Lituania – Imposta sul reddito delle Società

Il principale atto giuridico –   Legge sull’imposta sul reddito  delle società della Repubblica di Lituania (di seguito – la legge sull’imposta sul reddito)

Contribuenti:

  • Unità lituana;
  • Unità straniera.

Oggetto dell’imposta:

La base imponibile unitaria lituana  è tutto il reddito, la cui fonte è nella Repubblica di Lituania e al di fuori della Repubblica di Lituania:

  • guadagnato nella Repubblica di Lituania;
  • guadagnato all’estero.

Il reddito positivo è anche incluso nel reddito dell’unità lituana secondo la procedura stabilita dall’articolo 39 della Legge sull’imposta sul reddito  delle società della Repubblica di Lituania . Il reddito del gruppo europeo di interesse economico è anche incluso nel reddito dell’unità lituana (partecipante del gruppo europeo di interesse economico) secondo la procedura stabilita dall’articolo 39 1  della presente legge.

La base imponibile non include il reddito operativo di un’unità lituana attraverso stabili organizzazioni situate nei paesi dello Spazio economico europeo (SEE) o paesi con i quali la Lituania ha concluso e applica un accordo per evitare la doppia imposizione (DAIS), se il reddito operativo ha portato attraverso queste stabili organizzazioni è tassato secondo la procedura stabilita per l’imposta sulle società (o imposta equivalente) in quei paesi.

Base imponibile unità estera :

  • reddito derivante da attività svolte da un’unità straniera  attraverso i suoi uffici permanenti  nel territorio della Repubblica di Lituania,
  • reddito da telecomunicazioni internazionali guadagnato attraverso stabili organizzazioni nella Repubblica di Lituania e il 50% del reddito di trasporto che inizia nel territorio della Repubblica di Lituania e termina all’estero o inizia all’estero e termina nel territorio della Repubblica di Lituania e
  • redditi conseguiti all’estero, attribuiti a tali stabili organizzazioni nella Repubblica di Lituania nel caso in cui tali redditi siano correlati alle attività dell’unità estera attraverso stabili organizzazioni nella Repubblica di Lituania;
  • reddito percepito da un’entità straniera  al di fuori della sua stabile organizzazione  , la cui fonte è nella Repubblica di Lituania (parte 4 dell’articolo 4 della Legge sull’imposta sul reddito  delle società della Repubblica di Lituania).

L’utile imponibile è calcolato dal reddito dopo aver dedotto il reddito esentasse, le detrazioni consentite e le detrazioni consentite limitate. La procedura per le detrazioni relative ai redditi percepiti tramite stabili organizzazioni è stata stabilita dal governo della Repubblica di Lituania nel 2002. 5 marzo con delibera n. 321.

La base imponibile fissa dell’utile è calcolata secondo l’articolo 38 2 della Legge sull’imposta sul reddito  delle società della Repubblica di Lituania   . disposizioni, tenuto conto del forfait giornaliero applicato per ogni 100 unità di capacità utile di una nave marittima e del numero di giorni nel periodo d’imposta dell’unità di navigazione.

Aliquote fiscali:

15 percento  sono soggetti ad aliquota d’imposta:

  • reddito imponibile dell’unità lituana e delle stabili organizzazioni;
  • reddito da utili distribuiti;
  • sostegno ricevuto, utilizzato in modo non conforme allo scopo di sostegno stabilito nella legge sulla beneficenza e sul sostegno della Repubblica di Lituania (senza detrazioni);
  • parte del sostegno ricevuto in contanti da un fornitore di sostegno durante il periodo fiscale che supera l’importo di 250 MGL (senza detrazioni);
  • unità di spedizione base imponibile sul reddito fisso (senza alcuna detrazione).

(Art. 5, comma 2, della Legge sull’imposta sul reddito  delle società della Repubblica di Lituania) 5 percento  l’aliquota fiscale si applica al reddito imponibile:

  1. unità in cui:
  • il numero medio dei dipendenti iscritti nelle liste non supera le 10 unità e il reddito di periodo d’imposta non supera i 300.000 euro.

Questa regola non si applica quando il numero totale di dipendenti e/o il totale del fatturato annuo  supera  i limiti stabiliti, ovvero 10 dipendenti e/o 300.000 EUR di fatturato annuo, per le seguenti unità:

  • per le imprese individuali i cui titolari oi loro familiari siano titolari anche di altre imprese individuali;
  • per le imprese individuali, il cui titolare e/o suoi familiari detengono oltre il 50% dell’altra unità nell’ultimo giorno del periodo d’imposta, ovvero il 50,01%. e altro ancora, azioni (parti, azioni).
  • per le quote in cui lo stesso partecipante (azionista, socio o azionista) possiede più del 50% nell’ultimo giorno del periodo d’imposta, ovvero il 50,01%. e altro ancora, azioni (parti, azioni).
  • per le quote nelle quali gli stessi partecipanti (azionisti, soci o soci) controllano congiuntamente più del 50%, cioè il 50,01%, all’ultimo giorno del periodo d’imposta. e altro ancora, azioni (parti, azioni).
  1. delle società cooperative (cooperative) i cui redditi nel periodo d’imposta rappresentano oltre il 50 per cento dei redditi delle attività agricole, ivi compresi i redditi delle società cooperative (cooperative) per i prodotti agricoli venduti e acquistati dai propri soci e da questi prodotti.
  2. ai sensi dell’articolo 5 della Legge sull’imposta sul reddito  delle società della Repubblica di Lituania. Parte 7, reddito ricevuto dall’uso, dalla vendita o da altro trasferimento di beni creati nelle attività di ricerca scientifica e sviluppo sperimentale (di seguito – R&S) svolte dal contribuente (entità lituana, stabile organizzazione) (incluse le royalties e i compensi per diritti di proprietà intellettuale violati) diritti di proprietà) in conformità con quanto stabilito la parte del reddito imponibile calcolato utilizzando la formula è tassata con un’aliquota fiscale del 5 percento se:
  • il reddito derivante dall’uso, dalla vendita o da altro trasferimento di proprietà della suddetta proprietà è ricevuto solo dall’unità lituana o dalla stabile organizzazione che l’ha creata e solo loro sostengono tutte le spese dovute al conseguimento del suddetto reddito e
  • la proprietà è un programma per elaboratore protetto da diritto d’autore o un’invenzione che soddisfa i criteri di brevettabilità (novità, livello di invenzione, applicabilità industriale), protetta dall’Ufficio Europeo dei Brevetti, da un Paese dello Spazio Economico Europeo o da un Paese con cui è stata stipulata una doppia accordo di evasione fiscale concluso ed in vigore, da brevetti rilasciati o da testimonianze di protezione integrativa.

Le perdite subite a causa dell’uso, vendita o altro trasferimento di proprietà di beni creati nelle attività di ricerca e sviluppo sono calcolate secondo l’articolo 5 della Legge sull’imposta sul reddito  delle società della Repubblica di Lituania. la formula stabilita al comma 9, sono dedotti solo dal reddito imponibile conseguito dalla stessa attività.

0 percento  l’aliquota si applica ad una unità di nuova immatricolazione per il primo periodo d’imposta se:

  • durante il primo periodo d’imposta, il numero medio dei dipendenti iscritti nelle liste non superi le 10 persone e il reddito del primo periodo d’imposta non superi i 300.000 euro e il/i partecipante/i sia una/e persona/e fisica/e, e solo se durante il primo periodo d’imposta tre periodi d’imposta consecutivi, compreso per il primo periodo d’imposta:
  1. il funzionamento dell’unità non è sospeso,
  2. la quota non è liquidata,
  3. è in fase di riorganizzazione e
  4. le quote unitarie (parti, azioni) non sono trasferibili a nuovi partecipanti.

Questa regola non si applica quando il numero totale di dipendenti e/o il totale del fatturato annuo  supera  i limiti stabiliti, ovvero 10 dipendenti e/o 300.000 EUR di fatturato annuo, per le seguenti unità:

  • per le imprese individuali i cui titolari oi loro familiari siano titolari anche di altre imprese individuali;
  • per le imprese individuali, il cui titolare e/o suoi familiari detengono oltre il 50% dell’altra unità nell’ultimo giorno del periodo d’imposta, ovvero il 50,01%. e altro ancora, azioni (parti, azioni).
  • per le quote in cui lo stesso partecipante (azionista, socio o azionista) possiede più del 50% nell’ultimo giorno del periodo d’imposta, ovvero il 50,01%. e altro ancora, azioni (parti, azioni).
  • per le quote nelle quali gli stessi partecipanti (azionisti, soci o soci) controllano congiuntamente più del 50%, cioè il 50,01%, all’ultimo giorno del periodo d’imposta. e altro ancora, azioni (parti, azioni).

Il reddito delle unità estere,  la cui fonte è nella Repubblica di Lituania, percepito al di fuori delle loro stabili organizzazioni in Lituania, è tassato alla fonte del reddito come segue:

  • royalties, incluso PMI Art. 4 i casi di cui al comma 5; il reddito derivante da risarcimento per violazione del diritto d’autore o dei diritti connessi è tassato senza detrazioni all’aliquota del  10%.  aliquota fiscale (ad eccezione dei casi in cui questo reddito non è tassato ai sensi dell’articolo 37 1 della legge sull’imposta sul reddito  );
  • reddito da proprietà venduta, trasferita in altro modo o proprietà immobiliare in locazione situata nel territorio della Repubblica di Lituania; reddito da artisti e attività sportive svolte nella Repubblica di Lituania; pagamenti per le attività dei membri del consiglio di sorveglianza, proventi da utili distribuiti – applicando il  15%.  aliquota fiscale

(l’imposta sugli utili pagata da un’unità straniera sul reddito per artisti e/o attività sportive svolte nella Repubblica di Lituania e/o beni venduti o altrimenti trasferiti in proprietà può essere ricalcolata secondo la procedura stabilita dall’articolo 54 del PMI);

  • l’interesse di entità straniere registrate o altrimenti organizzate in un paese SEE o in un paese con il quale è stato concluso e applicato un accordo di evasione DAIS è esentasse;

interessi di quote estere non registrate o comunque organizzate in uno Stato SEE o in uno Stato con il quale è stato stipulato un accordo DAIS ed è applicabile, ad eccezione degli interessi su titoli di Stato, interessi maturati ed erogati su depositi e interessi su prestiti subordinati, che corrispondono agli atti giuridici dei criteri della Banca di Lituania, tassati senza detrazioni al  10%.  aliquota fiscale.

L’imposta aggiuntiva sugli utili degli istituti di credito è pagata  dalle banche che operano in conformità con la legge bancaria della Repubblica di Lituania, comprese le filiali di banche commerciali estere, le unioni di credito che operano in conformità con la legge sulle unioni di credito della Repubblica di Lituania e le unioni di credito centrali operante in conformità con la legge sulle cooperative di credito centrali della Repubblica di Lituania.

Reddito imponibile degli enti creditizi, calcolato dal reddito dopo aver dedotto il reddito non imponibile, le detrazioni consentite e limitate consentite (escluso l’importo delle maggiori detrazioni per i costi di ricerca e sviluppo sperimentale, l’importo dei fondi forniti gratuitamente per la produzione di un film o parte di esso, l’importo del mantenimento deducibile e l’ammontare delle perdite dei periodi d’imposta precedenti, dedotte dal reddito del periodo d’imposta), è tassato con l’aliquota del 5 per cento addizionale dell’imposta sugli utili degli enti creditizi  .

Periodo d’imposta –  Anno d’imposta. Coincidono con l’anno solare. Su richiesta del contribuente, tenuto conto delle caratteristiche della sua attività, può essere fissato per lui un diverso periodo d’imposta, purché il periodo d’imposta sia pari a 12 mesi (art. 6 del Codice Tributario).

Principali esenzioni ed esenzioni:

Fino a una decisione separata del Seimas,  l’utile imponibile delle seguenti unità è tassato con un’imposta sull’utile inferiore  :

  • Persone giuridiche , il cui reddito da prodotti fatti da sé è superiore al 50%. di tutti i redditi ricevuti e in cui sono impiegate persone con capacità lavorativa limitata, ridurre l’imposta sugli utili calcolata, articolo 58 del PMĮ. il 16 secondo la procedura di cui al punto 3 (l’importo calcolato dell’imposta sugli utili, tenendo conto della quota di persone con capacità lavorativa limitata tra tutte le persone occupate, è ridotto rispettivamente del 25%, 50%, 75% o 100%, ).

Fino al 01/01/2018 per le aziende iscritte in Zona Franca Economica

  • Ai sensi dell’articolo 58 della Legge sull’imposta sul reddito  delle società della Repubblica di Lituania. Società in zona franca iscritta fino al 01/01/2018 ai sensi del punto 1 della parte 16, in cui gli investimenti hanno raggiunto un importo di almeno 1 milione di euro, non paga l’imposta sulle società per 6 periodi d’imposta, a partire dal periodo d’imposta in cui è stato raggiunto tale importo dell’investimento, e per i successivi 10 periodi d’imposta è soggetta a un’aliquota ridotta del 50% dell’imposta sulle società. L’agevolazione può essere applicata solo se almeno il 75 per cento del reddito della società nella zona per il periodo d’imposta in questione è costituito da reddito derivante da attività di produzione, trasformazione, lavorazione, deposito di beni, fabbricazione di aeromobili e veicoli spaziali e relative attrezzature, riparazione e manutenzione di aeromobili e veicoli spaziali effettuati nella zona, attività relative alla manutenzione e riparazione di aeromobili (riparazione di apparecchiature elettroniche e ottiche, ispezione e analisi tecnica), attività di programmazione informatica, attività di consulenza informatica, gestione di apparecchiature informatiche, altre attività informatiche e di servizi informatici, elaborazione dati, servizi di server Internet (hosting) e attività connesse, attività di centri di servizi informativi esternalizzati, commercio all’ingrosso di beni immagazzinati nella zona e/o servizi forniti in relazione ai suddetti tipi delle attività svolte nella zona (trasporto, manutenzione, costruzione di beni prodotti, trasformati, trasformati o immagazzinati nella zona, nonché necessari per la produzione, lavorazione o trasformazione effettuata nella zona, nel territorio della zona di costruzione e altri servizi connessi alle suddette attività). Lo sgravio stabilito in questa parte può essere applicato solo se la società della zona franca dispone di una relazione del revisore dei conti che conferma l’importo richiesto dell’investimento di capitale. Se l’importo dell’investimento diminuisce e non raggiunge più 1 milione di euro prima della scadenza del periodo per l’applicazione dell’agevolazione stabilita nella presente parte, l’applicazione dell’agevolazione è sospesa per il periodo d’imposta in cui l’importo dell’investimento è così diminuito, ed è rinnovabile per il periodo d’imposta in cui l’investimento torna ad essere pari a 1 milione di euro. In nessun caso gli sgravi stabiliti possono essere applicati agli enti creditizi e alle imprese di assicurazione;
  • Ai sensi dell’articolo 58 della Legge sull’imposta sul reddito  delle società della Repubblica di Lituania. Secondo il punto 2 della parte 16, una società della zona economica libera registrata prima del 01/01/2018, il cui numero medio di dipendenti in un anno d’imposta è di almeno 20 e i cui investimenti di capitale hanno raggiunto un importo di almeno 100 mila euro, non paga l’imposta sugli utili per 6 periodi d’imposta a partire dal periodo d’imposta in cui è stato raggiunto tale importo di investimento , e per i successivi 10 periodi d’imposta si applica un’aliquota dell’imposta sulle società ridotta del 50%. L’agevolazione può essere applicata solo se almeno il 75 per cento del reddito d’impresa nella zona del periodo d’imposta di riferimento è costituito da redditi derivanti da attività contabili, contabili e di consulenza svolte nella zona (salvo revisione contabile, esame contabile e attestazione di giustizia) , attività amministrative e di servizio delle istituzioni, attività delle risorse umane, architettura e ingegneria e relative attività di consulenza tecnica (ad eccezione del controllo dei lavori di costruzione, scattare foto della zona). Lo sgravio stabilito in questa parte può essere applicato solo se la società della zona franca dispone di una relazione del revisore dei conti che conferma l’importo richiesto dell’investimento di capitale. Qualora l’importo dell’investimento di capitale diminuisca prima della fine del periodo di applicazione dell’esenzione stabilito nella presente parte e non raggiunga più i centomila euro e/o il numero medio dei dipendenti nell’anno d’imposta diventi inferiore a 20, si applica l’art. l’esenzione è sospesa per il periodo d’imposta in cui l’importo dell’investimento e/o il numero medio dei dipendenti nell’anno d’imposta così ridotto, e può essere rinnovata nel periodo d’imposta in cui l’investimento raggiunge nuovamente i centomila euro e/ oppure il numero medio di dipendenti nell’anno fiscale diventa di nuovo almeno 20.

Per le aziende iscritte in Zona Franca Economica dopo il 31/12/2017

  • Ai sensi dell’articolo 58 della Legge sull’imposta sul reddito  delle società della Repubblica di Lituania. Società in zona franca iscritta dopo il 31/12/2017, punto 1 della parte 16, in cui gli investimenti di capitale hanno raggiunto un importo di almeno 1 milione di euro, non paga l’imposta sulle società per 10 periodi d’imposta, a partire dal periodo d’imposta in cui è stato raggiunto tale importo di investimento, e per i successivi 6 periodi d’imposta è soggetta a un’aliquota ridotta del 50% dell’imposta sulle società. L’agevolazione stabilita in questa parte può essere applicata solo se almeno il 75 per cento del reddito della società di zona per il relativo periodo d’imposta è costituito da redditi derivanti dalle attività svolte nella zona. Lo sgravio stabilito in questa parte può essere applicato solo se la società della zona franca dispone di una relazione del revisore dei conti che conferma l’importo richiesto dell’investimento di capitale. Se l’importo dell’investimento diminuisce prima della scadenza del periodo di applicazione dell’agevolazione stabilita nella presente parte e non raggiunge più 1 milione di euro, l’applicazione dell’agevolazione è sospesa nel periodo d’imposta in cui l’importo dell’investimento risulta così ridotto, e può essere rinnovata nel periodo d’imposta in cui l’investimento raggiunge nuovamente il milione di euro. L’agevolazione stabilita nella presente parte non si applica alla società che svolge attività di negoziazione e si applica in quanto compatibile con la disciplina del 2014 17 giugno Regolamento (UE) n. 651/2014, che dichiara talune categorie di aiuti compatibili con il mercato interno applicando le disposizioni degli artt. 107 e 108 del Trattato (GU L 187, pag. 1). Regolamento (UE) n. 651/2014, che dichiara talune categorie di aiuti compatibili con il mercato interno applicando le disposizioni degli artt. 107 e 108 del Trattato (GU L 187, pag. 1). Regolamento (UE) n. 651/2014, che dichiara talune categorie di aiuti compatibili con il mercato interno applicando le disposizioni degli artt. 107 e 108 del Trattato (GU L 187, pag. 1).

 

  • Ai sensi dell’articolo 58 della Legge sull’imposta sul reddito  delle società della Repubblica di Lituania.  le disposizioni del comma 16, punto 2, società in zona franca iscritta dopo il 31.12.2017, il cui numero medio di dipendenti in un anno d’imposta sia di almeno 20 e ove gli investimenti di capitale abbiano raggiunto un importo di almeno 100mila euro, non versano l’imposta sulle società per 10 periodi d’imposta, a partire dal periodo d’imposta in cui tale investimento ammonta è stato raggiunto e per i prossimi 6 periodi d’imposta è soggetto a un’aliquota dell’imposta sulle società ridotta del 50%. L’agevolazione stabilita in questa parte può essere applicata solo nel caso in cui almeno il 75 per cento del reddito dell’impresa della zona per il relativo periodo d’imposta sia costituito da redditi derivanti dalle attività di prestazione di servizi svolte nella zona. Lo sgravio stabilito in questa parte può essere applicato solo se la società della zona franca dispone di una relazione del revisore dei conti che conferma l’importo richiesto dell’investimento di capitale. Qualora l’importo dell’investimento di capitale diminuisca prima della fine del periodo di applicazione dell’esenzione stabilito nella presente parte e non raggiunga più i centomila euro e/o il numero medio dei dipendenti nell’anno d’imposta diventi inferiore a 20, si applica l’art. l’esenzione è sospesa per il periodo d’imposta in cui l’importo dell’investimento e/o il numero medio dei dipendenti nell’anno d’imposta così ridotto, e può essere rinnovata nel periodo d’imposta in cui l’investimento raggiunge nuovamente i centomila euro e/ oppure il numero medio di dipendenti nell’anno fiscale torna ad essere almeno 20. m. 17 giugno Regolamento (UE) n. 651/2014, che dichiara talune categorie di aiuti compatibili con il mercato interno applicando gli articoli 107 e 108 del Trattato (GU L 187, pag.

 

  • Ai sensi dell’articolo 58 della Legge sull’imposta sul reddito  delle società della Repubblica di Lituania. 16, le disposizioni del paragrafo  , una persona giuridica che realizza un progetto su larga scala  in conformità con un accordo di investimento di progetto su larga scala valido e il cui numero medio di dipendenti richiesto per l’attuazione di un progetto su larga scala nella Repubblica di Lituania in un anno fiscale non è inferiore a 150, e quando l’investimento è effettuato a Vilnius, non inferiore a 200, e quando l’investimento di capitale privato in un grande progetto nella Repubblica di Lituania ha raggiunto un importo di almeno 20 milioni di euro, e quando investe a Vilnius, un importo di almeno 30 milioni di euro e chi non utilizza i punti 1 e 2 della parte 16 di questo articolo o 16 3  l’agevolazione dell’imposta sulle società di cui al comma 1 non paga l’imposta sulle società, a partire dal periodo d’imposta in cui è stato raggiunto tale importo di investimento e il numero medio dei dipendenti. Lo sgravio stabilito in questa parte si applica solo nel caso in cui almeno il 75 per cento del reddito della persona giuridica per il periodo d’imposta pertinente sia costituito da reddito derivante da elaborazione dati, servizi di server Internet (hosting) e attività correlate, o reddito da produzione, e solo per quei redditi della persona giuridica che ha ricevuto durante l’attuazione di un progetto su larga scala. Lo sgravio previsto in questa parte si applica solo se la persona giuridica dispone di una relazione di revisione che conferma l’importo richiesto degli investimenti di capitale privato della persona giuridica. Se l’importo dell’investimento di capitale privato di una persona giuridica in un grande progetto diminuisce e non raggiunge più l’importo di 20 milioni di euro, e quando l’investimento è realizzato a Vilnius, almeno 200. Lo sgravio stabilito in questa parte per una persona giuridica che realizza un grande progetto è applicabile per non più di 20 anni dalla data di entrata in vigore del grande progetto contratto di investimento. Lo sgravio stabilito nella presente parte si applica nella misura in cui è compatibile con gli atti giuridici dell’Unione Europea, che disciplinano l’erogazione degli aiuti di Stato, e con la procedura di erogazione e vigilanza sugli aiuti di Stato istituita dal Governo della Repubblica della Lituania o della sua istituzione autorizzata.

 

  • Ai sensi dell’articolo 58 della Legge sull’imposta sul reddito  delle società della Repubblica di Lituania. 16 paragrafo  , una persona giuridica che realizza un grande progetto  in conformità con un accordo di investimento di grande progetto valido e il cui numero medio di dipendenti necessari per realizzare il grande progetto nella Repubblica di Lituania nell’anno fiscale è di almeno 200, e il capitale privato gli investimenti nel grande progetto nella Repubblica di Lituania hanno raggiunto almeno l’importo di 100 milioni di euro e chi non utilizza i punti 1 e 2 della parte 16 di questo articolo o 16 2  l’agevolazione dell’imposta sulle società stabilita al comma 1 non paga l’imposta sulle società a partire dal periodo d’imposta in cui è stato raggiunto tale importo di investimento e il numero medio dei dipendenti. Lo sgravio stabilito in questa parte si applica solo nel caso in cui almeno il 75 per cento del reddito della persona giuridica per il periodo d’imposta pertinente sia costituito da reddito derivante da elaborazione dati, servizi di server Internet (hosting) e attività correlate, o reddito da produzione, e solo per quei redditi della persona giuridica che ha ricevuto durante l’attuazione di un progetto su larga scala. Lo sgravio previsto in questa parte si applica solo se la persona giuridica dispone di una relazione di revisione che conferma l’importo richiesto dell’investimento di capitale privato della persona giuridica in un grande progetto. Lo sgravio stabilito nella presente parte per una persona giuridica che realizza un grande progetto si applica per non oltre 20 anni dalla data di entrata in vigore dell’accordo di investimento per grandi progetti. Lo sgravio stabilito in questa parte si applica nella misura in cui è compatibile con gli atti giuridici dell’Unione europea che disciplinano la fornitura di aiuti di Stato, la procedura per la fornitura e la supervisione degli aiuti di Stato stabilita dal governo della Repubblica di Lituania o suo ente autorizzato, e le condizioni dell’autorizzazione alla concessione di aiuti di Stato rilasciata dalla Commissione europea.

 

Unità che attuano un progetto di investimento  (che effettuano investimenti in immobilizzazioni per la produzione di nuovi prodotti aggiuntivi o la fornitura di servizi o l’aumento della capacità di produzione (o fornitura di servizi), o l’introduzione di un nuovo processo di produzione (o fornitura di servizi), o il miglioramento essenziale di un processo esistente (parte di esso) per la sostituzione, nonché per l’introduzione di tecnologie protette da brevetti internazionali di invenzione), l’utile imponibile può essere ridotto dell’importo delle spese effettivamente sostenute per l’acquisizione di beni che soddisfano i requisiti specificati.

L’utile imponibile calcolato per il periodo d’imposta può essere ridotto fino al 100%.

Il reddito imponibile può essere ridotto solo dalle spese sostenute nei periodi d’imposta 2009-2023.

Nel calcolo dell’imposta sul reddito,  i costi , ad eccezione dei costi di ammortamento o ammortamento delle immobilizzazioni,  sostenuti in ricerca e sviluppo sono detratti tre volte dal reddito  nel periodo d’imposta in cui sono sostenuti, se i lavori di ricerca e sviluppo svolti sono relativi alla attività regolari o previste dell’unità da cui il reddito è o sarà reddito o beneficio economico ricevuto.

Unità nei periodi dal 2014 1 Gennaio fino al 2018 31 dicembre e/o dal 2019 1 Gennaio fino al 2023 31 dicembre dopo aver fornito fondi gratuiti che soddisfano i requisiti stabiliti dal PMI per  la produzione di un film o parte di esso  a un produttore cinematografico lituano , il 75% del reddito può essere detratto nel calcolo dell’imposta sugli utili. fornirebbe tali fondi gratuitamente. Inoltre, l’intero importo dei fondi per unità può ridurre l’imposta sugli utili secondo la procedura stabilita da PMĚ, ma l’utile imponibile calcolato per il periodo d’imposta può essere ridotto di non più del 75 percento.

Lo sgravio si applica al finanziamento di film che soddisfano i criteri di valutazione del contenuto culturale e della produzione. L’unità può applicare l’esenzione dall’imposta sugli utili dopo aver ricevuto un certificato di investimento (certificato sulla conformità dell’uso dei fondi forniti gratuitamente al produttore cinematografico con i requisiti stabiliti dal PMI).

 A partire dal periodo d’imposta iniziato nel 2019 sono state introdotte nuove disposizioni regolamentari per le unità senza scopo di lucro (PMĮ 46 Articolo 3  :

  • Le entità senza scopo di lucro di nuova registrazione possono applicare un’aliquota dell’imposta sulle società pari a 0 nel loro primo periodo d’imposta.
  • L’imposta sull’utile non viene pagata se il reddito imponibile calcolato nel periodo d’imposta viene ridotto dei fondi stanziati, cioè effettivamente utilizzati, o di cui si prevede l’utilizzo in 2 successivi periodi d’imposta per finanziare attività di interesse pubblico. Se l’ente senza scopo di lucro non utilizza effettivamente questi fondi per finanziare attività che soddisfano l’interesse pubblico, allora a causa della riduzione dell’utile imponibile, l’imposta sull’utile non calcolato dovrà essere versata al bilancio dello Stato ricalcolando e tassando l’utile imponibile del periodi d’imposta precedenti.
  • Se durante il periodo d’imposta i fondi utilizzati dall’ente per compensare le spese effettivamente sostenute per lo svolgimento di attività di utilità sociale dalle quali non deriva alcun reddito sono superiori all’ammontare del reddito imponibile calcolato per il periodo d’imposta, allora il parte di questi fondi eccedenti tale importo viene trasferita non più di due volte una dopo l’altra per l’anno d’imposta in corso,  per ridurre gli importi calcolati del reddito imponibile.
  • L’imposta sull’utile è calcolata come per le altre unità, cioè al 15%. aliquota dell’imposta sulle società o del 5%. aliquota, se il reddito dell’unità senza scopo di lucro durante il periodo d’imposta non supera i 300.000 euro, il numero dei dipendenti non supera 10 ei partecipanti all’unità non gestiscono altre unità.

Dichiarazione e pagamento:

Dichiarazione dei redditi annuale:

  • modulo PLN204 (fornito da persone giuridiche con scopo di lucro con responsabilità civile limitata);
  • Modulo PLN204A (fornito da persone giuridiche con responsabilità civile illimitata);
  • Modulo PLN204N (fornito da enti senza scopo di lucro);
  • Modulo PLN204U (fornito da unità estere operanti in Lituania attraverso una stabile organizzazione).

Moduli delle dichiarazioni annuali dei redditi e delle norme per la loro compilazione, approvate con ordinanza del Capo del Ministero dell’Interno e delle Comunicazioni del Ministero delle Finanze in data 15.01.2007 n. VA-2.

Dichiarazione annuale dell’imposta sull’utile fisso modulo PLN205 (fornita dall’unità di spedizione se ha scelto di applicare l’imposta sull’utile fisso). La dichiarazione e le relative regole di compilazione sono state approvate con Ordinanza n. 11/09/2007. VA-70.

La dichiarazione annuale dell’imposta sulle società e/o annuale dei redditi fissi deve essere presentata entro e non oltre il giorno 15 del sesto mese del periodo d’imposta successivo (entro il 15 giugno dell’anno successivo se il periodo d’imposta è un anno solare), e di l’ultimo periodo d’imposta entro e non oltre 30 giorni dalla cessazione dell’attività.

L’imposta sull’utile e/o l’imposta sull’utile fisso deve essere pagata entro e non oltre il termine per la presentazione della dichiarazione dell’imposta sull’utile annuale e/o dell’utile fisso annuale.

Modello di dichiarazione anticipata dei redditi FR0430, le cui modalità di compilazione sono approvate con ordinanza del Capo del Ministero dell’Interno e delle Comunicazioni del Ministero delle Finanze del 10/08/2002 n. 289 è dato:

  • per il I-II trimestre dell’anno d’imposta in corso (i primi sei mesi) – entro il quindicesimo giorno del terzo mese dell’anno d’imposta in corso (se l’anno d’imposta coincide con l’anno solare – entro il 15 marzo), e per il III-IV trimestre dell’anno d’imposta in corso (dal settimo al dodicesimo mese) – entro il quindicesimo giorno del nono mese dell’anno d’imposta in corso (se l’anno d’imposta coincide con l’anno solare – fino al 15 settembre) , se l’imposta anticipata sugli utili è calcolata sulla base dei risultati dell’anno precedente;
  • fino al quindicesimo giorno del terzo mese dell’anno d’imposta in corso (se l’anno d’imposta coincide con l’anno solare – entro e non oltre il 15 marzo), se l’imposta sugli utili anticipata è calcolata in base all’importo stimato dell’imposta sugli utili per l’imposta periodo.

L’imposta anticipata sugli utili deve essere versata entro e non oltre il quindicesimo giorno dell’ultimo mese del trimestre di ciascun periodo d’imposta.

Il VMI al capo della FM nel 2020 serve per dichiarare l’anticipo addizionale sugli utili degli enti creditizi. 12 febbraio con ordinanza n. VA-14 ha approvato il modulo PLN211 di dichiarazione dei redditi degli enti creditizi integrativi anticipati.

La dichiarazione dei redditi degli enti creditizi addizionali anticipati per i primi due trimestri del periodo d’imposta è presentata all’amministrazione fiscale entro il quindicesimo giorno del terzo mese del periodo d’imposta. La dichiarazione dell’imposta sugli utili degli enti creditizi integrativi anticipati per il terzo e quarto periodo d’imposta deve essere presentata all’amministrazione finanziaria entro il quindicesimo giorno del nono mese del periodo d’imposta.

L’imposta anticipata sugli utili deve essere versata al bilancio dello Stato entro e non oltre il quindicesimo giorno dell’ultimo mese del trimestre di ciascun periodo d’imposta.

Dichiarazione dei redditi (importi) pagati alle unità imponibili estere e l’imposta sugli utili calcolata da esse nel modulo FR0313, le cui regole per la compilazione sono approvate dall’ordine del capo del Ministero degli Affari Esteri del Ministero degli Affari Esteri di 8 febbraio 2002 n. 40 è presentata entro e non oltre 15 giorni dalla fine del mese in cui sono stati versati i redditi (somme).

La tassa deve essere versata entro e non oltre il termine per la presentazione della dichiarazione.

Modello di dichiarazione dei redditi dei dividendi FR0640, le cui modalità di compilazione sono approvate con ordinanza del Capo del Ministero dell’Interno e delle Comunicazioni del Ministero delle Finanze del 20.05.2004 n. VA-101 è presentata entro il quindicesimo giorno del mese successivo a quello in cui è stato pagato o ricevuto il dividendo.

La tassa deve essere versata entro e non oltre il termine per la presentazione della dichiarazione.

Dati pagamento VMI: