I quattro sistemi fiscali del mondo

I quattro sistemi fiscali del mondo

Attualmente nel mondo ci sono 206 Stati indipendenti con una totale autonomia per quanto riguarda la loro politica fiscale.

In tutto il mondo, 23 paesi non hanno tasse dirette (tra questi Bermuda, Monaco, Bahamas, Andorra, Maldive, gli Emirati Arabi Uniti (EAU))e in una cinquantina in più è possibile ottimizzare le tasse a seconda dei casi fino al punto di non doverle pagare.

I Paesi senza tasse hanno un sistema semplice in cui non paghi alcuna imposta sul reddito. I paesi a bassa imposizione fiscale, invece, utilizzano sistemi territoriali che tassano solo le fonti di reddito locali.

Il sistema fiscale territoriale di Singapore, ad esempio, attrae espatriati facoltosi addebitando solo le tasse sul reddito locale, non sugli investimenti stranieri.

Esistono sistemi fiscali nel mondo che differiscono notevolmente dalla tassazione basata sulla residenza che conosciamo nei paesi occidentali.

I quattro sistemi fiscali del mondo

Sistemi fiscali nel mondo:

  • Stati che hanno una tassazione “worldwide taxation principle, basata sulla residenza;
  • Stati che hanno una tassazione territoriale,  tassazione del reddito nello Stato della fonte;
  • Stati che hanno un sistema  ” non dom” (non domiciliato) ispirato alle tradizioni anglosassoni, in cui sono combinati il sistema worldwide ed il sistema terrritoriale;
  • Stati che hanno una tassazione su base di cittadinanza (solo due Paesi: gli Stati Uniti e l’Eritrea).

Il sistema fiscale più utilizzato in tutto il mondo è noto come tassazione worldwidebasata sulla residenza.Questo sistema di tassazione è il più diffuso al mondo ed è applicato dalla maggioranza degli Stati europei e mondiali. La worldwide taxation stabilisce che tutti i residenti in un dato paese devono pagare le tasse su tutte le fonti di reddito, sia quelle che hanno origine nel territorio dello Stato che quelle originate fuori dal territorio dello Stato.

In contrasto con ciò, esiste un altro sistema fiscale diffuso principalmente nei paesi in via di sviluppo: la tassazione del reddito nello Stato della fonte (tassazione territoriale). Secondo la tassazione territoriale un soggetto fiscalmente residente paga le imposte solo sul reddito generato entro i confini del paese dove egli è residente.

Il tipo misto è chiamato sistema non dom , il più utilizzato in Gran Bretagna e nelle sue antiche colonie. Qui i cittadini pagano le tasse come nel sistema della residenza, tranne per il fatto che gli stranieri possono godere dei vantaggi della tassazione territoriale. Ma nella maggior parte dei casi viene applicata la clausola di trasferimento , ovvero quando il reddito estero è esente da tasse solo se non viene trasferito sul territorio nazionale. Allo stesso modo, in generale, è necessario contribuire alla sicurezza sociale in questi Paesi.

Indipendentemente dai tre sistemi citati, ci sono anche Stati che non impongono tasse dirette. Questi sono generalmente piccoli paesi insulari o ricche monarchie petrolifere.

D’altra parte, ci sono molti paesi che rientrano ampiamente in uno o due di questi sistemi, ma presentano alcune eccezioni. Ad esempio, ci sono paesi che riducono il carico fiscale a partire da una determinata somma (come l’Isola di Man) o che tassano solo alcuni redditi generati al di fuori del paese, come interessi e dividendi (come l’Uruguay).

In relazione ai sistemi fiscali, l’esistenza di regole CFC è importante in quei rispettivi paesi. Ad esempio, la riduzione della tassazione basata sulla residenza può continuare ad essere interessante fintanto che è possibile gestire senza complicazioni società esentasse estere. Tuttavia, molti paesi con tassazione basata sulla residenza, in particolare quei paesi con un carico fiscale elevato, hanno promulgato regole CFC con l’obiettivo di prevenire l’elusione fiscale.

Tassazione basata sulla residenza

La tassazione basata sulla residenza è il sistema fiscale più avanzato al mondo, applicato in circa 130 paesi. Se un paese impone dazi fiscali ai cittadini che sono registrati presso l’ufficio censimento o hanno la residenza abituale (nel senso che hanno un domicilio fisso), dovranno pagare le tasse sul reddito, indipendentemente dal paese in cui è ottenuto.

Se la persona ha un’attività al di fuori del paese, dovrà continuare a pagare le tasse sul reddito guadagnato dalla distribuzione dei dividendi o dal proprio stipendio.

In molti paesi in cui la pressione fiscale è elevata, in cui sono presenti regole CFC una volta che i residenti fiscali raggiungono una certa quota di società estere che godono di oneri fiscali inferiori alla media (inferiore al 10% -15%), o se queste società operano dal loro paese di residenza , dovranno anche pagare le tasse locali in base all’aliquota dell’imposta sulle società nel paese con l’onere fiscale più elevato.

Tuttavia, solo 45 paesi hanno regole CFC. Ciò significa che quasi 85 paesi , la maggioranza mondiale, hanno un sistema basato sulla residenza in cui le società straniere possono essere gestite senza complicazioni o dover pagare tasse.

In Europa e nell’UE ci sono molti paesi con tassazione basata sulla residenza che mancano di regole CFC (Paesi come Svizzera, Belgio, Paesi Bassi e Lussemburgo, insieme alla maggior parte degli Stati dell’Europa sudorientale).

Paesi come la Bulgaria, che ha una flat tax del 10%, possono competere perfettamente con i paesi esentasse che spesso hanno tassi di insicurezza sociale molto più alti.

Tassazione territoriale

Questo tipo di tassazione è molto meno diffuso perché è molto rischiosa dal punto di vista dello Stato. Secondo la tassazione territoriale un soggetto fiscalmente residente paga le imposte solo sul reddito generato entro i confini del paese dove egli è residente.

I paesi che utilizzano la tassazione territoriale sono più attraenti per gli imprenditori che non sono legati a un unico luogo. In questi paesi, paghi solo le tasse sul reddito ottenuto all’interno del paese. Ciò significa che se una persona guadagna denaro in altri paesi, questo reddito sarebbe esentasse.

L’essenziale è che i guadagni esteri siano ottenuti tramite società estere. Chiunque registri una società all’interno del paese dovrà pagare l’imposta sulle società. Il reddito che proviene da attività commerciali locali non costituisce reddito estero, quindi è soggetto a tassazione.

In questi paesi, è importante distinguere se la tassazione territoriale si applica a livello personale o solo alle società.

Molti paesi in via di sviluppo, ma anche Marocco, Estonia e Singapore, hanno stabilito che la tassazione territoriale si applica solo alle imprese.

Ciò significa che una società in questi paesi non pagherà le tasse su una filiale situata in un altro paese esentasse e in determinate condizioni potrà trasferire questi profitti esentasse. 

Le persone che vogliono semplicemente fare affari in un altro paese generalmente non faranno ricorso alla tassazione territoriale.

Gli unici Stati rilevanti per questo articolo sono quelli . Ci sono 40 Paesi in tutto il mondo che utilizzano la tassazione territoriale per le persone fisiche come ad es.: Filippine, Hong Kong, Paraguay, Nicaragua e Panama. Vale anche la pena tenere a mente paesi come Namibia, Georgia, Malesia e Guatemala.

Affinché la tassazione territoriale funzioni più efficacemente, questi paesi hanno anche rifiutato le regole CFC.

Qualcuno con il proprio domicilio a Panama, ad esempio, potrà fare affari in Germania o nel Regno Unito con una società americana senza complicazioni e sarà esente dal pagamento delle tasse su tutti i propri profitti.

Il fatto che molti dei paesi con tassazione territoriale siano paesi in via di sviluppo ha i suoi vantaggi e svantaggi. Da un lato, la mancanza di infrastrutture e i tassi di criminalità possono essere un problema in molti di questi paesi.

Molti dei paesi più poveri, in particolare, hanno introdotto vari programmi che aiutano a facilitare l’ottenimento del permesso di soggiorno. A parte la mole di adempimenti burocratici, Stati come il Paraguay, le Filippine o Panama richiedono solo di depositare poche migliaia di dollari su un conto bancario locale.

In altri Stati che da decenni riconoscono i vantaggi della tassazione territoriale, la situazione oggi è ben diversa. Chi vuole stabilire il proprio domicilio a Hong Kong dovrà investire almeno mezzo milione di dollari per ottenere un permesso di soggiorno. 

Tuttavia, ci sono alcuni Stati che utilizzano la tassazione territoriale senza contributi previdenziali verso i quali è relativamente facile emigrare. In molti casi presentano l’ulteriore vantaggio che per mantenere la residenza non è necessario rispettare un soggiorno di sei mesi nel Paese.

In alcuni paesi, dopo aver ottenuto la residenza permanente, è possibile lasciare il paese per anni senza perdere lo status di residente legale. Di solito, come nei casi del Belize e dell’Uruguay, il requisito è di risiedere nel luogo per nove mesi del primo anno della domanda.

L’Uruguay, ad esempio, ha una forma speciale di tassazione territoriale. Gli imprenditori possono operare al di fuori del paese esentasse, ma devono pagare tasse del 12% su interessi e dividendi esteri.

Esistono eccezioni simili anche in altri paesi. Ad esempio, nelle Filippine e Cuba, la tassazione territoriale si applica solo agli stranieri, mentre i loro cittadini sono soggetti alla tassazione basata sulla residenza. È solo in Corea del Nord, che citiamo solo come aneddoto interessante, che funziona al contrario.

Alcuni paesi con tassazione basata sulla residenza, come la Repubblica Dominicana, offrono programmi speciali per pensionati e pensionati di una certa età che vogliono godersi una pensione esentasse.

Un’interessante combinazione di tassazione territoriale e di residenza è il sistema non dom , che analizzeremo in seguito.

Il sistema non dom

Il sistema non-dom deriva dalla legge inglese, che distingue tra domicilio e residenza. In parole povere, un “domicilio” è il paese in cui trascorri la maggior parte della tua vita e dove intendi morire. Generalmente, è definito dal paese di origine di tuo padre. Una “residenza”, invece, è il luogo in cui risiedi in un momento fisso della tua vita.

Se hai la residenza ma non sei domiciliato in un paese che utilizza il sistema non dom, puoi godere di una tipologia di tassazione territoriale. In pratica, ogni straniero è un non-dom, ma nessun cittadino lo è.

Quindi, quando si ha lo status di non-dom, si è soggetti a un tipo di tassazione territoriale, mentre i cittadini del paese fanno ricorso solo alla tassazione basata sulla residenza.

Il sistema non dom si differenzia dal sistema di tassazione territoriale per quanto riguarda l’applicazione di alcune condizioni straordinarie, note come clausola di trasferimento (Remittance Base). I guadagni esteri non sono tassabili fintanto che non vengono trasferiti o introdotti nel paese.

In pratica, ciò significa che è necessario evitare grandi flussi di reddito verso un conto bancario nazionale; altrimenti dovrai pagare le tasse alla tariffa standard. Tutto il denaro detenuto in conti esteri rimarrà esentasse.

Prelevare denaro da un bancomat o pagare con una carta di credito collegata a questi conti esteri non è considerato un’introduzione di denaro nel Paese (a condizione che ciò non avvenga nel paese di residenza).

3 paesi in Europa che utilizzano un sistema classico non dom sono il Regno Unito, l’Irlanda e Malta. Al di fuori del continente europeo, ci sono anche ex colonie britanniche che utilizzano il sistema non-dom, come Barbados nei Caraibi o Mauritius nell’Oceano Indiano.

Detto questo, dovranno contribuire alla sicurezza sociale praticamente in tutti gli Stati non domestici, il che può essere un’imposta relativamente alta, soprattutto nel Regno Unito. Inoltre, il sistema non dom è legato a determinate condizioni in alcuni paesi.

Ad esempio, nel Regno Unito si fa ricorso a queste normative solo per 7 anni. Trascorso questo tempo, dovrai pagare una flat tax di £ 30.000 (cosa che alla maggior parte dei milionari del Regno Unito non dispiace fare, ovviamente). Se qualcuno non vuole pagare le tasse, può lasciare il Regno Unito per 3 anni e tornare a godere di altri 7 anni senza tasse.

In Irlanda non esistono né questo limite di tempo né la flat tax.

Cipro è un caso speciale tra i paesi non dom. Lì potrai godere dell’esenzione fiscale totale per quanto riguarda interessi e dividendi, sia esteri che nazionali.

Dato che i sistemi non dom sono rivolti agli stranieri, la maggior parte degli Stati non dom sono abbastanza aperti all’immigrazione. 

Per quanto attiene le imprese, per es., i dividendi ricevuti da una holding company britannica da altre società UK o da società estere
beneficiano di un’esenzione dall’imposta chiamata Dividend Exemption, ciò significa che la holding del Regno Unito non deve pagare l’imposta sulle società (che attualmente è al 19%) sui
dividendi che riceve dalle società figlie.
Affinché’ la holding britannica possa usufruire di tale beneficio non dovrà superare due dei seguenti limiti (previsti anche per non avere l’obbligo dell’audit o revisione):
• Un fatturato annuo non superiore a £ 10,2 milioni
• Attività non superiori a £ 5,1 milioni
• 50 o più dipendenti in media

Sistemi senza tasse dirette

Infine, ci sono anche paesi nel mondo (23 paesi non hanno tasse dirette) che non applicano le tasse dirette (o quasi lo fanno).

Nella maggior parte di questi casi, non ci sono imposte sul reddito o imposta sulle plusvalenze e ci sono solo imposte sulle società limitate, di solito solo sulle banche e sui consorzi petroliferi per assicurare il finanziamento degli Stati in questione.

Pertanto, questi paesi esentasse, o piuttosto piccole isole , sono spesso centri finanziari offshore o paesi più ricchi di petrolio .

Nel primo tipo, puoi evitare di pagare le tasse dirette alle Bahamas, alle Isole Cayman o ad Anguilla, ad esempio. Nel secondo caso, paesi come il Brunei, il Qatar e gli Emirati Arabi Uniti funzionano come paradisi fiscali.

In ogni caso, non puoi dimenticare che l’assenza di tasse dirette non significa che non ci siano affatto tasse. Di solito c’è un’imposta sul valore aggiunto (IVA) e in molti casi tariffe di importazione molto elevate che aumentano notevolmente il costo della vita nei paesi in questione.

Inoltre, è generalmente abbastanza difficile emigrare in questi paesi.

No TweetBacks yet. (Be the first to Tweet this post)