Bulgaria – Legge sulle emissioni di criptovalute

Legge sui servizi di pagamento ed i sistemi di pagamento del 2009
Art. 1. Questa legge regola:
………………………………………..
7. (suppl., SG 101/10, in vigore dal 30.04.2011, ex punto 5 – SG 59/2016, in vigore dal 18.09.2016) le condizioni e l’ordine per la concessione di licenze e l’esecuzione di attività da parte di società di moneta elettronica;
………………………………………..

Capitolo quinto 
MONETA ELETTRONICA

Sezione I. Generale (Nuovo, SG n. 101/2010, entrata in vigore il 30.04.2011)

Emittenti di moneta elettronica
Art. 74. (1) Gli emittenti di moneta elettronica ai sensi della presente legge sono:

1. banche ai sensi dell’art. 2 della legge sugli istituti di credito ;
2. società di moneta elettronica autorizzate ai sensi della presente legge;
3. La Banca centrale europea e le banche centrali nazionali degli Stati membri in cui non agiscono in veste di autorità monetarie o di organismi che esercitano funzioni pubbliche.
(2) Le disposizioni del presente capo non si applicano a:
1. (modifica -. SG 59 del 2016.) Valore monetario memorizzato su strumenti che possono essere utilizzati per acquistare beni o servizi solo nei locali dell’emittente o nell’ambito di un accordo commerciale con l’emittente entro rete limitata di fornitori di servizi o acquisire limitata dal tipo di beni o servizi;
2. Il valore monetario che viene utilizzato per operazioni di pagamento eseguite tramite un dispositivo di telecomunicazione, digitale o informatico, quando i beni o servizi acquistati sono consegnati e utilizzati per telecomunicazione, digitale o informatico, a condizione che la telecomunicazione, digitale o I servizi di informazione non solo agiscono da intermediari tra l’utente dei servizi di pagamento e il fornitore di beni e servizi.
Emissione e rimborso
Art. 75. (Modificato, SG n. 101/2010, entrata in vigore il 30.04.2011) (1) Gli emittenti di moneta elettronica emettono moneta elettronica al valore nominale al ricevimento dei fondi.
(2) Su richiesta del detentore di moneta elettronica, gli emittenti di moneta elettronica rimborsano in qualsiasi momento e per valore nominale il valore monetario della moneta elettronica detenuta.
(3) Il contratto tra l’emittente e il detentore di moneta elettronica indica chiaramente ed esplicitamente le condizioni del rimborso, tra cui tutte le spese connesse come detentore di moneta elettronica fornisce informazioni su tali condizioni prima di essere vincolato dal contratto o da un’offerta .
(4) Una commissione di rimborso può essere addebitata solo se questo è indicato nel contratto in conformità con il par. 3 e se almeno una delle seguenti condizioni è soddisfatta:
1. dove il rimborso è richiesto prima della scadenza del contratto;
2. se il contratto prevede una data di scadenza e il detentore di moneta elettronica ha risolto il contratto prima di tale data;
3. se il rimborso è richiesto più di un anno dopo la data di scadenza del contratto.
(5) La commissione di cui al par. 4 è proporzionato e proporzionato ai costi effettivi sostenuti dall’emittente di moneta elettronica.
(6) Qualora il rimborso sia richiesto prima della scadenza del contratto, il detentore di moneta elettronica potrà chiedere il rimborso della moneta elettronica o l’intero importo.
(7) Se il rimborso è richiesto dal detentore di moneta elettronica alla data di scadenza del contratto o fino a un anno successivo, la società di moneta elettronica deve:
1. riscatta l’intero valore della moneta elettronica detenuta, o
2. riacquistare tutti i fondi richiesti dal titolare del denaro elettronico se la società di moneta elettronica svolge un’altra attività ai sensi dell’Art. 77e, para. 1, articolo 5 e la quota di fondi destinati ad essere utilizzati come moneta elettronica non è nota in anticipo.
(8) Nonostante le disposizioni del par. 5, 6 e 7 i diritti di riscatto di diversi Enti di utenti che accettano i pagamenti con moneta elettronica sono disciplinate dal contratto tra l’emittente di moneta elettronica e quella persona.

Sezione II.  Licenze (Nuovo, SG n. 101/2010, entrata in vigore il 30.04.2011)

Società di moneta elettronica
Art. 76. (modifica -. SG 101 del 2010, con efficacia 30.04.2011.) (1) un istituto di moneta elettronica è una persona giuridica, che abbia ottenuto l’autorizzazione a emettere moneta elettronica ai sensi della presente sezione .
(2) La moneta elettronica è valore monetario memorizzato elettronicamente, compresa la forma magneticamente, che è un credito nei confronti dell’emittente emesso dietro ricezione di fondi al fine di effettuare operazioni di pagamento ed è accettata da una persona fisica o giuridica diversa dall’emittente di moneta elettronica .
(3) Una persona che intenda emettere moneta elettronica come istituto di moneta elettronica deve ottenere una licenza per operare come istituto di moneta elettronica prima di emettere moneta elettronica.
Condizioni per l’emissione, il rifiuto di emettere, il ritiro della licenza e la cessazione dell’attività
Art. 77. (modifica -. SG 101 del 2010, con efficacia 30.04.2011.) (1) La Banca nazionale bulgara rilascia una licenza per condurre gli affari come moneta elettronica quando la sede del richiedente è nella Repubblica Bulgaria. Banca nazionale di Bulgaria ottiene una licenza se il richiedente ha presentato tutte le informazioni ei documenti richiesti in conformità con i requisiti della presente legge e regolamenti di attuazione, e se a giudizio del BNB richiedente può beneficiare di una licenza.
(2) Le condizioni di emissione, rifiuto di rilascio, ritiro della licenza e cessazione dell’attività sono regolate dalle disposizioni dell’art. 10 – 17 .
(3) La Banca nazionale bulgara emanerà un’ordinanza sull’applicazione del presente articolo.

Capitale iniziale
Art. 77a. (Nuovo, SG n. 101/2010, entrata in vigore il 30.04.2011) (1) Al momento del ricevimento della licenza, la società di moneta elettronica deve disporre di un capitale iniziale di almeno 700 000 Lev.

(2) Le posizioni incluse nel capitale iniziale sono determinate dall’ordinanza di cui all’art. 77, par. 3 .
Capitale proprio
Art. 77b. (Nuovo – SG 101/10, in vigore dal 30.04.2011) (1) I fondi propri di una società di moneta elettronica non possono scendere al di sotto del maggiore dei valori specificati nel par. 2-6 o all’art. 77a.
(2) Per quanto riguarda le attività di cui all’art. 77e, para. 1, punto 1 , che non sono legati all’emissione di moneta elettronica, i requisiti per il capitale azionario della società di moneta elettronica sono calcolati in conformità con l’ art. 9, par. 1 e 2 .
(3) Per quanto riguarda l’attività di emissione di moneta elettronica, l’ammontare del capitale della società di moneta elettronica deve ammontare al 2 per cento del valore medio della moneta elettronica in circolazione.
(4) Nella media moneta elettronica in circolazione, la media delle passività finanziarie complessive connesse alla moneta elettronica in circolazione alla fine di ogni giorno di calendario nel corso degli ultimi sei mesi di calendario, calcolato il primo giorno di calendario di ogni mese civile e applicato per lo stesso mese di calendario.
(5) La società di moneta elettronica dispone in qualsiasi momento di un capitale proprio che non può scendere al di sotto della somma degli importi richiesti di cui al paragrafo 2 e 3.
(6) Sulla base di una valutazione dei processi di gestione del rischio basata su dati di perdita e meccanismi di controllo interno della società di moneta elettronica, la BNB può richiedere alla società di moneta elettronica di disporre di un proprio capitale che superi il fino al 20 per cento dell’importo che si ottiene nel determinare l’importo di cui all’art. 9, par. 1 e 2 o per consentire alla società di moneta elettronica di avere il proprio capitale, che è fino al 20 per cento in meno rispetto alla somma che si ottiene nel determinare l’importo di cui all’art. 9, par. 1 e 2 .
(7) La struttura e gli elementi, modi e metodi di calcolo, tempistica, la forma e il contenuto delle relazioni sulla quantità di capitale è determinato dalla BNB decreto.

Sezione III. Requisiti per l’attività (Nuovo, SG n. 101/2010, entrata in vigore il 30.04.2011)

Divieto di prendere depositi e addebitare interessi
Art. 77C. (Nuova – SG 101 del 2010, con efficacia 30.04.2011.) (1) un istituto di moneta elettronica non può accettare depositi o altri fondi rimborsabili ai sensi della legge sugli enti creditizi .

(2) I fondi ricevuti da una società di moneta elettronica da un detentore di moneta elettronica saranno immediatamente scambiati con moneta elettronica. Questi fondi non sono un deposito o altri fondi rimborsabili ai sensi della legge sugli istituti di credito .
(3) Una società di moneta elettronica non può addebitare interessi o fornire altri benefici relativi alla durata del periodo per il quale il detentore di moneta elettronica detiene la moneta elettronica.
(4) Il contabile e il revisore contabile di un istituto di moneta elettronica sono soggetti all’art. 22 , 23 e art. 24, par. 1 .

Misure protettive
Art. 77d. (Nuovo, SG n. 101/2010, entrata in vigore il 30.04.2011) (1) Una società di moneta elettronica si applica, per i fondi ricevuti in cambio di moneta elettronica emessa, alle misure di protezione di cui all’art. 21 .

(2) I fondi ricevuti sotto forma di pagamento con uno strumento di pagamento non sono soggetti alle misure protettive di cui al par. 1 fino a quando non sono accreditati sul conto di pagamento della società di moneta elettronica o altrimenti resi disponibili alla società di moneta elettronica in conformità con i requisiti per il periodo di esecuzione di cui all’art. 64, par. 2 . In ogni caso, questi fondi sono soggetti a misure di salvaguardia entro e non oltre 5 giorni lavorativi dall’emissione della moneta elettronica.
(3) La società di moneta elettronica informa anticipatamente la BNB di qualsiasi modifica sostanziale delle misure adottate per proteggere i fondi ricevuti in cambio della moneta elettronica emessa.

 

Attività aggiuntive
Art. 77d. (Nuovo, SG n. 101/2010, entrata in vigore il 30.04.2011) (1) Oltre all’emissione di moneta elettronica, l’istituto di moneta elettronica ha il diritto di svolgere le seguenti attività:

1. prestazione di servizi di pagamento di cui all’art. 4 ;
2. prestazione di crediti relativi ai servizi di pagamento di cui all’art. 4, punto 4, 5 o 7 , quando le condizioni previste dall’art. 19 ;
3. fornitura di servizi operativi e servizi accessori strettamente connessi in relazione all’emissione di moneta elettronica o alla fornitura dei servizi di pagamento di cui al paragrafo 1;
4. Svolgere attività di un operatore di sistema di pagamento ad eccezione dei sistemi di pagamento, fornendo definitivo del regolamento nei direttiva 98/26 / CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 19 maggio 1998 concernente il carattere definitivo nei sistemi di pagamento e regolamento dei titoli, come modificato dalla direttiva 2009/44 / CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 6 maggio 2009, fatte salve le disposizioni di cui all’art. 85 e 86 ;
5. altra attività in conformità con i requisiti normativi per le sue prestazioni.
(2) Il credito di cui al par. 1, il punto 2 non può essere fornito da fondi ricevuti in cambio di moneta elettronica e detenuti ai sensi dell’art. 77c .
(3) Per quanto riguarda i fondi ricevuti per la prestazione di servizi di pagamento di cui all’art. 4 , al di fuori dell’attività di emissione di moneta elettronica, art. 20 e 21 .

(4) Qualora un moneta elettronica diverse dall’emissione di moneta elettronica e la prestazione di servizi di pagamento eseguito e altre attività commerciali, la Banca nazionale può richiedere un’entità separata dell’attività di emissione di moneta elettronica e / o la fornitura di servizi di pagamento, se discrezione della BNB, l’altra attività influisce o può influenzare la stabilità finanziaria della società di moneta elettronica o la capacità della BNB come supervisore di monitorare l’adempimento dei requisiti della presente legge.

 

Rappresentanti, filiali e subappaltatori
Art. 77F. (Nuovo, SG n. 101/2010, entrata in vigore il 30.04.2011) (1) Una società di moneta elettronica non può emettere moneta elettronica tramite rappresentanti.

(2) Una società di moneta elettronica può distribuire e riacquistare denaro elettronico attraverso agenti rappresentativi che agiscono per suo conto.
(3) Per i rappresentanti e le filiali di una società di moneta elettronica, l’ art. 25, par. 2-5 , art. 26 e 27, e per i subappaltatori, art. 27 e 28 .
(4) Una società di moneta elettronica può fornire servizi di pagamento tramite rappresentanti, a condizione che le condizioni di cui all’art. 25, par. 2-5 , art. 26 e 27 , o affidare l’esecuzione di funzioni operative relative ai servizi di pagamento, se le condizioni di cui all’art. 27 e 28 .
(5) Una società di moneta elettronica con licenza nella Repubblica di Bulgaria può svolgere attività direttamente o attraverso una succursale nel territorio di un altro Stato membro secondo la procedura di cui all’art. 29 . Una società di moneta elettronica titolare di una licenza in un altro Stato membro può svolgere attività direttamente o attraverso una succursale nel territorio della Repubblica di Bulgaria mediante l’ordine di cui all’art. 30 .
(6) Una società di moneta elettronica autorizzata nella Repubblica di Bulgaria può distribuire e riacquistare moneta elettronica nel territorio di un altro Stato membro tramite un rappresentante ai sensi della procedura di cui all’art. 29 . Una società di moneta elettronica autorizzata in un altro Stato membro può distribuire e riacquistare moneta elettronica sul territorio della Repubblica di Bulgaria attraverso un rappresentante di cui all’art. 30 .
(7) Una società di moneta elettronica autorizzata nella Repubblica di Bulgaria può fornire servizi di pagamento nel territorio di un altro Stato membro tramite un rappresentante ai sensi dell’art. 29 . Una società di moneta elettronica autorizzata in un altro Stato membro può fornire servizi di pagamento sul territorio della Repubblica di Bulgaria tramite un rappresentante di cui all’art. 30 .

Partecipazione qualificata
Art. 77zh. (Nuovo, SG n. 101/2010, entrata in vigore il 30.04.2011) (1) Una persona fisica o giuridica, nonché le persone che agiscono di concerto, non possono acquisire direttamente o indirettamente azioni senza la previa approvazione della BNB o destra ad alta voce in azioni / quote di un istituto di moneta elettronica autorizzato in Repubblica di Bulgaria, se la partecipazione di acquisizione diventa qualificato o se la partecipazione raggiunge o supera le soglie del 20, 30 o 50 per cento delle azioni / quote o il diritto di voto sulle azioni / azioni, così come quando diventa la società di moneta elettronica una filiale.

(2) Ogni persona fisica o giuridica che intende trasferire, direttamente o indirettamente, una partecipazione qualificata in un istituto di moneta elettronica autorizzato in Repubblica di Bulgaria, o per diminuire la propria partecipazione qualificata in modo che le azioni / quote di lui o destra ad alta voce le azioni scendono rispettivamente al di sotto del 20, 30 o 50% del capitale, informa la BNB dell’importo della sua partecipazione detenuta prima del trasferimento e dell’importo della quota che deterrà dopo il trasferimento.
(3) Nei casi di cui al par. 1 o 2 si applicano rispettivamente all’Art. 28 , 28a , 28b , 31 , 32 e 34 del Credit Institutions Act .
(4) Se l’approvazione ai sensi del par. 1 non è richiesto a tempo debito o è negato, la BNB può privare temporaneamente un azionista / azionista e / o istruirlo / a per iscritto a trasferire le azioni detenute da lui / lei entro 30 giorni.
(5) Nel caso in cui azionisti / partner siano temporaneamente privati ​​dei diritti di voto dall’ordine del par. 4, l’ammontare delle azioni da loro detenute non sarà preso in considerazione nel calcolo del quorum necessario per l’assemblea generale degli azionisti / azionisti e per prendere una decisione da tale riunione. In questi casi, se v’è un pericolo per l’affidabilità o la sicurezza della gestione della società per la moneta elettronica Banca nazionale può limitare le attività della società, come non voglia lui di svolgere determinate attività o di vietare il pagamento di dividendi o altre forme di allocazione del capitale.
No TweetBacks yet. (Be the first to Tweet this post)