Quadro giuridico UE sulla emissione di criptovalute

Le valute virtuali sembrano diventare una priorità normativa dell’UE.

Secondo l’Autorità bancaria europea (European Banking Authority (EBA)), vedi (PARERE DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA
del 12 ottobre 2016 su una proposta di direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio che modifica la Direttiva (UE)
2015/849 relativa alla prevenzione dell’uso del sistema finanziario a fini di riciclaggio o finanziamento del terrorismo e che modifica la Direttiva 2009/10/CE
– punto 1.1.3.) “La valuta virtuale è la rappresentazione digitale di un valore che non è emesso da una banca centrale o da un ente pubblico, né è necessariamente correlato a moneta legale, ma è accettato da persone fisiche e giuridiche come mezzo di pagamento e possono essere trasferiti, archiviati o scambiati elettronicamente”, quindi è un tipo di moneta digitale non regolamentata che non è emessa e garantita da una banca centrale e che può fungere da mezzo di pagamento.

Il 18 settembre 2000 è stata emanata la  DIRETTIVA 2000/46/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO, riguardante l’avvio, l’esercizio e la vigilanza prudenziale dell’attività degli istituti di moneta elettronica (in seguito abrogata dalla Direttiva 2009/110/CE).

Il 16 settembre 2009 è stata emanata la Direttiva 2009/110/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, concernente l’avvio, l’esercizio e la vigilanza prudenziale dell’attività degli istituti di moneta elettronica, che modifica le direttive 2005/60/CE e 2006/48/CE e che abroga la direttiva 2000/46/CE.

Ai fini della Direttiva 2009/110/CE , si intende per:

1)

«istituto di moneta elettronica», una persona giuridica che è stata autorizzata ad emettere moneta elettronica conformemente al titolo II della stessa Direttiva;

2)

«moneta elettronica», il valore monetario memorizzato elettronicamente, ivi inclusa la memorizzazione magnetica, rappresentato da un credito nei confronti dell’emittente che sia emesso dietro ricevimento di fondi per effettuare operazioni di pagamento ai sensi dell’articolo 4, punto 5), della direttiva 2007/64/CE e che sia accettato da persone fisiche o giuridiche diverse dall’emittente di moneta elettronica;

3)

«emittente di moneta elettronica», i soggetti di cui all’articolo 1, paragrafo 1, gli istituti che beneficiano della deroga di cui all’articolo 1, paragrafo 3 e le persone giuridiche che beneficiano della deroga di cui all’articolo 9;

4)

«moneta elettronica in circolazione», la media dell’importo totale delle passività finanziarie connesse alla moneta elettronica emessa alla fine di ogni giorno civile nel corso dei sei mesi civili precedenti, calcolata il primo giorno di ogni mese civile e applicato a tale mese.

Il TITOLO II della Direttiva 2009/110/CE è dedicato alle CONDIZIONI PER L’AVVIO, L’ESERCIZIO E LA VIGILANZA PRUDENZIALE DELL’ATTIVITÀ DEGLI ISTITUTI DI MONETA ELETTRONICA”.

Più nello specifico:

  • nell’Articolo 3 sono esposte le  “Disposizioni prudenziali generali”;
  • nell’Articolo 4, “Capitale iniziale” si dichiara che: “Gli Stati membri impongono agli istituti di moneta elettronica l’obbligo di detenere, al momento dell’autorizzazione, un capitale iniziale comprensivo degli elementi di cui all’articolo 57, lettere a) e b), della direttiva 2006/48/CE che non sia inferiore a 350 000 EUR“;
  • Articolo 5 “Fondi propri”
  • Articolo 6 “Attività”
  • Articolo 7 “Requisiti di tutela”
  • Articolo 8 “Relazioni con i paesi terzi”
  • Articolo 9 “Deroghe facoltative”

Il TITOLO III della Direttiva 2009/110/CE è dedicato alla “EMISSIONE E RIMBORSABILITÀ DELLA MONETA ELETTRONICA”

Particolare importanza riveste l’Articolo 10 sul “Divieto di emettere moneta elettronica“: Fatto salvo l’articolo 18, gli Stati membri vietano l’emissione di moneta elettronica alle persone fisiche o giuridiche che non sono emittenti di moneta elettronica.

Nell’ Articolo 11 sono elencate le condizioni di “Emissione e rimborsabilità“.

Nell’Articolo 12 viene posto il “Divieto di interessi“.

La futura regolamentazione paneuropea delle criptovalute

Oggi le criptovalute sono ancora lontane dall’apice della loro legislazione unificata, ma la Commissione Europea ha già provveduto ad apportare importanti modifiche alla loro regolamentazione. Al centro di ciò è la proposta della Commissione del 24.9.2020 (Proposta di REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO relativo a un regime pilota per le infrastrutture di mercato basate sulla tecnologia del registro distribuito) di istituire un regime pilota per le infrastrutture di mercato che negoziano e regolano le transazioni in strumenti finanziari sotto forma di criptovalute (Distributed Ledger Technogy (DLT) Pilot – pilot regime to enable regulated institutions to develop DLT-based infrastructure for the trading, custody and settlement of securities). È stata inoltre proposta una bozza di un nuovo regolamento sui mercati delle criptovalute  – Proposta di REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO sui mercati delle criptovalute e modifica della Direttiva (UE) 2019/1937 (Markets in Crypto-Assets Regulation – MiCA (The Markets in Crypto-Assets Regulation (MICA) is being brought in to complement anti-money laundering (AML) rules and enhance financial stability and investor protection in Europe)).

La comunicazione della Commissione al Parlamento europeo, al Consiglio, al Comitato economico e sociale europeo e al Comitato delle regioni su una strategia per la digitalizzazione dei servizi finanziari nell’UE, COM (2020) 591 del 24.09.2020, recita: ” Il futuro della finanza è digitale: i consumatori e le imprese hanno sempre più accesso a servizi finanziari in modalità digitale, partecipanti al mercato innovativi mettono in campo nuove tecnologie e i modelli di business già esistenti stanno cambiando “.

Questo segna l’inizio della Procedura 2020/0265 / COD, COM (2020) 593: Proposta di REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO relativo ai mercati delle cripto-attività e che modifica la direttiva (UE) 2019/1937 e inserisce un testo in tal senso.

Questo è l’inizio della fine del vuoto nel quadro giuridico delle criptovalute.

Giustificando la necessità della sua adozione in 79 punti considerando, il futuro  REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO relativo ai mercati delle cripto-attività, sviluppato in 126 articoli,  ha quattro obiettivi principali (Punto 1 della relazione esplicativa alla proposta ):

  1. certezza del diritto;
  2. promuovere l’innovazione;
  3. livelli adeguati di tutela dei consumatori e degli investitori;
  4. relazioni di mercato eque e garantire la stabilità finanziaria.

Il campo di applicazione del futuro regolamento non comprende

Il futuro  REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO relativo ai mercati delle cripto-attività si applica alle persone coinvolte nell’emissione di criptovalute o che forniscono servizi relativi alle criptovalute .

L’articolo 3 (Definizioni ) del futuro  REGOLAMENTO stabilisce per la prima volta i termini e le corrispondenti definizioni riguardanti i termini di:

  • criptovaluta
  • emittente di criptovalute
  • asset-backed token ” (spesso indicati come “criptovalute stabili”)
  • token di moneta elettronica “. criptovalute stabili’),
  • ‘ fornitore di servizi di criptovaluta
  • token di beni o servizi ‘

e altri, e sono identificati i vari servizi relativi alla criptovaluta .

Per la prima volta il futuro  REGOLAMENTO definisce anche il cosiddetto ” white paper “, che deve contenere determinate informazioni a seconda del tipo di criptovaluta che deve descrivere , analogamente ai prospetti per l’offerta pubblica di titoli. È obbligatorio (vi sono delle eccezioni) per l’offerta pubblica di criptovalute, diverse dai token garantiti da asset e dai token per moneta elettronica (art. 5), per gli emittenti di token garantiti da asset (art. 16-19 e allegati I e II ), per i gettoni di moneta elettronica (articolo 46). Vengono inoltre introdotti i requisiti e le condizioni per la diffusione dei messaggi di marketing, che devono attenersi al contenuto del relativo White Paper.

Per la prima volta vengono introdotte le condizioni per gli emittenti di licenza di token garantiti da attività (art. 15), gli emittenti di token per moneta elettronica (art. 43), e per questi ultimi si può fare riferimento al regolamento sulle licenze come istituto di credito .o come ” istituto di moneta elettronica ” ai sensi dell’art. 2, par. 1 della Direttiva 2009/110/CE .

È anche importante notare che per la prima volta è regolamentato che i titolari di gettoni di moneta elettronica hanno diritto di rivalsa nei confronti dell’emittente: i gettoni di moneta elettronica devono essere emessi al valore nominale e al ricevimento dei fondi, e al richiesta del titolare di tali token, gli emittenti dovrebbero riscattarli in qualsiasi momento e al valore nominale (articolo 44). Agli emittenti di gettoni di moneta elettronica e ai fornitori di servizi di criptovaluta è vietato fornire interessi ai titolari di gettoni di moneta elettronica (articolo 45)

Sono inoltre introdotte condizioni per la licenza e le condizioni operative per i fornitori di servizi di criptovaluta (articolo 53), che saranno valide in tutta l’Unione Europea , indipendentemente dallo Stato membro in cui è rilasciata (articolo 53, punto 3).

Sono introdotti requisiti patrimoniali per gli emittenti di token garantiti da attività , ai sensi dell’art. 31, prevedendo diversi meccanismi per la determinazione del suo importo minimo, che non deve essere inferiore a 350 mila euro o equivalente. Oltre ai requisiti patrimoniali, il futuro  REGOLAMENTO prevede anche l’obbligo di stanziare una separata riserva di attività (articolo 32) per ciascun token garantito. Per gli emittenti di token garantiti da attività sono previste condizioni alle quali possono investire parte delle attività di riserva (art. 34) – solo in strumenti finanziari altamente liquidi con rischio di mercato e di credito minimo. Gli investimenti devono poter essere liquidati rapidamente con un effetto negativo minimo sul prezzo.

È importante notare che il futuro  REGOLAMENTO  impone requisiti che si applicano a tutti i fornitori di servizi di criptovaluta , come l’obbligo di agire in modo onesto, imparziale e professionale (articolo 59), garanzie prudenziali che introducono requisiti patrimoniali permanenti di un minimo di 50 000 EUR per la maggior parte servizi di criptovaluta di base (art. 60 e allegato IV), requisiti organizzativi (art. 61), norme sulla protezione delle criptovalute e dei fondi dei clienti(art. 63), nonché l’obbligo di istituire una procedura di reclamo (art. 64), la disciplina del conflitto di interessi (art. 65) e la disciplina dell’esternalizzazione. Sono previsti requisiti anche in relazione a specifici servizi: custodia di criptovalute (articolo 67), piattaforme per il trading di criptovalute (articolo 68), scambio di criptovalute contro valuta fiat o contro altre criptovalute (articolo 69), esecuzione di ordini Art. 70), collocamento di criptovalute (art. 71), ricezione e trasmissione di ordini per conto terzi (art. 72), nonché consulenze in materia di criptovalute (art. 73).

Una sezione speciale è inoltre dedicata alla prevenzione dell’uso improprio del mercato delle criptovalute (articoli 76-80), riguardante la divulgazione di informazioni privilegiate e il divieto di uso improprio e il divieto di manipolazione del mercato.

Il controllo del rispetto del futuro  REGOLAMENTO prevede significativi poteri di controllo e vigilanza delle istituzioni europee e obblighi per gli Stati membri di introdurre meccanismi di controllo e di irrogare sanzioni alle persone fisiche e giuridiche che agiscono in violazione, ma che non sono in regola. della mostra e sarà introdotta dai singoli Stati membri.

No TweetBacks yet. (Be the first to Tweet this post)