobiliare).

(d) Società straniere

Nel caso di una società straniera, l’imposta imposta dalla sottosezione (a) si applica solo come previsto dalla sezione 882.

94–455, titolo IX, §901(a), 4 ottobre 1976, 90 Stat. 1606; Pub. L. 95–30, titolo II, §201(1), (2), 23 maggio 1977, 91 Stat. 141; Pub. L. 95–600, titolo III, §301(a), 6 novembre 1978, 92 Stat. 2820; Pub. L. 97–34, titolo II, §231(a), 13 agosto 1981, 95 Stat. 249; Pub. L. 98–369, div. A, titolo I, §66(a), 18 luglio 1984, 98 Stat. 585; Pub. L. 99–514, titolo VI, §601(a), 22 ottobre 1986, 100 Stat. 2249; Pub. L. 100–203, titolo X, §10224(a), 22 dicembre 1987, 101 Stat. 1330–412; Pub. L. 100–647, titolo I, §1007(g)(13)(B), 10 novembre 1988, 102 Stat. 3436; Pub. L. 103–66, titolo XIII, §13221(a), (b), 10 agosto 1993, 107 Stat. 477; Pub. L. 115–97, titolo I, §§12001(b)(11), 13001(a), 22 dicembre 2017, 131 Stat. 2094, 2096.) 1978, 92 Stat. 2820; Pub. L. 97–34, titolo II, §231(a), 13 agosto 1981, 95 Stat. 249; Pub. L. 98–369, div. A, titolo I, §66(a), 18 luglio 1984, 98 Stat. 585; Pub. L. 99–514, titolo VI, §601(a), 22 ottobre 1986, 100 Stat. 2249; Pub. L. 100–203, titolo X, §10224(a), 22 dicembre 1987, 101 Stat. 1330–412; Pub. L. 100–647, titolo I, §1007(g)(13)(B), 10 novembre 1988, 102 Stat. 3436; Pub. L. 103–66, titolo XIII, §13221(a), (b), 10 agosto 1993, 107 Stat. 477; Pub. L. 115–97, titolo I, §§12001(b)(11), 13001(a), 22 dicembre 2017, 131 Stat. 2094, 2096.) 1978, 92 Stat. 2820; Pub. L. 97–34, titolo II, §231(a), 13 agosto 1981, 95 Stat. 249; Pub. L. 98–369, div. A, titolo I, §66(a), 18 luglio 1984, 98 Stat. 585; Pub. L. 99–514, titolo VI, §601(a), 22 ottobre 1986, 100 Stat. 2249; Pub. L. 100–203, titolo X, §10224(a), 22 dicembre 1987, 101 Stat. 1330–412; Pub. L. 100–647, titolo I, §1007(g)(13)(B), 10 novembre 1988, 102 Stat. 3436; Pub. L. 103–66, titolo XIII, §13221(a), (b), 10 agosto 1993, 107 Stat. 477; Pub. L. 115–97, titolo I, §§12001(b)(11), 13001(a), 22 dicembre 2017, 131 Stat. 2094, 2096.) §1007(g)(13)(B), 10 novembre 1988, 102 Stat. 3436; Pub. L. 103–66, titolo XIII, §13221(a), (b), 10 agosto 1993, 107 Stat. 477; Pub. L. 115–97, titolo I, §§12001(b)(11), 13001(a), 22 dicembre 2017, 131 Stat. 2094, 2096.) §1007(g)(13)(B), 10 novembre 1988, 102 Stat. 3436; Pub. L. 103–66, titolo XIII, §13221(a), (b), 10 agosto 1993, 107 Stat. 477; Pub. L. 115–97, titolo I, §§12001(b)(11), 13001(a), 22 dicembre 2017, 131 Stat. 2094, 2096.)

Note editoriali

Modifiche

2017 —Sottosez. (B). Pub. L. 115–97, §13001(a), modificato sottosez. (b) in generale. Prima della modifica il testo recitava come segue:

“(1)Generalmente.—L’importo dell’imposta imposta dalla sottosezione (a) sarà la somma di:

“(A) Il 15% della parte del reddito imponibile che non supera i $ 50.000,

“(B) il 25% della parte del reddito imponibile che supera $ 50.000 ma non supera $ 75.000,

“(C) il 34% della parte del reddito imponibile che supera $ 75.000 ma non supera $ 10.000.000, e

“(D) Il 35% della parte del reddito imponibile che supera i 10.000.000 di dollari.

Nel caso di una società che ha un reddito imponibile superiore a $ 100.000 per qualsiasi anno fiscale, l’importo dell’imposta determinata ai sensi della frase precedente per tale anno fiscale sarà aumentato del minore tra (i) 5% di tale eccesso, o ( ii) $ 11.750. Nel caso di una società che ha un reddito imponibile superiore a $ 15.000.000, l’importo dell’imposta determinata ai sensi delle precedenti disposizioni di questo paragrafo sarà aumentato di un importo aggiuntivo pari al minore tra (i) 3% di tale eccesso, o (ii) $ 100.000.

“(2)Alcune società di servizi personali non hanno diritto alle tariffe graduate.— Nonostante il paragrafo (1), l’importo dell’imposta imposta dal comma (a) sul reddito imponibile di una società di servizi personali qualificata (come definita nella sezione 448(d)(2)) sarà pari al 35% del reddito imponibile.”

Sottosez. (D). Pub. L. 115–97, §12001(b)(11), ha sostituito “l’imposta imposta dalla sottosezione (a)” con “le imposte imposte dalla sottosezione (a) e dalla sezione 55”.

1993 —Sottosez. (b)(1). Pub. L. 103–66, §13221(a)(3), inserito alla fine delle disposizioni di chiusura “Nel caso di una società che ha un reddito imponibile superiore a $ 15.000.000, l’importo dell’imposta determinato ai sensi delle precedenti disposizioni di questo paragrafo sarà aumentato di un importo aggiuntivo pari al minore tra (i) 3% di tale eccedenza, o (ii) $ 100.000.”

Sottosez. (b)(1)(C), (D). Pub. L. 103–66, §13221(a)(1), (2), aggiunti sottoparagrafi. (C) e (D) e cancellato il precedente comma. (C) che recitava come segue: “il 34% della parte del reddito imponibile che supera i 75.000 dollari”.

Sottosez. (b)(2). Pub. L. 103–66, §13221(b), ha sostituito “35%” con “34%”.

1988 —Sottosez. (D). Pub. L. 100–647 ha sostituito “le imposte imposte dalla sottosezione (a) e dalla sezione 55” con “l’imposta imposta dalla sottosezione (a)”.

1987 —Sottosez. (B). Pub. L. 100–203 ha modificato il comma. (b) in generale. Prima della modifica, il par. (b) leggi come segue: “L’importo dell’imposta imposta dal comma (a) sarà la somma di:

“(1) il 15% della parte del reddito imponibile che non supera i $ 50.000,

“(2) il 25% della parte del reddito imponibile che supera $ 50.000 ma non supera $ 75.000, e

“(3) Il 34% della parte del reddito imponibile che supera i 75.000 dollari.

Nel caso di una società che ha un reddito imponibile superiore a $ 100.000 per qualsiasi anno fiscale, l’importo dell’imposta determinata ai sensi della frase precedente per tale anno fiscale sarà aumentato del minore tra (A) 5% di tale eccesso, o ( B) $ 11.750.”

1986 —Sottosez. (B). Pub. L. 99–514 ha modificato il comma. (b) in generale. Prima della modifica, il par. (b) leggi come segue: “L’importo dell’imposta imposta dal comma (a) sarà la somma di:

“(1) 15% (16% per gli anni fiscali che iniziano nel 1982) della parte del reddito imponibile che non supera i $ 25.000;

“(2) 18% (19% per gli anni imponibili che iniziano nel 1982) della parte del reddito imponibile che supera i 25.000 dollari ma non supera i 50.000 dollari;

“(3) il 30% della parte del reddito imponibile che supera $ 50.000 ma non supera $ 75.000;

“(4) il 40% della parte del reddito imponibile che supera $ 75.000 ma non supera $ 100.000; più

“(5) Il 46% del reddito imponibile eccede i 100.000 dollari.

Nel caso di una società con reddito imponibile superiore a $ 1.000.000 per qualsiasi anno fiscale, l’importo dell’imposta determinata ai sensi della frase precedente per tale anno fiscale sarà aumentato del minore tra (A) 5% di tale eccesso, o (B ) $ 20.250.”

1984 —Sottosez. (B). Pub. L. 98–369 inserito “Nel caso di una società con reddito imponibile superiore a $ 1.000.000 per qualsiasi anno fiscale, l’importo dell’imposta determinata ai sensi della frase precedente per tale anno fiscale sarà aumentato del minore tra (A) 5% di tale eccesso, o (B) $ 20.250.”

1981 —Sottosez. (b)(1). Pub. L. 97–34, §231(a)(1), ha sostituito “15% (16% per gli anni imponibili che iniziano nel 1982)” con “17%”.

Sottosez. (b)(2). Pub. L. 97–34, §231(a)(2), ha sostituito “18% (19% per gli anni imponibili a partire dal 1982)” con “20%”.

1978 — Pub. La L. 95–600 ha ridotto le aliquote dell’imposta sulle società sostituendo le disposizioni che impongono una struttura di aliquote fiscali in cinque fasi sul reddito imponibile delle società con disposizioni che utilizzano un normale approccio fiscale e addizionale alla tassazione del reddito imponibile delle società.

1977 —Sottosez. (b)(1). Pub. L. 95–30, §201(1), ha sostituito “31 dicembre 1978” con “31 dicembre 1977”.

Sottosez. (b)(2). Pub. L. 95–30, §201(1), ha sostituito “1 gennaio 1979” con “1 gennaio 1978” nelle disposizioni precedenti il ​​comma. (UN).

Sottosez. (d)(1). Pub. L. 95–30, §201(2), ha sostituito “31 dicembre 1978” con “31 dicembre 1977”.

Sottosez. (d)(2). Pub. L. 95–30, §201(2), ha sostituito “1 gennaio 1979” con “1 gennaio 1978”.

1976 —Sottosez. (UN). Pub. L. 94–455 rievocato sottosezione. (a) senza modifiche.

Sottosez. (B). Pub. L. 94–455, tra le altre modifiche, ha sostituito “31 dicembre 1977, 22%” con “31 dicembre 1976, 22%” e “dopo il 31 dicembre 1974 e prima del 1 gennaio 1978” con “dopo il 31 dicembre, 1974 e anteriormente al 1° gennaio 1977” e ha soppresso le disposizioni relative all’applicazione semestrale della norma generale.

Sottosez. (C). Pub. La L. 94–455 ha cancellato le disposizioni relative alla norma speciale per il 1976 per i contribuenti dell’anno solare.

Sottosez. (D). Pub. L. 94–455, tra le altre modifiche, ha sostituito le disposizioni relative all’esenzione dalla sovrattassa di $ 25.000 per un anno fiscale terminato il 31 dicembre 1977, o di $ 50.000 per un anno fiscale terminato dopo il 31 dicembre 1974 e prima del 1 gennaio 1978 , per le disposizioni relative all’esenzione dalla sovrattassa di $ 50.000 per qualsiasi anno fiscale e cancellate le disposizioni relative all’applicazione semestrale della regola generale.

1975 —Sottosez. (B). Pub. L. 94–164 ha ridisegnato i pars esistenti. (1) e (2) come par. (1)(A) e (1)(B), e nel par. (1)(A) così rinominato sostituito “dopo il 31 dicembre 1976” con “prima del 1 gennaio 1975 o dopo il 31 dicembre 1975”, e nel par. (1)(B) così rinominato ha sostituito “1 gennaio 1977” con “1 gennaio 1976” e ha aggiunto il par. (2).

Pub. L. 94–12, §303(a), ha ridotto l’imposta normale per un anno imponibile terminato dopo il 31 dicembre 1974 e prima del 1 gennaio 1976, al 20% della parte del reddito imponibile che non supera $ 25.000 più il 22% della parte del reddito imponibile che supera $ 25.000.

Sottosez. (C). Pub. L. 94–164 ha designato le disposizioni esistenti come par. (1), ha cancellato le percentuali speciali per gli anni imponibili che iniziano prima del 1 gennaio 1964, e dopo il 31 dicembre 1963 e prima del 1 gennaio 1965, e ha aggiunto il par. (2).

Sottosez. (D). Pub. L. 94–164 ha designato le disposizioni esistenti come par. (1), ha sostituito “$50.000” con “$25.000”, ha inserito il riferimento alla sezione 1564 di questo titolo e ha aggiunto il par. (2).

Pub. L. 94–12, §303(b), ha sostituito “$ 50.000” con “$ 25.000”.

1969 —Sottosez. (D). Pub. L. 91–172 ha sostituito “sezione 1561 o 1564” con “sezione 1561”.

1966 —Sottosez. (e)(4). Pub. L. 89–809, §104(b)(2)(A), par. cancellato. (4) che faceva riferimento alla sezione 881(a) (relativa alle società straniere non impegnate in affari negli Stati Uniti).

Sottosez. (F). Pub. L. 89–809, §104(b)(2)(B), aggiunto sottosez. (F).

1964 —Sottosez. (B). Pub. L. 88–272 applicava l’imposta del 30% agli anni che iniziavano prima del 1 gennaio 1964 invece del 1 luglio 1964 nel par. (1), e nel par. (2), ridusse l’aliquota dal 25% al ​​22% e la applicò agli anni che iniziarono dopo il 31 dicembre 1963, invece che al 30 giugno 1964.

Sottosez. (C). Pub. La L. 88–272 ha aumentato la percentuale da 22 a 28 per gli anni fiscali che iniziano dopo il 31 dicembre 1963 e prima del 1 gennaio 1965, e al 26% per gli anni fiscali che iniziano dopo il 31 dicembre 1964. L’esenzione dall’addizionale precedentemente portato nel sottosec. (c), è ora indicato nel subsez. (D).

Sottosec. (d), (e). Pub. L. 88–272 ha aggiunto il sottosez. (d) e rinominato ex sottosezione. (d) come (e).

1963 —Sottosez. (B). Pub. L. 88–52 ha sostituito “1 luglio 1964” con “1 luglio 1963” e “30 giugno 1964” con “30 giugno 1963” ovunque appaia.

1962 —Sottosez. (B). Pub. L. 87–508 ha sostituito “1 luglio 1963” con “1 luglio 1962” e “30 giugno 1963” con “30 giugno 1962” ovunque appaia.

1961 —Sottosez. (B). Pub. L. 87–72 ha sostituito “1 luglio 1962” con “1 luglio 1961” e “30 giugno 1962” con “30 giugno 1961” ovunque appaia.

1960 —Sottosez. (B). Pub. L. 86–564 ha sostituito “1 luglio 1961” con “1 luglio 1960” e “30 giugno 1961” con “30 giugno 1960” ovunque appaia.

Sottosez. (d)(3). Pub. L. 86–779 ha inserito “e fondi comuni di investimento immobiliare” dopo “società di investimento regolamentate”.

1959 —Sottosez. (B). Pub. L. 86–75 ha sostituito “1 luglio 1960” con “1 luglio 1959” e “30 giugno 1960” con “30 giugno 1959” ovunque appaia.

1958 —Sottosez. (B). Pub. L. 85–475 ha sostituito “1 luglio 1959” con “1 luglio 1958” e “30 giugno 1959” con “30 giugno 1958” ovunque appaia.

1957 —Sottosez. (B). Pub. L. 85–12 ha sostituito “1 luglio 1958” con “1 aprile 1957” e “30 giugno 1958” con “31 marzo 1957” ovunque appaia.

1956 —Sottosez. (B). La legge del 29 marzo 1956 ha sostituito “1 aprile 1957” con “1 aprile 1956” e “31 marzo 1957” con “31 marzo 1956” ovunque appaia.

1955 —Sottosez. (B). La legge del 30 marzo 1955 ha sostituito “1 aprile 1956” con “1 aprile 1955” e “31 marzo 1956” con “31 marzo 1955” ovunque appaia.

Note statutarie e società controllate correlate

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 2017

Pub. L. 115–97, titolo I, §12001(c), 22 dicembre 2017, 131 Stat. 2094, prevedeva che: “Le modifiche apportate dal presente articolo [modifica il presente articolo e gli articoli 12, 38, 53, 55, 56, 58, 59, 168, 847, 848, 882, 897, 911, 962, 1561, 6425, e 6655 del presente titolo] si applicano agli anni d’imposta che iniziano successivamente al 31 dicembre 2017.”

Pub. L. 115–97, titolo I, §13001(c), 22 dicembre 2017, 131 Stat. 2098, a condizione che:

“(1)Generalmente.—Salvo quanto diversamente previsto in questa sottosezione, le modifiche apportate dalle sottosezioni (a) e (b) [che modificano questa sezione e le sezioni 12, 280C, 453A, 527, 535, 594, 691, 801, 831, 832, 834, 852, 857, 860E, 882, 904, 1374, 1381, 1445, 1446, 1561, 6425, 6655, 7518 e 7874 di questo titolo e abrogando le sezioni 1201 e 1551 di questo titolo] si applicano agli anni imponibili che iniziano dopo il 31 dicembre , 2017.

“(2)Trattenuta.—Le modifiche apportate dal comma (b)(3) [che modifica gli articoli 1445 e 1446 del presente titolo] si applicano alle distribuzioni effettuate dopo il 31 dicembre 2017.

“(3)Alcuni trasferimenti.—Le modifiche apportate dal comma (b)(6) [che modifica l’articolo 1561 del presente titolo] si applicheranno ai trasferimenti effettuati dopo il 31 dicembre 2017.”

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1993

Pub. L. 103–66, titolo XIII, §13221(d), 10 agosto 1993, 107 Stat. 477, prevedeva che: “Le modifiche apportate dal presente articolo [che modifica il presente articolo e gli articoli 852, 1201 e 1445 del presente titolo] si applicano agli anni d’imposta che hanno inizio dal 1° gennaio 1993 o da data successiva; salvo che la modifica apportata dal comma ( c)(3) [che modifica l’articolo 1445 del presente titolo] entrerà in vigore a partire dalla data di entrata in vigore della presente legge [10 agosto 1993].”

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1988

Emendamento del Pub. L. 100–647 in vigore, salvo diversa disposizione, come se incluso nella disposizione del Tax Reform Act del 1986, Pub. L. 99–514, a cui si riferisce tale modifica, vedere la sezione 1019(a) della Pub. L. 100–647, riportato in nota nella sezione 1 del presente titolo.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1987

Pub. L. 100–203, titolo X, §10224(b), 22 dicembre 1987, 101 Stat. 1330–413, prevedeva che: “La modifica apportata dalla sottosezione (a) [che modifica questa sezione] si applica agli anni imponibili che iniziano dopo il 31 dicembre 1987.”

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1986

Pub. L. 99–514, titolo VI, §601(b), 22 ottobre 1986, 100 Stat. 2249, a condizione che:

“(1)Generalmente.—La modifica apportata dalla sottosezione (a) [che modifica questa sezione] si applica agli anni fiscali che iniziano a partire dal 1 luglio 1987.

“(2)Riferimento incrociato.-

“Per il trattamento degli anni imponibili che comprendono il 1 luglio 1987, vedere la sezione 15 del Codice tributario interno del 1986.”

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1984

Pub. L. 98–369, div. A, titolo I, §66(c), 18 luglio 1984, 98 Stat. 585, come modificato dal Pub. L. 99–514, §2, 22 ottobre 1986, 100 Stat. 2095, a condizione che:

“(1)Generalmente.—Le modifiche apportate da questa sezione [che modifica questa sezione e la sezione 1561 di questo titolo] si applicano agli anni imponibili che iniziano dopo il 31 dicembre 1983.

“(2)Gli emendamenti non sono considerati come modifiche dell’aliquota fiscale.—Le modifiche apportate da questa sottosezione [probabilmente dovrebbe essere “sezione”] non devono essere trattate come una modifica dell’aliquota fiscale ai fini della sezione 21 dell’Internal Revenue Code del 1986 [ex IRC 1954].”

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1981

Pub. L. 97–34, titolo II, §231(c), 13 agosto 1981, 95 Stat. 250, prevedeva che: “Le modifiche apportate dalla lettera a) [che modificano il presente articolo] si applicano agli anni d’imposta che iniziano dopo il 31 dicembre 1981.”

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1978

Pub. L. 95–600, titolo III, §301(c), 6 novembre 1978, 92 Stat. 2824, prevedeva che: “Le modifiche apportate dal presente articolo [modifica il presente articolo e gli articoli 12, 57, 244, 247, 511, 527, 528, 802, 821, 826, 852, 857, 882, 907, 922, 962, 1351, 1551, 1561, 6154 e 6655 del presente titolo] si applicano agli anni d’imposta che iniziano dopo il 31 dicembre 1978.”

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1976

Pub. L. 94–455, titolo IX, §901(d), 4 ottobre 1976, 90 Stat. 1607, prevedeva che: “La modifica apportata dal comma (a) [che modifica il presente articolo] entra in vigore dal 23 dicembre 1975. Le modifiche apportate dal comma (b) [che modifica l’articolo 821 del presente titolo] si applicano agli anni d’imposta terminati dopo il 31 dicembre 1974. Le modifiche apportate dal comma c) [che modificano gli articoli 21, 1561 e 6154 del presente titolo] si applicano agli anni imponibili che terminano dopo il 31 dicembre 1975.”

Date di entrata in vigore e di scadenza dell’Emendamento del 1975

Pub. L. 94–164, §4(e), 23 dicembre 1975, 89 Stat. 975, prevedeva che: “Le modifiche apportate dai commi b), c) e d) [che modificano il presente articolo e gli articoli 21, 962 e 1561 del presente titolo] si applicano agli anni d’imposta che iniziano dopo il 31 dicembre 1975. La modifica apportata dalla sottosezione (c) [che modifica questa sezione] cessa di applicarsi per gli anni imponibili che iniziano dopo il 31 dicembre 1976.”

Pub. L. 94–12, titolo III, §305(b)(1), 29 marzo 1975, 89 Stat. 45, prevedeva che: “Le modifiche apportate dall’articolo 303 [che modifica il presente articolo e gli articoli 12, 962 e 1561 del presente titolo e recante disposizioni di cui alla nota sotto questo articolo] si applicano agli anni imponibili che terminano dopo il 31 dicembre 1974 Le modifiche apportate dai commi (b) e (c) di tale articolo [che modificano il presente articolo e gli articoli 12, 962 e 1561 del presente titolo e attuano le disposizioni riportate in nota in questo articolo] cesseranno di applicarsi per gli anni d’imposta che terminerà dopo il 31 dicembre 1975.”

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1969

Emendamento del Pub. L. 91–172 applicabile con riferimento agli anni imponibili che iniziano dopo il 31 dicembre 1969, vedere la sezione 401(h)(2) della Pub. L. 91–172, riportato come nota nella sezione 1561 di questo titolo.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1966

Pub. L. 89–809, titolo I, §104(n), 13 novembre 1966, 80 Stat. 1563, prevedeva che: “Le modifiche apportate dal presente articolo (diverse dalla lettera k)) [attuando l’articolo 6683 al presente titolo e modificando il presente articolo e gli articoli 245, 301, 512, 542, 543, 545, 819, 821, 822 , 831, 832, 841, 842, 881, 882, 884, 952, 953, 1249, 1442 e 6016 del presente titolo] si applicano con riferimento agli anni d’imposta che iniziano dopo il 31 dicembre 1966. La modifica apportata dal comma (k ) [che modifica la sezione 1248(d)(4) del presente titolo] si applica alle vendite o agli scambi avvenuti dopo il 31 dicembre 1966.”

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1964

Emendamento del Pub. L. 88–272, salvo ai fini della sezione 21 del presente titolo, in vigore rispetto agli anni imponibili che iniziano dopo il 31 dicembre 1963, vedere la sezione 131 della Pub. L. 88–272, riportato come nota nella sezione 1 del presente titolo.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1960

Emendamento del Pub. L. 86–779 applicabile con riferimento agli anni imponibili dei fondi comuni di investimento immobiliare che iniziano dopo il 31 dicembre 1960, vedere la sezione 10(k) della Pub. L. 86–779, indicata come nota sulla data di entrata in vigore nella sezione 856 di questo titolo.

Ripartizione del reddito imponibile del 1975 tra i membri componenti di un gruppo di società controllato

Pub. L. 94–12, titolo III, §303(c)(1), 29 marzo 1975, 89 Stat. 44, prevedeva in parte che: “Nell’applicare il comma (b)(2) dell’articolo 11 [ex comma (b)(2) di questo articolo], i primi $ 25.000 di reddito imponibile e i secondi $ 25.000 di reddito imponibile dovranno ciascuno essere ripartito tra i membri che compongono un gruppo societario controllato nello stesso modo in cui viene ripartita l’esenzione dall’addizionale.”

§12. Riferimenti incrociati relativi all’imposta sulle società

(1) Per l’imposta sul reddito d’impresa non correlato di alcune società di beneficenza e altre società esenti da imposta ai sensi di questo capitolo, vedere la sezione 511.

(2) Per l’imposta sugli utili cumulati e l’imposta sulle società di partecipazione personale, vedere le parti I e II del sottocapitolo G (sezione 531 e seguenti).

(3) Per il raddoppio dell’imposta sulle società di alcuni paesi stranieri, vedere la sezione 891.

(4) Per l’aliquota della ritenuta in caso di società straniere, vedere la sezione 1442.

(16 agosto 1954, cap. 736, 68A Stat. 11; Pub. L. 88–272, titolo II, §234(b)(4), 26 febbraio 1964, 78 Stat. 115; Pub. L 91–172, titolo III, §301(b)(3), 30 dicembre 1969, 83 Stat. 585; Pub. L. 94–12, titolo III, §303(c)(2), marzo 30, 1969, 83 Stat. 585; 29, 1975, 89 Stat. 44; Pub. L. 95–600, titolo III, §301(b)(1), 6 novembre 1978, 92 Stat. 2820; Pub. L. 98–369, div. A, titolo IV, §474(r)(29)(E), 18 luglio 1984, 98 Stat. 844; Pub. L. 99–514, titolo VII, §701(e)(4)(B), 22 ottobre 1986, 100 Stat. 2343; Pub. L. 115–97, titolo I, §§12001(b)(12), 13001(b)(2)(B), 22 dicembre 2017, 131 Stat. 2094, 2096.)

Note editoriali

Modifiche

2017 —Pars. da (4) a (6). Pub. L. 115–97, §13001(b)(2)(B), rinominato par. (5) come (4) e cancellati i precedenti par. (4) e (6) che recitano come segue:

“(4) Per l’imposta alternativa in caso di plusvalenze, vedere la sezione 1201(a).

“(6) Per la limitazione dei benefici del tariffario graduato previsto nella sezione 11(b), vedere la sezione 1551.”

Par. (7). Pub. L. 115–97, §12001(b)(12), par. cancellato. (7) che recita quanto segue: “Per l’imposta minima alternativa, vedere la sezione 55.”

1986 —Par. (7). Pub. L. 99–514 ha modificato il par. (7) in generale, sostituendo “imposta minima alternativa” e “55” rispettivamente con “imposta minima per preferenze fiscali” e “56”.

1984 —Parr. da (6) a (8). Pub. L. 98–369 parr. (7) e (8) come (6) e (7), rispettivamente. L’ex par. (6), che faceva riferimento alla sezione 1451 per la ritenuta d’imposta sui covenant bond esenti da imposte, è stato cancellato.

1978 —Par. (7). Pub. L. 95–600 ha sostituito “i benefici del tariffario graduato forniti nella sezione 11 (b)” con “l’esenzione di $ 25.000 dall’addizionale prevista nella sezione 11 (c)”.

1975 —Par. (7). Pub. L. 94–12 ha sostituito “$ 50.000” con “$ 25.000” per un periodo limitato. Vedere Date di entrata in vigore e di cessazione della nota di modifica del 1975 riportata di seguito.

1969 – Par. (8). Pub. L. 91–172 ha aggiunto il par. (8).

1964 — Par. (8). Pub. L. 88–272 cancellato il par. (8) che faceva riferimento alla sezione 1503 relativa all’imposta aggiuntiva per le società che presentano dichiarazioni consolidate.

Note statutarie e società controllate correlate

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 2017

Modifica da parte della sezione 12001(b)(12) della Pub. L. 115–97 applicabile agli anni imponibili che iniziano dopo il 31 dicembre 2017, vedere la sezione 12001(c) della Pub. L. 115–97, riportato in nota nella sezione 11 del presente titolo.

Modifica da parte della sezione 13001(b)(2)(B) della Pub. L. 115–97 applicabile agli anni imponibili che iniziano dopo il 31 dicembre 2017, vedere la sezione 13001(c)(1) della Pub. L. 115–97, riportato in nota nella sezione 11 del presente titolo.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1986

Emendamento del Pub. L. 99–514 applicabile agli anni imponibili che iniziano dopo il 31 dicembre 1986, con alcune eccezioni e qualifiche, vedere la sezione 701 (f) della Pub. L. 99–514, indicata come nota sulla data di entrata in vigore nella sezione 55 del presente titolo.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1984

Emendamento del Pub. L. 98–369 non applicabile rispetto agli obblighi emessi prima del 1 gennaio 1984, vedere la sezione 475 (b) della Pub. L. 98–369, riportato come nota nella sezione 33 del presente titolo.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1978

Emendamento del Pub. L. 95–600 applicabile agli anni imponibili che iniziano dopo il 31 dicembre 1978, vedere la sezione 301 (c) della Pub. L. 95–600, riportato in nota alla sezione 11 del presente titolo.

Date di entrata in vigore e di scadenza dell’Emendamento del 1975

Emendamento del Pub. L. 94–12 applicabile agli anni fiscali che terminano dopo il 31 dicembre 1974, ma per cessare di applicarsi agli anni fiscali che terminano dopo il 31 dicembre 1975, vedere la sezione 305(b)(1) della Pub. L. 94–12, riportato in nota nella sezione 11 del presente titolo.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1969

Emendamento del Pub. L. 91–172 applicabile agli anni imponibili che terminano dopo il 31 dicembre 1969, vedere la sezione 301 (c) della Pub. L. 91–172, riportato come nota nella sezione 5 del presente titolo.

Data di entrata in vigore dell’emendamento del 1964

Emendamento del Pub. L. 88–272 applicabile agli anni imponibili che iniziano dopo il 31 dicembre 1963, vedere la sezione 234 (c) della Pub. L. 88–272, riportato come nota nella sezione 1503 di questo titolo.

Applicabilità di alcuni emendamenti del diritto pubblico 99–514 in relazione agli obblighi del trattato degli Stati Uniti

Per l’applicabilità dell’emendamento del Pub. L. 99–514 nonostante qualsiasi obbligo derivante dal trattato degli Stati Uniti in vigore dal 22 ottobre 1986, vedere la sezione 1012(aa)(2) della Pub. L. 100–647, riportato come nota nella sezione 861 di questo titolo.

Wyoming Statutes (Codici dello Stato del Wyoming) – Titolo 39 – Tassazione ed entrate (Taxation and Revenue)

Codici dello Stato del Wyoming nella versione del 2022

Titolo 39 – Tassazione ed entrate